Ultimi post
  • 06 dic 2016

    Allerta meteo con codice arancione domani a Catania: scuole chiuse in alcuni Comuni

    di Mobilita Catania

    Per la giornata di domani, mercoledì 7 dicembre 2016, la Protezione civile  regionale ha emanato un bollettino di allerta meteo, con codice di rischio idrogeologico arancione.   IN AGGIORNAMENTO Il Dipartimento Regionale della Protezione Civile ha emesso il bollettino meteorologico per domani 7 dicembre: sono attese piogge diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Sicilia orientale, con quantitativi cumulati da elevati a puntualmente molto elevati; sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui restanti settori, con quantitativi cumulati moderati. L'Amministrazione comunale di Catania raccomanda alla popolazione la necessaria prudenza e, in particolare, di evitare l'uso di mezzi a due ruote come moto, motocicli e biciclette.  Il Comune di Catania precisa che, nella giornata di domani, mercoledì 7 dicembre 2016, le scuole saranno regolarmente aperte. Il Centro funzionale multirischio regionale della Protezione civile ha infatti emanato un bollettino di allerta meteo con codice di rischio idrogeologico arancione. Soltanto in caso di codice rosso, invece, può essere disposta la chiusura degli istituti scolastici del Comune. Per ogni segnalazione si potrà chiamare il numero 095/484000, che corrisponde al Centro segnalazione emergenze della Protezione civile comunale, attivo 24 ore su 24, oppure ai numeri 095/7101148-49-50-55. Si potranno inviare anche email all'indirizzo protezionecivile@comune.catania.it. Alcuni Comuni, al contrario, stanno predisponendo la chiusura delle scuole per domani, a Mascalucia è stata emessa ordinanza sindacale di chiusura delle scuole; anche ad Aci Catena, Aci San'Antonio, Acicastello, Viagrande, Pedara, Riposto, Belpasso, Gravina di Catania, San Giovanni La Punta, San Gregorio, Nicolosi e Acireale hanno predisposto la chiusura. Intanto prosegue l'ondata di maltempo: molte strade risultano allagate. Un video di You Reporter che mostra la situazione di stamane presso la circonvallazione di Catania.  

    Leggi tutto
  • 06 dic 2016

    Natale, appuntamenti in programma dal 6 all'8 dicembre

    di Mobilita Catania

    Musica, teatro, libri, presepi e mercatini tra gli appuntamenti in programma in città dal 6 all'8 dicembre, nell'ambito delle manifestazioni del periodo natalizio promosse dal Comune di Catania. Oggi, alle 20.30, il Palazzo della Cultura propone il concerto della pianista Maria Francesca Failla, a cura dell'Istituto musicale Vincenzo Bellini di Catania. Già nel pomeriggio, alle 17, nel Castello Leucatia è in calendario il concerto per chitarra e voce "Sciuri di spica amai di quannu stavi ntra la naca, e addivavi a muddica a muddica" di Simona Di Gregorio. L'iniziativa si svolge in collaborazione con l'Associazione Culturale International Societas Artis (I.S.A.) ed è a cura della direzione Decentramento e statistica Biblioteca Rosario Livatino; Mercoledì 7 dicembre, doppio appuntamento nel Palazzo della Cultura: alle ore 16 con la presentazione del libro Gli Altri di Grazia Giurato, e alle 20.30 con i  concerti di Giovanni Nicosia al clarinetto  e Sofia Campanella al pianoforte e di Marianna Musumeci al violino e Francesco Oliveri al pianoforte, a cura dell’Istituto musicale Vincenzo Bellini di Catania. Sempre mercoledì, ma alle 20.45, il Teatro Verga propone "MacBeth" di William Shakespeare, con adattamento e regia di Luca De Fusco. Giovedì 8, per l'Immacolata, la Chiesa della Resurrezione del Signore - Casa del Volontariato, in viale Castagnola a Librino, ospita alle 19.30 il concerto dell'orchestra Musica Insieme a Librino. Alle 20.30, nel Palazzo della Cultura, è previsto il concerto di musica Jazz Stjepko Gut Jazz  a cura dell'associazione culturale Musikante. Alle 17.45, al Teatro Verga, altra rappresentazione del MacBeth. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero ad eccezione del concerto "Stjepko Gut Jazz 4t" e dello spettacolo "Macbeth" che sono invece a pagamento. Per quanto riguarda presepi e mercatini natalizi,  sino al 5 gennaio, è possibile visitare la Mostra di Presepi artistici, realizzati da artigiani e scolaresche, messa a punto nei locali della 2ª Circoscrizione, in via P.G. Frassati 2. Gli orari di apertura al pubblico sono:  da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e giovedì anche dalle 15,30 alle 17, mentre sabato 10 e 17 dicembre, dalle ore 9 alle 12.30.   Dall'8 dicembre saranno inoltre aperti alle visite i presepi artistici realizzati nelle chiese: Cattedrale, Basilica Santuario Parrocchia Maria SS. Annunziata al Carmine di Piazza Carlo Alberto, Chiesa S. Francesco all'Immacolata di piazza S. Francesco D'Assisi, Basilica Collegiata S. Maria dell’Elemosina, Chiesa di S. Benedetto di via Crociferi, di S. Michele Arcangelo ai Minoriti in via Etnea 85, di S. Biagio in piazza Stesicoro, Parrocchia S. Euplio martire di piazza Montessori 8/A, Parrocchia SS. Sacramento Ritrovato di via VI Aprile, Parrocchia Nostra Signora di Lourdes di viale Oderico da Pordenone 56. Diversi mercatini natalizi sono allestiti per tutto il periodo natalizio in corso Italia (tratto C.so delle Province/Piazza Europa), via Carcaci, via Pacini (tratto via Etnea-Via Sant'Euplio) , via Montesano Largo Colosi, corso dei Martiri della Libertà (parcheggio privato). L'iniziativa è a cura di varie associazioni e della  direzione “Sviluppo Attività produttive – Tutela del Consumatore”. Un Mercatino di Natale a scopo di beneficenza, curato dall'associazione Università della Terza Età, animerà i portici di Palazzo della Cultura dall'8 all'11 dicembre, dalle ore 9 alle 19. Giovedì 8 dicembre, inoltre il Palazzo della Cultura,  i musei  Belliniano - Emilio Greco  e il percorso di gronda della Chiesa S. Nicolò la Rena saranno aperti alle visite dalle 9 alle 13, mentre Castello Ursino e gli uffici di promozione turistica (info point) dalle 9 alle 19.

    Leggi tutto

Leggi tutti

03 dic 2016

Tangenziale, code per un incidente nei pressi del Centro Sicilia

Lunghe code in tangenziale  direzione Messina tra lo svincolo di San Giorgio e Misterbianco per un incidente che pare sia coinvolto un Tir. Aggiornamento ore 17:00 -  Al momento, la tangenziale, direzione Messina risulta chiusa al traffico, con obbligo di uscita a San Giorgio. Pare che un Tir abbia perso carburante sulla carreggiata e questo ha causato un incidente per via dell'asfalto reso scivoloso. Aggiornamento ore 18:30. La circolazione rimane ancora critica. Coda dallo svincolo Asse dei servizi fino allo svincolo di San Giorgio. Per i veicoli che percorrono la tangenziale direzione Messina si consiglia di uscire allo svincolo Asse dei servizi, prendere l'Asse Attrezzato, Circonvallazione e rientare a Misterbianco

Leggi tutto
21 nov 2016

Una nuova linea BRT per viale Mario Rapisardi connessa alla stazione metro Nesima

Con l'apertura delle nuove tratte della metropolitana (Galatea-Stesicoro a dicembre e Nesima-Borgo a febbraio 2017), ci sarà una rivoluzione del trasporto pubblico anche su gomma. La Ferrovia Circumetnea ha già comunicato che la maggior parte degli autobus non entrerà più in città ma si fermerà a Nesima e al Borgo. L'AMT invece al momento non ha dato nessuna comunicazione di rimodulazione delle linee. Si è spesso parlato dell'attivazione di altre linee di BRT (Bus Rapid Transit), ma al momento questi sono rimasti sulla carta. La mia proposta prevede un BRT  che colleghi il viale Mario Rapisardi con il parcheggio scambiatore di Nesima e quindi con la metropolitana e con il BRT1. Attualmente il viale M. Rapisardi è servito da due linee urbane, la 443 che da Monte Po arriva alla Stazione Centrale e la 621 che dal parcheggio di Nesima arriva in piazza della Repubblica. Per il 443 vengono utilizzate due vetture e la frequenza è di circa 45 minuti. Per il 621 vengono utilizzate tre vetture e la frequenza è di circa 30 minuti. Appare subito evidente che tali frequenze non sono accettabili per un trasporto pubblico urbano, soprattutto per una zona con un'alta densità abitativa come il viale M. Rapisardi. La mia proposta prevede un BRT con un percorso di circa 10 km, con 15 fermate e una frequenza di circa 7 minuti utilizzando 6 autobus (uno in più rispetto alla situazione attuale). L'attivazione di questa linea permetterebbe inoltre di abolire sia il 443 che il 621 in quanto il percorso sarà coperto sia dalla metropolitana sia da questo nuovo BRT. Il collegamento tra Monte Po e il centro è invece assicurato dalla linea 522 che collega Monte Po con il parcheggio Nesima e quindi con la Metropolitana. Punto di forza della nuova linea è lo scambio con la metropolitana che permette, a chi abita al viale M. Rapisardi, di arrivare in centro in 15/20 minuti. Inoltre scambia con il Brt1, permettendo di raggiungere la cittadella universitaria o il policlinico in 20 minuti, partendo dal parcheggio di Nesima. Inoltre, serve cinque istituti di istruzione superiore, tre ospedali e due facoltà universitarie. La linea da me proposta parte dal parcheggio di Nesima, importante nodo di scambio da dove si potrà scambiare con la metropolitana, con gli autobus della FCE provenienti dai paesi etnei del versante ovest, con la metropolitana leggera della FCE e con alcune linee dell'AMT. Successivamente si dirigerà su via Francesco Miceli, via Ugo La Malfa, via Generale Ameglio, Via Tasso. Qui verrà realizzata una fermata, utile per scambiare con il percorso inverso del BRT. Sarà utile ad esempio a chi arriva dalla stazione di Nesima e vuole arrivare al viale M. Rapisardi alto senza percorrere tutto il tragitto. Successivamente risale per via A. Diaz e via Felice Paradiso per deviare su via Ballo. Qui, alla fine della via, è prevista la fermata S. Nullo che si trova a circa 150 m dalla stazione S. Nullo della Metropolitana. Successivamente girerà per la via Sebastiano Catania  (verrà cambiato il senso di marcia) verso la via Cibele. In via Bonadies è prevista una fermata che servirà la Facoltà di Agraria e un istituto privato di 2° Grado. Scenderà per via Cifali (verrà cambiato il senso di marcia).  Qui è prevista la fermata Cibali che servirà lo stadio e il liceo scientifico Principe Umberto. Superata la via Cesare Vivante continuerà il percorso su via Cifali su corsia protetta (esistente). Girerà per via Ficarazzi  fino a Piazza Lanza dove verrà collocata una fermata. Qui scambierà con il BRT1. Proseguirà per via Paola Salvatore fino a via A. Longo. Su questa strada è prevista una corsia protetta (nuova realizzazione) fino a Viale Regina Margherita. Girerà su viale Regina Margherita su corsia protetta (esistente) fino a Piazza S. Maria di Gesù. Qui sono previste due fermate: "Roma" che servirà l'istituto Tecnico "De Felice"  e  "S. Maria di Gesù" che servirà l'istituto Tecnico Archimede e l'istituto d'istruzione superiore G. Battista Vaccarini. Proseguirà su viale Mario Rapisardi fino a via Lavaggi utilizzando la corsia protetta (da ripristinare). Dalla via Lavaggi fino a piazza Eroi d'Ungheria verrà realizzata una corsia centrale protetta come rappresentato nella figura 1 Lungo il percorso del viale sono previste cinque fermate: Successivamente proseguirà per via Pacinotti e poi per il Parcheggio di Nesima. Ecco nel dettaglio il percorso: Parcheggio Nesima. Qui il Brt2 farà capolinea e scambierà con la metropolitana, i treni della FCE e gli autobus della FCE. Tasso. Questa fermata si trova a circa 200 metri dalla fermata Diaz utile per utilizzare il percorso inverso che sale dal Viale. È utile per coloro che dal viale M. Rapisardi hanno necessità di raggiungere il BRT1 più velocemente senza fermarsi al Parcheggio di Nesima. San Nullo. Scambia con la stazione della Metropolitana San Nullo che si trova a circa 150 m. Cibali. Serve una zona densamente abitata. Bonadies. Serve la Facoltà di Agraria e un istituto privato di 2° Grado. Stadio. Serve lo stadio "Angelo Massimino" e il Liceo Scientifico Principe Umberto. Lanza. Scambia con il BRT1. Roma. Serve l'Istituto Tecnico De Felice. S. Maria di Gesù. Serve l'Istituto Tecnico Archimede, l'Istituto d'Istruzione superiore G. B. Vaccarini, il vecchio Ospedale Garibaldi e la facoltà di Scienze Naturali. Forlanini. Serve l'ospedale Ferrarotto. Caracciolo XXXI Maggio Diaz. Questa fermata si trova a 200 dalla fermata Tasso, utile per utilizzare il percorso inverso che porta alla parte bassa del viale. Eroi d'Ungheria. Serve l'Istituto Tecnico Gemmellaro e il PalaCatania. Pacinotti. Serve l'ospedale Garibaldi dall'ingresso Est. Parcheggio Nesima La realizzazione di questo nuovo BRT consentirebbe, a mio parere,  il miglioramento della qualità del collegamento tra il viale e il centro, rendendolo più adeguato alla domanda di trasporto dei cittadini.

Leggi tutto
  • peppe2994
    La circumetnea è consigliata per i turisti?
    Con i nuovi treni la visibilità rimane comunque buona?

    Altra cosa, se lascio la macchina a Riposto od a Catania, c'è qualche linea ferroviaria che colleghi le due località?
    LEGGI Commenti 4
    06 feb 2016 10:05
  • metrolavico
    Complimenti per il sito, bella grafica e ben fornito di informazioni. Ottimo lavoro!
    LEGGI Commenti 1
    13 lug 2015 13:24
  • Chiara Paparo
    Complimenti per l'iniziativa e buon lavoro!!! :)
    (l'idea di uno "spazio di partecipazione", mi fa pensare a Gaber... mi piace!!!)
    LEGGI Commenti 1
    06 mag 2015 12:49
  • Giulio Di Chiara
    LEGGI Commenti 0
    06 mag 2015 09:45
  • lucastop
    Ciao a tutti.
    Ho letto la vostra storia e mi chiedevo: ma a Catania c'è mai stata una riunione di tutte le associazioni attive sul territorio? Esiste una lista aggiornata?
    ;)
    LEGGI Commenti 1
    03 mag 2015 11:44