Articolo
18 feb 2019

Fermata FS Catania Aeroporto, al via i lavori: sarà fruibile da giugno 2020

di Andrea Tartaglia

Giornata molto importante per Catania ma anche per il resto della Sicilia, in particolar modo quella centrale e orientale. Questa mattina, infatti, alla presenza del Governatore della Sicilia, Nello Musumeci, dell'Assessore Regionale ai Trasporti, Marco Falcone, dell'Amministratore Delegato della Società Aeroporto Catania, Nico Torrisi, del Sindaco di Catania, Salvo Pogliese, dei rappresentanti di RFI e dell'impresa fiduciaria, sono stati avviati i lavori per la realizzazione della fermata ferroviaria di Catania Aeroporto Fontanarossa. La struttura sorgerà nelle immediate vicinanze del nucleo aeromobili della Guardia Costiera, a nord dell'aeroporto, dove già si sviluppa la linea ferrata a doppio binario. Si tratta di una fermata provvisoria, le cui opere civili dovranno essere ultimate nel giro di un anno, che in futuro dovrà essere sostituita dall'omonima stazione prevista presso il grande parcheggio scambiatore di Fontanarossa, luogo ideale per favorire l'intermodalità, dove entro quattro anni è prevista pure la realizzazione di una fermata della metropolitana (al riguardo, è attesa entro le prossime settimane l'erogazione dei fondi per completare la tratta Stesicoro-Aeroporto). Ma dei tempi per la realizzazione della fermata definitiva non s'è parlato: per adesso l'attenzione è tutta rivolta a colmare la grave e pluridecennale lacuna derivante dall'assenza di una fermata ferroviaria a servizio del più trafficato scalo del Mezzogiorno, e per la quale il Presidente della Regione ha lasciato intendere che gradirà tempi serrati per la realizzazione, atteso che per opere analoghe in altre zone d'Italia i tempi sono praticamente dimezzati rispetto a quelli prospettati in questo caso.i L'intervento è localizzato al km 235+522 circa della linea Bicocca-Messina, tra gli impianti di Catania Acquicella e Catania Bicocca, su una tratta a doppio binario con velocità 110-130 km/h e pendenza dell'uno per mille. L'opera da realizzare comprende la realizzazione di due marciapiedi, ad altezza di 55 cm - standard europeo previsto per i servizi ferroviari metropolitani per un più agevole accesso ai treni - in affiancamento ai binari esistenti. Un sottopassaggio di attraversamento collegherà la banchina al servizio del Binario I (su cui è previsto l'accesso alla fermata) con la banchina a servizio del Binario II. Dalle banchine si accederà al sottopassaggio attraverso due rampe di scale e un ascensore. Ogni marciapiede sarà dotato di pensiline per circa 75 metri. L'illuminazione delle zone aperte al pubblico (pensiline, marciapiedi e sottopassaggio) sarà a LED. È prevista anche l'installazione dei quadri orario di arrivo e partenza dei voli dell'aeroporto di Catania. Ufficialmente, la data di apertura al pubblico, con treni che, oltre da Catania, potranno giungere da Messina, Siracusa, Caltagirone e Palermo-Caltanissetta-Enna, è stata stabilita per giugno 2020, ma la speranza è che si riesca ad anticipare. Appena tre milioni e trecentomila euro il costo della fermata. Inizialmente, il collegamento per i viaggiatori con l'aerostazione, distante diverse centinaia di metri, sarà garantito da bus navetta messi a disposizione dalla Sac, ma Regione e Aeroporto stanno definendo un collegamento da realizzare tramite tapis roulant su percorsi coperti sopraelevati, su modello di Fiumicino. Con quest'ulteriore intervento, il costo complessivo dell'opera si aggirerà sui 15 milioni di euro.   Ti potrebbero interessare: Raddoppio ferroviario Palermo-Catania: un protocollo di legalità per i lavori della tratta Bicocca-Catenanuova Passante Ferroviario di Catania Tornano a circolare i treni sulla linea Catania-Caltagirone Metropolitana di Catania Aeroporto di Catania Fontanarossa  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 dic 2018

Passante ferroviario, domani apre la nuova fermata di Picanello. Ma così servirà a poco…

di Andrea Tartaglia

Domani sarà una giornata senza dubbio importante per la città di Catania, visto che vedrà crescere la propria dotazione infrastrutturale nell'ambito del fondamentale settore del trasporto pubblico locale: aprirà al pubblico, infatti, dopo non pochi anni di attesa, una nuova fermata urbana del passante ferroviario cittadino: Catania Picanello, vale a dire l'ultimo tassello mancante alla conclusione dei lavori del nuovo raddoppio della tratta urbana Ognina - Piazza Europa. Oggi l'inaugurazione alla presenza dell'Assessore Regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone. Se da un lato la notizia è certamente positiva, dall'altro basta poco per rendersi conto che l'infrastruttura, se non supportata da un valido servizio, serve a poco. Catania è attanagliata dal traffico e il veicolo privato rimane la prima scelta per muoversi nell'area metropolitana da parte dei cittadini tanto del capoluogo come del suo hinterland, soprattutto per la mancanza di valide alternative attraverso mezzi pubblici. Se sulla dorsale centro-periferia nordoccidentale, da quasi due anni, esiste l'ottimo servizio della metropolitana, che non a caso registra una crescita costante di utenza, lo stesso non può dirsi per le altre direttrici di accesso, attraversamento e uscita dalla città. Adesso, però, sulla carta esiste una seconda linea ferrata che può offrire un servizio di tipo metropolitano lungo tutta la fascia orientale della città grazie alla recente riapertura della stazione di Cannizzaro (tre anni fa) e all'apertura delle nuove fermate di Catania Ognina e Catania Europa (l'anno scorso), a cui domani si aggiungerà, per l'appunto, Catania Picanello. Questo significa che Catania, adesso, dispone di una linea ferroviaria costiera così strutturata, nell'area compresa tra Acireale e Lentini: Acireale Cannizzaro CT Ognina CT Picanello CT Europa CT Centrale CT Acquicella Bicocca (Zona Industriale) Lentini È evidente, quindi, l'enorme potenzialità di questa linea che, con le sue diverse fermate in ambito urbano, può offrire un servizio anche di tipo metropolitano oltre che per il trasporto regionale, come già avviene in altre grandi città italiane come Palermo, Napoli e Roma, ad esempio. Qui casca l'asino: il servizio metropolitano, infatti, a Catania non c'è. I treni che fermano presso tutte le fermate sopra riportate sono unicamente treni regionali in servizio lungo la tratta Messina-Siracusa, che non offrono certamente né frequenze né tariffe adatte al trasporto metropolitano. Non solo: la stazione di Catania Acquicella, a servizio di un intero popoloso rione cittadino ma anche del grande cimitero monumentale di Catania, è e rimane inopinatamente chiusa. Non è stata aperta nemmeno in occasione dell'ultima giornata di commemorazione dei defunti, nonostante negli anni passati avesse ottenuto un ottimo riscontro da parte della cittadinanza, nelle analoghe circostanze in cui era stata aperta. Mentre la stazione di Bicocca, potenzialmente una delle più importanti perché a servizio della zona industriale e quindi di migliaia di lavoratori, a cui oltretutto sarebbe opportuno affiancare un servizio navetta per i vari stabilimenti industriali (su modello del riuscitissimo Metro Shuttle Milo-Santa Sofia), non solo è servita da pochi treni al giorno, ma addirittura sono solo due gli orari disponibili per chi, da o per Bicocca, volesse scendere in una stazione diversa da Catania Centrale. Ad esempio, un lavoratore di Picanello che volesse andare al lavoro alla zona industriale in treno, potrebbe farlo esclusivamente alle 5:55 e alle 07:06 del mattino, per poter effettuare lo stesso tragitto di ritorno solamente alle 07:24 e alle 17:35. Ogni altra soluzione (comunque numericamente limitatissima) comporterebbe un cambio a Catania Centrale e tempi di percorrenza dell'intero tragitto variabili tra circa mezz'ora a oltre un'ora, a fronte del poco più di un quarto d'ora che è sufficiente con un collegamento diretto. Va meglio, ma sempre con grossi limiti, sulla tratta Catania Centrale - Catania Ognina: qui i treni che fermano in tutte le stazioni sono 18 al giorno, ma se vi sembrano molti pensate che la metropolitana, dalle 06:40 alle 21:10, offre circa 150 corse.  Dopo le 07:30, ad esempio, chi volesse andare da Catania Centrale a Picanello dovrebbe attendere ben un'ora e mezza, mentre la sera non troverebbe più treni dopo le 19:38. Un'altra stranezza consiste nel fatto che non tutti i treni da/per Cannizzaro effettuano le fermate di Catania Europa e Catania Picanello. I costi? La singola corsa nel solo ambito urbano costa 1,70 euro. Andata e ritorno, quindi, 3,40 euro (mentre il biglietto giornaliero della metro costa appena due euro) e al momento non esiste alcuna integrazione tariffaria né con Amt (linee bus urbane), né con Fce (metropolitana e bus extra urbani) né con Ast (bus extra urbani). In conclusione, attraverso una similitudine automobilistica, è come se avessimo comprato una macchina (non bella, visto la qualità architettonica piuttosto bassa delle nuove stazioni) ma le mettessimo benzina con il contagocce, impedendoci di usarla quanto e come vorremmo. C'è ancora molta strada da fare, insomma: spetta alla Regione Siciliana intervenire affinché venga approntato un servizio idoneo all'area metropolitana di Catania mentre il Comune e la Città Metropolitana di Catania, peraltro retti dallo stesso soggetto, nel frattempo, hanno il dovere di spingere in questa direzione e di divenire i naturali mediatori tra Regione e le aziende di trasporto pubblico. Sognando, perché no, un servizio metropolitano lungo la linea delle Ferrovie dello Stato che non necessariamente, in futuro, dovrà essere gestito unicamente da Trenitalia: la Ferrovia Circumetnea potrebbe essere un ottimo fornitore del servizio, chiudendo del tutto l'anello ferroviario attorno al vulcano. Ti potrebbero interessare... Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell’opera Apre la fermata FS "Picanello" del passante ferroviario urbano di Catania Stazione di Catania Picanello completa entro l'anno: il sopralluogo dell'assessore regionele Falcone Passante ferroviario di Catania, dallo sventramento alla ricucitura: il nuovo percorso urbano approvato dal Comune Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
03 dic 2018

Acireale, cinque milioni per la nuova fermata ferroviaria in centro Cappuccini

di todald

Acireale, cinque milioni per la nuova fermata ferroviaria Bellavista-Cappuccini, in pieno centro: l'opera potrebbe essere completata già nel 2020. Adesso tocca al Comune di Acireale perfezionare alcuni passaggi burocratici e occuparsi della realizzazione di una bretella di collegamento con la Strada Statale 114 "Orientale Sicula". L'intenzione della Regione Siciliana e della cittadina acese è realizzare una fermata strategica da inserire nell'ambito di una nuova linea di trasporto di tipo metropolitano ad alta frequenza, direttamente collegata al passante ferroviario di Catania, che in una visione più ampia potrebbe estendersi sino a Fiumefreddo, passando anche per Giarre. La linea potrà poi essere sviluppata ulteriormente verso Messina, servendo anche Taormina lungo il tragitto, quando verrà completato il raddoppio in variante del binario tra Fiumefreddo e Giampilieri. La fermata di Acireale Cappuccini sorgerà lungo il viale Alcide De Gasperi della S.S. 114 e sarà collegata a un parcheggio accessibile da via Galatea. Ti potrebbero interessare: Passante ferroviario di Catania | Scheda dell'opera Passante ferroviario di Catania, il nuovo progetto preliminare Acireale, una nuova fermata ferroviaria per servire il centro Apre la fermata FS “Picanello” del passante ferroviario urbano di Catania Raddoppio della linea ferroviaria Messina-Catania: nel 2019 i cantieri  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 nov 2018

Apre la fermata FS “Picanello” del passante ferroviario urbano di Catania

di Andrea Tartaglia

La notizia deve ancora essere ufficializzata, tuttavia ormai dovrebbe essere cosa fatta: come annunciato a ottobre scorso in occasione della visita al cantiere Rfi dell'Assessore Regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, la stazione ferroviaria di Catania Picanello sarà completata entro quest'anno, ma la novità è che l'apertura al pubblico, inizialmente prevista per gennaio, potrebbe avvenire già prima di Natale. Ci sarebbe, infatti, già una data: quella del prossimo venerdì 21 dicembre, dunque in un periodo in cui sarà in vigore anche il nuovo orario invernale approntato da Trenitalia. La fermata FS di Catania Picanello è sita nell'omonimo quartiere, in un'area compresa tra via Messina e via Libertini, nei pressi di via Guerrera, ed è interamente sotterranea. Dispone di due accessi, uno in via Timoleone e l'altro in uno slargo accessibile da via Messina e via Libertini. Tali accessi sono dotati di scale fisse e mobili e ad essi si aggiunge un ascensore in via Guerrera. Rispetto alle altre fermate di piazza Europa e di Ognina, a Picanello la ferrovia giunge in doppia canna, pertanto con binari e banchine distanti tra loro, collegate da corridoi. Queste banchine hanno una lunghezza di 108 metri per i treni percorrenti il binario pari e di 146 metri per i treni percorrenti il binario dispari. La fermata di Picanello costituisce un importante tassello della linea urbana del passante ferroviario del capoluogo etneo che, in questa zona della città, in questo modo, dispone di quanto necessario per dare ai cittadini un servizio di tipo metropolitano, almeno a livello infrastrutturale: le fermate di Cannizzaro, CT Ognina, CT Picanello, CT Europa e CT centrale permettono, infatti, un'agevole copertura del territorio urbano costiero a monte del porto, anche in considerazione che da Catania centrale e Catania Europa è possibile scambiare con la linea della metropolitana, attraverso le stazioni rispettivamente Giovanni XXIII e Galatea, consentendo quindi di ampliare notevolmente l'area cittadina coperta da trasporto locale su ferro. Tuttavia, affinché a questa dotazione infrastrutturale, che comincia a essere importante, corrisponda un effettivo impiego del trasporto metropolitano, occorrerà ancora migliorare il servizio, sia in termini di frequenza, attualmente del tutto insufficiente perché improntata a un servizio di tipo regionale e non metropolitano, sia per quanto riguarda la tariffazione, piuttosto elevata (andata e ritorno in ambito urbano oggi costa 3,40 euro) e ancora manchevole della necessaria integrazione con metropolitana Fce e Bus Amt.   Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania: Scheda dell’opera Stazione di Catania Picanello completa entro l'anno: il sopralluogo dell'assessore regionele Falcone Passante ferroviario di Catania, dallo sventramento alla ricucitura: il nuovo percorso urbano approvato dal Comune

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 set 2018

Cadono calcinacci dagli Archi della Marina: eseguita messa in sicurezza e riaperta Villa Pacini

di Mobilita Catania

Per motivi di sicurezza villa Pacini è stata provvisoriamente chiusa per consentire agli addetti di FS, proprietari dei manufatti, di effettuare le necessarie verifiche di stabilità e sicurezza degli archi della Marina. Nel tardo pomeriggio il giardino storico è stato riaperto a conclusione dei lavori di messa in sicurezza eseguiti da FS. Intorno alle ore 12,00, infatti, due parti di uno dei viadotti nei pressi della villa Pacini, sono caduti senza per fortuna causare danni alle persone. Sul posto sono prontamente intervenuti i vigili urbani in servizio alla pescheria che hanno delimitato l’area e interdetto il passaggio alle persone. Alle ore 18,30 è stata nuovamente aperta al pubblico villa Pacini dopo gli immediati lavori realizzati da una squadra di pronto intervento delle Ferrovie dello Stato che d’intesa coi tecnici comunali e l’assessore alla protezione civile Alessandro Porto, hanno messo in sicurezza nove viadotti degli Archi della marina potenzialmente a rischio caduta calcinacci. “Anche a nome a nome del sindaco Pogliese -ha detto l’assessore Porto- ringrazio le Fs e i loro tecnici per l’immediato intervento,  mostrando grande sensibilità per aver operato con massima tempestività consentendoci di riaprire villa Pacini in sicurezza e in tempi rapidissimi”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 dic 2017

Passante ferroviario di Catania, nuovi orari e più corse in ambito metropolitano: si intravede il potenziale di seconda linea metropolitana

di Roberto Lentini

Con l'entrata in vigore del nuovo orario invernale migliora, seppur di poco, l'offerta di Trenitalia sul passante ferroviario di Catania: i treni che da Catania Centrale fermano alle stazioni di Catania Europa e Catania Ognina  per Acireale sono adesso diciotto al giorno, mentre sono venti quelli in direzione opposta. Non tutti, però, fermano a Cannizzaro, facendo così mancare una tappa intermedia importante nonché limitando di molto l'utenza possibile da parte degli abitanti e di chi lavora nella frazione di Aci Castello. Interessante diventa invece l'offerta tra Acireale e Catania e viceversa con ben 29 collegamenti per tratta. Praticamente in soli 10/15 minuti e 2,50 euro si possono raggiungere le due città senza problemi di parcheggio. Rimangono ancora tagliati fuori, invece, le stazioni di Catania Acquicella e quella di Bicocca. La stazione di Acquicella si trova a pochi metri dal parcheggio del quartiere di Zia Lisa, capace di ospitare 20 posti per bus e 985 posti per auto, compresi gli stalli per disabili, e potrebbe assolvere alle funzioni di “nodo interscambio” tra i flussi veicolari provenienti dalla zona periferica del quartiere di Librino e dell’asse viario Caltagirone – Gela ma anche dall’autostrada Palermo-Catania (e quindi da Caltanissetta e da Enna), senza dimenticare gli utenti del popoloso rione e l’utilità per poter raggiungere il grande cimitero comunale. In pochissimi minuti, il servizio ferroviario potrebbe portare gli utenti da Acquicella alla stazione centrale (e viceversa) e, quindi, scambiare agevolmente con la metropolitana e i mezzi AMT. Attualmente la stazione di Acquicella viene aperta solo in occasione della commemorazione dei defunti, per evitare la congestione dell’area antistante il cimitero. La stazione di Bicocca sarebbe estremamente utile per le decine di migliaia di lavoratori della zona industriale, ancor più se si approntasse un semplice servizio navetta per gli stabilimenti industriali sul modello del gettonatissimo metro shuttle della Circumetnea, letteralmente preso d'assalto (e non è una coincidenza che la metropolitana abbia fatto il suo record di viaggiatori mensili in concomitanza con l'avvento del metro shuttle). La frequenza del passante ferroviario di Catania rimane, complessivamente, piuttosto scarsa, passando da quella massima di 10 minuti in ora di punta a quella minima di 70 minuti nel primo pomeriggio. Il prezzo del biglietto di corsa semplice, nella tratta urbana (Cannizzaro-Catania centrale e viceversa), è 1,70 euro. Il costo dell’abbonamento settimanale è 11,70 euro, mentre quello mensile è di 38,80 euro. Prezzi, dunque, non proprio concorrenziali, specialmente se paragonati alle tariffe della metropolitana di Catania, per la quale permane l'assenza di un biglietto integrato che sarebbe quanto mai opportuno. Non si può quindi parlare, ancora, di un adeguato servizio metropolitano, ma di treni regionali che si fermano nelle nuove stazioni di Ognina e piazza Europa (in attesa dell'altra di Picanello). Un impiego piuttosto bizzarro del materiale rotabile a disposizione, visto che sarebbe sicuramente più efficiente avere treni a lunga percorrenza (su scala regionale, quindi ad esempio sulla linea Siracusa-Catania-Messina) con soste solo nelle principali stazioni del tragitto e, intanto, dedicare un congruo numero di treni solo nella fascia metropolitana, con soste presso tutte le stazioni. In attesa della nuova stazione a Fontanarossa, la stazione di Bicocca potrebbe essere utilizzata a servizio dell’aeroporto, con l’ausilio di un collegamento con l’aerostazione tramite navette. In questa maniera anche le province di Siracusa, Enna, Caltanissetta e Messina potrebbero usufruire di un valido collegamento ferroviario con l’aeroporto già nel breve termine. Per poter parlare di un vero trasporto metropolitano, che abbia una frequenza quanto meno di soli 20 minuti, è necessario che venga firmato il contratto di servizio, al momento in discussione tra la Regione Siciliana e Trenitalia, e che venga attuata l’integrazione tariffaria dei servizi gestiti da AMT, Ferrovia Circumetnea e Trenitalia per una mobilità più efficiente e più ecologica che renda più vivibile, finalmente, il centro storico (e non solo) e che costituisca un vantaggio economico e sociale per i cittadini. Ti potrebbero interessare: Il ministro Delrio inaugura il raddoppio ferroviario di Catania; intesa per la nuova fermata a Fontanarossa Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell’opera La “rivoluzione su ferro” di Catania, dalla metro al passante ferroviario: opportunità, scenari e nodi irrisolti Fermata ferroviaria Fontanarossa e dodici nuovi treni per la metro: il DEF per la città metropolitana di Catania FOTO | Dentro le nuove stazioni Ognina ed Europa Stazione Cannizzaro, una grande potenzialità inespressa: abbiamo testato l’intermodalità con la metropolitana

Leggi tutto    Commenti 4
Articolo
24 lug 2017

Il ministro Delrio inaugura il raddoppio ferroviario di Catania; intesa per la nuova fermata a Fontanarossa

di Mobilita Catania

Il 2017 sarà ricordato come un anno importante per lo sviluppo infrastrutturale del territorio catanese: Catania può finalmente contare su un sistema ferroviario che collega la città da nord-ovest al centro (e nel medio termine anche alla periferia sud-occidentale e quindi all'aeroporto), attraverso la metropolitana gestita dalla Ferrovia Circumetnea, e da nord a sud, lungo la fascia costiera, con il passante ferroviario di gestione Trenitalia: nodo di scambio di questo sistema di trasporto su ferro è la stazione FS di Catania centrale insieme con l'adiacente stazione metro Giovanni XXIII. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio ha inaugurato oggi il raddoppio ferroviario della linea Catania Centrale-Catania Ognina, con le due nuove fermate di Catania Ognina (che sostituisce l'omonima stazione precedente, ubicata più a nord) e Catania Europa, a cui nel prossimo futuro si aggiungerà pure Catania Picanello. Il Ministro è stato accompagnato da Renato Mazzoncini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane, e Maurizio Gentile, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana (RFI). Presenti anche Enzo Bianco, Sindaco di Catania, e Luigi Bosco, Assessore alle Infrastrutture e alla Mobilità della Regione Siciliana. Raddoppio ferroviario Catania Centrale- Catania Ognina Con un investimento economico di circa 100 milioni di euro, è quindi attivo da oggi il raddoppio ferroviario nel territorio urbano di Catania a nord della stazione centrale che permette di migliorare i collegamenti metropolitani della città etnea, grazie anche alle due citate nuove fermate di Ognina ed Europa e con l’attivazione, a inizio 2018, dell’ulteriore fermata Picanello, quest'ultima interamente sotterranea. La nuova linea, senza passaggi a livello, si estende per circa 2,6 km, di cui circa 1,4 in galleria; in particolare, la galleria Ognina del binario direzione sud è di nuova realizzazione. La velocità di progetto è di 85 km/h e ha una pendenza massima del 12 per mille. Le stazioni sono dotate di sistemi di informazione al pubblico video/audio di ultima generazione. Il raddoppio fra Catania Centrale e Ognina si inserisce nel più ampio piano di miglioramento della circolazione nel nodo ferroviario di Catania che permetterà, a interventi ultimati, una maggiore frequenza di collegamenti metropolitani. Il completamento degli interventi consente di eliminare il collo di bottiglia provocato dall’ingresso a semplice binario a nord del nodo di Catania, creando le condizioni per un incremento del servizio e migliori standard di regolarità e puntualità dei collegamenti suburbani e metropolitani. Accordo quadro Regione Siciliana- Rete Ferroviaria Italiana Oggi è stato anche firmato l’Accordo Quadro fra Regione Siciliana e Rete Ferroviaria Italiana da Luigi Bosco, Assessore delle Infrastrutture e della Mobilità della Regione Siciliana, e Maurizio Gentile, AD di RFI. L’accordo consente di pianificare nel medio/lungo periodo l’utilizzo dell’infrastruttura ferroviaria e programmare l’incremento della capacità attraverso interventi di upgrading infrastrutturali e tecnologici per lo sviluppo dei servizi regionali. In merito alla frequenza e alla tipologia dei treni che percorreranno il passante ferroviario di Catania, per il momento non sono emerse novità: per garantire un servizio efficiente sarà necessario che la Regione Siciliana stipuli un nuovo contratto di servizio con Trenitalia che per ora è solamente allo studio. La tratta di servizio metropolitano lungo il passante ferroviario, da oggi, lunedì 24 luglio, ha quindi questa conformazione: Giarre/Riposto Carrubba Guardia Mangano/Santa Venerina Acireale Cannizzaro Catania Ognina Catania Picanello (apertura inizio 2018) Catania Europa Catania Centrale Accordo fermata Catania Fontanarossa al servizio dell'aeroporto Sottoscritto il Protocollo d’intesa tra Regione Siciliana, Comune di Catania, Società Aeroporto Catania (SAC), Rete Ferroviaria Italiana ed Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) nell’ambito della realizzazione della fermata Catania Fontanarossa a servizio dell’aeroporto. L'intesa prevede la programmazione, da parte di RFI, dei servizi ferroviari presso la futura fermata, mentre SAC garantirà servizi bus tra la fermata e l’Aeroporto. La conclusione di tutte le opere è prevista entro la fine del 2019. La fermata provvisoria di Fontanarossa sarà realizzata nei pressi della sede del nucleo aereo della Guardia Costiera e sarà a totale carico di RFI per un costo di circa 5 milioni di euro. Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell’opera La “rivoluzione su ferro” di Catania, dalla metro al passante ferroviario: opportunità, scenari e nodi irrisolti Fermata ferroviaria Fontanarossa e dodici nuovi treni per la metro: il DEF per la città metropolitana di Catania

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti