Articolo
09 dic 2019

Metropolitana: Fontana e Monte Po aperte entro un anno precedute da Cibali

di Roberto Lentini

Questa mattina, l'assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ha effettuato un sopralluogo nei cantieri delle fermate di Fontana e Cibali della metropolitana di Catania accompagnato dal direttore generale di Ferrovia Circumetnea, Salvatore Fiore. Presso la stazione di Fontana, rispetto alla nostra ultima visita (svoltasi nel maggio del 2018), si nota l'avvenuta realizzazione della copertura del piano mezzanino nonché alcuni interventi al piano binari: piuttosto poco, dunque, rispetto al tempo trascorso. Il ritardo nei lavori è da imputarsi, come già noto, alla posizione debitoria di  CMC, azienda in crisi che ha già chiesto il concordato preventivo. La nuova stazione “Fontana“ sarà a servizio dell’Ospedale Garibaldi di Nesima  e, naturalmente, dell’abitato compreso tra Nesima e Monte Po, a sud del quartiere di Monte Palma, con ampi ambienti nei quali penetrerà la luce naturale grazie a lucernari e cavedi vetrati. Inoltre, questa  stazione fungerà anche da pubblico sottopassaggio di collegamento tra le aree a nord e a sud della circonvallazione, favorendo quindi anche la mobilità pedonale in tutta sicurezza. Peculiarità principale di questa stazione sarà il collegamento diretto con il nosocomio, distante solo 40 metri.  Raggiungere questo grande presidio ospedaliero direttamente in metropolitana e senza barriere architettoniche, sarà un enorme vantaggio per l’utenza: un servizio che al momento pochissime città possono vantare.   Procedono spediti, invece, i lavori di realizzazione del nuovo tunnel da Stesicoro a Palestro: la grande talpa  si trova in questi giorni sotto il parcheggio R1 di Amt (via Plebiscito) e si prevede possa arrivare alla stazione di Stesicoro ad aprile del 2020. A gennaio partiranno invece i lavori di allargamento del tunnel per l'allocamento delle stazioni Palestro, Vittorio Emanuele e San Domenico. È allo studio l'eventuale estrazione della grande fresa della TBM da 10 metri a conclusione dello scavo: tra le diverse ipotesi, si sta valutando quelal di realizzare un pozzo di estrazione nel primo tratto occidentale di Corso Sicilia che, nel caso, verrà quindi chiuso al traffico. Si ricorda che l'attuale appalto Palestro-Stesicoro copre solo alcune opere civili e non il completamento delle stazioni, delle rifiniture, degli impianti e dell’armamento. Per questi altri lavori e per il proseguimento della tratta sino all'aeroporto, il bando è stato pubblicato nel novembre scorso e include la posa dei binari sui 7 km dell’intera tratta, l’installazione degli impianti di alimentazione e di sollevamento, nonché tutte le opere complementari, tra cui la realizzazione delle otto nuove stazioni previste: San Domenico Vittorio Emanuele (Ospedale in dismissione) Palestro San Leone Verrazzano Librino Santa Maria Goretti (Parcheggio Scambiatore Fontanarossa - fermata FS aeroporto) Aeroporto Fontanarossa Il completamento della linea da Stesicoro all'aeroporto dovrebbe avvenire entro il 2025. La visita dell'assessore Marco Falcone, come anticipato, ha riguardato anche la fermata metro di Cibali, dove l'ultimo sopralluogo risaliva al settembre scorso. Nel caso di Cibali, come già riportato, uno dei motivi che fino ad oggi hanno impedito il completamento dei lavori e quindi l'apertura della stazione è relativo alla presenza di copiose infiltrazioni d’acqua. Purtroppo bisogna registrare che alla data attuale il problema è stato risolto solo in parte: si continua, dunque, a procedere con iniezioni di resina nei punti soggetti infiltrazioni d'acqua sino a poter garantire un totale isolamento. Rispetto alla visita precedente, si è potuta apprezzare la realizzazione nel frattempo portata a termine della discenderia lato sud, dal mezzanino al piano binari, e la piastrellatura della discenderia lato nord. A questo punto, la tempistica rimane vincolata alla risposta dell’acqua: bisogna attendere un periodo ragionevole per verificare il buon esito delle iniezioni, sperando che le infiltrazioni non affiorino in altri punti della struttura, altrimenti occorrerà ripetere l’intervento (e attendere nuovamente la verifica). La stazione dovrebbe aprire entro il primo semestre del 2020. Ma la tempistica certa -che poi è quella relativa al montaggio degli impianti e delle rifiniture- si conoscerà solo quando la struttura potrà dirsi finalmente messa in sicurezza sotto il profilo idrogeologico.   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante Ferroviario di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 set 2019

VIDEO | Dentro il tunnel della metropolitana di Catania tra Palestro e Stesicoro

di Amedeo Paladino

L'assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ieri ha effettuato un sopralluogo ai cantieri per la costruzione della metropolitana di Catania. Ad accompagnarlo c'erano il direttore generale di Ferrovia Circumetnea, Salvatore Fiore, e il sindaco di Catania, Salvo Pogliese. Prima tappa i lavori sulla tratta Palestro-Stesicoro. La Cooperativa Muratori & Cementisti (C.M.C.) di Ravenna ha in appalto i lavori di questo lotto, che prevede la realizzazione di un tunnel sotto il centro storico di Catania, per il quale viene utilizzata la stessa metodologia di costruzione del tunnel della tratta Nesima-Monte Po, già ultimato ad opera della stessa impresa. La grande talpa sta lavorando contestualmente allo scavo e al montaggio degli anelli prefabbricati di calcestruzzo, denominati "conci", che costituiscono il rivestimento della galleria. L'assessore regionale Falcone e il direttore della Fce Fiore hanno aggiornato il cronoprogramma dei lavori: lo scavo verrà portato a termine entro la prima metà del 2020. L'appalto di questi lavori prevede la realizzazione di una galleria di linea della lunghezza di 2,2 chilometri delle gallerie delle stazioni San Domenico, Vittorio Emanuele e Palestro e di sette aperture equilibratrici. Allo stato attuale, infatti, il finanziamento copre solo alcune opere civili e non il completamento delle stazioni, delle rifiniture, degli impianti e dell’armamento, per il quale sono in corso le procedure per la pubblicazione del bando di gara per poter completare l’intera tratta Stesicoro-Aeroporto, stazioni comprese, entro il 2024. Nel mese di aprile di quest'anno la Commissione Europea ha inserito la tratta Stesicoro-Aeroporto della metropolitana di Catania tra i grandi progetti finanziati attraverso i fondi comunitari. Nel video vi mostriamo il tratto di 700 metri della galleria finora realizzato. Per conoscere l'esatta localizzazione delle stazioni della tratta Stesicoro-Aeroporto, secondo il progetto definitivo (suscettibile di variazioni nel finale progetto esecutivo), basta consultare il nostro articolo al riguardo tramite questo link. Ti potrebbero interessare:  Metropolitana di Catania: storia e sviluppi futuri Metropolitana di Catania, da Stesicoro all’aeroporto: dove sorgeranno le stazioni Dal 2021 in esercizio i nuovi treni della metro di Catania: ecco come saranno

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
02 mag 2019

A18, fino a luglio lavori all’interno della galleria Giardini Naxos

di Mobilita Catania

Sono stati avviati i lavori da eseguire all’interno della Galleria Giardini Naxos per la sua messa in sicurezza e la conseguente riapertura alla viabilità, eliminando pure il doppio senso di circolazione nella carreggiata monte. Tutti gli interventi si concluderanno il prossimo 3 luglio. Al verificarsi del distacco di piccole porzioni della parte superficiale del rivestimento in conglomerato cementizio della galleria, gli uffici tecnici preposti sono immediatamente intervenuti con specifici interventi tamponi e nel contempo sono state effettuate indagini sui materiali costituenti il rivestimento della galleria al fine di valutare la composizione, il degrado del legante cementizio e le proprietà meccaniche del calcestruzzo. In aggiunta sono state effettuate prove georadar finalizzate sia ad accertare gli spessori del calcestruzzo di rivestimento in calotta sia per constatare la presenza di eventuali vuoti o anomalie di costruzione e possibili fessurazioni, ed a tal fine sono state effettuate scansioni in calotta. Per tali approfondimenti è stato richiesto una consulenza geotecnica specializzata alla facoltà di Ingegneria ed Architettura dell’Università Kore di Enna. Di seguito i lavori di ripristino da eseguire: • rimozione e rifacimento dell'impianto elettrico di illuminazione esistente posto sui due lati della galleria; • ldrodemolizione (scarificazione) corticale del rivestimento per asportazione dello strato superficiale degradato (profondità da 3 a 5 com secondo lo spessore); • Pre-trattamento di superfici in conglomerato cementizio per l’adesione omogenea tra vecchia e nuova struttura; • Rete elettrosaldata da fissare al paramento (calotta e piedritti) con ganci (o arpioni) in acciaio opportunamente inghisati (perforazione e sigillatura); • Conglomerato cementizio spruzzato (spritz beton) con aggiunta di fibre in polipropilene per uso strutturale (spessore da cm10 a cm15) nei tratti maggiormente ammalorati; • lnalbamento della Galleria fino all'altezza di mt.4 dal piano dì calpestio dei marciapiede. • Rivestimento drenante con lamiera metallica grecata e zincata al fine di proteggere i tratti meno degradati o quei tratti dove maggiormente si manifesta la percolazione idrica. Non sono previsti interventi sui marciapiedi esistenti in quanto saranno oggetto di successivo adeguamento ai sensi del D.M. 264/06 (realizzazione dei condotti di alloggiamento cavi elettrici e altri servizi (telefonia. Segnali, ecc.). Al fine di accelerare l'esecuzione dei lavori sono previsti due turni di lavorazione, la ditta esecutrice è la OPERES srl di Santa Venerina (CT) con spesa a carico del bilancio CAS Per rimanere sempre aggiornati seguite i nostri canali Telegram  Informazioni in tempo reale sulla viabilità ▶ https://t.me/trafficoemobilitacatania Le #notizie del nostro sito ▶ https://t.me/mobilitacatania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 nov 2018

FOTO | È iniziato lo scavo del tunnel metro Stesicoro-Palestro

di Mobilita Catania

Ha preso il via stamane lo scavo della galleria Palestro-Stesicoro della metropolitana di Catania ad opera della "talpa": il tunnel sarà lungo più di due chilometri.  Nel grande cantiere allestito in via Palermo, a Catania, questa mattina è stata per la prima volta avviata la Tunnel Boring Machine, comunemente detta "talpa", per lo scavo della nuova galleria della metropolitana di Catania, lungo la quale -ma attraverso un nuovo appalto ancora da espletare- sorgeranno tre nuove stazioni: San Domenico, Vittorio Emanuele (Ospedale) e Palestro. Secondo il cronoprogramma, lo scavo verrà portato a termine entro la prima metà del 2020. Mobilita Catania era presente all'avvio delle operazioni odierne. La Cooperativa Muratori & Cementisti (C.M.C.) di Ravenna ha in appalto i lavori di questo lotto, che prevede la realizzazione di un tunnel di 2,2 chilometri sotto il centro storico di Catania, utilizzando la stessa metodologia di costruzione del tunnel della tratta Nesima-Monte Po, già ultimato ad opera della stessa impresa. La grande talpa, da oggi in azione, lavora contestualmente allo scavo e al montaggio degli anelli prefabbricati di calcestruzzo, denominati "conci", che costituiscono il rivestimento della galleria. L'utilizzo della TBM permette di realizzare la galleria senza occupazioni di cantiere in superficie e senza mettere a rischio la stabilità dei fabbricati soprastanti, garantendo dei tempi di realizzazione più rapidi rispetto ai metodi cosiddetti "tradizionali". Inoltre, per evitare interferenze archeologiche nel centro storico di Catania, questa tratta della metropolitana etnea sarà la più profonda a livello altimetrico. https://www.youtube.com/watch?v=ARS-R0e5fcc Scendendo nel dettaglio, l'appalto prevede la realizzazione di una galleria di linea della lunghezza di 2.177,52 metri, delle gallerie delle stazioni San Domenico, Vittorio Emanuele e Palestro e di sette aperture equilibratrici. Quando lo scavo del tunnel giungerà in prossimità di Stesicoro, il percorso della TBM si interromperà, in asse col percorso, e l'ultimo tratto di galleria verrà completato attraverso scavo tradizionale sino all'abbattimento del diaframma con Stesicoro. Contrariamente a quanto precedentemente pensato, tutte le componenti della talpa torneranno indietro e saranno interamente recuperate per poter essere nuovamente impiegate in altri lavori. A differenza di quanto avvenuto per la tratta Nesima-Monte Po, il diaframma di Stesicoro sarà l'unico ad essere abbattuto nel corso della realizzazione della tratta, per due motivi strettamente legati tra loro: in questa fase non è prevista la realizzazione delle stazioni (dunque la talpa non incontrerà i rispettivi lavori di realizzazione, lungo il suo percorso) e inoltre, in questo caso, le stazioni non saranno realizzate con scavi a cielo aperto ma partendo direttamente dal piano binari, attorno al quale, già in questo lotto di lavori, saranno realizzate le gallerie di stazione in allargamento. Allo stato attuale, come premesso, il finanziamento copre solo alcune opere civili e non il completamento delle stazioni, delle rifiniture, degli impianti e dell’armamento, per il quale sono in corso le procedure per l’accesso al finanziamento di circa 400 milioni inserito nel Documento di economia e finanza, già approvato dal Consiglio dei Ministri, e per il successivo bando di gara necessario per poter completare l’intera tratta Stesicoro-Aeroporto, stazioni comprese, entro il 2024. Per conoscere l'esatta localizzazione delle stazioni della tratta Stesicoro-Aeroporto, secondo il progetto definitivo (suscettibile di variazioni nel finale progetto esecutivo), basta consultare il nostro articolo al riguardo tramite questo link. Sono attualmente in corso anche i lavori di completamento della tratta Nesima-Monte Po, con la stazione intermedia Fontana, in appalto alla medesima impresa: in questo caso, l'ultimazione dei lavori è prevista entro l'estate del 2019. Ti potrebbero interessare… Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera FOTO | Dentro le nuove stazioni metro di Monte Po e Fontana, avanzano i lavori Metropolitana, a breve l’apertura domenicale e altre migliorie al servizio Metro, entro il primo semestre 2019 l’apertura delle stazioni di Fontana e di Monte Po FOTO | Metropolitana, si lavora nel cantiere base della Palestro-Stesicoro Metropolitana, aggiudicati i lavori per le nuove scale mobili nelle stazioni Italia e Borgo Metro Stesicoro-Palestro: al via lavori a traffico aperto in via Plebiscito Metropolitana. tratta Monte Po-Misterbianco: la Cmc di Ravenna si aggiudica il bando Lavori stazione metro Cibali, restringimenti e divieti in via Galermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 nov 2018

FOTO | Metro, a breve lo scavo del tunnel Palestro-Stesicoro con la TBM: obiettivo 2020

di Andrea Tartaglia

Comincerà nel brevissimo termine lo scavo della galleria Palestro-Stesicoro della metropolitana di Catania ad opera della Tunnel Boring Machine, comunemente detta "talpa". Nel grande cantiere allestito in via Palermo, a Catania, parte della galleria è stata già realizzata attraverso uno scavo di tipo tradizionale proprio per consentire l'ingresso della talpa e delle sue diverse componenti, che sono state introdotte nel sottosuolo attraverso un grande pozzo di immissione opportunamente realizzato. Lo scavo con la TBM, in realtà, sarebbe dovuto già cominciare nei mesi scorsi ma si è dovuto attendere che fosse eseguito l'allacciamento alla rete Enel proprio per l'alimentazione della talpa. La Cooperativa Muratori & Cementisti (C.M.C.) di Ravenna ha in appalto i lavori di questo lotto, che prevede la realizzazione di un tunnel di 2,2 chilometri sotto il centro storico di Catania, per il quale verrà utilizzata la stessa metodologia di costruzione del tunnel della tratta Nesima-Monte Po, già ultimato ad opera della stessa impresa. La grande talpa lavorerà contestualmente allo scavo e al montaggio degli anelli prefabbricati di calcestruzzo, denominati "conci", che costituiscono il rivestimento della galleria. L'utilizzo della TBM permette di realizzare la galleria senza occupazioni di cantiere in superficie e senza mettere a rischio la stabilità dei fabbricati soprastanti, garantendo dei tempi di realizzazione più rapidi rispetto ai metodi cosiddetti "tradizionali". Inoltre, per evitare interferenze archeologiche nel centro storico di Catania, questa tratta della metropolitana etnea sarà la più profonda a livello altimetrico. https://www.youtube.com/watch?v=ARS-R0e5fcc Secondo il cronoprogramma, lo scavo verrà portato a termine entro la prima metà del 2020. Quando lo scavo del tunnel giungerà in prossimità di Stesicoro, il percorso della TBM sarà deviato con il parziale tombamento di diversi elementi della talpa. Il tunnel, infatti, verrà completato negli ultimi metri attraverso uno scavo tradizionale sino all'abbattimento del diaframma con Stesicoro. A differenza di quanto avvenuto per la tratta Nesima-Monte Po, questo sarà l'unico diaframma ad essere abbattuto nel corso della realizzazione della tratta, per due motivi strettamente legati tra loro: in questa fase non è prevista la realizzazione delle stazioni (dunque la talpa non incontrerà i rispettivi lavori di realizzazione, lungo il suo percorso) e inoltre, in questo caso, le stazioni non saranno realizzate con scavi a cielo aperto ma partendo direttamente dal piano binari, attorno al quale, già in questo lotto di lavori, saranno realizzate le gallerie di stazione in allargamento. Mobilita Catania ha visitato il cantiere di via Palermo e offre in esclusiva queste immagini: Scendendo nel dettaglio, l'appalto prevede la realizzazione di una galleria di linea della lunghezza di 2.177,52 metri, delle gallerie delle stazioni San Domenico, Vittorio Emanuele e Palestro e di sette aperture equilibratrici. Allo stato attuale, infatti, il finanziamento copre solo alcune opere civili e non il completamento delle stazioni, delle rifiniture, degli impianti e dell’armamento, per il quale sono in corso le procedure per l’accesso al finanziamento di circa 400 milioni inserito nel Documento di economia e finanza, già approvato dal Consiglio dei Ministri, e per il successivo bando di gara necessario per poter completare l’intera tratta Stesicoro-Aeroporto, stazioni comprese, entro il 2024. Per conoscere l'esatta localizzazione delle stazioni della tratta Stesicoro-Aeroporto, secondo il progetto definitivo (suscettibile di variazioni nel finale progetto esecutivo), basta consultare il nostro articolo al riguardo tramite questo link. Sono attualmente in corso anche i lavori di completamento della tratta Nesima-Monte Po, con la stazione intermedia Fontana, in appalto alla medesima impresa: in questo caso, l'ultimazione dei lavori è prevista entro l'estate del 2019. Ti potrebbero interessare… Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera FOTO | Dentro le nuove stazioni metro di Monte Po e Fontana, avanzano i lavori Metropolitana, a breve l’apertura domenicale e altre migliorie al servizio Metro, entro il primo semestre 2019 l’apertura delle stazioni di Fontana e di Monte Po FOTO | Metropolitana, si lavora nel cantiere base della Palestro-Stesicoro Metropolitana, aggiudicati i lavori per le nuove scale mobili nelle stazioni Italia e Borgo Metro Stesicoro-Palestro: al via lavori a traffico aperto in via Plebiscito Metropolitana. tratta Monte Po-Misterbianco: la Cmc di Ravenna si aggiudica il bando Lavori stazione metro Cibali, restringimenti e divieti in via Galermo

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 nov 2018

Autostrada ME-CT: modifiche alla viabilità per lavori nelle gallerie

di Mobilita Catania

A18 Autostrada ME-CT – Chiusi lo svincolo di Taormina (in entrata ed uscita) e la carreggiata lato valle (direzione Messina) del tratto Taormina-Giardini Naxos. Istituito il doppio senso di circolazione nella corrispondente carreggiata lato monte (direzione Catania).   Per la esecuzioni di vari lavori – già noti fin dallo scorso 12 ottobre – da eseguire nelle gallerie  “Taormina” (ubicata nella rampa d’uscita da Messina dello svincolo di Taormina) e nelle gallerie “S. Antonio”, “Taormina” e “Giardini” (poste nella tratta Taormina/Giardini Naxos, direzione CT) si rende necessario chiudere al traffico fino al 30 novembre: lo svincolo di Taormina, sia in entrata che in uscita in entrambe le direzioni di marcia e la carreggiata di valle (Direzione Messina) nel tratto compreso tra Taormina e Giardini Naxos. Conseguentemente, nella carreggiata monte (direzione Catania) di tale tratto è stato istituito il doppio senso di circolazione. Gli Uffici Tecnici e tutte le imprese esecutrici delle manutenzioni sono impegnati al massimo per concludere velocemente i lavori (da eseguire anche in ore notturne) di messa in sicurezza in modo che in tempi ravvicinati si possa ristabilire la viabilità ordinaria nel comprensorio autostradale revocando tutte limitazioni poste. Di seguito gli interventi nella Galleria Taormina: pulizia e sistemazione della banchina, pulizia e profilatura dei piedritti, idrolavaggio delle pareti, rivestimento (con lamiera grecata), verniciatura delle pareti, rimozione dell’impianto elettrico esistente ed attivazione del nuovo impianto di illuminazione con lampade led, sistemazione della segnaletica stradale. Quelli nelle altre tre gallerie: pulizia e spurgo pozzetti, cunette e marciapiedi, idrolavaggio, spicconatura di intonaco, pretrattamento superfici in cis ed applicazioni di malta, inalbamento con vernice in epossiacrilica, posa in opera di lastre in cis (camminamento) e di delinea tori, pulizia spurgo fossi di guardia, taglio di arbusti e canneti e verde infestante nonché abbattimento di alberature. Le modifiche alla viabilità, scaturite dal crono programma dei lavori, sono state portate a conoscenza del COV (Comitato Viabilità della Prefettura) che le ha condivise ed autorizzate.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 mar 2018

La TBM per lo scavo metro pronta ad essere estratta: la viabilità in circonvallazione

di Mobilita Catania

A partire da lunedì prossimo, 19 marzo, solo nelle ore notturne (dalle 21 alle sei del mattino successivo), il traffico sulla circonvallazione in uscita da Catania all'altezza della rotatoria di Nesima sarà deviato per consentire l'estrazione della "talpa" che ha scavato la galleria della tratta metropolitana Nesima-Monte Po. I veicoli provenienti da viale Lorenzo Bolano e diretti a Misterbianco, saranno deviati lungo la rotatoria di viale Bolano con via Francesco Miceli verso Sud, e poi sulla stessa via Miceli, su via San Pio X e via Antonio Pacinotti, da dove potranno raggiungere la carreggiata nord di viale Felice Fontana. La viabilità alternativa notturna, messa a punto per evitare disagi alla circolazione stradale nei momenti di maggior traffico, sarà mantenuta per tutta la durata delle operazioni che si prevede si protrarranno per venti giorni. Soltanto per la giornata di lunedì 19, quando dovrà essere estratta la testa della talpa, il flusso dei veicoli sarà deviato a partire dalle 17,30; pattuglie della Polizia municipale saranno presenti per facilitare la fluidità del traffico.   Ti potrebbero interessare: FOTO | Metropolitana, giù il diaframma: completa la galleria Nesima-Monte Po VIDEO | Metropolitana di Catania, in volo sul cantiere Nesima-Monte Po Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2024

Leggi tutto    Commenti 0