Articolo
22 mar 2019

Aeroporto di Catania, installati 39 nuovi monitor informativi

di Mobilita Catania

Installati presso l'aeroporto di Catania 39 nuovi monitor informativi da 86 pollici, capaci di fornire qualsiasi tipo di informazione. Attualmente scorrono le notizie del Televideo e presto appariranno anche i tempi di attesa ai controlli di sicurezza. In futuro vi potremmo trovare anche i tweet con le informazioni che man mano verranno condivisi sui social.  È il primo sistema di wayfinding digitale di questo tipo installato in un aeroporto italiano.    Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mar 2019

Nuovo volo Catania-Olbia operato da DAT a partire dal 28 giugno

di Roberto Lentini

Un nuovo volo, operato da Danish Air Transport, collegherà l'aeroporto di Catania con Olbia, dal 28 giugno all’8 settembre con un aeromobile ATR72/200 da 66 posti.  Avrà due frequenze settimanali il venerdì e domenica, con prezzi a partire da 55 euro. Ecco gli operativi del volo: CTA 14:05 → OLB 15:50 DX 1951  - 5 - 7 - OLB 16:30 → CTA 17:55 DX 1952  - 5 - 7 - Atterra all'Aeroporto Olbia Costa Smeralda, situato a circa un chilometro dal centro di Olbia, In autobus si può raggiungere facilmente l’aeroporto dal centro di Olbia con le linee urbane Aspo n°2 e 10, ogni 20 minuti, che arrivano a pochi metri di distanza dall’area Arrivi. Sono inoltre disponibili le corse delle autolinee regionali ARST e di alcuni privati, con collegamento da e verso le maggiori località.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mar 2019

Circolazione ferroviaria sospesa tra Catania e Caltanissetta per danneggiamento linea elettrica da parte di ignoti

di mobilita

AGGIORNAMENTO E' ripresa alle 11.30 la circolazione ferroviaria fra Catania e Catenanuova, linea Catania – Caltanissetta Xirbi, sospesa dall'1.45 di questa notte per un tentativo di furto di cavi di rame nella stazione di Motta S. Anastasia. Ignoti hanno tagliato e divelto circa 1.500 metri di cavi, fra trecce e assi portanti di otto campate, danneggiando la linea di alimentazione elettrica dei treni. Oltre 30 gli operatori del Gruppo FS Italiane e ditte appaltatrici impegnate per ripristinare l'infrastruttura e assistere le persone in viaggio nelle stazioni di Catania Centrale e Caltanissetta Xirbi. Attivo da questa notte anche il Centro operativo congiunto RFI-Trenitalia per la gestione dell'emergenza. DuRante lo stop, per garantire la mobilità, Trenitalia ha attivato un servizio sostitutivo con bus fra Catania Centrale e Caltanissetta Xirbi. Sette i treni Regionali limitati nel loro percorso, quattro quelli cancellati.   Dalle 1.46 traffico sospeso per danneggiamento della linea elettrica da parte di ignoti fra Bicocca e Motta S. Anastasia sulla linea Catania - Caltanissetta Xirbi - Palermo. Attivato servizio sostitutivo con bus fra Catania Centrale e Catenanuova al momento per i primi 8 treni regionali previsti fino alle ore 10. I tecnici Rfi sono a lavoro per il ripristino del guasto e per la conseguente ripresa del servizio ferroviario. In corso l'accertamento delle cause.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 mar 2019

Catania festeggia la primavera con il Lungomare Fest

di Mobilita Catania

Ritorna domenica 24 marzo, dalle ore 10 alle 20, il Lungomare Fest, giornata di eventi e manifestazioni ed esibizioni artistiche, sportive, ambientali, culturali, ma anche mostra di prodotti artigianali e momenti ricreativi, per ragazzi e adulti, promosse nei viali Ruggero di Lauria e Artale Alagona, chiusi al traffico veicolare e liberamente aperti ai cittadini e ai ciclisti. È il primo dei dieci appuntamenti in calendario nell'ambito di una programmazione di largo anticipo, dalla primavera al prossimo autunno, messa a punto dalla giunta guidata da Salvo Pogliese con gli assessori dei vari settori dell’amministrazione, ciascuno per le rispettive deleghe, che hanno promosso, col mondo dell’associazionismo, una ventina di eventi che in orari e luoghi diversi animeranno la giornata di festa. "Abbiamo ascoltato - ha detto il sindaco Pogliese - i residenti e gli operatori commerciali del lungomare e messo in atto le rispettive indicazioni, per incrementare lo straordinario successo di pubblico dello scorso autunno. Una festa che avrà cinque punti strategici nei quasi due chilometri che si dispiegano da piazza Europa a piazza Mancini Battaglia: piazza Leonardo Sciascia, San Giovanni Li Cuti, piazza del tricolore, piazza Nettuno, piazza del consiglio d’Europa. In questi giorni. nel Lungomare, abbiamo effettuato numerosi interventi ripristino e manutenzione, rimuovendo situazioni di incuria ma anche per sistemare, purtroppo, i danni dell’inciviltà di taluni che non amano la nostra città. Tutta l’area di San Giovanni Li Cuti è stata ripulita e sistemata dagli operatori delle manutenzioni e della Multiservizi, che ringrazio per l’impegno e la dedizione e che hanno operato attivamente, al fine di garantire la sicurezza di chi vorrà partecipare agli eventi del Lungomare Fest recuperando alla socialità spazi cittadini di straordinario rilievo". Il sindaco Pogliese ha ringraziato tutti gli enti, le imprese private e le organizzazioni civiche partecipanti al progetto Lunogmare Fest che si sono spesi per questa prima edizione del 2019: FCE, AMT, Sidra, Liceo Artistico Statale Emilio Greco, Liceo M.M. Lazzaro, Parcheggio Europa, Telethon, Associazione Kids Trip, Associazione Culturale Dilettantistica Danzando l’Ottocento, Associazione ReBa, Dusty, Pop Up Market, Associazione Coro polifonico Sturm und Drang, Cari Privitera Laboratorio d'arte, Associazione Orione, Croce Rossa Italiana, WWF Sicilia Nord Orientale, Associazione Amas Bus Storici, FIAB Catania, Associazione Italiana CELIACHIA Salvatore Recupero, Ditte GIANBIKE e ATALA Point, Associazione Etna e dintorni FIE, CONI Catania, Federazione Badminton, Federazione Italiana Rugby, ASD Vulcano Etna Rugby, Cus Catania, Federazione Italiana Scacchi, Corri Catania, Associazione Non solo Feste, Associazione Le Pulci di Città, Associazione DELFARE. Programma definitivo  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mar 2019

Metropolitana di Catania, lo stato dei cantieri tra ritardi, sospensioni e scioperi

di Mobilita Catania

Non è decisamente un buon periodo per i cantieri della metropolitana di Catania, che sono quattro: due riguardano le stazioni in costruzione di Fontana e di Monte Po (nel sottosuolo, il tunnel che le collega è già ultimato), uno lo scavo della galleria Palestro-Stesicoro e uno l'atteso completamento della stazione di Cibali. I primi tre sono in appalto alla Cooperativa Muratori e Cementisti di Ravenna, mentre il quarto è ancora in mano alla Tecnis, la stessa impresa che, tra mille difficoltà, sta realizzando il nuovo ospedale San Marco di Librino, a Catania. Per quanto riguarda i cantieri della CMC, allo stato attuale sono tutti fermi: gli operai, infatti, non percepiscono gli stipendi da due mesi (e quello di novembre 2018 non è stato mai corrisposto) e hanno quindi deciso di incrociare le braccia a oltranza. I sindacati, inoltre, lamentano scarsa o addirittura assente collaborazione da parte del Comune di Catania e della Regione Siciliana, mentre con la stazione appaltante, la Ferrovia Circumetnea, i rapporti sono costanti, tant'è che le rappresentanze sindacali avrebbero chiesto ai dirigenti Fce di farsi carico del pagamento delle spettanze agli operai (che toccherebbe alla Cmc), sia per dare ossigeno ai lavoratori che per mantenere vivi i cantieri, in particolare quello del tunnel Stesicoro-Palestro. L'apertura delle due stazioni di Fontana e Monte Po, insieme con l'estensione della linea metropolitana di 1,7 km, era prevista per la metà di quest'anno. Il rischio, concreto, è che invece slitti a data da destinarsi. D'altra parte, finché i lavori non riprendono né c'è certezza sul futuro della Cmc, sulla quale aleggia lo spettro del fallimento (attualmente è in corso la richiesta di concordato preventivo), è impossibile pianificare la tempistica per il completamento delle opere, seppur in buono stato di realizzazione. A seguire, si rischia anche che l'aggiudicazione della tratta metro Monte Po-Misterbianco, il cui appalto era stato vinto proprio dalla Cmc, possa essere revocata e debba quindi procedersi a nuova aggiudicazione, allungando notevolmente i tempi. Sul fronte Cibali, in mano alla Tecnis, invece, i lavori sono in corso seppur con ritmi non particolarmente spediti, anzi: ulteriori rallentamenti sono dovuti alla mancata cessione prevista della Tecnis, attualmente in amministrazione straordinaria, al gruppo Pessina Costruzioni. Quindi, a fronte di due mesi di lavori occorrenti in condizioni normali, sarà invece quasi un miracolo riuscire a completare e aprire la stazione in autunno. La stazione di Cibali, sita nell'omonimo quartiere, è posta in corrispondenza della stazione di superficie della Ferrovia Circumetnea e sarà quindi accessibile da via Galermo e da via Bergamo. La sua mancata apertura contestualmente alle altre stazioni della tratta Nesima-Borgo, aperta due anni fa, fu inizialmente dovuta a problematiche di carattere tecnico. Problematiche ormai risolte da tempo, mentre persistono quelle di carattere amministrativo che stanno conducendo ai grossi ritardi attuali, che hanno già fatto "saltare" la consegna prevista entro il 2018. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera FOTO | Dentro le nuove stazioni metro di Monte Po e Fontana, avanzano i lavori FOTO | Iniziato lo scavo del tunnel Palestro-Stesicoro della metro Metropolitana, tratta Monte Po-Misterbianco: la Cmc di Ravenna si aggiudica il bando  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mar 2019

AMT Catania, entro l’anno trasferimento della sede a Pantano d’Arci: approvati i lavori

di Amedeo Paladino

Il Consiglio d'Amministrazione dell'Azienda Metropolitana Trasporti di Catania ha deliberato di procedere all'indizione delle procedure di gara per la realizzazione dei lavori, da eseguirsi presso la Rimessa 8 di Pantano d'Arci, nella periferia sud, che consentiranno il trasferimento entro l'anno degli uffici amministrativi dall'attuale sede centrale di via Sant'Euplio. I lavori necessari, attesi da diversi anni, saranno effettuati con fondi ministeriali del Programma aggiuntivo del P.T.O. Catania Sud e del relativo accordo stipulato nel 2011 tra Ministero Sviluppo Economico, Comune di Catania, AMT e InvestiaCatania, fondi destinati e già disponibili presso InvestiaCatania. L'operazione consentirà di dismettere l'attuale sede di via S. Euplio e così di produrre risparmi su fitti passivi per circa 180.000 €/anno. Verrà in ogni caso previsto un ufficio abbonamenti e relazioni con il pubblico presso la sede di via Plebiscito, di proprietà dell'Azienda. «Stiamo intraprendendo, insieme alle colleghe Parisi e Spoto, un serio e rigoroso percorso di risanamento e razionalizzazione che consentirà di mettere in sicurezza il futuro dei lavoratori e della stessa Azienda - dichiara il presidente Giacomo Bellavia - Certamente il trasferimento degli uffici presso immobili di proprietà aziendale consentirà, da un lato, di risparmiare quasi 200 mila euro l'anno e, dall'altro, di ricongiungere l'intero personale in un'unica sede operativa, così da ottimizzare i processi decisionali e produttivi e migliorare il servizio al cittadino».

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 mar 2019

Carnevale di Acireale, gran finale: le corse serali e notturne straordinarie di Trenitalia

di Andrea Tartaglia

Come già accaduto in occasione del primo fine settimana di eventi del Carnevale di Acireale, Trenitalia, in collaborazione con la Regione Siciliana, metterà a disposizione diverse corse straordinarie lungo le tratte ferrate Catania-Acireale e Catania-Giarre/Riposto in orario serale e notturno, in aggiunta alle corse canoniche (il cui prospetto è consultabile sul sito trenitalia.com). Oggi il gran finale della sfilata dei carri in occasione del Martedì Grasso. In particolare, saranno tre in direzione Acireale/Giarre e tre in direzione Catania, sino alle 2 del mattino, le corse straordinarie in programma per questa notte. Ecco il prospetto delle corse straordinarie:   Maggiore comodità, dunque, per siciliani e turisti che vorranno spostarsi lungo la fascia jonica e godere dello spettacolo dei carri allegorici lungo le strade della bellissima cittadina barocca, senza dover ricorrere all'uso del mezzo privato.   Ti potrebbero interessare:  Passante Ferroviario di Catania AST potenzia collegamenti fra Catania, Acireale e Valverde Acireale, cinque milioni per la nuova fermata ferroviaria in centro Cappuccini

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti