Articolo
08 lug 2016

Metropolitana, Di Giambattista: «Le due tratte aperte a dicembre e a febbraio»

di Mobilita Catania

Nonostante la sentenza formulata due giorni fa dal Consiglio di Giustizia Amministrativa, Virginio Di Giambattista, commissario governativo Ferrovia Circumetnea, conferma il cronoprogramma per la messa in esercizio delle due tratte della metropolitana catanese in via di completamento foto in evidenza: stazione San Nullo. Fonte: La Sicilia L'ingegnere Di Giambattista, durante la II Conferenza Nazionale sulla Mobilità sostenibile, in corso oggi e domani presso il Monastero dei Benedettini di Catania, ha affermato che si conta di mettere in esercizio la tratta Galatea-Stesicoro a dicembre di quest'anno, mentre per la Nesima-Borgo bisognerà attendere le festività agatine di febbraio. Viene confermato così il nuovo cronoprogramma dettato dalla Ferrovia Circumetnea ad aprile 2016, dopo lo sblocco dei cantieri a seguito delle vicende Tecnis. La recente sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che ha accolto l’appello del consorzio Ciro Menotti contro l'aggiudicazione dei lavori di realizzazione della tratta Galatea-Giovanni XXIII all’associazione temporanea d’imprese tra la Tecnis e il Consorzio Stabile Infratech, non sembra preoccupare la dirigenza FCE. Nel frattempo i lavori delle due tratte proseguono a pieno regime. In viale Africa si lavora per la costruzione della stazione Giovanni XXIII, operazioni per le quali si è resa necessaria la chiusura parziale di viale Africa. Pertanto, dopo un breve periodo necessario per verifiche e collaudi, le estensioni potranno entrare in esercizio nel 2017, portando a nove i chilometri di metropolitana (contro i 3,8 attuali) e raddoppiando le stazioni da 6 a 12. La nuova linea della metropolitana, dunque, già dall'anno prossimo sarà così articolata, partendo dalla periferia: Nesima San Nullo Cibali Milo  Borgo Giuffrida Italia Galatea Stazione Centrale FS Porto Giovanni XXIII  Stesicoro Nei giorni scorsi Mobilita Catania si è recata presso i cantieri della metropolitana: qui potete consultare il resoconto dettagliato e le foto dei lavori. Per la tratta Nesima-Monte-Po i lavori proseguono: tra un mese la TBM "Agata" sarà pronta per effettuare lo scavo del tunnel a partire dal cantiere di Torre Tabita. Buone notizie anche dal lotto Stesicoro-Palestro: a breve saranno aperti pure i cantieri, con un’altra TBM che verrà chiamata Grazia- che deve ancora arrivare - e entrerà probabilmente nel sottosuolo nei pressi del cavalcavia di via Palermo. In questo caso i lavori appaltati riguardano la sola realizzazione del tunnel e non delle relative stazioni (San Domenico, Ospedale Vittorio Emanuele e Palestro), per le quali è previsto un diverso appalto. Ti potrebbero interessare... Metropolitana di Catania | Storia e scheda dell’opera; Metropolitana, consegna del cantiere Stesicoro-Palestro imminente; Cantieri metropolitana, si torna a lavoro: ecco il nuovo cronoprogramma  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 apr 2016

FOTO | Piazza Borsellino, procedono i lavori per l’area di sosta e il capolinea

di Amedeo Paladino

Il progetto di riqualificazione del capolinea AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) è in corso di realizzazione. Dopo circa 45 giorni dall'inizio dei lavori vi mostriamo la  situazione del cantiere. Nuovi stalli sosta e sbarre automatiche per eliminare gli abusivi. L’inizio dei lavori era atteso a novembre, ma la delimitazione del cantiere e i primi interventi sono cominciati a metà febbraio: stando al cronoprogramma di AMT il cantiere dovrebbe concludersi tra un mese e mezzo circa. Il progetto  prevede la razionalizzazione degli spazi dell’area di piazza Borsellino- già piazza Alcalà: il marciapiede antistante la rotonda verrà arretrato di cinque metri, ospitando il box AMT e la pensilina; lo spazio dedicato agli autobus urbani ed extraurbani rimarrà immutato. L'intervento di razionalizzazione degli spazi permetterà la creazione di un’area di sosta a pagamento automatizzata: nei due accessi sotto gli Archi della Marina verranno installate delle sbarre automatiche per permettere l’ingresso degli automobilisti. Gli altri stalli di via Jonica e via Lavandaie, attualmente gestiti da Sostare, saranno integrati all’area di sosta: la realizzazione del progetto garantirà l’aumento dell’offerta di sosta, si passerà infatti da 78 posti auto a 108; verrà inoltre installato un sistema di videosorveglianza e delle rastrelliere per le biciclette. In questi giorni Mobilita Catania si è recata presso il cantiere: i lavori sembrano rispettare i tempi attesi. Il vecchio asfalto è stato scarificato, gli spazi sono stati modificati e si sta già procedendo all'installazione della nuova pavimentazione dell'area che ospita la nuova pensilina. In ordine temporale gli ultimi interventi dovrebbero riguardare l'installazione degli impianti tecnologici, quali sbarre automatiche d'ingresso e di uscita e impianti di videosorveglianza. Ecco le foto dei lavori. Il costo del progetto è esiguo poiché facente parte di tre appalti preesistenti uno dei quali inerente ai lavori del parcheggio scambiatore Fontanarossa. La realizzazione del progetto porterà al riordino dell’area e all’eliminazione dei parcheggiatori abusivi che gestiscono la sosta; al momento non si conoscono i dettagli sulla tariffazione della sosta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mar 2016

Procedono spediti i lavori dell’autostrada Siracusa-Gela

di Roberto Lentini

Procedono spediti i lavori dell'autostrada Siracusa-Gela tanto che il cronoprogramma è in anticipo di qualche mese sulla data del marzo 2018 quando tutti i 20 km che portano da Rosolini a Modica saranno completati. La galleria in contrada Graffetta è praticamente ultimata, mentre è stato già abbattuto l'ultimo diaframma della galleria Mandravecchia. Le altre due opere degne di attenzione sono i due viadotti Salvia e Scardina lunghi due chilometri che già si trovano in una fase avanzata dei lavori.   L’intervento attuale riguarda il 2° tronco del progetto complessivo e consiste nella realizzazione dei seguenti lotti che porteranno l'autostrada da Rosolini fino a Modica passando per Ispica e Pozzallo: Lotto 6 + 7 “Ispica e Viadotti Scardina e Salvia”, della lunghezza di km 9+749,00, che si sviluppano dal km 41+936,00 aI km 51+685,00 ed interessano i territori dei comuni di Noto e Rosolini (Siracusa) e Ispica (Ragusa); Lotto 8 “Modica”, della lunghezza di km 9+735,00, che si sviluppa dal km 51+685,00 al km 61 +420,00 ed interessa i territori dei comuni di Ispica e Modica (Ragusa). L’importo complessivo a base d’asta delle opere è di 289.560.523,89 euro comprensivo di 7.826.110,67 euro per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso d’asta, anche se la cifra contrattuale è di 215.660.900,67 euro sempre comprensivo degli oneri anzidetti. L'appalto è  stato affidato alla R.T.I., Società per le Condotte d’Acqua spa (capogruppo) ma ci sono 5 imprese subappaltatrici: Cossi Costruzioni, Ital Edil Costruzioni, Sicilville, Begen e Ati Gionfriddo-Fercal). Progettista è la società Technital di Verona.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 gen 2016

Corso Martiri della Libertà, dall’Anac parere positivo sulla procedura d’affidamento

di Andrea Tartaglia

Tra le sfide del 2016 per la città di Catania rientra a pieno titolo l'avvio dei lavori di risanamento di Corso Martiri della Libertà, per il quale è stato redatto un progetto di rilievo internazionale da parte dello studio di architettura di Mario Cucinella. L'amministrazione comunale di Catania aveva richiesto all'autorità nazionale anti-corruzione, l'Anac, un parere circa il modus operandi per l'avvio dei cantieri: procedura di affidamento diretto da parte dei privati proprietari delle aree o gare ad evidenza pubblica. Ebbene, il parere è giunto e consente l'affidamento diretto, per cui si prospettano tempi più brevi rispetto a quelli che si renderebbero necessari con le gare pubbliche. Il primo step, quindi, consisterà nelle opere di urbanizzazione (parcheggi interrati ed aree verdi). Per l'avvio, a questo punto, manca solo il completamento della documentazione tecnica da parte dei privati affinché il comune possa rilasciare la concessione edilizia. Una volta rilasciata, ai sensi di legge i privati avranno un massimo di un anno di tempo per l'inizio dei lavori, pena la decadenza del titolo. Leggi anche: Il progetto di Corso Martiri della Libertà

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
16 dic 2015

Metropolitana, nuova tratta Nesima-Monte Po: allestiti i cantieri

di Andrea Tartaglia

Mentre procedono a pieno ritmo i lavori di completamento delle tratte Borgo-Nesima e Galatea-Stesicoro, la cui apertura è prevista per il 2016, vanno avanti anche le opere propedeutiche per l'avvio dei lavori sulle nuove, future estensioni della metropolitana di Catania: le tratte Fontana-Monte Po, in direzione Misterbianco, e Stesicoro-Palestro, in direzione aeroporto. Ci focalizziamo sulla prima, poiché su questo fronte appare ormai imminente l'avvio dei lavori, per i quali sono previsti 600 giorni. In Corso Carlo Marx, a Misterbianco, nei pressi della Torre Tabita, è stata pulita, recintata e attrezzata una vasta area per il cantiere. L'area è di proprietà della CMC di Ravenna (Cooperativa Muratori e Cementisti), ovvero l'impresa aggiudicataria di entrambi i nuovi lotti funzionali. Da qui entrerà la TBM per iniziare lo scavo del tunnel, che sarà più lungo di circa 30 metri rispetto alle previsioni iniziali proprio per sfruttare l'area di proprietà dell'impresa, che ha anche scelto la metodologia di scavo citata, ovvero l'impiego della "talpa". Tale metodologia, pur richiedendo un lavoro iniziale importante in termini di complessità e tempi di montaggio, permette uno scavo nel sottosuolo molto più rapido rispetto alle tecnologie tradizionali, utilizzate finora sia per la tratta già in esercizio (Borgo-Porto), sia per le tratte in fase di completamento (Borgo-Nesima e Galatea-Stesicoro). La tratta Nesima-Monte Po sarà lunga circa 1,7 km e collegherà la stazione di Nesima, quasi ultimata, a quella nuova di Monte Po (in realtà ricadente nel territorio di Misterbianco, ma con accessi anche dal territorio di Catania). In mezzo, la nuova stazione di viale Felice Fontana, nei pressi del nuovo ospedale Garibalidi, al quale sarà collegata attraverso un tunnel. L'inizio effettivo dei lavori è previsto entro i primi mesi del 2016 e la loro durata programmata è di 600 giorni, compresi armamento e finiture: senza intoppi, dunque, questa tratta potrà essere completata entro il 2017 e aperta al pubblico nel 2018. [Foto di copertina di Giuseppe Allegra]   Ti potrebbero interessare:  FOTO | Metro Nesima-Monte Po, consegnate le aree di cantiere: ecco come saranno le stazioni VIDEO | Nuove tratte metropolitana: come e dove verranno scavate

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
13 ott 2015

Viabilità, senso unico in via Sebastiano Catania per lavori metro

di Andrea Tartaglia

Nell'ambito dei lavori di completamento della tratta Nesima-Borgo della metropolitana, un senso unico di marcia sarà istituito in via Sebastiano Catania da domani, mercoledì 14 ottobre, fino a sabato 31 ottobre, nel tratto compreso tra via Antonio Merlino e viale Antoniotto Usodimare, in direzione della circonvallazione. La zona sarà presidiata da una pattuglia della Polizia municipale.   I lavori saranno in prossimità della fermata metro di San Nullo, la cui apertura è prevista per l'estate 2016.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 ott 2015

Viabilità, Corso Martiri della Libertà chiuso al traffico per lavori metro

di Andrea Tartaglia

Nell'ambito dei lavori di completamento della tratta Galatea-Stesicoro della metropolitana, questa notte un tratto di corso Martiri della Libertà rimarrà chiuso al traffico dalle ore 21 sino alle ore 6 di domani, mercoledì 14 ottobre. I lavori, per conto del Ministero delle Infrastrutture, riguardano le prove di carico sulla galleria della metropolitana, la cui apertura è prevista per l'estate 2016. Previste variazioni al transito veicolare per tutto l'arco di tempo annunciato: in particolare verrà chiuso al traffico corso Martiri della Libertà, nel tratto compreso tra via Enrico De Nicola e via Fancesco Crispi. Nel corso della chiusura, il flusso veicolare proveniente da piazza Stesicoro e diretto verso piazza Papa Giovanni XXIII sarà deviato lungo le vie Crispi e, quindi, Archimede. I veicoli, invece, provenienti da piazza Giovanni XXIII e diretti in piazza Stericoro, seguiranno il percorso di via Marchese di Casalotto e, quindi, via Crispi. Le strade chiuse e i percorsi alternativi saranno evidenziati  con segnaletica temporanea. Nella zona interessata, saranno presenti pattuglie della Polizia Urbana per assicurare il corretto transito veicolare.     

Leggi tutto    Commenti 0