Articolo
18 dic 2015

L’Aeroporto di Catania sbarca sui social network, oggi la presentazione

di Mobilita Catania

Con l’hashstag #cataniaairport da oggi l’aeroporto di Catania diventa “social”  e figura con un proprio profilo ufficiale in tutte le principali piattaforme dei newmedia come Twitter, Facebook, Instagram, Youtube e Google+, canali di comunicazione di massa sempre più utilizzati dai passeggeri con la diffusione esponenziale dei dispositivi mobili (smartphone e tablet). L’hashtag, ovvero l’etichetta che fa da aggregatore tematico, servirà ad individuare sulla rete tutti i contenuti relativi lo scalo di Catania. Oggi la presentazione dell’iniziativa, che rientra nel più ampio progetto “Aeroporto Amico” promosso da Sac a cura del presidente Sac Spa Salvatore Bonura, e dell’amministratore delegato, Gaetano Mancini. Un’opportunità quella fornita dai social media, decisamente strategica per un aeroporto come quello di Catania, il più grande del sud Italia. Oltre a veicolare, infatti, informazioni utili ai passeggeri in transito, la presenza sui social consentirà di condividere queste notizie con la community del web facendole diventare virali. Orari dei voli in arrivo e in partenza, norme di sicurezza, eventuali criticità, assistenza ai viaggiatori, rotte principali e nuove destinazioni delle compagnie aeree, informazioni sulle coincidenze con altri mezzi di trasporto (treno, bus, navette, taxi) servizi al passeggero e assistenza specializzata, itinerari alla scoperta della Sicilia e delle sue attrazioni d’arte, cultura, naturalistiche ed enogastronomiche. Contenuti che, grazie ai newmedia, potranno essere condivisi sulla rete dando valore all’esperienza del viaggiatore in Sicilia – che potrà geolocalizzarsi nella struttura aeroportuale di Catania – e, per il suo tramite, dando valore allo scalo dove è temporaneamente in transito. “Da tempo - ha commentato il presidente Sac Salvatore Bonura – pensavamo di traghettare nei social media l’aeroporto di Catania. In questi anni abbiamo visto una diffusione costante e trasversale, per età, professione e cultura, di questi strumenti di comunicazione. Per uno scalo come il nostro, con oltre 7 milioni di passeggeri l’anno, è una svolta strategica nella direzione di una maggiore capacità di comunicare con gli utenti, maniera semplice e diretta. E poi un aeroporto in costante espansione come quello di Catania non poteva rinunciare al valore dei social media: strumenti dinamici, interattivi e dunque particolarmente efficaci per veicolare al passeggero informazioni istituzionali, ma anche di natura pratica, e agevolarlo nella fruizione dei servizi aeroportuali. Da qui il progetto “Aeroporto Amico”, del quale la presenza sui social e il nuovo brand costituiscono parte integrante” A illustrare le finalità del progetto è stato Gaetano Mancini, amministratore delegato di Sac: “Grazie ai social e ai dispositivi mobili desideriamo consentire al passeggero, ancora prima che arrivi nello scalo, di pianificare meglio il viaggio, la permanenza nel terminal e la fruizione dei servizi. Ma non solo. Attreverso i social media vogliamo infatti avviare un canale di comunicazione bidirezionale: non soltanto informazioni al passeggero, ma anche la possibilità per quest’ultimo di segnalare criticità e offrire spunti di miglioramento attraverso il servizio di customer care che viene significativamente potenziato. Social e nuovo brand sono in tal senso parte importante del nuovo progetto “Aeroporto Amico” che vuole coinvolgere, è bene dirlo, non solo Sac, ma tutti i soggetti della filiera aeroportuale. Poiché l’obiettivo di “Aeroporto Amico” – ovvero rendere sempre più piacevole al passeggero l’esperienza di transito in aeroporto – si otterrà solo grazie alla collaborazione di tutti i vari prestatori di servizi che operano nello scalo, sia pubblici che privati. Per questo ci sentiamo di indirizzare loro i nostri ringraziamenti per il contributo che daranno al progetto nell’ambito del nuovo brand “Aeroporto di Catania” che vuole rappresentare l’operato di tutti: gli Enti di Stato, le compagnie aeree, gli operatori di handling, della security e del Prm (passeggeri a ridotta mobilità), gli esercizi commerciali, i prestatori di servizi aeroportuali come pulizie e manutenzioni e quant’altro. E’ la collaborazione tra tutti gli attori di questo sistema che consente di ottenere un “Aeroporto Amico”: una sinergia che punta a fornire maggiori e migliori servizi ai passeggeri dello scalo di Catania". Contestualmente al lancio delle proprie piattaforme social, Sac ha poi presentato il nuovo brand “Aeroporto di Catania” e i suoi contenuti principali. “Aeroporto di Catania” è il brand che d’ora in poi individuerà, sia a livello verbale (contiene il nome della città), che visivo, la grande infrastruttura della Sicilia orientale, termini di riferimento per 3,5 milioni di siciliani provenienti dalle province di Catania, Siracusa, Ragusa, Messina (con le Eolie), Enna, Caltanissetta, e una buona quota dell’agrigentino (area est). Un enorme bacino di utenza. Non a caso è stata scelta l’inconfondibile silhouette della Sicilia, del quale l’Aeroporto di Catania è lo scalo più trafficato: una serie di raggi, che danno luogo ad un aeroplano stilizzato e diretto verso l’infrastruttura aeroportuale, si concentrano e si irradiano dalla città ai piedi dell’Etna, vero e proprio hub della mobilità dell’isola, ponte diretto verso tutta l’Europa (e i terminal intercontinentali di Roma Fiumicino e Milano Malpensa), l’Africa del Nord e di recente verso l’Asia (con il volo diretto verso Istanbul). Fonte foto di copertina ( http://www.siciliainformazioni.com/)

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
17 dic 2015

Passante Ferroviario, nel 2016 possibile completamento, l’avanzamento dei lavori

di Roberto Lentini

Procedono, seppur lentamente, i lavori del passante ferroviario,  tratta Ognina-Catania Centrale, dopo lo stop per i lavori di consolidamento della vecchia galleria, all’altezza di Ognina, che avrebbe causato lievi danni a un edificio privato della zona.  Attualmente sono in corso i lavori di adeguamento del binario della linea storica e il completamento delle tre nuove fermate. Il nuovo binario, dove attualmente passano i treni, è stato attivato nel 2010. I tempi di attivazione del doppio binario e delle tre nuove stazioni dovrebbero avvenire  entro il 2016 con un costo di 92 milioni di Euro. Abbiamo fatto una visita ai vari cantieri ed ecco cosa abbiamo visto: ad aprile doveva essere restituito l’ultimo tratto di viale Alcide De Gasperi (compresa la scalinata che conduce fino a San Giovanni Li Cuti) che era rimasto chiuso al traffico dall’ormai lontano 2006, anno d’inizio del cantiere, ma allo stato attuale rimane ancora chiuso.   STAZIONE EUROPA - Qui i lavori procedono molto lentamente e, a parte l'elettrificazione del secondo binario, non si notano altri progressi STAZIONE PICANELLO - Questa stazione, a differenza delle altre è sotterranea. Non si sono visti cambiamenti notevoli. La scala mobile di accesso è già montata e la pavimentazione all'interno  è stata già collocata. STAZIONE OGNINA - Questa è forse quella dove si è lavorato di più: è stata completata l'elettrificazione del secondo binario  mentre manca la posa del secondo binario. La rampa di collegamento tra la via De Caro  e la stazione in via Fiume rimane ancora chiusa. Nella via Fiume, nella zona oggi utilizzata dai mezzi di cantiere, sorgerà un futuro parcheggio che sarà di pertinenza alla fermata Ognina.  Con l'apertura della stazione Cannizzaro  avvenuta il 13 dicembre 2015 cominciano a delinearsi le opportunità di mobilità metropolitana che un’infrastruttura come il passante ferroviario può fornire.   Alla fine dei lavori avremo infatti una nuova tratta metropolitana composta inizialmente da cinque stazioni: Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina Picanello Europa Stazione C.le    Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell'opera “Prove” di passante urbano metropolitano a Catania. Le nuove corse da/per Cannizzaro

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 dic 2015

Metropolitana, nuova tratta Nesima-Monte Po: allestiti i cantieri

di Andrea Tartaglia

Mentre procedono a pieno ritmo i lavori di completamento delle tratte Borgo-Nesima e Galatea-Stesicoro, la cui apertura è prevista per il 2016, vanno avanti anche le opere propedeutiche per l'avvio dei lavori sulle nuove, future estensioni della metropolitana di Catania: le tratte Fontana-Monte Po, in direzione Misterbianco, e Stesicoro-Palestro, in direzione aeroporto. Ci focalizziamo sulla prima, poiché su questo fronte appare ormai imminente l'avvio dei lavori, per i quali sono previsti 600 giorni. In Corso Carlo Marx, a Misterbianco, nei pressi della Torre Tabita, è stata pulita, recintata e attrezzata una vasta area per il cantiere. L'area è di proprietà della CMC di Ravenna (Cooperativa Muratori e Cementisti), ovvero l'impresa aggiudicataria di entrambi i nuovi lotti funzionali. Da qui entrerà la TBM per iniziare lo scavo del tunnel, che sarà più lungo di circa 30 metri rispetto alle previsioni iniziali proprio per sfruttare l'area di proprietà dell'impresa, che ha anche scelto la metodologia di scavo citata, ovvero l'impiego della "talpa". Tale metodologia, pur richiedendo un lavoro iniziale importante in termini di complessità e tempi di montaggio, permette uno scavo nel sottosuolo molto più rapido rispetto alle tecnologie tradizionali, utilizzate finora sia per la tratta già in esercizio (Borgo-Porto), sia per le tratte in fase di completamento (Borgo-Nesima e Galatea-Stesicoro). La tratta Nesima-Monte Po sarà lunga circa 1,7 km e collegherà la stazione di Nesima, quasi ultimata, a quella nuova di Monte Po (in realtà ricadente nel territorio di Misterbianco, ma con accessi anche dal territorio di Catania). In mezzo, la nuova stazione di viale Felice Fontana, nei pressi del nuovo ospedale Garibalidi, al quale sarà collegata attraverso un tunnel. L'inizio effettivo dei lavori è previsto entro i primi mesi del 2016 e la loro durata programmata è di 600 giorni, compresi armamento e finiture: senza intoppi, dunque, questa tratta potrà essere completata entro il 2017 e aperta al pubblico nel 2018. [Foto di copertina di Giuseppe Allegra]   Ti potrebbero interessare:  FOTO | Metro Nesima-Monte Po, consegnate le aree di cantiere: ecco come saranno le stazioni VIDEO | Nuove tratte metropolitana: come e dove verranno scavate

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
16 dic 2015

Arriva il terzo “Vulcano”. Sabato la cerimonia di consegna in occasione dei 120 anni della Fce

di Mobilita Catania

Ieri sera si è posato sui binari della stazione Borgo anche il terzo treno commissionato all'azienda polacca NEWAG, di cui vedete la foto dell'arrivo in piazza Abramo Lincoln, nei pressi di Catania Borgo, dove si sono svolte le operazioni di scarico. I nuovi treni Newag modello “Vulcano”, di moderna concezione, comfort e prestazioni, in dotazione alla Fce, saranno presentati sabato 19 dicembre 2015 alle ore 9,30 presso la Stazione FCE Catania-Borgo, via Caronda 352/A, Catania. Noi di Mobilita Catania saremo presenti per testimoniare il momento storico per i trasporti della nostra città metropolitana. Interverranno il Gestore Direttore Generale TPL per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Virginio Di Giambattista, il Direttore Generale FCE Alessandro Di Graziano, l’Assessore Regionale ai Trasporti Giovanni Pistorio, il sindaco di Catania Enzo Bianco. Saranno presenti le autorità civili, militari e tutti i sindaci dei comuni interessati dal tragitto della ferrovia. L’arcivescovo metropolita di Catania, Monsignor Salvatore Gristina, benedirà i nuovi treni. FCE è impegnata nel nevralgico sviluppo della metropolitana ed in un più generale programma di riqualificazione della propria linea urbana e suburbana di superficie. Lo scorso luglio è stato inaugurato il completamento della tratta Adrano-Biancavilla-Paternò. Adesso si festeggia l’arrivo di quattro unità di trazione che la Società Newag ha realizzato in esecuzione di un primo contratto applicativo all’interno di un più ampio Accordo Quadro relativo a 10 Unità di Trazione (al momento, oltre ai nuovi quattro, ne sono previsti altri tre). «Sono treni nuovi, confortevoli, che saranno impegnati nel tragitto che 120 anni fa segnava l’inizio della storia della Ferrovia Circumetnea. Era, infatti, il 1895 quando fu inaugurato il primo tratto di linea: Catania Borgo-Adernò (oggi Adrano)», sottolinea il Gestore Direttore Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Virginio Di Giambattista che prosegue: «Grazie alla collaborazione con la Regione Siciliana, utilizzando i fondi comunitari, altre tre unità di trazione verranno consegnate l’anno prossimo così da sostituire ed integrare progressivamente le vetture attualmente operative che hanno una età media di 45 anni». Il Direttore Generale FCE, Alessandro Di Graziano, aggiunge: «L’obiettivo è mirare con maggiore forza ad una frequenza e puntualità del servizio come imprescindibili indicatori di attrazione per gli utenti. La linea ferroviaria della Circum può assumere un ruolo decisivo sulle abitudini di spostamento di tantissime persone, disegnando già dall’anno prossimo uno scenario di scambio con la metropolitana nei pressi della stazione di Nesima che permetterà con comfort, sicurezza e puntualità di arrivare da numerosi paesi etnei fino al centro di Catania». Per l’occasione, Poste Italiane disporrà un annullo filatelico per celebrare i 120 anni di esercizio di Ferrovia Circumetnea.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 dic 2015

Novità per la sosta in Aeroporto, gratuiti i primi 20 minuti: le tariffe in dettaglio

di Amedeo Paladino

Sono state comunicate dalla SAC (Società Aeroporto Catania) le nuove tariffe dei parcheggi in prossimità dell’aerostazione Vincenzo Bellini di Catania-Fontanarossa. La  novità in vigore da alcuni giorni è la sosta gratuita per i primi 20 minuti (prima era possibile parcheggiare senza pagare per 15 minuti). Ecco in dettaglio le tariffe dei parcheggi P1 e P2. A breve dovrebbero essere completati i lavori di ampliamento del parcheggio P4, che garantirà 2800 posti auto suddivisi in più piani. [FOTO | Aeroporto Fontanarossa, in fase avanzata il nuovo parcheggio] Al servizio dei passeggeri dell'aeroporto dal mese di agosto di quest'anno nei pressi dell'Asse dei Servizi è attivo un ampio parcheggio gestito da AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) fornito di navetta gratuita per l'aerostazione. I dettagli e le tariffe, molto concorrenziali, nell'articolo seguente: INFO | FOTO | Parcheggio Fontanarossa al servizio dell’aeroporto e della città: come funziona  

Leggi tutto    Commenti 0