Articolo
26 mag 2017

Il comune di Belpasso punta a un servizio di navetta per la stazione Nesima della metropolitana

di Mobilita Catania

Dopo Misterbianco anche l'amministrazione di Belpasso punta ad un servizio navetta di collegamento tra il centro urbano di Belpasso e la fermata Nesima della metropolitana di Catania. La proposta è stata già presentata ai vertici della Ferrovia Circumetnea e nei prossimi giorni inizierà la fase di studio per la fattibilità del servizio. Il comune di Belpasso è penalizzato dal fatto che la stazione della FCE si trova in territorio di Piano Tavola distante circa 4 chilometri dal centro, e un simile servizio potrebbe attivare un collegamento veloce tra il comune di Belpasso e la città di Catania evitando così l'uso dell'auto, lasciando comunque la fermata di Piano Tavola nell'itinerario del nuovo servizio bus. Un servizio analogo di bus-navetta collega le frazioni di Misterbianco, Lineri e Montepalma, con la stazione di Nesima della metropolitana di Catania ha esordito alcune settimane fa: esso prevede 34 corse giornaliere con frequenze differenziate in base all'orario, per usufruire del servizio basta presentare il proprio abbonamento o comprare il biglietto giornaliero della metro al costo di 2 euro. Ti potrebbero interessare: Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Metropolitana di Catania | Storia e sviluppi futuri

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
17 mag 2017

Lavori in due tratti di circonvallazione per metropolitana e passante ferroviario: modifiche alla viabilità

di Mobilita Catania

Nelle notti del 18 e del 19 maggio divieto di transito nel tratto di viale Ulisse in prossimità del cavalcavia ferroviario. Dal 18 al 23 maggio restringimento della carreggiata sud di viale Bolano.  In particolare, nelle notti di giovedì 18 e venerdì 19 maggio, dalle ore 21.30 e sino alle 6.30 del giorno successivo, sarà chiuso al transito il tratto di viale Ulisse in prossimità del cavalcavia ferroviario. Il provvedimento consentirà alla RFI (Rete Ferroviaria Italiana) di eseguire interventi di manutenzione e verifica del vecchio viadotto, in vista della ormai prossima inaugurazione del vecchio binario riqualificato e dell'apertura delle nuove stazioni Ognina ed Europa. Sono previsti dei percorsi alternativi. Nella notte di giovedì, i veicoli provenienti da viale Ulisse e diretti verso Ognina e Aci Castello saranno deviati lungo via De Caro, da dove potranno raggiungere via del Rotolo e il Lungomare. Nella notte di venerdì,  i veicoli provenienti da Aci Castello – via Messina e diretti in viale Ulisse saranno deviati sulla Rotatoria SS. 114,  in viale Paul Percy Harris, viale Enzo Longo, viale Giuseppe Lainò, via Alfred Rittmann, via Bernardo Colnago, per poi raggiungere la Circonvallazione. Riguardo a viale Lorenzo Bolano, dal 18 al 23 maggio è previsto il restringimento della carreggiata sud, in prossimità di viale Antonio Pacinotti. Il provvedimento consentirà alla CMC, azienda che ha in appalto i lavori per la nuova tratta della metropolitana Nesima-Monte Po,di eseguire i lavori propedeutici al pozzo di estrazione della macchina fresatrice Talpa (TBM), per lo spostamento di cavi telefonici. (Qui il punto sui lavori della tratta Nesima-Monte Po) Tutti gli interventi saranno indicati dalla segnaletica per l'intera durata dei lavori, pattuglie della Polizia municipale vigileranno per alleviare i disagi alla viabilità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mag 2017

Corri Catania: divieti di transito e sosta, viabilità, metropolitana e AMT

di Amedeo Paladino

Domenica 14 maggio è in programma Corri Catania, la corsacamminata di solidarietà aperta a tutti, ormai appuntamento attesissimo della primavera catanese. I divieti, la viabilità e il trasporto pubblico. Divieti e viabilità Per permettere il regolare svolgimento della manifestazione il Comune ha disposto i seguenti provvedimenti: con effetto limitato dalle ore 8:00 alle ore 14:00 (e comunque, sino a cessate esigenze) di Domenica 14 Maggio 2017, è istituito il divieto di transito per tutti i veicoli, (eccetto: mezzi degli addetti alla manifestazione, residenti diretti alle autorimesse, mezzi di soccorso in emergenza, Forze dell’Ordine e mezzi A.M.T.), nei tratti viari costituenti il seguente percorso cittadino: Piazza Università (Partenza), Via Etnea, Via Umberto, Piazza Jolanda, Viale Della Libertà (limitatamente alla corsia Ovest), Via Mascagni, Piazza Bovio, Via Verdi, Piazza Carlo Alberto, Via Puccini, Piazza Turi Ferro (ex Spirito Santo), Via Coppola, Via Michele Rapisardi, Piazza V. Bellini, Via Teatro Massimo, Via Ventimiglia (limitatamente alla corsia Ovest), Piazza Cutelli, Via Porta Di Ferro, Via Del Vecchio Bastione, Piazza Duca Di Genova, Via Museo Biscari, Piazza San Placido, Via V. Emanuele, Via Etnea, Piazza Università (arrivo) con effetto limitato dalle ore 00:00 alle ore 14:00 (e, comunque, sino a cessate esigenze) di Domenica 14 Maggio 2017, è istituito il divieto di sosta con rimozione coatta per tutti i veicoli nei tratti viari di seguito elencati: Via Umberto, lato Nord, (tratto: da Viale Libertà a Via G. Simili);  Viale Libertà, lato Ovest, (tratto: da Piazza Jolanda a Piazza Respighi);  Via M. Ventimiglia, lato Ovest, (tratto: da Via Teatro Massimo a Via V. Emanuele); Via Porta Di Ferro, lato Ovest, (tratto: da Piazza Cutelli a Via Vecchio Bastione); Piazza Duca Di Genova (su tutta la piazza). Con effetto limitato dalle ore 8:00 alle ore 14:00 (e comunque, sino a cessate esigenze) di Domenica 14 Maggio 2017, è istituito senso unico di marcia in Via Conte Di Torino, nel senso e nel tratto da Viale Della Libertà a Piazza Bovio. Trasporto pubblico In occasione della IX edizione della Corri Catania, la metropolitana di Catania sarà attiva dalle ore 8 alle ore 15. Lo comunica la Ferrovia Circumetnea, venendo incontro ai cittadini che si recheranno in centro in occasione dell’iniziativa: mostrando il biglietto di andata ai tornelli della stazione Stesicoro, il viaggio di ritorno sarà gratuito; inoltre, imbucando il biglietto nell’apposita urna presente in stazione, parte del ricavato sarà destinata al progetto “Ospedale a Colori” che quest’anno ha come obiettivo l’allestimento a misura di bimbo dell’area pediatrica del Policlinico di Catania. Amt (Azienda Metropolitana Trasporti) informa che nei giorni 13 e domenica 14 maggio, per consentire lo svolgimento della manifestazione “Corri Catania 2017“, alcune linee subiranno variazioni di percorso. Per il 13 maggio 2017 (Nel caso in cui Piazza Università venga chiusa al transito) 902 I mezzi in partenza da Piazza della Repubblica, proseguiranno per corso Martiri della libertà, Via VI Aprile, Via V. Emanuele, Piazza Duomo, Via Garibaldi, percorso regolare. Provenienti da Piazza Risorgimento, giunti in Piazza Borsellino proseguiranno per Via Dusmet, Piazza dei Martiri, Via VI Aprile, Stazione Centrale, Corso Martiri della Libertà, Piazza della Repubblica. Per il 14/05/2017 Percorsi delle linee urbane interessate (Dalle ore 07:00 alle ore 14:00) 2-5 I mezzi in partenza da Piazzale Sanzio giunti in Viale V. Veneto, proseguiranno su Viale Libertà, Stazione Centrale, percorso regolare. I mezzi provenienti da Piazza Borsellino giunti alla Stazione Centrale, proseguiranno per Viale Libertà, Piazza Iolanda, percorso regolare. 237 Percorso regolare. 244 Percorso regolare. 307 Percorso regolare. 4-7 I mezzi in partenza dalla Stazione Centrale proseguiranno per Viale Libertà, Corso Italia, Viale XX Settembre, percorso regolare. I mezzi provenienti da Cibali, Giunti in Viale Regina Margherita, proseguiranno per Viale XX Settembre, Corso Italia, Viale Libertà, Stazione Centrale. 429 I mezzi in partenza dalla Stazione Centrale proseguiranno per Viale Libertà, Corso Italia, Viale XX Settembre, Via Etnea, percorso regolare. I mezzi provenienti da Via Etnea svolteranno su Viale XX settembre, Corso Italia, Viale Libertà, Stazione Centrale. 431N I mezzi in partenza dalla Stazione Centrale proseguiranno per Via VI Aprile, Piazza dei Martiri, Via Dusmet, percorso regolare. 431R Percorso regolare. 432 I mezzi in partenza dalla Stazione Centrale proseguiranno per Viale Libertà, Corso Italia, Viale XX Settembre, Via Etnea, percorso regolare. I mezzi provenienti da Via Etnea svolteranno su Viale XX settembre, Piazza Verga, Corso Italia Viale Libertà, Stazione Centrale. 443 Percorso regolare. 448 I mezzi in partenza dalla Stazione Centrale proseguiranno per Viale Libertà, Corso Italia, Viale XX Settembre, Via Etnea percorso regolare. I mezzi provenienti da Cannizzaro giunti in Via Etnea svolteranno su Viale XX settembre, Piazza Verga, Corso Italia Viale Libertà, Stazione Centrale. 449 I mezzi in partenza dalla Stazione Centrale proseguiranno per Viale Libertà, Corso Italia, Viale XX Settembre, Via Etnea, percorso regolare. I mezzi provenienti da Via Etnea svolteranno su Viale XX settembre, Corso Italia, Viale Libertà, Stazione Centrale. 504 I mezzi in partenza da Piazza Borsellino effettueranno percorso regolare fino a Via Crociferi, a destra per Via V. Emanuele, a sinistra per Via Plebiscito, Via C. Colombo, Via Alcalà, Piazza Borsellino 522 Percorso regolare. 523 Percorso regolare. 524 Percorso regolare. 530 Percorso regolare. 534 I mezzi in partenza da Piazza Borsellino giunti alla Stazione Centrale, proseguiranno Viale Libertà, Piazza Iolanda, percorso regolare. I mezzi provenienti da Viale R. Lauria, proseguiranno per Piazza Europa, Corso Italia, Viale Libertà, Piazza Giovanni XXIII, percorso regolare. 536 I mezzi in partenza da Piazza Borsellino giunti alla Stazione Centrale proseguiranno per Viale Libertà, Corso Italia, Viale XX Settembre, Via Etnea, percorso regolare. I mezzi provenienti da Piazza Cavour, Via Etnea svolteranno su Viale XX settembre, Piazza Verga, Corso Italia, Viale Libertà, percorso regolare. 538 Percorso regolare. 556 I mezzi in partenza da Piazza Borsellino giunti alla Stazione Centrale proseguiranno per Viale Libertà, Corso Italia, Viale XX Settembre, Via Etnea, percorso regolare. I mezzi provenienti da Piazza Cavour, Via Etnea svolteranno su Viale XX settembre, Piazza Verga, Corso Italia, Viale Libertà, percorso regolare. 621 I mezzi in partenza da Piazza della Repubblica percorreranno Corso Martiri della Libertà, Stazione Centrale, Viale Libertà, Corso Italia, percorso regolare. I mezzi provenienti da Nesima giunti al Corso Italia proseguiranno per Viale Libertà, Corso Martiri della Libertà, Piazza della Repubblica. 628N Percorso regolare. 628R Percorso regolare. 642 Percorso regolare. 702 I mezzi in partenza da Piazza Borsa proseguiranno per via S. Euplio, Piazza Roma, percorso regolare. Provenienti da Nesima percorso regolare. 726 Percorso regolare. 733 I mezzi in partenza da Piazza Borsa proseguiranno per via S. Euplio, Piazza Roma, percorso regolare. Provenienti da Cibali percorso regolare. 744 I mezzi in partenza da Piazza Borsa proseguiranno per Via S. Euplio, Piazza Roma, Via Etnea, percorso regolare. Provenienti da Canalicchio, giunti in Via Etnea svolteranno a destra per Viale Regina Margherita, Via Tomaselli, Via S. Maddalena, Via Cappuccini, Piazza Borsa. 830 I mezzi in partenza dal Villaggio S. Agata effettueranno percorso regolare fino a Via Garibaldi, Via S. Martino, Via V. Emanuele, percorso regolare 902 In partenza da Piazza della Repubblica i mezzi in servizio proseguiranno per Corso Martiri della Libertà, Piazza Giovanni XXIII, Via VI Aprile, Piazza dei Martiri, Via Dusmet, Via Plebiscito, Via Garibaldi, Via S. Martino, percorso regolare. Di ritorno giunti in Via Garibaldi, svolteranno a destra per Via Plebiscito, Via C, Colombo, Via Alcalà, Piazza Borsellino, Via Dusmet, Via VI Aprile, Stazione Centrale, Corso Martiri della Libertà, Piazza della Repubblica. 925 I mezzi in partenza da Piazza della Repubblica giunti in Piazza dei Martiri proseguiranno su Via Dusmet, percorso regolare. 927 I mezzi in partenza da Piazza della Repubblica proseguiranno per Corso Martiri della Libertà, giunti in Piazza dei Martiri proseguiranno su Via Dusmet, percorso regolare. Di ritorno dalla zona Industriale percorso regolare 932 I mezzi in partenza da Piazza della Repubblica giunti in Piazza dei Martiri proseguiranno su Via Dusmet, Piazza Borsellino, Via Mulino S. Lucia, Via C. Colombo, Via D. Tempio, Faro Biscari, Via Acquicella Porto, Via Adamo Via della Concordia, Via Acquicella, Piazza Palestro, Via Aurora, Piazza Risorgimento percorso regolare. Provenienti da Corso Indipendenza giunti in Piazza Palestro proseguiranno per Via Acquicella, Via della Concordia, Via Adamo, Via Acquicella Porto, Faro Biscari, Via D. Tempio, Via C. Colombo, Via Mulino S. Lucia, Via Dusmet, percorso regolare. 935 In partenza da Piazza della Repubblica i mezzi in servizio proseguiranno su Corso Martiri della Libertà, Stazione Centrale, Viale Libertà, Piazza Iolanda, percorso regolare. Provenienti da Piazza Europa, proseguiranno per Corso Italia, Viale Libertà, Corso Martiri della Libertà, Piazza della Repubblica. BRT1 I mezzi provenienti dal Parcheggio Due Obelischi giunti in Via Etnea svolteranno a destra Viale Regina Margherita, percorso regolare. Alibus I mezzi provenienti dall’Aeroporto effettueranno percorso regolare fino al Viale XX Settembre, Viale Regina Margherita, Piazza S. M. di Gesù, Manovra di volta, Viale Regina Margherita, Viale XX Settembre, Corso Italia, Viale Libertà, Piazza Giovanni XXIII, percorso regolare. D Percorso regolare. L-EX I mezzi in partenza dalla Stazione Centrale giunti in Piazza dei Martiri proseguiranno su Via Dusmet, Piazza Borsellino, percorso regolare. La dirigenza Ferrovia Circumetnea

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 mag 2017

Metropolitana Misterbianco-Paternò: potenzialità e scenari futuri per lo sviluppo del territorio

di Emmanuele Sanna

Il recente bando della Ferrovia Circumetnea relativo alla progettazione preliminare della tratta Misterbianco–Paternò ha permesso, come noto, di poter conoscere lo sviluppo del percorso e la localizzazione delle fermate presenti nello stesso, come cambierà dunque il territorio suburbano catanese in seguito alla realizzazione di questa parte di tracciato? Anche se lo scopo della linea non è quello di favorire la mobilità interna dei comuni toccati dal percorso, la localizzazione di alcune fermate sarà già sufficiente per potersi aspettare una sensibile diminuzione dell'utilizzo del mezzo privato (con tutti i vantaggi che ne conseguono) all'interno degli stessi comuni; in questo senso si possono evidenziare la fermata di Etnapolis in relazione a quella di Paternò e le tre fermate di Misterbianco che “coprono” l'estensione del centro abitato lungo la sua direttrice Nord-Ovest/Sud-Est. Inoltre l'esercizio della metropolitana potrebbe portare ad un'azione di ridefinizione del trasporto pubblico locale garantendo dei servizi di autobus/navetta in grado di collegare importanti realtà limitrofe non attraversate dal tracciato come Etnaland e il centro di Belpasso. L'eventuale riduzione di automobili e i necessari lavori di realizzazione delle fermate sono fattori che potrebbero rappresentare un occasione per definire azioni di riqualificazione urbana, come già avvenuto a Catania per la fermata Giovanni XXIII. Queste azioni potrebbero essere realizzate a Piano Tavola e a Paternò visto che le rispettive fermate sorgeranno in aree che necessitano di un rinnovamento architettonico. Un'altra azione realizzabile dai comuni toccati dalla linea metropolitana è quella di ridefinizione della viabilità; in questo senso a Misterbianco si potrebbe definire un'area pedonale nelle adiacenze della fermata centrale al fine di migliorare l'impatto estetico del centro storico e di accrescere le potenzialità economiche dello stesso. Un esempio simile potrebbe riguardare l'area circostante Piazza della Regione a Paternò, dove sorgerà l'ingresso del people mover. Il futuro tracciato della metropolitana, inoltre, potrebbe favorire la nascita di un piccolo circuito turistico che si snodi attraverso le località toccate dalla linea stessa. Tale ipotesi si può realizzare attraverso un azione sinergica dei vari comuni interessati dal percorso allo scopo di valorizzare, sfruttare e interconnettere luoghi turistici e potenzialità della zona; centri storici, attrazioni naturalistiche (es. Salinelle Paternò) o attrazioni ludico-culturali (Etnaland, Etnapolis e Auditorium Misterbianco). Infine, la linea metropolitana rappresenta un opportunità attraverso la quale attuare politiche che mirino a ridefinire l'organizzazione spaziale del territorio. Attraverso alcune azioni simili a quelle di transit oriented development, si potrebbe favorire la nascita di insediamenti abitativi e commerciali nei pressi delle fermate di Gullotta e Giaconia allo scopo di realizzare nuove aree “mixed-used” perfettamente integrate con i principali poli strategici della Città Metropolitana. Come dimostrato per altre azioni simili già effettuate in altre altre parti del mondo (esistono però progetti simili anche in Italia), si definirebbero nuclei urbani nei quali è possibile riscontrare un elevato livello di qualità della vita, un migliore utilizzo delle infrastrutture di trasporto e,nel lungo periodo, un sostanziale calo dello sprawl (il fenomeno relativo all'incontrollata espansione territoriale delle città). La metropolitana rappresenta dunque una grande opportunità per poter definire quelle opere di rigenerazione urbana e territoriale in genere, necessarie per lo sviluppo dell'area metropolitana catanese, un'opportunità che i vari enti di governo locale non dovranno farsi sfuggire. Per approfondire vi consigliamo: Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2023 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Aeroporto VIDEO | Metropolitana, dentro la galleria della tratta Nesima-Monte Po

Leggi tutto    Commenti 3
Articolo
10 mag 2017

Metropolitana: navette per Montepalma e Lineri, orari e frequenze

di Mobilita Catania

Come vi avevamo anticipato in questo articolo , a partire da lunedì 15 maggio, sarà attivato, in via sperimentale, un servizio bus navetta che collegherà Lineri e Montepalma, frazioni del comune di Misterbianco, con la stazione di Nesima della Metropolitana di Catania. Il servizio prevede 34 corse giornaliere dalle ore 7:00 alle ore 19:30; la frequenza sarà di 15 minuti dalle ore 7:00 / 8:30 alle ore 12:00 / 14:30 e di 30 minuti dalle ore 14:30 fino al termine del servizio stesso. Per usufruire del servizio basterà presentare il proprio abbonamento o comprare il biglietto giornaliero della metro al costo di € 2,00, acquistabile nei punti vendita o a bordo delle stesse navette; si potranno così utilizzare sia il bus navetta sia la metropolitana per l'intera giornata. Ecco gli orari e le fermate: Ti potrebbero interessare: Misterbianco dal 15 maggio si collega alla metropolitana con navette gratuite: il percorso da Lineri e Montepalma Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Metropolitana di Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mag 2017

Metropolitana aperta in occasione della “Corri Catania 2017″: il viaggio di ritorno sarà gratuito

di Mobilita Catania

In occasione della IX edizione della Corri Catania, corsa di solidarietà aperta a tutti, domenica 14 maggio la Metropolitana di Catania sarà attiva dalle ore 8 alle ore 15. Lo comunica la Ferrovia Circumetnea, venendo incontro ai cittadini che si recheranno in centro in occasione dell'iniziativa. Mostrando il biglietto di andata ai tornelli della stazione Stesicoro, il viaggio di ritorno sarà gratuito; inoltre, imbucando il biglietto nell'apposita urna presente in stazione, parte del ricavato sarà destinata al progetto “Ospedale a Colori” che quest'anno ha come obiettivo l’allestimento a misura di bimbo dell’area pediatrica del Policlinico di Catania. Corriamo insieme per Catania nel segno della solidarietà e della mobilità sostenibile!

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2017

La “rivoluzione su ferro” di Catania, dalla metro al passante ferroviario: opportunità, scenari e nodi irrisolti

di Mobilita Catania

Il 2017 sarà ricordato come un anno importante per lo sviluppo infrastrutturale del territorio catanese: con la messa in esercizio della tratta di metropolitana Nesima-Stesicoro sono stati fatti notevoli passi in avanti per la mobilità catanese e una svolta avverrà anche con l'apertura di due nuove stazioni, Ognina e Europa, del passante ferroviario  a cui si aggiungerà, entro l'estate, la stazione Picanello. Catania potrà finalmente contare su un sistema ferroviario che collegherà la città da ovest al centro con la metropolitana di FCE e da nord a sud, lungo la fascia costiera, con il passante ferroviario e nodo di questo sistema sarà la stazione centrale che fungerà da centro intermodale tra i due sistemi. Il passante ferroviario nasce sul tracciato ferroviario già esistente che collega la città di Catania con Siracusa e Messina. Il progetto, dopo le molteplici approvazioni, entrò in fase attuativa con l'inizio dei lavori in sordina e con estrema lentezza. La consegna della tratta Catania Ognina-Catania Centrale, completa delle stazioni e a doppio binario, era prevista inizialmente per fine 2009, successivamente fu rinviata alla fine del 2012 ma ulteriori rallentamenti ne impedirono l'ultimazione. Nel mese di giugno dovrebbe avvenire l'attivazione del doppio binario sul tratto Ognina-Catania Centrale e delle nuove stazioni Europa ed Ognina, ma a dieci giorni dall'inaugurazione la RFI non ha dato nessuna comunicazione in merito  ne si conosce il tipo di servizio che verrà attuato. Inoltre, in una fase iniziale, il passante ferroviario comprenderà solo le stazioni di Cannizzaro, Ognina, Picanello, Europa e stazione Centrale escludendo le stazioni di Acquicella e Bicocca nonostante rivestano una importanza notevole per la mobilità catanese. La stazione di Bicocca, infatti, è la principale stazione merci della città di Catania, serve anche come diramazione per i treni provenienti dalla stazione di Catania Centrale diretti verso Siracusa e Caltagirone o verso Caltanissetta Xirbi, Agrigento e Palermo e per la linea di Paternò (da tempo utilizzata solo come raccordo merci) nonché scalo di riferimento per l'interporto di Catania Bicocca. Bicocca è situata a ridosso della zona industriale di Catania, a sud-ovest dell'aeroporto di Fontanarossa. Attualmente la zona industriale è servita da due linee AMT, la Circolare 439 (Stazione C.le - Zona Industriale) con una frequenza, sulla carta, di circa uno ogni 50 minuti e la Circolare 927 (P.zza Della Repubblica - Zona Industriale) con una frequenza, sulla carta, di circa uno ogni 40 minuti. Purtroppo queste frequenze non sono rispettate a causa delle mancanza di vetture da parte di AMT e le frequenze si allungano a 90-100 minuti per ogni corsa. Inoltre ogni corsa impiega circa 60-80 minuti per collegare la zona industriale con il centro diventando quindi poco appetibile per l'utenza. Alla zona industriale di Catania operano circa 400 aziende che impiegano 50.000 persone e circa il 90% utilizzano la macchina per il tragitto casa-lavoro utilizzando la tangenziale come via di collegamento. Un utilizzo della stazione Bicocca a servizio della zona industriale con linee di adduzione circolari AMT permetterebbe, a  un numero rilevante di potenziali utenti, di poter usufruire del servizio di trasporto ferroviario per raggiungere agevolmente il centro e la zona industriale di Catania, con tempi di percorrenza e costi  nettamente inferiori rispetto al trasporto privato.  La stazione Acquicella si trova a pochi metri dal parcheggio di Zia Lisa capace di ospitare 20 posti per bus e 985 posti per auto, compresi gli stalli per disabili, e potrebbe assolvere alle funzioni di “nodo interscambio” tra i flussi veicolari provenienti dalla zona periferica del quartiere di Librino e dell’asse viario Caltagirone – Gela ma anche dall’autostrada Palermo-Catania (e quindi da Caltanissetta e da Enna), senza dimenticare gli utenti del popoloso rione e l’utilità per poter raggiungere il grande cimitero comunale. In pochissimi minuti, il servizio ferroviario potrebbe portare gli utenti da Acquicella alla stazione centrale (e viceversa) e, quindi, scambiare agevolmente con la metropolitana e i mezzi AMT. Attualmente la stazione di Acquicella viene aperta solo in occasione della commemorazione dei defunti, per evitare la congestione dell’area antistante il cimitero. La rivoluzione su "ferro" vedrà quest'anno i primi risultati tangibili, ma occorre continuare ad investire per recuperare quel gap che ci divide dalle altre realtà simili alla nostra, in termini di popolazione e vastità del territorio. In particolare la mobilità metropolitana dalla zona nord dell’hinterland catanese è un problema finora irrisolto: il progetto di "Pedemontana" della Ferrovia Circumetnea (rivelatosi troppo oneroso e sconveniente) ed "Etnarail" ancora in stallo, sono gli unici progetti che si sono posti l'obiettivo di collegare l'hinterland mediante il trasporto pubblico. La città metropolitana di Catania comprende i 58 comuni dell’ex provincia e conta più di un milione di abitanti, dei quali più di 600 mila tra Catania e il suo hinterland, rendendo il territorio etneo una “piccola metropoli” (ma non poi così piccola) con pochi onori e molti oneri connessi a questa qualificazione di fatto: un territorio vasto in cui il comune di Catania rappresenta il centro gravitazionale grazie alle “funzioni” che qui si svolgono e ai tanti servizi presenti, e che per questo necessita di un trasporto pubblico efficiente. La Città Metropolitana di Catania dovrà necessariamente puntare sullo sviluppo del trasporto su ferro, integrato con parcheggi scambiatori e con linee di adduzione su gomma, finalizzato soprattutto alla salvaguardia dei valori ambientali, alla tutela della salute e al contenimento dei consumi energetici. L'intermodalità tra i mezzi di trasporto dovrà essere l'elemento essenziale su cui puntare per garantire un buon livello di accessibilità sia nelle aree comunali che nei comuni limitrofi. Un ruolo chiave nello sviluppo del trasporto pubblico lo riveste AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) che attraverso la rimodulazione delle linee e del servizio in funzione dello sviluppo della linea metropolitana e dell'esordio del passante ferroviario potrà dare un prezioso supporto al trasporto su ferro. In questo senso senso da registrare l'intenzione del comune di Misterbianco di realizzare dei bus navetta gratuiti per collegare le frazioni di Misterbianco con le stazioni della metropolitana e la creazione di due nuove fermate della linea in superficie della circumetnea: qualcosa quindi si muove, ma è ancora troppo poco. Per approfondire il tema vi consigliamo: Passante Ferroviario | Scheda dell'opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2023 FOTO | Stazioni ferroviarie di Ognina ed Europa ormai pronte, Fontanarossa finanziata; passi avanti per Acquicella e Bicocca La linea metro a nord di Catania: il progetto di Pedemontana e il nodo irrisolto dell’hinterland di Catania immagine di copertina di Gianluca Cafiso

Leggi tutto    Commenti 1