Articolo
10 ott 2018

FOTO | Misterbianco, così sarà uno degli accessi alla stazione metro del centro

di Andrea Tartaglia

Il Comune di Misterbianco ha svelato oggi il progetto del nuovo spazio pubblico che sorgerà in corrispondenza di uno degli accessi della futura stazione metropolitana "Misterbianco Centro". Una piazza "mimetizzata" inserita nel tessuto preesistente, di cui saranno mantenuti alcuni elementi. La tratta Monte Po-Misterbianco Centro della metropolitana, attualmente in fase di appalto da parte della Ferrovia Circumetnea, vedrà la realizzazione di ben due stazioni nel comune pedemontano: Misterbianco Zona Industriale e Misterbianco Centro. Quest'ultima è destinata a cambiare le abitudini di molti misterbianchesi, giacché darà la possibilità di collegarsi con il vicino capoluogo dal pieno centro cittadino con il mezzo di trasporto pubblico tradizionale più efficiente e veloce per antonomasia: la metropolitana, appunto. Ecco il comunicato stampa dell'amministrazione civica: «Una piazza non piazza», così ha definito l’Arch. Antonio Iraci l'opera che sorgerà tra le vie Matteotti e Cairoli, nel centro storico del Comune dove sboccherà una delle uscite della metropolitana della stazione “Misterbianco centro”. Il progetto, che coniuga ciò che resterà dell’esistente con quello che nascerà, redatto dall’ufficio tecnico del comune, ha trovato nell’Arch. Antonio Iraci lo spunto per la realizzazione di soluzioni che salvaguardano l’architettura edilizia di fine Ottocento conservando la parete nord al confine con via Cairoli e gli antichi accessi con le scale che serviranno per accedere alla seconda piazza, che potrà essere raggiunta anche da via Matteotti attraverso un camminamento che potrà essere utilizzato dai disabili. Le due piazze, una sopra l’altra, saranno coperte da delle vele realizzate con profilati in acciaio ricoperte da coppi in cotto che faranno passare la luce e l’aria e non impediranno la vista dell’esterno. «Mi rendo partecipe di qualcosa nel mio comune – ha detto l’arch. Antonio Iraci - che riguarda tutta la comunità dove sono nato e cresciuto accettando l’invito che il sindaco mi ha voluto rivolgere per essere utile alla mia comunità.» Un progetto innovativo le cui soluzioni proposte dall’arch. Iraci permetteranno nel contempo di avere del verde, ospitare l’edicola esistente e nel contempo dotare i luoghi di sedili ricoperti anche essi di coppi di cotto, così come le coperture dei tetti che circonderanno la piazza, che dal 2022 su  via Matteotti ospiterà una delle quattro uscite della metropolitana. «Grazie alle innovazioni apportate dall’Arch. Iraci – ha dichiarato il Sindaco Antonino Di Guardo – avremo una soluzione ottimale per non invadere la carreggiata e godere di uno spazio pubblico che sarà utilizzato migliaia di volte al giorno. Una soluzione che l’arch. Iraci ha voluto donare alla sua città e per la quale gli siamo grati.» L’opera, nei prossimi giorni, sarà posta all’ordine del giorno del Consiglio comunale per l’approvazione della variante al Prg. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania: storia e sviluppi futuri Metropolitana di Catania fino a Misterbianco in tre anni: pubblicata la delibera per il prolungamento Metropolitana di Catania, finanziamenti del Cipe per la tratta Monte Po-Misterbianco Centro Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Metropolitana fino a Misterbianco centro, pubblicato il bando per i lavori: obiettivo 2023

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 dic 2017

Capodanno in piazza a Catania: iniziative, divieti, viabilità e metropolitana

di Mobilita Catania

"Intrecci, figurazioni in musica per Vincenzo Bellini" è il titolo della performance artistica, organizzata dall'Amministrazione comunale, con la direzione artistica di Valerio Festi e la regia di Monica Maimone, che accompagnerà piacevolmente la Città nel passaggio verso l'anno nuovo, il 2018. Le disposizioni del traffico, la sicurezza, la metropolitana. L'inizio dell'evento è previsto per le 22.30 in piazza Università e in un secondo momento si sposterà in piazza Duomo. La manifestazione definita dal suo stesso organizzatore, notte-spettacolo, proietta Catania tra le grandi capitali europee puntando sulla figura e le musiche del cigno catanese tra oniriche macchine volanti, coreografie verticali di acrobati e ballerini, maschere e videomapping e djset finale. A piedi e in metropolitana È consigliabile che il pubblico arrivi per tempo, usufruendo anche del trasporto in Metropolitana che sarà aperta anche per il rientro, fino alle due del mattino. Gli automobilisti che arrivano dalla parte nord della città e che transitano da viale Mediterraneo e via Vincenzo Giuffrida possono utilizzare il parcheggio di viale Raffello Sanzio e prendere la metropolitana; la stazione più vicina all'area di sosta “Sanzio” è la stazione Giuffrida che dista solo 4 minuti di strada a piedi dal parcheggio; in alternativa vi consigliamo di lasciare l'auto nei pressi delle altre stazioni della metropolitana e giungere fino in centro alla stazione Stesicoro, nei pressi dell'omonima piazza e a pochi minuti dalle piazze Università e Duomo. La zona sarà transennata e controllata dalle forze dell'ordine, per garantire ordine, sicurezza e tranquillità per tutti. Il pubblico potrà accedere all'area della manifestazione da entrambe le piazze ma soltanto da alcuni accessi dove sarà attivo un filtraggio del pubblico. In piazza Università si entrerà da tre strade: via Etnea, via Santa Maria del Rosario (a fianco di palazzo Sangiuliano), via Roccaforte (a fianco della sede principale dell'Università). Chi volesse invece accedere da piazza Duomo potrà farlo via Vittorio Emanuele II e dalla Porta Uzeda. Anche questi varchi saranno presidiati. Alla fine dello spettacolo il deflusso è prevista dai seguenti punti: da piazza Università si uscirà da via La Piana (a fianco la sede principale dell'Università) e da via Euplio Reina (a fianco di palazzo San Giuliano). Da piazza Duomo il deflusso avverrà dalle vie: Erasmo Merletta (a fianco di Palazzo degli Elefanti), via Garibaldi e via Vittorio EmanuelII e dal lato della Cattedrale, verso il mare. Nell'area saranno fruibili bagni chimici anche per disabili, e precisamente nelle vie: Roccaforte, Erasmo Merletta e Porta Uzeda. Le disposizioni del traffico Per consentire lo svolgimento in sicurezza della festa di fine anno nelle piazze Duomo e Università, sono stati disposti alcuni provvedimenti temporanei di circolazione. In particolare, è stato istituito il divieto di transito per tutti i veicoli, ad eccezione di quelli autorizzati, dalle ore 20 alle ore 24 di sabato 30 dicembre e dalle ore 14 di domenica 31 dicembre sino alle ore 9 di lunedì 1 gennaio, e comunque sino a cessate esigenze, nei seguenti tratti viari: via Etnea (tratto compreso tra via Antonino di Sangiuliano e piazza Duomo); via Garibaldi (tratto compreso tra piazza Duomo e piazza Mazzini); via Vittorio Emanuele II (tratto compreso tra piazza San Francesco d'Assisi e piazza San Placido); piazza Università; piazza Duomo; Porta Uzeda; via Biscari; via Vasta; via Mancini; via Collegiata; via Fragalà; via La Piana; via Euplio Reina; via Roccaforte; via S. M. Del Rosario; via Raddusa; via Merletta. Negli stessi tratti viari, su entrambi i lati, è istituito inoltre il divieto di sosta con rimozione coatta per tutti i veicoli, eccetto che per quelli autorizzati. La Prefettura di Catania, in sede di riunione del Comitato provinciale dell'Ordine e della Sicurezza Pubblica per prevenire eventuali situazioni pregiudizievoli per l'ordine e la sicurezza pubblica in relazione all'alto numero di presenze previste, ha disposto il divieto di ingresso e transito ai veicoli pesanti di massa superiore alle 3.5 tonnellate dalle ore 18 del 31 dicembre alle 7 del 1 gennaio 2018. L'area urbana sulla quale vige la disposizione comprende il perimetro tra piazza Europa, Corso Italia, viale XX Settembre, viale Regina Margherita, viale Mario Rapisardi, piazza Eroi d'Ungheria, via Palermo, piazza Palestro, via Acquicella, via della Concordia e via SS. Maria Assunta. Ordinanze di divieto vetro, superalcolici e botti Il sindaco ha emesso un'ordinanza che vieta la vendita e la somministrazione di bevande in vetro (viene previsto l'uso di bicchieri monouso in plastica) e i superalcolici di gradazione superiore ai 21 gradi. I divieti saranno in vigore in piazza Duomo, piazza Università e nelle vie limitrofe e fino ad un raggio di 200 metri, a partire dalle ore 14 del 31 dicembre e fino alle ore 6 dell'1 gennaio 2018. I gestori degli esercizi commerciali che contravverranno impegnati il le disposizioni saranno sanzionati in base a quanto previsto dalla normativa. Una ulteriore ordinanza vieta i botti e i giochi pirotecnici in genere per tutto il periodo delle feste e cioè dal 30 dicembre 2017 alle ore 12 del 7 gennaio 2018. In caso di violazione, sono previste sanzioni amministrative - pecuniarie a partire dall'importo di 100 euro fino a 500 euro a cui si aggiungono quelle relative ad ulteriori, eventuali illeciti. Entrambi i provvedimenti nascono a tutela della sicurezza e dell'incolumità di chi parteciperà alle iniziative di intrattenimento e anche per l'ordine pubblico su cui saranno Corpo dei Vigili urbani e le altre Forze dell'Ordine. L'Amministrazione comunale naturalmente fa appello al senso di responsabilità individuale ed alla sensibilità collettiva, affinché ciascuno sia pienamente consapevole delle conseguenze che potrebbero derivare dai propri comportamenti, soprattutto nelle aree dove sono programmate le iniziative che richiameranno notevole afflusso di pubblico, di ogni età, per festeggiare il Capodanno a Catania. Un comportamento consapevole assicurerà a tutti una serata piacevole e senza brutte sorprese.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 dic 2017

VIDEO | Piazza Sciuti, un nuovo spazio pubblico riqualificato tra via Etnea e piazza Carlo Alberto

di Amedeo Paladino

Oggi è stata consegnato alla città il nuovo spazio riqualificato di piazza Giuseppe Sciuti; alla cerimonia erano presenti tra gli altri l'assessore ai Lavori Pubblici Michele Giorgianni e il progettista Ugo Mirone. L'intervento è costato complessivamente un milione e 237.000 euro e si collega alla riqualificazione dei due tratti di via Pacini realizzata dalla fine di ottobre alla scorsa settimana. Già alla fine del mese di aprile era stato consegnata la piazzetta di via Gemmellaro, primo step della riqualificazione dell'area. Laddove fino all'anno scorso c'era un'area di sosta, ora i cittadini possono godere di un nuovo spazio pubblico: ecco il video della nuova piazza. Lo spazio pubblico è un luogo fisico in cui la fruizione è collettiva: è lo spazio della comunità e delle relazioni sociali. Gli interventi di riqualificazione degli spazi pubblici determinano un beneficio alla collettività, migliorando la qualità della vita; i vantaggi sono anche economici se vengono inquadrati in un processo virtuoso che determina la nascita nuove attività commerciali e artigianali.    

Leggi tutto    Commenti 1