Articolo
06 gen 2018

Metropolitana di Catania, il punto sui lavori: riparte Cibali; da Paternò all’aeroporto in 10 anni

di Mobilita Catania

Mentre si guarda al futuro con il finanziamento per i nuovi treni e si studia la tempistica per le gare d'appalto delle nuove tratte della metro catanese, il presente, in casa Ferrovia Circumetnea (sponda metropolitana pesante), è pure in fermento. Sulla tratta Nesima-Monte Po, infatti, si lavora a ritmo sostenuto e nel grande scavo della stazione Fontana la Tunnel Boring Machine è già in posizione per proseguire verso Nesima. Dopo aver abbattuto l'ultimo diaframma della galleria, tra pochi mesi potrà essere estratta dall'apposito pozzo situato nei pressi dell'incrocio tra viale Lorenzo Bolano, viale Felice Fontana e via Antonio Pacinotti. Successivamente, con ogni probabilità entro la prossima estate, questa tratta che si snoda lungo 1,7 km sotto la parte più occidentale della circonvallazione di Catania, sarà messa in esercizio con le due nuove stazioni di Fontana (direttamente collegata anche all'Ospedale Garibaldi Nesima) e di Monte Po. Per quanto riguarda, invece, la prosecuzione della linea sul fronte opposto, tratta Stesicoro-Aeroporto, è stato completato il pozzo d'ingresso della TBM nel cantiere sito nei pressi di via Palermo e nei prossimi mesi inizierà il montaggio nel sottosuolo della grande talpa che dovrà scavare il tunnel del lotto Stesicoro-Palestro di 2,2 km. Per quanto concerne i restanti 4,6 km della tratta sino all'aerostazione di Fontanarossa, nonché per la realizzazione di tutte le stazioni lungo il percorso Stesicoro-Aeroporto, si prevede per giugno la conferma del finanziamento da parte della commissione europea per poi poter procedere alla pubblicazione del bando di gara, comunque entro l'anno. Altro aggiornamento degno di rilievo riguarda il cantiere della agognata stazione di Cibali, per il quale si prevede che i lavori riprendano la settimana entrante: salvo nuove interruzioni, dunque, la stazione sita tra via Galermo e via Bergamo, sotto la corrispondente stazione di superficie della Fce, dovrebbe essere aperta al pubblico tra marzo e aprile, dunque in ritardo di un anno rispetto alle altre tre stazioni della tratta aperta il 30 marzo 2016, ossia Milo, San Nullo e Nesima. Il condizionale è d'obbligo alla luce della crisi che ha coinvolto l’impresa appaltatrice Tecnis. In circa dieci anni, a meno di imprevisti che la storia insegna essere sempre in agguato, si dovrebbe avere in esercizio 31,6 km di metropolitana con 28 stazioni a servizio della città metropolitana di Catania, da Paternò all'aeroporto Vincenzo Bellini passando per il centro del capoluogo etneo, di cui 19,4 km (tratta Misterbianco-Aeroporto) entro i prossimi sei anni. Ecco l'intero percorso: Paternò Ardizzone Giaconia Valcorrente  Belpasso Gullotta Misterbianco centro Misterbianco zona industriale Monte Po Fontana Nesima San Nullo Cibali Milo  Borgo Giuffrida Italia Galatea Porto Giovanni XXIII  Stesicoro San Domenico Vittorio Emanuele (Ospedale) Palestro San Leone Verrazzano Librino Santa Maria Goretti Aeroporto Fontanarossa Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2024 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Metropolitana Misterbianco-Paternò: potenzialità e scenari futuri per lo sviluppo del territorio

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 lug 2017

Metropolitana, stazione Monte Po: a breve l’ultimazione della galleria della nuova tratta

di Roberto Lentini

Sono attualmente in corso i lavori di realizzazione della tratta Nesima-Monte Po della metropolitana, con la stazione intermedia Fontana, aggiudicati alla CMC di Ravenna: la conclusione dei lavori e l’entrata in esercizio è prevista per la primavera del 2018. Noi di Mobilita Catania abbiamo fatto visita ai cantieri della nuova tratta di metropolitana. Dopo avervi mostrato l'avanzamento dei lavori per la costruzione della galleria, vi portiamo nell'area dove si sta costruendo la stazione di Monte Po. La stazione di Monte Po si trova in una fase più avanzata rispetto alla stazione Fontana, poiché la TBM è partita dal cantiere di Misterbianco, nei pressi di corso Carlo Marx, e intercetterà prima lo spazio di questa stazione. Si prevede che già nella seconda metà di luglio la TBM possa rompere il diaframma della stazione di Monte Po il cui scavo, profondo circa 30 metri, è stato già completato: adesso si sta lavorando agli impalcati. Si sta completando la prima soletta di interpiano tra il piano binari e il piano mezzanino. La soluzione adottata per i solai è quella di strutture prefabbricate per non avere sostegni provvisori nella parte sottostante e poter continuare a lavorare agevolmente. Ecco le foto che mostrano l'avanzamento del cantiere. La stazione di Monte Po sarà la seconda stazione che incontreremo nella nuova tratta, provenendo da Nesima, e sarà collocata nei pressi del bivio tra la circonvallazione di Catania e il Corso Carlo Marx, via principale del polo commerciale misterbianchese. Sarà a servizio dell’omonimo quartiere di Monte Po, collegandosi ad esso tramite due sottopassaggi pedonali con accesso sia da largo Alberto Favara (uscita A) che da piazza Maria Luisa di Gesù (uscita B). Inoltre, nella nuova piazza in superficie, che verrà creata appositamente per la nuova stazione, ci saranno due uscite (B1 e B2) e un’ulteriore uscita sarà collocata in corrispondenza del centro commerciale Scaringi (uscita C): quest'ultima non sarà interrata ma in superficie, protetta da una pensilina. Nella nuova piazza sono previsti 32 posti auto di cui due per disabili, quindi l'area non avrà funzione di parcheggio scambiatore, che sarà demandato alla futura stazione di Misterbianco Zona Commerciale. Con la nuova piazza verrà quindi creato un nuovo spazio urbano, un luogo dove incontrarsi e sostare, uno spazio di svago, di comunicazione e di pausa riflessiva. La caratteristica principale di questa stazione sarà la luce naturale che penetrerà all’interno grazie ad una serie di doppie altezze, cavedi e vetrate. Molte della partizioni interne saranno anch’esse in vetro, permettendo l’affaccio sui livelli inferiori e alla luce naturale di diffondersi nei vari ambienti. Questa stazione avrà due piani intermei, il primo verrà utilizzato per creare un collegamento pedonale tra il quartiere di Monte Po e la zona commerciale di corso Carlo Marx, attualmente separata da una grande strada a scorrimento veloce;  nel secondo mezzanino si potrà invece scegliere la direzione della metropolitana: Stesicoro-Palestro-Aeroporto o Misterbianco-Paternò. Vi consigliamo di consultare i nostri recenti approfondimenti sulla tratta Nesima-Monte Po: Viaggio nei cantieri metro | A breve completata la prima parte di galleria Nesima-Monte Po: la TBM procede a pieno ritmo Metropolitana, la stazione Fontana della Nesima-Monte Po prende forma: entro l’estate l’arrivo della galleria   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2023 Metropolitana di Catania, tratta Nesima-Monte Po: scopriamo la stazione Fontana Metropolitana di Catania, tratta Nesima-Monte Po: scopriamo la stazione Monte Po FOTO | Svelata la nuova tratta Borgo-Nesima della metropolitana “Agata” al lavoro per aprire la tratta Nesima-Monte Po entro la primavera del 2018 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro: obiettivo 2019 Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni La linea metro a nord di Catania: il progetto di Pedemontana e il nodo irrisolto dell’hinterland di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 mar 2017

Eruzione Etna, la situazione dell’aeroporto di Catania: limitati i voli in arrivo

di Amedeo Paladino

A questo link ▶️ AGGIORNAMENTO ORE 11:00 DEL 17 MARZO SAC, società che gestisce l'Aeroporto Internazionale Fontanarossa informa che, in seguito all’odierno aumento dell’attività esplosiva dell’Etna – attività accompagnata da una significativa emissione di cenere in atmosfera- l'Unità di Crisi ha deciso di ridurre fino alle ore 9 di domattina il flusso degli aeromobili in arrivo limitandolo a 5 movimenti orari. Resta regolare l’operativo degli aerei in partenza. La riduzione comporterà qualche ritardo che potrà essere monitorato, in tempo reale, sul sito dell’Aeroporto di Catania, sull’app CTAairport, su Telegram, il servizio di messaggistica istantanea su cui SAC ha attivato un canale (@aeroportocatania_bot) e sui profili Facebook e Twitter. Ecco la simulazione dispersione cenere vulcanica Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (www.ingv.it)

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti