Articolo
03 lug 2018

“Estate in rimessa”, al via una rassegna cinematografica nel parcheggio AMT di via Plebiscito

di Amedeo Paladino

La storica Rimessa 1 AMT di via Plebiscito ospiterà a partire dal 10 luglio "Estate in rimessa", una rassegna di film d'animazione composta da 12 appuntamenti dedicati a tutta la famiglia per trascorrere piacevolmente le sere d'estate in città! Il costo del biglietto è di 3 euro e i posti disponibili per ogni singolo spettacolo sono 100. La rimessa R1 di via Plebiscito 747 da cui fino pochi anni or sono uscivano e rientravano i mezzi in servizio sulle varie linee di trasporto pubblico- oggi tutte trasferite nella nuova e più moderna Rimessa 8 (R8) di Pantano d’Arci, alla zona industriale-, a partire dal mese di dicembre 2017 è stata convertita in area di sosta con annesso un servizio di bike-rent.   Ti potrebbe interessare: Una nuova area di sosta nell’ex rimessa AMT via Plebiscito: le istruzioni per l’utilizzo BiCT, il nuovo servizio di noleggio bici presso i parcheggi AMT Borsellino e R1: come funziona

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 giu 2018

Estate catanese senza solarium, accessibili gratuitamente solo spiagge libere e passerella disabili a San Giovanni Li Cuti

di Mobilita Catania

Quest'anno Catania non potrà fruire di solarium per problemi burocratici e amministrativi: la ditta che avrebbe dovuto realizzarli, infatti, non ha ottemperato il contratto e adesso non ci sarebbero i tempi per un nuovo appalto. Il sindaco Salvo Pogliese, nel corso di un incontro che si è svolto nella Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti, ha fatto il punto sullo stato dell'arte della balneazione catanese. «La situazione che abbiamo trovato è di paralisi - ha sottolineato il Sindaco di Catania Salvo Pogliese -. Non sono neppure iniziati i lavori per il montaggio del solarium in piazza Europa e di quello di fronte all'Istituto Nautico. Stiamo cercando, per quanto possibile, di correre ai ripari almeno per le altre strutture. Abbiamo già avviato le procedure per  la gestione delle tre spiagge libere e per la realizzazione della passerella per i diversamente abili a San Giovanni Li Cuti, che affideremo alla Multiservizi. Per i solarium di piazza Europa e del Nautico, non siamo in condizioni di realizzarli perché pur ricorrendo ad una procedura amministrativa d'urgenza sarebbero pronti solo a fine agosto. Uno spreco inaccettabile che la città e i catanesi non possono permettersi». Ripercorriamo in dettaglio l'iter che ha portato allo situazione attuale di stallo e ai ritardi. Il progetto per le strutture dei solarium è stato approvato con determina dirigenziale già lo scorso 20 gennaio, per un importo complessivo di 300 mila euro, di cui circa 238 mila per lavori. La gara è stata indetta il 7 febbraio con una richiesta di offerta sul mercato elettronico: alla procedura hanno aderito undici ditte, nessuna con sede nella Città Metropolitana di Catania. I lavori sono stati aggiudicati il 24 aprile ad una ditta di Agrigento con contratto firmato nello stesso mese. La ditta si è aggiudicata la gara con un ribasso del 33,70 per cento per un importo netto di lavori per circa 163 mila euro. Dalla consegna dei lavori, avvenuta il 23 maggio,  l'impresa, però, si è limitata soltanto ad apporre il cartello di cantiere senza dare inizio all'attività. Pertanto, l'8 giugno sono state avviate le procedure per la rescissione del contratto che si sono concluse il 19 giugno. Le altre dieci aziende che avevano partecipato alla gara, invitate a subentrare entro il 22 giugno alle medesime condizioni di aggiudicazione, non hanno dato la propria disponibilità. La ditta che non ha ottemperato, pertanto, dovrà pagare 40 mila euro di penale che saranno utilizzati per migliorare la fruibilità delle tre spiagge libere con la sistemazione di attrezzature e aree gioco per i bambini. Le spiagge libere saranno, invece, a breve fruibili dopo esser state oggetto di riqualificazione con le risorse della “democrazia partecipata” in ossequio alla legge regionale n.5 del 28 gennaio 2014: negli scorsi mesi, infatti, i tratti di litorale sabbioso di diretta gestione comunale sono stati liberati dal cemento attraverso l’abbattimento delle strutture fatiscenti presenti e sono stati oggetto di rigenerazione del verde naturale tipico della zona della Playa, nonché dotati di nuove attrezzature.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2018

Il quartiere della Civita si ricollega al porto di Catania: approvato il progetto di riqualificazione

di Mobilita Catania

Il progetto per la riqualificazione degli spazi pubblici dell'area della Civita e il collegamento funzionale al Porto di Catania è stato approvato nell'ultima seduta di Giunta Comunale. Si tratta di un progetto nato da una partnership tra Comune di Catania, Città Metropolitana di Catania e Autorità di sistema Portuale del Mare della Sicilia Orientale fissate da una convenzione.   L'intervento prevede la riqualificazione di parte della viabilità e degli spazi pubblici del quartiere, di seguito elencati, nonché della parte di Porto a stretto contato con il centro storico, in stretta relazione con i suddetti ambiti. Il progetto prevede interventi nelle seguenti aree: Piazza Duca di Genova e parte di via Museo Biscari Via Porta di Ferro Aree del porto di Catania limitrofe al quartiere della Civita Porzione di via Cardinale Dusmet, tra la via Porta di Ferro e la via Graziella Gli spazi recuperati, in connessione fisica e visiva con le altre parti del quartiere, costituiranno un percorso storico artistico, adeguatamente segnalato, che potrà accompagnare turisti e residenti dall'area portuale a piazza Duomo. La riqualificazione si attuerà mediante il rifacimento della pavimentazione e l'inserimento di arredo urbano e di essenze vegetali, l'integrazione dell'impianto di pubblica illuminazione, la collocazione di segnaletica turistica. Nell'ambito portuale inoltre si prevede un'area da adibire a parcheggio e una pista ciclabile. Piazza Duca di Genova e via Museo Biscari Il progetto prevede la riqualificazione e pedonalizzazione della piazza, attualmente svilita da un uso a parcheggio a raso, e di parte della via Museo Biscari, con la rimozione di quanto esistente, l'eliminazione degli stalli di sosta e la realizzazione di un nuovo spazio pedonale, in parte pavimentato e in parte sistemato a verde, con la collocazione di alberature e siepi, di elementi di arredo e di nuova illuminazione. La nuova pavimentazione sarà realizzata con basole in pietra lavica formato 50x50, in parte bocciardata e in parte levigata, arricchite con tessiture diverse e inserti decorativi, in basalto, pietra di Comiso e porfido di diverse misure.   Via Porta di Ferro Il progetto prevede la ripavimentazione della strada e la sua pedonalizzazione  con la collocazione di quattro moduli, attrezzati con elementi di arredo, piante e illuminazione integrativa, distribuiti lungo lo sviluppo della strada e individuati da un diverso disegno della pavimentazione. Questo intervento, in particolare, lambisce due aree pedonali già esistenti ma non rispettate: quelle di piazza Mario Cutelli e di largo XVII Agosto. L'auspicio è che questo intervento, quindi, crei un continuum pedonale protetto e più efficace rispetto alle "isole" attuali, garantendo nel contempo la funzione di ingresso alla città per chi proviene dal porto. Via Porta di Ferro, infatti, sorge di fronte alla cinta portuale, perpendicolare ad essa, ed è in asse col magnificente prospetto del Convitto Cutelli. Qui sorgeva una delle antiche porte della città (da cui il nome), funzione che potrà riprendere a svolgere, naturalmente in chiave moderna e turistica.     Ambito portuale Il progetto prevede la ripavimentazione di parte del piazzale e la realizzazione di diversi moduli, attrezzati con elementi di arredo, piante e illuminazione integrativa, individuati da un diverso disegno della pavimentazione. Parte del piazzale sarà destinata a parcheggio per 160 posti auto e 53 stalli per motociclette, consentendo un'offerta doppia dell'attuale disponibilità di parcheggio. Quest'aspetto, in particolare, nell'ottica di un maggiore ordine nelle restanti parti del porto formalmente non adibite a parcheggio, ma che subiscono sosta selvaggia. È prevista anche la realizzazione di una pista ciclabile, che ci si augura in futuro possa collegarsi ad altre da realizzarsi anche all'esterno del porto. L'Autorità di Sistema Portuale ha già concordato la delocalizzazione di tre concessionari portuali, due cantieri navali e un'officina meccanica, attualmente collocati nelle aree interessate dal presente progetto, che saranno spostati nell'area sud del porto, di recente realizzazione.   Via Cardinale Dusmet Si prevede la ripavimentazione della strada da via porta di Ferro alla via Graziella. La pavimentazione sarà leggermente sopraelevata con effetto di rallentamento della velocità. La nuova pavimentazione sarà un elemento di connessione fisica e visiva tra gli spazi portuali e quelli urbani. Il progetto prevede l'inserimento di semafori pedonali e di cartellonistica turistica. Per il progetto, redatto dal Comune in collaborazione con l'Autorità di sistema Portuale, sono stati stanziati circa 4 milioni di euro provenienti da fondi ministeriali di cui è beneficiaria la Città Metropolitana come ente appaltante.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 giu 2018

FOTO | Consegnato il primo, nuovo spazio pubblico in Corso Martiri della Libertà

di Andrea Tartaglia

Via Fischetti, tra Corso Martiri della Libertà e via Archimede: il primo tassello è pronto. Certo, rispetto all'intervento complessivo può sembrare poca cosa, ma è parte di un grande disegno che è ormai decollato: se a molti le forme delle aiuole nella nuova strada pedonale appaiono "strane", infatti, è perché seguono percorsi e disposizioni in continuità con le strutture e gli spazi che dovranno sorgere a fianco e... di sopra: alcune aiuole, infatti, hanno una sagoma particolare che è la proiezione alla quota stradale delle strutture aeree di prevista realizzazione nei prossimi anni. Tutto dev'essere inquadrato nella più ampia ottica di un intervento che fin dal suo concepimento ha voluto abbracciare in modo omogeneo tutta l'area interessata, piuttosto che optare per un ragionamento lotto per lotto, con l'intento di conferire maggiore qualità architettonica e urbanistica. «Nel giro di circa quattro anni Corso Martiri della Libertà diventerà, dopo 67 anni d'attesa, uno dei quartieri di Catania più belli e importanti di Catania». Lo ha detto il sindaco Enzo Bianco durante la consegna alla città, oggi, del primo spazio pubblico fruibile, cioè il tratto di via Fischetti inserito all'interno della ben più grande area oggetto del grande intervento di riqualificazione, da parte dei rappresentanti dell'Istica (Istituto Immobiliare Catania), che ha come socio maggioritario il gruppo UniCredit Banca. Nell'area, tra panchine e aiuole, sono esposte le immagini del progetto che, passo dopo passo (ancora ce ne sono molti da compiere), trasformerà la zona tra il corso Sicilia e piazza Papa Giovanni XXIII in un'autentica eccellenza architettonica firmata dal prestigioso architetto Mario Cucinella, il più grande allievo di Renzo Piano. I lavori completati fanno parte delle opere primarie di urbanizzazione che, ha ricordato il sindaco, «hanno preso il via nel dicembre del 2017 per rimarginare una ferita aperta da oltre sessant'anni». «Ricorderete che fino a qualche anno fa - ha aggiunto Bianco rispondendo alle domande dei giornalisti - in queste aree, diventate il simbolo del degrado e dell'abbandono, si rifugiavano centinaia di disperati in ricoveri rischiosi sia sotto il profilo igienico, sia della sicurezza. Adesso questa strada si apre e si chiude con due importanti stazioni della metropolitana e le immagini del progetto ci mostrano la magnifica promenade che nascerà qui, con una serie di strutture che i privati faranno sorgere grazie anche agli investimenti di chi, all'estero, crede nello sviluppo di un turismo internazionale a Catania». «Quando meno di sei mesi fa - prosegue - avevamo consegnato i lavori per dare l'avvio a questi cantieri, alcuni cittadini erano scettici. Forse a ragione visto che tutto qui era rimasto bloccato per 67 anni. Oggi tutti possono vedere che, oltre a questa parte via Fischetti, già pronta, anche gli altri cantieri aperti di Corso dei Martiri della Libertà sono quasi completati.» «Prende così sempre più corpo il progetto di rigenerazione urbana di maggior importanza in questo momento in Italia. Come potete vedere ci sono impianti sportivi, aree a verde, punti d'incontro per i cittadini ed entro l'anno bandiremo l'appalto per i lavori di realizzazione del più grande giardino di questa parte della città, esteso per circa ottomila metri quadrati: sotto questa grande area nascerà un'autorimessa da 340 posti su tre piani interrati che sarà di proprietà del Comune.  Insomma - ha chiosato il Sindaco - un progetto meraviglioso firmato da un'archistar come Mario Cucinella che in pochi anni muterà il cuore stesso della città» https://youtu.be/xbQJRrCzrCs   Ti potrebbero interessare: Catania, riqualificazione di Corso Martiri della Libertà Dopo oltre sessant'anni spuntano i primi alberi in Corso Martiri della Libertà Corso Martiri della Libertà, avviati i primi quattro cantieri Rigenerazione C.so Martiri della Libertà, ora il progetto fa gola anche all’estero  

Leggi tutto    Commenti 5
Articolo
01 giu 2018

Corso Martiri della Libertà, spuntano i primi alberi dopo oltre 60 anni

di Andrea Tartaglia

Un catanese attento, sensibile, amante della propria città non può non emozionarsi. Sta per concludersi soltanto il primo, il più piccolo step del lungo percorso di rinnovamento di Corso Martiri della Libertà, avviatosi concretamente appena sei mesi fa, ma vedere, oggi, le prime macchie verdi, il playground, le panchine e gli alberi là dove per decenni ha regnato il degrado, non può lasciare indifferenti. A giorni si concluderanno, infatti, le opere di urbanizzazione e arredo urbano nei quattro cantieri (vp3, vp4, vp5 e vp6) del primo lotto dei lavori di riqualificazione del grande viale del centro di Catania, simbolo di degrado e immobilismo fino a poco tempo fa, oggi al centro del progetto dell'Architetto Mario Cucinella. Mancano ancora le rifiniture, altri giochi, i lampioni e qualche dettaglio, ma ormai la percezione di questi spazi è netta: aree pubbliche dove sarà un piacere passeggiare, ritrovarsi e giocare all'ombra degli alberi e, se raffrontata col recente passato, drasticamente migliorata. Ecco le foto di oggi: l'area più grande è quella denominata Vp6 e si sviluppa tutt'intorno alla scuola Vespucci, lungo il corso. Ed ecco vp4 e vp5, cioè l'area a nord della Chiesa del Crocifisso della buona morte e il tratto di via Fischetti compreso tra Corso Martiri della Libertà e via Archimede: Ti potrebbero interessare: Catania, riqualificazione di Corso Martiri della Libertà Corso Martiri della Libertà, avviati i primi quattro cantieri  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 giu 2018

Librino, al via i cantieri della Spina Verde e dei nuovi alloggi di edilizia popolare

di Amedeo Paladino

Al via i cantieri della Spina Verde e dei nuovi alloggi di edilizia popolare nel quartiere di Librino. I lavori della Spina Verde ammontano a tre milioni e 600 mila euro, prevedono la realizzazione di un'area a verde tra le maggiori d'Italia, ricca di alberi e arbusti con piante di aciacia, aloe, agave, araucaria, e poi ficus, cipressi, limoni, carrubi, pini, palme, yucca, jacaranda, e ancora glicine, gelsomino, bignonia, bouganvillea e ampi prati con essenze. Un'area che, come spiegato da Sabina Zappalà, che con l'altro architetto Emilia Rejina firma il progetto, ha la funzione di ricucire tutti gli spazi urbani destinati alle passeggiate a piedi e in bicicletta, ai giochi e all'attività sportiva, organizzati in luoghi protetti per la socializzazione e collegati, senza incrociare altre strade, con tutte le infrastrutture di servizio: scuole, teatro, chiesa eccetera. La Spina verde insomma, farà da raccordo, con collegamenti pedonali e ciclabili tra le residenze del quartiere. Per dar vita all'opera saranno realizzate infrastrutture per la raccolta e lo smaltimento delle acque di superficie (rete fognatura nera), saranno completate la rete idrica e quella irrigua e realizzate le reti telefonica, del gas, elettrica di media tensione, l'illuminazione pubblica a led, l'impianto antincendio. Il progetto prevede anche opere di finitura dei percorsi pedonali e ciclabili compreso l'arredo per i giochi e altre attività ludiche e ricreative. Nella Spina verde confluisce un tratto della pista ciclabile che, grazie al Patto per Catania, comincia a essere realizzata a Librino. Il primo tratto nel parco prevede una pista ciclabile bidirezionale in conglomerato bituminoso colorato con una larghezza complessiva di tre metri e lunga quasi un chilometro dotata di un sistema di smaltimento delle acque meteoriche e di un impianto di illuminazione a led. Il progetto comprende inoltre un marciapiede pedonale della larghezza di 1,50 metri affiancato da un muretto basso di circa 50 centimetri sagomato a forma di sedile. Per evitare che la pista venga utilizzata da autoveicoli, saranno poste nella carreggiata dei paletti dissuasori. L'area interessata dall'intervento è di circa diecimila metri quadrati e il costo complessivo dell'opera è di due milioni di euro. Un anno dureranno infine - e costeranno un milione e mezzo di euro - i lavori per la realizzazione di 24 alloggi che - con altri cento appartamenti in fase di sistemazione nella zona della Torre Giacomo Leone. I lavori sono finanziati dal programma di edilizia sperimentale sovvenzionata (legge 457/78) e grazie a un accordo di programma tra il Comune di Catania, la Regione Siciliana e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Sul viale Moncada sorgerà un edificio a tre piani con due corpi scala che servono quattro appartamenti per piano ciascuno - da 63,02 o da 71,15 metri quadrati - , più un piano garage, con rimesse per ciascun appartamento. La tipologia complessiva è stata studiata per compattare al massimo l'organismo edilizio eliminando le pareti con maggiore dispersione termica. Gli alloggi di sono divisi in zona giorno, composto da un grande vano con terrazzo e cucinino e zona notte, ben disimpegnata con due vani letto e bagno completo di vasca. Davanti all'edificio è prevista un'ampia zona di parcheggio alberato e una zona pedonale per attività ludiche e ricreative.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 mag 2018

Concerto di Carmen Consoli in piazza Duomo: viabilità e trasporto pubblico

di Mobilita Catania

In occasione del concerto "Carmen Consoli & Friends", in programma venerdì 1 giugno in piazza Duomo, la direzione Polizia municipale e l'Utu hanno disposto alcuni provvedimenti di circolazione. La metropolitana sarà aperta sino a mezzanotte e mezza. Dalle ore 19 di lunedì 28 maggio, sino a sabato 2 giugno è istituito il divieto di accesso in piazza Duomo, incluso il tratto da Porta Uzeda alla piazza. Il divieto è valido per tutti i veicoli eccetto che per i mezzi delle forze dell'ordine, di soccorso e autorizzati. Dalle ore 14 di venerdì 1 giugno sino alle ore 3.00 di sabato 2, inoltre, è istituito il divieto di accesso ai pedoni in piazza Duomo, incluso il tratto da Porta Uzeda alla piazza, e nelle vie: Vittorio Emanule II, da via Spadaro Grassi a via Raddusa; Garibaldi, da via Spadaro Grassi a piazza Duomo; Erasmo Merletta, da via Roccaforte a piazza Duomo; Etnea, da piazza Università a porta Uzeda. La Polizia municipale vigilerà per assicurare il rispetto delle disposizioni stabilite. Dalle ore 00,01 di venerdì 1 giugno e sino al termine della manifestazione è istituito il divieto di accesso e di sosta con rimozione coatta, su entrambi i lati, nelle vie: Vittorio Emanuele II, da via San Giuseppe al Duomo a via Sant'Agata; Garibaldi, da via San Martino a piazza Duomo; Erasmo Merletta, da via Roccaforte a piazza Duomo; Etnea, da piazza Università a porta Uzeda. La metropolitana, da giovedì 31 maggio a domenica 3 giugno, osserverà i seguenti orari: giovedì 31 maggio: 6:40 - 21:10 venerdì 1 giugno: 6:40 - 00:30 sabato 2 giugno (festivo): 9:00 - 21:00 domenica 3 giugno (festivo): 9:00 - 21:00 L'orario iniziale si riferisce alla prima corsa da Nesima a Stesicoro; quello finale all'ultima corsa da Stesicoro per Nesima. AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) comunica che a partire dal 29 maggio e fino al 2 giugno 2018, per il concerto del 1° giugno in piazza Duomo, alcune linee subiranno variazioni di percorso: potete visualizzare i percorsi alternativi -> Chiusura Piazza Duomo.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti