Articolo
26 apr 2018

Cresce il mercato internazionale dell’aeroporto di Catania: ponte del 1° Maggio positivo

di Amedeo Paladino

Dopo i risultati del periodo di Pasqua, le previsioni di traffico della SAC, società di gestione dell’aeroporto di Catania, sono positive anche per il ponte del Primo Maggio: transiteranno dallo scalo etneo circa 147.451 passeggeri, in aumento rispetto allo scorso anno. Particolarmente rilevante il dato riguardante il mercato internazionale, con una crescita a doppia cifra percentuale. Dal 27 aprile al 1° maggio, infatti, la SAC prevede un movimento complessivo di 147.451 passeggeri (+8,95% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente quando i passeggeri totali furono 135.329). Nel dettaglio: 71.690 sono previsti in arrivo e 75.761 in partenza. I passeggeri da/per destinazioni internazionali saranno circa 60.000, con una crescita del 19% rispetto al dato del 2017 quando furono 50.000. Coloro che sono diretti da/per destinazioni nazionali, saranno circa 88.323 (+3,45% rispetto all’anno precedente quando ne registrammo 85.373). Le giornate più trafficate saranno venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 Aprile, per un totale atteso di 110 movimenti aerei e altrettanti in arrivo: in tutte e 3 le giornate si registreranno 16 mila i passeggeri in partenza, e 15 mila in arrivo. Il Ponte festivo sarà l'occasione per saggiare l'efficienza dello scalo etneo in previsione del traffico record di questa estate: l’aeroporto di Catania, infatti, sarà punto d’arrivo e di partenza per numerose destinazioni internazionali. La Summer 2018, la stagione compresa fra fine marzo e fine ottobre, sarà molto positiva: 31 Paesi stranieri collegati con Catania dall’Europa, dall’Africa e dall’Asia, 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali. Nel frattempo si continua a lavorare per dar seguito alla crescita dello scalo etneo: sono attualmente in corso i lavori di conversione dell’ex centro polifunzionale agroalimentare e turistico “Norma” in Terminal dedicato alle partenze, che sarà denominato C. Il nuovo terminal sarà ultimato entro giugno 2018, ospiterà i voli Schengen delle compagnie aeree low-cost. Passi avanti formali anche per il futuro terminal B: nei prossimi mesi verranno avviati i lavori di demolizione e smaltimento di arredi, finiture, divisori, infissi ed impianti presenti all’interno del terminale Morandi in disuso dal 2007. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Aeroporto di Catania, entro l’estate pronto il nuovo Terminal C L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2018: 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 mar 2018

Aeroporto di Catania, crescono i viaggiatori stranieri nel periodo di Pasqua

di Roberto Lentini

Assaeroporti rende noti i dati del traffico degli aeroporti italiani relativo al mese di febbraio, confermando i dati positivi per l’aeroporto di Catania. A febbraio l'aeroporto di Catania cede la sesta posizione nazionale all'aeroporto di Bologna, ma questo dato non deve far preoccupare visto che gennaio e febbraio solitamente sono mesi "più calmi" per il nostro aeroporto, Di contro il traffico internazionale cresce più del traffico nazionale, segno che la destagionalizzazione del nostro aeroporto è ormai avviata. Ecco nel dettaglio il movimento passeggeri riferito al mese di febbraio: Fiumicino (Roma) con 2.573.853 passeggeri in transito e una crescita del 3,2% Malpensa (Varese) con 1.543.248 passeggeri in transito e una crescita del 13,9% Orio al Serio (Bergamo) con 851.561 passeggeri in transito e una crescita del 6,1% Linate (Milano) con 672.650 passeggeri in transito e una crescita negativa del -1,8% Tessera (Venezia) con 598.428 passeggeri in transito e una crescita del 5,9% Borgo Panigale (Bologna) con 542.952 passeggeri in transito e una crescita del 12,4% Fontanarossa (Catania) con 525.458 passeggeri in transito e una crescita del 9,9% Capodichino (Napoli) con 519.621 passeggeri in transito e una crescita del 41,5% Ciampino (Roma) con 430.617 passeggeri in transito e una crescita negativa del -3,9% Punta Raisi (Palermo) con 340.904 passeggeri in transito e una crescita del 22% Per l’aeroporto di Catania i 525.458 passeggeri in transito sono così suddivisi: 411.993 passeggeri su voli nazionali con una crescita del 7,5% 112.073 passeggeri su voli internazionali con una crescita del 19,1% 104.071 passeggeri su voli internazionali riferiti all’U.E. con una crescita del 15,2%. Ecco la classifica dei primi 10 aeroporti per movimenti di passeggeri riferiti ai primi due mesi del 2018: Roma Fiumicino con 5.208.104 passeggeri in transito e una crescita del 0,9% Milano Malpensa con 3.146.360 passeggeri in transito e una crescita del 12,2% Bergamo con 1.784.110 passeggeri in transito e una crescita del 7% Milano Linate con 1.343.563 passeggeri in transito e una crescita negativa del -3,8% Venezia con 1.165.116 passeggeri in transito e una crescita del 6% Bologna con 1.142.209 passeggeri in transito e una crescita del 11,7% Catania con 1.079.501 passeggeri in transito e una crescita del 9,4% Napoli con 1.051.928 passeggeri in transito e una crescita del 46,6% Roma Ciampino 896.682 in transito e una crescita negativa del -1,8% Palermo con 715.440 passeggeri in transito e una crescita del 21% Per il periodo di Pasqua è previsto un aumento delle presenze straniere nel nostro aeroporto, confermando i dati iniziali. Ci saranno 75.000 passeggeri stranieri in transito dal nostro aeroporto (+15,52% rispetto al 2017), ben 10 mila turisti in più rispetto allo scorso anno, quando furono 64.924. Crescono anche i viaggiatori provenienti dal territorio nazionale: ne sono attesi 130.000 (+7% rispetto al 2017, quando furono 121.406). I giorni più trafficati saranno il 29 e il 30 marzo con 108 aeromobili in movimento tra piazzale e pista e 31mila passeggeri in transito (di cui 17.000 passeggeri in arrivo per le vacanze di Pasqua). Il dato si ribalta nelle giornate del 3 e 4 aprile, quando sono previsti 105 voli in partenza e un flusso analogo di 31.000 passeggeri che rientrano o partono da Catania. Grande traffico anche nel giorno di Pasqua. Quest’anno la domenica di festa sarà particolarmente movimentata con 25.000 passeggeri in transito (+16% rispetto allo stesso giorno del 2017): numeri consistenti di passeggeri si registrano su voli internazionali, e fra questi le destinazioni extra UE da/per Istanbul, Tel Aviv, Casablanca e Mosca. Per tutta la settimana di Pasqua sono in programma 32 voli per Malta, 18 per Londra Gatwick, 12 per Parigi, Francoforte e Istanbul, 10 per Monaco, 8 per Varsavia, Ginevra e Bucarest, 7 per Manchester e Amsterdam. Comincia anche la stagione dei charter: sotto Pasqua si parte per Tel Aviv, Atene, Lisbona, Praga, Sofia e Madrid (ma queste due destinazioni sono già servite in maniera stabile a giorni alterni da compagnie low cost). Fra le nuove rotte della Summer 2018 debuttano sotto Pasqua il Parigi servito da Air France e Lione (Easyjet). Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Aeroporto di Catania, entro l’estate pronto il nuovo Terminal C L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2018: 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mar 2018

Aeroporto di Catania, esordisce il nuovo sistema gestione parcheggi: come funziona

di Amedeo Paladino

Da venerdì 23 marzo SAC, gestore dell’Aeroporto di Catania, introduce progressivamente il nuovo Sistema Gestione Parcheggi (SGP) che, grazie a software di ultima generazione, videocamera e telecontrollo, renderà più semplice l’accesso e il pagamento della sosta nei parcheggi della SAC. Restano invariate le tariffe dei parcheggi a Sosta Breve P1 e P2 che includono i primi 15’gratuiti. Come funziona il nuovo SGP? Il nuovo SGP è un sistema che prevede specifiche colonnine di accesso/uscita nelle aree di sosta della SAC (P1, P2 e P4) e, soprattutto, nuove casse per il pagamento: si tratta di strumenti ad alta tecnologia, telecontrollati e dotati di videocamera per l’assistenza diretta in caso di anomalie o guasti. Le colonnine in ingresso sono due, la seconda sostituisce in tempo reale la prima in caso di guasto. Scompaiono i gettoni gialli. Al loro posto le colonnine emettono un ticket di carta con codice a barre. Si tratta di scontrini “intelligenti” da introdurre successivamente – come sempre prima di recuperare l’auto - nelle casse collocate all’uscita e all’interno del Terminal A per la lettura del codice a barre, il calcolo della sosta e il successivo pagamento da parte degli utenti in contanti (banconote/monete) e, fra una settimana – non appena il sistema andrà a regime – anche con moneta digitale: ossia con carta di credito, bancomat e, in futuro, anche con tessere per gli abbonati. I parcheggi sono dotati di un sistema di riconoscimento targhe delle auto che transitano nei varchi d’entrata e d’uscita dell’area di sosta; a breve saranno installati tabelloni elettronico indicante il numero posti liberi. Saranno inoltre installati totem riepilogativi di tutti i parcheggi con numero di posti disponibili per ognuno di essi, che verranno collocati nelle strade di accesso all’aeroporto. Gli utenti dei parcheggi SAC troveranno le casse per il pagamento della sosta all’esterno del Terminal A, area Arrivi (piano terra). Scompaiono quindi le casse “di prossimità”, a fianco dei parcheggi P1 e P2. Altra novità è la possibilità che hanno le nuove colonnine di consentire il pagamento anche in fase di uscita dal parcheggio (ma esclusivamente con moneta digitale, ossia con bancomat e/o carta di credito o con la tessera abbonati). Quando e come entra in funzione il nuovo SGP? Sono 3 le fasi programmate da SAC per scandire questa progressiva modifica nella fruizione dei parcheggi e accompagnare gli utenti alla sua conoscenza, benché sistemi analoghi siano già in uso in altri centri servizi polifunzionali come gli ospedali e i parcheggi multipiano (es. Taormina). Il nuovo GSP, che nel giro di una settimana sarà operativo nei parcheggi esistenti, sarà adottato a seguire anche nelle altre aree di sosta che SAC metterà in funzione nei prossimi mesi: il parcheggio P3 (120 stalli, di fronte il futuro Terminal B, ex Morandi), P5 (50 stalli, adiacente al Terminal C) e il P6 (l’ex area del campo sportivo che potrà contare circa 500 stalli). La prima fase d'implementazione del nuovo sistema esordisce oggi, venerdì 23 marzo: a “testare” il nuovo SAP sarà il parcheggio P1 appena riaperto a conclusione dei lavori realizzati da squadre di tecnici specializzati che hanno sostituito gli apparati vecchi con i nuovi (colonnine e sbarre in entrata e in uscita) e predisposto i sottoservizi propedeutici, a fine aprile, alla successiva installazione del Telepass. Nessuna modifica alle tariffe: nel P1 i primi 15 minuti sono gratuiti e la prima ora costa 2 euro. Insieme al P2, il P1 è il parcheggio ideale per chi viene in aeroporto per accompagnare o accogliere parenti, amici e colleghi di lavoro in partenza o in arrivo e vuole trattenersi un po’ di tempo in più per i saluti. Gli stalli del P1 sono 98, 2 gratis per i disabili (PRM). Il secondo step avverrà giovedì 29 marzo presso il parcheggio P2 (Sosta Breve, primi 15’ gratis, 20 mt dal Terminal A, 220 stalli, 4 gratuiti per i disabili): l’area di sosta più vicina al Terminal A, dal quale dista appena 20 metri. Il P2 ha gli stessi vantaggi del P1, ma conviene in particolar modo a chi parte e rientrerà a Catania entro 24 ore. Quindi chi viaggia per lavoro, svago, visite mediche e fa rientro in giornata, avrà a disposizione un parcheggio “dentro l’aeroporto” che, per un giorno intero (ovvero se non si superano le 24 ore), costerà solo 9 euro: una tariffa fra le più economiche, a parità di condizioni, fra quelle applicate dalle società di gestione aeroportuale negli scali italiani. La prima ora costa 2 euro come il P1 e i primi 15 minuti sono gratuiti, quindi anche gli accompagnatori potranno usufruirne. Gli stalli sono 220, 4 gratis per i disabili. Venerdì 30 marzo il nuovo sistema esordisce presso il parcheggio P4 (Sosta Lunga, a 200 metri dal terminal, attualmente circa 680 stalli). Il nuovo sistema P4, nella fase di rodaggio, sarà ibrido, ossia presenterà entrambe le forme di pagamento: quella con i gettoni gialli (per gli utenti che rientrano da trasferte e hanno regolarmente prelevato il gettone) e quella nuova con il ticket con barcode. Il P4, a differenza di P1 e P2, avrà al suo interno anche una cassa per il pagamento della sosta. Il P4 è il parcheggio dedicato alla sosta lunga, o comunque superiore alle 48 ore. Gli stalli sono attualmente circa 680, 16 gratis per i disabili Entro la fine di  aprile sarà completata l'installazionedel sistema TELEPASS presso i parcheggi P1, P2 e P4 che renderà ancora più fluidi i transiti in ingresso e uscita. Si tratta di un servizio molto in uso nella Sicilia Orientale, dove da circa vent’anni è presente nei caselli dell’autostrada Catania-Messina e in parte della Messina-Palermo, e da tempo veniva richiesto dagli utenti proprio per la comodità di gestione: l’apparecchio Telepass già montato sulle auto dei clienti, sarà infatti in grado di “dialogare” con il lettore che sarà installato nei nostri parcheggi. Sarà il software fornito da Telepass, e predisposto secondo il tariffario dei parcheggi SAC, a calcolare il costo di ogni sosta in aeroporto e ad addebitare l’esatto importo al cliente. Sempre entro la fine di aprile saranno installati il nuovo SGP e il TELEPASS nei parcheggi P3 e P5 che saranno aperti al pubblico entro la fine dell’anno. Entro la fine del 2018 saranno aperti al pubblico i parcheggi P3 e P5 (attualmente occupati dai rent-car), l'apertura del parcheggio P6 è da definire; anche questi parcheggi saranno dotati del nuovo SGP e del servizio TELEPASS.   Ti potrebbero interessare: Aeroporto di catania | Scheda dell’opera Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Catania, nuove tariffe per la sosta nei tre parcheggi dello scalo Aeroporto di Fontanarossa, pubblicato bando per nuovo parcheggio e viabilità

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 mar 2018

L’aeroporto di Catania presenta l’estate 2018: 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali e 8 hub intercontinentali

di Mobilita Catania

È stata presentata oggi l'Estate 2018 dell'aeroporto di Catania che prenderà il via dai giorni delle festività pasquali: 31 Paesi stranieri collegati con Catania dall’Europa, dall’Africa e dall’Asia, 97 voli diretti, 77 aeroporti internazionali, 8 hub intercontinentali e 7 nuovissime rotte come Dubai, Norimberga, Tolosa, Nantes, Nizza, Bordeaux e Londra Southend cui si aggiungono Marrakech e Siviglia in autunno; aumentano le frequenze su Francoforte, Malta, Parigi, Monaco e Dusseldorf; idem sulla Catania-Roma, la rotta più trafficata d’Italia, che in estate arriverà a 40 voli giornalieri (andata e ritorno). Sono i grandi numeri della Summer 2018 dell’Aeroporto di Catania, la stagione compresa fra fine marzo e fine ottobre: sette mesi in cui si concentra il meglio dell’offerta delle compagnie aeree e, per esteso, dell’industria del turismo, sia in ingresso che in uscita dalla Sicilia. Mentre già la Pasqua ormai imminente si annuncia con 205.000 passeggeri in transito su Catania (+10% rispetto allo scorso anno), 75.000 dei quali sono stranieri (+15%). A illustrare alla stampa, nel dettaglio, il ricco ventaglio di novità nell’Aeroporto di Catania – scalo che serve sette nelle nove province siciliane - è stato Nico Torrisi, Amministratore Delegato di SAC Spa, nel corso di un incontro con i giornalisti convocato dalla Presidente, Daniela Baglieri, e al quale hanno preso parte anche i componenti del Cda. “Mai così tanti hub collegati a Fontanarossa – spiega Nico Torrisi – come nell’estate 2018: oltre ai due scali italiani di Fiumicino e Malpensa, i passeggeri potranno scegliere fra le grandi piattaforme internazionali di Dubai, Amsterdam, Francoforte, Istambul, Londra, Madrid, Monaco e Parigi da dove proseguire il viaggio per gli altri continenti sfruttando fra le varie coincidenze. Analogamente la Sicilia si conferma un brand dalla forte capacità attrattiva: dopo il grande exploit del 2017, quando l’Aeroporto di Catania ha raggiunto la cifra record di oltre 9 milioni di passeggeri, anche le previsioni di traffico per la Pasqua 2018 confermano questa tendenza che privilegia la Sicilia: dal 29 marzo al 4 aprile sono attesi sotto l’Etna 205.000 passeggeri con una crescita significativa (+ 15%) del segmento internazionale: 75mila viaggiatori da/per rotte internazionali, 10mila in più rispetto allo scorso anno. Anche per questo, durante l’inverno, abbiamo accelerato una serie di interventi strategici e destinati a migliorare i servizi ai passeggeri: sono in corso i lavori nel Terminal C, che entro l’inizio dell’estate contiamo di mettere in funzione distribuendo così i flussi di passeggeri per ora concentrati nel Terminal A e stiamo predisponendo software e segnaletica stradale per orientare i passeggeri, che la prossima estate dovranno sapere già dall’emissione del biglietto se devono recarsi nel Terminal A o nel Terminal C. Abbiamo messo a bando la gara per svuotare l’ex Morandi, destinato a diventare il Terminal B (a breve presenteremo il progetto definitivo all’Enac). E da oggi prende il via il nuovo Sistema Gestione Parcheggi che, grazie a software avanzati e con l’introduzione del Telepass (a fine aprile) renderà ancora più semplice l’accesso alle aree di sosta contribuendo a fluidificare la viabilità interna del sedime aeroportuale”. Il nuovo Sistema Gestione Parcheggi prevede l’emissione di un ticket con codice a barre (quindi scompaiono i gettoni) e il pagamento alle casse unificate, poste dentro e fuori il Terminal A (e non più accanto ai parcheggi), sia con contanti che, entro fine marzo, con moneta digitale: bancomat, carte di credito e, in seguito, anche tessere per gli abbonati. Si tratta di un sistema ad alta tecnologia, telecontrollato e dotato di videocamera per l’assistenza diretta. Si comincia oggi, 23 marzo, con il P1; a seguire il P2 (29 marzo) e P4 (30 marzo). Saranno circa 205.000 i passeggeri in arrivo nell’Aeroporto di Catania per la Pasqua 2018 (dal 29 marzo al 4 aprile), un numero in crescita del +10% rispetto al periodo analogo dello scorso anno (che ricadeva in aprile e registrò il transito di 186.330 viggiatori). Nico Torrisi, Ad di SAC Spa e Daniela Baglieri, Presidente SAC hanno illustrato inoltre i dati di traffico delle festività di Pasqua: cresce in maniera considerevole il numero di stranieri: saranno in 75.000 (+15,52% rispetto al 2017) a trascorrere la Pasqua in Sicilia sbarcando a Fontanarossa provenienti da voli internazionali. Ben 10 mila turisti in più rispetto allo scorso anno, quando furono 64.924. Crescono anche i viaggiatori provenienti dal territorio nazionale: ne sono attesi 130.000 (+7% rispetto al 2017, quando furono 121.406). I giorni più trafficati saranno il 29 e il 30 marzo con 108 aeromobili in movimento tra piazzale e pista e 31mila passeggeri in transito (di cui 17.000 passeggeri in arrivo per le vacanze di Pasqua). Il dato si ribalta nelle giornate del 3 e 4 aprile, quando sono previsti 105 voli in partenza e un flusso analogo di 31.000 passeggeri che rientrano o partono da Catania. Grande traffico anche nel giorno di Pasqua. Quest’anno la domenica di festa sarà particolarmente movimentata con 25.000 passeggeri in transito (+16% rispetto allo stesso giorno del 2017): numeri consistenti di passeggeri si registrano su voli internazionali, e fra questi le destinazioni extra UE da/per Istanbul, Tel Aviv, Casablanca e Mosca. Per tutta la settimana di Pasqua sono in programma 32 voli per Malta, 18 per Londra Gatwick, 12 per Parigi, Francoforte e Istanbul, 10 per Monaco, 8 per Varsavia, Ginevra e Bucarest, 7 per Manchester e Amsterdam. Comincia anche la stagione dei charter: sotto Pasqua si parte per Tel Aviv, Atene, Lisbona, Praga, Sofia e Madrid (ma queste due destinazioni sono già servite in maniera stabile a giorni alterni da compagnie low cost). Fra le nuove rotte della Summer 2018 debuttano sotto Pasqua il Parigi servito da Air France e Lione (Easyjet). Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Aeroporto di Catania, entro l’estate pronto il nuovo Terminal C  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mar 2018

Emirates e Flydubai insieme per offrire voli in connessione da Fontanarossa per Africa e Asia

di Roberto Lentini

Grazie ai voli in connessione di Flydubai i viaggiatori in partenza da Catania e diretti a Dubai potranno proseguire il viaggio per le innumerevoli destinazioni di Emirates in Africa, Asia e Australia quali Johannesburg, Dhaka, Adelaide, Bangkok, Hong Kong, Melbourne, Sydney, Singapore e altri con un unico biglietto e senza rifare il check-in. Il volo sarà attivo dal 13 giugno e verrà utilizzato un Boeing 737/800 con prezzi a partire da 206,88 euro per la Economy e 946,98 euro per la Business class. Ecco gli operativi del volo: CTA → DXB FZ768  13:15 21:05  -1-2-3-4-5-6-7- DXB → CTA FZ767  08:10 12:15  -1-2-3-4-5-6-7- Il volo CTA-DXB partirà da Fontanarossa  e atterrerà all’Aeroporto Internazionale di Dubai, il principale aeroporto della città, negli Emirati Arabi Uniti: è il più grande e importante aeroporto del Medio Oriente ed è situato nel quartiere di Garhoud, 4 km a nord-est della città.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 mar 2018

Aeroporto di Catania, entro l’estate pronto il nuovo Terminal C

di Mobilita Catania

Archiviato il 2017 come l’anno-record di Fontanarossa con oltre 9 milioni di passeggeri giunti in Sicilia atterrando o decollando ai piedi dell’Etna, la SAC, società di gestione dell'aeroporto di Catania,  continua a lavorare per dar seguito alla crescita dello scalo etneo: sono attualmente in corso i lavori di conversione dell'ex centro polifunzionale agroalimentare e turistico “Norma” in Terminal dedicato alle partenze, che sarà denominato C. Gli interventi sono stati aggiudicati dall’ATI (associazione temporanea di imprese) composta dalla SAE – Società Appalti Edili s.r.l. e dalla BCS – Costruzioni s.r.l. per un importo di 734.543,86 euro. Il terminal C sarà ultimato entro giugno 2018 e potrà ospitare un flusso di circa 350 passeggeri l’ora e la Sac stima di far transitare 40 mila passeggeri al mese. Il nuovo Terminal sarà utilizzato per le partenze di voli Schengen da compagnie aeree low-cost. Su una superficie di circa 3800 mq troveranno posto quattro postazioni check-in, quattro varchi di sicurezza, la zona sterile, composta da quattro gate e da sale d’aspetto per i passeggeri. Sono inoltre previsti due bar, uno nei pressi dell’ingresso e uno all'interno della zona sterile, e due aree commerciali. La struttura del centro polifunzionale era stata edificata agli inizi degli anni 2000 come Terminal arrivi per sopperire all'esigenza di reperire spazi in sostituzione di quelli impegnati dal cantiere dei lavori di ristrutturazione e di ampliamento dell’aerostazione.  Il nuovo terminal prevede solo check-in convenzionali, il passeggero che deve effettuare il check-in, può raggiungere i controlli attraverso un percorso, alla sinistra dei banchi e di fronte gli stessi. Una volta effettuato il check-in, i passeggeri già dotati di carte di imbarco, raggiungeranno direttamente l’area dei controlli attraverso un sistema di porte di accesso con lettore delle carte. Nella zona gates è previsto un food & beverage e retail e le sedute per i passeggeri in attesa dell’imbargo sull’aeromobile. Un'altra novità recente è la pubblicazione del bando di gara a procedura aperta per l’affidamento dei “Lavori di caratterizzazione, demolizione e smaltimento a rifiuto materiali esistenti nel terminal B (ex Morandi)” per un importo complessivo di € 1.700.000,00. L’intervento previsto riguarda i lavori di demolizione e smaltimento di arredi, finiture, divisori, infissi ed impianti presenti all’interno del terminale Morandi in disuso dal 2007. I lavori sono finalizzati alla successiva ristrutturazione dell’involucro edilizio che sarà destinato ad ampliamento della struttura aeroportuale in esercizio e diverrà il Terminal B. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 mar 2018

Air France fa rotta su Catania dopo 27 anni, il collegamento con Parigi anche per l’inverno

di Mobilita Catania

Dopo ben 27 anni Air France riapre i collegamenti da Catania a Parigi. Dal prossimo 27 marzo la compagnia aerea francese collegherà l’aeroporto Fontanarossa a Charles de Gaulle tre volte alla settimana, il martedì, il giovedì e il sabato. Il nuovo collegamento è previsto anche per la stagione invernale 2018-2019, ed è già in vendita con prezzi a partire da 49 euro solo andata, e 99 andata/ritorno. I voli Air France Catania-Parigi, inaugurati per la prima volta nel 1987 e interrotti il 31 marzo 1991, saranno operati con aeromobili Airbus A319 e A320. I nuovi voli si aggiungeranno a quelli del sabato e della domenica di KLM per Amsterdam, permettendo ai passeggeri in partenza da Catania di approfittare di comode coincidenze, entro le due ore di transito all’aeroporto di Parigi o Amsterdam, verso più di 100 destinazioni in Europa e 14 nel mondo. Orario voli Air France da Catania: Catania (16h50) – Parigi CDG (19h35) martedì, giovedì e sabato Parigi CDG (13h30) – Catania (16h05) martedì, giovedì e sabato Orario voli KLM da Catania: Catania (16h20) - Amsterdam (19h25) sabato e domenica Amsterdam (12h40) – Catania (15h30) sabato e domenica Il nuovo volo Air France non è l’unica novità del Gruppo Air France-KLM da Catania: la compagnia low cost del Gruppo, Transavia, che già vola tutti i giorni per Parigi-Orly e Amsterdam, aprirà due nuove rotte bisettimanali (il lunedì e il venerdì): per Lione, dal 6 aprile, e per Nantes, dal 1 giugno. “Il volo Air France per Parigi si affianca al recente volo KLM per Amsterdam, andando a rafforzare le possibilità di collegamento dalla Sicilia al resto del mondo. Dopo il successo del volo per Amsterdam, siamo orgogliosi di riportare Air France a Catania dopo 27 anni” dichiara Jerome Salemi, Direttore Generale Air France-KLM East Mediterranean. “Bentornata Air France a Catania – commentano Daniela Baglieri e Nico Torrisi, Presidente e AD di SAC, società di gestione dello scalo etneo – siamo compiaciuti per questa importante novità che, grazie al prestigio della compagnia aerea e dell’intero gruppo, aggiunge valore all’esperienza di viaggio di chi transita dall’aeroporto di Catania. La rotta su Parigi (Charles de Gaulle), hub collegato con il network mondiale di Air France-KLM, offre decine di coincidenze con scali intercontinentali: una ulteriore opportunità per incentivare e diversificare i flussi turistici in entrata e in uscita dalla Sicilia”. Ti potrebbe interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Quale futuro per l’aeroporto di Catania dopo il traguardo dei 9 milioni di passeggeri nel 2017 Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud L’aeroporto di Catania si fa grande: aggiudicati i lavori per il nuovo terminal Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi  

Leggi tutto    Commenti 0