Articolo
21 mag 2018

“Spiagge e fondali puliti” di Legambiente: anche Catania partecipa

di Mobilita Catania

Ritorna l’appuntamento annuale di Legambiente “Spiagge e fondali puliti”, e il circolo di Catania aderisce coinvolgendo cittadini e associazioni andando a ripulire la spiaggia della Playa. Domenica 3 giugno i volontari ripuliranno il tratto di spiaggia accanto il lido Le Capannine (Lato sud), che si trova all'interno della riserva naturale dell’Oasi del Simeto, attualmente pieno di rifiuti abbandonati, molti lasciati dalle mareggiate, ma non solo. Sopratutto si tratta di plastica che non si dissolve ma si riduce in minuscoli frammenti carichi di sostanze inquinanti che arrecano gravi danni all'ecosistema. Lo scorso anno un monitoraggio condotto da Legambiente su un campione di 47 spiagge lungo la Penisola, ha contato oltre 33mila rifiuti, una media di 714 rifiuti ogni 100 metri. Molti gettati con consapevole disprezzo del bene comune: bottiglie, mozziconi di sigarette, calcinacci, stoviglie usa e getta e tanti bastoncini di plastica colorata, ciò che rimane dei cotton fioc passati dal water per arrivare in mare e sulla spiaggia. Per avere più informazioni e partecipare all'iniziativa potete consultare l'evento Facebook.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

Librino, tre ettari dedicati agli orti urbani: consegnati tutti i lotti agli assegnatari

di Amedeo Paladino

Saranno consegnati oggi agli assegnatari che hanno partecipato al bando trenta nuovi orti urbani in viale San Teodoro a Librino. L’area oggetto dell’intervento, che si estende per una superficie complessiva di circa 29 mila mq, si presentava in stato di abbandono e di frequente, nel periodo estivo, era stato oggetto di incendi. L'Amministrazione cittadina, con l’intento di proseguire il percorso iniziato con la prima esperienza di orti urbani comunali, consegnati l’estate 2016 in viale Castagnola, ha appaltato lo scorso autunno gli interventi di riqualificazione e rigenerazione dell’area verde nei pressi di Viale San Teodoro. A gennaio di quest'anno era stato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a consegnare i primi 13 lotti. La consegna degli ultimi lotti avviene a completamento del cantiere degli orti urbani, il cui accesso è assicurato dalla realizzazione di percorsi verticali e orizzontali ed è consentito esclusivamente ai pedoni e ai mezzi leggeri di trasporto per il carico e scarico dei materiali necessari per la coltivazione degli orti stessi. I singoli appezzamenti sono stati recintati, ciascuno è dotato di un proprio punto di approvigionamento d'acqua e di un deposito per gli attrezzi. Stasera sarà consegnato anche un sistema di illuminazione progettato per servire l'intera area degli orti, tenendo conto delle riduzioni dell'inquinamento luminoso negli impianti esterni di illuminazione pubblica: per questo sono state usate lampade a led che assicurano un notevole risparmio di potenza elettrica, con conseguente riduzione di spesa per i consumi che l'Amministrazione dovrà sostenere. Gli obiettivi alla base di questo progetto, che come estensione è tra i più rilevanti in Italia, sono molteplici. Il più evidente è avvicinare i cittadini ai princìpi e alle pratiche della sostenibilità ambientale: ciascun orto, anche il più piccolo ed appartato, contiene e rappresenta una sfida per uno stile di vita più sostenibile. Gli orti urbani, infatti, costituiscono un habitat ideale per promuovere processi di cambiamento verso comunità sempre più sostenibili. L’agricoltura urbana, inoltre, contribuisce a ridurre l’anidride carbonica rilasciata dalle attività localizzate nelle città. Infatti, produrre il proprio cibo all’interno dei confini urbani, significa evitare trasporti sulla lunga distanza; al contempo è dimostrato che la presenza delle piante assorbe CO2. Ma gli aspetti positivi dell’esperienza degli orti urbani riguardano anche le funzioni sociali e didattiche che essi assolvono, avvicinando i giovani alla conoscenza, al piacere del coltivare la terra e in generale all’ecologia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

Una passeggiata alla scoperta dei tesori nascosti della città: la campagna “Salvalarte” torna a Catania

di Mobilita Catania

Torna anche quest’anno "Salvalarte", la campagna nazionale di Legambiente che ha lo scopo di accendere i riflettori su beni artistici minori e trascurati per chiederne una giusta valorizzazione e fruizione da parte di cittadini e turisti. Un itinerario alla scoperta delle tracce di un passato nascosto sotto il manto di una strada, tra i panni stesi di un cortile, dietro l'angolo di un palazzo. Sabato 5 maggio alle 10 da via S. Barbara (traversa di via Garibaldi) partirà una passeggiata, una sorta di “conferenza itinerante” che toccherà  tre siti archeologici “minori”: la via Santa Barbara, con i resti della Tricora di epoca romana rimasta sotto il livello della strada, il Cortile San Pantaleone con le vestigia del Foro Romano e le terme private Sapuppo di piazza Sant’Antonio. Luoghi tagliati fuori dai circuiti tradizionali, sconosciuti a gran parte dei cittadini su cui vale la pena fare una riflessione insieme ad archeologi, operatori culturali, urbanisti, esperti di mobilità sostenibile. L'itinerario sarà l'occasione per chiedere alle istituzioni che venga garantita un’adeguata gestione di questi e delle tante risorse culturali che  hanno fatto di Catania negli ultimi anni una capitale del turismo capace di attrarre visitatori da tutto il mondo: cifre da record che vanno lette come una risorsa economica preziosa che potrebbe dare una risposta importante al pressante bisogno di lavoro soprattutto fra i giovani costretti sempre più spesso a cercare occasioni fuori dalla  nostra terra. Legambiente, infatti, chiede di attivare tutte le procedure necessarie per una fruizione non occasionale  di questi beni che custodiscono l’anima più profonda della nostra isola. I lucchetti devono rimanere aperti, le erbacce tagliate, le targhe devono restare al loro posto e i racconti che danno vita a questi luoghi continuare a essere trasmessi. Parteciperanno all'iniziativa l'associazione Acquedotte_Arte, Architettura, Aree Urbane, Mobilità Sostenibile Catania, Mobilita Catania, Guide Turistiche Catania, INU.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mag 2018

“Siamo tutti pedoni” torna a Catania: un tratto di via Umberto chiuso al traffico

di Mobilita Catania

"Siamo tutti pedoni" torna venerdì 4 maggio: la campagna nazionale per la sicurezza degli utenti vulnerabili della strada promossa dal Centro Antartide, insieme al Ministero dei Trasporti e ai Sindacati dei pensionati, alla quale l'Amministrazione comunale ha aderito con una serie di iniziative coordinate dall'Ufficio del Mobility Manager e la collaborazione di scuole e associazioni.  Dalle 9 alle 14  piazza Ettore Majorana un tratto di via Umberto, fra piazza Majorana e via Etnea, ospiteranno iniziative di mobilità sostenibile promosse dal Comune con la collaborazione di associazioni e scuole. La manifestazione rientra nell'ambito della IX campagna nazionale per la sicurezza dei pedoni promossa dal Centro Antartide insieme al Ministero dei Trasporti e ai Sindacati dei pensionati. L'obiettivo della manifestazione, che nella sua nona edizione ha come tema la "Rigenerazione della città a dimensione dei pedoni" è quello di sensibilizzare i cittadini alla mobilità sostenibile, in particolare pedonale, a vantaggio di salute e benessere e a salvaguardia dell'ambiente. Dalle ore 9 alle 14 la piazza Ettore Majorana (ex piazza Vittorio Emanuele III) e il tratto di via Umberto compreso tra piazza Majorana e  via Etnea saranno temporaneamente chiusi al traffico e al centro di attività artistico-culturali e promozionali. La campagna nazionale invita infatti a trasformare, anche per un solo giorno, un luogo di passaggio della città e di particolare criticità rispetto al traffico in uno spazio dedicato ai pedoni e agli altri utenti deboli della strada. Per l'occasione gli alunni delle primarie e secondarie di 1° grado, con l'ausilio degli insegnanti e il supporto del liceo artistico statale Emilio Greco di Catania, realizzeranno strisce pedonali artistiche temporanee, utilizzando colori a tempera idrosolubili. Alcune scuole cureranno inoltre la rappresentazione di  componimenti a carattere poetico e teatrale. Tutti gli studenti intervenuti riceveranno un riconoscimento per l'impegno profuso e la sensibilità dimostrata per i temi della campagna. Gli istituti coinvolti sono: Campanella Sturzo, De Roberto, Fontanarossa, Nazario Sauro - Giovanni XXIII, Malerba, Pestalozzi, Sante Giuffrida, San Giorgio, San Giovanni Bosco, Vespucci-Capuana Pirandello. Nelle stesse aree chiuse al traffico si svolgeranno le attività promozionali realizzate con il supporto di stand e mezzi espositivi. In particolare,  un minibus elettrico promuoverà, a cura dell'ufficio comunale del Mobility Manager, iniziative di mobilità sostenibile ed esporrà anche i bozzetti a tema realizzati dagli alunni delle scuole partecipanti e dagli studenti del liceo artistico Emilio Greco. L'AutoBooks Librincircolo, a partire dalle 11.15, promuoverà la lettura. Inoltre, la Fiab Catania MontainBike Sicilia svolgerà mini corsi anche sul corretto uso della bicicletta e sulla sicurezza stradale e Cittadinanza Attiva proporrà modelli di mobilità sostenibile. I rivenditori di mezzi elettrici a due ruote esporranno veicoli che metteranno a disposizione dei cittadini anche per una prova di mobilità sostenibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2018

FOTO | Consegnata alla città la nuova illuminazione del lungomare di Catania

di Mobilita Catania

Alle 20 di oggi, durante il consueto appuntamento con il Lungomare Liberato, è stata consegnata alla città di Catania la nuova illuminazione del lungomare di viale Ruggero di Lauria. Oltre al sindaco Enzo Bianco erano presenti gli assessori alla Mobilità Rosario D'Agata, alle Manutenzioni Salvo Di Salvo, al Patrimonio Salvatore Andò, alla Scuola Ausilia Mastrandrea e numerose autorità. I lavori cominciati a metà febbraio sono costati 400 mila euro. Sono stati sistemati, alternati, 95 pali da dodici metri e ottanta da sei. Sui sostegni da dodici metri sono stati riutilizzati i vecchi apparecchi di illuminazione, mentre i corpi illuminanti per i pali da sei metri sono in tutto 174, puntati su entrambi i lati e sistemati in maniera da poter essere fruiti dalla zona pedonale e ciclabile. Illuminati, inoltre, anche la zona del Monumento ai Caduti di piazza del Tricolore e il campo da basket di piazza Nettuno. Sul Lungomare saranno spesi inoltre ancora un milione e 320 mila euro per arredi, verde, manto stradale e sicurezza con i semafori intelligenti; interventi che hanno preso il via da qualche settimana.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 apr 2018

A Catania inaugurata la prima colonnina per la ricarica di veicoli elettrici: saranno 48 in tutta la città

di Mobilita Catania

Grazie a un protocollo, sottoscritto nei giorni scorsi dal Comune di Catania e da Enel X, la Divisione del Gruppo Enel dedicata a prodotti innovativi e soluzioni digitali, saranno installate fino a 48 colonnine di ricarica per veicoli elettrici, la prima è stata inaugurata stamattina in piazza Manganelli. Il presidente di Mercedes Italia Marcel Guerry, ha inoltre consegnato nella corte di Palazzo degli Elefanti, in comodato d’uso al Comune di Catania, nella persona del sindaco Enzo Bianco, una Smart elettrica.  Le infrastrutture di ricarica saranno distribuite in tutto il territorio del Comune di Catania per incentivare la mobilità sostenibile cittadina e favorire la creazione di percorsi turistici a zero emissioni. L’iniziativa rientra nel Piano nazionale Enel per l’installazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, che vedrà la posa di circa 7 mila colonnine entro il 2020, per arrivare a 14 mila nel 2022. Tale programma prevede una copertura capillare in tutte le Regioni italiane e contribuirà alla crescita del numero dei veicoli elettrici e ibridi circolanti. Complessivamente Enel investirà tra i 100 e i 300 milioni di euro per lo sviluppo di una rete capillare di ricarica composta da colonnine Quick (22 kW) nelle aree urbane e Fast (50 kW) e Ultra Fast (150 kW), per la ricarica veloce, in quelle extraurbane. Circa l’80% dei punti di ricarica verrà installato nelle zone cittadine, di cui il 21% nelle grandi aree metropolitane e il 57% nelle altre città, e il restante 20% circa a copertura nazionale, per garantire gli spostamenti di medio e lungo raggio, nelle zone extraurbane e nelle autostrade. Tra queste ultime rientrano le stazioni di ricarica del progetto EVA+ (Electric Vehicles Arteries), co-finanziato dalla Commissione Europea, che prevede l’installazione, in tre anni, di 180 punti di ricarica lungo le tratte extraurbane italiane. Il sindaco di Catania, Enzo Bianco ha dichiarato: “questa operazione dimostra che Catania, dopo il boom di viaggiatori sulla metro, è pronta ad accogliere la sfida della mobilità. La nostra Amministrazione ha avviato con Enel una grande collaborazione mirata all’innovazione, dall’open fiber alle colonnine di ricarica. Da tempo avevamo puntato sull’incentivazione dell’uso delle vetture elettriche con un’ordinanza che ne permette la sosta gratuita anche in centro. Il Comune concede inoltre alle attività commerciale che ne fanno richiesta il suolo pubblico per installare le colonnine di ricarica”. Marcel Guerry, Presidente di Mercedes Benz Italia, ha analizzato: “le protagoniste della mobilità del futuro non sono solo le grandi metropoli, ma tutte le città che hanno la lungimiranza e la sensibilità di sperimentare nuove soluzioni che anticipino le esigenze dei cittadini. Ed è proprio attraverso l’impegno di città come Catania che si realizza la cultura della mobilità del futuro: facile, intelligente e a zero emissioni”. Il Direttore della Divisione Globale Enel X di Enel, Francesco Venturini ha dichiarato: “la mobilità elettrica è ormai una realtà. Coinvolgendo tutti coloro, del pubblico e del privato, che credono come noi nel nostro Paese e nelle nostre capacità di innovazione, realizzeremo in Italia una rete di ricarica capillare che favorirà l’evoluzione di un sistema di mobilità sostenibile, con grandi benefici per l’ambiente e per i cittadini”.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 apr 2018

Primo Lungomare Liberato di primavera: navette Amt gratuite per raggiungerlo

di Andrea Tartaglia

A partire della scorsa Pasqua celebrata il primo giorno di aprile, il meteo sta regalando a Catania e al suo territorio splendide giornate con le località costiere prese d'assalto, compresi, in città, i borghi di Ognina e di San Giovanni li Cuti, quest'ultimo con la spiaggia di sabbia nera gremita di gente. Per rendere tutto ancora più godibile, domani, domenica 8 aprile, dalle ore 10 alle ore 19, il lungomare di Catania sarà chiuso al traffico, liberato da smog, traffico e rumori, e regalato alla libera fruizione di pedoni e ciclisti lungo tutto il panoramico litorale in pietra lavica, da piazza Europa a piazza Mancini Battaglia. Per una domenica ancora più ecologica, sarà possibile raggiungere il lungomare con le navette gratuite messe a disposizione dall'Amt e con i treni urbani di Trenitalia, attraverso le fermate di piazza Europa e di Ognina. Ecco il percorso e gli orari della navetta dell'Azienda Metropolitana Trasporti: Partenze da viale Raffaello Sanzio (Largo Serafino Famà) alle ore 10:00, 10:30, 10:55, 11:25, 11:50, 12:20, 12:45, 13:15, 13:40, 14:10, 14:35, 15:05, 15:30, 16:00, 16:25, 16:55, 17:20, 17:50, 18:15, 18:45 (corse circolari a/r). Questo l'itinerario circolare: viale Raffaello Sanzio, via Oliveto Scammacca, via G. D'Annunzio, viale V. Veneto, Corso Italia, Piazza Europa, Viale R. di Lauria, Viale A. Alagona, Piazza Mancini Battaglia, Via Messina, Viale Ulisse - inversione di marcia - Viale Ulisse direzione est, Piazza Mancini Battaglia, Viale A. Alagona, Viale R. di Lauria, Piazza Europa, Corso Italia, Viale V. Veneto, Piazza M. Buonarroti, Viale R. Sanzio, largo S. Famà. Qui la mappa del percorso. Questi, invece, gli orari dei treni durante la chiusura al traffico del lungomare, dalla stazione di Catania Centrale alla fermata di Catania Ognina con fermata intermedia a Catania Europa: 11:03, 14:16, 14:40, 15:37, 17:49. e da Catania Ognina a Catania Centrale, con fermata intermedia a Catania Europa: 9:48, 16:24, 17:03, 18:06. La durata delle corse dei treni è compresa tra 8 e 12 minuti, inclusa la fermata presso la stazione intermedia di piazza Europa. Il corso della singola corsa è di €1,70. Chiusa, invece, la metropolitana.

Leggi tutto    Commenti 0