Articolo
20 giu 2020

Acicastello, revocato il divieto di balneazione

di mobilita

Richiamata la propria Ordinanza n° 204 del 17/06/2020 con la quale è stato disposto il divieto di balneazione temporaneo a causa della presenza di valori di Enterococchi eccedenti i limiti consentiti dalla normativa vigente su campioni di acqua prelevati presso via Pezzana, 18 e vista la nota dell’Asp Catania, Dipartimento di Prevenzione del 20/06/2020, la quale comunica che nei superiori punti di prelievo sono rientrati nei limiti consentiti, viene revocato il divieto di balneazione, non sussistendo in atto pericoli per la salute pubblica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 giu 2020

Acicastello, divieto di balneazione dal Castello fino a tutto il lido La Risacca

di Mobilita Catania

Vista la nota dell’ASP Catania - Dipartimento di prevenzione - del 17 giugno 2020 con la quale viene comunicata la presenza di valori di enterococchi eccedenti i limiti consentiti dalla normativa vigente viene posto il divieto di balneazione temporaneo. Il tratto di costa su cui ricade il divieto va dal Castello fino a tutto il lido La Risacca. Notificata l’ordinanza ai titolari dei lidi Aquarius e La Risacca che sono tenuti ad esporre il provvedimento e a far rispettare il divieto ai fruitori delle strutture balneari. Sarà apposta idonea segnaletica indicante il divieto temporaneo all’inizio e alla fine del tratto interessato. Nei prossimi giorni l’ASP Catania procederà a nuove analisi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 ott 2019

Ficarazzi, arrivato il nulla osta per il bus AST di collegamento con Catania e Aci Castello paese

di mobilita

Buone notizie per la mobilità della frazione di Ficarazzi sita nel comune di Acicastello.   L'assessorato regionale infrastrutture e mobilità ha infatti rilasciato il nulla osta tecnico di competenza per la variazione del percorso linea AST Catania-Vampolieri che consentirà il collegamento di Ficarazzi con Catania, Aci Castello paese e Cannizzaro. Il collegamento con Catania avverrà tramite la linea AMT 534 che già collega Cannizzaro con Catania e con Aci Trezza Il collegamento con Aci Castello avverrà attraverso via Collina di Polifemo, via Aci Castello, Via Stazione, via IV Novembre, via Dietro Le Mura e Via Re Martino. Oltre a Catania sarà possibile anche recarsi ad Aci Trezza.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 ago 2019

Piano parcheggi, entro sei mesi lavori per tre nuove aree di sosta a Catania

di Amedeo Paladino

A distanza di un anno dalla presentazione del programma di finanziamento della Regione Siciliana finalizzato alla realizzazione di parcheggi con l'obiettivo di favorire l'interscambio con il trasporto pubblico, l'assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ha annunciato l'imminente presentazione del decreto di finanziamento delle opere. Secondo le previsioni l'inizio dei lavori avverrà entro 6 mesi a partire da settembre. La giunta del comune di Catania nell'autunno scorso aveva formalizzato la partecipazione al programma di finanziamento regionale, presentando i progetti per tre parcheggi per un importo di 23 milioni di euro: un parcheggio interrato e a raso nell’area compresa tra viale Raffaello Sanzio, Largo Serafino Famà e via Imperia, capace di ospitare circa 600 auto, utilizzando solo metà dello spazio disponibile, riservando il resto a verde pubblico attrezzato. un parcheggio di circa 400 posti in via Acicastello, comprensivo di bretelle in entrata e uscita e viabilità di zona. un’area di sosta a raso, per circa 120 posti auto, in via Narciso, nei terreni di proprietà di Ferrovia Circumetnea. A questi dovrà aggiungersi, mediante altra fonte di finanziamento, il parcheggio scambiatore di San Nullo, posto in collegamento con l’omonima fermata della metropolitana. A margine della conferenza stampa di ieri l'assessore regionale ha ribadito la volontà di creare un biglietto unico integrato per i servizi forniti da AMT Catania (Azienda Metropolitana Trasporti), Ferrovia Circumetnea Metropolitana di Catania, Trenitalia e AST (Azienda Siciliana Trasporti).    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 feb 2017

Lungomare Aci Castello, più vicino il collegamento pedonale con Aci Trezza

di Roberto Lentini

Potrebbe finalmente sbloccarsi l'annosa vicenda del collegamento pedonale del lungomare dei ciclopi. Il sindaco di Acicastello ha infatti chiesto all’Agenzia Nazionale Beni Sequestrati e Confiscati un incontro per una possibile assegnazione del Lido dei Ciclopi, all’amministrazione acese che lo destinerebbe ad uso civico. "La legge - ha affermato il sindaco Filippo Drago - pone i comuni come soggetti prioritari per utilizzi istituzionali e sociali per i beni sottratti alla criminalità e che nel caso particolare considera la struttura del lido come un valore da tutelare, pur nella consapevolezza della volontà popolare del passaggio pedonale di congiungimento del Lungomare dei Ciclopi". In effetti la volontà popolare c'era già stata con un referendum in cui i cittadini di Acicastello erano invitati a rispondere sì o no al congiungimento pedonale permanente del lungomare Scardamiano di Aci Castello con il lungomare di Acitrezza. La maggioranza rispose di sì e da allora - era il 15 maggio 2011 - non è cambiato nulla se non piccole concessioni. Il collegamento tra Acicastello e Acitrezza, come è noto è stato interrotto sin dalla realizzazione del lungomare e non certo per risparmiare il parco botanico del Lido dei Ciclopi, da tempo ridimensionato per fare spazio a strutture utili al lido. Tra gli altri aspetti, proprio laddove si vorrebbe creare un passaggio pedonale permanente, al momento esiste una colata di cemento che ha sepolto l’intera costa lavica adiacente al lido; attualmente un cittadino che da Acicastello si volesse spostare ad Acitrezza a piedi deve necessariamente percorrere la strada statale con i rischi che ne conseguono. Ti potrebbe interessare: Aci Castello e Aci Trezza: il collegamento tra i paesi è un problema ancora irrisolto

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 ott 2016

Riapre il passaggio pedonale tra Aci Castello e Aci Trezza

di Roberto Lentini

Ieri è stato firmato dal sindaco Filippo Drago e dal presidente del Consiglio di amministrazione della società "Gli Ulivi" s. r. l., alla presenza del vice sindaco Ezia Carbone, il protocollo d'intesa per l'apertura del passaggio pedonale interno al "Lido dei Ciclopi" per collegare Aci Castello ed Aci Trezza attraverso il Lungomare dei Ciclopi, nel periodo dal 2 Novembre 2016 al 30 Aprile 2017. Il collegamento rimarrà aperto nei giorni di apertura del Lido e solo dalle 9 alle 16, ad esclusione dei giorni 8, 25 e 26 Dicembre 2016, 1 e 6 Gennaio 2017, 16 e 17 Aprile 2017.  Il collegamento tra Acicastello e Acitrezza, purtroppo, è stato interrotto sin dalla realizzazione del lungomare e non certo per risparmiare il parco botanico del Lido dei Ciclopi, da tempo ridimensionato per fare spazio a strutture utili al lido. Tra gli altri aspetti, proprio laddove si vorrebbe creare un passaggio pedonale permanente, al momento esiste una colata di cemento che ha sepolto l'intera costa lavica adiacente al lido. Sono passati più di cinque anni (era il 15 maggio 2011) da quando fu indetto il referendum popolare in cui i cittadini di Acicastello erano invitati a rispondere sì o no al congiungimento pedonale permanente del lungomare Scardamiano di Aci Castello con il lungomare di Acitrezza. La maggioranza rispose di sì. Il Sindaco di Acicastello, Filippo Drago, si impegnò a rispettare nel più breve tempo possibile la decisione dei cittadini, ma a distanza di cinque anni non è cambiato nulla se non piccole concessioni. Un cittadino che da Acicastello si volesse spostare ad Acitrezza a piedi deve necessariamente percorrere la strada statale con i rischi che ne conseguono. Ti potrebbero interessare: Aci Castello e Aci Trezza: il collegamento tra i paesi è un problema ancora irrisolto Collettore fognario, a breve l’inizio dei lavori: soluzione per l’inquinamento della riviera dei Ciclopi    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 set 2016

Collettore fognario, a breve l’inizio dei lavori: soluzione per l’inquinamento della riviera dei Ciclopi

di Roberto Lentini

Dopo che il Consiglio di Stato ha sciolto il nodo giuridico che bloccava l’iter per i lavori del collettore di Aci Castello e dopo le ultime autorizzazioni da parte del comune di Acicastello sembra possa partire il famigerato collettore fognario che collegherà la condotta di Capomulini, passando per Acitrezza e Acicastello, fino all'innesto con il vecchio allacciante di Catania situato a Picanello e convogliarlo al depuratore di Pantano d'Arci. Il collettore fognario risulta di vitale importanza per tutta la riviera dei Ciclopi, visto che attualmente le acque antistanti hanno un alto tasso di inquinamento per la presenza di tre scarichi fognari che sboccano vicino alle sue acque. I lavori partiranno probabilmente alla fine di questo mese su tre diversi fronti.  Ad Acitrezza tra via Dusmet e via Scalazza al confine con il comune di Acicatena; in via Stazione, strada di collegamento con Ficarazzi e in via Musco alla Scogliera al confine con il comune di Catania. Il problema rimane però per il vecchio allacciante di Catania che scorre per 13 km nel sottosuolo della città fino ad allacciarsi al depuratore di Pantano d'Arci. Proprio nei pressi di via Crociferi rimane da ripristinare una parte di condotta, per una lughezza di circa 35 metri, che era franata. I lavori si sono bloccati alla fine del 2015 per un contenzioso tra la ditta esecutrice e l'ente appaltante.   Ti potrebbe interessare... Dalla prossima settimana riapre una parte di via Etnea: ZTL sospesa per 3 mesi e viabilità modificata           Foto di copertina "La Sicilia"

Leggi tutto    Commenti 0