Articolo
26 nov 2015

Una nuova area parcheggio in centro: sarà gestita da SoStare

di Amedeo Paladino

La Giunta comunale di Catania ha destinato con apposita delibera un'area, quella cosiddetta "del Pino", nel centro di Catania, a parcheggio. Sarà gestito dalla SoStare SrL, società partecipata del Comune che si occupa già della gestione delle Strisce Blu. L'area, in comodato d'uso e in via sperimentale, riguarda un appezzamento di terreno di 6.500 metri quadrati tra le vie Monsignor Ventimiglia, Teocrito e Maddem. Il parcheggio garantirà 250 posti, l'ingresso e l'uscita saranno controllate da sbarre automatiche; la conversione dell'area in parcheggio avverrà entro poche settimane. Di seguito l'area individuata per l'implementazione di un parcheggio di destinazione gestito dalla Sostare S.r.l., limitrofa alla Fiera di piazza Carlo Alberto e al Corso Sicilia: "La tendenza - ha spiegato l'assessore al Patrimonio Giuseppe Girlando - a destinare questo terreno a parcheggio era emersa nel corso di una riunione nella sede dell'assessorato alle Attività produttive. Riteniamo che con questi nuovi spazi si otterranno da una parte un maggiore ordine nella zona, dalla circolazione congestionata, e dall'altra effetti positivi per le attività commerciali del centro storico. Sostare si occuperà di far diventare quest'area un vero e proprio parcheggio recintato e lo gestirà, in una prima fase, per almeno due anni". Coerentemente al Piano Generale del Traffico Urbano, adottato dal Comune di Catania nel 2012 con votazione del Consiglio Comunale, il nuovo parcheggio dovrebbe essere utilizzato in sostituzione degli spazi di sosta su strada: obiettivo primario è infatti la riduzione dell'offerta di sosta al fine di migliorare la qualità ambientale della città, in particolare del centro storico. Questo l'obiettivo generale per migliorare la mobilità cittadina, ma la delibera comunale lascia qualche dubbio in merito al suo obiettivo, visto che può facilmente connotarsi come un ennesimo incentivo all'utilizzo del mezzo privato a discapito di quello pubblico o di altre forme di mobilità alternativa (pedonale, ciclabile, etc.), contemplando anche l'impiego di parcheggi scambiatori più periferici. Attualmente l'offerta totale di sosta è di 60 mila stalli, di cui 8 mila circa gestiti da Sostare.

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
26 nov 2015

Trasporto ferroviario, sciopero il 27 novembre: garantita fascia oraria

di Roberto Lentini

Trenitalia informa  che, in occasione dello sciopero programmato dalle 21:00 del 26 novembre alle 18:00 del 27 novembre,  saranno garantiti i servizi minimi previsti per legge nella fascia oraria 6.00-9.00 del 27 novembre e si adopererà per offrire, anche fuori da quella fascia, un adeguato livello di corse ferroviarie regionali. Durante lo sciopero, si prevede che sulla Palermo – Agrigento e  Palermo – Catania circolino due treni su tre, sulla Messina – Catania, Palermo – Messina e nel nodo di Palermo (Centrale – Notarbartolo e Centrale – Termini Imerese) un treno su due.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 nov 2015

Nuovi voli Easyjet da Catania per Amsterdam, Berlino e Lione

di Roberto Lentini

Nuovi collegamenti aerei da Catania con Amsterdam, Berlino e Lione operati da Easyjet. Il collegamento Catania - Amsterdam sarà operativo dal 7 maggio 2016 con prezzi a partire da 35,69 euro a tratta, con  due frequenze settimanali una il mercoledi e una il sabato. Ecco nel dettaglio gli operativi del volo:               CTA-AMS   EZY7966   18:40 22:00  - 3 -               AMS-CTA   EZY7965   15:10 18:05  - 3 -               CTA-AMS   EZY7966  10:50 14:10 – 6 -               AMS-CTA   EZY7965  07:20 10:15  - 6- Atterra all'aeroporto di Amsterdam-Schiphol,  il principale aeroporto dei Paesi Bassi. Si trova a sud di Amsterdam, nel comune di Haarlemmermeer. Nel 2013 Skytrax lo ha eletto migliore aeroporto in Europa e terzo nel mondo. Il collegamento Catania - Berlino sarà operativo dal 28 giugno 2016 con prezzi da 29,57 euro a tratta, con due frequenze settimanali una il martedi e una il venerdi. Ecco nel dettaglio gli operativi del volo:               CTA – SXF   EZY4504  17:55 - 20:40 – 2 –              SXF – CTA   EZY4503  14:40 - 17:20 – 2-              CTA – SXF   EZY4504  15:35 - 18:20 – 5 -              SXF – CTA   EZY4503  12:20 - 15:00  -5- Atterra all'Aeroporto di Berlino-Schönefeld,  uno dei due aeroporti operativi della capitale federale tedesca. Si trova a sud-est della città, a circa 24 km dal centro, ai confini fra Berlino e il Land del Brandeburgo. Buona parte della struttura è sita nel comune di Schönefeld, nel circondario del Dahme-Spreewald. Il collegamento Catania - Lione sarà operativo dal 16 aprile 2016 con prezzi a partire da 31,61 euro a tratta, con due frequenze settimanali il mercoledi e il sabato. Ecco nel dettaglio gli operativi del volo:            CTA-LYS   EZY4316  20:20 22:30 –3 –            LYS-CTA   EZY4315   17:35 19:45 - 3 –            CTA-LYS    EZY4316  15:25 17:35 - 6-            LYS-CTA   EZY4315    12:40 14:50 - 6- Atterra all’Aeroporto di Lione Saint-Exupéry  situato vicino alla città di Lione, nel dipartimento del Rodano.  E' il quarto aeroporto francese per traffico passeggeri e dispone di una moderna stazione per treni TGV progettata da Santiago Calatrava.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 nov 2015

Trasporto pubblico e mobilità pedonale, due elementi connessi: come agire

di Amedeo Paladino

In riferimento alla campagna #siamotuttipedoni, che in queste settimane stiamo approfondendo con una serie di articoli (qui la presentazione e un'analisi sullo stato di fatto), trattiamo il tema dell'accessibilità pedonale al trasporto pubblico. Pedoni e trasporto pubblico: due elementi della mobilità che generano un circolo vizioso, proveremo a spiegarvi i motivi. Ogni spostamento su mezzo pubblico comincia e finisce con uno spostamento pedonale. L’integrazione tra mobilità pedonale e trasporto pubblico è fondamentale: migliorare l’accessibilità ai sistemi di trasporto pubblico è un’azione complementare e sinergica sia per promuovere la mobilità pedonale come modo alternativo di trasporto, sia per favorire il riequilibrio modale a favore dei sistemi collettivi. Se le persone non percepiscono sicurezza e comfort nelle fermate e nelle stazioni, sceglieranno probabilmente di spostarsi con l’auto individuale. D’altra parte, al crescere del numero di auto in circolazione si riducono le condizioni che favoriscono la mobilità pedonale: una buona dotazione infrastrutturale e una buona regolamentazione della mobilità pedonale rende più attrattivo l’uso del mezzo pubblico. Il miglioramento dei percorsi pedonali di accesso ai nodi del trasporto pubblico dell’accessibilità ha l’effetto di aumentare la distanza che un utente è disposto a percorrere per raggiungere la fermata e dunque ha l’effetto di aumentare il bacino di copertura o area di influenza di ogni fermata. La conseguenza è un aumento della domanda potenzialmente attraibile per effetto della migliore accessibilità, oppure la possibilità di aumentare la distanza media tra le fermate e dunque la velocità commerciale del servizio, determinando sempre un aumento della domanda potenziale. [Piano Generale del Traffico Urbano del Comune di catania adottato con delibera della Giunta Municipale n 522, del 07.11.2012] Un particolare elemento lo riveste il comfort delle fermate: le pensiline dovrebbero essere protette dagli agenti atmosferici e accessibili, dovrebbero inoltre fornire all'utente informazioni di viaggio, anche per non udenti. Al momento le fermate dell'AMT di tutte queste caratteristiche sono quelle del BRT (Due Obelischi- piazza Stesicoro)e poche altre; un parziale miglioramento è seguito all'installazione di 173 paline elettroniche. Tuttavia lo standard è ancora molto basso: solo il 10% delle fermate sono dotate di palina elettronica con sistema di informazione all'utente, e il 19% di pensilina e panchine per l'attesa ( come riportato nella Carta dei Servizi AMT); se a questo dato si aggiunge il recente furto di alcune tabelle presso le fermate di Cibali la qualità del servizio si abbassa ulteriormente. Un'analisi a parte merita la mancanza di controllo della sosta irregolare in corrispondenza delle fermate, che costringe gli utenti- cittadini a scendere sulla carreggiata per poter accedere al mezzo pubblico. Un problema che potrebbe essere risolto attraverso le sanzioni elevate dalla Polizia Municipale, anche attraverso il sistema dello street control, oppure creando delle penisole di fermata con l'utilizzo di cordoli, oppure con l'avanzamento dell'area di attesa degli utenti (un approfondimento in questo articolo). Gli ostacoli alla mobilità pedonale e l'efficienza del trasporto pubblico sono quindi strettamente connessi: bisogna quindi agire a livello gestionale attraverso le sanzioni ai veicoli che intralciano i percorsi pedonali, e migliorare contemporaneamente la qualità dei servizi offerti dalle aziende di trasporto pubblico.  

Leggi tutto    Commenti 0