Articolo
22 lug 2021

Pnrr, finanziati due progetti per Catania nell’ambito della rigenerazione urbana e “Qualità dell’Abitare”

di Mobilita Catania

Due progetti deliberati, tre mesi addietro, dalla giunta Pogliese, su proposta dell’assessore ai lavori pubblici, Enrico Trantino, sono stati finanziati con quasi 30 milioni di euro, destinati a Catania nell'ambito delle misure del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza per sostenere le azioni di rigenerazione urbana e di qualità dell'abitare.Un piano di investimenti per le città italiane che ha premiato due delle tre proposte presentate dal comune di Catania, elaborate dai tecnici comunali, secondo un preciso indirizzo del sindaco Pogliese e dell’assessore Trantino, sfruttando le risorse del fondo complementare del Ministero delle Infrastrutture, stanziate nell'ambito della rimodulazione dei fondi del Pnrr.  «Un risultato di grande significato per la città di Catania, ha detto il sindaco Pogliese, che premia la qualità dei nostri progetti e ci permette di aprire due nuovi cantieri che, con l'utilizzo di queste risorse ministeriali, aggiuntive al Pnrr, daranno occupazione al settore strategico dell’edilizia e soprattutto incideranno su Librino, con riqualificazione di spazi e creazioni di nuovi alloggi per fronteggiare l'emergenza abitativa. Fondi che valorizzeranno anche gli insediamenti abitativi lungo i percorsi turistico culturali del centro cittadino. Ringrazio l’assessore Trantino per il pressing costante che ha esercitato per raggiungere l’obiettivo e i tecnici comunali guidati dall’ingegnere Salvo Marra, per la qualità progettuale proposta»I progetti finanziati riguardano la realizzazione di due fabbricati da 32 alloggi ciascuno da costruire nel quartiere di Librino in affiancamento a un altro già esistente, a completamento di un lotto edilizio di viale Moncada. Grazie al finanziamento di 14,6 milioni di euro, verrà anche recuperata una preesistente struttura abbandonata, pure a Librino, da utilizzare a scopi sociali e aggregativi, e sarà possibile la riqualificazione di due grandi aree a verde e un’altra da adibire a parcheggio, contigue alle due palazzine di viale Moncada.L’altro progetto finanziato con altri 15 milioni di euro, denominato “Segmenti di Connessione Urbana”, è costituito da una serie di interventi fra loro complementari, localizzati nel centro storico. L’obiettivo del piano di riqualificazione adottato dall’esecutivo comunale guidato dal sindaco Pogliese e proposto dall’assessorato ai lavori pubblici retto da Enrico Trantino, giudicato meritevole di essere concretizzato, è finalizzato a realizzare opere e servizi per i turisti, ma anche per i cittadini che vi risiedono, con nuovi spazi a verde e riqualificazione di quelli pubblici degradati. Le azioni prioritarie, infatti, sono mirate all'ampliamento delle aree a vocazione pedonale, alla regolamentazione della sosta veicolare, con allargamento delle ZTL. Nello specifico gli interventi di riqualificazione riguardano la zona compresa tra via Vittorio Emanuele II, via Antonino di Sangiuliano, via dei Crociferi e piazza Federico II di Svevia, al fine di valorizzare i monumenti e i punti di interesse storico.Particolarmente soddisfatto, per i due finanziamenti ottenuti, anche l’assessore ai lavori pubblici, Enrico Trantino, che ha seguito ogni passaggio dell'iter di stanziamento, nell'ambito delle misure complementari per i Comuni, previste dal Pnrr: «Un grande risultato che conferma la cura certosina con cui sono stati elaborati i progetti, ha detto, aprendo il varco dei finanziamenti diretti alla città di Catania, frutto di costanti interlocuzioni con le autorità statali e l’Anci. A breve proporremo, in altre linee di finanziamento, anche il progetto per il recupero e la valorizzazione di piazza Michelangelo e del secolare parco Scammacca».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 apr 2021

Catania, metropolitana da Misterbianco a Paternò: ecco dove sorgeranno le fermate

di Andrea Tartaglia

Grazie all'inserimento nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, la tratta della metropolitana di Catania da Misterbianco a Paternò, finanziata così con 317 milioni di euro con i quali si raggiunge la somma totale necessaria di 432 milioni di euro (115 milioni erano già disponibili per la tratta Misterbianco-Belpasso), potrà vedere la luce prima del previsto: l'orizzonte temporale è il 2026, con inizio lavori nel 2022. Opera importantissima per la mobilità, che include anche la realizzazione del nuovo deposito-officina dei treni sia per i mezzi della Ferrovia Circumetnea che per i treni della metropolitana (ad oggi costretti a ricorrere a strutture delle Ferrovie dello Stato). A vigilare sul rispetto della tempistica, così come per tutte le opere del Pnrr, sarà un apposito commissario statale. Per lo stesso anno, 2026, si prevede sia completata anche l'estensione dall'altro capo della linea, cioè la tratta Stesicoro-Aeroporto (su quest'ultima è attualmente pendente un ricorso in merito alla recente aggiudicazione, con sentenza fissata per il prossimo 13 maggio). Tra poco più di cinque anni, dunque (e salvo imprevisti, come sempre), la metropolitana di Catania quadruplicherà la propria estensione, passando dai 7 km attuali in esercizio (sarebbero 8,8 con la diramazione Galatea-Porto, chiusa al pubblico) a ben oltre 30 km, tutti a doppio binario. La nuova tratta Misterbianco-Paternò, in particolare, disporrà di cinque nuove stazioni: Gullotta, Belpasso (Piano Tavola), Valcorrente (centro commerciale Etnapolis), Giaconia e Ardizzone, su una lunghezza di 11,5 km (oltre il 50% in galleria), a cui si aggiungerà il People Mover di Paternò che collegherà il centro della città con la stazione metropolitana in periferia, Ardizzone, su una lunghezza di 1,2 km. Ecco le cinque nuove fermate previste: GULLOTTA La fermata Gullotta si troverà nel territorio di Misterbianco, nei pressi dell’Auditorium Nelson Mandela. Insieme a questa fermata dovrebbe essere realizzato un nuovo svincolo nella statale 121 che metterà in comunicazione diretta sia la fermata della metropolitana che la zona di espansione ovest di Misterbianco detta “Toscano”.  BELPASSO  La stazione di Belpasso si troverà nel territorio di Belpasso, nella frazione di Piano Tavola, in corrispondenza dell'attuale fermata della Ferrovia Circumetnea. VALCORRENTE La fermata di Valcorrente si troverà nel territorio di Belpasso e sarà in superficie, proprio a fianco del centro commerciale Etnapolis.  GIACONIA La fermata di Giaconia si troverà nel territorio di Belpasso, all’interno di una galleria artificiale. Sarà localizzata nei pressi della frazione omonima in territorio di Belpasso, seppur più vicina alla città di Paternò. ARDIZZONE La stazione Ardizzone si troverà nel comune di Paternò, nei pressi dell’attuale stazione della Fce e sarà il futuro capolinea della metropolitana, con annesso deposito e officina. Un people mover in galleria (1197 m) la collegherà con Piazza della Regione, nel centro di Paternò.  Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania In arrivo i nuovi treni della metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2021

Catania, tratta della metropolitana Misterbianco-Paternò inserita nel Pnrr

di Andrea Tartaglia

Un'ottima notizia per la mobilità sostenibile nell'area metropolitana catanese. La realizzazione della tratta della metropolitana Misterbianco-Paternò, infatti, è stata inclusa nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Si tratta di un segmento fondamentale della linea metropolitana cittadina perché a Paternò sorgerà, contestualmente, il deposito dei treni della metropolitana e dei treni di superficie della Ferrovia Circumetnea, permettendo così anche di liberare la corrispondente tratta in superficie nonché di completare tutta la rete di metropolitana a doppio binario attualmente prevista a servizio del capoluogo etneo, visto che gli altri segmenti, Monte Po-Misterbianco e Stesicoro-Aeroporto sono già stati finanziati e per quest'ultima tratta l'avvio dei lavori è previsto tra fine anno e inizio 2022. L'inserimento nel piano della realizzazione della tratta in questione, inoltre, significa abbattere notevolmente i tempi di realizzazione dell'opera, a cominciare dal reperimento di tutti i fondi necessari, in questo modo già coperti. A darne notizia, con toni trionfalistici, è stato il deputato parlamentare Luciano Cantone, eletto nella circoscrizione Sicilia 2. Domani, alle 10:30, il sottosegretario di Stato al Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, Giancarlo Cancelleri, viaggerà in metropolitana dalla stazione di Nesima sino alla fermata di Giovanni XXIII, dove si terrà un incontro con la stampa per illustrare i dettagli. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Passante Ferroviario di Catania  

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti