Articolo
08 apr 2020

Fermata FS di Fontanarossa, a breve ripartono i lavori. Possibile opzione per integrarsi con il parcheggio Amt

di Roberto Lentini

Nuova tempistica in via di definizione per quanto riguarda i lavori della nuova fermata ferroviaria di Fontanarossa, a servizio dello scalo aereo etneo, interrotti a causa dell'emergenza Covid19 e che dovrebbero riprendere il 15 aprile e terminare tra luglio e agosto. I lavori della fermata si trovano in una fase piuttosto avanzata, come già documentato in questo articolo. Sono state realizzate le banchine, munite di pavimentazione tattile per non vedenti, nonché parte delle pensiline a ridosso di entrambi i binari. Ultimato il corpo centrale lato aeroporto, che ospita locali tecnici, e l’imbocco del corridoio di attraversamento dei binari nonché il sottopasso che collega la banchina nord con la banchina sud. Resta da realizzare invece l'impiantistica che richiede circa 90 giorni di lavori. Possibile dietrofront, invece, per quanto riguarda la realizzazione del tapis roulant sopraelevato di collegamento tra la fermata e l'aerostazione. «Sul progetto del tapis roulant dovremo fare un ulteriore passaggio: avremo un incontro col Comune di Catania che intende valorizzare il parcheggio scambiatore Fontanarossa integrandolo alla futura fermata metro. Al di là di questo, la funzionalità della stazione Fontanarossa sarà garantita, in quanto è stata aggiudicata la gara di 1,2 milioni per realizzare la strada di poco più di un chilometro che collegherà la fermata ferroviaria alla rotatoria che porta all'accesso ai terminal arrivi e partenze» ha affermato l'assessore regionale Marco Falcone in un'intervista a La Sicilia pubblicata a firma Cesare La Marca. È emersa, infatti, da un lato la dubbia sostenibilità dell'opera, accentuata dal verosimile calo di utenza aeroportuale ancora per molto tempo, rispetto ai numeri del recente passato, a causa dell'emergenza sanitaria mondiale, e dall'altro la volontà di Comune di Catania e Ferrovia Circumetnea di valorizzare il parcheggio scambiatore di Fontanarossa, che, con l'assetto previsto con il tapis roulant, sarebbe stato tagliato fuori, perdendo così buona parte di utenza. Lo staff tecnico di mobilita.org apprezza con soddisfazione la presa di posizione dell'amministrazione comunale che, d'intesa con la Ferrovia Circumetnea, adesso punta a rispettare pienamente la vocazione del parcheggio d'interscambio di Fontanarossa. Mobilita.org ha sempre sostenuto, infatti, il rispetto del protocollo di intesa che prevede la realizzazione di un polo d’interscambio tra diversi mezzi di trasporto pubblico -bus, metropolitana e passante ferroviario- all’interno del Parcheggio Scambiatore di Fontanarossa (leggi questo articolo per approfondire l'argomento). L'accordo a tale scopo fu firmato nel 2005 dal Comune di Catania (amministrazione Scapagnini), da Rfi (Reti Ferroviarie Italiane) e Fce (Ferrovia Circumetnea, ente che gestisce la metropolitana di Catania, con Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Pietro Lunardi), e poneva le basi per fare della grande area di sosta a sud di Catania, collegata alla tangenziale tramite l’asse dei servizi, un grande ed efficiente nodo di scambio tra mezzo privato e pubblico, porta di accesso meridionale alla città.  Ti potrebbero interessare: Collegamento sopraelevato Fontanarossa Fs – Aeroporto: un’opportunità “pericolosa”? Pianificazione trasporti, il Sindaco di Catania promuove incontro con Regione, RFI e FCE per il nodo Fontanarossa Fermata ferroviaria aeroporto Fontanarossa, SAC pubblica bando per il collegamento stradale Nodo intermodale di Fontanarossa: non solo aeroporto, è la città di Catania ad averne bisogno Passante Ferroviario di Catania Metropolitana di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 apr 2020

Protocollo d’intesa per connessione infrastrutturale fra la futura stazione di Bicocca e l’Interporto

di Mobilita Catania

Via libera al Protocollo d'intesa fra la Regione Siciliana, la Rete ferroviaria italiana (Rfi) e la Società interporti siciliani (Sis) per la connessione infrastrutturale e funzionale fra la futura nuova stazione di Bicocca e l'Interporto di Catania. Stamane la firma del documento da parte del presidente della Regione Nello Musumeci, dell'amministratore delegato di Rfi Maurizio Gentile e del presidente Sis Rosario Torrisi, collegati in videoconferenza, alla presenza dell'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. «L'Interporto di Catania, dopo anni di attese e ritardi - ha commentato Musumeci - si avvia finalmente a essere completato per diventare così un'infrastruttura strategica per la movimentazione di merci in tutta la Sicilia. Era fondamentale, dunque, mettere in sinergia quest' opera al futuro, rinnovato, assetto del Polo ferroviario di Catania, che prevede lo spostamento dell'attuale stazione di Bicocca, in conseguenza dell'allungamento delle piste dell'aeroporto Fontanarossa». «In questi mesi abbiamo rimesso in piedi la Sis - aggiunge l'assessore Falcone - affidato il Polo logistico e, entro l'estate, avvieremo la costruzione del Polo intermodale salvando l'Interporto di Catania da un destino di incompiutezza e spreco. Grazie al protocollo con Rfi, ci impegniamo a coordinare gli investimenti della Sis e quelli previsti sulla linea ferroviaria per costruire la nuova stazione di Bicocca. Daremo così vita - conclude l'assessore - a un grande Polo integrato gomma-treno, condividendo strategie di gestione e di sviluppo delle infrastrutture che la Sis e Rfi realizzeranno alle porte del capoluogo etneo».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 apr 2020

Metropolitana di Catania, proroga per l’utilizzo di 10 milioni di euro per bigliettazione elettronica e sistemi antincendio

di Roberto Lentini

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha firmato ieri il decreto che prevede una proroga al 31 dicembre 2021 per l’utilizzo dei fondi che finanziano la realizzazione di interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa. Con lo stesso decreto si consente di poter utilizzare i 10 milioni di euro, originariamente previsti per la fornitura di materiale rotabile della ferrovia Circumetnea, per l’adeguamento antincendio della tratta Borgo-Galatea-Porto e per lo sviluppo del sistema di bigliettazione elettronico.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mar 2020

Coronavirus, si potrà continuare a parcheggiare gratis nelle strisce blu

di mobilita

A seguito del nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, pubblicato lo scorso 22 marzo, che per il contenimento della diffusione del contagio da coronavirus individua le attività ritenute indispensabili che possono continuare a esercitare le proprie attività, Sostare e la Multiservizi hanno sospeso gran parte dei servizio in house per il Comune di Catania. Pertanto, prosegue anche la sospensione del pagamento per l’occupazione degli stalli di parcheggio, che era già stata disposta anticipatamente lo scorso 12 marzo dal sindaco Salvo Pogliese per venire incontro alle esigenze dei cittadini. Di conseguenza, almeno fino al prossimo 3 Aprile, si potrà continuare a parcheggiare liberamente anche sulle strisce blu, senza dover pagare il corrispettivo costo della durata del parcheggio.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
25 mar 2020

Coronavirus, prolungata la chiusura della metro. Gli orari dei servizi della Circumetnea

di Andrea Tartaglia

In Sicilia si attende ancora il picco dei contagi da Covid19 e, com'è noto, molte attività permangono chiuse. Pertanto, l'azienda di trasporto pubblico della Ferrovia Circumetnea ha deciso di prolungare le limitazioni ai servizi su ferro e gomma già messe in atto nei giorni scorsi. Anche in questo caso, il servizio della metropolitana sarà sostituito da un bus navetta mentre quello dei treni extraurbani sarà ridotto e in parte sostituito da speciali linee bus. Di seguito si riportano i link per consultare le relative tabelle degli orari: Servizio sostitutivo metropolitana di Catania Autolinea Randazzo-Riposto A/R Autolinea Randazzo-Catania A/R via A18 Treni/bus Randazzo-Catania Treni/bus Catania-Randazzo Tali orari e servizi saranno in vigore, salvo nuove disposizioni, da giovedì 26 marzo sino a domenica 5 aprile 2020.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 mar 2020

Coronavirus, nuove disposizioni per il conferimento della differenziata

di Mobilita Catania

Una nuova ordinanza per contrastare la diffusione del Covid-19 è stata emessa, a firma del sindaco Salvo Pogliese, relativamente alle cautele da osservare nel deposito della raccolta differenziata e ai metodi di smaltimento in caso di positività o meno al virus. In particolare si dispone che in caso di positività al tampone o nel caso in cui si osservi la quarantena: non si devono differenziare più i rifiuti domestici, si devono depositare nello stesso contenitore per la raccolta indifferenziata tutti rifiuti di plastica, vetro, carta, umido, metallo, , inclusi fazzoletti, mascherine, guanti e salviette monouso, occorre utilizzare due o tre sacchetti possibilmente resistenti, posti uno dentro l’altro, e depositarli all’interno del contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata, se possibile a pedale, occorre chiudere bene i sacchetti indossando guanti monouso, senza schiacciarli, utilizzando dei lacci di chiusura  o nastro adesivo e non far accedere gli animali da compagnia nel locale in cui sono presenti i rifiuti. Una volta chiusi i sacchetti, i guanti vanno deposti  nei nuovi sacchetti preparati per l’indifferenziata ( si ricorda sempre due o tre sacchetti possibilmente resistenti, uno all’interno dell’altro) Occorre quindi lavare subito le mani e far smaltire i rifiuti ogni giorno come un normale sacchetto dell’indifferenziata. Per chi non è positivo a tampone e non è in quarantena: continuare con la raccolta differenziata con le modalità consuete, gettare nell’indifferenziata mascherine, guanti, in caso di raffreddore, anche i fazzoletti di carta, per i rifiuti indiferrenziati utilizzare due o tre sacchetti all’interno del contenitore abitualemnte utilizzato, chiudere bene quello utilizzato e smartirlo normalmente. L’ ordinanza del Sindaco, anche autorità sanitaria locale, segue le determinazioni dell’Oms  che definisce l’epidemia come “pandemia”, i decreti del  Presidente del Consiglio dei Ministri circa la perimetrazione delle “zone rosse”e  le ordinanze contigibili e urgenti emanate dal presidente della Regione Siciliana, dato atto dell’evolversi della “ situazione epidemiologica” particolarmente diffusiva. Sulla corretta osservanza dell’ordinanza vigileranno le pattuglie della Polizia Municipale e gli Organi relaitivi all’art.13 legge 689/81, a questi si aggiungeranno dei dipendenti comunali con la qualifica di Agenti di P.S e di Agenti Accertatori che potranno elevare verbali di contravvenzione ai sensi del D. Lgs 22/97 .

Leggi tutto    Commenti 0