Articolo
18 feb 2019

Fermata FS Catania Aeroporto, al via i lavori: sarà fruibile da giugno 2020

di Andrea Tartaglia

Giornata molto importante per Catania ma anche per il resto della Sicilia, in particolar modo quella centrale e orientale. Questa mattina, infatti, alla presenza del Governatore della Sicilia, Nello Musumeci, dell'Assessore Regionale ai Trasporti, Marco Falcone, dell'Amministratore Delegato della Società Aeroporto Catania, Nico Torrisi, del Sindaco di Catania, Salvo Pogliese, dei rappresentanti di RFI e dell'impresa fiduciaria, sono stati avviati i lavori per la realizzazione della fermata ferroviaria di Catania Aeroporto Fontanarossa. La struttura sorgerà nelle immediate vicinanze del nucleo aeromobili della Guardia Costiera, a nord dell'aeroporto, dove già si sviluppa la linea ferrata a doppio binario. Si tratta di una fermata provvisoria, le cui opere civili dovranno essere ultimate nel giro di un anno, che in futuro dovrà essere sostituita dall'omonima stazione prevista presso il grande parcheggio scambiatore di Fontanarossa, luogo ideale per favorire l'intermodalità, dove entro quattro anni è prevista pure la realizzazione di una fermata della metropolitana (al riguardo, è attesa entro le prossime settimane l'erogazione dei fondi per completare la tratta Stesicoro-Aeroporto). Ma dei tempi per la realizzazione della fermata definitiva non s'è parlato: per adesso l'attenzione è tutta rivolta a colmare la grave e pluridecennale lacuna derivante dall'assenza di una fermata ferroviaria a servizio del più trafficato scalo del Mezzogiorno, e per la quale il Presidente della Regione ha lasciato intendere che gradirà tempi serrati per la realizzazione, atteso che per opere analoghe in altre zone d'Italia i tempi sono praticamente dimezzati rispetto a quelli prospettati in questo caso. Ufficialmente, la data di apertura al pubblico, con treni che, oltre da Catania, potranno giungere da Messina, Siracusa, Caltagirone e Palermo-Caltanissetta-Enna, è stata stabilita per giugno 2020, ma la speranza è che si riesca ad anticipare. Appena tre milioni e trecentomila euro il costo della fermata. Inizialmente, il collegamento per i viaggiatori con l'aerostazione, distante diverse centinaia di metri, sarà garantito da bus navetta messi a disposizione dalla Sac, ma Regione e Aeroporto stanno definendo un collegamento da realizzare tramite tapis roulant su percorsi coperti sopraelevati, su modello di Fiumicino. Con quest'ulteriore intervento, il costo complessivo dell'opera si aggirerà sui 15 milioni di euro.   Ti potrebbero interessare: Raddoppio ferroviario Palermo-Catania: un protocollo di legalità per i lavori della tratta Bicocca-Catenanuova Passante Ferroviario di Catania Tornano a circolare i treni sulla linea Catania-Caltagirone Metropolitana di Catania Aeroporto di Catania Fontanarossa  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 feb 2019

Eruzione Etna, disposta la chiusura di un settore dello spazio aereo

di Mobilita Catania

AGGIORNAMENTO ORE 17:00 Attività di emissione cenere fortemente diminuita, torna tutto alla normalità. Niente più limitazioni sui voli. AGGIORNAMENTO ORE 14:30 A causa della ripresa dell’attività eruttiva dell’Etna e contestuale emissione di cenere vulcanica in atmosfera, l’Unità di crisi ha disposto la chiusura di UN SETTORE dello spazio aereo dalle ore 14:30 di oggi. Saranno consentiti 4 arrivi ogni ora: tutti i voli potranno quindi subire ritardi e disagi. I passeggeri sono pregati di informarsi sullo stato del proprio volo ESCLUSIVAMENTE con le compagnie aeree. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 feb 2019

Eruzione dell’Etna, solo preallerta per l’aeroporto Fontanarossa: nessuna limitazione ai movimenti aerei

di Amedeo Paladino

Dalle 8 e 40 circa di questa mattina dal cratere di nord-est si sono susseguite violente esplosioni molto scure accompagnate dall'emissione di gas e cenere vulcanica. L'Unità di Rischio dell'aeroporto di Catania è in stato di pre-allerta, ma il vento in quota sta spingendo la nube di cenere verso E-SE, permettendo allo scalo di operare senza limitazioni di movimenti aerei.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 feb 2019

Aeroporto di Catania, per Sant’Agata crescono del 14% i passeggeri internazionali

di Mobilita Catania

Una crescita del 14% dei passeggeri internazionali per le festività agatine. La SAC, società di gestione dell'aeroporto di Catania, rende noti i dati registrati dallo scalo etneo in occasione della festa di Sant'Agata appena conclusa, che vedono dunque un incremento significativo dei passeggeri di provenienza internazionale rispetto al 2018, e il consolidamento di quelli nazionali. Nel dettaglio, dal 2 al 6 febbraio, gli arrivi e le partenze da e verso l'estero sono stati 22.148 contro i 19.428 registrati nel 2018 mentre, per quanto riguarda il dato nazionale, sono stati registrati 73.810 passeggeri. Soddisfatto Nico Torrisi, amministratore delegato di SAC. "Anche quest'anno le festività in onore della Santa Patrona si sono confermate un richiamo eccezionale per i turisti, in particolare provenienti dall'estero. I numeri registrati in questi giorni, che superano quelli dello scorso anno, confermano l'interconnessione tra sviluppo turistico ed economico e l'importanza dell'aeroporto di Catania come perno di questa crescita, evidenziando altresì come la destagionalizzazione sia fondamentale per attirare sempre più utenti. Un risultato reso possibile anche dalle sempre più numerose rotte che consentono di raggiungere la città etnea da tantissimi Paesi europei ed extraeuropei". Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 dic 2018

Eruzione Etna, situazione Aeroporto di Catania | AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

di Mobilita Catania

AGGIORNAMENTO 11:30 - 25 DICEMBRE Alle ore 13.00 l’Aeroporto di Catania torna totalmente operativo. Saranno riaperti tutti i settori dello spazio aereo. Così ha deciso l’Unita di Crisi riunita alle 11.30. AGGIORNAMENTO ORE 8.30 - 25 DICEMBRE Riaperta da qualche minuto una porzione dello spazio aereo. L’Aeroporto di Catania torna dunque parzialmente operativo. Sono consentiti 4 movimenti orari. L’Unita di Crisi torna a riunirsi alle 11.30. Info sui voli tramite le compagnie aeree e sui canali ufficiali: sito, app CTAairport e bot Telegram. AGGIORNAMENTO ORE 7 -25 DICEMBRE Questa mattina alle ore 6 si è riunito il Nucleo di Coordinamento Operativo (Nco), costituito da Enac, Enav, Aeronautica Militare e SAC  e, a causa delle persistente presenza di cenere vulcanica in atmosfera, ha deciso di mantenere ancora chiuso lo scalo. AGGIORNAMENTO ORE 21 SAC informa che dalle ore 21.30 di questa sera l’Aeroporto di Catania sarà chiuso. Contrariamente alle previsioni, la persistente attività dell’Etna e la presenza di cenere vulcanica in atmosfera, hanno reso indispensabile la decisione di chiudere lo scalo: niente arrivi né partenze per tutta la notte. Domattina, in vista del primo volo delle ore 6, si riunirà il Nucleo di Coordinamento Operativo (Nco), costituito da Enac, Enav, Aeronautica Militare e SAC, che deciderà le eventuali variazioni sull’operativo della giornata. Si precisa che il 25 dicembre è un giorno che presenta pochissimi voli programmati (una ventina, circa le partenze). Completamente chiuso il Terminal C in assenza di voli easyJet. Eventuali variazioni ai voli – comunicate dalle compagnie aeree - sono anche consultabili sul tabellone pubblicato sul sito dell’Aeroporto di Catania, sull’app ufficiale e sul bot Telegram. Modifiche all’attività dello scalo saranno comunicate anche sui profili ufficiali di Facebook e Twitter. AGGIORNAMENTO ORE 20 SAC informa che dalle ore 20 di questa sera l’Aeroporto di Catania torna regolarmente operativo con l’apertura totale dello spazio aereo, parzialmente chiuso dalle prime ore di questo pomeriggio a causa dell’attività dell’Etna e della presenza di cenere vulcanica in atmosfera. Atterraggi e decolli come da tabellone anche se saranno inevitabili dei ritardi, conseguenti alle limitazioni dei movimenti orari: la situazione, tuttavia, andrà gradatamente a normalizzarsi. Eventuali variazioni ai voli – comunicate dalle compagnie aeree - sono anche consultabili sul tabellone pubblicato sul sito dell’Aeroporto di Catania, sull’app ufficiale e sul bot Telegram. Modifiche all’attività dello scalo saranno comunicate anche sui profili ufficiali di Facebook e Twitter.   Alle 18 la SAC ha comunicato che sono confermate le limitazioni operative ai voli in arrivo e in partenza decise dall’Unità di Crisi alle ore 15 in seguito alla presenza di cenere vulcanica in atmosfera. Resta aperta una porzione di spazio aereo e i movimenti mantengono la limitazione di 4 arrivi ogni ora. Questa la decisione dell’Unità di Crisi riunitasi alle ore 17. Tre i voli dirottati (Palermo, Comiso Malta) e uno cancellato (Lampedusa). Inevitabili i ritardi sull’operativo e i disagi per passeggeri e accompagnatori. SAC invita tutti coloro che devono mettersi in viaggio per raggiungere l’Aeroporto di Catania - per partire o per accogliere passeggeri in arrivo - a verificare lo stato del proprio volo contattando le singole compagnie aeree che, in base alla rotazione degli aeromobili, potrebbero anche cancellare il volo. Eventuali variazioni ai voli – comunicate dalle compagnie aeree - sono anche consultabili sul tabellone dei voli pubblicato sul sito dell’Aeroporto di Catania, sull’app ufficiale e sul bot Telegram. Modifiche all’attività dello scalo saranno comunicate anche sui profili ufficiali di Facebook e Twitter.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 dic 2018

Fermata ferroviaria Fontanarossa: finalmente si comincia. A gennaio al via i lavori

di Amedeo Paladino

Passo avanti decisivo per la fermata ferroviaria al servizio dello scalo internazionale di Fontanarossa che potrebbe essere in esercizio entro il 2020. A margine della consegna della fermata Picanello del passante ferroviario di Catania, l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Marco Falcone e Salvatore Leocata della Direzione Investimenti Area Sud di Rete Ferroviaria Italiana confermano l'imminente inizio dei lavori previsto già a gennaio del 2019. Abbiamo raccolto le dichiarazioni dell'assessore Falcone e del direttore Leocata. L'assessore Falcone ha anche espresso l'intendimento di operare affinché l'integrazione tariffaria tra Trenitalia, AMT e metro FCE diventi presto realtà. La fermata di Fontanarossa sarà realizzata nei pressi della rotonda della Guardia Costiera e sarebbe a totale carico della RFI per un costo di circa cinque milioni di euro. La Sac, società di gestione dell’aeroporto etneo, dovrebbe realizzare una nuova bretella di collegamento che insiste, per circa 800 metri, su sedime di proprietà della stessa Sac. Nel lungo periodo dovrebbe invece essere realizzata la nuova stazione ferroviaria di Fontanarossa, lungo il passante, in connessione con la metropolitana di Catania, tramite la prevista stazione di Santa Maria Goretti, e con il parcheggio scambiatore omonimo (vedi anche Metropolitana di Catania da “Stesicoro” all’Aeroporto: dove sorgeranno le stazioni). Ti potrebbero interessare… Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell’opera Passante ferroviario, domani apre la nuova fermata di Picanello. Ma così servirà a poco… Apre la fermata FS “Picanello” del passante ferroviario urbano di Catania Stazione di Catania Picanello completa entro l’anno: il sopralluogo dell’assessore regionele Falcone Passante ferroviario di Catania, dallo sventramento alla ricucitura: il nuovo percorso urbano approvato dal Comune Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 nov 2018

Vueling introduce il nuovo volo Catania-Valencia: prima assoluta per la terza città spagnola

di Andrea Tartaglia

La compagnia low cost spagnola Vueling ha annunciato, nell'ambito del proprio potenziamento sullo scalo locale di Valencia, nuove quattro rotte dalla città di Calatrava per la stagione estiva 2019: tre per le isole Canarie e una per l'Italia. La destinazione del belpaese scelta è Catania, seconda città d'Italia dopo Roma a essere raggiungibile dal capoluogo iberico. I voli avranno una frequenza di due voli a settimana (mercoledì e sabato), a partire da aprile 2019, e sono già in vendita sul sito della compagnia aerea. Ecco gli orari: VLC-CTA --3---- 07:15 (09:20) VLC-CTA -----6- 15:05 (17:10) CTA-VLC --3---- 10:05 (12:20) CTA-VLC -----6- 17:55 (20:10) Valencia è una novità assoluta per i collegamenti diretti di linea dal capoluogo etneo, principale aeroporto della Sicilia e sesto d'Italia. Si aggiunge alle altre destinazioni spagnole già raggiunte da Catania (attualmente Madrid, Barcellona e Siviglia).

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti