Articolo
27 nov 2019

Il Metrobus Christmas funziona solo ampliando ZTL e aree pedonali

di Mobilita Catania

Finalmente una card unica per il trasposto pubblico. Il circolo Legambiente di Catania plaude all’iniziativa promossa da AMT ed FCE che prevede la possibilità di viaggiare per un mese, in occasione delle festività natalizia, su bus e metropolitana con la Christmas Card dal costo di 15 euro. «E’ una iniziativa che aspettavamo da tempo – afferma la presidente del circolo di Legambiente Catania, Viola Sorbello - e che va nelle giusta direzione di incentivare l’uso del trasporto pubblico integrato e lasciare l’auto a casa o nei parcheggi scambiatori. Un altro tassello sulla strada della mobilità sostenibile, non certo “inventato” a Catania, ma senz’altro atteso da tempo. Ci auguriamo adesso che questa “sperimentazione” possa avere applicazione anche in tutti gli altri periodi dell’anno». Il Metrobus Christmas è una «goccia nel deserto della mobilità sostenibile catanese – aggiunge Legambiente– che adesso non va vanificata. Per questo chiediamo all’amministrazione comunale ed in particolare all’assessore alla Mobilità, Giuseppe Arcidiacono e a quello alle Attività Produttive, Ludovico Balsamo, di attuare politiche effettive di disincentivo all’ingresso e all’uso delle auto in città per rendere efficace lo sforzo delle aziende del trasporto pubblico locale. Siamo un po’ preoccupati, infatti, sul permissivismo e il lassismo in tema di sosta selvaggia e violazione di Ztl ed aree pedonali che già viviamo durante tutto l’anno e che nel periodo natalizio, senza una seria e forte azione di contrasto, rischia di trasformare il centro città in un caos di automobili dannoso sia per il commercio che per la possibilitá di fruire in serenità, da parte di cittadini e turisti degli eventi programmati per le festivitá natalizie. É risaputo come l'incentivazione del trasporto pubblico senza la contemporanea adozione di misure di disincentivazione del trasporto privato rischiano di non produrre gli effetti sperati ». Legambiente ricorda che «serve una seria politica di creazione di Ztl, tema su cui possiamo prendere l’esempio anche da Palermo, dove l’Amministrazione comunale difende con forza le scelte anche sulle zone a traffico limitato notturne. Serve il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, utile anche per progettare una rete di piste ciclabili inserite dentro un contesto integrato. Insomma, la Christmas Card va nella giusta direzione, ma sul fronte della mobilità sostenibile c’è ancora tanto da fare per far sì che Catania perda il triste primato dell’uso dell’auto privata». Ti potrebbe interessare: Il centro di Catania è più comodo ed economico da raggiungere in bus e metro: arriva il Metrobus Christmas  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
22 nov 2019

Catania attende la Linea B della metropolitana: l’infrastruttura c’è, ma non il servizio

di Mobilita Catania

Nel recente incontro organizzato da CittàInsieme e Mobilita Catania è stato tracciato il futuro della mobilità di Catania, insieme con i responsabili istituzionali a vario titolo coinvolti sull’argomento. Pubblichiamo il secondo approfondimento sugli spunti emersi durante il dibattito. Catania è attanagliata dal traffico e il veicolo privato rimane la prima scelta per muoversi nell’area metropolitana da parte dei cittadini tanto del capoluogo come del suo hinterland, soprattutto per la mancanza di valide alternative attraverso mezzi pubblici. Se sulla dorsale centro-periferia nordoccidentale, da quasi tre anni, esiste l’ottimo servizio della metropolitana, che non a caso registra una crescita costante di utenza (si viaggia verso i 7 milioni di passeggeri nel 2019), lo stesso non può dirsi per le altre direttrici di accesso, attraversamento e uscita dalla città. In realtà esiste già una seconda linea ferrata che può offrire un servizio di tipo metropolitano lungo tutta la fascia orientale ed è rappresentata dal passante ferroviario di Catania. Questa infrastruttura nasce sul tracciato ferroviario già esistente, lungo l'asse Messina-Siracusa, seguendo in buona parte (soprattutto nel tracciato a nord della stazione centrale di Catania) la linea della costa jonica. Il progetto, dopo le molteplici approvazioni, entrò in fase attuativa in sordina, con lavori portati avanti e conclusi con estrema lentezza. La consegna della tratta Catania Ognina-Catania Centrale, infatti, completa delle nuove fermate e a doppio binario (dove, invece, il binario era unico), era prevista inizialmente per fine 2009, fu successivamente rinviata alla fine del 2012 e ulteriori rallentamenti ne impedirono l’ultimazione ancora per diversi anni. Finalmente, solo tra i mesi di giugno 2017 e dicembre 2018 è avvenuta l’attivazione del doppio binario sul tratto Ognina-Catania Centrale e sono state aperte al pubblico le nuove fermate ferroviarie urbane di Europa, Picanello e Ognina. Questo significa che Catania, già da parecchi mesi, dispone di una linea ferroviaria costiera così strutturata, nell’area metropolitana compresa tra Acireale e Lentini: Acireale Cannizzaro Catania Ognina Catania Picanello Catania Europa Catania Centrale Catania Acquicella Catania Aeroporto (in fase di realizzazione) Bicocca - Zona Industriale  Lentini Tra le stazioni citate, figura l'attesa nuova fermata di Fontanarossa, al servizio dell'aeroporto internazionale di Catania, alla quale abbiamo dedicato un approfondimento legato alla scelta della localizzazione, attualmente nelle immediate vicinanze del nucleo aeromobili della Guardia Costiera, a nord dell’aeroporto, e non all'interno del grande parcheggio scambiatore “Fontanarossa”, dove si integrerebbe fisicamente con la futura stazione della metropolitana "Santa Maria Goretti" che qui sarà realizzata. Tra un paio d'anni, inoltre, potrà aggiungersi anche la nuova fermata Acireale Cappuccini, a nord dell'attuale, verosimilmente destinata a maggior successo rispetto all'unica stazione oggi presente nella cittadina dei cento campanili, poiché sorgerà in centro, a differenza dell'altra situata perifericamente. È evidente, quindi, l’enorme potenzialità di questa linea che, con le sue diverse fermate in ambito urbano, può offrire un servizio anche di tipo metropolitano oltre che per il trasporto regionale, come già avviene in altre grandi città italiane come Palermo, Napoli e Roma, ad esempio. Qui, però, casca l’asino: il servizio metropolitano, infatti, a Catania non c’è. I treni che fermano presso tutte le fermate sopra riportate sono unicamente treni regionali in servizio lungo la tratta Messina-Siracusa, che non offrono certamente né frequenze né tariffe adatte al trasporto metropolitano. Non solo: la stazione di Catania Acquicella, a servizio di un intero popoloso rione cittadino ma anche del grande cimitero monumentale di Catania, è e rimane inopinatamente chiusa. Mentre la stazione di Bicocca, potenzialmente una delle più importanti perché a servizio della zona industriale e quindi di migliaia di lavoratori, a cui oltretutto sarebbe opportuno affiancare un servizio navetta per i vari stabilimenti industriali (su modello del riuscitissimo Metro Shuttle Milo-Santa Sofia), non solo è servita da pochi treni al giorno, ma addirittura sono solo due gli orari disponibili per chi, da o per Bicocca, volesse scendere in una stazione diversa da Catania Centrale. Ad esempio, un lavoratore di Picanello che volesse andare al lavoro alla zona industriale in treno, potrebbe farlo esclusivamente alle 5:53 e alle 07:06 del mattino, per poter effettuare lo stesso tragitto di ritorno solamente alle 07:24 e alle 17:35. Ogni altra soluzione (comunque numericamente limitatissima) comporterebbe un cambio a Catania Centrale e tempi di percorrenza dell’intero tragitto variabili tra circa mezz’ora a oltre un’ora, a fronte del poco più di un quarto d’ora che è sufficiente con un collegamento diretto. Se qualcuno trova un altro modo per raggiungere la zona industriale di Catania da Picanello (od Ognina) in così pochi minuti, anche in orario di punta, ci faccia sapere... Va meglio, ma sempre con grossi limiti, sulla tratta Catania Centrale–Catania Ognina: qui i treni che fermano in tutte le stazioni sono 18 al giorno, ma se vi sembrano molti pensate che la metropolitana di Catania effettua mediamente circa 150 corse al giorno, con servizio dalle 6:40 alle 22 (dalle 8:30 la domenica). I costi? La singola corsa dei treni del passante ferroviario nel solo ambito urbano costa 1,70 euro. Andata e ritorno, quindi, 3,40 euro (mentre il biglietto giornaliero della metro costa appena due euro) e al momento non esiste alcuna integrazione tariffaria né con Amt (linee bus urbane), né con Fce (metropolitana e bus extra urbani) né con Ast (bus extra urbani). Su questo fronte l'assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti, Marco Falcone, ha fornito rassicurazioni sui progressi dell'attività di coordinamento tra i vari gestori per giungere ad un'integrazione tariffaria, di cui si attendono gli esiti. Resta senza soluzione, al momento, il problema della frequenza del servizio che, insieme con la tariffazione, rappresenta il cuore della questione. È inoltre da rilevare che, secondo l'articolo 15 del Contratto di Servizio per il trasporto pubblico ferroviario di interesse regionale e locale (2017/2026) tra Regione Siciliana e Trenitalia, le parti "in considerazione dei lavori di potenziamento del nodo di Catania che, grazie anche alla costruzione di nuove fermate in ambito urbano, consentiranno di poter avere a disposizione una vera e propria infrastruttura ferroviaria metropolitana, si impegnano a definire il progetto orario del servizio ferroviario metropolitano (SFM) di Catania coerentemente con l’entrata in esercizio della fermata di Picanello e comunque entro sei mesi da tale termine". Ma a distanza di quasi un anno dall'apertura della fermata di Picanello, gli orari di servizio permangono gli stessi, costituendo un forte limite alle potenzialità di quella che si potrebbe definire la Linea B della metropolitana di Catania, già così chiamata nel corso di più tavoli tecnici tenutisi in città nelle scorse settimane. La Linea A, ovviamente, è quella esistente e operativa gestita dalla Ferrovia Circumetnea. L'infrastruttura, in definitiva, esiste già. Esiste, quindi, ciò che sulla carta è quanto di più complesso e oneroso ottenere, sebbene -da progetto- l'attuale passante sia completato solo per metà (cioè a nord della stazione centrale, mentre a sud il tracciato dovrebbe ancora cambiare). Manca, paradossalmente, l'aspetto più banale: il servizio di tipo metropolitano. Quanto, ancora, bisognerà attendere? La Regione Siciliana finanzia già da parecchi anni il servizio di trasporto su ferro di tipo metropolitano sul passante ferroviario di Palermo, con discreti risultati (circa 1 milione di passeggeri annui), in una città che ne ha un drammatico bisogno giacché, va ricordato, priva di metropolitana e di una tangenziale, dove solo le nuove linee tranviarie offrono un buon servizio di trasporto pubblico. Quando un analogo interessamento della Regione anche a Catania? Qui la rete ferroviaria, come nel caso di Palermo, non può limitarsi a servire utenza di tipo regionale ma deve essere di supporto alla densa area urbana e al suo hinterland metropolitano. Il bacino di utenza del passante catanese è di pari livello, potendo abbracciare anche la popolosa riviera dei ciclopi e potendosi spingere sino a Giarre-Riposto (cadenzando, nelle tratte più lontane dal capoluogo etneo, frequenze anche minori, eventualmente). Ma già limitandosi a un percorso esclusivamente di tipo urbano, la Linea B della rete metropolitana di Catania disporrebbe, da Cannizzaro a Bicocca, di circa 13 km di linea e sette fermate, otto con Fontanarossa (apertura prevista nell'estate 2020) e dieci con Acireale Sud e Acireale Cappuccini (estendendo la linea di riferimento di ulteriori 8 km circa verso nord). Mentre su 7 km di linea (Nesima-Stesicoro) e nove stazioni, anche in questo caso interamente in ambito urbano, la Linea A tocca già i 7 milioni di passeggeri, destinati ad aumentare con l'imminente apertura di Cibali, Fontana e Monte Po e la relativa, ulteriore estensione di 1,7 km (a cui aggiungere altri 1,8 chilometri, potenziali, se si riaprisse la fermata metro Porto). Provando, in conclusione, a delineare le prospettive della "rivoluzione su ferro" derivante da un netto miglioramento del servizio fornito da Trenitalia sul passante (analogo a quello offerto oggi da Fce con la linea metro, in termini di tariffe e frequenze), il sistema metropolitano su ferro di Catania potrebbe quindi, nel brevissimo termine, essere costituito da due linee con una estensione totale minima di circa 20 km e 18 stazioni. Due linee che sarebbero l'una in supporto all'altra, potendosi quindi stimare almeno 15 milioni di passeggeri annui, considerando solo la rete infrastrutturale già esistente. Un dato di partenza, quindi, che non potrebbe che migliorare in modo deciso negli anni a venire con l'estensione della Linea A (sia verso sud, sia verso Misterbianco, Paternò e Adrano), con il collegamento con l'aeroporto di Fontanarossa e con l'ampliamento del servizio del passante a realtà vicine ed importanti come Lentini, Acireale e Giarre-Riposto. Tutto così semplice e davvero a portata di mano che sembra assurdo non sia già realtà. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania Nodo intermodale di Fontanarossa: non solo aeroporto, è la città di Catania ad averne bisogno Al via i lavori della fermata ferroviaria FS a servizio dell’aeroporto di Fontanarossa Collegamento sopraelevato Fontanarossa FS-Aeroporto: un’opportunità pericolosa? Pubblicata la gara d’appalto per la tratta della metropolitana di Catania tra Stesicoro e l’aeroporto di Fontanarossa Passante Ferroviario di Catania, il nuovo percorso approvato dal Comune  

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
20 nov 2019

Da Enjoy a AMI-GO: il car-sharing di Catania verso l’avvicendamento, ma con dei limiti da superare

di Amedeo Paladino

Il car sharing sta ritornando: è l'annuncio del presidente dell'AMT Giacomo Bellavia, a margine dell'inaugurazione dei nuovi bus che andranno a ringiovanire la flotta aziendale. Dal mese di maggio 2019 Catania è orfana del servizio car-sharing fornito da Enjoy a causa del basso livello di utilizzo dei veicoli, e non da ultimo, il numero elevato di atti vandalici subito dalle 500 rosse. Il testimone è stato raccolto da AMT che grazie ad una convezione con Amat di Palermo ha sviluppato un servizio di car sharing basato sulla piattaforma AMI-GO già attiva in gran parte della Sicilia. Abbiamo già acquisito i servizi amministrativi e tecnologici da Amat Palermo Spa, -ha affermato il presidente AMT, Giacomo Bellavia-, e ringrazio il presidente Michele Cimino che ci ha portato una delle auto già in funzione Il servizio esordirà con una flotta di 50 vetture, alcune delle quali ibride elettriche, e sarà limitato al solo perimetro urbano. Sarà comunque un punto di partenza per il rilancio del servizio, con la speranza che alcuni limiti vengano presto superati: la mancanza di una vasta area ZTL, dove i veicoli del car sharing possono circolare, e il ridotto perimetro operativo di esercizio, l’area all'interno della quale è consentito prelevare e rilasciare i veicoli, senza alcuna restrizione costituiscono dei disincentivi all'utilizzo del servizio da parte dei cittadini.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 set 2019

Nuovo volo diretto Catania-Vienna operato da Lauda

di Roberto Lentini

Dal 31 marzo 2020 la compagnia aerea Lauda lancia un nuovo volo diretto Catania-Vienna con prezzi a partire da 29,99 euro. Il volo sarà disponibile fino al 24 ottobre 2020 e avrà una frequenza trisettimanale il martedì, giovedì e sabato. Ecco gli operativi del volo: CTA 09:35 → VIE 11:55 -2- VIE 07:00 → CTA 09:10 -2- CTA 08:40 → VIE 11:00 -4- VIE 06:05 → CTA 08:15 -4- CTA 08:45 → VIE 11:05 -6- VIE 06:10 → CTA 08:20 -6- L'Aeroporto di Vienna-Schwechat, conosciuto anche come Aeroporto Internazionale di Vienna è il principale scalo aereo austriaco e il 20° in Europa. Situato nei pressi della cittadina di Schwechat, nel Distretto di Wien-Umgebung, oltre a servire la città di Vienna, data la vicinanza, è scalo di riferimento anche per la capitale della Slovacchia, Bratislava. L’aeroporto è collegato con la città di Vienna attraverso il City Airport Train in soli 16 minuti. Esiste pure un autobus che collega l’aeroporto di Vienna Schwechat con la fermata Wien Morzinplatz/ Schwedenplatz della metro, nel centro città, a pochi passi dal Duomo di Vienna.  Cosa vedere a Vienna A Vienna ci sono così tante cose da vedere che si è tentati di farne la collezione. Quella che viene definita la capitale mondiale della musica, infatti, è un vero e proprio monumento al medioevo, al barocco, allo storicismo e allo stile liberty, senza contare gli splendidi esempi dell’arte più recente. Rischia di essere un record: a Vienna si contano oltre 27 castelli e più di 150 palazzi storici. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 set 2019

Linea Messina – Siracusa: traffico sospeso dalle ore 16:00 per lavori non programmati

di Mobilita Catania

Aggiornamento ore 20.20 È ripresa alle 20.20 la circolazione ferroviaria fra Lentini Diramazione e Bicocca (linea Catania – Siracusa), sospesa dalle 16 per accertamenti tecnici sulla linea. I treni in viaggio hanno registrato ritardi fino a 80 minuti, mentre due regionali sono stati cancellati e quattro limitati nel percorso e sostituiti con autobus. Aggiornamento ore 18.30 Attivati servizi sostitutivi con autobus fra Catania e Siracusa. Ancora sospesa la circolazione ferroviaria fra Lentini Diramazione e Bicocca per accertamenti tecnici sulla linea. Aggiornamento ore 16.00 Il traffico è sospeso per lavori non programmati sulla linea ferroviaria tra Bicocca e Lentini. Attivato servizio sostitutivo con bus da Catania e Siracusa. Seguono aggiornamenti. Treni cancellati: R 3857 Catania (16:38) - Siracusa (17:55) R 12810 Caltagirone (16:30) - Catania (18:04) R 12813 Catania (19:15) - Caltagirone (20:49) Treni parzialmente cancellati: IC 35729 Milano Centrale (20:10) - Siracusa (18:10): limitato a Catania (16:53) IC 721 Messina (16:00) - Siracusa (18:33): limitato a Catania (17:25) R 3840 Siracusa (16:01) - Palermo Centrale (20:36): origine da Catania (17:22) R 3872 Siracusa (17:12) - Messina (18:26): origine da Catania (18:36) R 3859 Messina (17:15) - Siracusa (18:32): limitato a Catania (18:32)

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 set 2019

Viale Vittorio Veneto, parziale passo indietro: si sposta la nuova corsia bus a salire

di Mobilita Catania

Parziale passo indietro dell'amministrazione comunale circa l'assetto del viale Vittorio Veneto con il posizionamento dei cordoli per le corsie preferenziali protette dei mezzi Amt, che tante polemiche ha causato nelle ultime settimane. Il sindaco Pogliese ha deciso di rimodulare il progetto, pur non ancora effettivamente testato con l'utilizzo delle nuove corsie. In particolare, la corsia preferenziale a salire rimarrà, ma non più centrale bensì lungo il marciapiede est, ossia dove esisteva già, sebbene non protetta da cordoli. Il Sindaco Salvo Pogliese: «La sperimentazione ci ha suggerito soluzioni diverse di cui prendiamo atto con umiltà e senza pregiudizi. Strumentalizzazioni politiche dagli stessi che non hanno attuato il Piano Generale del Traffico Urbano e della mobilità sostenibile» Il sindaco di Catania Salvo Pogliese ha presieduto ieri sera una riunione di assessori, dirigenti e tecnici comunali, per il resoconto dettagliato dei flussi di traffico viario e delle criticità emerse a seguito dell’installazione dei cordoli di protezione alla corsia del bus rapido in viale Vittorio Veneto, posizionati per collegare, in pochissimi minuti, il centro cittadino con piazza Raffaello Sanzio. Sia il comandante della Polizia Municipale che i tecnici, hanno rappresentato al sindaco le difficoltà emerse dal monitoraggio di rendere compatibile, rispetto all’obiettivo originario, la corsia protetta al centro della carreggiata e le due file laterali di sosta, col notevole traffico veicolare della zona in entrata e in uscita dalla città. Il sindaco, per questo, ha preliminarmente dato mandato a Sostare di realizzare un’area di sosta in un ampio terreno comunale in viale Gian Lorenzo Bernini, contiguo a Largo Bordighera, e di ottimizzare le sincronizzazioni semaforiche agli incroci di viale Vittorio Veneto con via Gabriele D’Annunzio e Corso Italia. Nel ribadire l’importanza e la priorità di migliorare la velocità di percorrenza degli autobus e più in generale della concreta attuazione di una viabilità sostenibile nella zona, colpevolmente trascurata negli anni scorsi, il sindaco Pogliese ha preso atto delle difficoltà squisitamente tecniche emerse nella fase di attuazione del progetto di realizzare una corsia centrale protetta, per favorire la percorrenza del bus. Alla luce di questi dati e delle numerose interlocuzioni avute coi cittadini e i rappresentanti dei commercianti, il sindaco ha dato disposizioni di provvedere allo spostamento del cordolo sul lato est di viale Vittorio Veneto in corrispondenza del marciapiede in direzione piazza Michelangelo Buonarroti, ripristinando la preesistente corsia preferenziale del bus che così potrà scorrere su una zona comunque preservata senza intralciare il traffico veicolare. In questo modo, il mezzo pubblico potrà percorrere velocemente il tratto protetto, senza le auto in sosta sulla corsia, che negli anni scorsi erano state illegalmente tollerate, penalizzando oltremodo la velocità del bus e influito negativamente sull’affidabilità oraria di percorrenza che ora, invece, potrà essere garantita. A conclusione della riunione, in cui si è stabilita anche l’immediata rimozione degli altri cordoli e della piazzola di sbarco, il sindaco Salvo Pogliese ha commentato: «Questa nuova impostazione è la concreta dimostrazione della priorità che diamo al mezzo pubblico, a prescindere dalla concreta attuazione del progetto su cui tanti in queste settimane hanno speculato, con intenti non sempre nobili e in qualche caso anche di strumentalizzazione politica delle legittime sollecitazioni dei cittadini. Abbiamo valutato, con umiltà e senza pregiudizi, i risultati di quasi un mese di sperimentazione e stimato che nel contemperamento degli interessi, fosse più opportuno rimodulare il progetto che era stato realizzato su valutazioni teoriche e, a scanso di equivoci, senza alcun costo diretto per le casse comunali. Rimaniamo fermamente convinti che Catania debba recuperare il tempo colpevolmente perduto a dare attuazione alle previsioni del Piano Generale del Traffico Urbano, di cui la realizzazione di questa linea veloce è parte integrante, rendendo vivo un documento di pianificazione approvato dal consiglio comunale nel marzo 2013 e per cinque anni intenzionalmente lasciato nei cassetti. Per questo è oltremodo scorretto che, oltre alla palese disinformazione messa in atto da taluni, nell'intento di creare tensioni e alimentare malumori, si tenti persino di rappresentare negativamente la realizzazione delle linee BRT, che incidono a livello strutturale e da realizzare con un’impostazione completamente diversa e più flessibile, rispetto a questa di viale Vitttorio Veneto che invece è solo una linea a percorrenza rapida. Catania merita altro, la nostra città necessita subito di progetti innovativi e di coraggio amministrativo. Anche per queste convinzioni, su cui non cediamo di un millimetro, riteniamo imprescindibile garantire, coi fatti, una strategia che garantisca il mezzo pubblico secondo un piano di sviluppo della mobilità che deve andare di pari passo col riordino urbanistico che stiamo attuando, recuperando il tempo perduto in passerelle, annunzi e vuote promesse che da trent'anni lasciano Catania ferma al palo» Ti potrebbero interessare: V.le Vittorio Veneto, preferenziale più larga e doppio senso per i veicoli nel secondo tratto della strada: al via i lavori Una rivoluzione per la viabilità di viale Vittorio Veneto: al via i lavori Viale Vittorio Veneto, la vergogna senza fine della corsia preferenziale invasa dalle auto Se l’autobus non passa mai è un po’ colpa nostra: il caso viale Vittorio Veneto Viale Vittorio Veneto, i commercianti: eliminare preferenziale per i bus e no street control punitivo  

Leggi tutto    Commenti 8
Articolo
31 ago 2019

Il documento dei “sogni” delle opere regionali in fase di attuazione a Catania

di Mobilita Catania

Ieri, l’assessore regionale Marco Falcone ha convocato, presso il palazzo della Regione di Catania, sindacati e associazioni per fare il punto della situazione degli investimenti che il governo Musumeci ha disposto e quelli previsti nei prossimi mesi. Si tratta di opere importanti per lo sviluppo dell'area metropolitana catanese che riguardano principalmente i lavori di RFI,  Anas e Circumetnea, riqualificazione urbana, investimenti sulla portualità e case popolari. Entro novembre dovrebbe partire anche il progetto di riqualificazione urbana in via Sabato Martelli Castaldi, con un investimento di sedici milioni di euro, che prevede la riqualificazione di 8000 metri quadrati di spazio verde con la realizzazione di 114 alloggi. Tra le opere elencate manca la superstrada Catania-Ragusa: «Su questa vicenda siamo in attesa che il governo nazionale ritorni in carica e dopo l’insediamento chiederemo che l’intervento venga realizzato, con il pubblico o con il privato a noi non interessa purché l’arteria stradale sia realizzata», ha spiegato l'assessore regionale Marco Falcone. Ecco nel dettaglio tutte le opere: RFI - Rete Ferroviaria Italiana Fermata FS Fontanarossa: € 5 Mln - lavori in corso, completamento previsto entro giugno 2020; Tunnel sopraelevato con tapis roulant dalla fermata di Fontanarossa all’aeroporto: € 12 Mln – in corso di progettazione – inizio lavori luglio 2020; Interramento stazione FS Bicocca: € 250 Mln – progettazione definitiva pronta entro dicembre 2019; Fermata FS Cappuccini di Acireale: € 5 Mln – progettazione in corso – inizio lavori novembre 2019; Ponte ferroviario tra Caltagirone e Niscemi: € 8 Mln – progetto già inviato al CTA in attesa di parere, gara - poi inizio lavori previsto per maggio 2020; Tratta ferroviaria Caltagirone/Niscemi: progettazione definitiva entro fine 2019; Protocollo d'intesa tra Regione Siciliana e RFI per la soppressione dei passaggi a livello e la realizzazione di viabilità alternativa: € 10 Mln (passaggi a livello di Scordia, Vizzini e Militello in Val di Catania). Circa la galleria di collegamento tra la nuova fermata FS di Fontanarossa e l'aeroporto, va rimarcata l'eventuale conseguenza negativa per la città di Catania qualora a questo intervento non segua quello previsto di una fermata ferroviaria presso il parcheggio scambiatore di Fontanarossa: qui l'articolo di approfondimento.   FCE - Ferrovia Circumetnea - Metropolitana di Catania Tratta metropolitana Nesima-Monte Po: impresa esecutrice CMC - conclusione dei lavori prevista entro giugno 2020; Tratta metropolitana Palestro-Stesicoro (solo galleria): lavori in corso da concludersi entro 18 mesi; Tratta metropolitana Monte Po - Misterbianco: impresa inizialmente affidataria dei lavori CMC poi sostituita con la seconda in ordine di graduatoria di gara che deve redigere il progetto esecutivo. Previsione di inizio lavori Maggio 2020; Tratta metropolitana Stesicoro-Aeroporto: € 400 Mln – deve essere aggiornato il quadro economico del progetto. Entro il mese di ottobre 2019 sarà emanato il Decreto di finanziamento e l’intervento andrà in gara; Tratta metropolitana Misterbianco-Belpasso: entro dicembre 2019 è prevista l’ultimazione del progetto definitivo completo del parere dell’Assessorato Territorio e Ambiente (in materia Urbanistica) e successivamente l’intervento andrà in gara.   ANAS - Ente Nazionale per le Strade Svincolo Tangenziale di Catania per Aeroporto di Fontanarossa: lavori in fase di cantierizzazione; Svincolo Tangenziale di Catania per Paternò: inizio lavori previsto a fine Ottobre 2019; Libertinia 2° tratto: € 120 Mln – è in corso la gara; Libertinia - Santa Maria di Licodia 3° tratto: completamento progetto definitivo entro dicembre 2019; Bronte - Adrano SS 284 “Occidentale Etnea”: € 66 Mln – gara fissata per il 30 Settembre 2019; Paternò - Adrano SS 284: completamento del progetto definitivo entro Dicembre 2019 RICHIESTE DI PROGETTAZIONI AD ANAS  SS 192 Catania – Enna: innalzamento livelli di sicurezza con adeguamento della SS 192 a sezione stradale TIPO C 1 (10,5 metri) SS 417 Catania – Gela: adeguamento dei primi 20 Km della SS 417 a sezione stradale TIPO B con raddoppio delle corsie di marcia SS 116 Randazzo/Capo D’Orlando (ammodernamento) – studio di fattibilità in gara – aggiudicazione e contratto di affidamento entro fine 2019 Progettazione della della terza corsia della Tangenziale di Catania   CAS - Consorzio Autostrade Siciliane A 18: interventi di pavimentazione del tratto Giarre (CT) - Tremestieri (ME) già in gara per € 19 Mln interventi su viadotto Tagliaborse 1,2, 3 e Fago interventi su galleria Guidomandri frana di Letojanni: gara aggiudicata – inizio lavori previsto ai primi di novembre 2019 messa in sicurezza di 14 cavalcavia galleria di Giardini Naxos: risoluzione del contratto con la ditta affidataria. Il riappalto dell’opera è previsto entro fine Ottobre 2019   IACP - Istituto Autonomo Case Popolari IACP Acireale: ristrutturazione di 60 alloggi a Giarre (CT) - € 8 Mln IACP Catania: realizzazione di 24 nuovi alloggi in C.so Indipendenza a Catania - € 6 Mln IACP Catania: ristrutturazione di 16 immobili a Fiumefreddo di Sicilia (CT) IACP Catania: ristrutturazione di 16 alloggi a Zafferana Etnea (CT)   HOUSING SOCIALE Catania, Via Sabato Martelli Castldi: 114 alloggi – riqualificazione - € 16 Mln Acireale, zona Tupparello: realizzazione 77 immobili – € 12 Mln   CONTRATTI DI QUARTIERE Caltagirone: € 15 Mln Valverde: € 11,8 Mln   PARCHEGGI DI INTERSCAMBIO Catania, finanziati tre parcheggi scambiatori per un tot. di € 23.355.000,00: SANZIO (€ 8,355 Mln), NARCISO (€ 5 Mln), ACI CASTELLO (10 Mln) Caltagirone, finanziati il parcheggio di interscambio Piazza Risorgimento - € 308.000 Misterbianco, finanziato il parcheggio di interscambio Area nord di Via Municipio su Via Madonna degli Ammalati - € 402.000 oltre alla quota del Comune di € 160.000,00 Acireale, finanziato il parcheggio scambiatore in area privata delle Ferrovie dello Stato - € 400.000   STRADE PROVINCIALI  SP 108 – € 4,1 Mln – appalto in gara – aggiudicazione il 13 settembre 2019 SP 37/I e II – € 1 Mln – in corso di finanziamento SP 37/I, innesto con SS 124 – €  2,4 Mln  - appalto in gara – aggiudicazione 20 settembre 2019 SP 74/II Ponte sul fiume Gornalunga – € 3,4 Mln in corso di finanziamento SP Bronte Stuara – € 4,9 Mln – appalto in gara – aggiudicazione fine sett. 2019 SP 131 – € 3,9 Mln - appalto in gara – aggiudicazione primi di ottobre 2019 SP 25/I – Ponte di Ramacca, € 1.3 Mln – fine dei lavori primi di ottobre 2019 SP 38/III – Mazzarrone – € 2,2 Mln a breve decr. di finanziamento SP 179 – Borgolupo/Mineo – € 7,5 Mln a breve decr. Finanziamento SP 69/II dalla SS 417 alla SS 385 – € 2,5 Mln - a breve il decreto di finanziamento SP 65 – Mirabella Imbaccari/Piazza Armerina a breve dec. di fin. SP 16 – Scordia/Lentini - € 800.000,00 - gara aggiudicata – inizio lavori sett. 2019 € 5 Mln - Accordo Quadro curato dal DRT per interventi di manutenzione su strade ex provinciali Riposto – realizzazione via di fuga, c.d. Mare-Neve, di collegamento da Trepunti a Torre Archirafi – in corso di finanziamento – gara entro fine novembre 2019 CITTADELLA GIUDIZIARIA finanziamento € 40 Mln Procedure acceleratorie: con il recente Atto integrativo alla Convenzione per la realizzazione della Cittadella Giudiziaria di Catania, si è stabilito che il DRT sia la stazione appaltante dell’opera. l’Ing. Capo del Genio Civile di Catania è il nuovo RUP. già pronto il progetto di demolizione – € 2 Mln – entro dicembre 2019 inizio lavori di demolizione e redazione progetto di ricostruzione – entro naggio 2020 gara per la ricostruzione   RIQULIFICAZIONE URBANA, CENTRI STORICI, EDIFICI DI CULTO, ETC. Bando del 2015 e graduatoria definitiva del 2017: collocate utilmente in graduatoria 36 progetti di cui 4 (per complessivi € 2,3 Mln) finanziati dal precedente governo, e 30 (per complessivi € 60 Mln) finanziati dal governo Musumeci. Degli ultimi due progetti rimasti da finanziare uno è in corso di imminente finanziamento e uno è in fase di istruttoria conclusive Bando del 2018 - graduatoria definitiva approvata con Decreto n. 1950 del 6.8.2019 (inizialmente previsti € 26 Mln è stato deliberato un incremento di ulteriori € 49 Mln per l’intero bando) –  € 11,3 MLN PER 10 PROGETTI DEI COMUNI DELLA EX PROVINCIA DI CATANIA)   ApQ “Aree Urbane” € 16 Mln – ristrutturazione dell'ex Ospedale Maurizio Ascoli Tomaselli da riconvertire ad uffici della Regione – in gara l'affidamento lavori entro maggio 2020 PORTO DI RIPOSTO interventi di mitigazione degli effetti dei marosi - € 1 Mln – lavori già consegnati con ultimazione prevista entro fine 2019 rifacimento dei pontili e relativi servizi - € 603.000 – a breve verrà emesso il decreto di finanziamento del progetto esecutivo UREGA  procedure acceleratorie: con Decreti Assessoriali n. 167-GAB del 2 maggio 2019 e n. 22- GAB del 3 luglio 2019 sono state adottate disposizioni che disciplinando l'organizzazione e il funzionamento degli UREGA, ne intensificano e semplificano l'attività, consentendo di ridurre i tempi per lo svolgimento delle procedure delle gare d'appalto   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante ferroviario di Catania Tapis Roulant Fermata FS - Aeroporto Fontanarossa: un'opportunità "pericolosa"? Ammodernamento Strada Statale 284 tra Adrano e Bronte: bando di gara da 66 milioni Nuova Cittadella Giudiziaria in viale Africa a Catania: un'opportunità da cogliere  

Leggi tutto    Commenti 1