Articolo
01 gen 2021

Rifiuti, apre l’isola ecologica di via Generale Ameglio

di Mobilita Catania

Finalmente attiva l'isola ecologica di via Generale Ameglio, un’area all'interno della quale i cittadini potranno quotidianamente conferire i propri rifiuti. Non si tratta, tuttavia, di un'isola ecologica attrezzata come quelle di Picanello e di San Giovanni Galermo, ma di un punto di riaccolta. Sarà aperto ai cittadini dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.30. Al suo interno sono posizionati tre contenitori scarrabili, ciascuno per le tipologie di rifiuti che qui è possibile conferire: sfalci di potatura (erba da giardino, piccole potature di siepi, rami secchi, residui vegetali da pulizia dell'orto e fiori recisi), rifiuti ingombranti voluminosi (come divani, poltrone, materassi, etc.) e piccoli scarti edili dovuti a costruzione o demolizione. Solo nelle giornate di martedì e giovedì sarà possibile conferire anche carta, plastica e vetro. Il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore all’ecologia Fabio Cantarella, con l’amministratore di Dusty Rossella Pezzino de Geronimo, hanno presenziato all'attivazione dell'eco punto mobile, nella zona di viale Mario Rapisardi alto, che si aggiunge ai siti di viale Tirreno (San Giovanni Galermo) e via Maria Gianni (Picanello). Il nuovo punto di conferimento rientra nell’ambito di una transazione sottoscritta tra il Comune di Catania e la Dusty che attribuisce all’azienda della raccolta rifiuti il compito di realizzare quattro Eco punti mobili. “Mentre prima le isole ecologiche si inauguravano per essere abbandonate al loro destino - ha detto il sindaco Salvo Pogliese – adesso le apriamo già funzionanti, pronte per accogliere i rifiuti dei cittadini con le stesse modalità di quelle fisse. Abbiamo applicato costose penali per carenza nell’esecuzione del capitolato e grazie a una transazione economica, a Catania ci ritroveremo prestissimo con altri tre punti di ritiro dei rifiuti. Ringrazio per questo risultato l’assessore Fabio Cantarella e il funzionario comunale Salvo Fiscella della direzione Ecologia che hanno lavorato d’intesa con tutta l’amministrazione per raggiungere un obiettivo importante nell’interesse dei cittadini di Catania che è quello di aumentare i livelli di raccolta differenziata”. Particolarmente soddisfatto per l’obiettivo raggiunto l’assessore all’ecologia Fabio Cantarella: “Il sito di via Generale Ameglio era diventato una discarica abusiva, proprio il contrario del motivo per cui era stato realizzato - ha commentato Cantarella -. Entro fine gennaio, in sinergia con la Dusty, in virtù di un accordo raggiunto con la dirigenza comunale, di punti eco mobili ne apriremo altre tre: una in via Ala, l'altra all'ex mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena e, infine, una in via Santa Maria della Catena e saranno tutte dotate di personale presente. Tutto ciò, nell'attesa che si concluda l'importante iter regionale per il finanziamento di ulteriori quattro centri di raccolta comunale che nelle prossime settimane speriamo ci veda premiati per realizzare i nostri progetti esecutivi che abbiamo presentato al bando di cui come Amministrazione Comunale abbiamo già superato il primo step”. "Abbiamo convenuto con l'Amministrazione Comunale di Catania – ha affermato in una nota l’amministratore Dusty Rossella Pezzino de Geronimo – che occorrono azioni ulteriori per aiutare i cittadini virtuosi nella raccolta differenziata, soprattutto nel corretto smaltimento di quei rifiuti che maggiormente vengono abbandonati sulle strade, come gli ingombranti, gli inerti e gli sfalci di potatura. L'apertura del punto di ritiro mobile di via Ameglio, a cui seguirà quella di altri tre eco punti in diversi quartieri della città, ha proprio questa finalità. Un obiettivo che si traduce anche nel contrasto alle micro discariche che proliferano nelle vie cittadine ad opera di <<ladri di bellezza>>. Da un lato agevoliamo quindi gli utenti che contribuiscono con impegno e consapevolezza a mantenere il decoro della città; dall'altro incrementeremo nei prossimi mesi il controllo contro i gesti di inciviltà, grazie al supporto dei vigili urbani, alle telecamere di videosorveglianza e ad altre attività su cui stiamo lavorando in sinergia con il Comune".  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2020

La solidarietà a Natale viaggia in bus: Amas ed AMT consegnano doni ai bambini degenti degli ospedali catanesi

di Mobilita Catania

Il tour del bus storico di Amas (Associazione Mediterranea Autobus Storici) e dell'Autobooks del Comune di Catania si è concluso stamattina, simbolicamente proprio alla vigilia di Natale, con la consegna di libri e giocattoli, donati dalle aziende partecipate del Comune di Catania e dai cittadini, ai bambini degenti nei reparti di pediatria degli ospedali Cannizzaro, Garibaldi Nesima e Policlinico San Marco. Gli ideatori dell'iniziativa, l'avvocato Giuseppe Nicotra, presidente di Amas, e la consigliera C.d.A. di A.M.T. Catania S.p.A, la dott.ssa Agata Parisi,  hanno ringraziato i volontari della Fondazione Misericordia di Catania per il supporto nella realizzazione dell'evento, nonché le direzioni sanitarie ed i primari dei reparti di pediatria per aver accolto con favore i doni. L'evento s'inserisce nell'ambito di un più ampio progetto culturale, solidale e sociale proposto da Amas e sposato da AMT Catania, nonché da altre aziende di trasporto pubblico locale di altre province siciliane, volto alla conservazione ed al restauro dei vecchi autobus che hanno fatto la storia del trasporto pubblico e che oggi possono vivere una seconda vita attraverso iniziative di grande valenza sociale e culturale. Un ulteriore impulso sarà possibile con una sempre crescente adesione e collaborazione delle istituzioni regionali e locali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 dic 2020

Fermata ferroviaria Fontanarossa quasi pronta, ma gli utenti dovranno aspettare la strada di collegamento

di Amedeo Paladino

Si è svolto stamattina un sopralluogo presso la nuova fermata ferroviaria nei pressi dell'aeroporto di Catania alla presenza del Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, dell'assessore regionale alle infrastrutture e mobilità, Marco Falcone, e del sindaco di Catania, Salvo Pogliese. Per la prima volta i treni faranno tappa all’Aeroporto di Catania - ha dichiarato Marco Falcone - siamo davvero felici per aver avviato questa svolta storica: quando la pandemia finirà e ripartiranno i trasporti, in Sicilia orientale saremo pronti con un sistema treno-aereo più moderno ed europeo. Il sindaco Pogliese ha sottolineato come "la fermata ferroviaria di Fontanarossa ormai pressoché pronta, risolva, seppure provvisoriamente, il problema dell’interscambio tra la ferrovia e lo scalo aeroportuale, in attesa della più complessa soluzione definitiva che coinvolge il nodo ferroviario di Catania e il completamento della metropolitana, progetto di cui abbiamo intercettato il finanziamento comunitario, a completamento di un piano di infrastrutture che pone Catania come metropoli del Mediterraneo". La fermata ferroviaria sarà al servizio degli utenti entro febbraio 2021 quando dovrebbe essere pronta la viabilità di collegamento con i terminal dell’aeroporto, come ha confermato la stessa SAC, società di gestione dello scalo etneo, che sta realizzando la nuova strada in accordo con Rete ferroviaria italiana, Regione Siciliana e Comune di Catania. La nuova arteria collegherà la rotonda dalla quale oggi accede il personale del Nucleo Aeromobili Guardia Costiera, in via Fontanarossa, alla nuova stazione dei treni ormai in fase di completamento. Un’operazione resa possibile grazie alla cessione del demanio da parte del Ministero della Difesa al Ministero dei Trasporti che, tramite Enac, lo ha dato in concessione a SAC. Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania Aeroporto di Catania Fontanarossa Nodo intermodale di Fontanarossa: non solo aeroporto, è la città di Catania ad averne bisogno Fermata ferroviaria aeroporto Fontanarossa, aggiudicati lavori per il collegamento stradale Metropolitana di Catania  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 dic 2020

Rifiuti, via libera alla gara d’appalto settennale per il “porta a porta” a Catania

di Mobilita Catania

Il Consiglio Comunale, presieduto da Giuseppe Castiglione, nella seduta di ieri sera, con 17 voti favorevoli, 9 astenuti e nessun voto contrario, ha approvato la delibera sull'affidamento, con durata settennale, tramite il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati, compresi quelli assimilati, e altri servizi di igiene pubblica, per un ammontare di 353 milioni di euro. Secondo l’impostazione del bando, l’Area di raccolta ottimale  della Città di Catania viene suddivisa in tre macro lotti: zona Nord, zona Centro, zona Sud, recependo le sollecitazione dell’Anac (Autorità Nazionale Anticorruzione) di suddividere l’assegnazione dell’appalto in più parti anziché in un unico lotto. Con questo pronunciamento del consiglio comunale, si potrà procedere alla pubblicazione della nuova gara settennale che rivoluzionerà la raccolta dei rifiuti introducendo il sistema del porta a porta in tutto il territorio cittadino superando quello basato sui cassonetti, che nella prassi ha rappresentato un  incentivo all'abbandono illecito dei rifiuti indifferenziati non solo dei catanesi ma anche da parte di chi risiede nei numerosi comuni limitrofi, facendo lievitare il costo della raccolta e di conseguenza della Tari. In aula la delibera sul nuovo sistema di raccolta dei rifiuti, approntata dai tecnici della Società per la regolamentazione della Raccolta Rifiuti(Srr) dopo un lungo approfondimento seguito alla gara settennale andata deserta dello scorso febbraio,  è stata illustrata dall’assessore all’ecologia Fabio Cantarella. In tempi brevissimi la SRR trasmetterà gli atti di gara all’Urega per la pubblicazione del bando di evidenza pubblica di livello europeo.  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
25 nov 2020

Fermata ferroviaria Fontanarossa, a febbraio la nuova viabilità di collegamento con l’aeroporto

di Amedeo Paladino

"Entro febbraio 2021 sarà pronta la viabilità di collegamento tra la nuova fermata ferroviaria e la viabilità di accesso ai terminal dell’aeroporto": ad aggiornare sullo stato dei lavori è la stessa SAC, società di gestione dello scalo etneo, che sta realizzando la nuova strada in accordo con Rete ferroviaria italiana, Regione Siciliana e Comune di Catania. La notizia segue l'annuncio dell'approssimarsi del termine dei lavori della nuova fermata del passante ferroviario urbano di Catania al servizio dell'aeroporto di Catania, come riportato da Mobilita Catania il 13 novembre scorso. La nuova arteria collegherà la rotonda dalla quale oggi accede la Guardia Costiera, alla stazione dei treni ormai in fase di completamento. Un’operazione resa possibile grazie alla cessione del demanio da parte del Ministero della Difesa al Ministero dei Trasporti che, tramite Enac, lo ha dato in concessione a SAC. Nel dettaglio, la ditta che si è aggiudicata l'appalto, dopo aver effettuato la necessaria bonifica antibomba, sta procedendo a riqualificare il primo tratto di strada per poi realizzarne uno ex novo, fino al piazzale antistante la nuova stazione dei treni che sarà anch’esso riqualificato. SAC si occuperà anche dell’impianto di illuminazione stradale e della via di accesso alla zona militare. L’importo per la realizzazione dell’arteria, che sarà ultimata entro il mese di febbraio 2021, è di un milione e 400 mila euro. Nel progetto di SAC è inserita anche l’ampliamento e la riqualificazione della rotonda di accesso, area però di competenza comunale. "Siamo molto soddisfatti che si stia finalmente completando questa importante opera: – commentano il presidente e l'amministratore delegato di SAC, Sandro Gambuzza e Nico Torrisi - Si tratta di un passo significativo, in attesa della realizzazione della fermata al parcheggio Fontanarossa che, grazie al collegamento con FCE, porterà la metropolitana in aerostazione. In un momento di certo non facile per il sistema aeroportuale, è incoraggiante procedere alla realizzazione di opere utili alla collettività, in vista della piena ripresa dell’attività. Ringraziamo dunque Enac, Rfi e la Regione Siciliana, per averci consentito di realizzare questo importante collegamento che agevolerà l’utenza”. Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania Aeroporto di Catania Fontanarossa Nodo intermodale di Fontanarossa: non solo aeroporto, è la città di Catania ad averne bisogno Fermata ferroviaria aeroporto Fontanarossa, aggiudicati lavori per il collegamento stradale Metropolitana di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 nov 2020

Il Centro storico di Catania pedonale anche le domeniche mattina di novembre

di Mobilita Catania

Dopo il positivo esperimento del mese di ottobre, apprezzato anche dai cittadini, il vicesindaco Roberto Bonaccorsi e l’assessore alla mobilità Giuseppe Arcidiacono hanno disposto anche per le domeniche di novembre la pedonalizzazione del centro storico. Queste le vie e piazze che saranno chiuse al traffico dalle 8.30 alle 13.30: piazza Giuseppe Mazzini; via Auteri; via Madonna Della Lettera; via Giuseppe Garibaldi, da via Spadaro Grassi a piazza Giuseppe Mazzini; via Vittorio Emanuele II, da via Erasmo Merletta a piazza San Francesco; via Erasmo Merletta; via San Giuseppe al Duomo; piazza San Francesco d’Assisi (carreggiata est); via Crociferi, da via Teatro Greco a piazza San Francesco d’Assisi; via Teatro Greco, da via Ospizio di Beneficenza a via Crociferi; via San Francesco; via Alessi; via Bicocca; via Roccaforte; via Collegiata; piazza San Nicolella; via Alessandro Manzoni; via Biscari; via Vasta; via Fragalà; via Antonino di Sangiuliano (da piazza Manganelli a via Manzoni); salita San Camillo; via Del Colosseo; via Etnea (da via Fragalà a piazza Stesicoro); via Penninello; via Neve; via Carcaci. Nell’area pedonale è vietata la circolazione dei veicoli a eccezione di quelli in servizio di emergenza, delle biciclette, dei mezzi al servizio di persone con limitate o impedite capacità motorie, dei residenti diretti a garage o aree scoperte adibite a parcheggio, dei mezzi autorizzati.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 nov 2020

Novità “Sostare” Catania: sospesa la tariffa notturna e nuova app per gli utenti

di Mobilita Catania

Su input dell’Amministrazione Comunale, in considerazione dell’emergenza sanitaria e della cessazione di ogni attività alle ore 22 stabilita dal nuovo DPCM, l’azienda Sostare, che oggi gestisce a Catania circa 8000 stalli a strisce blu, ha temporaneamente sospeso la sosta notturna a pagamento nei circa mille stalli del centro storico che recano questa tariffazione. Inoltre al fine di semplificare il rapporto dei cittadini con la sosta delle auto nelle strisce blu, Sostare offre una nuova applicazione digitale del servizio di pagamento del parcheggio, senza necessità di acquistare il tagliando nelle colonnine. L'App può essere scaricata gratuitamente sul cellulare ed è disponibile sia per Ios che Android. Il nuovo servizio, realizzato d’intesa con l’Amministrazione Comunale, consente in modo rapido e facile di pagare la sosta per se stessi o per altri o se si vuole di regalare una ricarica ad altri. L’utilizzo dell’applicazione, non prevede commissioni aggiuntive alla tariffa dovuta per la sosta.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti