Articolo
19 gen 2019

Sciopero nazionale dei trasporti: lunedì disagi per gli utenti AMT e Circumetnea-Metro

di Mobilita Catania

Disagi per gli utenti del trasporto pubblico locale in tutta Italia e, dunque, anche a Catania, lunedì 21 gennaio 2019. L’Azienda Metropolitana Trasporti Catania S.p.A. informa che, in occasione dello sciopero intercategoriale nazionale di quattro ore, proclamato per il giorno 21 gennaio 2019 dalle organizzazioni sindacali Filt-CGIL, Fit-CISL, UIL-Trasporti, Faisa Cisal, UGL-Trasporti e Fast Confsal, il servizio potrebbe subire delle variazioni. Le suddette organizzazioni hanno comunicato che le modalità dello sciopero saranno le seguenti: Personale viaggiante: dalle ore 12:00 alle ore 16:00 Il restante personale anticiperà di quattro ore la fine del proprio turno di lavoro     Lunedì 21 gennaio 2019 per sciopero nazionale, la Ferrovia Circumetnea comunica che il servizio ferroviario extraurbano, metropolitano e autolinee extraurbane subirà le seguenti limitazioni e soppressioni: SERVIZIO FERROVIARIO EXTRAURBANO restano soppressi i treni 45-46-47-48-49-51 restano limitati: i Tr. 39 e 44 a Bronte;il Tr. 43 a Paternò;il Tr. 41 a Piedimonte.   SERVIZIO METROPOLITANO: rimarrà soppresso dalle ore 18.00 alla chiusura dell’ esercizio. Ultima corsa in partenza da Nesima ore 17.45 Ultima corsa in partenza da Stesicoro ore 17.40   AUTOLINEE EXTRAURBANE Soppresse le corse: Catania -Randazzo in partenza alle ore 17.30 e 18.45 Linguaglossa-Castiglione in partenza alle ore 19.50 Riposto -Castiglione in partenza da Riposto alle ore 18.50. Catania- Misterbianco – Paternò- Adrano in partenza alle ore 17.30 -18.15-19.00 e 20.00 Adrano-Paternò-Misterbianco-Catania -la corsa in partenza da adrano alle ore 17.00 resta limitata a Paternò fermata stazione FCE. Navetta – Centro Sicilia Ultima corsa in partenza da Nesima ore 17.00 Ultima corsa in partenza dal Centro Sicilia ore 17.30 Metro-Shuttle Il servizio rimarrà soppresso dalle ore 17.45 – ultima corsa in partenza dalla stazione metro Milo ore 17.45

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 gen 2019

Isole ecologiche mobili a Librino e al centro storico di Catania

di Mobilita Catania

Isole ecologiche mobili a Catania per implementare il servizio della raccolta differenziata. È questa l’iniziativa messa in campo da Dusty e condivisa con l’Amministrazione Comunale, in fase di sperimentazione, mai avviata in precedenza a Catania. Nel mese di gennaio sarà operativa nel quartiere di Librino, il più vasto e popolato della città, e successivamente sarà estesa anche a parte del centro storico.   Una soluzione pensata da Dusty, che sarà da stimolo per gli utenti e che contribuirà a far aumentare la percentuale della differenziata: un progetto “pilota” avviato, appunto, col duplice scopo di sensibilizzare e informare ulteriormente i catanesi sulla corretta differenziata e, al contempo, venire incontro alle difficoltà degli utenti che si trovano logisticamente lontano dai due Centri di Raccolta Comunali (CCR), siti nei quartieri di Picanello e di San Giovanni Galermo. L’isola ecologica mobile seguirà una specifica programmazione di postazione e orari, e seguendo il progetto di educazione ambientale avviato nei mesi scorsi da Dusty di concerto con l’assessorato comunale alla Pubblica Istruzione (“Dusty Educational”) che ha coinvolto molte scuole comunali e che si è concluso prima della pausa natalizia, gli “stazionamenti” saranno sempre in prossimità di alcuni plessi scolastici. Una scelta non casuale e volta, anzi, all’obiettivo di far capire alle nuove generazioni l’importanza della raccolta differenziata: come farla, le conseguenze ambientali, i costi affrontati dalla collettività. Potranno essere portati all’isola ecologica mobile carta e cartone, plastica, vetro e piccoli RAEE (ovvero i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) in queste modalità: Fino al 10/01/2019 dalle 7:30 alle 14:30 l’isola sarà collocata di fronte l’Istituto Comprensivo Statale “Vitaliano Brancati” (Viale Biagio Pecorino); dal 14/01/2019 al 16/01/2019 (stessi orari 7:30/14:30) di fronte l’Istituto Comprensivo Statale “Campanella Sturzo” (Viale Bummacaro). Il progetto, esteso anche ad altri quartieri di Catania, prevederà l’isola ecologica mobile in Piazza Dante, di fronte la Chiesa di San Nicolò l’Arena dal 21/01/2019 al 23/01/2019 (dalle 7:30 alle 14:30) e in Piazza Federico di Svevia antistante il Castello Ursino dal 28/01/2019 al 30/01/2019 (stesso orario delle precedenti postazioni dalle 7:30 alle 14:30). Un tipo di servizio finora mai avviato a Catania, che sottolinea l’impegno di Dusty e la volontà di riportare il decoro e la bellezza nella città dell’Elefante.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 gen 2019

VIDEO | Sulla Ferrovia Circumetnea tra neve e stalattiti

di Amedeo Paladino

La Circumetnea regala ogni volta uno spettacolo diverso ai viaggiatori che viaggiano quotidianamente sui binari della storica ferrovia: non è inconsueto attraversare un paesaggio innevato durante i mesi invernali. Le temperature rigide e le precipitazioni di questi giorni hanno trasformato le trincee tra le sciare nere dell'Etna in uno scenario totalmente bianco: nel video di Giovanni Consoli, ripreso dalla cabina di guida, si osservano le stalattiti formatesi in galleria nel territorio di Maletto.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 gen 2019

Tre proposte per ridisegnare gli accessi alla città di Catania

di Roberto Lentini

La scorsa settimana, in occasione della conferenza stampa per la riapertura dei termini di partecipazione del concorso internazionale di idee per il waterfront cittadino, sono stati presentati i primi contributi concreti al nuovo Piano Regolatore Generale di Catania. Sono tre i progetti presentati con soluzioni che ridisegnano le principali vie d’accesso alla città: l’area di Zia Lisa per chi arriva dall’aeroporto, la zona della Civita in cui sbarcano i croceristi che approdano al porto e coloro che scendono dal treno alla stazione ferroviaria e la fascia Cannizzaro/Ognina percorsa da chi arriva dall’autostrada A18. Si tratta del risultato finale del workshop internazionale d’Architettura “Layer Zero 2018”, che si è concluso il 15 dicembre scorso dopo un’intensa settimana di lavoro con all’opera, negli spazi di Palazzo della Cultura, oltre 40 architetti, studenti e professionisti dia locali che provenienti da importanti studi di livello mondiale. Queste le tre idee riprodotte nei masterplan, ciascuna accompagnata dal “piano di fattibilità”: Squadra CIVITA (in visita: Elisabetta Gabrielli; residente: Giuseppe Parisi; coordinatore: Andrea Toscano; tutor: Martina Arena, Irene Chiara D’Antone e Domenico Maugeri; studenti: Ilenia Billone, Michele Moliteo, Marina Passaro, Graziano Testa): Sul prospetto di una ricucitura tra la città e il suo waterfront, spicca la rifunzionalizzazione degli archi della marina, che diventano anche luogo di passeggiata, sia sotto che sopra gli stessi. Una riconfigurazione di un’area oggi priva di una naturale pedonalizzazione, che viene invece rivalorizzata nel rispetto del tessuto urbano e dell’anima popolare del quartiere. Squadra OGNINA/CANNIZZARO (in visita: Gianluca Peluffo; residente: Angela Catanese; coordinatore: Sabrina Tosto; tutor: Claudia Manusia e Marilena Lanzafame; studenti: Chiara Ciliberto, Roberto Nigro e Giovanna Ferrara). Il principio fondante è la riorganizzazione totale della viabilità in funzione del potenziamento dell’ospedale, la cui presenza richiede anche un nuovo edificato che risponda alle esigenze non solo di chi abita l’area, ma soprattutto di chi vi transita per raggiungere la struttura sanitaria. Uno spazio da restituire anche a livello pedonale, con la proposta di una piazza in quota che si snoda fino al mare. Squadra ZIA LISA (in visita: Salvatore Settecasi e Francesca Baldessari; residente: Koncita Santo; coordinatore: Eleonora Bonanno; tutor: Erica Drago, Rossella D’Angelo e Alberto Leonforte; studenti: Yarihanna Bufalino, Giovanni Di Stefano e Dario Martinez). La parola chiave è “connessione”, sia tra la città e il suo hub aeroportuale che tra i quartieri periferici e la Plaia, passando per il parco naturale del Boschetto. Un’analisi accurata delle criticità ma soprattutto delle opportunità che possano rigenerare l’ambiente urbano e il paesaggio che caratterizzano l’area. Una trasformazione da luogo chiuso e frammentato a nuova cerniera definita e riconoscibile. Ti potrebbe interessare: “Waterfront” di Catania, concorso internazionale di idee: si riaprono i termini

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
30 dic 2018

Capodanno in piazza a Catania: iniziative, divieti, viabilità e trasporto pubblico

di Amedeo Paladino

Tutto pronto nelle piazze Duomo e Università per lo svolgimento del doppio appuntamento di #alzatiCatania, il Capodanno organizzato a costo zero dall’Amministrazione Comunale grazie a diverse decine di sponsor privati. Doppio appuntamento con le kermesse musicali che saluteranno il vecchio anno e daranno il benvenuto a quello nuovo sulle note di Arisa il 30 dicembre (inizio alle ore 20) e il 31 (inizio alle ore 21) di Noemi, che si alternerà sul palco con Nino Frassica con i Los Plaggers. Agli eventi parteciperanno tanti artisti catanesi che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa, tra questi:  Salvo La Rosa, Ruggero Sardo, Gino Astorina, Giuseppe Castiglia, Marco Panzani, Seba, il gruppo François e le Coccinelle e Radio Studio Centrale. Per raggiungere Piazza Duomo è consigliato l’utilizzo dei mezzi pubblici: autobus e metropolitana. La metro sarà attiva domenica 30 dicembre fino all'01:00; lunedì 31 dicembre invece fino alle 2:30; i bus Amt delle linee Brt e Librino Express circoleranno fino alle 3:00 del mattino e i parcheggi scambiatori rimarranno aperti e funzionanti. Con effetto limitato nelle fasce orarie dalle ore 20 alle ore 24 di domenica 30 e dalle ore 14 del 31 dicembre alle ore 02:30 del 1 gennaio 2019 e comunque sino a cessate esigenze, è istituito il divieto di transito e fermata ambo i lati per tutti i veicoli, eccetto gli autorizzati, nelle seguenti vie: via Etnea, nel tratto compreso tra via Antonino di Sangiuliano e piazza Duomo, via Garibaldi, nel tratto compreso tra piazza Giuseppe Mazzini e piazza Duomo, via Vittorio Emanuele II, nel tratto compreso tra piazza San Francesco D’Assisi e piazza San Placido, piazza Università, piazza Duomo, Porta Uzeda, via Biscari, via Vasta, via Mancini, via Colleggiata, via Fragalà, via La Piana, via E. Reina, via Roccaforte, via Santa Maria del Rosario, via Raddusa, via Merletta. A seguito di precise disposizioni degli organi preposti alla sicurezza e all’ordine pubblico, l’organizzazione dei concerti di domenica 30 dicembre e di lunedì 31 dicembre, al fine di garantire la sicurezza del pubblico e uno svolgimento ordinato degli eventi, sono state previste una serie di importanti norme a cui gli spettatori dovranno attenersi: L’accesso al pubblico sarà consentito esclusivamente da via Etnea (lato Piazza Università) e da Via Vittorio Emanuele II (lato Duomo); per ragioni di ordine pubblico, gli ingressi saranno presidiati e controllati da personale di sicurezza, che dividerà gli spettatori in ingresso per file e anche per questa ragione è opportuno recarsi ai concerti con largo anticipo rispetto all’orario d’inizio. All'interno dell’area pubblico del concerto non sarà consentito: introdurre oggetti, strumenti e materiali illeciti, proibiti e pericolosi per la pubblica incolumità; portare valigie, zaini di dimensioni superiori ai 30cm di altezza, spray e liquidi di qualsiasi tipo, bastoni per i selfie, strumentazione foto, audio e video professionale o semi-professionale (GoPro); mezzi contundenti, bottiglie e contenitori di vetro e alluminio (le bevande contenute in bottiglie di plastica saranno private del tappo). Il sindaco ha emesso un’ordinanza che vieta la vendita e la somministrazione di bevande in vetro (viene previsto l’uso di bicchieri monouso in plastica) e i superalcolici di gradazione superiore ai 21 gradi. I divieti saranno in vigore in piazza Duomo, piazza Università e nelle vie limitrofe e fino ad un raggio di 200 metri, a partire dalle ore 20 del 30 dicembre alle ore 06 del 1 gennaio. I gestori degli esercizi commerciali che contravverranno alle disposizioni saranno sanzionati in base a quanto previsto dalla normativa. Le finalità di questi provvedimenti, in linea con i recenti provvedimenti legislativi, è quello di dare massima attenzione e priorità alla sicurezza del pubblico, grazie al presidio delle Forze dell'ordine, della security e delle unità di personale a cui i partecipanti potranno fare riferimento nell’ottica della collaborazione ai fini dell’ordinario svolgimento degli spettacoli.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 dic 2018

“Waterfront” di Catania, concorso internazionale di idee: si riaprono i termini

di Mobilita Catania

Nella prima settimana di gennaio verranno riaperti i termini e modificate le modalità di partecipazione del concorso internazionale di idee, rendendolo più aperto rispetto a quello presentato un anno fa, per la rigenerazione urbanistica dell'area che da Piazza Europa arriva sino alla zona del faro Biscari, attraverso un Masterplan che identifichi le principali componenti urbanistiche, paesaggistiche, architettoniche e funzionali nell’ottica della redazione del muovo Prg di Catania. Lo ha reso noto il sindaco Salvo Pogliese che insieme al Presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Orientale Andrea Annunziata e al direttore dell’Urbanistica Biagio Bisignani ha annunciato la pubblicazione, del nuovo bando per scegliere i tre migliori progetti per ridisegnare la fascia cittadina dove  ricadono i principali nodi e punti di contatto fra la rete ferroviaria e il Porto con la città: ”In pieno spirito di collaborazione con gli ordini professionali -ha spiegato il sindaco Salvo Pogliese abbiamo raccolto le loro sollecitazioni procedurali affinché vi sia una partecipazione larga per ricevere contributi e proposte più ampia possibile per definire una visione di città moderna e all’avanguardia nella prospettiva della Catania del futuro. In questa nostra visione di fare tornare Catania una città di mare, che è cardine dell’impostazione del nuovo Piano regolatore a cui stiamo lavorando e per questo il rapporto con l’Autorità Portuale assume un ruolo di grande valenza strategica, a cominciare dalla realizzazione di una nuova stazione marittima che elemento importante di un puzzle che ogni giorno stiamo componendo con entusiasmo, concretezza e determinazione”.  L’obiettivo dell’iniziativa è quello di creare un “concetto” funzionale e territoriale per una città metropolitana, rivitalizzare i significati della zona portuale in cui allocare la stazione marittima la club house per il comparto crocieristico e turistico, le aree dismesse della Cementeria, le infrastrutture ferroviarie, metropolitane e della mobilità come mostrano importanti esempi di altre città che hanno panificato il territorio con progettualità programmate. Il piano è assolutamente condiviso dal presidente dell’Autorità Portuale Andrea Annunziata che anzi ha sollecitato pubblicamente “la conclusione della procedura concorsuale entro Aprile così da portare il progetto alla convention internazionale sul turismo di Miami per indirizzare nuovi flussi  di visitatori americani a Catania”.   All’iniziativa promossa dal sindaco Salvo Pogliese e dal responsabile dell’urbanistica comunale Biagio Bisignani, hanno partecipato anche il presidente del consiglio comunale Giuseppe Castiglione, il presidente della commissione consiliare urbanistica Manfredi Zammataro, gli assessori Cantarella e Arcidiacono e numerosi professionisti, che nei loro interventi hanno sottolineato il concreto dialogo che si è avviato con la nuova Amministrazione Comunale. Contributi importanti che il sindaco ha subito recepito per proseguire rapidamente il lavoro di pianificazione urbanistica sono giunti anche dai vertici degli ordini professionali, Alessandro Amaro presidente Ordine Architetti Catania, Giuseppe Platania presidente Ordine Ingegneri Catania, Mauro Scaccianoce presidente Fondazione Ingegneri Catania. .

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 dic 2018

Eruzione Etna, situazione Aeroporto di Catania | AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

di Mobilita Catania

AGGIORNAMENTO 11:30 - 25 DICEMBRE Alle ore 13.00 l’Aeroporto di Catania torna totalmente operativo. Saranno riaperti tutti i settori dello spazio aereo. Così ha deciso l’Unita di Crisi riunita alle 11.30. AGGIORNAMENTO ORE 8.30 - 25 DICEMBRE Riaperta da qualche minuto una porzione dello spazio aereo. L’Aeroporto di Catania torna dunque parzialmente operativo. Sono consentiti 4 movimenti orari. L’Unita di Crisi torna a riunirsi alle 11.30. Info sui voli tramite le compagnie aeree e sui canali ufficiali: sito, app CTAairport e bot Telegram. AGGIORNAMENTO ORE 7 -25 DICEMBRE Questa mattina alle ore 6 si è riunito il Nucleo di Coordinamento Operativo (Nco), costituito da Enac, Enav, Aeronautica Militare e SAC  e, a causa delle persistente presenza di cenere vulcanica in atmosfera, ha deciso di mantenere ancora chiuso lo scalo. AGGIORNAMENTO ORE 21 SAC informa che dalle ore 21.30 di questa sera l’Aeroporto di Catania sarà chiuso. Contrariamente alle previsioni, la persistente attività dell’Etna e la presenza di cenere vulcanica in atmosfera, hanno reso indispensabile la decisione di chiudere lo scalo: niente arrivi né partenze per tutta la notte. Domattina, in vista del primo volo delle ore 6, si riunirà il Nucleo di Coordinamento Operativo (Nco), costituito da Enac, Enav, Aeronautica Militare e SAC, che deciderà le eventuali variazioni sull’operativo della giornata. Si precisa che il 25 dicembre è un giorno che presenta pochissimi voli programmati (una ventina, circa le partenze). Completamente chiuso il Terminal C in assenza di voli easyJet. Eventuali variazioni ai voli – comunicate dalle compagnie aeree - sono anche consultabili sul tabellone pubblicato sul sito dell’Aeroporto di Catania, sull’app ufficiale e sul bot Telegram. Modifiche all’attività dello scalo saranno comunicate anche sui profili ufficiali di Facebook e Twitter. AGGIORNAMENTO ORE 20 SAC informa che dalle ore 20 di questa sera l’Aeroporto di Catania torna regolarmente operativo con l’apertura totale dello spazio aereo, parzialmente chiuso dalle prime ore di questo pomeriggio a causa dell’attività dell’Etna e della presenza di cenere vulcanica in atmosfera. Atterraggi e decolli come da tabellone anche se saranno inevitabili dei ritardi, conseguenti alle limitazioni dei movimenti orari: la situazione, tuttavia, andrà gradatamente a normalizzarsi. Eventuali variazioni ai voli – comunicate dalle compagnie aeree - sono anche consultabili sul tabellone pubblicato sul sito dell’Aeroporto di Catania, sull’app ufficiale e sul bot Telegram. Modifiche all’attività dello scalo saranno comunicate anche sui profili ufficiali di Facebook e Twitter.   Alle 18 la SAC ha comunicato che sono confermate le limitazioni operative ai voli in arrivo e in partenza decise dall’Unità di Crisi alle ore 15 in seguito alla presenza di cenere vulcanica in atmosfera. Resta aperta una porzione di spazio aereo e i movimenti mantengono la limitazione di 4 arrivi ogni ora. Questa la decisione dell’Unità di Crisi riunitasi alle ore 17. Tre i voli dirottati (Palermo, Comiso Malta) e uno cancellato (Lampedusa). Inevitabili i ritardi sull’operativo e i disagi per passeggeri e accompagnatori. SAC invita tutti coloro che devono mettersi in viaggio per raggiungere l’Aeroporto di Catania - per partire o per accogliere passeggeri in arrivo - a verificare lo stato del proprio volo contattando le singole compagnie aeree che, in base alla rotazione degli aeromobili, potrebbero anche cancellare il volo. Eventuali variazioni ai voli – comunicate dalle compagnie aeree - sono anche consultabili sul tabellone dei voli pubblicato sul sito dell’Aeroporto di Catania, sull’app ufficiale e sul bot Telegram. Modifiche all’attività dello scalo saranno comunicate anche sui profili ufficiali di Facebook e Twitter.

Leggi tutto    Commenti 0