Articolo
03 giu 2019

A Catania si rivede lo Street Control: 5 mila multe elevate contro la sosta selvaggia

di Amedeo Paladino

In un nostro recente articolo definivamo Catania il "regno dell'impunità" in tema di rispetto delle norme del Codice della Strada: una definizione confermata dall'esperienza quotidiana delle sistematiche infrazioni che puntualmente rimangono non sanzionate, prime tra tutte la sosta selvaggia e l’accesso indiscriminato nelle zone a traffico limitato e persino nelle aree pedonali. Anche i dati forniti dal Comando di Polizia Municipale avvalorano questa tesi, nel 2018 sono state 36 mila in meno le infrazioni al C.d.S. accertate dalla Polizia Municipale rispetto all'anno precedente (114.362 nel 2017, 78.240 nel 2018). In una nota il Comune di Catania ha reso noto che nel mese di maggio sono state rilevate e sanzionate oltre cinquemila infrazioni tramite l'utilizzo dello Street Controll: un dispositivo  in grado accertare violazione ed elevare multe attraverso una telecamera mobile montata sulle macchine di servizio, attivo a Catania dal mese di novembre 2015. Nel mirino soprattutto il fenomeno della sosta selvaggia: i verbali di contravvenzione nei prossimi giorni saranno recapitati a chi, non avendo trovato il contrassegno di verbalizzazione nel parabrezza, credeva di averla fatta franca nonostante la sosta irregolare, sul marciapiede o in doppia fila, facendo intralcio alla circolazione e comunque in modo difforme alla segnaletica stradale. A queste infrazioni rilevate con la telecamera mobile montata su una macchina di servizio, va aggiunto un altro considerevole numero di verbali rilevato direttamente dai vigili, ancora non precisabile, ma sicuramente consistente, che ha determinato un incremento di almeno il 30% dei verbali rispetto al 2018. Un'inversione di tendenza, quindi, rispetto all'anno scorso, alla luce della limitatezza dell’organico del Corpo dei Vigili Urbani. “Seguendo una direttiva impartita dal sindaco Pogliese di incentivare il rispetto delle regole - ha spiegato l’assessore alla Polizia Locale Alessandro Porto - seppur con il ridottissimo personale disponibile, sono state incrementate le azioni di presidio territoriale quale misura di prevenzione e repressione dell’indisciplina degli automobilisti purtroppo molto diffusa. Alcune cattive abitudini -ha aggiunto Porto- sono molto difficili da contrastare con un Corpo ridotto numericamente all’osso. Per questa ragione, stiamo intensificando l’utilizzo delle street control, per punire chi contravviene al codice della strada, creando intralcio ai pedoni e al traffico veicolare. Lanciamo un altro appello agli automobilisti, a essere rispettosi del codice della strada per evitare di essere verbalizzati; talvolta basta solo un piccolo accorgimento come percorrere a piedi qualche decina di metri per lasciare l’auto regolarmente, oppure, meglio ancora, lasciarla negli ampi parcheggi scambiatori di Nesima o via Due Obelischi, ma anche in quello dell’Amt di via Plebiscito e utilizzare bus e metro per recarsi in centro”. L’assessore Porto, ha anche reso noto che dai report dei verbali elevati dal Corpo della Polizia Municipale, inoltre, emerge un incremento delle attività di contrasto al fenomeno dei lavavetri ai semafori, dell’abusivismo dei parcheggiatori irregolari e di quello commerciale, operato dal reparto annona, mediante frequenti azioni mirate da cui sono scaturite denunzie penali e amministrative e l’irrogazione di decine di verbali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mag 2019

Viale Alcide De Gasperi, lavori per aprire il collegamento con Via San Giovanni li Cuti

di Mobilita Catania

Sono stati avviati i lavori di sistemazione e completamento di un'area apparentemente già ultimata da tempo, ma rimasta interdetta al traffico, all'incrocio tra Via San Giovanni li Cuti (nel tratto a monte del Lungomare) e Viale Alcide De Gasperi, nel suo tratto iniziale prossimo a Piazza Europa. A lavori ultimati, il cui termine è previsto entro giugno, sarà possibile percorrere il giro dell'isolato interessato, attualmente caratterizzato dalla mancanza di sbocco nella parte nordorientale del tratto di viale Alcide De Gasperi e nella via San Giovanni li Cuti, cui si accede da via del Ponte attraverso via Parramuto. Un intervento che non avrà conseguenze sulla viabilità primaria della zona ma che certamente agevolerà i residenti e i commercianti della zona. Non si tratta, dunque, dell'avvio dei lavori per il completamento dell'asse viario Europa-Rotolo, il cui appalto deve ancora essere bandito. Gli interventi di ripristino del percorso stradale rientrano nell’ambito dei lavori di costruzione della sottostante galleria ferroviaria, complementari al raddoppio dei binari tra la stazione di Catania Centrale e quella di Ognina, già completati da anni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mag 2019

Bus turistici nel parcheggio AMT Fontanarossa: verso l’accoglimento la proposta della Terza Commissione Consiliare

di Mobilita Catania

Utilizzare il parcheggio scambiatore Fontanarossa per la sosta dei numerosi bus dei tour operator: è questa la proposta dalla Terza Commissione Consiliare Permanente “Mobilità e Trasporti” del Comune di Catania presieduta da consigliere Bartolo Curia nel corso di una seduta alla quale hanno partecipato l’assessore alla Mobilità Giuseppe Arcidiacono e il presidente dell’Azienda Metropolitana Trasporti, Giacomo Bellavia. L’intento è quello di non far transitare i bus turistici per le vie cittadine, eliminando congestione e sosta selvaggia in snodi stradali ritenuti di importanza fondamentale per il traffico veicolare: piazza Borsellino, via Cardinale Dusmet, via VI Aprile, Stazione Centrale, Viale Africa. L’assessore Arcidiacono, ha accolto positivamente  la proposta del Presidente Curia e della Commissione e si è impegnato  a portare avanti a nome dell’Amministrazione il progetto di un parcheggio scambiatore che accolga i numerosi bus dei tour operator che oggi  affollano la città. Anche il presidente dell’AMT Giacomo Bellavia ha giudicato favorevolmente l’iniziativa viste le potenzialità del parcheggio scambiatore e si è dichiarato d’accordo sulla possibilità di utilizzare  navette di collegamento per il centro città.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 mag 2019

Catania e Acireale: 53 milioni per programmi di mobilità sostenibile, servizi digitali e inclusione sociale

di Mobilita Catania

Cinquantatre milioni e mezzo di fondi europei afferenti al programma comunitario Po Fesr 2014-2020 assegnati alle città di Catania e Acireale per investimenti territoriali integrati (Iti) nello sviluppo di progetti di crescita urbana sostenibile. L'attività di coalizione tra le due città, che ha portato al finanziamento e alla definizione della fase operativa dei progetti dell'Agenda urbana europea, è stata illustrata nella sala giunta di Palazzo degli Elefanti dal sindaco di Catania, Salvo Pogliese, e dal primo cittadino di Acireale, Stefano Alì. Erano presenti gli assessori del comune di Catania alle Politiche comunitarie, Sergio Parisi, ai Lavori Pubblici, Pippo Arcidiacono, alle attività Culturali, Barbara Mirabella e, per il comune di Acireale, l'assessore Carmelo Grasso, rappresentanti degli ordini professionali degli architetti e degli ingegneri oltre a dirigenti e funzionari preposti dei due enti, a partire dall'ingegnere Fabio Finocchiaro che guida lo staff dell’Autorità Urbana di Catania. La strategia di coalizione Catania e Acireale, proposta dalla Regione Siciliana sulla base del regolamento europeo per i fondi di sviluppo regionale, è stata varata dalla giunta Pogliese il 13 dicembre 2018, mentre il sistema di gestione centrale, propedeutico alla fase operativa, è stato deliberato lo scorso 19 marzo. Nei prossimi giorni l'Iti firmerà la convenzione con la Regione siciliana per l'avvio dei progetti, che utilizzeranno fondi Fesr e Fse. L’obiettivo principale dell'iniziativa riguarda la modernizzazione dei servizi a favore dei cittadini, al fine di rendere i due centri maggiormente attrattivi, innovativi, ma anche accoglienti e attenti al disagio sociale. Le due amministrazioni comunali hanno scelto di investire i circa 53,5 milioni di euro, dei quali 42.013.331 euro assegnati a Catania e 11.470.180 euro ad Acireale, nei seguenti ambiti: Servizi digitali (Catania), Efficientamento energetico e mobilità sostenibile (Catania-Acireale), Tutela e valorizzazione del patrimonio culturale (Catania), Inclusione sociale (Catania-Acireale). “Abbiamo unito- ha detto Pogliese- le nostre energie e il nostro impegno a favore di un progetto di grande valenza che porterà importanti benefici per i cittadini. Tra i settori coinvolti ci sono la mobilità, con la realizzazione della pista ciclabile sino ad Aci Castello e quindi Acireale, l'acquisto di nuovi autobus possibilmente elettrici, la digitalizzazione dei servizi, attività di inclusione sociale e di tutela del patrimonio culturale. Due amministrazioni comunali che lavorano nell’interesse comune di offrire migliori servizi ai cittadini del territorio”. “Ringrazio il sindaco Pogliese- ha detto Alì- per aver organizzato un incontro congiunto a conferma della stretta sinergia che si è venuta a creare tra le nostre amministrazioni. Il tema della collaborazione è fondamentale per raggiungere obiettivi importanti, soprattutto in campi come quello della mobilità che consentirà di avvicinare ancora di più le città di Acireale e Catania”. “Dietro a tutto questo- ha affermato l’assessore alle politiche comunitarie di Catania Sergio Parisi- c’è un grande lavoro di squadra da parte dello staff che si occupa dei finanziamenti comunitari, tra l’altro effettuato in specifici e complessi settori, quali sono quelli dei fondi europei e strutturali. Ottenuto il finanziamento, adesso si passa alla fase d’attuazione dell’Agenda Urbana con la concreta realizzazione dei progetti”. “Questo dell'Agenda urbana- ha detto l’assessore ai fondi europei del comune di Acireale Carmelo Grasso- è un progetto straordinario, che ha la capacità di concretizzare la realtà dell'area metropolitana e di connettere i territori che hanno così la possibilità di utilizzare uno strumento eccezionale per entrare in relazione e lavorare proficuamente”. Questi i piani di intervento che interessano Catania, elaborati seguendo le linee strategiche determinate dall'Unione europea: Agenda digitale: software per la realizzazione di rete in back-office delle direzioni dell'Ente, accesso a banche dati pubbliche nazionali (WiFi); Mobilità ed efficientamento energetico: efficientamento di edifici comunali, interventi in prossimità delle piste ciclabili, collegamenti intermodali, acquisto bus, realizzazione di automazione per integrazione biglietti mezzi pubblici (Amt/Metro), pista ciclabile Ognina. Acireale (Catania fino ad Aci Castello), Infrastrutture di contorno ed integrazione rete interna ciclabile; Tutela e valorizzazione delle risorse naturali e turistico-culturali: nuovi sistemi di fruizione dei siti culturali e percorsi culturali attraverso la digitalizzazione; Inclusione sociale: ristrutturazione alloggi popolari esistenti, servizi per l'inclusione sociale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 mag 2019

Completati i lavori in via Dusmet per agevolare l’ingresso del parcheggio AMT

di Mobilita Catania

Sono stati completati in appena tre giorni, come annunciato, i lavori di allargamento di via Cardinale Dusmet, in corrispondenza dell’ingresso del parcheggio AMT di piazza Paolo Borsellino, che hanno visto la realizzazione di una nuova corsia per fare meglio scorrere il traffico veicolare in transito verso la stessa piazza e via Domenico Tempio. Con questo accorgimento è stato notevolmente migliorato il sistema di circolazione che prima dell’effettuazione degli interventi risultava spesso rallentato a causa della ridotta larghezza della strada contigua alla corsia di accesso dell’area di sosta. I lavori di realizzazione di una corsia aggiuntiva, disposti dal sindaco Salvo Pogliese e diretti dal capo di gabinetto Giuseppe Ferraro, sono stati realizzati da operatori del Comune e della Multiservizi, con doppi turni di lavoro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 mag 2019

Via Umberto, domenica si sperimenta la chiusura al traffico in occasione dell’Umbertata

di Amedeo Paladino

Per ora saranno poche ore, ma l'occasione si potrebbe rivelare un banco di prova per rendere pedonale un ampio tratto di via Umberto, nel centro storico di Catania. È stata infatti disposta, in occasione della manifestazione Umbertata 2019 promossa dalla parrocchia Crocifisso dei Miracoli, la chiusura al traffico della via Umberto da piazza Ettore Majorana a via Etnea, domenica 19 maggio, dalle ore 9 alle ore 20. Oltre alla stessa piazza che ospita l’Umbertata 2019, è stata decisa la chiusura al traffico anche di via Fiamingo, nel tratto da Via Umberto a Via Enrico Pantano. Per le auto provenienti da via Guglielmo Oberdan, Grotte Bianche, via Ferdinando Agnini e via Rosalia Zaccà sono stati interdetti alla circolazione viaria gli attraversamenti di via Umberto. A partire dalle ore 7:00 alle ore 20:00, nel tratto di via Umberto chiuso alla circolazione stradale, inoltre, è istituito il divieto di sosta con rimozione coatta, per tutti i veicoli. Negli scorsi mesi ha riscosso grande riscontro e quasi 2 mila consensi una petizione per la chiusura al traffico del tratto di via Umberto, compreso tra piazza Ettore Majorana a via Etnea; un dibattito che ha accesso l'opinione pubblica è che stato spunto di riflessione per parlare, più in generale, della situazione delle Zone a Traffico Limitato e delle aree pedonali in città. Ti potrebbero interessare: La galleria degli orrori della sosta selvaggia: Catania regno di impunità Micro aree pedonali immediatamente realizzabili: una grande opportunità per migliorare la qualità del centro Via Crociferi: area pedonale con parcheggiatore abusivo Centro storico, una parte di piazza san Francesco d’Assisi diventa pedonale: un intervento dall’alto significato simbolico Piazza Lupo, perché un parcheggio interrato può accontentare tutti Si inaugura la nuova area di sosta di piazza Borsellino, via Dusmet diventa pedonale Mai più piazze ridotte a parcheggi: a proposito della vicenda “Trattoria del Cavaliere”

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 mag 2019

Tangenziale di Catania paralizzata a causa dei lavori, la nota chiarificatrice di ANAS

di Amedeo Paladino

Questa mattina, sulla Tangenziale Ovest di Catania, si sono verificati rallentamenti con code a causa del protrarsi dei lavori notturni di pavimentazione nel tratto compreso tra il km 11,400 e il km 12,600, tra gli svincoli di Misterbianco e di San Giorgio. Un problema tecnico occorso alla macchina finitrice ha infatti comportato una momentanea interruzione dei lavori, il cui termine era previsto alle ore 6:00, causando code e rallentamenti per tutta la mattina. L'Anas, in riferimento ai disagi di stamattina, ha emesso la seguente nota: I lavori di rifacimento della pavimentazione lungo la Tangenziale Ovest di Catania vengono eseguiti esclusivamente in orario notturno, in considerazione degli elevati volumi di traffico. Tali lavori sono in corso da circa due mesi e, fino ad oggi, non avevano mai creato disagi alla circolazione. Ieri sera le lavorazioni sono iniziate alle ore 21 con la fresatura tra il km 11 e il km 11,800, in direzione Siracusa: tale attività è stata completata alle ore 1:30. Successivamente si è proceduto alla stesa del conglomerato, ma alle ore 3 circa si è verificato un guasto alla finitrice. Nonostante l'intervento immediato dei manutentori la ripresa delle attività è avvenuta alle ore 5. La stesa del nuovo conglomerato - di tipo drenante - è stata completata alle 8:15 e alle ore 9, trascorsi i tempi tecnici previsti per la maturazione del conglomerato, è stata ripristinata la normale circolazione sull'intera carreggiata. Anas ha emesso formale contestazione all'appaltatore per il disservizio causato agli utenti, al fine di valutare eventuali provvedimenti sanzionatori.  

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti