Articolo
17 mar 2018

Inchiesta rifiuti, Legambiente: “un sistema corrotto alla base dell’inefficienza del settore”

di Mobilita Catania

Sull'inchiesta Garbage Affaire condotta dalla Dia e dalla Procura di Catania arriva la posizione di Legambiente Sicilia, che evidenzia come il sistema di corruzione sia la causa dei livelli di inefficienza del settore.   “Un plauso alla Dia ed alla Procura di Catania, le cui indagini hanno fatto emergere un quadro inquietante nella gestione dei rifiuti nel capoluogo etneo”. Ad affermarlo Viola Sorbello, presidente di Legambiente Catania, che continua: “Un sistema di corruzione, che vede coinvolti funzionari del Comune in posizioni apicali ed imprenditori, che contribuisce a spiegare il drammatico dato dell’Ufficio speciale della Regione Siciliana secondo cui la raccolta differenziata a Catania è ferma solo al 10 per cento. “Purtroppo i fatti di Catania - dichiara Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia - ribadiscono che la battaglia contro ecomafie e contro atti criminali che creano un danno all'ambiente e alla salute dei cittadini, si gioca soprattutto al Sud”. E su questo tema la Legambiente non abbassa la guardia come dimostra l'evento organizzato dal circolo di Catania che, sabato 24 marzo, alla presenza di Luca Ramacci, magistrato già impegnato nella formulazione della normativa sugli ecoreati, e di Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, vedrà la Procura etnea, l'Università e la società civile confrontarsi sulla legge 68/15 contro ecomafie ed ecocriminalità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mar 2018

FOTO | Legambiente dona alla città nuovi alberi per via Plebiscito

di Mobilita Catania

La prima piantumazione dei “100 alberi” promessi da Legambiente per Catania è iniziata in via Plebiscito, una strada bella e importante di un quartiere talvolta problematico e comunque bisognoso di maggiore attenzione. Gli alberi sono il frutto di donazioni da parte di cittadini che stanno credendo in questo progetto che, cammin facendo, si è arricchito della presenza dell’associazione “Libera”, che ha intitolato oggi i primi quindici alberi ad altrettante vittime della mafia, e del Comune di Catania che, da parte sua, ha già stabilito di piantarne altri trenta lungo la stessa strada.   “Ne abbiamo acquistati altri trecento da collocare anche in altre zone della città e sono contento di sentire che i residenti si sono impegnati a prendersene cura”, ha dichiarato il sindaco Enzo Bianco, presente all'evento, il quale ha avuto l’onore di intitolare il primo albero proprio ad un sindaco, Angelo Vassallo, ucciso per aver difeso, con spirito ambientalista, il suo territorio da interessi mafiosi. Ad effettuare le successive intitolazioni sono stati, poi, i ragazzi dell’I.C. “A. Vespucci”, la scuola del quartiere, coinvolta preventivamente da Legambiente in un processo di formazione sulla tutela dei beni comuni e sulla importanza degli alberi e del verde pubblico. Allo stesso modo gli attivisti di Legambiente hanno effettuato un’opera di sensibilizzazione nel quartiere incontrando nei giorni addietro commercianti e residenti ed invitandoli a diventare parte attiva prendendosi cura degli alberi. Lo scopo del progetto, secondo la presidente di Legambiente Catania, avvocato Viola Sorbello, va al di là della semplice piantumazione degli alberi. L’obiettivo finale è, piuttosto, quello di sollecitare il senso di appartenenza ad una comunità che ha cura e rispetto dei luoghi che abita, primo passo verso una più globale attenzione per la salute di tutto il nostro pianeta. Un alto risultato che, certamente, si può raggiungere solo se si alleano tutte le forze positive della città. Ed oggi la buona riuscita dell’evento si deve al lavoro congiunto di associazioni, scuole, residenti, cittadini, anche provenienti da altri quartieri, che hanno trovato nell’Amministrazione comunale di Catania un interlocutore sensibile al tema ambientale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mar 2018

“100 alberi per Catania”: la campagna di Legambiente parte da via Plebiscito con la piantumazione dei primi alberi

di Mobilita Catania

Gli alberi in città sono un vero tesoro. Assorbono ogni anno 12 milioni di tonnellate di CO2, quasi il 3% delle emissioni totali e contribuiscono alla riduzione dell’effetto “isola di calore” con il conseguente miglioramento delle temperature. La campagna di Legambiente parte da via Plebiscito con la piantumazione dei primi alberi. In questa direzione si pone l’impegno di Legambiente che, con il progetto “100 alberi per Catania”, ha l’ambizioso obiettivo di piantare alberi in tutta la città: la prima tappa avverrà mercoledì 7 marzo alle ore 10.00, nel primo tratto della via Plebiscito (dal civico n.1 in poi), attraverso la piantumazione dei primi 15 alberi. L’evento sarà reso ancora più speciale dalla presenza degli alunni dell’Istituto comprensivo Amerigo Vespucci e dall'Associazione Antiracket Libera, insieme alla quale, si procederà all'intestazione di ogni albero ad una vittima della mafia. Tale iniziativa, non una semplice circostanza isolata, bensì un progetto a lungo termine promosso da Legambiente Catania, è stata resa possibile grazie alle donazioni di tutti quei cittadini sensibili al rimboschimento del verde urbano e a coloro i quali hanno partecipato alle molteplici attività naturalistico- culturali tenutesi recentemente nella nostra città. La piantumazione degli alberi, le cui specie saranno Robinia e Ligustrum, sarà materialmente eseguita dal Personale del Servizio Progettazione e Lavori per il verde del Comune di Catania, il quale, con nostra grande soddisfazione, coglierà questa occasione per procedere alla piantumazione, sulla stessa strada, di altre piante di cui dispone l’Amministrazione Comunale. L’opera di sinergia tra le parti consentirà così il riempimento di molti stalli, progressivamente rimasti vuoti, attualmente in stato di degrado. Il progetto “100 alberi per Catania” contribuirà a implementare il percorso di sensibilizzazione sull'importanza del verde pubblico, non soltanto quale elemento di arredo urbano, ma come risorsa per la tutela e la protezione della salute.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 feb 2018

300 nuovi alberi in città: in corso la messa a dimora in alcune strade cittadine

di Mobilita Catania

Nelle ultime settimane sono stati messi a dimora 100 platani; a breve altri 300 alberi verranno piantumati in città. In questi giorni le piante sono state sistemate nelle vie Dusmet, Lago di Nicito, in viale Regina Margherita e in piazza Roma. La programmazione, condivisa con le associazioni ambientaliste, prevede il proseguimento dei lavori nelle vie Androne, Lavaggi, Fabio Filzi, Plebiscito e sui viali Libertà e Vittorio Veneto "Abbiamo cominciato a piantare altri trecento alberi in città oltre ai cento platani già sistemati nelle aiuole di corso Italia, vuote da anni". Lo ha annunciato il sindaco di Catania Enzo Bianco sottolineando come gli operai del Servizio Verde pubblico del Comune abbiano già completato i lavori in via Cardinale Dusmet inserendo venti platani, viale Regina Margherita con dodici alberi di Cercis, via Lago di Nicito con tredici platani e piazza Roma con una decina di lecci. "Soltanto piantando alberi - ha detto Bianco - possiamo rendere le nostre città più vivibili. Ogni pianta rende l'aria che respiriamo più pulita combattendo l'inquinamento da auto". "Le linee operative della programmazione - ha spiegato l'assessore al Verde Rosario D'Agata - sono state condivise con la presidente di Legambiente Viola Sorbello e con la dirigente del servizio Verde Pubblico Lara Riguccio per quanto riguarda la via Plebiscito. Prevediamo inoltre di proseguire i lavori per impiantare gli alberi nelle vie Androne, Lavaggi, Fabio Filzi, Plebiscito e sui viali Libertà e Vittorio Veneto". Sindaco e Assessore hanno sottolineato che gli alberi saranno impiantati anche nelle aiuole stradali coperte da ignoti con cemento: nelle prossime settimane, infatti, tutte le aiuole coperte saranno ripristinate con il supporto degli operai del Servizio Manutenzioni del Comune. Intanto in città si stanno svolgendo operazioni di manutenzione straordinaria con il personale della Catania Multiservizi, che sta trattando i pini con il cosiddeto metodo Corradi per combattere la processionaria.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 gen 2018

“100 alberi per Catania”: la campagna di Legambiente domenica alla ”Fera Bio”

di Mobilita Catania

Gli alberi in città sono un vero tesoro. Assorbono ogni anno 12 milioni di tonnellate di CO2, quasi il 3% delle emissioni totali e contribuiscono alla riduzione dell’effetto “isola di calore” con il conseguente miglioramento delle temperature. Negli agglomerati urbani gli alberi svolgono una fondamentale azione disintossicante, perché capaci di metabolizzare gli inquinanti che compongono lo smog cittadino. Per tale ragione occorre non solo riservare a quelli esistenti il massimo rispetto ed ogni possibile cura, ma anche rimpiazzare quelli che muoiono e, in ogni caso, aumentarne il numero. In questa direzione si pone l’impegno di Legambiente che, con il progetto “100 alberi per Catania”, ha l’ambizioso obiettivo di piantare alberi in tutta la città: nelle aiuole dei viali rimasti prive di alberi, nei parchi, nelle strade sia del centro che della periferia urbana. Ma l’azione del circolo di Catania, che si inserisce nell’ambito della campagna nazionale di Legambiente denominata “Festa dell’Albero”, ha soprattutto lo scopo di sensibilizzare sul tema cittadini, associazioni, enti pubblici e privati anche al fine di sollecitare la pubblica amministrazione a realizzare l'incremento di verde urbano. A questo proposito domenica 14 gennaio Legambiente Catania sarà alla ”Fera Bio”, il mercato del biologico che si svolge ogni seconda domenica del mese nell’incantevole cornice del Monastero dei Benedettini, per illustrare il progetto ed effettuare una raccolta fondi per l'acquisto degli alberi che saranno piantumati nel rispetto delle specie arboree preesistenti e di concerto con gli uffici tecnici comunali.        

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
17 nov 2017

Un’escursione urbana a piedi e in metro alla scoperta dei luoghi della II Guerra Mondiale

di Mobilita Catania

Un'escursione urbana alla scoperta della propria città e dei luoghi teatro dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, i partecipanti si sposteranno a piedi e in metropolitana per mettere in pratica e promuovere la mobilità sostenibile.  Legambiente Catania, con la partecipazione delle associazioni Guide turistiche di Catania, Mobilità sostenibile Catania, Pop Up Market e il sostegno della Ferrovia Circumetnea, organizza un evento che porterà i cittadini catanesi alla scoperta dei luoghi della città che furono colpiti dai bombardamenti durante il Secondo conflitto mondiale. L'obiettivo dell'iniziativa è quello di sviluppare e promuovere tra la cittadinanza l'esperienza dell'escursione urbana come mezzo di scoperta della propria città. Grazie alla convenzione stipulata con la Ferrovia Circumetnea, che fornirà supporto logistico grazie al servizio della metropolitana, i partecipanti avranno la possibilità di muoversi, mettendo in pratica uno dei principi più cari a Legambiente: quello della mobilità alternativa e sostenibile. L'iniziativa si svolgerà domenica 19 novembre a partire dalle ore 9: il punto d'incontro sarà il Palazzo della Cultura, all'interno del cortile Platamone in via Vittorio Emanuele. L'escursione - che avrà una durata di tre ore e mezza - proseguirà successivamente all'interno del quartiere della Civita, per poi spostarsi verso Palazzo Biscari e piazza Duomo. Il percorso andrà poi snodandosi alla scoperta delle chiese fantasma sino a quella di Sant'Euplio per visitarne infine la cripta. L'evento, inoltre, si inserisce all'interno della campagna nazionale di Legambiente della “Festa dell’Albero” finalizzata al contrasto di emissioni di CO2, inquinamento dell’aria, per la prevenzione del rischio idrogeologico e la perdita di biodiversità. Quest’anno, attraverso il motto "Il futuro non si brucia!" viene posta l’attenzione su un altro tema strettamente legato all’importanza della tutela degli alberi, ovvero il contrasto agli incendi boschivi, fenomeno che purtroppo ogni estate si ripresenta portando alla perdita di centinaia di migliaia di ettari di boschi e foreste. Per tale ragione il ricavato della vendita dei biglietti della metropolitana sarà destinato all'acquisto di alberi da piantumare in aree verdi cittadine. La passeggiata si concluderà nell'area soprastante la stazione metro Giovanni XXIII dove si svolgerà il Pop Up Market Sicily. Per prenotazioni: 3442249701 o via mail: guidect.eventi@gmail.com foto di copertina di Salvo Puccio: Largo XVII Agosto, nel quartiere della "Civita", teatro dei bombardamenti del 1943  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 set 2017

“Puliamo il Mondo” anche a Catania: appuntamento per pulire il Parco Gioeni

di Mobilita Catania

25 anni di impegno civile, sociale e di volontariato ambientale con 15 milioni di persone coinvolte in tutta Italia e 100mila aree ripulite. Sono i numeri di Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai e in programma questo week-end 22, 23 e 24 settembre in tutta Italia. Anche il Circolo Legambiente Catania, in occasione della campagna nazionale organizza un'azione collettiva di pulizia straordinaria del Parco Gioeni di Catania, con il supporto di Wwf Sicilia Nord Orientale Catania, Associazione Orione, ENPA Catania e Mobilità sostenibile Catania. L'appuntamento è domenica 24 settembre alle ore 10:00 all'ingresso di Via Angelo Musco (parcheggio Nord).  

Leggi tutto    Commenti 0