Articolo
12 set 2017

Aeroporto di Catania, ad agosto record assoluto di transiti: +21% stranieri, Londra rotta preferita

di Mobilita Catania

Ad agosto da record assoluto con 1.015.765 passeggeri (+15,47%). Mai tanti viaggiatori in transito in un solo mese. Crescono i jet privati con "gioielli" dell'aeronautica nei piazzali di Fontanarossa. Ridotti i tempi ai varchi, bagagli nella media. Le novità in arrivo.   Con il transito di 1.015.765 passeggeri nel mese di agosto (+15,47% rispetto all'agosto 2016), l'Aeroporto di Catania registra un nuovo storico record di traffico che si aggiunge a quello dello scorso mese di luglio, quando si è superato il tetto del milione di passeggeri (1.012.442 utenti, + 15,7% rispetto al 2016). Un risultato, quello di luglio e agosto 2017, che va ben oltre le previsioni stimate a inizio stagione dall'Ufficio Dati Traffico di SAC, società di gestione dello scalo etneo, confermando anche nei mesi estivi quel costante trend di crescita di oltre il 16% che, a fine anno, consentirà di archiviare il 2017 come l'anno-record di Fontanarossa con oltre 9 milioni di passeggeri giunti in Sicilia atterrando o decollando ai piedi dell'Etna. Fra le curiosità di questa estate 2017 si segnala un consistente aumento nel segmento dei voli privati: sono stati 1.001, infatti, i passeggeri in transito su Catania nel mese di luglio con propri jet (+14,40% rispetto al luglio 2016), 931 infine quelli atterrati e decollati nel mese di agosto (+7% rispetto all'agosto 2016). Fra i gioielli dell'aeronautica "parcheggiati" sul piazzale di Fontanarossa figurano un Gulfstream Aerospace GVI (G650), bolide da 66 milioni di dollari e spazio a bordo per appena 18 passeggeri; e il Bombardier (Canadair) CRJ200, prezzo di mercato fra i 24 e i 39 milioni di dollari e 50 poltrone a bordo. L'analisi dei voli commerciali definisce anche la tipologia di utenti che hanno fatto tappa a Catania in agosto: 598.431 i passeggeri delle rotte nazionali (+14,99% rispetto al 2016, con Roma Fiumicino destinazione principale); crescono ancora i viaggiatori stranieri: 416.126 nel mese di agosto (+21,68% rispetto al periodo analogo del 2016, con Londra in cima alla lista delle rotte preferite). Inoltre il volo Catania-Roma è stato l'8° volo più volato d'Europa (nel 2016 era al 10°) nel mese di Agosto con 228.262 transiti e un incremento dell'1,6%. Picco di traffico a Fontanarossa per l'antivigilia di Ferragosto, ossia domenica 13, quando sono stati 39.281 passeggeri in transito tra arrivi e partenze. Volendo ipotizzare un paragone è come se l'intera città di Caltagirone, con i suoi 38.686 abitanti, fosse "transitata" in aeroporto nell'arco di tempo di una giornata. "Quello dei 39 mila passeggeri "gestiti" in un solo giorno è un dato di grandissimo rilievo – commentano la Presidente Daniela Baglieri e l'AD di SAC, Nico Torrisi – soprattutto se si mette a confronto con la media dei transiti giornalieri di agosto, 32mila passeggeri, e con quelli generali del 2017 (22.417 al giorno nei primi otto mesi dell'anno in corso). Gestire senza intoppi oltre 7mila passeggeri in più rispetto alla media crediamo sia un dato di merito che desideriamo condividere con tutti gli addetti, gli operatori e le forze dell'ordine: significa che la macchina aeroportuale di SAC, un complesso sistema di servizi in landside ed airside (lato terra e lato pista), ha saputo fronteggiare con competenza e professionalità i grandi numeri di questa estate da record. Estate che anche nel mese di settembre prosegue con una stima di oltre 940mila viaggiatori in transito: a conferma che la Sicilia è meta ideale per vacanze in stile mediterraneo anche alle soglie dell'autunno. Per questo – proseguono Baglieri e Torrisi - siamo grati a tutti gli operatori aeroportuali per l'impegno profuso in questi mesi, i più difficili anche sotto il profilo meteorologico per le altissime temperature registrate in Sicilia. A tal proposito ci piace evidenziare come, in ottemperanza a un recente regolamento definito da SAC, le navette interpista del parco mezzi degli handler sono state dotate (o lo saranno a seguire) dell'indispensabile servizio di aria condizionata. La riorganizzazione dell'area varchi di sicurezza, poi, in funzione da giugno d'accordo con la Direzione Enac di Catania e le forze dell'ordine ha consentito di velocizzare i flussi, con tempi di attesa tra i 7' e i 12', grazie alle tre nuove linee di controllo e all'introduzione della figura dei facilitatori che istruiscono i passeggeri. Tempi nella media stagionale, anche in considerazione dei picchi di traffico in un aeroporto "tarato" per 6 milioni di passeggeri annui, nella consegna dei bagagli. In arrivo 4 nuovi banchi per il check-in e, a breve, la messa in esercizio della nuova rampa dedicata ai passeggeri a ridotta mobilità (PRM) e alle famiglie con bambini e passeggini che, superati i varchi di sicurezza, sostituirà il montacarichi per raggiungere gli imbarchi del piano Partenze".    Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania | Storia e sviluppi futuri

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 ago 2017

L’aeroporto di Catania supera il milione già a luglio: il 40% sono stranieri

di Mobilita Catania

SAC informa che nel mese di luglio appena trascorso sono stati oltre 1 milione i passeggeri transitati dall'aeroporto di Catania: un dato che rappresenta uno storico traguardo per lo scalo più grande della Sicilia e del Sud Italia, infrastruttura di riferimento per sette delle nove province dell'isola. Nel dettaglio sono stati 1.012.442 i passeggeri in arrivo e in partenza da Catania Fontanarossa nel mese scorso (+15,7% rispetto al luglio 2016). Il picco di movimenti nell'ultimo weekend di luglio (28-30) con 107 mila passeggeri. Giorno più trafficato domenica 30 luglio con quasi 40 mila utenti in transito. «Si tratta di un dato non ancora definitivo – spiega la presidente SAC, Daniela Baglieri - che potrà variare di pochissimi punti percentuali quando sarà comunicato in via ufficiale ad Assaeroporti, ma che denota in ogni caso una performance straordinaria, raggiunta senza disagi particolari per i passeggeri. Non posso che apprezzare l'impegno e il senso di responsabilità che tutti gli operatori aeroportuali stanno quotidianamente dimostrando. Al contempo, tutto ciò ci esorta al rispetto dei nostri piani di investimenti, se vogliamo crescere ancora di più». «Un risultato entusiasmante – commenta soddisfatto l'AD di SAC, Nico Torrisi – e indicativo del costante trend di crescita che l'aeroporto di Catania ha registrato nel primo semestre del 2017, con flussi di traffico che, negli ultimi tre mesi, hanno superato quelli di Linate. Certamente questi numeri sono il risultato di diverse congiunture favorevoli che vedono la Sicilia fra le mete turistiche più appetibili. Ma più che un ottimo traguardo, per SAC il superamento del milione di passeggeri mensili costituisce una sfida per far crescere la qualità dei servizi in proporzione ai numeri. E non dobbiamo dimenticare che risultati così positivi si ottengono solo grazie al lavoro di squadra: per questo ringrazio di cuore gli operatori aeroportuali, le compagnie aeree, gli handler, la direzione Enac e gli enti di Stato che con il loro personale sono impegnati quotidianamente a garantire la migliore funzionalità di questa importante infrastruttura, strategica per l'economia e lo sviluppo della Sicilia». Una lettura analitica dei dati di luglio identifica in 610.965 il numero dei viaggiatori provenienti da rotte nazionali: ovvero il 60,35% sul dato complessivo di 1 milione di passeggeri. Il restante 40% (39,65 per la precisione) è invece composto da turisti stranieri, ovvero 401.477: un dato sensibilmente migliorato dallo scorso anno (+17,06%) quando i turisti provenienti dall'estero si erano fermati a 342.965. Il record di luglio, infine, si appresta ad essere superato nel mese di agosto, per il quale l'Ufficio Dati Traffico di SAC ha previsto già nei mesi scorsi un traffico complessivo di oltre 1 milione di passeggeri. Le giornate più critiche, come sempre, saranno quelle dei weekend: il primo (4-6 agosto) vedrà di nuovo circa 107mila transiti (91mila nel 2016); per il secondo (11-13 agosto) è prevista una ulteriore impennata di movimenti con 110mila passeggeri in arrivo e in partenza (94mila lo scorso anno). SAC raccomanda ai viaggiatori di presentarsi in aeroporto, anche con check-in fatto, almeno due ore prima della partenza del volo e di verificare prima del viaggio documenti e contenuti consentiti nel bagaglio a mano. Infine ricorda che lo stato dei voli in arrivo e in partenza è consultabile in tempo reale sul sito, sulla App CTAairport e su Telegram. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa: storia e scenari futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania supera Milano Linate per il terzo mese consecutivo: ad agosto atteso un milione di passeggeri

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 lug 2017

Aeroporto di Catania, domenica attesi 40 mila passeggeri in transito: un record per lo scalo Fontanarossa

di Mobilita Catania

Traffico intenso in questo all'aeroporto di Catania. Domani sono previste circa 40.000 passeggeri in transito, di cui circa 18.000 saranno le partenze da Fontanarossa: il dato costituisce un record per lo scalo di Catania, ma che probabilmente verrà superato per le ferie estive. Scendendo nel dettaglio, domani sono previsti 126 voli in partenza e le fasce orarie più affollate saranno: ore 7:00 con 1408 passeggeri in partenza ore 10:00 con 1387 passeggeri in partenza ore 13:00 con 1349 passeggeri in partenza ore 14:00 con 1432 passeggeri in partenza ore 15:00 con 1421 passeggeri in partenza In considerazione del traffico atteso domani è consigliabile arrivare in aeroporto almeno due ore prima della partenza. Nei primi sei mesi del 2017, l’aeroporto di Catania si colloca al sesto posto dopo Milano Linate, ma è l’aeroporto che cresce di più, insieme con l’aeroporto di Napoli: 4.091.241 passeggeri in transito e una crescita del 17,4%. Luglio probabilmente si chiuderà con circa un milione di passeggeri in transito (nel 2016 si sono registrate 875.308 presenze) che rappresenta senz'altro un record per l'aeroporto di Catania.  Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa: storia e scenari futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania supera Milano Linate per il terzo mese consecutivo: ad agosto atteso un milione di passeggeri  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 lug 2017

Metropolitana di Catania, finanziamenti del Cipe per la tratta Monte Po-Misterbianco Centro

di Mobilita Catania

Buone notizie per lo sviluppo della linea metropolitana di Catania: ieri, nel corso della riunione presieduta dal Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, sono stati approvati dal Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) i finanziamenti per la tratta Monte Po-Misterbianco centro. Alla Ferrovia Circumetnea sono stati assegnati 4 milioni di euro per "il potenziamento e la trasformazione della Ferrovia circumetnea nelle aree urbane di Catania e Misterbianco e della tratta sub-metropolitana fino a Paternò”, in particolare del “Lotto di completamento, dalla stazione di Monte Po alla stazione Misterbianco centro, della tratta Nesima-Misterbianco centro”. Il costo dell’intero intervento è di 124 milioni di euro, già finanziato per 80 milioni con risorse del Programma Operativo Regionale (POR) Fesr 2007-2013 e per 40 milioni di euro dal Piano operativo MIT di attuazione della programmazione Fsc 2014-2020. Con questi ulteriori fondi si raggiunge, quindi, la totale copertura finanziaria. A questo punto, non appena sarà pubblicata la delibera, la Ferrovia Circumetnea potrà procedere alla pubblicazione del bando di gara. Quale futuro per la metropolitana di Catania? Il piano di espansione della Ferrovia Circumetnea prevede l’estensione della linea metropolitana in modo da collegare Paternò, grosso centro pedemontano, allo scalo aeroportuale di Fontanarossa, passando per il centro di Catania. La linea avrà così una lunghezza di circa 30 chilometri. Sono attualmente in corso i lavori di realizzazione della tratta Nesima-Monte Po  con la stazione intermedia Fontana, aggiudicati alla CMC di Ravenna: la conclusione dei lavori e l’entrata in esercizio è prevista entro la primavera dell'anno prossimo. La stessa impresa, intanto, sta attualmente allestendo il cantiere per la realizzazione del nuovo tunnel da Stesicoro a Palestro, che rientra nella tratta più estesa Stesicoro-Aeroporto per la quale, entro quest'anno, dovrebbero completarsi tutte le pratiche per poter accedere ai finanziamenti e, quindi, appaltare e poter completare l’intera tratta Stesicoro-Aeroporto entro il 2024. Nel frattempo, la Ferrovia Circumetnea ha aperto la procedura per le indagini relative alla progettazione preliminare della tratta di metropolitana Misterbianco-Paternò (Ardizzone). La tratta Misterbianco-Paternò (Ardizzone) avrà una lunghezza di 11,541 km e sarà in parte in galleria e in parte in superficie a carattere suburbano-metropolitano.   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2024 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Viaggio nei cantieri metro | A breve completata la prima parte di galleria Nesima-Monte Po La linea metro a nord di Catania: il progetto di Pedemontana e il nodo irrisolto dell’hinterland di Catania  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 lug 2017

L’aeroporto di Catania verso l’innovazione tecnologica dei servizi: si insedia l’Advisory Board

di Mobilita Catania

Innovare e rendere "smart", ossia intelligenti, i servizi dei parcheggi, il ritiro bagagli, migliorare l'efficientamento energetico dell'Aeroporto di Catania in direzione delle rinnovabili. Sono le prime sfide con cui dovrà misurarsi il nuovo Advisory Board, il comitato consultivo per l'innovazione tecnologica composto da manager di altissimo profilo cui il Cda di SAC ha affidato il delicato compito di trasformare l'Aeroporto di Catania - e la sua società di gestione - in una Smart Airport Community, ovvero una realtà efficiente e dinamica sotto il profilo della gestione dei servizi ai passeggeri e, in genere, a tutti gli utenti aeroportuali. Ieri l'insediamento dell'Advisory Board, composto da Andrea Cuomo, Carmelo Papa e Antonio Puliafito e presieduto da Daniela Baglieri, presidente SAC. L'incarico è a titolo gratuito. Andrea Cuomo è Executive Vice President, Advanced Systems Technology (AST) e Progetti speciali di STMicroelectronics; Carmelo Papa è Amministratore Delegato e Direttore generale di STMicroelectronics Italia e Presidente del Consiglio di Territorio Regione Sicilia di Unicredit; Antonio Puliafito è fondatore di SmartMe, spinoff dell'Università di Messina, e direttore del Centro Informatico dell'Università di Messina. "L'obiettivo – spiega la presidente SAC, Daniela Baglieri – è quello di coinvolgere, senza gravare sulle risorse finanziarie, figure manageriali di indiscussa professionalità e competenza in grado di valorizzare l'aeroporto e fare di SAC una Smart Airport Community. L'acronimo coincide curiosamente con quello istituzionale di SAC, ma aggiunge il valore dell'innovazione e dell'adeguamento alle sfide della tecnologia verso l'IoT, l'internet of things, e le imprese 4.0". L'amministratore delegato di SAC, Nico Torrisi, ha espresso gratitudine ai tre manager per aver accolto l'invito di SAC, consapevole che "il contributo di idee, saperi e competenze che provengono dal mondo scientifico e universitario e da quello delle imprese private non potrà che aggiungere valore all'Aeroporto di Catania e a quello che rappresenta, in termini di mobilità, per la vasta comunità territoriale e, più in generale, per il mondo imprenditoriale e turistico in particolare, come confermano i dati eccellenti dei flussi di traffico del primo semestre 2017". Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa: storia e scenari futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Catania, verso il milione di passeggeri mensili in estate: a maggio 5° scalo italiano

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 giu 2017

Aeroporto di Catania, verso il milione di passeggeri mensili in estate: a maggio 5° scalo italiano

di Roberto Lentini

Assaeroporti rende noti i dati del traffico degli aeroporti italiani e il risultato può considerarsi molto positivo per l'aeroporto di Catania. Per il secondo mese consecutivo (riferito ai mesi di Aprile e Maggio) l'aeroporto di Catania si colloca al quinto posto e, relativamente al mese di Maggio, con 841.988 passeggeri, si colloca dopo l'aeroporto di Venezia (943.702 passeggeri), Bergamo (1.086.957 passeggeri), Malpensa (1.880.918 passeggeri), Fiumicino (3.673.712 di passeggeri). Considerando i primi cinque mesi del 2017 l'aeroporto di Catania si colloca al sesto posto con 3.188.189 passeggeri e la più alta percentuale di crescita con il 17,5% rispetto al 2016. Al quinto posto troviamo Venezia con 3.576.039 passeggeri e una crescita del 6,6%, al quarto Milano Linate con 3.757.151 passeggeri e una crescita  dello 0,9%, al terzo Bergamo con 4.698.377 passeggeri e una crescita del 10,4%, al secondo posto Milano Malpensa con 8.201.989 passeggeri e una crescita del 14,1% e al primo posto Roma Fiumicino con 15.361.060 passeggeri e una crescita dello 0,1%. Nel grafico riportato qui sotto si evince l'incremento compiuto all'aeroporto di Catania che adesso si pone dietro l'aeroporto di Venezia. Nel frattempo l'aeroporto di Catania ha comunicato i dati previsionali per i mesi di Luglio, Agosto e Settembre 2017. La crescita del numero dei passeggeri rispetto al 2016 sarà verosimilmente del 14,33%, con 2.935.000 pax che transiteranno nel nostro scalo nei 3 mesi estivi. Di questi, 1.232.700 saranno i passeggeri che viaggeranno su voli internazionali e 1.702.300 i passeggeri di voli nazionali. Nel mese di Agosto 2017, possibile record: si aspettano poco più o poco meno di un milione di passeggeri. Nel primo grafico sono riportati il dettaglio sui passeggeri mese per mese (e il confronto con il 2016), Nel secondo grafico le prime 15 destinazioni nazionali. Nel terzo grafico le prime 15 destinazioni internazionali.   foto di copertina: marc_fitoussi/Instagram Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa: storia e scenari futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 giu 2017

Week-end al mare, Catania in cima alla classifica europea: ma è proprio così?

di Amedeo Paladino

Catania seconda migliore città d'Europa per un weekend in spiaggia: lo stabilisce una classifica elaborata dal sito GoEuro, prendendo in considerazione vari parametri.  GoEuro è un portale online che aiuta gli utenti a trovare l'opzione di viaggio più veloce e più economica per spostarsi in treno, autobus o volare da qualsiasi città, comune o paese in Europa. Nell'analisi operata sono state esaminate oltre 1000 città europee, analizzando tutti i risultati e stabilendo una media per ogni parametro, è stata stilata una classifica delle 100 migliori mete estive in Europa per un weekend al mare. Con oltre 98 punti su 100, Alicante si è classificata al primo posto tra le città con le migliori spiagge in Europa, seguita dall'italiana Catania e dalla città di Palma di Maiorca, nelle Baleari. L'analisi ripresa da testate nazionali e locali ha avuto un enorme riscontro positivo: ma è tutto oro quello che luccica?  Nella nostra "critica" vorremmo approfondire alcuni dei parametri presi in considerazione da GoEuro. Come nel caso della recente classifica stilata da Edreams, uno dei più noti siti di prenotazioni online, che colloca Catania come destinazione preferita dagli italiani per le vacanze estive, è doveroso da parte nostra andare al di là della mera graduatoria, andando cioè ad analizzare più in dettaglio. Nell'analisi operata da GoEuro sono state esaminate oltre 1000 città europee, prendendo in considerazione i seguenti parametri: tipo di spiaggia, temperatura media e temperatura dell'acqua nel periodo estivo, offerta di sport acquatici, vita notturna e accessibilità in termini di trasporti. Nell'analisi il criterio dell'accessibilità ha un importante peso: il punteggio è dato dal tempo per raggiungere il centro città dall'aeroporto e la spiaggia dalla città e dalla quantità dei tipi di mezzi di trasporto disponibili. Catania si colloca al sesto posto soprattutto per la vicinanza dell'aeroporto al mare e alla città. Lo scalo di Fontanarossa nel 2017 è l'aeroporto più grande del Meridione, quest'anno sarà superata la soglia degli 8 milioni di passeggeri in transito, e i margini di crescita nei prossimi anni sono ancora ampi grazie agli investimenti programmati per il quadriennio 2017-2020. Il nostro aeroporto rappresenta quel quid in più che invoglia i potenziali turisti a raggiungere la nostra città. Nella classifica GoEuro è invece la connessione Playa-città tramite trasporto pubblico a lasciarci perplessi. Il nostro litorale pur essendo vicinissimo al centro città (GoEuro indica 5 minuti necessari per raggiungerlo) è scarsamente connesso alla città: la sola linea D-Est operata dall'Azienda Metropolitana Trasporti (AMT) offre un servizio scadente in termini di frequenza e confort. Ad esclusione dei bus AMT non esistono alternative di trasporto pubblico per raggiungere la Playa, nonostante fino a qualche anno fa la Ferrovia Circumetnea aveva in progetto di proseguire la linea oltre la stazione Porto. Una proposta concreta e di facile attuazione vedrebbe la creazione di un servizio navetta rapida di connessione con la città, approfittando appunto della vicinanza del centro con il mare. GoEuro non prende in considerazione l'accessibilità pedonale e ciclistica: due elementi dolenti per la nostra Playa, che invece un turista prenderebbe in considerazione per dare un giudizio alla città che visita. Per quanto concerne l'offerta di sport acquatici, Go Euro specifica che l'analisi considera il numero totale di sport d'acqua offerti insieme alla quantità di tipi diversi di sport, mentre per la vita notturna il punteggio è basato sulla quantità e la tipologia di intrattenimenti notturni offerti e sul prezzo medio di 0,5 ml di birra e di una bottiglietta d'acqua di 0,33 ml, i cui dati sono presi da TripAdvisor e Numbeo; entrambi questi ultimi parametri sono estrapolati da Tripadvisor e non si traducono in un giudizio sulla qualità dei servizi offerti. La nostra critica non vuole essere denigratoria o disfattista nei confronti della nostra città, ma fornisce una chiave di lettura diversa. A nostro parere la classifica redatta da GoEuro non corrisponde fedelmente alla realtà: il portale offre ai propri utenti un servizio di prenotazione dei mezzi di trasporto per raggiungere destinazioni europee, ma in questa analisi non prende in considerazioni parametri fondamentali come la qualità delle acque di balneazione, l’efficienza della depurazione; la raccolta differenziata; l'accessibilità pedonale e ciclistica, gli spazi verdi, i servizi degli stabilimenti balneari. Catania con il suo clima mediterraneo e il lungo litorale sabbioso della Playa già di per sé potrebbe scalare le classifiche: un tesoro che la natura ci ha regalato, che non si traduce in un merito dato ai catanesi quanto piuttosto alla fortuna di vivere in un luogo così ricco di bellezze naturalistiche. Aldilà della scontata affermazione secondo cui la nostra terra potrebbe vivere di solo turismo, è necessario impegnarsi affinché sia davvero così. fonte dei dati GoEuro: https://www.goeuro.it/viaggi/weekend

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti