Articolo
16 mag 2017

VIDEO | Navetta metro per Montepalma e Lineri: un servizio impeccabile

di Mobilita Catania

Ha esordito ieri mattina il servizio di bus-navetta che collega le frazioni di Lineri e Montepalma con la stazione di Nesima della metropolitana di Catania. Noi di Mobilita Catania abbiamo provato il servizio e qui vi riportiamo le nostre impressioni. Il servizio è gestito dalla Ferrovia Circumetnea ed è operato con bus da 60 posti; ogni navetta è dotata di localizzatore GPS che permette agli utenti di conoscere i tempi di attesa alle fermate, fornendo stime di passaggio costantemente aggiornate. All'interno della vettura, la segnalazione vocale e visiva aiuta a individuare la fermata. Sono previste 34 corse giornaliere dalle ore 7:00 alle ore 19:30; la frequenza è di 15 minuti dalle ore 7:00 alle 8:30 e dalle ore 12:30 alle 14:30, ed è di 30 minuti nelle restanti fasce orarie. Per usufruire del servizio basta presentare il proprio abbonamento o comprare il biglietto giornaliero della metro al costo di 2 euro, acquistabile nei punti vendita o a bordo delle stesse navette; si potranno così utilizzare sia il bus navetta che la metropolitana per l’intera giornata. A breve la Ferrovia Circumetnea installerà le paline indicanti le fermate e verranno incrementate le rivendite dove sarà possibile acquistare i biglietti; il percorso è stato ben studiato e implementato dal direttore autoservizio, poiché copre efficientemente il grande bacino di Montepalma e Lineri. Le criticità rilevate derivano dalla gestione della viabilità da parte del comune di Misterbianco. In alcuni casi infatti, le auto in divieto di sosta rallentano la velocità del bus: è necessario che il comando di Polizia Municipale regoli alcuni nodi critici per il passaggio della navetta. Dalla dirigenza Ferrovia Circumetnea arrivano conferme sulla prossima attivazione di un servizio analogo anche per Belsito. Ecco gli orari e le fermate: Ti potrebbero interessare: Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Metropolitana di Catania | Storia e sviluppi futuri

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 apr 2017

VIDEO | Metropolitana, dentro la galleria della tratta Nesima-Monte Po

di Roberto Lentini

Procedono spediti i lavori della nuova tratta Nesima-Monte Po. La TBM, una grande talpa utilizzata per lo scavo, ha già realizzato circa 300 metri di galleria e si prevede che possa arrivare alla stazione di Monte Po già nel prossimo mese. La fine del cantiere è prevista tra la fine del 2017 e gli inizi 2018. Ecco nel dettaglio la situazione dei lavori nei singoli cantieri. Stazione  Monte Po Nella stazione di Monte Po i solettoni di fondo per le predisposizioni di binari e selle per il passaggio della TBM sono già pronti così come le banchine della futura stazione che avranno una lunghezza di 84 metri, così come in tutte le stazioni sotterranee già realizzate, capaci, dunque, di ospitare anche convogli in modalità accoppiata a quattro casse, all'occorrenza. Si sta già lavorando per realizzare il primo impalcato tra il piano binari e il primo mezzanino. Probabilmente, quando nelle prossime settimane passerà la "talpa", il solaio sarà già realizzato e non potremo gustarne il passaggio dall'alto. La stazione di Monte Po sarà a servizio dell’omonimo quartiere, collegandosi ad esso tramite due sottopassaggi pedonali con accesso sia da largo Alberto Favara (uscita A) che da piazza Maria Luisa di Gesù (uscita B). Inoltre, nella nuova piazza soprastante la stazione, saranno presenti due uscite (uscita B1 e B2) e un’ulteriore uscita sarà collocata in corrispondenza del centro commerciale Scaringi (uscita C). La stazione, dunque, servirà anche l'area commerciale nei pressi della grande rotonda di Monte Po, al confine con il comune di Misterbianco. Stazione Fontana I lavori di scavo sono iniziati lo scorso 4 marzo e dureranno fino allo stesso mese dell'anno prossimo. I lavori di palificazione sono già terminati e in questa fase lo scavo ha raggiunto una profondità di circa 2 metri. La TBM dovrebbe arrivare in questo cantiere verso fine luglio e risulta quindi importante completare lo scavo per permetterne  il passaggio “a vuoto”. La talpa riprenderà poi il suo avanzamento verso la stazione di Nesima a settembre, in base al cronoprogramma.   La stazione sarà dotata di quattro uscite, due sul lato nord (uscite B e C) e due sul lato sud (uscite A e D), ossia su viale Felice Fontana. Ci sarà anche un ingresso, tramite un tunnel, direttamente all’interno del complesso ospedaliero Garibaldi nuovo. Vi mostriamo un video realizzato da Zammu TV in occasione della visita degli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Strutturale Geotecnica, accompagnati dalla professoressa Maria Rossella Massimino e dall'ingegnere della CMC di Ravenna, Salvatore Burgio A conclusione dei lavori della tratta Nesima-Monte Po, la metropolitana si snoderà quindi lungo questo percorso di 10,5 km: Monte Po Fontana Nesima San Nullo Cibali Milo  Borgo Giuffrida Italia Galatea Porto Giovanni XXIII  Stesicoro Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2023 Metropolitana di Catania, tratta Nesima-Monte Po: scopriamo la stazione Fontana Metropolitana di Catania, tratta Nesima-Monte Po: scopriamo la stazione Monte Po FOTO | Svelata la nuova tratta Borgo-Nesima della metropolitana “Agata” al lavoro per aprire la tratta Nesima-Monte Po entro la primavera del 2018 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro: obiettivo 2019 Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni La linea metro a nord di Catania: il progetto di Pedemontana e il nodo irrisolto dell’hinterland di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 apr 2017

VIDEO | Quando la “littorina” percorreva le strade cittadine: testimonianza di Catania prima della metropolitana

di Amedeo Paladino

L'inaugurazione della tratta Borgo-Nesima della metropolitana di Catania appartiene alla cronaca recente, ma molti catanesi ricordano ancora quando i treni della Ferrovia Circumetnea transitavano in superficie nel cuore della città. La metropolitana di Catania nasce infatti dal progetto di sostituzione con contestuale interramento del percorso urbano della Ferrovia Circumetnea. I primi chilometri a essere realizzati, infatti, hanno ricalcato il vecchio tracciato della Fce dal porto alla stazione Borgo che, nel secolo scorso, era interamente in superficie. A causa delle crescenti difficoltà riscontrate nell'attraversare il traffico cittadino, si decise di optare per un tragitto sotterraneo e di farne una metropolitana pesante: i lavori iniziano il 13 dicembre 1986 e il 27 giugno 1999, dopo quasi 13 anni, si inaugura la prima tratta, Borgo-Porto. Dall'11 luglio 1999 i treni della circumetnea non transitano più in superficie nel tratto dal Porto al Borgo. Quella che vi mostriamo è una testimonianza preziosa dell'automotrice ADE 25- ancora in uso per il servizio circum- mentre percorre il tratto compreso da Catania (corso delle Province) fino a Belpasso, ricalcando in superficie fino a Nesima quello che è ora il tracciato interrato della metropolitana. Il video è del 15 marzo 1994 ci permette di constatare i cambiamenti della città negli ultimi 20 anni: i binari furono dismessi al Corso delle Province nel 2006, lasciando spazio a nuovi stalli auto.   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania: storia e sviluppi futuri La storia della Ferrovia Circumetnea: da 120 anni attorno all’Etna Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2023    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 apr 2017

Ferrovia Circumetnea, due concorsi per l’assunzione di personale a tempo indeterminato

di Mobilita Catania

Ferrovia Circumetnea ha pubblicato sul proprio sito internet due bandi di concorso per l'assunzione di personale con rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato: i due concorsi pubblici sono finalizzati all'assunzione di sei operatori di stazione e otto operatori qualificati elettromeccanico. La scadenza per la presentazione della domanda per entrambi i concorsi è il 27 aprile 2017; Ferrovia Circumetnea qualora dovessero pervenire più di 100 domande di partecipazione alla procedura concorsuale, effettuerà una preselezione propedeutica alla prova orale. I candidati devono essere in possesso dei requisiti specifici richiesti dal bando di concorso. La domanda di ammissione, redatta in carta semplice secondo lo schema allegato al bando, deve essere indirizzata alla gestione governativa Ferrovia Circumetnea, via Caronda 352/A, 95128 Catania, e, con esclusione di qualsiasi altro mezzo, spedita a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento, entro il termine perentorio di trenta giorni, decorrenti dal giorno successivo a quello della presente pubblicazione. Ai seguenti link i dettagli sul singolo concorso pubblico: CONCORSO PUBBLICO PER OTTO POSTI DI OPERATORE QUALIFICATO ELETTROMECCANICO PAR.140 CONCORSO PUBBLICO PER SEI POSTI DI OPERATORE DI STAZIONE PAR.139  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2017

“Il Treno dei Vini dell’Etna” 2017, cantine e centri storici sui binari della circumetnea: programmati i primi tour

di Mobilita Catania

Percorrere le pendici dell'Etna, il vulcano attivo più grande d'Europa, attraverso i binari della Ferrovia Circumetnea, per inoltrarsi poi, con il wine bus, nelle strade del Vino dell'Etna e scoprire in tutta libertà le più belle cantine dell'Etna. I primi tour programmati sono quelli del 22 e 29 aprile, e del 6 e 13 maggio. Dopo l’esordio del 2016 ritorna “Il Treno dei Vini dell’Etna”: l’iniziativa partirà sabato 22 aprile 2017 e si ripeterà con cadenza settimanale: il treno partirà dalle stazioni di Riposto e di Piedimonte Etneo. “Il treno del vino” permetterà ai viaggiatori di arrivare alle pendici dell’Etna sui binari a scartamento della Ferrovia Circumetnea; scesi dal treno a Randazzo, si salirà a bordo del Wine Bus “hop-on hop-off”, che vi porterà in alcune tra le più belle cantine etnee e si potrà salire e scendere ad ogni fermata, (il Wine Bus passerà ogni due ore da tutte le fermate). Il programma prevede la visita guidata di due cantine dell'Etna, con degustazione di due vini Etna DOC in ciascuna cantina, accompagnati da assaggi di prodotti tipici. Ogni appuntamento prevede una tappa nel centro storico di Castiglione di Sicilia, Linguaglossa o Randazzo. I primi tour programmati sono quelli del 22 e 29 aprile, e del 6 e 13 maggio. I biglietti del tour “Il Treno dei Vini dell’Etna”, al prezzo di € 23,00 si possono acquistare: a bordo del treno della Ferrovia Circumetnea, a bordo del Wine Bus “hop-on hop-off”, nel punto informativo della Strada del Vino dell’Etna di Piedimonte Etneo, in tutte le rivendite che espongono il marchio “Around Etna”, presso tutte le stazioni FCE. Il biglietto comprende il percorso in treno, il Wine Bus e un coupon da presentare al momento dell’acquisto della degustazione.   Tutti i dettagli sono consultabili attraverso i canali informativi di Ferrovia Circumetnea, Associazione “Strada del Vino dell’Etna” ; email - info@stradadelvinodelletna.it telefono - 3499244672 sito web - https://stradavinoetna.squarespace.com/ Ti potrebbero interessare:  La storia dei treni della Ferrovia Circumetnea: da 120 anni attorno all’Etna

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 apr 2017

Ferrovia Circumetnea, rivenuto un ordigno bellico nei pressi della stazione di Randazzo: corse sospese e bus sostitutivi

di Amedeo Paladino

Un ordigno bellico, probabilmente risalente alla seconda guerra mondiale, è stato rinvenuto ieri dagli operai della Ferrovia Circumetnea durante dei lavori sulla linea ferrata in prossimità della stazione di Randazzo, in un tratto adiacente a via IV Novembre. Le corse della circumetnea nel tratto tra Randazzo e Adrano sono state immediatamente sospese e tutti gli Enti e le Istituzioni sono stati avvertiti del rinvenimento: a breve sarà programmata la rimozione dell'ordigno, le operazioni dovrebbero svolgersi entro pochi giorni. Ferrovia Circumetnea informa l'utenza che tutti i treni previsti nella tratta extraurbana Randazzo - Adrano saranno effettuati con autobus sostitutivi fino al termine dei programmati interventi di bonifica. In tarda mattinata sono terminate le operazione di bonifica e la circolazione ferroviaria è ripresa. foto di copertina di Marco Crimi: treno "Vulcano" presso la stazione di Randazzo dopo la nevicata del 20 gennaio 2016 (VIDEO)  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 apr 2017

VIDEO | Parcheggio di interscambio AMT-Metro-Circum di Nesima: come funziona

di Amedeo Paladino

Dal 2013 è attivo e aperto al pubblico il parcheggio di interscambio Nesima, ubicato nell’omonimo quartiere in via Michele Amari. Funziona con le stesse modalità e tariffe del parcheggio Due Obelischi, ma a differenza di quest’ultimo non è ancora servito da alcuna linea di collegamento veloce BRT (Bus Rapid Transit), ma solo da linee bus tradizionali. Sorge, inoltre, accanto alla stazione FCE di superficie di Nesima e vicino all'omonima stazione della metropolitana. I posti disponibili sono poco più di 300, suddivisi in tre aree; la tariffa è agevolata per chi usufruisce del parcheggio e acquista il titolo di viaggio AMT; i residenti della zona possono usufruire del parcheggio con un canone annuo di 12 euro, i ciclomotori e motocicli possono sostare gratuitamente. Il parcheggio è funzionante 24 ore su 24, l’accesso alle aree di sosta prevede per l’utente la necessità di ritirare un biglietto a banda magnetica d’ingresso al parcheggio. I locali all'interno del parcheggio sono climatizzati, dotati di poltrone d’attesa, TV, display informativi e macchine emettitrici di biglietti del bus, oltre a servizi igienici e macchine erogatrici di caffè, altre bevande e vivande. Il polo di interscambio è capolinea delle linee AMT 628 nera, 628 rossa, 621 e 642; da esso transitano anche le linee 522, 702, 932; esso costituirà anche un polo fondamentale di tutti i servizi della Ferrovia Circumetnea (circumetnea, autolinee e metropolitana): a breve infatti ci si attende una rimodulazione generale del servizio FCE, alla luce della messa in esercizio della tratta Nesima-Borgo e delle successive espansioni della linea. Allo stato attuale il ticket parcheggio non permette di utilizzare la metropolitana: per poter viaggiare in metro occorre essere forniti del biglietto di viaggio. Le tariffe qui sotto riportate si riferiscono solamente ad AMT e non sono estese ai servizi metro, circum e autolinee di Ferrovia Circumetnea. Il parcheggio di via Michele Amari è collegato alla stazione Nesima della metropolitana attraverso una scalinata che conduce fino a via Antoniotto Usodimare (circonvallazione ovest) Ti potrebbe interessare: Il bglietto integrato AMT-Metro: come funziona  

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti