Articolo
14 mag 2019

SAC, si insedia il nuovo CdA: Torrisi confermato alla guida della società di gestione dell’Aeroporto di Catania

di Mobilita Catania

Si è insediato oggi il nuovo Consiglio di Amministrazione della Società Aeroporto di Catania. Nico Torrisi, che guida la SAC dall’ottobre 2016, è stato confermato ai vertici dell’aeroporto nel ruolo di Amministratore delegato. Sandro Gambuzza, che ha diretto per anni la Camera di Commercio di Ragusa, è il nuovo Presidente. A completare poi il CdA sono arrivati Fabio Scaccia, imprenditore del settore farmaceutico, e Giovanna Candura, già assessore regionale all’Industria e commissario della Camera di Commercio di Caltanissetta, oltre alla riconfermata Daniela La Porta. Considero questo incarico un onore- ha dichiarato Sandro Gambuzza-, poter rappresentare un'azienda come SAC mi riempie di orgoglio come imprenditore e come siciliano. Metterò al servizio del sistema aeroportuale Catania - Comiso le mie competenze, in modo da consentire la svolta tanto attesa per il nostro territorio. La squadra è compatta e sono certo porterà a termine gli obiettivi prefissati dai soci. Innanzitutto, ringrazio i colleghi della giunta camerale che mi hanno indicato all’assemblea dei soci quale componente di questo CdA- ha affermato Fabio Scaccia-,Abbiamo un compito molto importante, quello di mettere la società di gestione dell’aeroporto sul mercato e di realizzare un'operazione improntata alla massima trasparenza: il tutto, con estremo a esclusivo vantaggio del territorio. La presenza di più imprenditori nel nuovo Consiglio di Amministrazione è un chiaro segnale che conferma la volontà di una gestione manageriale che possa portare in SAC le proprie competenze. Sono certo che lavoreremo con grande impegno, e che, insieme all’amministratore delegato, al presidente e a due consigliere molto tenaci riusciremo a portare a termine il compito che ci è stato assegnato. Sono molto contenta di poter proseguire nel percorso già avviato con l'amministratore delegato Nico Torrisi e con il precedente CdA, e di portare avanti alcuni importanti progetti ai quali, in questi anni, ci siamo dedicati,-ha commentato Daniela La Porta-.Molte importanti sfide attendono l’aeroporto di Catania, che è in crescita costante sia come numero di passeggeri che come rotte: dobbiamo quindi lavorare tutti insieme per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati. Il sistema aeroportuale siciliano può essere il volano dello sviluppo della nostra Regione,- ha dichiarato Giovanna Candura-. Noi componenti del CdA saremo quindi impegnati in questa grande avventura, per garantire il diritto di mobilità dei siciliani e per aumentare l’attrattività della nostra Isola. Contestualmente sono stati resi noti i nomi del nuovo collegio sindacale: Silverio Ianniello (Presidente)  designato dal Ministero dell’Economia e delle Finanza, Salvatore Maurizio Dilena designato dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e Carmelina Volpe nominata dall’assemblea dei soci.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 mag 2019

Solarium: il Comune cerca sponsor per piazza Sciascia; avviati i lavori nell’area del “Nautico”

di Mobilita Catania

Sono stati riaperti i termini per le proposte di sponsorizzazione del solarium da realizzarsi nell'area antistante piazza Leonardo Sciascia (lato mare di piazza Europa), per le stagioni balneari 2019 e 2010. È il 24 maggio la nuova scadenza, considerato che alla data del 23 aprile il Comune non ha ricevuto manifestazioni di interesse. Le offerte vanno presentate al Protocollo generale di piazza Duomo 3; la piattaforma dovrà garantire a carico del privato servizi quali il salvataggio e il primo soccorso, bagni chimici o strutture modulari nonché attività di pulizia del solarium. Lo sponsor avrà corrispettivamente a disposizione spazi per la pubblicità commerciale, potrà installare un chiosco bar, prevedere ticket per sdraio, lettini, ombrelloni seppure in un'area limitata del solarium. Sul fronte dell'area marina antistante l'Istituto Tecnico Nautico sono già stati avviati i lavori per la realizzazione del solarium, finanziati coi fondi della tassa di soggiorno, che quest'anno potrà quindi essere aperto alla fruizione di cittadini e turisti già ai primi di giugno e senza i ritardi del passato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mag 2019

Aeroporto di Catania, 12 milioni per un collegamento sopraelevato con la costruenda fermata ferroviaria

di Mobilita Catania

Via libera al progetto per il collegamento fra l'aerostazione di Catania e la costruenda stazione ferroviaria di Fontanarossa. Si è svolto stamane un vertice fra l'assessorato regionale alle Infrastrutture, la Sac (società di gestione dell'aeroporto di Catania) e Rete ferroviaria italiana, alla presenza dell'assessore Marco Falcone, dell'ad Sac Nico Torrisi e del dirigente Rfi Michele Laganà. Il tavolo ha tracciato la road map che porterà entro giugno 2020 all'apertura della nuova stazione dell'aeroporto e, nell'arco di ulteriori 12-18 mesi, alla costruzione del tunnel sopraelevato per mettere in connessione la fermata dei treni e il Terminal A dello scalo etneo. «Il cantiere della stazione Fontanarossa, finanziato dal Governo Musumeci – ha sottolineato l'assessore Marco Falcone – procede a buon ritmo. Già l'anno prossimo non sarà più un'utopia prendere il treno da Messina o Siracusa e raggiungere direttamente l'aeroporto di Catania. In tale ottica, abbiamo inteso accelerare sul progetto del collegamento con stazione-terminal, dal valore complessivo di circa 12 milioni di euro, realizzato da Rfi con il supporto della Regione. L'obiettivo è di condurre i passeggeri in circa 7 minuti dalla fermata ferroviaria fino all'interno dell'area partenze, sul modello del restyling di Roma Fiumicino». Lo scorso 18 febbraio era stato il presidente Nello Musumeci a consegnare i lavori della stazione Fontanarossa. «Il Governo Musumeci - ha aggiunto l'assessore alle Infrastrutture Falcone - intende accompagnare lo sviluppo dell'aeroporto di Catania, creando l'infrastrutturazione indispensabile per accogliere flussi di passeggeri in costante crescita, coniugando servizi di qualità e tecnologia».     Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Fermata FS Catania Aeroporto, al via i lavori: sarà fruibile da giugno 2020

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mag 2019

Variante urbanistica Ognina-Picanello: dal Comune nessuna autorizzazione

di Mobilita Catania

In riferimento a presunti lavori di opere in variante allo strumento urbanistico, a Nizzeti o altre zone, annunciate dal movimento politico “Catania Bene Comune” e anticipate stamani dal quotidiano on line Meridionews, l’Amministrazione Comunale chiarisce di non avere rilasciato autorizzazioni di alcun tipo. "Le conferenze di servizi gestite dagli uffici della Direzione Urbanistica in quanto attività esclusivamente gestionale, sono meri atti burocratici, dovuti per legge, a fronte di specifiche richieste di pre fattibilità avanzati da soggetti privati esclusivamente su studi di fattibilità e non su progetti esecutivi e/o cantierabili. Nessun atto concreto, dunque, può derivare dalla loro conclusione anche positiva in conseguenza di conferenze di servizi, in quanto, l’attività proposta, in tutti i casi, è soggetta a progettazione esecutiva in variante allo strumento urbanistico di competenza del consiglio comunale e a cui, peraltro, non si è proposto neppure l’esame. L’esame delle proposte di varianti urbanistiche, infatti, seguono un iter complesso ed articolato uguale a quello della redazione di un PRG, che ad oggi non ha visto alcun documento amministrativo posto in essere. E’ noto, invece, che in questi mesi è stato avviato l’iter di realizzazione del nuovo strumento urbanistico, dopo decenni di assordante silenzio, proprio per bloccare il continuo ricorso alle varianti al Prg. Senza contare, che è agevolmente verificabile come uno dei principi cardine delle linee guida del nuovo Prg varati dalla Giunta comunale, sia proprio l’assenza di ulteriore consumo di suolo e l’aumento delle aree a verde. Semmai le singole proposte avanzate a oggi note, potranno essere valutate nel loro insieme nell'alveo della futura programmazione pianificatoria, senza che ciò possa “turbare” i contenuti delle linee guida del PRG all’attenzione del consiglio comunale. Risultano, pertanto fuorvianti e infondati, allarmistici richiami a una presunta, in realtà inesistente, “cementificazione” o “devastazione” del territorio, operazioni forse del passato, che si stanno finalmente bloccando. proprio con una visione complessiva di sviluppo della città, frutto di un serrato confronto con tutti gli attori del fronte sociale e professionale della città di Catania che ha già prodotto le linee guida del Piano Regolatore Generale, da tre mesi sottoposte all’adozione definitiva del consiglio del consiglio comunale". Fonte foto di copertina: Meridionews

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 apr 2019

Ospedale San Marco da oggi servito dal Librino Express AMT

di Mobilita Catania

Al via questa mattina il servizio di trasporto pubblico all’interno dell’ospedale San Marco di Catania, istituito grazie all’accordo tra l‘Azienda Metropolitana Trasporti di Catania e l’Azienda Policlinico Vittorio Emanuele, a cui appartiene il nuovo nosocomio. L’ospedale verrà servito dalla linea Librino Express, che è stata potenziata ed effettuerà un percorso all’interno della struttura ospedaliera, con frequenza di circa 10/15 minuti, nonché dalle circolari di quartiere 802 rossa e nera. La linea Librino Express è una linea veloce che collega la Stazione Centrale, il Porto, l'Asse dei Servizi. il Parcheggio Scambiatore  Fontanarossa e  Librino parte sud-est. Inoltre è previsto che l’Ospedale S. Marco fungerà da capolinea della nuova linea BRT di prossima istituzione, che congiungerà Librino al centro città. Presenti il sindaco Salvo Pogliese, l’assessore regionale alla salute Ruggero Razza, il direttore generale facente funzione dell’Azienda Policlinico Vittorio Emanuele, Giampiero Bonaccorsi, il presidente di AMT Giacomo Bellavia e i consiglieri di amministrazione di AMT Agata Parisi e Serena Spoto, nonchè il dirigente e gli operatori di esercizio dell'Azienda.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 apr 2019

Cura del verde pubblico: mille metri quadri affidati ai privati

di Mobilita Catania

Continuano le sponsorizzazioni di aree pubbliche da parte di privati per la riqualificazione e la manutenzione ordinaria di aree a verde comunali. Diverse aree della città sono state affidate dall'Amministrazione Comunale a soggetti privati, sollevando così il Comune dall'onere dei costi di mantenimento in cambio del posizionamento nelle aiuole di messaggi pubblicitari. Gli spazi assegnati alla cura dei privati riguardano differenti zone di Catania, da aree periferiche come Librino e Canalicchio, a quelle più centrali di viale Africa, piazza Michelangelo, via Caronda e la zona alta di via Etnea. L’area di piazza Galatea è stata aggiudicata alla società Russo Anna Chiara & C. s.a.s. “Agenzia Assicurazioni” che curerà la riqualificazione e la manutenzione ordinaria anche di una piccola area limitrofa in viale Africa. La stessa procedura è stata seguita con la conseguente aggiudicazione per il miglioramento e la gestione ordinaria di un’area di viale Castagnola, a Librino, nei pressi del chiosco di Nicolò Poma, che è divenuto sponsor: oltre a riqualificare l’area, inserirà degli elementi di arredo urbano e giochi per i bambini, nella considerazione della vicinanza dell’Istituto scolastico Musco. La ditta Gardes s.r.l., ha manifestato interesse a proseguire nella cura di un'area a verde di proprietà comunale sita nei pressi dell'incrocio al confine con i comuni di Tremestieri Etneo e San Gregorio di Catania, nei pressi di via Nuovaluce. Alla ditta Palmeri Emilio s.a.s. sono state assegnate la cura delle aiuole di piazza Ludovico Ariosto, lo spartitraffico di via Vincenzo Giuffrida (tratto iniziale nei pressi di viale Raffaello Sanzio), la rotatoria di Largo Sarajevo e le isole di traffico in viale Vittorio Veneto, all'altezza di piazza Michelangelo Buonarroti. La Banca IBL S.p.A. ha manifestato interesse, inoltre, all'allestimento e manutenzione dell'area a verde di proprietà comunale sita nello slargo tra via Etnea e via Empedocle. Complessivamente sono quasi mille i metri quadrati di verde cittadino che con queste nuove assegnazioni sono stati affidati a partner commerciali privati, riducendo l'uso delle risorse del bilancio comunale e introducendo ancora più massicciamente l'innovativo percorso amministrativo dell'affidamento agli sponsor della tutela del verde pubblico, risorsa imprescindibile per la città di Catania.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 apr 2019

Da Enjoy a Io Guido: il car-sharing di Catania verso l’avvicendamento

di Amedeo Paladino

Le aziende di trasporto pubblico locale di Palermo e Catania, Amat e Amt, sottoscriveranno nei prossimi giorni una convenzione per lo sviluppo del servizio di car sharing anche nella città di Catania, promosso dal Ministero dell’Ambiente e individuato dal marchio nazionale “IO Guido Car Sharing”, già attivo in gran parte della Sicilia (Palermo, Trapani, Enna Castellammare del Golfo, Scopello, Monreale, Alcamo, Aeroporto di Palermo Falcone Borsellino e Aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio) e attualmente anche nelle città di Genova, Parma, Roma, Padova, Arezzo. "Dalla collaborazione delle due principali aziende di trasporto pubblico locale in Sicilia - dicono Michele Cimino e Giacomo Bellavia, amministratore unico di Amat Palermo e presidente Amt Catania - si potrà sviluppare un servizio di car-sharing di respiro regionale, che coinvolga non solo le principali città siciliane di Palermo e Catania, ma tutte le nove provincie e le isole minori. Prevediamo a breve di poter far ripartire l'importante servizio a beneficio dei cittadini catanesi e dei turisti che visitano il capoluogo etneo”. Il servizio Car Sharing “IO Guido di AMAT” ha varato un programma di potenziamento che prevede il potenziamento della flotta nel biennio 2019 - 2020 con ulteriori 150 autovetture, di cui 80 elettriche, l'istallazione di 70 colonnine di ricarica e l'estensione del servizio in area vasta che colleghi fra loro le città siciliane e con i principali hub aeroportuali e portuali dell’isola. La notizia arriva dopo l'annunciata sospensione del servizio di car-sharing gestito dalla società Enjoy che in una nota ha spiegato le cause dell'abbandono della città etnea: "Eni conferma con rammarico che a partire dal prossimo 20 maggio il servizio di car sharing Enjoy non sarà più attivo presso la Città di Catania. La società, infatti, malgrado il continuo sforzo volto a fornire un servizio innovativo e sempre efficiente, è costretta a registrare un numero di cittadini interessati decisamente inferiore alle attese e di conseguenza un basso livello di utilizzo dei veicoli. Inoltre, e non da ultimo, il numero elevato di atti vandalici compiuti ai danni della flotta auto di Enjoy ha definitivamente convinto Eni ad abbandonare l’esperienza di Catania. Eni desidera ringraziare il Comune di Catania per l’eccellente ospitalità e i cittadini catanesi che hanno utilizzato e comunque rispettato il servizio Enjoy".  

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti