Articolo
22 nov 2017

FOTO | Parte il piano di manutenzione di Catania: primo cantiere attivo in piazza Falcone

di Mobilita Catania

Presentato la settimana scorsa a Palazzo degli Elefanti, ha preso oggi il via il piano da 31 milioni di euro per la ristrutturazione di Catania. Il primo cantiere è in un luogo simbolo: piazza Giovanni Falcone. Dalle parole ai fatti, stavolta, nel giro di davvero pochi giorni. Come annunciato, il servizio Global service per le manutenzioni stradali ha preso il via oggi. Si è cominciato da piazza Giovanni Falcone (già piazza Cappellini), luogo che il noto architetto Mario Cucinella, artefice del progetto di riqualificazione del vicinissimo Corso Martiri della Libertà, ebbe modo di definire spazio pubblico di maggior pregio architettonico e qualitativo dell'area circostante. Il servizio di manutenzione radicale, che nel corso della conferenza stampa sul piano da 31 milioni di euro di sabato scorso il sindaco di Catania Enzo Bianco ha definito "una grande vittoria" per la città, con una spesa di due milioni e 800.000 euro all'anno consentirà di sistemare oltre centoventimila metri quadrati di manto stradale, oltre millecinquecento metri quadrati di marciapiede e quasi tremila di piazze. Ma permetterà anche la manutenzione di 2.000 caditoie e dei canali cittadini e, con l'occasioe, ne consentirà una mappatura definitiva. «Con l'apertura di questo cantiere in piazza Giovanni Falcone - ha detto l'assessore alle Manutenzioni Salvo Di Salvo - vogliamo dare un segnale forte alla città. Questa è un'area che era stata recuperata ed è stata nuovamente vandalizzata e ora, come più volte segnalato dai residenti e dalla stampa, necessita un consistente intervento di manutenzione. Ma va detto che in quest'area il degrado è stato generato da atti di vandalismo volontari e involontari. Qui posteggiatori abusivi facevano parcheggiare le auto che, muovendosi sul basolato lavico, hanno contribuito a rovinare la pavimentazione. Ma c'è stato anche chi ha divelto i dissuasori, i paletti in pietra lavica che non consentivano di parcheggiare le auto sul marciapiede o sulla pista ciclabile che attraversa questa piazza e non può essere utilizzata dai ciclisti proprio perché occupata dalle macchine». «Recuperare la piazza - ha aggiunto Di Salvo - significa restituirla ai cittadini, ai residenti e agli operatori commerciali. E a tutti loro ci appelliamo perché diventino con noi i responsabili del patrimonio pubblico: chiediamo di impegnarsi e vigilare perché la piazza Falcone e tutti i luoghi di Catania che sottoporremo a manutenzione straordinaria, una volta riqualificati, non vengano più vandalizzati. Bisogna riflettere attentamente sul fatto che questo intervento su piazza Falcone costerà una cifra (150.000 euro) che l'Amministrazione avrebbe potuto risparmiare e destinare ad altri interventi, di carattere sociale, per esempio». Il Global service, come annunciato dal sindaco Bianco, servirà anche a sistemare e realizzare, come chiesto da molte Municipalità, gli attraversamenti pedonali rialzati. A cominciare dalla circonvallazione dove un pedone, un ragazzo, è stato ucciso da un pirata della strada e dove un altro è rimasto gravemente ferito proprio pochi giorni fa. Ti potrebbe interessare: 31 milioni di euro per la manutenzione di Catania: si interviene su strade, marciapiedi e piazze

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 nov 2017

Esplosioni di microcariche fino a gennaio nei cantieri della metropolitana Nesima-Monte Po

di Mobilita Catania

La C.M.C. di Ravenna, impresa aggiudicataria dei lavori di realizzazione della tratta Nesima-Monte Po della metropolitana di Catania informa che da domani inizieranno degli interventi tramite l'utilizzo di microcariche di esplosivo. Da domani, 15 novembre 2017 al 31 gennaio 2018 saranno esplose alcune microcariche di esplosivo tra le ore 07:30 e le 14:00 e dalle ore 15:30 alle 17:30 nell’ambito dei lavori, curati dalla C.M.C. di Ravenna, per il "Potenziamento e trasformazione della Ferrovia Circumetnea" nelle aree urbane di Catania e Misterbianco e della tratta sub metropolitana fino a Paternò–tratta Nesima Misterbianco Centro – consistente nella “Tratta di linea metropolitana compresa tra l’uscita della stazione Nesima e l’uscita della stazione Monte Po”. Gli abitanti della zona saranno preventivamente avvisati a mezzo di ronda con personale dotato di megafono, percorrendo per tre volte le vie principali del circondario e avvisati prima della «volata» a mezzo di segnalazione acustica effettuata da personale preposto in cantiere. La scorsa settimana la grande talpa che sta realizzando il nuovo tunnel della metro, ha abbattuto il diaframma che la separava dalla costruenda stazione di Fontana; la TBM proseguirà il suo percorso in direzione della stazione di Nesima fino ad intercettare il pozzo che si sta realizzando sul viale Felice Fontana, vicino alla via Pacinotti dal quale verrà estratta: si prevede che la grande talpa terminerà la realizzazione della galleria nel prossimo mese di gennaio. L’entrata in esercizio di questa tratta è prevista entro la prima metà del 2018.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 nov 2017

FOTO | Il tunnel della metropolitana arriva alla stazione Fontana: obiettivo metà 2018 per l’entrata in esercizio

di Amedeo Paladino

Stamattina la TBM “Agata”, la grande talpa che sta realizzando il nuovo tunnel della metro, ha abbattuto il diaframma che la separava dalla costruenda stazione di Fontana: l’entrata in esercizio di questa tratta è prevista entro la prima metà del 2018 Alla presenza del sindaco di Catania Enzo Bianco e del Commissario della Circumetnea Virginio Di Giambattista la grande talpa, entrata in funzione nel mese di gennaio di quest’anno, ha ultimato la seconda parte di galleria provenendo dal cantiere di Misterbianco; lo scorso 25 luglio, infatti, la TBM aveva raggiunto la stazione di Monte Po. La TBM proseguirà il suo percorso in direzione della stazione di Nesima fino ad intercettare il pozzo che si sta realizzando sul viale Felice Fontana, vicino alla via Pacinotti dal quale verrà estratta: si prevede che la grande talpa terminerà la realizzazione della galleria nel prossimo mese di gennaio. I lavori di realizzazione della tratta Nesima-Monte Po della metropolitana di Catania sono affidati alla CMC di Ravenna e costituiscono la prosecuzione della Borgo-Nesima entrata in esercizio a marzo 2017. L’impresa aggiudicataria sta realizzando una galleria lunga 1,7 km, conprese le due nuove stazioni: Fontana e Monte Po. La Tbm (Tunnel boring machine), una fresa meccanica a piena sezione, comunemente chiamata talpa, ha un diametro di dieci metri e 60 centimetri: è stata ribattezzata Agata in onore della Patrona di Catania. Essa lavora contestualmente allo scavo e al rivestimento della galleria, un punto di forza in termini di velocità di realizzazione rispetto alle tratte della metropolitana precedentemente realizzate a Catania. (qui un video esplicativo sul funzionamento della TBM). A conclusione dei lavori della tratta Nesima-Monte Po, la cui entrata in esercizio è prevista per metà 2018, la metropolitana si snoderà quindi lungo questo percorso di 10,5 km: Monte Po Fontana Nesima San Nullo Cibali (lavori in corso di completamento) Milo Borgo Giuffrida Italia Galatea Porto (momentaneamente chiusa) Giovanni XXIII Stesicoro La stessa impresa sta attualmente allestendo il cantiere per la realizzazione del nuovo tunnel da Stesicoro a Palestro, che rientra nella tratta più estesa Stesicoro-Aeroporto per la quale, entro i prossimi mesi, dovrebbero completarsi tutte le pratiche per poter accedere ai finanziamenti e, quindi, appaltare e poter completare l’intera tratta Stesicoro-Aeroporto, stazioni comprese, entro il 2024. Si procede a tappe forzate anche per i successivi sviluppi della linea. La tratta Monte Po-Misterbianco Centro ha ricevuto la totale copertura finanziaria per la realizzazione e, come riportato da noi di Mobilita Catania, gli scorsi giorni è stata pubblicata la delibera necessaria alla pubblicazione del bando di gara. Nel frattempo, la Ferrovia Circumetnea ha aperto la procedura per le indagini relative alla progettazione preliminare della tratta di metropolitana Misterbianco-Paternò (Ardizzone).   Vi consigliamo i nostri approfondimenti sulle costruende stazioni della tratta Nesima-Monte Po: Come sarà la stazione Fontana Come sarà la stazione Monte Po   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2024 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Metropolitana Misterbianco-Paternò: potenzialità e scenari futuri per lo sviluppo del territorio  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 nov 2017

A18 | Svincolo Acireale, proseguono i lavori: il calendario

di Mobilita Catania

Proseguono senza intralci e secondo cronoprogramma i  lavori di bitumazione allo svincolo di Acireale iniziati lo scorso 25 ottobre.   Ora è la volta delle rampe di entrata ed uscita dello svincolo i cui interventi saranno effettuati dal 2 al 14 novembre e soltanto nelle ore notturne. A tale scopo, le rampe saranno alternativamente chiuse nella fascia oraria compresa tra le 22:00 e le 6:00. Di seguito il calendario: chiusura della rampa di uscita dallo svincolo di Acireale per i veicoli provenienti da Catania per ME dalle ore 22.00 del giorno 03/11/2017 alle ore 6.00 del giorno 04/11/2017 chiusura della rampa di uscita dallo svincolo di Acireale per i veicoli provenienti da Messina per CT dalle ore 22.00 del giorno 06/11/2017 alle ore 6.00 del giorno 07/11/2017 dalle ore 22.00 del giorno 07/11/2017 alle ore 6.00 del giorno 08/11/2017 dalle ore 22.00 del giorno 8/11/2017 alle ore 6.00 del giorno 09/11/2017 chiusura della rampa di entrata nello svincolo di Acireale per i veicoli diretti a Catania dalle ore 22.00 del giorno 09/11/2017 alle ore 6.00 del giorno 10/11/2017 dalle ore 22.00 del giorno 10/11/2017 alle ore 6.00 del giorno 11/11/2017 dalle ore 22.00 del giorno 13/11/2017 alle ore 6.00 del giorno 14/11/2017   Tutta l’area sottoposta alle manutenzioni è assoggettata al limite di velocità ed al divieto di sorpasso. In loco specifica cartellonistica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 nov 2017

Corso Martiri della Libertà, finalmente si comincia: aggiudicati i primi lavori

di Amedeo Paladino

La determina 05/543 del 30 ottobre 2017 della Direzione Lavori Pubblici segna una tappa tanto attesa di uno dei progetti più attesi in città, e uno dei più rilevanti a livello nazionale per estensione e centralità dell’area, ovvero quello relativo alla riqualificazione del Corso Martiri della Libertà nel quartiere di San Berillo. Sono stati aggiudicati i lavori inerenti alla prima tranche di lavori delle opere di urbanizzazione a carico dei privati che realizzeranno a tappe l’intero progetto dell’architetto Mario Cucinella. Il primo step di lavori consisterà in alcune opere di primaria urbanizzazione: nello specifico, la sistemazione a verde intorno alla Chiesa del Santissimo Crocifisso della buona morte di Piazza Giovanni Falcone e intorno alla Scuola Media Statale Giovanni Pascoli. Il primo bando di gara, pubblicato a luglio di quest'anno nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana e a seguito del quale è pervenuta circa una settantina di offerte, è stato aggiudicato dal Consorzio stabile costruttori, con sede legale a Maletto (CT), attraverso un'offerta di € 1.438.828 rispetto a una base d'asta € 1.919.800,35; dal momento della consegna delle aree di cantiere gli interventi dovranno essere portati a termine entro 183 giorni.   Le aree di intervento sviluppate nella progettazione generale, individuate in sede di convenzione urbanistica del 16/11/2012 tra il Comune di Catania e i privati proprietari delle aree, sono indicate con le sigle VP1, VP2, VP3, VP4, VP5, VP6 e sono così caratterizzate: - VP1 – VP2 (non incluse in questo primo bando): il parco pubblico (7895 mq); la prima area del parco, una superficie che racchiude già gli elementi che caratterizzeranno il parco: la radura verde, le isole boscate, i percorsi naturali. I tracciati ciclopedonali connettono il parco ai principali poli di interesse (il centro storico a Ovest, Piazza della Repubblica e l’area del nuovo mercato a Nord, via Don Luigi Sturzo a Sud). VP3: La piazza minerale (786 mq); la piazza del mercato diventa l’elemento anticipatore di tutta l’area minerale attrezzata intorno al mercato, in affaccio sul parco pubblico. Questo primo tassello crea un invito verso la piazza e si apre verso il futuro mercato. - VP4 – VP6: Le quinte attrezzate (parte della Promenade pedonale), rispettivamente legate alla chiesa e alla scuola media (3442 mq). - VP5: Il giardino urbano (806 mq) nell’area di Via Fischetti; il primo percorso pubblico che attraverserà l’edificio della Promenade, completamente permeabile al piano terra, arricchito da rigogliosi giardini urbani inseriti lungo il percorso. Di seguito le aree d'intervento dei lavori aggiudicati: Area Vp3 Il progetto riguarda la realizzazione di una piazza di superficie pari a ca. 1000 mq, in prossimità di Piazza Grenoble, tra via Maddem e via Castiglione, primo elemento dell’area minerale intorno al mercato coperto, la cui realizzazione è prevista dal progetto di risanamento del quartiere di San Berillo vecchio. Ispirata alle piazze alberate catanesi, un filtro verde di Albizie crea aree ombreggiate di sosta riparate dalla strada, mentre il disegno della pavimentazione indirizza e accompagna i flussi pedonali. Area VP4 Il progetto riguarda la realizzazione dell’area a verde attrezzato lungo corso Martiri della Libertà angolo con via Francesco Crispi, davanti la chiesa della Buona Morte, e prevede la realizzazione di un tratto di viale con una quinta verde sulla Chiesa della Buona Morte a Sud, formata da un agrumeto con spazi attrezzati per la sosta. La fascia pavimentata è ombreggiata da un filare di Ceratonia siliqua (gen. maschile), con sedute tra gli alberi. Area VP5 Il progetto riguarda la realizzazione dell’area a verde attrezzato posta su via Fischetti tra corso Martiri della libertà e via Archimede e prevede la realizzazione di un’area pedonale, in corrispondenza di un tratto della via Fischetti compreso tra via Archimede e Corso Martiri della Libertà. L’area sarà pavimentata in lastre in monostrato vulcanico intervallato da aiuole con alberi e arbusti e sarà attrezzata con sedute e cestini portarifiuti. In corrispondenza dei lati confinanti lunghi si prevede la realizzazione di schermature realizzate tramite doghe in larice ricoperte a tratti da rampicanti. Area VP6 Il progetto riguarda la realizzazione dell’area a verde attrezzato posta lungo corso Martiri della libertà, contigua alla scuola Giovanni Pascoli e prevede la realizzazione di un tratto del viale previsto dal masterplan di risanamento del quartiere di San Berillo vecchio. A Sud-Ovest dell’area si realizzerà un campo sportivo polivalente per una superficie complessiva pari a ca. 3005 mq. Il tratto lungo il corso sarà pavimentato con lastre in monostrato vulcanico e corredato da un doppio filare alberato e da sedute. A ridosso dell’istituto Pascoli, è prevista la realizzazione di una quinta verde formata da un agrumeto intervallato da spazi attrezzati per la sosta e da un’area a gioco per bambini. CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI Il cronoprogramma prevede che nel breve periodo la pubblicazione del bando di gara per la costruzione del parcheggio sotterraneo a tre piani di Piazza della Repubblica e del parco urbano di superficie, per un costo complessivo di 14 milioni di euro; per quest’ultimo intervento, ben più corposo, i privati a breve dovranno presentare il progetto esecutivo. In merito alla sostenibilità finanziaria dell’opera, motivi di fiducia derivano dalla presenza della società finanziaria Capital Development che fa riferimento a Unicredit. IL PROGETTO COMPLESSIVO Corso Martiri della Libertà è un importante e ampio asse viario che collega la piazza dov’è sita la Stazione Centrale delle Ferrovie dello Stato al centro storico: negli anni ’50 la Istituto Immobiliare di Catania (Istica) inizia lo sventramento secondo il progetto realizzato dall’architetto Brusa. Per decenni il progetto iniziale rimane in stallo a causa di un contenzioso tra Istica e Comune, che si concluderà solo nel 2008. Nel 2012 viene presentato il progetto firmato da Mario Cucinella Architects (MCA) che prevede distinte destinazioni d’uso: residenziale, localizzata nei pressi di via Monsignor Ventimiglia; culturale (a sud) e commerciale (a nord) lungo il viale alberato (l’asse di Corso Martiri della Libertà), destinato a vasta area pedonale e ciclabile; ricettivo-alberghiera, su viale Libertà e piazza Papa Giovanni XXIII e, infine, verde pubblico attrezzato, lungo tutto il viale. L’amministrazione comunale nelle figure del sindaco Enzo Bianco, dell’assessore Salvo Di Salvo e del direttore della direzione Urbanistica hanno svolto il ruolo di facilitazione e coordinamento dell’iter con i privati: nel 2014 è stato aumentato il verde pubblico del 30% rispetto al masterplan preventivo, nel 2016 è giunto il parere dell’autorità nazionale anti-corruzione, l’Anac. Nel mese di maggio è giunta a conclusione la fase della conferenza dei servizi relativamente alle opere di urbanizzazione. Attraverso la Convenzione Urbanistica tra Comune di Catania e ISTICA S.P.A e C.E.CO.S. S.r.L stipulata nel 2012, i lavori saranno a carico dei privati: questa prima tranche di lavori, il cui bando sarà pubblicato Nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana questa settimana, avrà un importo di 1.919.800 di euro, di cui 52.244 euro per oneri di sicurezza. Secondo il cronoprogramma dettato dal direttore Persico il risultato della gara si avrà a settembre, subito dopo i lavori potranno cominciare. Per approfondire la storia e il progetto di Corso Martiri dellà Libertà, ecco la scheda dell’opera: Catania, il progetto di Corso Martiri della Libertà

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 ott 2017

Autostrade siciliane, avviati i lavori di rifacimento asfalto in alcuni svincoli A18 e A20

di Mobilita Catania

Gli Uffici Tecnici del Consorzio Autostrade Siciliane hanno avviato i lavori di rifacimento della pavimentazione nella Messina-Catania e nella Messina-Palermo che erano stati inclusi in progetti di messa in sicurezza delle due autostrade in attesa della definizion –tra Stato, Regione e CAS-della assegnazione dei fondi del Patto per il Sud 2016 al Consorzio in cui sono previsti anche interventi di bitumazione a tappeto per tratta intera, rispetto quelli di ordinaria manutenzione già eseguiti o in corso d’opera. Di seguito quelli avviati in questa settimana : Autostrada Messina-Catania (tratta tra lo svincolo di Taormina e lo Svincolo Messina-Tremestieri). Lunedi 23 ottobre è stato reso operativo il cantiere per gli interventi di rifacimento della pavimentazione di alcuni parti particolarmente usurate della tratta tra Taormina e Messina-Tremestieri, in entrambe le direzioni di marcia. La conclusione è prevista per i primi giorni del prossimo dicembre. La spesa a carico del bilancio dell’ente ammonta a circa 1.000.000 di euro. Ditta esecutrice Impresa SCR srl di Agrigento. Autostrada Messina-Catania (svincolo di Acireale) A partire dalle ore 22:00 di domani 25 ottobre saranno eseguiti – per circa 10 giorni – i lavori di bitumazione dell’intero svincolo di Acireale che erano stati postergati per dare corso al piano messo in atto per il G7 di Taormina. Gli interventi, secondo accordi definiti presso la Prefettura di Catania, saranno eseguiti soltanto in notturna e specificatamente nella fascia oraria 22:00/06:00. Spesa di circa 1.000.000€ a carico del CAS. A seguire si procederà alla ripavimentazione dello Svincolo di Giarre. Autostrada Messina-Palermo (tratta Rometta – Milazzo) Da domani e fino al prossimo 23 novembre, saranno eseguiti semplici rappezzi della pavimentazione nei punti più essenziali del tratto compreso tra Rometta e Milazzo, sia a monte che a valle. Anche in questo caso i costi sono a carico del Consorzio. Ditta esecutrice Venumer srl di San Filippo del Mela. Per effettuare le manutenzioni in tutti i luoghi descritti in premessa, saranno di volta in volta parzializzate le carreggiate e/o chiuse alternativamente le corsie di marcia, di sorpasso e di emergenza. Limite di velocità di 60 km/h e divieto di sorpasso. Limiti ridotti a 40km/h nelle rampe degli svincoli. Prevista la possibilità di eseguire alcuni lavori anche in notturna. Deviazioni, restringimenti e possibili code saranno segnalati da apposita cartellonistica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ott 2017

A18, svincolo Acireale: da domani lavori di rifacimento del manto stradale

di Mobilita Catania

A partire dalle ore 22:00 di domani 25 ottobre saranno eseguiti i lavori di scarifica e bitumazione del manto stradale dell'area interna ed esterna al casello di Acireale dell'A18. Gli interventi, secondo accordi definiti presso la Prefettura di Catania, saranno eseguiti soltanto in notturna e specificatamente nella fascia oraria 22:00/06:00. Spesa di circa un milione di euro a carico del CAS. A seguire si procederà alla ripavimentazione dello Svincolo di Giarre. I lavori, al fine di limitare i disagi all'utenza, saranno effettuati per gradi con il seguente cronoprogramma: GIORNO 1 - dalle ore 22 del 25/10 alle ore 6 del 26/10 saranno chiusi i caselli n. 6 e 7 e bitumata la pavimentazione di pertinenza; GIORNO 2 - dalle ore 22 del 26/10 alle ore 6 del 27/10 saranno chiusi i caselli n. 4 e 5 e bitumata la pavimentazione di pertinenza; GIORNO 3 - dalle ore 22 del 27/10 alle ore 6 del 28/10 saranno chiusi i caselli n. 8, 9 e 10 e bitumata la pavimentazione di pertinenza; GIORNO 4 - dalle ore 22 del 30/10 alle ore 6 del 31/10 saranno chiusi i caselli n. 4, 5, 6 e 7 e bitumata la pavimentazione di pertinenza; GIORNO 5 - dalle ore 22 del 31/10 alle ore 6 del 1/11 saranno chiusi i caselli n. 2 e 3 e bitumata la pavimentazione di pertinenza; GIORNO 6 - dalle ore 22 del 2/11 alle ore 6 del 3/11 sarà chiuso il casello n. 1 e bitumata la pavimentazione di pertinenza; GIORNO 7 - dalle ore 22 del 3/11 alle ore 6 del 4/11 sarà chiusa la rampa di accesso per i veicoli provenienti da Catania e bitumata la pavimentazione di pertinenza (L’ACCESSO AD ACIREALE E’ CONSENTITO SOLO DA MESSINA); GIORNO 8 - dalle ore 22 del 6/11 alle ore 6 del 7/11 sarà chiusa la rampa di accesso per i veicoli provenienti da Catania e bitumata la pavimentazione di pertinenza (L’ACCESSO AD ACIREALE E’ CONSENTITO SOLO DA MESSINA); GIORNO 9 - dalle ore 22 del 7/11 alle ore 6 del 8/11 sarà chiusa la rampa di accesso per i veicoli provenienti da Messina e bitumata la pavimentazione di pertinenza (L’ACCESSO AD ACIREALE E’ CONSENTITO SOLO DA CATANIA); GIORNO 10 - dalle ore 22 del 8/11 alle ore 6 del 9/11 sarà chiusa la rampa di accesso per i veicoli provenienti da Messina e bitumata la pavimentazione di pertinenza (L’ACCESSO AD ACIREALE E’ CONSENTITO SOLO DA CATANIA); GIORNO 11 - dalle ore 22 del 9/11 alle ore 6 del 10/11 sarà chiusa la rampa di accesso per i veicoli provenienti da Messina e bitumata la pavimentazione di pertinenza (L’ACCESSO AD ACIREALE E’ CONSENTITO SOLO DA CATANIA); GIORNO 12 - dalle ore 22 del 10/11 alle ore 6 del 11/11 sarà chiusa la rampa di accesso per i veicoli diretti a Catania e bitumata la pavimentazione di pertinenza (L’ACCESSO IN AUTOSTRADA E’ CONSENTITO SOLO PER MESSINA); GIORNO 13 - dalle ore 22 del 13/11 alle ore 6 del 14/11 sarà chiusa la rampa di accesso per i veicoli diretti a Catania e bitumata la pavimentazione di pertinenza (L’ACCESSO IN AUTOSTRADA E’ CONSENTITO SOLO PER MESSINA). Il predetto cronoprogramma può subire variazioni anche in riferimento alle condizioni meteo.  

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti