Articolo
14 giu 2019

DAT Volidisicilia festeggia 200 mila passeggeri sulle rotte aeree siciliane

di Mobilita Catania

La compagnia aerea DAT Volidisicilia ha festeggiato il 200 millesimo passeggero dall'esordio dei collegamenti in Sicilia. Per l’occasione, all'interno dell’Aeroporto di Catania è stato organizzato un flashmob: il gruppo di ballerini acrobatici “Liaphant Crew” ha fatto ballare e cantare tutto l’aeroporto sulle note di “Mamma mia”. Al termine dell’esibizione, il duecentomillesimo passeggero DAT è stato premiato con un set di valigie e con un biglietto aereo per Olbia, che sarà la prossima destinazione raggiungibile da Catania. “Il nostro investimento in Sicilia è importante perché in estate operiamo con 22 voli giornalieri sulle Isole di Pantelleria e Lampedusa a cui si aggiunge il nuovo collegamento bisettimanale venerdì e domenica, Catania-Olbia-Catania- ha affermato l'ingegnere Luigi Vallero, Direttore Generale della DAT Volidisicilia-. Abbiamo tre aeromobili che operano più di 6.100 voli all’anno e prevediamo di trasportare circa 250 mila passeggeri sulle rotte italiane. La nostra volontà è di crescere insieme all’economia delle due isole siciliane pensando allo sviluppo di ulteriori collegamenti nei prossimi anni". “Siamo molto soddisfatti dei numeri raggiunti da DAT – afferma Nico Torrisi, Amministratore delegato di SAC, società che gestisce l’Aeroporto di Catania - che ci dimostrano come il collegamento diretto con Lampedusa e Pantelleria sia un’esigenza ormai irrinunciabile. Non solo per i residenti che devono raggiungere la Sicilia e per i quali l’Aeroporto di Catania funge da hub verso ulteriori destinazioni, ma anche per i tanti turisti che possono così agevolmente arrivare su queste meravigliose isole siciliane”. La compagnia aerea Danish Air Transport si è aggiudicata lo scorso 1° luglio 2018 e fino al 30 giugno 2021, la gara per l’esercizio in regime di oneri di servizio pubblico per i collegamenti aerei di linea Pantelleria–Trapani e viceversa, Pantelleria–Palermo e viceversa, Pantelleria–Catania e viceversa, Lampedusa–Palermo e viceversa, Lampedusa–Catania e viceversa, oggetto della nota informativa della Commissione europea pubblicata nella GUUE C n. 441 del 22 dicembre 2017.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 giu 2019

L’aeroporto di Catania verso il terzo terminal: pubblicato il bando per la progettazione dell’ampliamento del complesso aeroportuale

di Roberto Lentini

A distanza di un anno dall'inaugurazione del Terminal C, la Sac, Società Aeroporto Catania, continua a lavorare per dar seguito alla crescita dello scalo etneo. La società di gestione ha, infatti, pubblicato sul proprio sito ufficiale il bando di gara per la progettazione dell'ampliamento del complesso aeroportuale di Fontanarossa.  Il bando di gara riguarda l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura per la progettazione inerente agli interventi da realizzare in ambito aeroportuale, previsti nel Masterplan e nel piano investimenti dell’Ente gestore, che nel dettaglio sono: ampliamento dell'aerostazione (2° modulo); riqualifica infrastrutture di volo – Txy – Apron turnpad; ampliamento area dedicata a voli extra-Schengen; nuovi uffici SAC in aree militari e pertinenze connesse; nuova viabilità aeroportuale esterna ed interna al sedime; nuovo edificio merci con annesso varco doganale e di security e viabilità interna sedime ed opere di pertinenza; opere di urbanizzazione in aree militari e bonifica ordigni bellici; nuove bretelle piazzali di sosta aeromobili, area ovest; interventi vari in ambito aeroportuale. Il costo di tutte le opere ammonta a circa 155 milioni di euro, di cui 90 per la realizzazione dell'ampliamento dell'aerostazione passeggeri; l’importo presunto dell’appalto per le sole prestazioni professionali, invece, è pari ad oltre 17 milioni di euro. Il primo punto, riguardante l'ampliamento della nuova aerostazione, lascia intendere la demolizione e ricostruzione del vecchio terminal in uso sino al 2007, in luogo del quale dovrà sorgere il nuovo Terminal B. In questa fase risulta però difficile fare previsioni sull'assetto definitivo del nuovo complesso aeroportuale, visto che si è ancora in una fase propedeutica a quella progettuale. Attualmente la superficie complessiva dell'aerostazione è di circa 48.022 mq: con il nuovo modulo, invece, la superficie utile raggiunta sarebbe superiore a 80.000 mq, mentre se si ristrutturasse la vecchia aerostazione la superficie complessiva si attesterebbe a circa 69.000 mq. L'intenzione di realizzare un terminal ex novo era già emersa nel corso del convegno “Il trasporto aereo nell'Europa delle regioni: la rete aeroportuale della Sicilia” che si è tenuto a Catania lo scorso 4 aprile, quando l'Amministratore Delegato della Sac, Nico Torrisi, aveva citato alcuni importanti, prossimi investimenti relativi all'aeroporto di Catania, tra cui la possibile realizzazione di un terminal B completamente nuovo, anziché procedere alla ristrutturazione della vecchia aerostazione.   Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2019: 5 nuove destinazioni, 95 voli diretti e 8 hub internazionali collegati a Fontanarossa L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Aeroporto di Fontanarossa: un progetto per l’ampliamento delle strutture dedicate ai passeggeri  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 apr 2019

L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2019: 5 nuove destinazioni, 95 voli diretti e 8 hub internazionali collegati a Fontanarossa

di Amedeo Paladino

33 paesi stranieri collegati con l'aeroporto di Catania, 95 voli diretti e 5 nuove rotte. Sono solo alcuni dei grandi numeri della Summer 2019 dell’Aeroporto di Catania, la stagione compresa fra fine marzo e fine ottobre: sette mesi in cui si concentra il meglio dell’offerta delle compagnie aeree. Il lungo ponte delle festività pasquali sarà il banco di prova con 470 mila passeggeri in transito dallo scalo etneo nel periodo tra il 18 aprile e il 2 maggio. Di seguito il dettaglio dei numeri elaborati dall'ufficio Dati SAC relativi alla stagione “Summer”. Sono 5 le nuovissime destinazioni della stagione “Summer 2019”: Cracovia, Valencia, Olbia, Rodi e Mosca Vnukovo. Ma aumentano anche i collegamenti già esistenti su numerose rotte coperte da altre compagnie, ma che adesso saranno servite da altri vettori, opzione che permetterà ai passeggeri la scelta di orari più convenienti e tariffe più competitive: si potrà volare più agevolmente verso Stoccolma, Oslo, Copenhagen, Tel Aviv, Vienna, Nantes, Tolosa e Londra Luton. 33 i Paesi stranieri (fra Europa, Asia e Africa) collegati con l’aeroporto di Catania. 22 le città italiane collegate con l’aeroporto di Catania. 95 i voli diretti tra Catania e gli altri aeroporti 10 le città francesi, 8 le città tedesche, 4 le città britanniche collegate con Catania 8 gli hub internazionali direttamente collegate con Catania (oltre i due nazionali, Milano Malpensa e Roma Fiumicino) da cui poter raggiungere altri continenti: Londra, servita da Easyjet, British Airways e Norwegian Parigi, servita da Air France e Easyjet Francoforte, servita da Condor, Ryanair e Lufthansa Monaco, servita da Condor e Eurowings Amsterdam servita da Klm, Easyjet, Transavia Madrid servita da Norwegian, Iberia, Ryanair Istanbul servita da Turkish Airlines Dubai servita da Flydubai Elenco delle principali destinazioni internazionali della stagione “Summer” 2019: Austria (Vienna), Belgio (Bruxelles), Bulgaria (Sofia), Danimarca (Copenaghen), EAU (Dubai), Finlandia (Helsinki), Francia: (Parigi 2 scali, Bordeaux, Lille, Lione, Marsiglia, Nantes, Nizza, Tolosa), Germania (Berlino 2 scali, Colonia, Düsseldorf, Francoforte, Amburgo, Hannover, Monaco e Stoccarda) Grecia (Atene, Rodi, Heraklion), Inghilterra (Londra 3 scali, Birmingham, Bristol, Manchester), Irlanda (Dublino), Israele (Tel Aviv), Lettonia (Riga), Lussemburgo, Malta (La Valletta), Marocco (Casablanca, Marrakech), Norvegia (Oslo) Olanda (Amsterdam, Eindhoven) Polonia (Varsavia, Katowice, Cracovia), Serbia (Belgrado), Slovacchia (Bratislava), Spagna (Madrid, Barcellona, Siviglia, Valencia, Malaga), Svezia (Stoccolma, Göteborg), Svizzera (Basilea, Ginevra, Zurigo), Repubblica Ceca (Praga), Romania (Bucarest, Bacau), Russia (Mosca 3 scali, San Pietroburgo, Ekaterinburg), Turchia (Istanbul), Ucraina (Kiev), Ungheria (Budapest). Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 apr 2019

Aeroporto di Catania, per Pasqua crescita a doppia cifra: +21% passeggeri internazionali

di Mobilita Catania

Crescita a doppia cifra per l’aeroporto di Catania nella settimana di Pasqua. Per la precisione, il periodo che va da giovedì 18 aprile a mercoledì 24 aprile vedrà in transito 220.362 passeggeri, tra arrivi e partenze, con una crescita percentuale di oltre il 12,75%. Nello specifico, saranno 133.828 i passeggeri in arrivo o in partenza per destinazioni nazionali (+8,02% - l’anno precedente furono 123.891), e 86.534 da/per destinazioni internazionali (+21% - l’anno precedente furono 71.559). Supera il 100% la crescita dei passeggeri di provenienza extraeuropea, la cui percentuale si attesta al +114,5% rispetto allo scorso anno, a dimostrazione dell’appeal dell’aeroporto di Catania in generale e dell’interesse verso la Sicilia. Le giornate più trafficate saranno il sabato e la domenica di Pasqua - 20 e 21 aprile - con circa 35 mila passeggeri in transito tra arrivi e partenze. Per l’intera settimana presa in considerazione, sono in programma 26 partenze per Malta, 22 per Londra, 18 per Parigi, 14 per Amsterdam, Monaco e Vienna, 13 per Francoforte e Berlino, 9 per Ginevra, 8 per Dusseldorf e Bucarest, 7 per Zurigo, Istanbul e Basilea. Volendo classificare gli arrivi e le partenze per nazione, il 20% delle destinazioni sono tedesche, il 13% francesi, il 10,32% inglesi, l’8% maltese e il 5% Romeno, Svizzero e Austriaco. Insieme, questi 7 Paesi, rappresentano il 66% circa del mercato complessivo internazionale per nazioni. Una grande crescita si registra anche nel lungo ponte che segue le festività pasquali. Nel periodo compreso tra il 25 aprile e il 2 maggio, infatti, osserviamo un aumento del volato dell’ 8,75%, con ben 1753 movimenti aeromobili rispetto ai 1612 dell’anno precedente. Di questi, 1065 sono da/per destinazioni nazionali, che fanno quindi registrare una crescita del +6,5% rispetto al dato dell’anno precedente, quando i movimenti aeromobili furono 1.000. Nel comparto internazionale la crescita è più sostenuta, ed è data dai 688 movimenti aeromobili programmati, contro i 612 dell’anno precedente (+12,42%). All'interno del comparto internazionale, costante è la crescita del volato extra UE con 61 movimenti aeromobili programmati contro i 28 dell’anno precedente (+118%): numeri quindi più che raddoppiati. Anche nel comparto UE, si prevede una crescita del +7,36%, dato dai 627 aeromobili contro i 584 dell’anno precedente. Crescono anche i passeggeri: complessivamente, dal 25 aprile al 2 maggio, saranno 248.810 (tra arrivi e partenze) contro i 232.979 dell’anno precedente (+6,80%). Nel periodo preso in considerazione, inoltre, sono stati potenziati i collegamenti per alcune destinazioni internazionali: Istanbul e Mosca Domodedovo, rispettivamente con 8 e 5 voli, Tel Aviv, con 6 voli (l’anno scorso era solo 1) Dubai e Sharm con 3 (nessuno l’anno scorso), Marrakech con 2 (nessuno l’anno scorso), Casablanca con 2 (1 solo l’anno scorso), Hurghada e Oslo con 1 volo (nessuno l’anno scorso). Anche in questo caso, i giorni più trafficati saranno quelli di sabato 27 e domenica 28 aprile: nelle 2 giornate di riferimento, si sfioreranno, tra arrivi e partenze, i 35.000 passeggeri. “Anche in occasione delle lunghe festività pasquali i numeri che registra l’aeroporto di Catania sono in crescita esponenziale - commenta Nico Torrisi, amministratore delegato SAC, la società che gestisce lo scalo etneo. Se, come pensiamo, le previsioni saranno confermate, il nostro aeroporto chiuderà il 2019 con oltre dieci milioni di passeggeri. Le nuove destinazioni e l’aumento dei collegamenti per quelle già presenti su Catania confermano la grande attrattività della Sicilia e l’importanza dello scalo etneo e dell’intero sistema della Sicilia orientale come porta d’accesso all’Isola. I risultati raggiunti sono il frutto di un grande lavoro di squadra e, di certo, rappresentano per noi uno sprone a offrire sempre più servizi ai passeggeri e a migliorare le performance dello scalo in ogni settore. A partire dalla sicurezza, recentemente implementata con i nuovi sistemi di building automation appena istallati e finalizzati a migliorare la videosorveglianza integrata al controllo accessi, il piano di efficentamento energetico e la piattaforma di rilevazione incendi. Per quanto riguarda il Terminal C, abbiamo provveduto a istallare nuovissimi varchi automatizzati, mentre nel Terminal A, sono da poco in funzione 39 nuovi monitor elettronici da 86 pollici che agevolano i flussi di informazione all'utenza, rendendo ogni comunicazione più veloce e intuitiva”. Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 mar 2019

L’aeroporto di Catania Fontanarossa ritorna pienamente operativo a conclusione dei lavori

di Mobilita Catania

La società di gestione dell’aeroporto di Catania comunica che nella notte tra ieri (lunedì 19 marzo) e oggi si sono conclusi -con un giorno di anticipo- i lavori per la sistemazione di una parte della via di rullaggio dello scalo. Nel dettaglio, si è proceduto al rifacimento del “tappetino” di asfalto e della segnaletica dell’area di movimento in vista della stagione “Summer”, che inizierà il 31 marzo e che porterà un grande aumento dei voli sullo scalo catanese. Da stamattina, l’aeroporto di Catania è quindi tornato pienamente operativo. I lavori, resisi necessari per ragioni di sicurezza, sono andati avanti per 9 giorni. La somma stanziata è stata di 170.000 euro. Piena soddisfazione dell’AD Nico Torrisi, sia per la velocità con cui le opere sono state realizzate, che per la proficua collaborazione con l’aeroporto di Comiso e con le due autolinee che hanno provveduto al servizio straordinario di navette per i collegamenti con l’aeroporto ibleo: «Abbiamo dimostrato come sia possibile, con l’impegno di tutti e la collaborazione tra diversi enti, portare avanti lavori molto impegnativi in tempi record, minimizzando i disagi per i passeggeri. All’aeroporto di Catania si è lavorato notte e giorno riuscendo addirittura a concludere i lavori anzitempo: l’aeroporto di Comiso, da parte sua, ha operato egregiamente a pieno regime, sostenendo un traffico enorme, senza alcun problema e senza ritardi significativi. Inoltre, nonostante andasse oltre le nostre prerogative, siamo riusciti ad avviare un servizio di navette nel giro di un solo giorno, tra l’altro prefestivo, per agevolare i passeggeri nei loro spostamenti su Comiso dovuti al dirottamento dei voli della compagnia Ryanair. La totale sinergia con lo scalo ibleo testimonia peraltro la bontà del “sistema integrato” tra i due aeroporti, che ci auguriamo possa al più presto diventare la normalità. Ringrazio quindi il presidente di SOACO Silvio Meli, l’amministratore delegato Renato Serrano e il consigliere SAC Rosario Dibennardo, assieme a tutti i lavoratori di entrambi gli scali, agli enti di Stato che ci sono stati al fianco e alle società di handling per il grande impegno profuso in questi giorni». Nell’arco dei 9 giorni di lavori, i voli atterrati al “Pio La Torre” di Comiso sono stati 308 (42 dei quali originariamente già programmati sullo scalo ibleo) per un totale di 45546 passeggeri (7230 dei quali già programmati su Comiso). Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 mar 2019

Aeroporto di Catania, dall’11 al 20 marzo ritardi e cancellazioni per lavori. Tutte le informazioni

di Mobilita Catania

Da lunedi 11 marzo a mercoledì 20 marzo, una porzione dell’area di movimento dell’aeroporto di Catania sarà interessata da lavori urgenti che comprometteranno l'operatività dello scalo. I lavori, comunica SAC, società di gestione dell'aeroporto di Catania, si rendono  necessari al fine di garantire la totale sicurezza del rullaggio degli aeromobili in vista del notevole incremento del traffico aereo atteso per la stagione estiva (che inizia il 31 marzo). Purtroppo, questi interventi causeranno significativi ritardi e cancellazioni. I passeggeri sono invitati a informarsi circa lo stato dei propri voli direttamente con le compagnie aeree. Alitalia e RyanAir hanno già fornito indicazioni importanti, riportate di seguito. La compagnia italiana opererà ben cinquantaquattro cancellazioni mentre quella irlandese devierà su Comiso numerosi voli. Voli Alitalia cancellati dell'11 marzo 2019: Voli Alitalia cancellati del 12 marzo 2019: Voli Alitalia cancellati del 13 marzo 2019: Voli Alitalia cancellati del 14 marzo 2019: Voli Alitalia cancellati del 15 marzo 2019: Voli Alitalia cancellati del 16 marzo 2019: Voli Alitalia cancellati del 17 marzo 2019: Voli Ryanair deviati a Comiso: Collegamenti su gomma Catania-Comiso e viceversa: Per venire incontro alle esigenze dei passeggeri e per ovviare ai disagi causati dallo spostamento di numerosi voli sull’aeroporto di Comiso, la SAC (società di gestione dell’aeroporto di Catania) si è attivata affinché i passeggeri possano avere a disposizione un servizio di corse supplementari in autobus tra i due aeroporti. Il servizio verrà effettuato dall’AST (Azienda Siciliana Trasporti), che ha risposto alla richiesta dell’AD della SAC, Nico Torrisi, mettendo a disposizione 7 autobus e garantendo alcune corse extra. Il servizio inizierà lunedì 11 marzo e proseguirà per tutta la durata dei lavori. L’AST effettuerà 24 corse (1 autobus per ogni corsa), 12 in partenza dall’aeroporto di Catania e 12 in partenza dall’aeroporto di Comiso, modulate sugli orari dei voli in partenza e in arrivo all’aeroporto ibleo. Il percorso diretto durerà circa un’ora e mezza. La prima corsa partirà da Catania alle 5:30 del mattino di lunedì 11 marzo, dal capolinea AST situato di fronte all’ex aerostazione Morandi (tra il Terminal A e il Terminal C). L’ultima partirà dall’aeroporto di Comiso alle 22:15. I biglietti potranno essere acquistati direttamente a bordo e avranno il costo di una normale corsa. Ecco gli orari di lunedì 11 marzo:   SAC, in una nota, oltre a scusarsi per gli inevitabili disagi, ha giustificato così la scelta di questo periodo per effettuare i lavori: «Abbiamo scelto questo periodo dell’anno per la seconda tranche dei necessari lavori sul piazzale proprio perché è un periodo ancora di “bassa stagione” e in modo da farci trovare preparati alle nuove e importanti sfide che attendono il nostro aeroporto nei prossimi mesi». Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 feb 2019

Più sicuro ed efficiente: l’Aeroporto di Catania si rinnova con la tecnologia di building automation

di Mobilita Catania

Con quasi dieci milioni di passeggeri nel 2018, l’Aeroporto di Catania continua a crescere confermandosi il primo Scalo del Sud Italia. Un trend positivo che rende l’hub catanese sempre più strategico nell’intreccio delle rotte aeree del Mediterraneo ma che lo espone a sfide crescenti di sicurezza e di efficientamento energetico. È in questo contesto che l’Aeroporto siciliano ha deciso di affidare a Siemens Italia un progetto integrato di building automation finalizzato a migliorare i livelli di sicurezza e a monitorare i consumi di energia complessivi dello scalo. Uno dei principali interventi ha riguardato la completa migrazione dal sistema di sorveglianza analogico TVCC alla nuova piattaforma digitale Siemens Siveillance e l’installazione di 250 videocamere digitali in Full HD che si aggiungono alle 180 già presenti nell’aeroporto. La piattaforma di video management system Siveillance è stata inoltre integrata al sistema per il controllo accessi Siemens SiPass con l’obiettivo di incrementare ulteriormente i livelli di controllo nelle zone cosiddette “sterili” – ovvero le aree accessibili unicamente al personale autorizzato - dell’hub. Successivamente, è stato sostituito il precedente sistema Siemens Algorex con le nuove centrali di rivelazione incendio Siemens Sinteso, gestite interamente dalla piattaforma software Siemens Desigo CC, connessa in locale al virtual server dell’aeroporto. In questo modo, è stato possibile aumentare il grado di affidabilità, sicurezza e precisione garantendo al contempo una scalabilità praticamente illimitata. Infine, con l’obiettivo di rendere l’Aeroporto di Catania – già certificato ISO 50001 – più efficiente da un punto di vista energetico, sarà installata la piattaforma basata su cloud Siemens Navigator per il monitoraggio e la gestione di tutti gli asset energivori dell’hub. Tramite Navigator, l’Aeroporto sarà in grado di identificare le inefficienze energetiche e di prevedere, dopo un periodo di analisi dati di 5-6 mesi, l’andamento dei consumi di energia: elementi fondamentali per impostare piani strutturati di efficientamento energetico. “Siamo molto soddisfatti della collaborazione con Siemens, che ci ha permesso di migliorare ulteriormente l’efficienza energetica e la sicurezza del nostro scalo,” ha dichiarato Antonio Palumbo, responsabile dei Sistemi Informatici Terminal dell’Aeroporto di Catania. “La crescita continua dell’aeroporto di Catania, che nel 2019 supererà i 10 milioni di passeggeri, ci pone davanti a grandi sfide, che possono essere affrontate e vinte solo con l’ausilio di società innovative e all'avanguardia come è appunto Siemens. Con il nuovo sistema di videosorveglianza integrato al controllo accessi, con il piano di efficientemente energetico e con la nuova piattaforma di rilevazione incendi possiamo tranquillamente affermare di aver portato il nostro scalo al livello dei grandi aeroporti internazionali”.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti