Articolo
13 giu 2017

Al Boschetto della Playa apre il “Liotru adventure park”

di Mobilita Catania

Ieri alla presenza del sindaco di Catania Enzo Bianco, dell'assessore al Verde Rosario D'Agata, del presidente della Municipalità Lorenzo Leone e il suo vice Giovanni Cannavò, del presidente della Catania Multiservizi Giovanni Giacalone, della dirigente del Verde Lara Riguccio e di un gruppo di bambini dell'Istituto comprensivo Don Bosco e della Livio Tempesta è stato aperto il "Liotru adventure park" sito all'interno del Boschetto della Plaia. All'interno del parco avventura un percorso bambini con un'altezza massima dal suolo di un metro e 80, altri due - uno facile e uno medio, entrambi da otto passaggi tra un albero e l'altro - e uno più complesso con dodici giochi più due tirolesi che consentono discese con carrucola. I percorsi consentono di sperimentare con gradualità tutte le esperienze di percorso e passaggi, a diverse altezze da terra, secondo tecniche comuni ai Parchi avventura. In più sono disponibili , oltre a un grande chiosco per bibite e alimenti, altre attività ludico – sportive: arrampicata, equilibrio, eccetera. "L'appalto – ha detto l'assessore D'Agata illustrando i termini del contratto – è stato vinto dall'azienda 5Nodi che ha ottenuto dal Comune sessantamila euro per la realizzazione del Parco e, per la sua gestione, restituirà per dodici anni servizi e forniture per trentatremila euro alll'anno per la fruizione del Boschetto della Plaia. Il gestore dovrà infatti occuparsi ogni settimana della pulizia delle aree a verde e quattro volte all'anno del decespugliamento di bosco, rovi, canneti ed erbe infestanti". Il Parco avventure occuperà a pieno regime una ventina di persone e i costi per partecipare ai giochi saranno, in particolare nel periodo del lancio estivo, molto competitivi rispetto a quelli degli altri Parchi.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2017

Pochi giorni all’apertura di solarium e spiagge libere

di Mobilita Catania

Il Comune di Catania ha diffuso il calendario delle aperture di solarium e spiagge libere comunali. Queste ultime tre, tutte nella zona della Plaia, saranno aperte il 15 giugno. Attualmente gli operai stanno ultimando la sistemazione di spogliatoi, bagni e docce e la pulizia dell'arenile. Per il 17 di giugno è prevista la consegna del solarium di piazza Europa e per il week end successivo quella della piattaforma di fronte all'Istituto nautico. Per tutte le strutture la custodia è stata affidata quest'anno alla Catania Multiservizi e i parcheggi saranno gestiti dalla Sostare. Per quanto riguarda il servizio di salvataggio in mare e quello di primo soccorso, sono state avviate delle gare e le buste con le offerte saranno aperte domani. Come ogni anno gli scarichi fognari sulla costa, comunque lontani dalle strutture di balneazione, verranno chiusi con un largo anticipo rispetto all'apertura della stagione. foto di copertina di repertorio: Orietta Scardino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 giu 2017

Parco Avventura al Boschetto della Playa, lunedì la consegna: il gestore dovrà manutenere l’intera area

di Roberto Lentini

Lunedì prossimo, 12 giugno, alle 11,15 nel Boschetto della Plaia, il sindaco di Catania presenzierà alla consegna del Parco avventura realizzato nell'ambito di un progetto sulla salvaguardia e valorizzazione di parchi e riserve naturali e di aree di particolare rilevanza ambientale, approvato dal Ministero dell'Ambiente nell'ottobre del 1990. Alla cerimonia saranno presenti l'assessore al Verde Rosario D'Agata e la dirigente del Dipartimento, Lara Riguccio. Il Parco avventura, con soluzioni adeguate al contesto naturalistico, consiste in percorsi e passaggi che, ad altezze diverse, consentono attività ludico-sportive (giochi da albero ad albero) nella massima sicurezza. Si estende per 4 ettari su un totale di 28.I percorsi sono cinque, contrassegnati da colori diversi a seconda della difficoltà: giallo (per i bambini), verde (ragazzi), e poi blu, viola e rosso e la carrucola più lunga coprirà ben 180 metri I cinque percorsi previsti attraversano i vialetti e hanno il loro punto principale al centro dell'area verde. Le piattaforme  sono state collocate molto alte, per non interferire con la fruizione del boschetto. La ditta che si è aggiudicata la realizzazione è stata la società 5 nodi ne avrà la gestione per dodici anni e garantirà anche la manutenzione del boschetto per l'ordinaria fruizione del Parco avventura.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2017

Aci Castello, nuove regole per le strisce blu: soste breve gratuita e abbonamento residenti

di Mobilita Catania

La Giunta comunale di Acicastello ha approvato l'atto di indirizzo per il nuovo affidamento del servizio di gestione della sosta a pagamento nel territorio. Con la nuova direttiva sarà introdotta la sosta di cortesia fino a 15 minuti per tutti i veicoli e la sosta gratuita fino a 90 minuti per i soggetti diversamente abili appositamente muniti di contrassegno. Alla società aggiudicataria, sarà assegnato l'utilizzo del parcheggio "Battisti" che dovrà essere aperto al pubblico gratuitamente, dalle 7.45 alle 14.15, nei giorni feriali, mentre dal 1° Maggio al 30 Settembre tutti i giorni compresi i festivi dovrà essere operativo a pagamento (dal Lunedì al Giovedì dalle 20 alle 24, il Venerdì ed il Sabato dalle 20 alle 02 e la Domenica dalle 8.30 alle 02). In più il parcheggio dovrà funzionare a pagamento anche nelle giornate festive, nel periodo Febbraio/Aprile, dalle 8.30 alle 22. Inoltre  il provvedimento approvato, prevede che la società concessionaria dovrà istituire la propria sede operativa all'interno del parcheggio "Battisti" allo scopo di garantire un servizio informazioni al pubblico ed il rilascio degli abbonamenti il cui prezzo rimarrà invariato, così come uguali saranno le tariffe in vigore per la sosta a pagamento. Sono tre le tariffe previste: 1 ora € 0,75 (con possibilità di pagamento frazionato fino ad un minimo di € 0,40) – mezza giornata € 2,40 (ovvero la sosta coincidente con le fasce orarie 8.30 – 13.00, 15.30 – 20.00, 20.00 – 02.00 ove attivo) – Intera giornata € 3,80. L'abbonamento mensile del costo di € 14,00 potrà essere richiesto dai residenti (residenza anagrafica), dai proprietari di immobili ubicati nel comune e dagli inquilini non residenti con contratto di locazione registrato. foto di copertina NewSicilia.it

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 giu 2017

I cittadini si mobilitano per salvare il Bastione degli Infetti: “il progetto di recupero snatura il luogo”

di Mobilita Catania

Da alcune settimane sono iniziati i lavori al Bastione degli infetti, preziosa testimonianza storica del sistema murario posto a difesa della città, risalente al XVI secolo. Il luogo ha vinto il bando di finanziamento regionale per l’incentivazione di forme di democrazia partecipata, in cui i cittadini erano stati invitati a scegliere l’area della città a cui destinare dei fondi per una riqualificazione. I primi interventi hanno interessato il verde presente: alcuni degli alberi presenti sono stati abbattuti, e adesso si sta procedendo alla messa in opera di una piattaforma in cemento che costituirà la base del parco giochi per bambini.  Molti cittadini ed i residenti della zona sono contro questa scelta che snatura la bellezza e la tipologia del sito in cui invece sarebbe importante riqualificare le parti del monumento inaccessibili a cittadini e turisti ed eliminare il cancerogeno amianto presente a pochi metri dalle storiche mura. Qui sotto una foto di com'era il bastione qualche settimana fa durante l'ultimo evento organizzato dal comitato Antico Corso, in alto. Ad inizio articolo com'è adesso con l'imminente possibile cementificazione. I cittadini discuteranno oggi del problema e delle azioni da portare avanti in un'assemblea pubblica organizzata dal Comitato popolare Antico Corso. L'appuntamento è oggi, giovedì 8 Giugno 2017, alle ore 18 in Via Torre del Vescovo all'ingresso del bastione. Qui l'evento con il comunicato del Comitato popolare Antico Corso : Democrazia è partecipazione. Invece non sappiamo decifrare che cosa si intenda per democrazia partecipata, dato che non è stato attivato alcun processo di partecipazione dei cittadini, i quali, quando richiedono invece di sapere e di essere coinvolti sono visti piuttosto come degli elementi disturbanti, incapaci di cogliere gli effetti delle scelte operate. Preso il Bastione degli Infetti si sta mancando l'ennesima occasione di attivare dei processi dal basso, infatti, la norma sulla Democrazia partecipata prevede la partecipazione dei cittadini, non solo nella scelta del sito da riqualificare, ma significava aprire un dibattito e avviare un confronto ex ante sulla tipologia di riqualificazione da effettuare in un luogo che, lo ricordiamo, è già stato sottratto al degrado grazie all'impegno di un gruppo di cittadini riuniti intorno al Comitato popolare Antico Corso. Da qualche anno quartiere ospita strutture "riqualificate" senza anima, senza attività, riqualificate solo perché c'erano dei soldi da spendere... Questo non può essere un criterio, destinare dei fondi su immobili che dopo il "trattamento" vengono chiusi e sottratti alla collettività. Sul Bastione si stanno spendendo circa 250 mila euro, per trasformarlo in un parco giochi, per fare ciò stanno preparando delle piattaforme in cemento. Non c'era bisogno di snaturare questo sito, non c'è bisogno di colare piattaforme in cemento per fare giocare i bambini. Facciamo sentire la nostra voce, se non condividi, vieni al Bastione degli Infetti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 giu 2017

Come rendere una città ciclabile: docenti ed esperti a confronto presso il Dipartimento di Ingegneria di Catania

di Sevy Vallarelli

Il 1° giugno scorso, presso l'Aula Magna dell'edificio della didattica della facoltà d'Ingegneria di Catania, si è tenuto un convegno sulla mobilità ciclistica che ha visto la partecipazione di diversi professionisti del settore. Tra i relatori il professore Massimo Cuomo, coordinatore del Dottorato di Ricerca in " Valutazione e Mitigazione dei Rischi Urbani e Territoriali", Santi Maria Cascone, Presidente Ordine degli Ingegneri di Catania, nonché assessore alla Mobilità al Comune di Catania durante la sindacatura di Raffaele Stancanelli, l'ingegnere Mauro Antonino Scaccianoce, presidente fondazione Ordine degli Ingegneri di Catania,  e infine il professore Ugo Giunta, consigliere Nazione di AIIT (Associazione Italiana per l'Ingegneria del traffico e dei trasporti). Dopo le presentazioni iniziali, ha preso la parola il professore Matteo Ignaccolo, docente di pianificazione del trasporti- DICAR UNICT e Presidente Nazionale AIIT, che ha introdotto, in maniera estremamente chiara, il fine della conferenza illustrando con un video di Mobilita.org, la realtà ciclistica della città di Copenaghen (Danimarca). L'amministrazione di Copenaghen, nell'ultimo decennio, ha investito 300 milioni di euro costruendo diverse infrastrutture ciclabili connesse tra di loro: ciò ha reso la città danese, dopo due secondi posti, nel 2011 e nel 2013, regina della mobilità ciclabile, superando Amsterdam. La capitale danese si colloca al vertice della classifica delle migliori 20 città bike-friendly del pianeta, stilata da Copenhagenize Design Company, agenzia di consulenza e progettazione urbana. Il rapporto, giunto alla terza edizione, misura attraverso vari fattori l'impegno delle città nel rendere la bicicletta un vero e proprio mezzo di trasporto, pratico e socialmente accettato. L'evoluzione della mobilità ciclistica ha comportato, a sua volta, un incremento delle tipologie innovative nelle costruzioni di piste ciclabili. Questa delicata tematica è stata affrontata dal professore Giulio Maternini, docente ordinario dell'Università di Brescia presso il Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale Territorio Architettura e Matematica (DICATAM). Alcuni concetti introdotti da quest'ultimo sono stati successivamente ripresi dal professore ingegnere Felice Giuliani, docente ordinario per il S.S.D. ICAR/04 strade, ferrovie e aeroporti, presso il dipartimento di Ingegneria Civile, dell'Ambiente, del Territorio e Architettura (DICATeA) dell'Università di Parma, che ha incentrato il suo intervento sulla geometria ed elementi per la progettazione degli itinerari ciclabili. I due docenti hanno inoltre affrontato il tema della colorazione da adottare per i percorsi ciclabili. Le piste e le corsie devono essere colorate in tutti i luoghi ove occorra garantire un'elevata leggibilità del sistema ciclabile sia per gli utenti del sistema stesso, che possono in tal modo meglio orientarsi, sia per quelli esterni che sono così portati a una preminente attenzione. La colorazione va pertanto adottata soprattutto nei punti di maggior conflitto, sia longitudinali (in corrispondenza di accessi carrai laterali, per separare gli spazi ciclabili da quelli pedonali, etc.) che trasversali ( attraversamenti, intersezioni ecc.). In America si predilige il colore rosso mattone, mentre in Australia il verde: la colorazione deve avere una coerenza estetica col paesaggio circostante. La circolazione delle biciclette si può svolgere anche in promiscuità con altri mezzi di trasporto. In questa circostanza bisogna riuscire a governare le ostilità che presenta il caso e gli eventuali conflitti (laterali, longitudinali e trasversali). Una rete ciclabile, per essere efficiente, dev'essere ben collegata con altre reti dello stesso sistema: una buona progettazione consentirebbe un aumento sostanziale di ciclisti. L'ingegnere Giuseppe Salvo, insegnante Associato di Tecnica ed Economia dei Trasporti presso l'Università di Palermo, ha discusso di come alcune corsie ciclabili della città di Palermo non siano percepite sicure dagli utilizzatori. A chiusura delle relazioni è intervenuto il professore Giuseppe Inturri, docente dell'Università di Catania presso il dipartimento d'Ingegneria Civile e Architettura, descrivendo la realtà ciclistica della nostra città e sottolineando il ruolo importante di gruppi, movimenti e associazioni, in alcune delle "conquiste" nel campo della ciclabilità. La nostra città ha fortemente bisogno di puntare sulla mobilità ciclistica, al fine di raggiungere standard sempre più europei, prendendo spunto, perché no, da realtà come Amsterdam e Copenaghen. Catania possiede tre piste ciclabili che però non costituiscono una rete poiché non connesse tra di loro: la prima in ordine di realizzazione è quella poco utilizzata di viale Kennedy, che si sviluppa solo parzialmente lungo la Playa di Catania, quindi quella che collega piazza Stesicoro con la Stazione Centrale, lunga 1,1 km; la terza è, infine, la pista ciclabile che si sviluppa da piazza Europa a piazza Mancini Battaglia, con una lunghezza complessiva di 2,2 km. Catania è dotata, altresì, di corsie ciclabili in promiscuità con i mezzi pubblici, una di queste è quella che collega il tratto di Corso Italia con Via Etnea, lunga circa 4 km. Riguardo al tema dell'intermodalità, ossia l'utilizzo combinato della bici e del trasporto pubblico, Catania ha fatto un piccolo passo avanti nel 2015 grazie alla possibilità di trasporto dei mezzi a due ruote non motorizzati in metropolitana.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 giu 2017

La Giornata Nazionale dello Sport al Lungomare Liberato: 21 discipline sportive e 500 “piccoli atleti”

di Mobilita Catania

Torna domenica prossima il Lungomare Liberato e il primo appuntamento di giugno coinciderà con la XIV edizione della Giornata nazionale dello sport: il nostro litorale, grazie a Coni e Comune di Catania, diventerà un'enorme palestra che consentirà di praticare 21 discipline sportive a cinquecento piccoli atleti. Nelle zone di viale Ruggero di Lauria, via del Rotolo, piazza Nettuno e nel porticciolo di San Giovanni Li Cuti saranno posizionati piste, campi, circuiti e strutture. All'iniziativa parteciperanno le federazioni di atletica leggera - la Fidal che ha scelto Catania come unico sito di tutta Italia in cui allestire la pista che sarà il fiore all'occhiello dell'iniziativa -, badminton, baseball, calcio, canoa, ciclismo, danza sportiva, judo lotta e karate, kick boxing, motonautica, pallacanestro, pallavolo, pesca sportiva ed attività subacquea, rugby, scacchi, tennis, tennistavolo, vela e waterbasket. Parteciperanno all'iniziativa anche gli atleti del Comitato italiano Paralimpico nelle varie specialità e in particolare in quella dello wheelchair rugby. Nello spazio d'acqua di San Giovanni li Cuti, poi, oltre le altre attività programmate, si svolgeranno due attività federali: il Trofeo Coni di Motonautica giovanile con gommoncini da gara e il primo Trofeo Città di Catania di waterbasket, nuova disciplina che inizia proprio all'ombra dell'Etna la sua avventura. "Si tratta – ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco – di un'iniziativa in linea da una parte con la nostra filosofia di fare squadra con altre istituzioni, in questo caso il Coni, per dare il meglio alla città, e dall'altra con l'intenzione di promuovere in una città che sogniamo sempre più verde, la pratica delle discipline sportive, a tutto vantaggio della salute". "Un'intera giornata – ha sottolineato il delegato provinciale del Coni, Enzo Falzone – in cui lo sport diventerà patrimonio della città e dei suoi abitanti. La finalità di questa Giornata Nazionale è proprio quella di diffondere la pratica sportiva e i suoi valori. A Catania, grazie anche alla location scelta e alla sinergia con  l'Amministrazione comunale e tutte le Federazioni, sarà un vero spettacolo". La Giornata Nazionale dello Sport avrà inizio alle ore 9.30 con la cerimonia d'apertura che andrà in scena nel campo di pallacanestro di Piazza Nettuno. Alla fine della cerimonia, a cui parteciperanno le autorità politiche, militari e sportive, avranno inizio le gare. Per consentire alla manifestazione di cominciare in orario, la grande isola pedonale tra le piazze Europa e Mancini Battaglia sarà chiusa al traffico già a partire dalle 7 del mattino e le auto cominceranno a essere rimosse a partire dalle 9. Di seguito il dettaglio delle zone in cui saranno posizionati campi, piste, mini circuiti e ogni altro "teatro" di gioco per le 21 discipline previste. VIALE RUGGERO DI LAURIA posizionamento di un "pistino" di atletica leggera da cinquanta metri posizionamento di otto campi di mini volley per un totale di circa 120 metri posizionamento di due tatami  per un totale di 15 metri per kickboxing e lotta posizionamento di due campi da badminton per un totale di circa trenta metri posizionamento di un campo da tennis per un totale di circa venti metri VIA DEL ROTOLO posizionamento quattro campi di calcio per un totale di circa ottanta metri x 120 PIAZZA NETTUNO LATO MARE campo di pallacanestro posizionamento di due campi di tennistavolo posizionamento campo di rugby posizionamento campo di baseball mini circuito di ciclismo posizionamento di quattro tavoli di scacchi spazio per danza sportiva PORTICCIOLO SAN GIOVANNI LI CUTI pesca sportiva attività subacquea motonautica canoa waterbasket

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti