Articolo
27 lug 2021

Inaugurata la fermata metro Cibali: accesso gratuito fino a domenica 8 agosto

di Andrea Tartaglia

Come da programma, oggi è stata inaugurata e successivamente aperta al pubblico la nuova stazione della metropolitana di Catania "Cibali", nell'omonimo quartiere, con accessi in via Galermo e in via Bergamo. Alle autorità presenti alla cerimonia d'inaugurazione, sono seguiti tanti cittadini e specialmente residenti del quartiere che, dopo aver convissuto con i lavori in corso (e a lungo fermi) per numerosi anni, possono finalmente poter usufruire di questa importante infrastruttura. Per loro, e per chiunque accederà alla metro da questa stazione, la metropolitana sarà gratuita sino a domenica 8 agosto inclusa. Per accedere a tutte le altre nove stazioni bisognerà essere regolarmente muniti di titolo di viaggio. Dal punto di vista architettonico, la fermata metro di Cibali è molto simile alle "sorelle" Milo, San Nullo e Nesima, insieme alle quali, in realtà, avrebbe dovuto essere stata aperta già nel 2017. Ma la vicinanza dello stadio "Angelo Massimino" ha fatto sì che fosse presente un evidente richiamo alle gesta calcistiche cittadine, così nel piano mezzanino sono state inserite grandi diciture in tinte rossazzurre e pittogrammi riferiti al calcio. La metropolitana di Catania, con il nuovo orario ridotto a seguito della pandemia, è aperta dalle 6:40 del mattino (prima corsa da Nesima) alle 21:10 (ultima corsa da Stesicoro), tutti i giorni, festivi compresi, con frequenze di treni ogni 10 minuti dalla 6:40 alle 15:10 da lunedì a venerdì, e di treni ogni 15 minuti nella restante fascia oraria, di sabato e nei festivi. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania Metropolitana, entro l'anno il primo dei nuovi treni  

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
27 lug 2021

Catania, da oggi anche il quartiere di Cibali ha la sua fermata metro operativa

di Andrea Tartaglia

Come annunciato nei giorni scorsi, è giunto il momento tanto atteso dagli abitanti e fruitori di un popoloso quartiere della città di Catania: Cibali. Oggi, 27 luglio 2021, apre la nuova fermata della metropolitana sita in via Galermo, in corrispondenza della fermata di superficie della Ferrovia Circumetnea, con due ulteriori accessi/uscite anche in via Bergamo, dove sono presenti pure gli ascensori. L'apertura al pubblico esercizio alle ore 12:00, dopo la cerimonia di inaugurazione in presenza di autorità cittadine e non solo: a tagliare il nastro sarà il sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, accompagnato dai vertici della Fce e dal sindaco di Catania. Era il 31 marzo 2017 quando aprì la tratta Borgo-Nesima, 3,1 km lungo i quali sorge la fermata "Cibali" che, all'iniziale ritardo dovuto a problemi di natura idrogeologica, ha dovuto sommare i successivi e più sostanziali rallentamenti causati dalla crisi dell'impresa affidataria (cambiata in corso d'opera) e, infine, pure dalla pandemia con le relative complicazioni in termini di approntamenti in ambito di salute e sicurezza sul lavoro. L'attesa è finita, nei treni e nelle mappe della metropolitana di Catania può finalmente essere rimossa l'etichetta "prossima apertura - opening soon" che da più di quattro anni figurava accanto al nome di "Cibali". Nome che evoca anche ai non catanesi il famoso stadio polisportivo che per decenni ha portato il nome del quartiere, poi intitolato ad Angelo Massimino, che da questa stagione sarà finalmente servito appieno dalla metropolitana, con la fermata di Cibali, appunto, e anche con la già aperta fermata "Milo" di via Bronte, a seconda del settore dello stadio di interesse. Da oggi, la linea metropolitana di Catania Nesima-Stesicoro, lunga 7 km, a doppio binario e interamente sotterranea, conta su dieci fermate: partendo da nord-ovest sono Nesima, San Nullo, Cibali, Milo, Borgo, Giuffrida, Italia, Galatea, Giovanni XXIII e Stesicoro, in pieno centro. Resta purtroppo chiusa la diramazione Galatea-Porto, 1,8 km in superficie e a binario unico, e con essa la fermata presso lo scalo portuale. Cibali, così, si eleva tra i quartieri privilegiati di Catania a essere serviti dalla metropolitana. L'attenzione adesso si sposta, da un lato, sul completamento della tratta Nesima-Monte Po, previsto per il 2022, con le nuove stazioni in via di completamento di Fontana (nuovo Ospedale Garibaldi) e Monte Po e, dall'altro lato, sulla prossima ripresa dei lavori della tratta Palestro-Stesicoro, il cui scavo del tunnel è fermo (ripartenza prevista in autunno) in attesa della messa in sicurezza della palazzina parzialmente crollata in via Castromarino e a seguito del quale potrà partire anche il completamento del resto della linea sino all'aeroporto: scalo che, da programma, sarà raggiungibile in metro dal 2026, mentre da marzo scorso è raggiungibile anche attraverso il passante ferroviario. La "cura del ferro" per Catania, pur se a volte a rilento, va avanti. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania Inaugurata la fermata metro Cibali: accesso gratuito fino a domenica 8 agosto Metropolitana, entro l'anno il primo dei nuovi treni  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 lug 2021

Metro Cibali, finalmente aperta al pubblico dal 27 luglio

di Andrea Tartaglia

La data - precisa: giorno e orario - finalmente c'è. Dopo quasi quattro anni e quattro mesi di attesa, tanto è il tempo passato dall'inaugurazione della tratta Borgo-Nesima, è giunta l'ora dell'apertura al pubblico della fermata Cibali della metropolitana di Catania: martedì 27 luglio, alle ore 12:00. Alla presenza del sindaco Salvo Pogliese, dell’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Marco Falcone, del Direttore Generale della Fce Salvatore Fiore, del Gestore della Fce Angelo Mautone e del Sottosegretario di Stato per le Infrastrutture e la mobilità sostenibile Giancarlo Cancelleri, che procederà materialmente al taglio del nastro inaugurale, sarà ufficialmente aperta al pubblico la nuova fermata metro di Cibali. Il programma della tanto attesa apertura prevede, a partire dalle ore 10:30, il raduno di invitati e giornalisti nella stazione della metropolitana Giovanni XXIII e alle ore 11:00 di prendere un treno speciale in direzione Nesima, che per la prima volta effettuerà la fermata di Cibali, dove giungerà alle ore 11:15. Qui si scenderà e si visiterà la stazione all'interno e all'esterno, prima di un un breve incontro tra le autorità istituzionali e i convenuti nello spazio in superficie della fermata della Circumetnea, di fresca riqualificazione. L'apertura all'esercizio pubblico della fermata è fissata per mezzogiorno. Problemi, ritardi, attese e rinvii: dai problemi tecnici a quelli societari, certamente non è stata agevole la storia della realizzazione di questa fermata, sita in via Galermo, in corrispondenza della stazione omonima della Ferrovia Circumetnea, con accesso e uscita anche nella vicina via Bergamo. Una fermata che servirà il popoloso quartiere di Cibali, nella zona compresa tra la circonvallazione e lo Stadio "Angelo Massimino": impianto (specialmente Curva Nord e Tribuna A) che dal prossimo campionato, dunque, sarà maggiormente accessibile ai tifosi, per i quali anche la fermata Milo rappresenta una valida alternativa (quest'ultima, particolarmente per i settori della Tribuna B e della Curva Sud). Da martedì 27 luglio, dunque, i treni in corsa lungo la tratta di sette chilometri a doppio binario Nesima-Stesicoro, interamente sottoterra, provvederanno a effettuare la fermata anche qui, cominciando così a ripagare anche i sacrifici dei residenti della zona, che per parecchi anni hanno dovuto convivere con un cantiere che sembrava infinito. Ma l'attesa è finalmente giunta al termine e per gli utenti di Cibali sarà ora possibile raggiungere il cuore di Catania in poco più di dieci minuti. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania Metro Cibali, lavori completati Metropolitana, entro l'anno il primo dei nuovi treni

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
24 giu 2021

Metropolitana, torna l’apertura nei giorni festivi

di Andrea Tartaglia

A partire da domenica 27 giugno la metropolitana di Catania tornerà a essere operativa anche nei giorni festivi, così come era prima dell'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da SarsCov2. Il caso vuole che questo piccolo passo verso il ritorno alla piena normalità avvenga proprio nel giorno del 22° anniversario della metropolitana (inaugurata il 27 giugno 1999). Adesso, quindi, la metropolitana è nuovamente aperta tutti i giorni della settimana, domenica compresa e com'è giusto che sia, anche se purtroppo rimane ancora limitato l'orario di esercizio nella fascia serale, con ultima corsa da Stesicoro per Nesima alle ore 21 (prima della pandemia era alle 22, e per alcune settimane ci fu anche l'apertura serale prolungata nei fine-settimana, di cui si attende il ripristino). L'orario di esercizio nei giorni festivi sarà 8:30-21:00 con corse ogni 15 minuti. In particolare, la prima corsa festiva da Nesima parte alle ore 8:30 e la prima corsa da Stesicoro alle ore 8:55, mentre l’ultima corsa festiva da Nesima è alle ore 20:30 e da Stesicoro alle ore 21:00. Nei giorni feriali, l'apertura è alle ore 6:40 con frequenza di dieci minuti sino alle ore 15:00 e di quindici minuti sino a termine esercizio. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell'opera Catania, Google Maps e la metro che non c'è Metropolitana da Misterbianco a Paternò inserita nel Pnrr Fermata Cibali della metropolitana, conto alla rovescia per l'apertura  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 dic 2020

Metropolitana, tratta Monte Po-Nesima a pieno regime, a marzo Cibali e scavo tunnel per Stesicoro

di Andrea Tartaglia

Ieri, la riapertura al traffico di una carreggiata della circonvallazione in viale Felice Fontana, a Catania, sotto al quale è in costruzione l'omonima fermata della metropolitana che servirà il vicino ospedale Garibaldi di Nesima, è stata l'occasione "esteriore" per la notizia in realtà più importante per il prossimo futuro della città, nell'ambito del trasporto pubblico, e cioè che la CMC di Ravenna, dopo un lungo periodo di impasse, ha finalmente ripreso a pieno ritmo i lavori per il completamento della tratta Nesima-Monte Po della metropolitana. Da questo momento, infatti, scatta il nuovo conto alla rovescia di un anno per vedere finalmente aperti al pubblico questi nuovi 1700 metri di metro con le due nuove, fondamentali, stazioni che saranno le più grandi e imponenti della linea Monte Po-Stesicoro. Qui è anche cominciata la posa dei binari e rimangono da realizzare gli impianti. Da un Natale decisamente sottotono, quello che ci accingiamo a vivere, con la metro sottoutilizzata in regime di emergenza sanitaria, a quello del 2021 che porta così con sé un carico di speranze: il superamento della pandemia e il conseguente ritorno dell'utenza in metropolitana, corroborato -nel mezzo- dall'apertura della fermata Cibali, prevista tra febbraio e marzo, e, nello stesso periodo, dalla ripresa dello scavo del tunnel Palestro-Stesicoro. Per quest'ultimo, il Direttore Generale della Fce, Ing. Salvatore Fiore, conferma il cronoprogramma che vede per la fine di questo inverno la ripresa dello scavo della galleria in direzione Stesicoro con la TBM, la talpa attualmente ferma in corrispondenza di via Castromarino, a seguito della messa in sicurezza dell'immobile soprastante parzialmente crollato nel gennaio scorso, togliendo purtroppo il tetto ad alcune famiglie. Trovano dunque conferma le tempistiche e le prospettive rilasciate dai vertici della Ferrovia Circumetnea un mese addietro. Nel programma di sviluppo della metropolitana, nel medio termine, rientrano anche il lotto Monte Po- Misterbianco Centro, lungo 2,2 km con ulteriori due stazioni, di cui è in fase di definizione la gara per l’affidamento dei lavori, nonché il prolungamento della linea da Stesicoro all’aeroporto, per ulteriori 7 km e otto nuove stazioni, per il quale si prevede di sottoscrivere il contratto con l’appaltatore, il Consorzio Medil, entro il primo trimestre 2021 con l'obiettivo di completare i lavori entro il 2025. Per quell'anno, salvo imprevisti, la linea della metropolitana si estenderà per quasi 20 km con ventitré stazioni da Misterbianco a Fontanarossa, passando per il centro di Catania. Da Misterbianco, poi, la metropolitana dovrà giungere a Paternò entro il triennio successivo, con una tratta (stavolta prevalentemente in superficie) di altri 12,2 km di doppio binario, compresa la tratta finale fino al nuovo deposito-officina. Per allora, la metropolitana di Catania potrà contare su una linea di quasi 32 km e ben 29 stazioni. In copertina, il piano binari della fermata Fontana Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Metropolitana, 2020 da dimenticare ma l’anno prossimo apre Cibali e partono i lavori per l’aeroporto Metropolitana, treni nuovi in arrivo (in lieve ritardo) e sistema informativo presto migliorato Cantiere metropolitana, riapre al traffico carreggiata di viale Fontana in circonvallazione Passante Ferroviario di Catania  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 dic 2020

Metropolitana, orari di esercizio per le domeniche 13, 20 e 27 dicembre 2020

di Andrea Tartaglia

In attesa che l'apertura nei giorni festivi della metropolitana di Catania torni ad essere la normalità, dopo la sospensione di tale esercizio a seguito dell'emergenza sanitaria e del corrispondente calo vistoso dell'utenza, nelle prossime domeniche 13, 20 e 27 dicembre la metro tornerà ad essere aperta, con prima corsa alle ore 8:30 dal capolinea di Nesima e ultima corsa alle ore 21:00 dal capolinea di Stesicoro. I treni correranno ogni 15 minuti in entrambe le direzioni. Il provvedimento, piccolo segnale di ripresa, è stato preso anche alla luce dell'attuale alta frequentazione, in particolare, del centro storico, come si è visto già martedì scorso, festa dell'Immacolata, con i quartieri centrali molto affollati e traffico in superficie congestionato. In quell'occasione, la metropolitana era rimasta chiusa. La Ferrovia Circumetnea raccomanda di attenersi alle consuete regole atte a limitare le possibilità di contagio da Sars-Cov2, rispettando la segnaletica presente nelle stazioni e nei treni. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Metro, 2020 da dimenticare ma l'anno prossimo apre Cibali e partono i lavori per l'aeroporto A fine 2021 arriveranno i primi treni nuovi della metropolitana Passante Ferroviario di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mag 2020

Coronavirus | Riapre la metropolitana dopo due mesi di stop. Precauzioni e distanziamento sociale

di Andrea Tartaglia

Dopo ben due mesi di "storico" stop (dallo scorso 13 marzo) a causa della pandemia da Sars-CoV2 , lunedì 11 maggio la metropolitana di Catania riaprirà finalmente i battenti. La più efficiente infrastruttura di trasporto pubblico in Sicilia tornerà dunque a offrire il suo prezioso servizio, seppur rivolgendosi a un'utenza ancora ridotta rispetto a quella tradizionale, giacché scuole e università sono chiuse e non tutte le attività commerciali sono riaperte. Nonostante ciò, l'importanza di garantire il servizio di trasporto pubblico ha prevalso sulle innegabili ripercussioni economiche negative: sanificare quotidianamente treni e stazioni, apporre nuova, apposita segnaletica ed effettuare controlli e monitoraggi continui, a fronte di una minore bigliettazione, rappresenta certamente un sforzo importante da parte della Ferrovia Circumetnea, ente che gestisce la metropolitana. Ma è giusto così: bisogna scoraggiare il più possibile l'uso dell'auto privata, per evitare congestione e inquinamento e salvaguardare la qualità dell'ambiente urbano, e offrire un valido supporto al servizio dei bus urbani dell'Amt, già in difficoltà a causa delle ridotte capacità dei mezzi a fronte di una domanda di trasporto ancora importante. Non sarà, in ogni caso, un ritorno alla normalità: dovranno essere rispettate tutte le regole di contingentamento e distanziamento sociale imposte dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. La capacità di ogni convoglio, che normalmente è di 442 passeggeri, sarà limitata a poche decine di unità: solo 36 posti a sedere in tutto il treno (come mostra la foto in copertina, adesivi indicheranno dove non sarà consentito sedersi) a cui si aggiungeranno quasi altrettanti posti in piedi: 66 posti la capienza totale. Per accedere sarà obbligatorio indossare mascherine, mentre l'impiego di guanti sarà raccomandato. I flussi di passeggeri saranno separati in entrata e in uscita, secondo un piano di utilizzo esclusivo di alcuni varchi e delle rampe di accesso alle stazioni, come da segnaletica in loco. In banchina, speciali indicazioni sul pavimento indicheranno all'utenza dove attendere il treno, per evitare assembramenti. La frequenza sarà limitata a corse ogni 15 minuti in prima fascia oraria (sino alle 15:00) e ogni 20 minuti in quella pomeridiana, con orario di esercizio ridotto e rimodulato dalle 6:40 alle 21, orario dell'ultima corsa in partenza da Stesicoro. Qualora si rendesse necessario, in base all'affluenza, sarà possibile migliorare la frequenza in tempo reale, a fronte di un'eventuale domanda non soddisfatta dalla turnazione iniziale prevista. Torna, infine, la chiusura nei giorni festivi. Per tornare alle scene che erano divenute una piacevole consuetudine, cioè quella di una metro affollata e aperta tutti i giorni in orari più ampi e con migliori frequenze, bisognerà, con ogni probabilità, aspettare settembre e la riapertura di scuole e Università. Sperando che, nel frattempo, l'emergenza sanitaria possa stabilizzarsi nella fase di "convivenza" con il coronavirus sotto controllo, in attesa del vaccino. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante ferroviario di Catania Parcheggio scambiatore Santa Sofia  

Leggi tutto    Commenti 0