24 apr 2020

Legambiente, proposte per un piano urgente di mobilità sostenibile a Catania per la Fase 2 dell’emergenza COVID-19


Una serie di proposte per ripensare la mobilità cittadina, in chiave sostenibile, nella fase post lockdown da Covid-19. Ieri più di 60 tra persone e associazioni hanno partecipato all’assemblea pubblica online indetta da Legambiente Catania con l’obiettivo di raccogliere proposte per stilare un piano della mobilità post-COVID e rispondere alla possibile crisi del trasporto pubblico locale e alla mobilità della città.

Siamo in un’emergenza sanitaria che lascerà il segno ed è necessario che Catania affronti tutte le problematiche consequenziali connesse, quali ad esempio il distanziamento sociale necessario per contenere la pandemia causata dal Covid-19 e occorre anche affrontare il tema della mobilità. La città deve attuare strategie in breve tempo, non avendo neanche avviato la programmazione relativa alla mobilità in ambito urbano prevista attraverso il Piano Urbano della Mobilitá Sostenibile (PUMS), sebbene questo strumento sia obbligatorio per legge.

Le proposte evidenziante nell’assemblea cittadina sono molte e puntuali e realizzabili nell’immediato. Ciclabili temporanee per incrementare l’uso della bicicletta, un mezzo sicuro per il distanziamento fisico e utile anche a rafforzare le difese immunitarie, che vadano a ricalcare le direttrici già pianificate nella proposta di “Attuazione dei finanziamenti correlati alla mobilità sostenibile e piste ciclabili” PON METRO 2014-2020 – FESR 2014-2020, da realizzarsi subito in via emergenziale e temporanea;

Strade principali condivise (pedoni, biciclette, auto) con la velocità massima sarà di 20 km/h da attuare in tempi brevi inserendo la segnaletica verticale relativa: via Umberto, corsie del controviale di Corso Italia, via Gabriele d’Annunzio, via Vittorio Veneto;

intercettare nei parcheggi scambiatori e presso le stazioni le quote di mobilità precedentemente assorbite dal trasporto pubblico evitando che proseguano verso i centri cittadini, offrendo dei corridoi per una Rete di Mobilità d’Emergenza dedicati ai motocicli, biciclette e micromobilità;

riduzione delle aree di sosta nelle strade, definizione delle aree di carico per il traffico di consegna merci. Questi ultimi diventano anche aree di sosta di notte; Aumento del costo della sosta in centro storico, ai residenti viene offerto un parcheggio notturno scontato in un garage privato; Maggiore controllo per le auto che parcheggiano sui marciapiedi; implementazione del bike sharing elettrico e normale con una tariffazione ribassata;

una campagna di comunicazione dal basso per spiegare i vantaggi della bici e contrastare la disinformazione sulla sicurezza del Trasporto Pubblico Locale;

un tavolo permanente di consultazione sulla mobilità tra portatori di interesse per pianificare insieme i provvedimenti necessari, compresi quelli che riguardano direttamente il tpl e la sharing mobility.

Le proposte emerse durante la consulta che verranno inoltrate all’amministrazione comunale nella consapevolezza che in questa situazione occorre agire a tutti i livelli.


emergenza COVID-19fase 2legambientepiano urgente di mobilità sostenibile


Lascia un Commento