11 lug 2021

Il caso dell’albero “spostato”: quando il fine privatistico prevale sull’interesse pubblico


C’è un recente caso, a Catania, che certamente non è il primo del genere in città ma speriamo possa essere l’ultimo, che ci racconta dell’insana soppressione di alberi dalla pubblica via per soddisfare un presunto interesse personale, quando in realtà rappresenta, a ben vedere, uno svantaggio anche per chi compie il gesto.

Si tratta, nello specifico, di un albero, precisamente una jacaranda mimosifolia, come quelle che adornano via Sant’Euplio, che circa sette anni fa era stata piantumata in piazza Galatea, nell’ambito della riqualificazione della piazza che portò alla creazione della grande rotatoria con ricco arredo a verde -prato, alberi e numerose piante- e all’allargamento dei marciapiedi con piantumazione di nuovi filari di alberi.

Un intervento modello, insomma, che fino a poco tempo fa si manteneva bene nella sua totalità, con gli alberi lungo i marciapiedi che nel frattempo sono cresciuti e che rappresentavano un insieme omogeneo anche per dimensioni, dall’indubbio valore estetico, a cui si aggiunge il contributo per la salubrità dell’aria e il raffrescamento naturale in estate.

Sul lato sud della piazza, precisamente di fronte ai civici 5 e 6, uno di questi alberi forse veniva considerato un elemento di fastidio da parte del nuovo esercizio commerciale lì sorto, tant’è che già nel 2020, mentre le chiome di tutti gli altri alberi vicini erano ampie e frondose, questa povera pianta veniva invece malamente privata della sua chioma.

Da alcune settimane a questa parte, però, l’albero non c’è proprio più:

Il caso è stato sollevato sulla propria pagina Facebook da Legambiente Catania.
A seguito di tale segnalazione, in tanti, presupponendo la rimozione dell’albero da parte dell’esercizio commerciale che occupa il suolo pubblico interessato dall’albero in questione, hanno commentato sulla pagina Facebook del locale commerciale (una gastronomia-pizzeria) con dispiacere e rabbia quanto avvenuto,  suggerendo, tra le altre cose, di provvedere a ripristinare il filare di alberi con una nuova piantumazione.
Il locale, quindi, replicava sostenendo che l’albero fosse stato solo “spostato”, non eliminato, e con tanto di autorizzazione:

Non passa inosservato il termine “spostato” (ripetuto più volte, anche in commenti successivi): come se un albero fosse un oggetto, un mobile da poter spostare di qua e di là a proprio piacimento. Un albero, semmai, si trapianta: ma si tratta di una operazione complessa e traumatica per la pianta, che dev’essere compiuta nei modi giusti, con i mezzi giusti, nel periodo dell’anno giusto (non quello in cui è stato effettuato) e soprattutto per le giuste finalità, che non possono essere un interesse personale a discapito di un bene collettivo.
Alle richieste di ulteriori chiarimenti (tra cui modalità e motivazioni del trapianto, non fornite), adesso non più visibili perché tutti i commenti sulla questione sono stati eliminati nelle ultime ore dalla pagina Facebook del locale, quest’ultimo aveva risposto pubblicando foto dell’albero “spostato”:

Si tratta di un’aiuola vicina di viale Africa, quasi ad angolo con piazza Galatea. Non sfugge il dettaglio che le foto fornite inquadrano solo il tronco e non l’albero nella sua interezza: scelta che appare essere voluta per nascondere, purtroppo, la realtà dei fatti, e cioè la morte dell’albero, come testimoniato da Legambiente Catania in seguito a nuovo sopralluogo:

Le considerazioni che si possono esprimere al riguardo sono molteplici.
Innanzitutto non è normale né sano che si abbia anche solo l’idea di chiedere l’eliminazione di un albero dalla pubblica via, atteso che non cagionava nessun pericolo, visto che non era né malato né pericolante.
Cultura e sensibilità nei confronti del verde e del bene pubblico, tuttavia, non sono un obbligo di legge: semmai lo è chiedere l’autorizzazione (quantomeno) per compiere un’operazione del genere e, secondo quanto detto, tutto sarebbe stato autorizzato.

A questo punto si aprono due scenari: o l’operazione non è stata autorizzata ma compiuta ugualmente -scenario da scartare sulla scorta delle indicazioni fornite dal titolare dell’esercizio commerciale, che ha più volte ribadito di aver agito previa autorizzazione- oppure il Comune di Catania ha dato il proprio benestare.
Scenario, quest’ultimo, che se possibile è ancora più inquietante: come può l’amministrazione pubblica autorizzare l’espianto di un albero in perfetta salute da una pubblica via? Permettere che un bene comune, facente parte di un bel filare d’alberi omogeneo e di alto valore estetico, sia rimosso per agevolare un interesse privatistico? Gli alberi hanno bisogno di manutenzione (come tutto), è vero, ma oltre ad essere gradevoli alla vista sono soprattutto preziosi depuratori d’aria ed elementi raffrescanti. Privarsene, insomma, è un po’ come buttarsi la zappa sui piedi. Paradosso vuole che adesso sia un ombrellone a fornire l’ombra non più data dall’albero eliminato.

Il servizio tutela del verde del Comune di Catania, oltretutto, interpellato da Legambiente, ha fatto sapere che effettivamente era pervenuta una richiesta per la rimozione di quest’albero ma che il parere, datato 29 aprile 2021, era stato di assoluto diniego. Chi, allora, avrebbe poi dato l’autorizzazione dopo il parere negativo dell’ufficio più competente?

Si creerebbe così, inoltre, un pericoloso precedente: se ogni esercizio commerciale volesse far rimuovere un albero nei pressi del proprio locale, basterebbe allora chiedere autorizzazione al Comune? Con quali effetti, poi, sulla già scarna dotazione di alberi cittadina?

Questo è un caso di un singolo albero, ma si erge a simbolo di una circostanza che purtroppo non è nuova a Catania. Sono molti i casi quantomeno “sospetti” che interessano varie aree della città, da via Plebiscito a piazza dei Martiri.
Per questo è importante mettere un freno a questo malcostume, che rappresenta un grave depauperamento collettivo oltre che a una grande mancanza di rispetto per esseri viventi, gli alberi, di cui mai come in questi anni, oltretutto, c’è necessità, soprattutto nelle città.

Da questo caso emblematico si auspica, dunque, una forte reazione e un nuovo atteggiamento da parte dell’amministrazione locale e degli enti preposti alla vigilanza, perché a pagare non può essere sempre la città e quella larga fetta di suoi cittadini che, invece, credono e sperano in una città migliore.
D’altra parte, se l’ultimo sondaggio di democrazia partecipata in città ha dato come progetto vincitore la piantumazione di duemila alberi, vuol dire che il tema è sentito, fortunatamente. A vincere devono essere i cittadini che hanno a cuore le sorti della propria città, supportati da chi ha l’onere e l’onore di essere alla guida della città.


Ti potrebbero interessare:

 


alberialberocataniaculturaeliminazionejacarandalegambientepiazza galatearispettosoppressioneverde pubblico


Lascia un Commento

Ultimi commenti