Articolo
11 set 2017

Riapre la tratta ferroviaria Catania-Siracusa: chiusa in estate per lavori di potenziamento

di Amedeo Paladino

È stata riaperta oggi la tratta ferroviaria Catania-Siracusa, chiusa dal 18 giugno scorso per interventi di manutenzione straordinaria e potenziamento infrastrutturale della linea Bicocca-Siracusa. Stamane sono tornati a circolare i treni sulla linea Catania-Siracusa dopo 3 mesi di stop forzato, dovuto alla necessità di eseguire lavori di potenziamento dell'infrastruttura ferroviaria. RFI (Rete Ferroviaria Italiana) ha eseguito importanti lavori di rinnovo di opere d’arte e miglioramenti dell’armamento lungo il tracciato, sono state apportate modifiche agli scambi di Agnone, Lentini e Lentini Diramazione per velocizzare la linea, soprattutto in corrispondenza delle stazioni e costruiti 3 nuovi cavalcaferrovia I lavori costituiscono la seconda fase di un più ampio progetto, avviato lo scorso anno, in grado di migliorare, entro il 2018, la regolarità del servizio e gli standard di affidabilità dell’infrastruttura, con una sensibile riduzione dei tempi di viaggio. L’investimento complessivo del progetto è di circa 81 milioni di euro, quasi interamente finanziato dai programmi europei PON.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 giu 2017

“Cura del Ferro”, 10 miliardi per le ferrovie siciliane: Catania-Palermo in 2 ore entro il 2024

di Roberto Lentini

Con la firma del decreto presidenziale di ripartizione del Fondo di investimento previsto dal comma 140 dell'ultima Legge di Bilancio ben 20 miliardi di euro saranno destinati a strade e ferrovie, e per la Sicilia sono previsti investimenti di circa 9,9 miliardi di euro che saranno impiegati anche per la velocizzazione della Catania-Siracusa fino ad Augusta e probabilmente anche per la tratta Palermo-Catania per riuscire a collegare le due città in un'ora e 54 minuti entro il 2024. "Vogliamo tenere in esercizio il binario esistente e nel frattempo realizzare il secondo binario veloce entro il 2024, - ha affermato Giovanni Pistorio, Assessore regionale ai Trasporti - in modo da non chiudere la tratta. E solo dopo intervenire su quello esistente per velocizzarlo, così entro il 2030 avremo il raddoppio". Per la tratta Catania-Siracusa sono già iniziati i lavori di ammodernamento nel tratto tra Bicocca e Targia che prevedono l’adeguamento della sede ferroviaria; la regimentazione idraulica del corpo stradale; il ripristino strutturale e/o la sostituzione di opere d’arte; le rettifiche di curve, varianti puntuali ed estese; le opere civili e tecnologiche di tratti di linea nell’ambito di alcune stazioni (lungo il tracciato ne sono presenti 10, tra le quali la stazione di Bicocca, attraversata dalla diramazione per Palermo, e la stazione di Lentini, dove è presente la diramazione per la linea Caltagirone–Gela). Per la tratta Catania-Palermo è stato già pubblicato il bando di gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori del lotto Bicocca–Catenanuova con un imprto a base d’asta è di 220 milioni di euro. Il progetto prevede una velocità massima commerciale fino a 200 km/h con il raddoppio del binario parte in affiancamento alla linea attuale e parte in variante. Ti potrebbero interessare: Ferrovie, alta velocità/alta capacità Catania-Palermo: pubblicato il bando per la prima tratta “Bicocca–Catenanuova”  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
03 set 2016

Catania-Siracusa, domani riapre la tratta ferroviaria

di Roberto Lentini

Domani riapre la tratta ferroviaria Catania-Siracusa, chiusa dal 20 giugno scorso per lavori di velocizzazione su un tragitto di circa 70 km a binario semplice tra Bicocca e Targia. Sono stati ultimati i sistemi tecnologici per la gestione del traffico ferroviario, con l’installazione di nuovi segnali e degli apparati di sicurezza ACEI V407 nelle stazioni di Lentini diramazione, Lentini, Agnone e Brucoli. Inoltre sono state realizzate delle varianti di tracciato, con la costruzione di una nuova galleria e la soppressione di alcuni passaggi a livello esistenti. Questi interventi comporteranno un miglioramento complessivo, sui tempi di percorrenza medi, di circa il 13%, pari a una riduzione di circa 9 minuti. D'ora in poi, con un regionale veloce, sarà possibile arrivare a Siracusa da Catania in 1 h e 7 m con 6,90 euro. Altre opere infrastrutturali e di viabilità sono in costruzione o saranno completate con il secondo lotto di lavori previsto nel 2017. Nella giornata di domani il primo convoglio a transitare sarà il RV 3868 in partenza da Siracusa alle ore 06,20; inoltre, tutti i treni nazionali provenienti da Milano Centrale e Roma Termini, torneranno ad attestarsi a Siracusa lasciando definitivamente il capolinea provvisorio di Catania Centrale. Ti potrebbero interessare: Tratta ferroviaria Bicocca-Siracusa: a Carlentini aperto nuovo cavalcaferrovia Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2016

Catania-Siracusa, apertura parziale della tratta ferroviaria durante i lavori

di Roberto Lentini

La tratta ferroviaria Catania-Siracusa, che sarà interessata da lavori di ammodernamento dal 20 giugno al 3 settembre, sarà aperta parzialmente. Dopo diversi incontri tra sindacati, Rfi e Trenitalia, si è infatti deciso che gli interventi di velocizzazione verranno effettuati in continuità lavorativa nella tratta Siracusa-Augusta, mentre il tratto Augusta-Bicocca rimarrà chiuso per lavori strutturali più complessi. Questo per evitare la chiusura delle stazioni di Siracusa e Augusta e quindi il trasferimento dei dipendenti durante i lavori di ammodernamento. Tutti i treni a lunga percorrenza per Roma e Milano verranno attestati alla stazione di Catania Centrale e sostituiti, per il tratto Catania-Siracusa, dai pulman. L’intervento rientra nell’ambito del 1° Programma delle Infrastrutture Strategiche (delibera n. 121/2001) per l’asse ferroviario Salerno – Reggio Calabria – Palermo – Catania Il progetto prevede la velocizzazione di una tratta di circa 70 km a binario semplice tra Bicocca e Targia, attraverso varianti di tracciato, la costruzione di una nuova galleria e la soppressione di tutti i passaggi a livello esistenti. Questo consentirà un miglioramento complessivo, sui tempi di percorrenza medi, di circa il 13%, pari a una riduzione di circa 9 minuti. Ti potrebbero interessare: Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali Pubblicato il bando per velocizzare la linea ferrata Bicocca – Augusta La rete ferroviaria siciliana: dopo l’abbandono si confida nell’ammodernamento

Leggi tutto    Commenti 0
Segnalazione
08 giu 2016

SS 114 Orientale Sicula: per due mesi senso unico alternato e probabili rallentamenti

di Mobilita Catania

Da domani 9 giugno e fino al 9 agosto si potrebbero verificare rallentamenti sulla SS114 Orientale Sicula a causa di una riduzione di carreggiata, con senso unico alternato. I lavori interesseranno la tratta tra Catania/Innesto Ss192 Della Valle Del Dittaino (Km. 100,8) e Siracusa/Innesto Ss115 E Ss124 Ragusana (Km. 152,7) in entrambe le direzioni.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
12 apr 2016

Catania-Siracusa: a giugno inizieranno i lavori sulla tratta ferroviaria, stop ai treni regionali e nazionali

di Roberto Lentini

Dopo la pubblicazione del bando avvenuta lo scorso anno, sulla quale Mobilita Catania aveva già scritto, inizieranno a giugno i lavori di ammodernamento della tratta ferroviaria Catania-Siracusa nel tratto tra Bicocca e Targia e dureranno circa tre mesi: gli interventi comporteranno la temporanea interruzione della tratta ferroviaria,  con interruzione e sospensione sia dei treni nazionali per Milano e Roma che dei treni Regionali. Il progetto prevede la velocizzazione di una tratta di circa 70 km a binario semplice tra Bicocca e Targia, attraverso varianti di tracciato, la costruzione di una nuova galleria e la soppressione di tutti i passaggi a livello esistenti. Questo consentirà un miglioramento complessivo, sui tempi di percorrenza medi, di circa il 13%, pari a una riduzione di circa 9 minuti. Gli interventi riguardano: l’adeguamento della sede ferroviaria; la regimentazione idraulica del corpo stradale; il ripristino strutturale e/o la sostituzione di opere d’arte; le rettifiche di curve, varianti puntuali ed estese; le opere civili e tecnologiche di tratti di linea nell’ambito di alcune stazioni (lungo il tracciato ne sono presenti 10, tra le quali la stazione di Bicocca, attraversata dalla diramazione per Palermo, e la stazione di Lentini, dove è presente la diramazione per la linea Caltagirone – Gela). Con lo sviluppo del progetto definitivo l’intervento è stato suddiviso in due lotti funzionali: 1° lotto funzionale Bicocca-Augusta: dal km 233+634 al km 280+000; 2° lotto funzionale Augusta-Targia: dal km 280+000 al km 301+841. L’investimento complessivo per il progetto «Velocizzazione della linea Catania-Siracusa: tratta Bicocca-Targia» ammonta a 81 milioni di euro. Il Fondo europeo di sviluppo regionale dell’Unione europea (Fesr) contribuisce per un importo pari a 55 233 900 euro attraverso il programma operativo «Reti e mobilità» per il periodo di programmazione 2007-2013 nell’ambito dell’asse prioritario «Miglioramento dei collegamenti tra i sistemi locali e la rete principale». I lavori produrranno un effetto positivo sul corridoio TEN-T (reti transeuropee di trasporti) che corre da Helsinki a La Valletta, agevolando i collegamenti tra le due città siciliane e, come risultato diretto, saranno creati 60 nuovi posti di lavoro. Ti potrebbero interessare: Tratta ferroviaria Catania Palermo: cronoprogramma del potenziamento La rete ferroviaria siciliana: dopo l’abbandono si confida nell’ammodernamento          

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti