Articolo
20 ago 2015

View, il software catanese che azzera le code e salva i bagagli in funzione a Fontanarossa

di Amedeo Paladino

La società catanese Bizmate operante nel settore dei servizi informatici ha sviluppato il software VIEW che consente di gestire e processare  in tempo reale una grande mole di dati inerenti ai voli, traffico passeggeri in attesa, in transito e in corso d'imbarco, operatività dei gate. Ma le applicazioni del programma possono essere trasversali, oltre ai trasporti anche il processo produttivo dell''industria e la sanità generano una grande quantità di dati che devono essere costantemente analizzati. View dal mese di giugno è utilizzato dalla SAC S.p.a, società che si occupa della gestione dell'aeroporto Vincenzo Bellini di Catania-Fontanarossa, il software interfacciato con i sistemi informatici dello scalo, è in grado di raccogliere e gestire le informazioni eterogenee dell'aeroporto più trafficato del Meridione, permettendo al managment di migliorare la qualità del servizio e sulla sicurezza globale dei passeggeri e del personale all'interno dell'Aeroporto. Nel dettaglio grazie all'analisi  della grande quantità di dati e di variabili, gli operatori aeroportuali sono in grado di minimizzare i tempi d'attesa dei passeggeri in particolare per l'accesso all'area sterile, cioè dal metal detector all’imbarco, adeguando i punti di accesso in base al traffico reale di utenti in transito. View inoltre monitora anche i bagagli, registrando il tempo di percorrenza di ciascuna valigia dal banco del check-in alla stiva dell’aeromobile, aiutando il personale a rispettare i tempi di consegna dettati dalle linee guida nazionali ed europee. Il software identifica anche possibili anomalie nel controllo passeggeri, effettuando confronti incrociati sui varchi di sicurezza, sulle carte di imbarco e sul tempo medio di permanenza dei passeggeri, evidenziando così eventuali condizioni sospette che richiedono un maggiore controllo da parte della Security. Il sistema avvisa costantemente gli operatori portuali tramite un sistema di allarmistica integrato del verificarsi di eventuali anomalie relative alla Security, alle operations e al livello di servizio erogato; le ripercussioni positive di questo software sono tangibili in termini di qualità del servizio, sicurezza globale dei passeggeri e del personale all'interno dell'Aeroporto. La sperimentazione presso lo scalo di Fontanarossa ha riscontrato grande successo, ora l'obiettivo della società catanese Bizmate è applicare il sistema ad altri scali italiani.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2015

Metropolitana, stazione Nesima: da domani lavori in carreggiata nord circonvallazione

di Amedeo Paladino

Da domani, giovedi 20 agosto, i lavori della metropolitana interesseranno la carreggiata nord di Viale Bolano: coloro che provengono da Ognina direzione Misterbianco dovranno percorrere la carreggiata sud, che dal 3 agosto fino ad oggi è rimasta chiusa a causa degli stessi lavori. Rimarrà inalterata la vigente deviazione del transito proveniente da Misterbianco e diretto verso Ognina: il percorso alternativo per i veicoli in direzione est, ad esclusione dei tir, interessa le vie Antonio Mirone, Paolo Orsi e Francesco Durante; i mezzi pesanti verranno deviati sulle vie Antonio Pacinotti, San Pio X e Francesco Miceli. Il piano viario precedente prevedeva che tutti i veicoli, mezzi pesanti compresi, si immettessero sulle vie Mirone, Orsi e Durante, ma dopo le dure proteste dei residenti e dei commercianti le deviazioni sono state modificate in favore del piano vigente. Gli interventi finora eseguiti hanno riguardato lo spostamento di cavi Enel di media tensione per il completamento della stazione metropolitana nord di Nesima e si stima termineranno a dicembre. Nel mese di giugno avevamo documentato lo stato dei lavori della stazione Nesima, nodo nevralgico per il collegamento con il centro, che secondo il cronoprogramma dei lavori sarà in esercizio a giugno 2016, e con Monte Po, il cui cantiere è stato inaugurato il mese scorso.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 ago 2015

Autostrada Catania-Siracusa, 3 mesi dopo l’appalto dei lavori ancora al buio

di Roberto Lentini

Tardano  a partire i lavori per ripristinare l’illuminazione nelle gallerie dell’autostrada Catania-Siracusa.  A denunciarlo è il deputato regionale Vincenzo Vinciullo. «L'Anas - sostiene Vinciullo - non mantiene le promesse fatte. Attraverso i comunicati stampa e attraverso le risposte ufficiali fatte pervenire all’ARS, aveva assicurato e garantito di avere già aggiudicato i lavori per la realizzazione dell’impianto elettrico all’interno delle gallerie maggiori di 500 metri sulla Siracusa-Catania e che entro luglio sarebbero iniziati i lavori.  Spiace ricordare che luglio 2015 è già venuto meno e che nemmeno il mese di agosto ha visto gli operai della ditta che si è aggiudicata i lavori iniziare gli stessi.» I lavori già appaltati, la cui consegna alla ditta aggiudicatrice è avvenuta lo scorso maggio, riguardano il ripristino di tutti gli impianti tecnologici relativi all’impianto di illuminazione delle gallerie, alla rete di fibra ottica, colonnine SOS, rilevazione incendi e di telecamere di vigilanza per evitare il ripetersi dei furti di rame. Oltre alla ormai nota galleria Filippella rimane al buio anche la galleria San Demetrio, 3 chilometri di lunghezza tra i territori di Catania e Siracusa. I lavori avranno bisogno di circa un anno di tempo per essere svolti e si dovrebbero concludere entro il mese di luglio 2016. Per ritornare a vedere le gallerie illuminate come in foto bisognerà ancora attendere.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
18 ago 2015

Segnaletica nuova, stesse disattenzioni

di Amedeo Paladino

In queste settimane di traffico moderato sono stati svolti diversi lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria in alcune strade della città: alcuni giorni fa le caditoie di via Umberto, affossate dal transito dei bus, sono state risollevate e in parte sostituite; stessi lavori sono stati effettuati in via Vittorio Emanuele, dove oltre alla manutenzione dei tombini anche il manto stradale è stato sostituito. I lavori in via Vittorio Emanuele sono stati svolti dagli operai della Società Partecipata  S.P.A. Multiservizi che si occupa dei servizi di manutenzione della segnaletica orizzontale, colmature buche, pavimentazione stradale, manutenzione e rifacimento marciapiedi. Gli interventi in via Vittorio Emanuele si sono conclusi con il rifacimento della segnaletica orizzontale: strisce pedonali, linee di mezzeria e linee di delimitazione della corsia preferenziale. Il lavoro, come si evince dalle foto che abbiamo scattato, è stato svolto a regola d'arte, ma ciò di cui avevamo sentore sarebbe avvenuto si è puntualmente verificato: il rifacimento della segnaletica orizzontale non ha interessato i pittogrammi indicanti il transito delle bici sulle corsie preferenziali, stessa sorte per via Etnea, dove la segnaletica orizzontale è stata rifatta nel mese di luglio ad esclusione dei pittogrammi delle bici. La corsia preferenziale di via Vittorio Emanuele da piazza dei Martiri fino a piazza Duomo, è stata resa promiscua nel 2012, consentendo così il transito dei ciclisti; una disposizione non permanente, ma da 3 anni annualmente prorogata. Le altri preferenziali aperte al transito delle bici sono quelle di Corso Italia, Viale XX settembre, Via Etnea, Via Umberto e Viale Libertà. Allo stato attuale in nessuna di queste preferenziali i pittogrammi bici sono stati rifatti, addirittura in Via Umberto, Viale Libertà e Via Vittorio Emanuele neanche la segnaletica verticale, di cui si occupa la Società Partecipata SoStare, dopo 3 anni è stata aggiornata. Ci chiediamo ancora una volta se questi lavori, da considerarsi incompleti, siano frutto di disattenzione da parte di chi li commissiona, ovvero il Comune, o di chi li mette in opera, ovvero la Multiservizi: nel frattempo chi si muove in bici in città continua a pedalare ritagliandosi piccoli spazi tra le auto, e a sgomitare anche laddove il transito dovrebbe essere sicuro.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
17 ago 2015

Interporto di Catania: inaugurato ma ancora privo di gestione

di ct64

Il 14 luglio 2015 è stato inaugurato l'interporto di Catania: per la precisione è stato completato il polo logistico, cioè una parte della struttura che si completerà con il polo intermodale. Si tratta di un centro di trasporto ed interscambio delle merci dotato di impianti capaci di integrare il trasporto ferroviario e quello su gomma. Occupa un’area complessiva di 212.000 metri quadrati, divisa in 166.000 mq destinati al Polo Logistico e 46.000 mq destinati all’area di sosta. L’interporto è connesso con la Tangenziale di Catania che garantisce il collegamento con la rete stradale e autostradale, con il Porto di Catania e con l’Aeroporto di Fontanarossa. (qui la scheda dell'opera) Sarebbe un'ottima notizia se non fosse che la società che lo ha realizzato non ha i capitali per bandire la gara per la gestione. La struttura rimane quindi al momento chiusa in attesa di un rifinanziamento dalla Regione Siciliana. Maggiori informazioni ecco il servizio di Sesta Rete:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 ago 2015

Si risveglia dal coma la ragazza investita al lungomare

di Alessio Marchetti

Il cugino della ragazzina di 14 anni investita la settimana scorsa sul Lungomare di Catania ha appena inviato un messaggio alla pagina Lungomare Liberato per informare i cittadini della notizia che tutti speravamo, ecco il testo: Salve, sono il cugino della ragazzina coinvolta nell'incidente sul risciò al Lungomare. Volevo informarvi riguardo le condizioni di salute della bambina. La ragazza si è svegliata ed è vigile e collaborativa, muove già i quattro arti, è un po' agitata e la terranno ancora in camera intensiva per tenerla sotto controllo. Al più presto verrà spostata di reparto e in seguito farà la cranioplastica (ricostruzione dell'osso mancante) che avverrà tra 5 o 6 mesi. Tutto questo grazie alla celerità dell'intervento. Il Dottore Riolo e l'equipe della sala operatoria sono intervenuti subito. Inoltre, vorrei ringraziare a nome della famiglia, tutte quelle persone, amici e parenti che non l'hanno lasciata sola neanche un attimo e ringraziare la pagina Facebook Lungomare Liberato, la quale pubblicando il mio messaggio, è stato visualizzato da più di 85.000 persone, con oltre 1500 mi piace, 500 condivisioni ed altrettanti commenti con la solidarietà di tante persone che non conoscevano la bambina. Infine, grazie anche a "La Sicilia" che mi ha permesso di rendere pubblica la notizia sul giornale. Grazie tante. Spero solo che la città di Catania torni a rialzarsi e che queste disgrazie non accadano più! Impegniamoci tutti a rispettare le regole... Cirincione Andrea Ci auguriamo tanto che il comune metta in sicurezza la strada e realizzi il prima possibile la pista ciclabile annunciata un anno fa.  Questi incidenti non si devono più verificare. I ragazzini, ma anche gli adulti, devono poter vivere il lungomare in modo sicuro e felice come accade in tante altre città.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 ago 2015

Dopo via Vittorio Emanuele si lavora ai tombini di via Umberto

di Amedeo Paladino

Sono stati completati i lavori di rifacimento del manto stradale su via Vittorio Emanuele:le squadre delle manutenzioni stradali hanno infatti lavorato in questi giorni prima al rinforzo delle strutture dei tombini quindi al loro rialzo rispetto al nuovo piano stradale. Il tratto su cui si è completata la nuova stesa d’asfalto è quello di via Vittorio Emanuele tra piazza Cutelli e piazza San Placido. La segnaletica orizzontale dev'essere completata, allo stato attuale infatti solo gli attraversamenti pedonali sono stati rifatti.   Un'altra strada in cui si sono riscontrati problemi per il transito dei mezzi a due ruote e l'attraversamento dei pedoni è via Umberto, dove il passaggio degli autobus urbani ed extraurbani ha causato la deformazione del manto stradale e l'affossamento dei tombini. In questi giorni si sta procedendo alla sostituzione delle caditoie concave con dei tombini a raso più sicuri per il transito dei mezzi. Per permettere lo svolgimento dei lavori fino a nuova comunicazione il transito degli autobus AMT è deviato sui Viali Regina Margherita, XX Settembre, e Corso Italia.

Leggi tutto    Commenti 0