Articolo
27 giu 2019

Oggi la metropolitana di Catania compie 20 anni. E sabato si viaggia gratis

di Andrea Tartaglia

27 giugno 1999 - 27 giugno 2019: non sembrerebbe, ma sono passati già vent'anni da quando la metropolitana di Catania, l'unica infrastruttura del genere in Sicilia, è stata inaugurata in una assolata mattinata all'inizio dell'estate 1999. Una metropolitana che, in principio, poteva contare appena su 3,8 km di linea e sei stazioni: quattro interrate (Borgo, Giuffrida, Italia e Galatea) e due in superficie (FS, sostituita nel 2016 da Giovanni XXIII, e Porto), mentre il materiale rotabile era costituito, in totale, da tre vecchie automotrici provenienti dalla Ferrovia Centrale Umbra, riattate per il servizio metropolitano. All'inaugurazione erano presenti l'allora sindaco della città, Enzo Bianco, e il Ministro dei Trasporti del governo D'Alema I, Tiziano Treu. Ecco il servizio del TG3 andato in onda esattamente venti anni fa:   La metropolitana aprì il suo esercizio al pubblico, dopo un breve periodo di pre-esercizio, l'11 luglio successivo. Un biglietto semplice costava 1.500 lire (77 centesimi di euro) e considerando che, oggi, un biglietto da 90 minuti costa appena un euro, non si può certo dire che il prezzo abbia subìto un rincaro considerevole. Ciò che ha subìto un progresso decisamente significativo, invece, è l'utenza della metropolitana: fino al 2016, infatti, complice l'esiguità della linea e il mancato collegamento col centro storico e con le periferie, la metro etnea "vantava" numeri piuttosto bassi, appena alcune centinaia di migliaia di passeggeri annui. Negli ultimi anni, invece, con l'apertura di Giovanni XXIII e Stesicoro a dicembre 2016 e, quindi, di Milo, San Nullo e Nesima a marzo 2017, il numero dei frequentatori della metro catanese è notevolmente aumentato, superando i 3.400.000 nel 2017 e avvicinandosi ai 5.800.000 nel 2018. Anche in questo primo scorcio di 2019, il trend è positivo con utenza in ulteriore aumento. Non è un caso, quindi, che per molti catanesi la metropolitana sia un'abitudine decisamente più giovane dei venti anni compiuti. La Ferrovia Circumetnea, che gestisce la metropolitana di Catania, sabato 29 giugno illustrerà alcune novità, di prossima attuazione, riguardanti il servizio della metropolitana. Appuntamento alle ore 11, nella stazione metropolitana Giovanni XXIII, dove il Sindaco Salvo Pogliese, il Gestore della Ferrovia Circumetnea, Angelo Mautone, il Direttore Generale del Dipartimento Trasporti MIT Virginio Di Giambattista, il Direttore Generale FCE Salvatore Fiore e quello d’esercizio Sebastiano Gentile ripercorreranno la storia della metropolitana di Catania e, soprattutto, presenteranno il piano di sviluppo dell’intero progetto. Nel corso della stessa conferenza stampa, a cui saranno presenti anche il direttore generale dell’Università di Catania Candeloro Bellantoni, il delegato del Rettore per la mobilità Giuseppe Inturri e il presidente dell’AMT Giacomo Bellavia, verranno resi noti importanti e imminenti aggiornamenti del servizio della metropolitana a favore dell’utenza, nell’ottica dell’incremento dell’utilizzo del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile. Nella stessa giornata sarà anche possibile effettuare visite guidate nella DCO (Direzione Centrale Operativa) presso la stazione Borgo, previa prenotazione al numero telefonico 095 541250; mentre nella stazione Stesicoro, al binario 1, dalle 9 alle 13 sarà disponibile un treno per permettere al pubblico di accedere alla cabina di guida degli elettrotreni. Con l'occasione, per festeggiare i primi venti anni di metro all'ombra del Liotro, nell'intero orario di esercizio di sabato 29 giugno si viaggerà gratis in metropolitana. Consultabile attraverso questo link, tutta la storia e le prospettive future della prima metropolitana siciliana: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera. Foto di copertina: Ferrovia Circumetnea - Metropolitana di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 giu 2019

Monte Po, si lavora per gli accessi della nuova stazione metro: modifiche alla viabilità nel quartiere

di Andrea Tartaglia

I lavori della tratta metropolitana Nesima-Monte Po, portati avanti dall'impresa Cmc di Ravenna, in concordato preventivo, nelle ultime settimane sono ripresi con buona lena e in questa fase procedono alacremente per completare le due nuove stazioni di Monte Po e Fontana e per chiudere il pozzo di estrazione della talpa lungo la circonvallazione. Quest'ultimo intervento è ormai prossimo alla conclusione: nelle prossime settimane, da cronoprogramma entro luglio, il tratto di viale Felice Fontana compreso tra via Antonio Pacinotti e via Padre Angelo Secchi tornerà all'assetto originario, senza l'attuale restringimento su entrambe le carreggiate. Dureranno ancora per diversi mesi, invece, le deviazioni per la realizzazione della stazione Fontana, all'altezza dell'ospedale Garibaldi di Nesima. Questa stazione, infatti, è stata l'ultima per la quale i lavori sono cominciati e, quindi, è anche quella dove c'è maggior lavoro da completare. In stadio più avanzato, invece, la realizzazione della stazione di Monte Po, che se fino ad ora non aveva avuto alcun impatto sul traffico, grazie alla posizione defilata rispetto agli assi stradali limitrofi, adesso comporterà invece delle modifiche alla viabilità nel quartiere, necessarie per permettere la realizzazione di due accessi (che fungeranno anche da sottopassaggio della strada statale) in via Lizio Bruno Litterio e in largo Alberto Favara, dove sorgeranno rispettivamente le entrate/uscite D e A. Per questa ragione, sino al 30 maggio 2020 o comunque fino a termine esigenze, è istituito divieto di transito (eccetto addetti ai lavori) nelle seguenti strade: in via Palermo, per 150 metri dalla rotatoria di Monte Po verso est; in via Letterio Lizio Bruno, per 60 metri da via Gaetano Di Giovanni verso nord; in via Serafino Amabile Guastella, per circa 50 metri verso nord. Il traffico proveniente dala rotatoria di Monte Po e diretto in via Palermo, sarà deviato lungo le vie Serafino Amabile Guastella, via Gaetano Di Giovanni e via Letterio Lizio Bruno. Nell'area interessata è stata già disposta apposita segnaletica. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera FOTO | Dentro le nuove stazioni metro di Monte Po e Fontana, avanzano i lavori    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2019

Tutti invitati al compleanno della metropolitana di Catania!

di Mobilita Catania

Si avvicina il giorno del 20° anniversario dell'inaugurazione della metropolitana di Catania, avvenuta il 27 giugno del 1999 alla presenza del Ministro dei Trasporti Tiziano Treu e dell'allora Sindaco della città, Enzo Bianco. Per l'importante ricorrenza, la Ferrovia Circumetnea, che gestisce la metropolitana di Catania, festeggerà il compleanno dell'infrastruttura con diverse iniziative e dedicando un'intera giornata -sabato- a parlare del passato, del presente e soprattutto del futuro della metro etnea. Sabato 29 giugno, infatti, alle 11, nella stazione metropolitana Giovanni XXIII, il Sindaco Salvo Pogliese, il Gestore della Ferrovia Circumetnea, Angelo Mautone, il Direttore Generale del Dipartimento Trasporti MIT Virginio Di Giambattista, il Direttore Generale FCE Salvatore Fiore e quello d’esercizio Sebastiano Gentile presenteranno ai giornalisti e alla Città i nuovi piani di sviluppo dell’intero progetto della metropolitana di Catania. Nel corso della stessa conferenza stampa, a cui saranno presenti anche il direttore generale dell’Università di Catania Candeloro Bellantoni, il delegato del Rettore per la mobilità Giuseppe Inturri e il presidente dell’AMT Giacomo Bellavia, verranno resi noti importanti e imminenti aggiornamenti del servizio della metropolitana a favore dell’utenza, nell’ottica dell’incremento dell’utilizzo del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile. Con l'occasione, per festeggiare i primi venti anni di metro all'ombra del Liotro, nell'intero orario di esercizio di sabato 29 giugno si viaggerà gratis in metropolitana. Nella stessa giornata sarà anche possibile effettuare visite guidate nella DCO (Direzione Centrale Operativa) presso la stazione Borgo, chiamando per prenotarsi al numero telefonico 095 541250; mentre nella stazione Stesicoro, al binario 1, dalle 9 alle 13 sarà disponibile un treno per permettere al pubblico di accedere alla cabina di guida degli elettrotreni. Consultabile attraverso questo link, tutta la storia e le prospettive future della prima metropolitana siciliana: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 giu 2019

Metropolitana, al via i lavori per le nuove scale mobili nelle stazioni Italia e Borgo

di Mobilita Catania

Le stazioni Italia e Borgo della metropolitana di Catania sono le più trafficate tra le quattro sotterrane operative dal 1999: Borgo, Giuffrida, Italia e Galatea. Borgo e Italia, però, soffrivano -e per il momento soffrono ancora- del cronico guasto di alcune scale mobili, pertanto inutilizzabili, con un certo disagio per l’utenza che da tempo reclama provvedimenti in tal senso. Al riguardo, il bando di gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione delle nuove scale mobili in queste stazioni è stato aggiudicato nello scorso settembre dalla Kone SpA di Pero (MI) per un importo complessivo di circa 430 mila euro. Stamane sono cominciati i lavori di isolamento e messa in sicurezza degli accessi alle stazioni metro Borgo e Italia, per quanto riguarda le uscite rispettivamente su via Etnea e su via Oliveto Scammacca (foto di copertina), angolo via Firenze. Lavori propedeutici alla rimozione delle vecchie scale mobili, che sarà eseguita entro una settimana. Per consentire un corretto svolgimento dei lavori in condizioni di sicurezza, la direzione Lavori Pubblici del Comune di Catania ha emesso un'ordinanza con la quale viene istituito divieto di sosta con rimozione coatta in via Etnea (in verità, formalmente già in vigore su tutto il lato est di via Etnea interessato) e divieto di transito ai pedoni nel tratto di marciapiede in corrispondenza con l'accesso alla stazione Borgo della metropolitana dalle ore 22:00 del 20 giugno alle ore 6:00 del 21 giugno; analogamente con decorrenza dalle ore 22 del 24 giugno alle ore 6 del 25 giugno sarà in vigore divieto di transito per tutti i veicoli  in via Oliveto Scammacca, nel tratto compreso tra Corso delle Province e via Firenze, nonché divieto di sosta con rimozione coatta in via Firenze, all'altezza dell'incrocio con via Oliveto Scammacca e per 26,50 metri, verso est (direzione viale Vittorio Veneto). I lavori cominciati consistono nella rimozione delle vecchie scale mobili guaste. Entro i successivi centosessanta giorni, da contratto, dovranno essere installate le nuove scale mobili. Entro fine novembre, dunque, la metropolitana di Catania eleverà la qualità della sua accessibilità, che nei prossimi mesi è destinata a migliorare ulteriormente, nella considerazione che contestualmente saranno installati percorsi tattili orizzontali e verticali in tutte le stazioni che ne sono ancora prive. È in corso di definizione la gara per la sostituzione di tutti gli ascensori delle stazioni datate anni ’90, che addirittura non sono mai stati funzionanti, ma in questo caso si registra un rallentamento nell'iter a causa di un contenzioso in corso. Foto di Simone Serpotta Ti potrebbe interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2019

Metropolitana, al via l’automazione dei treni e da settembre apertura domenicale

di Mobilita Catania

Dal primo giugno scorso è partito il pre-esercizio dei nuovi sistemi di sicurezza installati sui treni della metropolitana di Catania. Si tratta di un sistema di controllo di vigilanza attiva a bordo che va oltre l’intervento umano da parte dei macchinisti e di cui sono già dotati, ad esempio, i treni Vulcano del servizio di superficie. Questo sistema verifica continuamente l’efficienza del macchinista in cabina e, in caso di anomalie, attiva automaticamente un sistema di allarme fino, eventualmente, all’arresto autonomo del treno. Dal 1° luglio, infatti, i treni della metropolitana etnea saranno guidati da un solo macchinista e non più da due, come allo stato attuale. Oltre a elevare gli standard di sicurezza della metro, una conseguenza pratica (e agognata) per gli utenti sarà, finalmente, l'apertura domenicale, che sarà garantita a partire dalla fine del mese di settembre, grazie all'ottimizzazione dell'impiego delle risorse umane consentita dai nuovi dispositivi, salvo eventuali imprevisti in fase di pre-esercizio o collaudo che dovessero richiedere maggiore tempo per la messa a punto. Ti potrebbero interessare... Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Metropolitana di Catania, a breve l’apertura domenicale e migliorie al servizio

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
06 giu 2019

Il giro d’Italia in metropolitana de Lo Stato Sociale fa tappa a Catania

di Mobilita Catania

Arriva a Catania, in metropolitana, "Lo Stato Sociale", la nota band italiana capitanata da Lodo Guenzi. Il gruppo ha infatti deciso di lanciare il suo nuovo singolo, "DJ di m****", con un Giro d'Italia in... metropolitana e l'insolito tour, quindi, non poteva non passare da Catania, scelta come tappa conclusiva dopo Genova (ieri sera), Torino, Milano, Brescia, Roma e Napoli. Stasera, entro 24 ore dall'inizio del tour, il viaggio nell'unica metropolitana della Sicilia, con festeggiamenti a seguire da "Jonathan", nota panineria del lungomare del capoluogo etneo, come rivelano i componenti del gruppo in un'intervista a Leggo.it. La band giungerà a Catania in aereo da Napoli intorno alle 20:30 e subito si recherà presso la stazione Stesicoro per dare vita alla simpatica iniziativa promozionale (probabilmente prendendo l'ultima corsa). Lo Stato Sociale è un gruppo musicale italiano nato nel 2009, formato da tre DJ di Radiocittà Fujiko di Bologna: Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi e Alberto Guidetti. Nel 2011 la formazione viene ampliata a quintetto con l'ingresso di Enrico Roberto e Francesco Draicchio e nel 2018 si è fatta conoscere al grande pubblico partecipando al Festival di Sanremo e aggiudicandosi il 2º posto con la canzone Una vita in vacanza. La voce del gruppo, Lodo Guenzi, è stato anche giudice di X-Factor nella scorsa edizione, dove ha sostituito Asia Argento.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 giu 2019

La metropolitana di Catania si fa grande: approvato il progetto della tratta fino a Paternò

di Mobilita Catania

Ieri è stato approvato in commissione regionale VIA il progetto da 285 milioni della metropolitana da Misterbianco a Paternò, passando per Belpasso, tappa fondamentale che arriva dopo la progettazione preliminare, iniziata nel 2017, e operata dalla Ferrovia Circumetnea. Grazie al via libera di ieri, sarà possibile richiedere  il finanziamento al Ministero delle Infrastrutture per la tratta Belpasso-Paternò, secondo lotto della tratta Misterbianco-Paternò. Il primo lotto Misterbianco-Belpasso ha ricevuto, a fine 2017, un finanziamento di 115 milioni di euro dal CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) grazie ad un’integrazione a una delibera del 2016. "Il progetto Misterbianco-Belpasso-Paternò passerà adesso al vaglio del Dipartimento dell'Urbanistica per l'approvazione della relativa variante. Poi, entro l'anno, Fce redigerà il progetto definitivo e così, entro il primo semestre 2020, avremo la possibilità di mandarlo in gara", ha commentato l'assessore alle infrastrutture Marco Falcone "Il Governo regionale intende lavorare per garantire al grande progetto della metropolitana di Catania una marcia spedita verso il suo completamento entro cinque anni", ha concluso il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. La tratta avrà una lunghezza di 11,541 km e sarà in parte in galleria e in parte in superficie a carattere suburbano-metropolitano. Le stazioni previste saranno cinque, più la stazione di Misterbianco che però rientra già in un altro appalto, in una fase più avanzata rispetto a quella di questa tratta: Misterbianco Gullotta Belpasso Valcorrente Giaconia Ardizzone Stazione Misterbianco La stazione di Misterbianco sarà collocata in prossimità dell’incrocio tra via Garibaldi e via Matteotti e avrà quattro ingressi, uno in Piazza Dante, uno in via Antonio Gramsci e due in via Matteotti. Stazione Gullotta La fermata Gullotta si troverà nel territorio di Misterbianco, nei pressi dell’Auditorium Nelson Mandela. Insieme a questa fermata dovrebbe essere realizzato un nuovo svincolo nella statale 121 che metterà in comunicazione diretta sia la fermata della metropolitana che la zona di espansione ovest di Misterbianco detta “Toscano”. Stazione Belpasso La stazione di Belpasso si troverà nel territorio di Belpasso, nella frazione di Piano Tavola, e coinciderà con l’attuale stazione della FCE a scartamento ridotto. Stazione Valcorrente La fermata di Valcorrente si troverà nel territorio di Belpasso e sarà a cielo aperto. Sarà localizzata proprio a fianco del centro commerciale EtnaPolis. Stazione Giaconia La fermata di Giaconia si troverà nel territorio di Belpasso all’interno di una galleria artificiale. Sarà localizzata nei pressi della frazione omonima che nonostante sia amministrativamente inglobata nel territorio di Belpasso, è praticamente un’appendice della città di Paternò. Stazione Ardizzone La stazione Ardizzone si troverà nel comune di Paternò nei pressi dell’attuale stazione a scartamento ridotto della FCE e sarà il futuro capolinea della metropolitana con annesso deposito e officina. È prevista la realizzazione di un people mover in galleria (1197 m) che servirà a collegare la stazione Ardizzone con Piazza della Regione. La zona Ardizzone è la parte residenziale di Paternò contigua alla parte antica. In circa dieci anni, a meno di imprevisti che la storia insegna essere sempre in agguato, si dovrebbe avere in esercizio 31,6 km di metropolitana con 28 stazioni a servizio della città metropolitana di Catania, da Paternò all’aeroporto Vincenzo Bellini passando per il centro del capoluogo etneo, di cui 19,4 km (tratta Misterbianco-Aeroporto) entro i prossimi sei anni. Ecco l’intero percorso: Paternò Ardizzone Giaconia Valcorrente Belpasso Gullotta Misterbianco centro Misterbianco zona industriale Monte Po Fontana Nesima San Nullo Cibali Milo Borgo Giuffrida Italia Galatea Porto Giovanni XXIII Stesicoro San Domenico Vittorio Emanuele (Ospedale) Palestro San Leone Verrazzano Librino Santa Maria Goretti Aeroporto Fontanarossa Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Storia e sviluppi futuri

Leggi tutto    Commenti 0