Articolo
28 set 2015

FOTO | Metropolitana, riprendono i lavori della stazione Cibali

di Luigi Sciarrone

Avanzano i lavori presso la stazione Cibali, nella tratta Borgo-Nesima della metropolitana di Catania. Nella stazione si è ripreso a lavorare da settembre, dopo parecchi mesi di stop, e si possono apprezzare diversi progressi: prende forma, infatti, il nuovo tunnel di accesso tra il mezzanino e il piano banchina, che sarà provvisto, come da progetto (foto 7), di scale fisse e mobili. Inoltre si può notare la presenza di una ruspa sullo sfondo e di abbondante materiale da costruzione. La stazione appare essere la più arretrata fra tutte quelle della tratta in realizzazione Borgo-Nesima: mancano ancora molte opere edili da portare a termine- completamento e copertura del mezzanino, ingressi, ascensori- e solo dopo l'ultimazione di queste si potrà passare agli impianti. Da cronoprogramma l'apertura al pubblico è prevista per l'estate del 2016.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 set 2015

Stazione FS Cannizzaro, a dicembre l’apertura: passo avanti per il passante ferroviario

di Andrea Tartaglia

I cittadini dell'area metropolitana catanese e, in particolare, i pendolari, avranno un gradito regalo, quest'anno, sotto l'albero. Dal prossimo dicembre, infatti, sarà aperta la stazione ferroviaria di Cannizzaro, frazione di Aci Castello, ossia la prima stazione che si incontra in direzione Messina non appena lasciato il territorio comunale di Catania. L'annuncio è stato dato nei giorni scorsi dal primo cittadino castellese, Drago, riunitosi, assieme ai componenti della IV Commissione consiliare "Mobilità e trasporti", con il direttore regionale di Trenitalia S.p.A. Maurizio Mancarella. Nel corso dell'incontro è stato confermato che a dicembre riaprirà la stazione ferroviaria di Cannizzaro per il trasporto dei passeggeri nella tratta Messina-Bicocca. Grazie all'impegno del Governo regionale e della stessa Trenitalia, dunque, nell'ambito del nuovo contratto di servizio, nel terminal cannizzaroto si fermeranno i treni veloci e i treni frequenti, con servizi che saranno assicurati quotidianamente fino alle ore 23.   Il sindaco ha inoltre dichiarato di aver contattato il direttore regionale dell'Azienda Siciliana Trasporti e il direttore dell'Azienda Metropolitana Trasporti di Catania per concordare una serie di azioni utili al fine di potenziare e rendere maggiormente efficiente l'intermodalità tra i trasporti ferroviari e quelli su gomma, a partire dallo snodo di Cannizzaro, allo scopo di promuovere una maggiore mobilità sostenibile all'interno della città metropolitana di Catania. L'assessore regionale ai Trasporti Pizzo, a margine, si è detto soddisfatto ritenendo, ormai, il trasporto su ferro uno strumento di mobilità urbana e suburbana che va potenziato, realizzando per la città metropolitana di Catania una vera e propria metroferrovia. Lo sviluppo del trasporto su rotaia nell'ambito della cintura etnea, nelle parole dell'assessore, contribuirà sempre di più a far diventare Catania una vera città metropolitana. Un piccolo ma significativo passo avanti verso il pieno impiego del passante ferroviario.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
25 set 2015

Piazza San Francesco pedonale, protocollate le firme dei cittadini

di Alessio Marchetti

Ieri, presso il  palazzo degli Elefanti, è stata protocollata la petizione per chiedere la pedonalizzazione di Piazza San Francesco d'Assisi, uno degli ingressi a via Crociferi, patrimonio Unesco. La piazza è attualmente utilizzata come parcheggio gestito da abusivi e purtroppo anche via Crociferi, già area pedonale, è spesso invasa da auto in sosta e in transito. I promotori della petizione sono Davide e Luca D'amico, gestori della nota pagina Facebook CATANIA. Tra le motivazioni che li hanno spinti a promuovere la mobilitazione dei cittadini c'è la posizione di piazza San Francesco d'Assisi: un'area dall'enorme valore storico, artistico e culturale fulcro di molti monumenti di Catania, per citarne qualcuno: la casa di Bellini, il museo Emilio Greco, la chiesa di san Francesco D'Assisi all'Imaccolata, il teatro greco-romano, l'Odèon, il museo dell'Erboristeria, la casa di Verga, Via Crociferi (con le varie chiese San Benedetto, San Francesco Borgia, San Giuliano, San Camillo De Lellis, collegio dei Gesuiti, convento padri Crociferi), Villa Cerami, Palazzo Francica Nava-Asmundo, piazza Duomo. Inoltre i promotori vorrebbero riportare a casa la stipe votiva di piazza San Francesco oggi in buona parte custodita nei musei di Siracusa, Gela e forse anche a Palermo e Messina. Le firme raccolte sono state ben 500 tramite il sito Change.Org: ci auguriamo che il Comune di Catania accolga in tempi brevi la petizione e installi appositi paletti dissuasori per limitare il transito. Ecco qualche foto insieme a loro prima della consegna:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 set 2015

Aeroporto Fontanarossa, il parcheggio P2 destinato alla sosta breve: ecco le tariffe

di Amedeo Paladino

Dal 20 aprile 2017 è entrato in vigore il nuovo piano tariffario e la nuova destinazione delle aree parcheggio nei pressi dello scalo: vi consigliamo di consultare l'articolo più recente a questo link. È stata comunicata dalla SAC (Società Aeroporto Catania) la nuova destinazione del parcheggio P2 in prossimità dell'aerostazione Vincenzo Bellini di Catania-Fontanarossa. Il parcheggio P2 diventa area di sosta breve: le tariffe applicate sono quindi  le medesime del Parcheggio P1. La nuova destinazione del P2 anticipa il completamento dei lavori di ampliamento del parcheggio P4, che garantirà 2800 posti auto suddivisi in più piani. [FOTO | Aeroporto Fontanarossa, in fase avanzata il nuovo parcheggio] Ecco le caratteristiche del Parcheggio P2: • posti auto: 205 • distanza dalla aerostazione: 40 metri • la prima frazione di tempo di sosta (15 minuti) è gratis •4 posti auto gratuiti per disabili

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 set 2015

Raccolta differenziata porta a porta, da ottobre anche nel centro storico

di Andrea Tartaglia

Dopo gli incoraggianti risultati ottenuti in sede sperimentale nel quartiere di Santa Maria Goretti, a Catania, dove la percentuale di raccolta di rifiuti differenziati si è attestata intorno al 56%, ossia a livelli che potremmo definire europei, la raccolta differenziata porta a porta si appresta a sbarcare anche nel centro storico di Catania, dove coinvolgerà ben 45000 abitanti. La gara d'appalto per la fornitura dei kit della differenziata è stata già aggiudicata in via provvisoria e sarà definitiva il 30 settembre. Dunque ci vorrà il tempo materiale consegnare il materiale alle famiglie interessate, circa 17000, e il nuovo servizio potrà partire tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre. Una svolta per il centro storico che, così, dovrebbe finalmente vedere sparire i cassonetti. Il passo successivo, nelle intenzioni dell'amministrazione cittadina, sarà estendere la raccolta differenziata porta a porta a tutto il territorio comunale, attraverso una nuova gara d'appalto prevista per marzo 2016.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 set 2015

Anas, viadotto Himera: lavori proseguono secondo cronoprogramma

di Roberto Lentini

Pubblichiamo il comunicato stampa dell'Anas in merito allo stato dei lavori della bretella sull'autostrada A19.   Proseguono, secondo il cronoprogramma degli interventi, i lavori di realizzazione della nuova bretella per bypassare l`interruzione del Viadotto Himera sull`autostrada A19 `Palermo Catania`, in corso di realizzazione da parte di Anas, quale soggetto attuatore del Commissario delegato dalla Protezione Civile, ingegner Marco Guardabassi. Dopo il completamento delle operazioni preliminari che hanno riguardato la dismissione delle linee di alimentazione dei pali di illuminazione e l`esecuzione delle opere preliminari a protezione della nuova bretella, procedono le attività del cantiere con l`istallazione, tramite trivellazione, di pali di grosso diametro a profondità variabile a sostegno del rilevato. Sono stati completati i lavori di fresatura degli impalcatati tra la pila 16 e la pila 21 ed è in corso la costruzione della piazzola in corrispondenza della pila 20, preparazione in officina dei castelletti provvisori per la demolizione dell`impalcato sulla verticale della SP 24. Nelle scorse settimane erano già state completate le operazioni di smontaggio delle barriere di sicurezza ed erano stati avviati i lavori di demolizione della sovrastruttura stradale e dei cordoli del viadotto della strada provinciale 24. Sono in esecuzione tutte le lavorazioni per l`adeguamento della strada provinciale 24 e la rampa riguardanti: adeguamento sede, bonifica, fondazione stradale, opere laterali di contenimento, adeguamento degli attraversamenti idraulici e dei ponticelli, realizzazione opere di margine (arginelli, zanelle, fossi di raccolta delle acque), adeguamento del ponte sul fiume Himera, realizzazione del cassonetto e della bonifica stradale, realizzazione delle paratie di pali a protezione della rampa, scavo dei pozzi di fondazione della spalla di approccio al viadotto, demolizione dei cordoli e barriere del viadotto autostradale.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 set 2015

Rifiuti a Catania, l’incertezza continua

di Danilo Pulvirenti

Accogliamo l'articolo di Danilo Pulvirenti, Presidente dell'Associazione Rifiuti Zero Sicilia, in merito alla situazione emergenziale conseguente allo sciopero dei lavoratori Oikos a un bando del Comune inspiegabilmente revocato. In questi giorni la città di Catania è sommersa di rifiuti a causa del ritardo del pagamento degli stipendi dei lavoratori della ATI IPI-OIKOS che non riceve i soldi dal Comune stesso. Leggiamo dalla stampa che si chiede senso di responsabilità ai lavoratori mentre i Commissari straordinari nominati dal Prefetto percepiscono stipendi da capogiro per gestire un’azienda che si è vista ritirare il certificato antimafia, la stessa che gestisce la discussa discarica di Motta Sant’Anastasia. Nel frattempo succede l’inverosimile. Il 18 Agosto l’ufficio ecologia pubblica un bando avente per oggetto: “ATTIVITA’ DI ANIMAZIONE TERRITORIALE PER L’AVVIO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA IN PARTE DEL TERRITORIO COMUNALE” con scadenza il 7 settembre. Il bando ricerca associazioni Onlus e di volontariato esperte nel settore della comunicazione ambientale per svolgere un’attività di consegna kit, formazione ed informazione al cittadino nella zona in cui dovrebbe partire il porta a porta. Eravamo piacevolmente stupiti del bando perché finalmente potevamo partecipare concretamente [Associazione Rifiuti Zero Sicilia n.d.r], ritenendo di avere i requisiti, ad un progetto da svolgere anche in una grande città come quella di Catania. Abbiamo svolto già diversi incarichi importanti per diversi comuni siciliani e giudicavamo il bando, sia nella forma che nella sostanza, un piccolo passo verso il tanto agognato free iphone 5 spy app porta a porta. I requisiti di partecipazione allo stesso, inoltre, portavano a sperare che venisse premiato il merito. Per questo, dopo una serie di riunioni interne all’associazione, abbiamo deciso di partecipare. Con molto stupore, controllando il sito internet del comune, abbiamo constatato che il bando è stato revocato subito dopo la data ultima della consegna e dopo che sono state presentate le candidature delle associazioni. Nessuna spiegazione ufficiale ad oggi arriva da parte del Comune. qui il link al sito del comune Non capiamo cosa possa essere app to spy on girlfriends iphone successo. Riteniamo che questa incertezza continua noccia gravemente alla salute di un servizio di gestione dei rifiuti in continua agonia per colpa di ormai sempre più evidenti interessi economici malati radicati in città. Tutto questo conferma, purtroppo, la cattiva gestione di un settore strategico della vita quotidiana di una città che, ricordiamo, è costata ai contribuenti già 300 milioni di euro in 5 anni. Chiediamo, pertanto, spiegazioni pubbliche su questa improvvisa marcia indietro da parte del Comune perché riteniamo che un bando pubblico non possa essere revocato con queste modalità nella seconda città più grande della Sicilia. Non lo accettiamo e per questo attendiamo le risposte della Pubblica Amministrazione per capire quali siano i motivi di una revoca dopo che la stessa pubblica amministrazione ha pubblicato il bando.

Leggi tutto    Commenti 0