Articolo
14 mar 2018

FOTO | Ruspe in azione alla Playa per liberare dal cemento le spiagge libere

di Amedeo Paladino

Sono entrate in azione le ruspe nella spiaggia libera numero 3 per abbattere le strutture in cemento, da anni ormai fatiscenti, che deturpavano il litorale sabbioso della Playa. Si tratta del primo passo verso la riqualificazione delle tre spiagge libere comunali che dovrà essere portato a termine entro l'inizio della stagione balneare: questi tratti di litorale saranno liberati dal cemento, attraverso l’abbattimento delle strutture fatiscenti presenti, sarà ripristinato il verde naturale tipico della zona della Playa, ricreando le dune sabbiose e la vegetazione tipica mediterranea. I lavori avviati dalla spiaggia libera numero 3 proseguiranno nella numero 1 e 2 in tempo utile per avviare a maggio la stagione balneare. Inoltre, le spiagge verranno tematizzate: la spiaggia libera n.1 sarà dedicata agli sportivi, individuando zone per gli sport da spiaggia; la spiaggia libera n. 2 sarà dedicata alla natura e verranno individuate aree dedicate ad eventi su temi ambientali, musicali e culturali; la spiaggia libera n. 3 sarà la spiaggia delle famiglie con attrezzatura e servizi dedicati ai bambini. Il progetto di riqualificazione delle spiagge libere era stato scelto da più di 4 mila cittadini in una consultazione online ed è stato finanziato dalle risorse della "democrazia partecipata" in ossequio alla legge regionale n.5 del 28 gennaio 2014.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mar 2018

Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi

di Amedeo Paladino

Archiviato il 2017 come l’anno-record di Fontanarossa con oltre 9 milioni di passeggeri giunti in Sicilia atterrando o decollando ai piedi dell’Etna, la SAC continua a lavorare per dar seguito alla crescita dello scalo etneo. A breve cominceranno i lavori di conversione del centro polifunzionale agroalimentare e turistico “Norma” in Terminal che sarà dedicato alle partenze. La novità recente è la pubblicazione del bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dei “Lavori di caratterizzazione, demolizione e smaltimento a rifiuto materiali esistenti nel terminal B (ex Morandi)" per un importo complessivo di € 1.700.000,00. L’intervento previsto riguarda i lavori di demolizione e smaltimento di arredi, finiture, divisori, infissi ed impianti presenti all'interno del terminale Morandi in disuso dal 2007. I lavori sono finalizzati alla successiva ristrutturazione dell’involucro edilizio che sarà destinato ad ampliamento della struttura aeroportuale in esercizio e diverrà il Terminal B, conforme alla nuova normativa antisismica, con una nuova conformazione architettonica integrata con il l'attuale aerostazione, che diverrà a sua volta il Terminal A. L'aerostazione Morandi, intitolata all'illustre metereologo catanese Filippo Eredia, fu inaugurata il 5 agosto 1981, con una capacità di circa 800.000 passeggeri annui. Il terminal, nel giro di pochi anni, si rivelò sottodimensionato (al pari dell'attuale...), tant'è che negli anni 2000 venne ampliato con una nuova struttura prefabbricata -la stessa che a breve sarà oggetto di riqualificazione-, per poi essere definitivamente chiuso l’8 maggio del 2007, contestualmente all'apertura della nuova aerostazione. Da allora è in stato di abbandono.   Si delinea, quindi, la futura configurazione land-side dell'aeroporto di Fontanarossa: al terminal A, entro pochi anni, si affiancheranno i due nuovi terminal B e C, che miglioreranno i servizi offerti ai passeggeri in transito dallo scalo etneo e naturalmente permetteranno la gestione dei crescenti flussi presso l'aeroporto.   Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Quale futuro per l’aeroporto di Catania dopo il traguardo dei 9 milioni di passeggeri nel 2017 Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania si fa grande: aggiudicati i lavori per il nuovo terminal

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 mar 2018

Campo San Teodoro di Librino, ad aprile i lavori. Illuminazione per sei impianti sportivi

di Mobilita Catania

Riunione operativa in Municipio presieduta dal sindaco Bianco. Reperite risorse per l'illuminazione di sei impianti. Ad aprile partono i lavori del campo San Teodoro a Librino. Le manifestazioni sportive dei prossimi mesi, la fruizione degli impianti sportivi delle scuole e la destinazione alle pratiche sportive di alcune aree del Parco Gioeni. Ieri mattina, a Palazzo degli Elefanti, il sindaco Enzo Bianco ha presieduto una riunione operativa sulle questioni legate allo sport insieme ai due consulenti per il settore, Orazio Arancio ed Enzo Falzone, e ai tecnici di Comune e Multiservizi. Innanzitutto sono state reperite le risorse per procedere all'acquisto e installare entro entro i primi giorni di aprile i fari e i corpi illuminanti di sei impianti sportivi: il PalaNitta, il PalaSpedini, i campi di calcio Nesima, Duca d'Aosta, Velletri e IV Novembre di baseball e rugby. Illustrati anche gli interventi di manutenzione degli impianti, già effettuati o da effettuare nei prossimi  mesi. Il sindaco durante l'incontro - cui hanno partecipato anche il Capo di Gabinetto del Comune, Gian Luca Emmi, il Direttore della "Direzione Sport" Paolo Italia, il responsabile del Pon Fabio Finocchiaro, il presidente di Multiservizi Giovanni Giacalone, il consulente per i rapporti istituzionali Francesco Marano -, ha disposto di accelerare i lavori del campo San Teodoro a Librino, gestito dai Briganti: entro il mese di marzo sarà completato il progetto esecutivo, per un importo di 700 mila euro provenienti dal Patto per Catania, e ad aprile partiranno i lavori di riqualificazione dell'impianto. Si è anche discusso del calendario delle iniziative sportive previste per la primavera che sarà illustrato nei prossimi giorni. È stata poi illustrata la prima bozza del progetto Parco Gioeni, Parco dello Sport" con l'individuazione delle aree da allestire e destinare a ciascuna disciplina, che presto sarà sottoposta alle federazioni e associazioni sportive e sociali, la cui collaborazione sarà fondamentale per la riuscita dell'iniziativa. E' stato infine deciso di predisporre un piano tra assessorato allo Sport e quello alle Politiche Scolastiche con l'assessore Maria Ausilia Mastrandrea per migliorare le condizioni di fruibilità degli impianti sportivi, circa 60, presenti negli immobili scolastici comunali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 mar 2018

Al via il rifacimento di viale Mario Rapisardi da piazza Santa Maria di Gesù fino a via Palermo

di Mobilita Catania

Il programma di riqualificazione delle strade e delle piazze della città, dal centro alla periferia prosegue con una delle più importanti arterie di Catania, il viale Mario Rapisardi. Da martedì 13 parte il rifacimento di viale Mario Rapisardi dalla piazza Santa Maria di Gesù fino alla via Palermo. In quattro mesi di lavori sarà riasfaltata una superficie complessiva di ben 43.000 metri quadrati e saranno sistemati 2.200 metri quadrati di marciapiede. Martedì prossimo aprirà il cantiere e, dopo una scarificazione, il manto stradale del viale sarà interamente rifatto, dalla piazza Santa Maria di Gesù fino all'incrocio con via Palermo. In quattro mesi di lavori sarà riasfaltata una superficie complessiva di ben 43.000 metri quadrati: si procederà inoltre a una manutenzione straordinaria dei marciapiede per complessivi 2.200 metri quadrati. Si prevedono inoltre interventi per l'installazione di sistemi PdSmart - la segnaletica illuminante per passaggi pedonali -, i passaggi pedonali rialzati e la segnaletica orizzontale e verticale, comprese le bande ottico sonore per moderare la velocità. I lavori, finanziati con i fondi del programma CTMover (l'importo a base d'asta era di 976.000 euro), sono stati aggiudicati attraverso il Mepa, il sistema elettronico delle pubbliche amministrazioni, alla ditta G.P. Costruzioni di Acireale. "Ho chiesto all'assessore Di Salvo - ha detto il sindaco Bianco - di pianificare i lavori con la massima accuratezza visto che il viale Mario Rapisardi rappresenta una strada di grande importanza per la viabilità cittadina. Ho chiesto inoltre al comandante della Polizia municipale Stefano Sorbino di curare con particolare attenzione il servizio in queste aree". "Stamattina - ha aggiunto Di Salvo - insieme ai tecnici comunali ci siamo recati per un ultimo sopralluogo sui luoghi in cui si svolgeranno i lavori. Il Sindaco ci ha chiesto espressamente di lavorare per ridurre al minimo i disagi. D'altra parte in una città in cui da quindici anni le strade non venivano sottoposte a manutenzione, dobbiamo lavorare quanto più velocemente possibile". Il programma di Manutenzioni straordinarie di strade e piazze catanesi era stato presentato ai cittadini da Bianco alla fine di novembre del 2017. Quella che era stata definita dal Sindaco "l'opera pubblica più attesa dai cittadini" ha un budget di 31 milioni di euro e riguarda strade, piazze, illuminazione pubblica, edifici per ospitare uffici comunali. L'investimento avrà un'importante ricaduta sul mondo del lavoro: si stima che complessivamente ci saranno 1.500 occupati per un anno. Soltanto nel mese di febbraio il programma di riqualificazione ha già portato a riasfaltare le vie Fattori, Lojacono, Petraro, del Bosco e Pietra dell'Ova e a realizzare le strisce pedonali rialzate sulla circonvallazione. Alla fine di gennaio era stato rifatto il manto stradale di via Etnea dalla piazza Cavour alla circonvallazione. Sono stati inoltre riconsegnati alla città dopo la riqualificazione la piazza Falcone e il Parco Zammataro. Ti potrebbe interessare: 31 milioni di euro per la manutenzione di Catania: si interviene su strade, marciapiedi e piazze

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
08 mar 2018

Metropolitana di Catania, dal Governo uscente 10 milioni per nuovi treni e revamping dei vecchi

di Roberto Lentini

L'ultimo atto del Governo uscente è stato l'assegnazione di importanti risorse per le metropolitane italiane con un decreto di riparto di 191,026 milioni di euro del fondo per migliorare l’offerta di servizi di trasporto pubblico locale nelle aree metropolitane. Per Catania sono previsti circa 10 milioni di euro che serviranno, attraverso un accordo quadro, all'acquisto di nuovi treni, oltre ai 27 già finanziati e al revamping degli otto treni Firema attualmente a disposizione della metropolitana catanese. Il revamping prevede interventi di ristrutturazione generale sugli impianti e sulle parti meccaniche delle motrici con inserimento degli annunci vocali e visivi delle stazioni. Le risorse sono state assegnate in base alle  indicazioni dell’Allegato al Def 2017 "Connettere l’Italia: fabbisogni e progetti di infrastrutture" e delle linee guida per la valutazione degli investimenti in opere pubbliche del Ministero. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2024 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Metropolitana Misterbianco-Paternò: potenzialità e scenari futuri per lo sviluppo del territorio  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 mar 2018

VIDEO | Bici e mobilità sostenibile: candidati alle elezioni promossi o bocciati?

di Amedeo Paladino

Qual è lo spazio dato alla bicicletta come mezzo di trasporto all’interno dei programmi alle elezioni nazionali del 4 marzo e quali saranno le politiche di mobilità sostenibile che i candidati vorranno portare avanti durante la prossima Legislatura? Sono questi i punti cardine dell’incontro pubblico che si è svolto martedì al Palazzo della Cultura di Catania. Il dibattito organizzato da FIAB Catania–MONTAinBIKE Sicilia è solo l'ultimo degli appuntamenti di cui la Federazione Italiana Amici della Bicicletta si è fatta promotrice in questi mesi di campagna elettorale. Noi di Mobilita Catania abbiamo intervistato Giulietta Pagliaccio, la Presidente nazionale dell'organizzazione ambientalista FIAB Onlus.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 feb 2018

Il ruolo della bicicletta e della mobilità sostenibile nei programmi elettorali: candidati a confronto

di Amedeo Paladino

Qual è lo spazio dato alla bicicletta come mezzo di trasporto all'interno dei programmi alle elezioni nazionali del 4 marzo e quali saranno le politiche di mobilità sostenibile che i candidati vorranno portare avanti durante la prossima Legislatura? Sono questi i punti cardine dell'incontro pubblico che si terrà oggi a Catania con i candidati. Il titolo dell'appuntamento è "Politiche di mobilità sostenibile per la prossima legislatura. La bicicletta che ruolo avrà?" ed è stato organizzato da FIAB Catania–MONTAinBIKE Sicilia, Associazione federata FIAB Onlus (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e le Sezioni FIAB Acireale, FIAB Giarre, FIAB Misterbianco, FIAB Paternò, FIAB San Giovanni La Punta e FIAB Siracusa. L'organizzazione ambientalista FIAB Onlus in occasione della campagna elettorale per le elezioni nazionali ha redatto una proposta di dieta del traffico, raccogliendo le adesione dei candidati. Giulietta Pagliaccio, Presidente Nazionale di FIAB Onlus, e moderatrice dell'incontro di oggi, afferma: "La nostra campagna elettorale sta procedendo e sono sempre più numerosi i candidati e candidate incontrati fino ad oggi. I riscontri sono generalmente molto positivi: fino a prova del contrario ci piace credere che l'interesse dimostrato durante gli incontri si tradurrà poi in impegno concreto quando saranno nei luoghi decisionali." Il confronto di oggi assume particolare importanza nella città di Catania, poiché qui si svolgerà per il quarto anno consecutivo la Conferenza Nazionale per la mobilità sostenibile.   Politiche di mobilità sostenibile per la prossima legislatura. La bicicletta che ruolo avrà? Palazzo della Cultura-Via Vittorio Emanuele II 121, 95131 Catania. A partire dalle 15:30.  

Leggi tutto    Commenti 0