Articolo
09 dic 2016

Circumetnea, le vecchie automotrici iniziano ad andare in pensione

di Vincenzo La Rosa

È passato già un anno da quando la ditta polacca Newag ha consegnato alla Ferrovia Circumetnea il primo nuovo convoglio binato "DMU001A/001B", denominato "Vulcano", che dopo circa sei mesi di varie corse di prova e test, è entrato in esercizio, per la precisione il 24 maggio scorso. Poco dopo, la Circumetnea ha iniziato a mettere da parte qualche vecchia automotrice, partendo dalle due ex "calabro lucane", ossia l'ADe 08 e l'ADe 09, che, spesso, viaggiavano in coppia, visto che le altre due gemelle, ossia l'ADe 07 e l'ADe 10, non sono più marcianti da diversi anni. In particolare, l'ADe 07 si ritrova completamente smontata ed accantonata in fondo al piazzale della stazione di Catania Borgo, da parecchi anni, in seguito ad un intervento di "revamping" mai ultimato; l'ADe 10, invece, è stata compromessa definitivamente da un incendio in seguito ad un corto circuito verificatosi nell'anno 2007, mentre svolgeva il suo quotidiano viaggio a servizio degli studenti, in coppia con una delle sue gemelle. In seguito, è stata accantonata anche l'automotrice "RALn 6403", una delle ex "RALn 60 FS" provenienti dalla ferrovia FS a scartamento ridotto, successivamente trasformate in "RALn 64" (a partire dall'anno 1981). Tuttavia, le automotrici non sono state accantonate in modo permanente. È molto probabile che potranno essere ancora utilizzate, specialmente nel caso in cui uno dei convogli "Vulcano" abbia necessità di essere sostituito in caso di guasti. Inoltre, da parecchi mesi non circola più nemmeno l'automotrice "ADe 24", del gruppo di automotrici conosciute anche come "IMPA", poiché l'intero gruppo delle automotrici ADe 21 - 25 è stato costruito negli stabilimenti "ITIN", Italimprese Industrie, originalmente nata come "IMPA", ubicati nella zona industriale di Catania e che ormai da molti anni hanno chiuso i battenti. Non è stato ancora avviato nessun "processo" di accantonamento definitivo per le vecchie automotrici, ma questo accadrà non appena arriveranno altri nuovi convogli "Vulcano". Infine, secondo fonti attendibili, le prime automotrici che verranno accantonate saranno le "RALn 64", nonostante quest'ultime siano le automotrici più potenti del parco rotabili, dopo i nuovi treni "VULCANO", ovviamente. Com'è logico, invece, le automotrici che sono state ristrutturate saranno le ultime ad essere eventualmente accantonate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 dic 2016

Metro, l’attesa sta per finire: il 12 dicembre apre la tratta Galatea-Stesicoro

di Mobilita Catania

Ancora pochi giorni e aprirà la tratta Galatea-Stesicoro della metropolitana etnea. Non solo: entro l'anno via alla Stesicoro-Palestro. È finalmente nota la data di apertura al pubblico della prima estensione della linea metropolitana di Catania: lunedì 12 dicembre a mezzogiorno, ossia il 12/12 alle 12. Una data che resterà, dunque, facilmente impressa nella memoria dei cittadini e che segna una svolta importante, rappresentando il primo, storico raggiungimento del centro storico da parte della metro etnea. La Ferrovia Circumetnea, interpellata dalla nostra redazione, confermerà ufficialmente a breve la notizia, fornendo maggiori dettagli. Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno i vertici della storica Ferrovia catanese nonché il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e il primo cittadino, il sindaco Enzo Bianco. All'inaugurazione seguirà, immediatamente, l'apertura al pubblico: l'utenza, quindi, potrà raggiungere la stazione Stesicoro da Borgo già dal pomeriggio di lunedì 12 dicembre, in tempo per lo shopping natalizio. Questo il percorso della linea: Borgo Giuffrida Italia Galatea Giovanni XXIII Stesicoro Oltre a Stesicoro, dunque, aprirà anche la nuova, grande stazione intermedia Giovanni XXIII, che sostituirà la fermata FS presso la stazione centrale: la nuova stazione interrata sarà già accessibile sia dalla banchina est di viale Africa che dalle scale (fisse e mobili) che si affacciano sulla piazza. La sistemazione definitiva dello spazio in superficie, comunque, avverrà nelle prossime settimane. Al momento dovrebbe rimanere chiusa, come preannunciato, la diramazione Galatea-Porto. La Circumetnea, comunque, continuerà a garantire i collegamenti con lo scalo marittimo fintantoché non aprirà il passante ferroviario di Rfi sulla stessa tratta. In tal senso, sono attesi maggiori dettagli nelle prossime settimane. Per un'attesa che sta finalmente per terminare, subito un'altra che si ravviva: quella per la fondamentale tratta Borgo-Nesima che consentirà di portare l'utenza in centro direttamente dalla periferia. In questo caso, l'apertura è prevista entro marzo 2017. Le buone notizie, però, non finiscono qui: il 12 dicembre verrà anche consegnato il cantiere per la tratta Stesicoro-Palestro. La Ferrovia Circumetnea guarda già al futuro e sembra non volersi più fermare. Ti potrebbero interessare... Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Catania come Napoli: le stazioni metro saranno museo della città

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
29 nov 2016

FOTO | Metro, verso l’inaugurazione della Galatea-Stesicoro: aggiornamenti dai cantieri

di Andrea Tartaglia

Proseguono incessantemente i lavori della metropolitana nella tratta Galatea-Stesicoro, in vista della prossima apertura nel mese di dicembre. Stesicoro aprirà regolarmente, mentre la stazione Giovanni XXIII, in una prima fase, sarà accessibile solo dagli accessi di viale Africa per consentire il completamento degli accessi e l'arredo urbano di superficie in piazza Papa Giovanni XXIII. Presso la stazione "Stesicoro", in Corso Sicilia, scale mobili e ascensori sono stati collegati elettricamente e collaudati, mentre proprio in queste ore si sta posando un elegante parapetto in vetro sui muretti bassi che delimitano gli accessi di superficie. Per vedere l'opera completa al 100%, giunti a questo punto, mancano solo la collocazione dell'insegna della metro sui canonici pali posti all'ingresso e l'apposizione della dicitura recante il nome della stazione.   Diversa la situazione presso la stazione "Giovanni XXIII", sita tra l'omonima piazza e via Archimede, presso l'imboccatura di viale Africa. Aprirà al pubblico e sarà in funzione insieme con "Stesicoro", ma per diverse settimane l'accesso all'utenza sarà consentito solo attraverso gli accessi secondarî di viale Africa (banchina est, ossia lato Ciminiere / Stazione C.le FS). Questa limitazione sarà dovuta all'esigenza di portare avanti i lavori, non ancora giunti al termine, riguardanti accessi principali (dotati di scale mobili), ascensori e sistemazione superficiale della piazza, dove sorgeranno pensiline e aiuole. Come noto da tempo, infatti, la priorità della Circumetnea è mettere in esercizio la tratta e assolvere così la funzione principale di trasporto pubblico. Ma per godere appieno dell'opera sarà necessario altro tempo: la piazza e tutti gli accessi dovrebbero essere pronti e fruibili in tempo per l'apertura della tratta Nesima-Borgo, che porterà a 8,8 i chilometri di metropolitana cittadina, compresi i quasi due chilometri della diramazione Galatea-Porto, lungo la quale verrà soppressa la fermata FS proprio in virtù dell'apertura di Giovanni XXIII.   Sul fronte treni, almeno un altro convoglio, oltre a quello di cui già abbiamo documentato, è attualmente oggetto di riverniciatura integrale. L'unità a due casse può ospitare sino a 442 passeggeri. Ti potrebbero interessare... Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Ecco come sarà piazza Papa Giovanni XXIII con il completamento della nuova stazione metro  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 nov 2016

Metropolitana, collegamento Milo-Cittadella Universitaria e dismissione fermata FS all’orizzonte

di Andrea Tartaglia

A poche settimane dall'inaugurazione della tratta Galatea-Stesicoro, che porterà la metropolitana nel cuore della città, appaiono molto interessanti le dichiarazioni del Direttore Generale della Ferrovia Circumetnea, Ing. Alessandro Di Graziano, intervistato da Giuliano Spina per Newsicilia.it. Spiccano, in particolare, gli annunci dell'arrivo di nuovo materiale rotabile e il collegamento con  la cittadella universitaria tramite bus navetta dalla nuova stazione Milo, ma anche la dismissione della fermata FS, sostituita dalla nuova stazione Giovanni XXIII. Ma andiamo con ordine. Circa lo stato di avanzamento dei lavori delle tratte in procinto di essere ultimate, la Galatea-Stesicoro e la Borgo-Nesima, ad oggi è confermato l'intento della Fce di volerle inaugurare rispettivamente a dicembre e a febbraio prossimi, così come già più volte annunciato, con la volontà di far coincidere l'inaugurazione con la messa in esercizio e quindi con l'apertura all'utenza. Per quanto riguarda la Borgo-Nesima, alla luce delle criticità del percorso e, in particolare, dell'accesibilità delle stazioni, il Direttore Di Graziano ha dichiarato che verrà approntato un collegamento tra la stazione Milo e la Cittadella Universitaria attraverso un servizio di bus navetta, mentre si cercherà di integrare meglio al tessuto urbano la stazione di San Nullo, sita in una zona dell'omonimo quartiere con numerose strade senza sbocco. A proposito di accessibilità, la Ferrovia Circumetnea pubblicherà a breve un bando relativo alla sistemazione degli ascensori lungo la tratta già in esercizio Borgo-Galatea, mai entrati in funzione. Proiettandoci alla prossima operatività della linea metropolitana, il cui tracciato, da Galatea, si divide in due percorsi, uno verso Stesicoro e uno verso il porto, il Direttore Generale ha fatto sapere che inizialmente le corse saranno solo in direzione Stesicoro, mentre in seguito si alterneranno con quelle verso Porto con la soppressione definitiva della fermata F.S., data la vicinanza della stazione Giovanni XXIII. Inoltre, quando entrerà in funzione la metropolitana costiera di R.F.I., la tratta Galatea-Porto sarà definitivamente soppressa. Circa la frequenza delle corse e l’eventuale estensione dell’esercizio fino alle ore notturne, con l'apertura delle nuove tratte verrà fatta una valutazione in base alla mole di passeggeri che si riscontrerà nell'arco di tutte le ore della giornata: in merito, l'Ing. Di Graziano si mostra sicuro che con le estensioni aperte il numero di passeggeri aumenterà in modo esponenziale. Guardando nel medio termine, invece, ottime notizie sul fronte della tratta Nesima-Monte Po, i cui lavori procedono spediti e senza intoppi: se continuerà così, questa tratta potrà essere messa in esercizio già entro il 2018. Devono ancora cominciare, invece, i lavori relativi alla tratta Stesicoro-Palestro che, secondo le previsioni, dovrebbero partire entro il 2017. Nel lungo termine, infine, restano da reperire circa 400 milioni di euro necessari per appaltare le tratte della metropolitana rimanenti (Palestro-Aeroporto e Monte Po-Misterbianco Centro). L'obiettivo, comunque, rimane quello di estendere successivamente la metropolitana fino a Paternò, con la dismissione della corrispondente tratta in superficie. Contestualmente, si pensa già a incrementare il parco vetture della metro. Ti potrebbero interessare... Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Passante Ferroviario di Catania Video | Stazione Giovanni XXIII: da Natale ci muoveremo così

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
17 nov 2016

Metro, sabato 19 servizio sospeso per consentire l’estensione della rete

di Andrea Tartaglia

La Ferrovia Circumetnea ha comunicato all'utenza che sabato 19 novembre il servizio metropolitano della tratta Borgo-Porto non sarà svolto durante tutto l'arco della giornata. La chiusura provvisoria si deve alla necessità di svolgere opere fondamentali e propedeutiche all'imminente attivazione della tratta Galatea-Stesicoro, la cui inaugurazione è prevista nelle prossime settimane. Si tratta, infatti, di poter consentire lavori alla linea elettrica di alimentazione della ferrovia sotterranea nonché alcuni collaudi. A parte il disagio all'utenza per la giornata di sabato, quindi, si tratta di una buona notizia a conferma dell'ormai prossima messa in esercizio della nuova tratta della metropolitana Galatea-Stesicoro. Ai fini della sicurezza, l’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi – USTIF, organo periferico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti italiano, dipendente dal Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici – Direzione Generale della Motorizzazione Civile, rilascerà il Nulla Osta all’entrata in servizio, trattandosi di un sistema di trasporto realizzato ex novo di una ferrovia italiana in concessione. Con il completamento dei lavori nella tratta Galatea-Stesicoro, dopo un breve periodo necessario per verifiche, collaudi e pre-esercizio, l'estensione potrà finalmente vedere l'apertura all'utenza, prevista entro l’anno, portando la linea metropolitana a una lunghezza di quasi sei chilometri (contro i 3,8 attuali), aumentando le stazioni da 6 a 8 e raggiungendo, per la prima volta, un luogo strategico del centro città quale Corso Sicilia con la vicinissima piazza Stesicoro. Tra qualche settimana, dunque, la linea della metropolitana sarà così articolata: Borgo Giuffrida Italia Galatea Stazione Centrale FS Porto Giovanni XXIII  Stesicoro Tale assetto, tuttavia, verrà nuovamente modificato entri i primi mesi del 2017 con la successiva attivazione della tratta Nesima-Borgo, comprendente le stazioni intermedie di San Nullo, Cibali e Milo, colmando così l'attuale lacuna consistente nella mancanza di collegamento diretto con le zone periferiche della città. Le stazioni metro attive, pertanto, diverranno ben dodici a fronte delle sei odierne lungo quasi nove chilometri di linea. Ti potrebbero interessare... Metropolitana, tratta Nesima-Monte Po: pronti i conci per la galleria Metropolitana, arrivata la TBM per la tratta Stesicoro-Palestro Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Metropolitana, Di Giambattista: le due nuove tratte aperte a dicembre e a febbraio VIDEO | Dentro la stazione Giovanni XXIII: da Natale ci muoveremo così

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 ott 2016

Catania come Napoli: le stazioni metro saranno museo della città. Accordo IBAM CNR-Ferrovia Circumetnea

di Andrea Tartaglia

Siglato un accordo per lo studio e la realizzazione di un progetto di “museo diffuso” per la città di Catania all’interno delle stazioni della metropolitana etnea, tra la Ferrovia Circumetnea (FCE) e l’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali (IBAM) del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Catania, al fine di creare un palinsesto strategico capace di abbinare la fruizione del trasporto pubblico con un’offerta di tipo museale basata sui beni culturali e paesaggistici, le componenti storiche monumentali, le risorse territoriali e la promozione turistica della città. Oggi, presso la sede dell’Istituto per i beni archeologici e monumentali del CNR di Catania, il Palazzo Ingrassia di via Biblioteca, è stato siglato un accordo per la realizzazione di un “museo diffuso” per la città di Catania all’interno delle stazioni della metropolitana tra il Direttore Generale della Gestione Governativa Ferrovia Circumetnea (FCE), Alessandro Di Graziano, e il Direttore dell’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali (IBAM) del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Daniele Malfitana. Raccontare la città e il territorio su base tematica, valorizzando gli aspetti caratteristici e distintivi di un territorio attraverso l’utilizzo di strumenti comunicativi in grado di attrarre quanti fruiranno dei servizi della FCE per creare, in tal modo, cultura ed informazione: questo l’obiettivo dell’accordo siglato. Un vero e proprio museo, raccontato per immagini, a disposizione dei passeggeri/cittadini che ogni giorno transiteranno le banchine della linea metropolitana: un percorso visuale che possa far meglio conoscere il patrimonio artistico e culturale del territorio catanese, in maniera del tutto nuova, contestualizzandolo con le stazioni delle diverse aree culturali della città. «Esperienze già condotte in ambito internazionale e nazionale - afferma il Direttore dell’Ibam, Daniele Malfitana - forniscono uno spunto significativo da prendere come riferimento. Tra tutte spicca in ambito nazionale il caso di Napoli, con la “stazione d’arte” in cui il trasporto pubblico permette di vivere un’esperienza immersiva ed innovativa nell’arte contemporanea. La ricerca specialistica che noi abbiamo fatto sulla città di Catania può ora essere tradotta nel linguaggio delle immagini e diventare patrimonio della città.» «La stazione Stesicoro sarà sede del primo test sperimentale, modello pilota per creare una linea guida progettuale. La scelta di questa stazione non è per nulla casuale. L’Ibam, dopo anni di studio sul territorio di Catania, in particolare su alcuni dei siti e monumenti archeologici più importanti del cuore del centro storico della città, metterà a disposizione le sue conoscenze e i prodotti divulgativi della ricerca svolta. Tra immagini d’epoca, fotografie e contenuti scientifici, anche strumenti multimediali per la fruizione di ricostruzioni virtuali come quella dell’anfiteatro romano di Catania per la creazione di un percorso tematico in grado di rievocare l’immagine della città antica nel suo rapporto con la modernità.» https://youtu.be/KBy-SRxzRus «Ogni stazione potrà pian piano diventare, così, un laboratorio immersivo sulla città, curando un particolare aspetto, una storia, un monumento che diventi esso stesso la linea tematica da seguire nell’allestimento di ogni stazione della Metro. Per la stazione Italia - conclude Malfitana - il tema potrebbe essere quello della Catania Liberty degli anni ’20». «La messa in esercizio di nuove tratte di metropolitana ed il suo sviluppo fino all’aeroporto rappresentano per Catania uno strumento fondamentale per cambiare la visione e la fruizione di interi parti del territorio – afferma il direttore FCE Alessandro Di Graziano – e, nell’implicita necessità di fare diventare l’utilizzo della metropolitana abitudine di vita e spostamento per i catanesi, divengono anche occasione per ragionare in chiave strategica su temi, tecnologie e linguaggi comunicativi in grado di creare un potente attrattore su cittadini e turisti.» «Un museo diffuso tra le stazioni della metropolitana ha enormi potenzialità sia in chiave di promozione e sviluppo del sistema dei trasporti – per ottenere un allargamento della fruizione ed una maggiore incidenza sulla gestione e sostenibilità della mobilità pubblica su scala territoriale – sia per la capacità di attivare potenti segnali in chiave di specializzazione dell’offerta culturale diffusa sul territorio. Provare a realizzare tutto ciò all’interno della stazione Stesicoro di prossima apertura – conclude Di Graziano - rappresenta la volontà di dare una direzione concreta a tali idee, con il fine ultimo di creare innovazione sociale coinvolgendo pubblica amministrazione, aziende, associazioni, ricercatori e cittadini per definire un ecosistema nel quale ogni attore interagisce per accrescere la visione di una stazione metropolitana non come semplice luogo di passaggio bensì come spazio in grado di stimolare nuovi processi di apprendimento, studio e aggiornamento nei settori del patrimonio culturale e del turismo». Foto di Claudia Pantellaro (Ibam CNR)

Leggi tutto    Commenti 0