Articolo
28 set 2020

Metro Shuttle: sospensione conseguenza dei mutati rapporti con l’Ateneo di Catania

di Roberto Lentini

Oggi abbiamo incontrato l'Ing. Salvo Fiore, Direttore Generale della Ferrovia Circumetnea, al quale abbiamo chiesto lumi in merito alla fresca sospensione del servizio del Metro Shuttle, eccellente esempio di mobilità sostenibile di grande successo che eppure, nonostante gli investimenti di Fce nel recente passato (inclusa la dotazione di display con tempi di attesa presso le fermate), sarà sostituito da una linea gestita dall’Amt di cui si attende di conoscere i dettagli, ma che già mostra qualche deficit proprio rispetto al Metro Shuttle.  La sospensione non è stata decisa da Fce ma è conseguenza della decisione dell'Università degli Studi di Catania di interrompere la convenzione stipulata con la Ferrovia Circumetnea due anni or sono. Fce, per bocca del dirigente, si dichiara pronta a riprendere il servizio qualora l'ateneo decidesse di tornare sui propri passi. La convenzione abbandonata, inoltre, prevedeva anche l'impiego di fondi da destinare alla progettazione di un People Mover che collegasse in maniera stabile la fermata della metropolitana Milo con il parcheggio scambiatore Santa Sofia di via Zenone. La realizzazione del People Mover appare quindi più lontana, nonostante in questa fase si sarebbe potuto tentare di avvalersi dei fondi del Recovery Found. Di seguito, ecco l'intervista integrale sull'argomento. TI POTREBBERO INTERESSARE: Metropolitana di Catania: storia e sviluppi futuri Monorotaia di Catania “EtnaRail” Parcheggio Scambiatore Santa Sofia: un grande porto di accesso alla città perfettamente efficiente Intermodalità e integrazione tariffaria: l’esempio del parcheggio Milo per cambiare il volto della città Fasano più vicina al centro grazie alla navetta Metro Shuttle

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2020

Nuovi orari della metropolitana di Catania: rivolta sui social network

di Andrea Tartaglia

Con un comunicato apparso sulla sua pagina ufficiale Facebook, la Ferrovia Circumetnea ha annunciato i nuovi orari della metropolitana di Catania in vigore da lunedì 28 settembre 2020. La metropolitana sarà aperta solo nei giorni feriali dalle ore 6:40 (prima partenza da Nesima per Stesicoro) alle ore 21:00 (ultima partenza da Stesicoro per Nesima), con una frequenza di 15 minuti per tutto l'orario di esercizio, su entrambe le direzioni. Con la ripresa delle attività scolastiche e la gestione meno restrittiva dell'emergenza sanitaria da Sars-Cov2, l'annuncio dei nuovi orari era particolarmente atteso, visto che il servizio era stato pesantemente ridimensionato per via dell'emergenza sanitaria che aveva visto prima, addirittura, la chiusura del servizio dal 13 marzo al 10 maggio scorsi, e quindi l'attuale servizio "a singhiozzo" con frequenze peggiorate, chiusura serale anticipata e chiusura nei giorni festivi. Rispetto agli orari in vigore dall'11 maggio, quindi, l'unico miglioramento rimane l'innalzamento della frequenza pomeridiana da 20 a 15 minuti. Per il resto, però, gli orari annunciati riportano la metropolitana indietro di quattro anni, quando la tratta in servizio era la Borgo-Porto (solo 3,8 km di linea) e l'utenza molto inferiore all'attuale (circa 600.000 passeggeri annui a fronte dei 7 milioni del 2019 sulla tratta Nesima-Stesicoro di 7 km). Già da diverse settimane la metropolitana di Catania appare nuovamente piuttosto affollata, con frequenti assembramenti, e la ripresa di quasi tutte le attività scolastiche e lavorative in città rende la linea metropolitana strategica per la mobilità locale. È vero che, a Catania come altrove, è prevedibile un minore accesso da parte di studenti universitari per via delle misure AntiCovid ancora in vigore, con molte attività e lezioni svolte per via telematica, e certamente gli iscritti all'Università rappresentano una fetta importante dell'utenza della metro etnea, ma si tratta di un servizio di trasporto pubblico che si rivolge a tutti, non solo a una categoria, e che per tutti dev'essere garantito al meglio delle sue possibilità, anche per mantenere e incentivare il ricorso alla mobilità sostenibile. Parallelamente, va annotata pure la sospensione del servizio del Metro Shuttle, eccellente esempio di mobilità sostenibile, che verrà sostituito da una linea gestita dall'Amt di cui si attende di conoscere i dettagli. All'annuncio dei "nuovi" orari della metropolitana di Catania, sui social network è esplosa la rabbia degli utenti e le critiche sono fioccate sul profilo ufficiale Facebook della Ferrovia Circumetnea. Particolarmente avvertite, com'è normale, la mancanza del servizio nei giorni festivi (che era stato introdotto solo un anno fa) ma anche l'orario di chiusura, che rende impossibile a molti lavoratori avvalersi della metropolitana, e la frequenza di 15 minuti (rispetto ai 10 pre-Covid) che, oltretutto, rende i vagoni più affollati, in conflitto con le misure per limitare l'emergenza sanitaria.   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania Sospeso il servizio del Metro Shuttle Metropolitana di Catania aperta tutti i giorni

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 set 2020

Sospeso il servizio Metro Shuttle della FCE, sostituito dal BRT di AMT

di Mobilita Catania

Per l'anno accademico 2020/21, il collegamento tra la stazione “Milo” della metropolitana e il parcheggio scambiatore "Santa Sofia", servente lungo il percorso la Cittadella Universitaria, sarà gestito dall'Azienda Metropolitana Trasporti attraverso una linea denominata “BRT Università” con partenza da Viale Alexander Fleming e fermate su via Santa Sofia in andata e attraversamento della Cittadella fino a via Passo Gravina, al ritorno. Il servizio del bus navetta 21M del servizio di trasporto pubblico su gomma della Ferrovia Circumetnea, meglio noto come Metro Shuttle, viene quindi sospeso. Gli studenti che vorranno utilizzare la metropolitana di Fce e il BRT di Amt dovranno dotarsi dei rispettivi titoli di viaggio. Per gli abbonati, quindi, non un unico abbonamento bensì due, sebbene ciascuno al costo “simbolico” di 15 euro annui e validi su tutte le reti Amt e Fce. Il costo residuo degli abbonamenti sarà coperto dall’Università di Catania. Gli abbonamenti per universitari iscritti all'Ateneo di Catania possono essere sottoscritti attraverso il Portale Studenti fino al 30 novembre 2020 e hanno validità dal 1° ottobre 2020 al 30 settembre 2021, indipendentemente dalla data di pagamento, ritiro o attivazione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 giu 2020

Da lunedi 29 giugno ritorna il servizio ferroviario della FCE

di Mobilita Catania

A partire da lunedì 29 Giugno ritorna il servizio ferroviario della Ferrovia Circumetnea, nella tratta da Catania a Paternò, dopo il fermo dovuto al lockdown e ai successivi lavori di adeguamento dell'armamento ferroviario. Qui potete consultare il nuovo orario. Sempre a partire dal 29 giugno sarà disponibile il nuovo orario del Metro Shuttle che sarà collegato agli orari di partenza e di arrivo delle corse extraurbane delle autolinee:   e i nuovi percorsi urbani delle autolinee che non transiteranno dal viale Mario Rapisardi ma dalla stazione Milo in coincidenza con il Metro Shuttle.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
20 apr 2020

Coronavirus, metropolitana chiusa anche nei prossimi mesi? Mobilità sostenibile a rischio

di Mobilita Catania

Dal 13 marzo scorso la metropolitana di Catania è chiusa, quale accorgimento adottato dalla dirigenza dell'ente gestore, la Ferrovia Circumetnea, a fronte dei decreti restrittivi della presidenza del consiglio dei ministri che hanno imposto, com'è noto, per via dell'emergenza sanitaria da coronavirus in atto, una fortissima limitazione agli spostamenti tale da causare il crollo dell'utenza dei mezzi pubblici. Non era mai accaduto, nella ventennale storia della metro etnea, che il servizio rimanesse sospeso per così tanto tempo: al massimo, infatti, la metropolitana di Catania era rimasta chiusa per 2-3 giorni consecutivi quando ancora il servizio non era garantito anche nei giorni festivi o quando si era reso necessario intervenire sulla linea di alimentazione elettrica. Ma le cinque settimane di fermo già accumulate, a cui se ne aggiungeranno per certo altre due, almeno sino al 3 maggio, rappresentano senza alcun dubbio un record negativo. Ufficialmente, infatti, la chiusura della metropolitana cesserà il 3 maggio, in concomitanza con la fine della "fase 1", quella più limitante, con molte attività produttive e commerciali chiuse. Lunedì 4 maggio (salvo imprevisti), con l'inizio della "fase 2" che comporterà la riapertura di molte attività commerciali e meno limitazioni agli spostamenti, la metropolitana dovrebbe riaprire i battenti. C'è, tuttavia, il rischio concreto che ciò non avvenga: in un'intervista rilasciata a MeridioNews, infatti, il direttore generale della Fce, Ing. Salvatore Fiore, ha affermato che la riapertura della metropolitana dipenderà dall'utenza e fintanto che i mezzi sostitutivi di superficie saranno in grado di soddisfare la domanda di trasporto, resterà chiusa. Attualmente il servizio della metropolitana è sostituito da un servizio bus, nel quale l'utenza media di ogni corsa è di appena 3-4 persone, a detta del dirigente. Anche se nella fase 2 ci sarà una maggiore domanda di trasporto, però, è poco probabile pensare che l'utenza crescerà in modo significativo, per una ragione molto banale: il bus sostitutivo, secondo la tabella orari ufficiale, passa ogni mezz'ora (la metro, invece, ogni 10 minuti la mattina e ogni 15 il pomeriggio) e impiega altrettanto tempo per percorrere lo stesso tragitto della metropolitana (che impiega, invece, circa la metà del tempo). Inoltre il servizio bus è attivo solo nei giorni feriali e solo dalle 7 alle 19. In sostanza, usare il bus sostitutivo significa, nella peggiore delle ipotesi, impiegare ben un'ora di tempo e lo si può fare solo in una fascia oraria ridotta e non più anche nei giorni festivi. È evidente che la qualità di questo servizio non è paragonabile a quella della metropolitana, pertanto lascia perplessi volersi basare sul suo successo per pensare di riaprire la metropolitana, che a questo punto potrebbe rimanere chiusa anche per diversi mesi. Pure a fronte di una eventuale (ma sinora non comunicata) maggiore frequenza dei bus, la differenza del tempo di percorrenza sarebbe nell'ordine del doppio del tempo rispetto al servizio metro, quindi decisamente meno appetibile (e l'utenza, inevitabilmente, dipende in gran parte dalla convenienza del servizio). È vero che, come ricorda l'Ingegnere, la metropolitana è un'infrastruttura con costi di gestione e sanificazione molto più onerosi di un semplice servizio bus, ma è anche vero che si tratta di un servizio sociale di trasporto pubblico che dev'essere in grado di andare oltre logiche che sono più comunemente privatistiche. La metropolitana di Catania, inoltre, è stata l'unica in Italia a sospendere del tutto il servizio, anziché limitarsi a una modifica delle frequenze o degli orari come avvenuto nelle altre città. Non dimentichiamo, infine, che dal 1999 al 2016 la metro di Catania è stata sempre in esercizio pur con un numero di utenza molto basso, dovuto in quegli anni alla limitatezza del percorso. La mobilità sostenibile sarà già messa a dura prova, nel prossimo futuro, dalle restrizioni e dai distanziamenti che saranno imposti fino a quando l'emergenza sanitaria non sarà superata o ci sarà un vaccino per tutti. Fino ad allora è necessario uno sforzo comune affinché il trasporto pubblico sia supportato e mantenuto, coinvolgendo a vario titolo tutte le istituzioni. Riportare le città indietro di anni e far ripiombare l'automobile privata al centro della mobilità, con le ovvie conseguenze in termini di congestione, traffico e inquinamento, è una prospettiva inaccettabile, anche in virtù della salvaguardia della salute pubblica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 apr 2020

Coronavirus, limitazioni e modifiche al servizio di trasporto pubblico della Ferrovia Circumetnea prorogate sino al 3 maggio

di Andrea Tartaglia

A seguito del prolungamento delle restrizioni ad attività e spostamenti su tutto il territorio nazionale per l'emergenza sanitaria in atto, con l'odierna entrata in vigore del DPCM del 10 aprile 2020, l'azienda di trasporto pubblico della Ferrovia Circumetnea ha deciso di prolungare le limitazioni e modifiche ai servizi su ferro e gomma già messe in atto nei giorni scorsi. Pertanto, il servizio della metropolitana continuerà a essere sostituito da un bus navetta mentre quello dei treni extraurbani sarà ridotto e in parte sostituito da speciali linee bus. Di seguito si riportano i link per consultare le relative tabelle degli orari: Servizio sostitutivo metropolitana di Catania Autolinea Randazzo-Riposto A/R Autolinea Randazzo-Catania A/R via A18 Treni/bus Randazzo-Catania Treni/bus Catania-Randazzo Tali orari e servizi saranno in vigore, salvo nuove disposizioni, sino a domenica 3 maggio 2020. Foto di copertina di Vincenzo La Rosa - Ferroviere Reporter Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania Parcheggio Scambiatore "Santa Sofia"

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
25 mar 2020

Coronavirus, prolungata la chiusura della metro. Gli orari dei servizi della Circumetnea

di Andrea Tartaglia

In Sicilia si attende ancora il picco dei contagi da Covid19 e, com'è noto, molte attività permangono chiuse. Pertanto, l'azienda di trasporto pubblico della Ferrovia Circumetnea ha deciso di prolungare le limitazioni ai servizi su ferro e gomma già messe in atto nei giorni scorsi. Anche in questo caso, il servizio della metropolitana sarà sostituito da un bus navetta mentre quello dei treni extraurbani sarà ridotto e in parte sostituito da speciali linee bus. Di seguito si riportano i link per consultare le relative tabelle degli orari: Servizio sostitutivo metropolitana di Catania Autolinea Randazzo-Riposto A/R Autolinea Randazzo-Catania A/R via A18 Treni/bus Randazzo-Catania Treni/bus Catania-Randazzo Tali orari e servizi saranno in vigore, salvo nuove disposizioni, da giovedì 26 marzo sino a domenica 5 aprile 2020.

Leggi tutto    Commenti 0