Articolo
06 mar 2019

AMT Catania, entro l’anno trasferimento della sede a Pantano d’Arci: approvati i lavori

di Amedeo Paladino

Il Consiglio d'Amministrazione dell'Azienda Metropolitana Trasporti di Catania ha deliberato di procedere all'indizione delle procedure di gara per la realizzazione dei lavori, da eseguirsi presso la Rimessa 8 di Pantano d'Arci, nella periferia sud, che consentiranno il trasferimento entro l'anno degli uffici amministrativi dall'attuale sede centrale di via Sant'Euplio. I lavori necessari, attesi da diversi anni, saranno effettuati con fondi ministeriali del Programma aggiuntivo del P.T.O. Catania Sud e del relativo accordo stipulato nel 2011 tra Ministero Sviluppo Economico, Comune di Catania, AMT e InvestiaCatania, fondi destinati e già disponibili presso InvestiaCatania. L'operazione consentirà di dismettere l'attuale sede di via S. Euplio e così di produrre risparmi su fitti passivi per circa 180.000 €/anno. Verrà in ogni caso previsto un ufficio abbonamenti e relazioni con il pubblico presso la sede di via Plebiscito, di proprietà dell'Azienda. «Stiamo intraprendendo, insieme alle colleghe Parisi e Spoto, un serio e rigoroso percorso di risanamento e razionalizzazione che consentirà di mettere in sicurezza il futuro dei lavoratori e della stessa Azienda - dichiara il presidente Giacomo Bellavia - Certamente il trasferimento degli uffici presso immobili di proprietà aziendale consentirà, da un lato, di risparmiare quasi 200 mila euro l'anno e, dall'altro, di ricongiungere l'intero personale in un'unica sede operativa, così da ottimizzare i processi decisionali e produttivi e migliorare il servizio al cittadino».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mar 2019

Tangenziale ovest di Catania, lavori notturni su due cavalcavia e sulla galleria Circumetnea

di Mobilita Catania

Manutenzione di due cavalcavia e della galleria circumetnea sulla tangenziale ovest di Catania: restringimenti di carreggiata in fascia oraria notturna tra le ore 22 e le ore 5, esclusi giorni festivi e prefestivi. Sono stati avviati gli interventi di ripristino corticale di due cavalcavia che sovrastano la Tangenziale Ovest di Catania, nonché della galleria “Circumetnea”. Gli interventi, che saranno eseguiti in fascia oraria notturna compresa tra le ore 22 e le ore 6 del mattino successivo, ad eccezione delle notti di sabato e domenica, comporteranno il restringimento delle carreggiate con chiusura della corsia di marcia o di sorpasso, dal km 1,700 al km 1,820, relativamente al cavalcavia n.4, e dal km 8,400 al km 9,100, relativamente agli interventi sul cavalcavia n. 17 e della galleria “Circumetnea”. All’approssimarsi delle aree di cantiere, tutti i veicoli dovranno rispettare il limite di 60 km/h e il divieto di sorpasso. Anas, società del Gruppo FS Italiane, raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Inoltre si ricorda che il servizio clienti "Pronto Anas" è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito, 800 841 148.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mar 2019

Tangenziale ovest Catania: chiude la rampa connessione A19 per interventi di sostituzione barriere danneggiate

di Mobilita Catania

Proseguono gli interventi di sostituzione barriere danneggiate lungo la rampa di connessione tra la Tangenziale ovest di Catania e l’autostrada A19 Palermo-Catania: la rampa in uscita per i veicoli provenienti da Siracusa e diretti a Palermo sarà chiusa al traffico da lunedì 4 a venerdì 15 marzo, tra le ore 8 e le ore 17. Dal 4 marzo proseguiranno gli interventi di sostituzione delle barriere laterali danneggiate presenti sulla rampa di connessione tra la Tangenziale Ovest di Catania, carreggiata direzione nord, e l’Autostrada A19 “Palermo-Catania”. I lavori, che prevedono la chiusura al traffico della rampa di svincolo al km 15,530, saranno eseguiti nella fascia oraria compresa tra le ore 8:00 e le ore 17:00, dal lunedì al venerdì, fino al 15 marzo. I veicoli provenienti da Siracusa e diretti a Palermo dovranno uscire alla precedente uscita denominata “Catania Zia Lisa”, percorrere l’A19 “Palermo-Catania” in direzione Catania e, alla rotatoria presente al termine dell’autostrada, dovranno invertire la direzione di marcia e dirigersi verso Palermo.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 feb 2019

Più sicuro ed efficiente: l’Aeroporto di Catania si rinnova con la tecnologia di building automation

di Mobilita Catania

Con quasi dieci milioni di passeggeri nel 2018, l’Aeroporto di Catania continua a crescere confermandosi il primo Scalo del Sud Italia. Un trend positivo che rende l’hub catanese sempre più strategico nell’intreccio delle rotte aeree del Mediterraneo ma che lo espone a sfide crescenti di sicurezza e di efficientamento energetico. È in questo contesto che l’Aeroporto siciliano ha deciso di affidare a Siemens Italia un progetto integrato di building automation finalizzato a migliorare i livelli di sicurezza e a monitorare i consumi di energia complessivi dello scalo. Uno dei principali interventi ha riguardato la completa migrazione dal sistema di sorveglianza analogico TVCC alla nuova piattaforma digitale Siemens Siveillance e l’installazione di 250 videocamere digitali in Full HD che si aggiungono alle 180 già presenti nell’aeroporto. La piattaforma di video management system Siveillance è stata inoltre integrata al sistema per il controllo accessi Siemens SiPass con l’obiettivo di incrementare ulteriormente i livelli di controllo nelle zone cosiddette “sterili” – ovvero le aree accessibili unicamente al personale autorizzato - dell’hub. Successivamente, è stato sostituito il precedente sistema Siemens Algorex con le nuove centrali di rivelazione incendio Siemens Sinteso, gestite interamente dalla piattaforma software Siemens Desigo CC, connessa in locale al virtual server dell’aeroporto. In questo modo, è stato possibile aumentare il grado di affidabilità, sicurezza e precisione garantendo al contempo una scalabilità praticamente illimitata. Infine, con l’obiettivo di rendere l’Aeroporto di Catania – già certificato ISO 50001 – più efficiente da un punto di vista energetico, sarà installata la piattaforma basata su cloud Siemens Navigator per il monitoraggio e la gestione di tutti gli asset energivori dell’hub. Tramite Navigator, l’Aeroporto sarà in grado di identificare le inefficienze energetiche e di prevedere, dopo un periodo di analisi dati di 5-6 mesi, l’andamento dei consumi di energia: elementi fondamentali per impostare piani strutturati di efficientamento energetico. “Siamo molto soddisfatti della collaborazione con Siemens, che ci ha permesso di migliorare ulteriormente l’efficienza energetica e la sicurezza del nostro scalo,” ha dichiarato Antonio Palumbo, responsabile dei Sistemi Informatici Terminal dell’Aeroporto di Catania. “La crescita continua dell’aeroporto di Catania, che nel 2019 supererà i 10 milioni di passeggeri, ci pone davanti a grandi sfide, che possono essere affrontate e vinte solo con l’ausilio di società innovative e all'avanguardia come è appunto Siemens. Con il nuovo sistema di videosorveglianza integrato al controllo accessi, con il piano di efficientemente energetico e con la nuova piattaforma di rilevazione incendi possiamo tranquillamente affermare di aver portato il nostro scalo al livello dei grandi aeroporti internazionali”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 feb 2019

Ventisette nuovi treni per la metro di Catania, aggiudicato l’appalto

di Roberto Lentini

Passi avanti per i nuovi treni della metropolitana catanese. È stata infatti aggiudicata all'indo-italiana Titagarh Firema S.p.A la gara per la fornitura di n. 54 unità di trazione per la tratta metropolitana della Ferrovia Circumetnea per un importo di 3.996.740,00 euro, con un ribasso dell'1,80%. La Titagarh Firema S.p.A nasce dalle ceneri della FiReMa Trasporti  (costruttrice degli attuali treni in uso nella metropolitana catanese) che in seguito ad una difficile situazione finanziaria venne ammessa alla procedura di amministrazione straordinaria nell'agosto 2010 per essere infine rilevata il 9 luglio 2015 dalla "cordata" costituita dalla società indiana Titagarh Wagons al 90% e dalla napoletana Adler Plastic al 10% assumendo il nome di Titagarh FiReMa Adler Spa. Saranno dunque ventisette i nuovi convogli della metropolitana etnea e avranno la stessa conformazione degli attuali, composti da due unità di trazione identiche ma, stavolta, comunicanti, funzionalmente autonome, con cabina di guida alle due estremità, con possibilità di introdurre, in futuro, una terza cassa centrale. La composizione adottata, senza soluzione di continuità tra le singole unità tutte climatizzate, presenta complessivamente 8 porte per lato ad apertura totale. Gli ambienti, in conformità alle più recenti norme di sicurezza, saranno videosorvegliati e dotati di un sistema informativo audio e video digitale con monitor a LCD in comparto. L'incremento del parco rotabile per il servizio metro era divenuto ormai una necessità, in vista delle future estensioni da un'estremità dell'attuale linea verso Misterbianco e verso l'aeroporto dall'altra.   Ti potrebbero interessare… Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Metropolitana di Catania, dal Governo uscente 10 milioni per nuovi treni e revamping dei vecchi Finanziato l’acquisto di nuovi convogli: la metropolitana di Catania potrà contare su ventisette nuovi treni Fermata ferroviaria Fontanarossa e dodici nuovi treni per la metro: il DEF per la città metropolitana di Catania FOTO | La storia dei treni della metropolitana di Catania FOTO | Dentro le nuove stazioni metro di Monte Po e Fontana, avanzano i lavori FOTO | Iniziato lo scavo del tunnel Palestro-Stesicoro della metro Metropolitana, a breve l’apertura domenicale e altre migliorie al servizio Metropolitana, aggiudicati i lavori per le nuove scale mobili nelle stazioni Italia e Borgo Metropolitana, tratta Monte Po-Misterbianco: la Cmc di Ravenna si aggiudica il bando Metro di Catania, nel 2018 quasi sei milioni di passeggeri    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 feb 2019

Rifiuti, ordinanza del sindaco per regolamentare orari e modalità

di Mobilita Catania

Il sindaco Salvo Pogliese ha emanato un’ordinanza per avviare un giro di vite sulle modalità di conferimento dei rifiuti, sia nella zona della città in cui viene effettuata la raccolta differenziata porta a porta e sia in quella dove invece ancora avviene con il sistema dei cassonetti di prossimità. Il presupposto del provvedimento del primo cittadino è quello di promuovere ogni iniziativa volta ad incrementare il recupero dei materiali riciclabili, attraverso l’innalzamento del livello della raccolta differenziata, al fine di raggiungere gli obiettivi e le percentuali di raccolta fissati dalla legge, che permetterebbe una riduzione della quantità dei rifiuti indifferenziati da smaltire in discarica e conseguente salvaguardia dell’ambiente e del diritto alla salute pubblica, oltre alla potenziale diminuzione della tariffa Tari. Obiettivo della stessa ordinanza, altresì, è implementare i controlli da parte delle Autorità competenti, sia d’iniziativa che su segnalazioni provenienti dal Gestore del Servizio e/o dagli utenti, per far rispettare le norme sul divieto di abbandono, del deposito incontrollato dei rifiuti in aree pubbliche e private, per poter facilitare l’azione dell’Amministrazione Comunale tesa all’ottimizzazione del servizio di gestione rifiuti in termini di efficienza, efficacia ed economicità. A questo proposito l’ordinanza del sindaco Pogliese, redatta sulla scorta di un’analisi dei tecnici dell’assessorato all’ecologia retto da Fabio Cantarella, inserisce nell’area del porta a porta le zone del villaggio Dusmet, anche via Callipari e viale Lainò n. 3, 5 e 6. Nello stesso documento si annuncia che il sistema di raccolta dei rifiuti "porta a porta" verrà esteso progressivamente a molte altre aree della città, azione di ampliamento di cui sarà data tempestiva comunicazione pubblica alla cittadinanza. Nella zona del porta a porta il conferimento dei rifiuti secondo le modalità stabilite nell'ordinanza può avvenire dalle ore 20,00 alle 22,30. Nel resto della città dove vige ancora il sistema della differenziata di prossimità si può conferire nei cassonetti di diverso colore secondo la tipologia del rifiuto, tutti i giorni ad esclusione delle domeniche e dei giorni festivi, invece, solamente dalle ore 18,00 alle 23,00. Nell'area della Zona Industriale dove vige un sistema di raccolta dei RSU misto, parte con raccolta di prossimità tramite postazioni di cassonetti stradali, parte tramite sistema di raccolta "Porta a Porta" dedicato alle realtà industriali, artigianali, commerciali, aventi sede in tale zona, nell’ordinanza vengono regolamentate particolari modalità attuative. Specifiche norme nell'ordinanza sono inoltre riservate alle grandi utenze delle imprese industriali e commerciali, ai grandi condomini e alle aree mercatali fisse o settimanali e per gli stabilimenti balneari di viale Kennedy. Ogni violazione delle disposizioni dell’ordinanza commessa da residenti nel comune di Catania comporta l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da € 50,00 a € 500,00, salvo diversa sanzione prevista da specifiche disposizioni legislative regolanti la materia. Il conferimento di rifiuti da parte di soggetti non residenti nel Comune di Catania, salvo che il fatto non costituisca reato, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da €100,00 a € 500,00. Salva e impregiudicata l’applicazione di sanzioni penali, le violazioni che integrino le condotte di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel sottosuolo, saranno punite, con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 300,00 a € 3.000,00, tenuto conto della gravità della violazione. Se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la sanzione amministrativa è aumentata fino al doppio. Sarà obbligo ulteriore procedere alla rimozione, all’avvio al recupero o allo smaltimento dei rifiuti ed al ripristino dello stato dei luoghi; in caso di inottemperanza si procederà all’esecuzione dell’intervento in danno dei soggetti obbligati e al recupero delle somme anticipate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 feb 2019

Eruzione Etna, l’Unità di crisi ha disposto la chiusura di un settore dello spazio aereo di Fontanarossa

di Mobilita Catania

AGGIORNAMENTO LUNEDI' 18 FEBBRAIO ore 17:30 La società di gestione dell'aeroporto di Catania comunica che è stata disposta la riapertura del settore dello spazio aereo chiuso in precedenza. I passeggeri sono pregati di verificare lo stato del proprio volo con le compagnie aeree. AGGIORNAMENTO LUNEDI' 18 FEBBRAIO ore 7:45- Permane la chiusura di un settore dello spazio aereo dell'aeroporto di Catania: saranno consentiti 6 arrivi ogni ora, le partenze non sono soggette a limitazioni ma potranno comunque subire ritardi e disagi. I passeggeri sono pregati di informarsi sullo stato del proprio volo escliusivamente con le compagnie aeree. AGGIORNAMENTO DOMENICA 17 FEBBRAIO ORE 20.30 A causa della ripresa dell’attività eruttiva dell’Etna e contestuale emissione di cenere vulcanica in atmosfera, l’Unità di crisi ha disposto la chiusura di un settore dello spazio aereo dell'aeroporto di Catania dalle ore 20:30 di oggi. Saranno consentiti 4 arrivi ogni ora: le partenze non sono soggette a limitazioni ma potranno comunque subire ritardi e disagi.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti