Articolo
05 gen 2020

Aeroporto Catania, voli dirottati a Palermo per il forte vento

di Mobilita Catania

A causa del forte vento molti voli in arrivo all'aeroporto di Catania sono stati dirottati a Palermo. I voli Ryanair FR 01087 delle 21:40 proveniente da Bologna e Alitalia AZ 01759 delle 21:50 proveniente da Roma Fiumicino sono stati dirottati a Lamezia Terme.     Problemi anche con i voli in partenza che registrano ritardi di circa 30 minuti.   In partenza cancellati i seguenti voli: EC 04804 Naples 20:55 20:55 Cancellato C FR 05520 Milano Malpensa 21:00 21:30 Cancellato A FR 05048 Cagliari 21:05 22:00 Cancellato A FR 04064 Marseille 21:10 21:30 Cancellato A M4 09794 Brescia 21:15 21:15 Cancellato A FR 07454 Bergamo 21:35 21:50 Cancellato A FR 01088 Bologna 22:05 22:05 Cancellato A Vi consigliamo di controllare lo stato dei voli sul sito ufficiale dell'aeroporto di Catania.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 nov 2019

Fermata Fontanarossa, per Falcone nel 2020 svolta per intermodalità dello scalo catanese

di Mobilita Catania

In un comunicato stampa, l'assessore Marco Falcone fa sapere che «la costruzione, finanziata e avviata dal Governo Musumeci, della futura stazione ferroviaria di Fontanarossa rappresenterà, già nel 2020, una svolta storica per l'intera direttrice Messina-Catania-Siracusa. I viaggiatori, siciliani e non, provenienti dal Messinese, da Siracusa o da Caltagirone e paesi vicini potranno raggiungere l'aeroporto in treno e saranno dunque sempre più invogliati a valersi del trasporto su rotaia, decongestionando strade e parcheggi auto. Di fatto entro l'anno prossimo l'aeroporto di Catania, grazie al progetto voluto da Regione e Rfi, farà un primo, strategico, salto di qualità nella direzione dell'auspicata intermodalità nella mobilità etnea. Una svolta che non si pone in contraddizione con l'avanzamento della metropolitana, e anzi ne accelera i benefici. Sempre su questa linea, infatti, l'aeroporto di Catania crescerà ulteriormente, mettendosi al passo con le città più importanti d'Europa, grazie al successivo e preventivato arrivo della metropolitana, a seguito dell'appalto della tratta Stesicoro-Aeroporto finanziato e varato in tempi rapidi, con la spinta del Governo Musumeci, negli ultimi mesi». Ben venga la fermata provvisoria a servizio dell'aerostazione più importante della Sicilia. L'assessore, però, non è entrato nel merito della questione sollevata da Mobilita Catania e Legambiente, relativa all'assetto definitivo pianificato per il nodo intermodale di Fontanarossa, che rischia di rimanere solo sulla carta. In base a un protocollo d’intesa datato 2005 e sottoscritto da Comune di Catania, Rfi (Ferrovie dello Stato) e Fce (Metropolitana), infatti, la localizzazione della fermata FS è prevista all'interno del parcheggio comunale di Fontanarossa, oggi gestito dall'Amt, per farne un nodo intermodale del trasporto pubblico locale e regionale: cioè luogo di scambio tra bus urbani e interurbani, metropolitana e passante ferroviario, con quest’ultimo in grado di servire sia l’utenza metropolitana costiera sia quella regionale. Si ritiene utile ribadire che è compito del comune di Catania redigere la pianificazione del proprio territorio e stabilirne l'assetto, pertanto l'amministrazione comunale etnea dovrebbe pretendere con forza il rispetto del protocollo d’intesa del 2005, fatto salvo che alla Regione Siciliana spetta il solo compito di adottare le iniziative pianificate dal comune e adoperarsi anche finanziariamente per le relative opere da realizzare. Per approfondire: Nodo intermodale di Fontanarossa: non solo aeroporto, è la città di Catania ad averne bisogno  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 ott 2019

Aeroporto di Catania, oltre un milione di passeggeri al mese da giugno a settembre

di Mobilita Catania

Estate da record per l’Aeroporto di Catania. Secondo i calcoli dell’Ufficio Analisi dati di SAC, per il periodo giugno-settembre lo scalo etneo è cresciuto di circa il 3,72%, con ben 4.335.336 passeggeri tra arrivi e partenze. Nel dettaglio, il mese di giugno si è chiuso con un risultato record: per la prima volta, nel sesto mese dell'anno è stato superato il milione di transiti. Più precisamente, i passeggeri sono stati 1.038.957, +7,44% rispetto allo stesso mese del 2018 quando erano stati 966.984. Di questi, i nazionali hanno registrato una percentuale del +4,3%, quelli internazionali UE del +12,4% e quelli extra UE del +31%. Anche il mese di luglio ha registrato un aumento dei passeggeri complessivi, che sono stati 1.115.888, con un incremento rispetto all’anno precedente del +3,1% (1.082.024 passeggeri).  Il settore nazionale è cresciuto del 2%, il comparto internazionale UE del 2,2%, mentre quello extra UE del 7,6%. Analoga crescita è stata registrata nel mese di agosto, quando i passeggeri complessivi sono stati 1.127.529 (+2,86% rispetto al dato del 2018 che ha visto transitare  1.096.189 passeggeri). Di questi, ben 533.137 hanno viaggiato su tratte internazionali, con una crescita del +8,58% rispetto all’anno precedente. Infine, nel mese di settembre, i passeggeri sono stati 1.052.962, in lieve crescita rispetto al 2018 (+1,77%) quando erano stati 1.034.688.   «Siamo molto soddisfatti dei numeri che l’Aeroporto di Catania continua a registrare - commenta il presidente di SAC, Sandro Gambuzza - Risultati raggiunti grazie alla collaborazione di tutti gli operatori aeroportuali, degli Enti di Stato e delle società di handling. I dati rappresentano una conferma dell’appeal della nostra terra, ma anche una sfida a migliorare ancora di più i servizi del nostro scalo, per soddisfare un’utenza sempre più esigente e ormai orientata a visitare la Sicilia tutto l’anno. Il milione di passeggeri raggiunti e superati anche a giugno e settembre, nonché le previsioni per il mese di ottobre, confermano come la destagionalizzazione sia non solo possibile, ma già in atto, con grande beneficio per l’economia di tutto il territorio».  «Un processo che vede nell’Aeroporto di Comiso una pedina fondamentale.  Stiamo accelerando, in accordo con il Comune di Comiso, i passi per costituire la rete aeroportuale della Sicilia orientale – sottolinea l’amministratore delegato di SAC, Nico Torrisi – un progetto serio per il quale stiamo lavorando assiduamente. Accanto a questo, ci auguriamo che i fondi destinati alla crescita del traffico su Comiso, messi a disposizione dalla Regione, dal Comune di Ragusa, dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa e dalla Camera di Commercio del SudEst, possano essere presto assegnati per essere immediatamente utilizzati». Proprio nell’ottica di migliorare i servizi, nel mese di giugno sono stati attivati due nuovi parcheggi (P3 e P5), parte del più complesso piano per la sosta che sarà completato entro l’anno, con l’inaugurazione del nuovissimo P6 in via di realizzazione nell’area dell’ex campo sportivo ceduta dal Comune di Catania.  L’infrastruttura sarà dotata di 550 stalli e, insieme al P4 multi piano, rappresenterà la soluzione ideale per le soste lunghe. Come per gli altri parcheggi, anche al P6 l’accesso sarà possibile anche tramite Telepass. Contestualmente alle fasi finali di realizzazione delle nuove aree parcheggio, SAC procederà alla modifica della viabilità all’interno del sedime aeroportuale per consentire il completamento dell’opera e rendere più scorrevole il traffico, garantendo la sicurezza.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 lug 2019

Incendio Plaia, l’aeroporto di Catania sospende le operazioni di volo

di Mobilita Catania

Aggiornamento ore 20:45. Aeroporto di Catania RIAPERTO, pienamente operativo A causa del perdurare degli incendi che hanno coinvolto la zona balneare della Plaia, l'aeroporto di Catania sospende le operazioni di volo per permettere le operazioni dei Canadair, per un tempo stimato di circa 30 minuti. I voli in arrivo e in partenza subiranno quindi inevitabili ritardi e su alcuni voli in arrivo potranno verificarsi dirottamenti. I passeggeri sono pregati di richiedere informazioni sui singoli voli esclusivamente alle compagnie aeree. IN AGGIORNAMENTO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mag 2019

Aeroporto di Catania, 12 milioni per un collegamento sopraelevato con la costruenda fermata ferroviaria

di Mobilita Catania

Via libera al progetto per il collegamento fra l'aerostazione di Catania e la costruenda stazione ferroviaria di Fontanarossa. Si è svolto stamane un vertice fra l'assessorato regionale alle Infrastrutture, la Sac (società di gestione dell'aeroporto di Catania) e Rete ferroviaria italiana, alla presenza dell'assessore Marco Falcone, dell'ad Sac Nico Torrisi e del dirigente Rfi Michele Laganà. Il tavolo ha tracciato la road map che porterà entro giugno 2020 all'apertura della nuova stazione dell'aeroporto e, nell'arco di ulteriori 12-18 mesi, alla costruzione del tunnel sopraelevato per mettere in connessione la fermata dei treni e il Terminal A dello scalo etneo. «Il cantiere della stazione Fontanarossa, finanziato dal Governo Musumeci – ha sottolineato l'assessore Marco Falcone – procede a buon ritmo. Già l'anno prossimo non sarà più un'utopia prendere il treno da Messina o Siracusa e raggiungere direttamente l'aeroporto di Catania. In tale ottica, abbiamo inteso accelerare sul progetto del collegamento con stazione-terminal, dal valore complessivo di circa 12 milioni di euro, realizzato da Rfi con il supporto della Regione. L'obiettivo è di condurre i passeggeri in circa 7 minuti dalla fermata ferroviaria fino all'interno dell'area partenze, sul modello del restyling di Roma Fiumicino». Lo scorso 18 febbraio era stato il presidente Nello Musumeci a consegnare i lavori della stazione Fontanarossa. «Il Governo Musumeci - ha aggiunto l'assessore alle Infrastrutture Falcone - intende accompagnare lo sviluppo dell'aeroporto di Catania, creando l'infrastrutturazione indispensabile per accogliere flussi di passeggeri in costante crescita, coniugando servizi di qualità e tecnologia».     Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri Fermata FS Catania Aeroporto, al via i lavori: sarà fruibile da giugno 2020

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 mar 2019

Ryanair annuncia una nuova rotta da Catania a Budapest per l’inverno 2019

di Roberto Lentini

Ryanair ha annunciato una nuova rotta da Catania a Budapest, con un servizio bisettimanale a partire dal 29 di ottobre, come parte della programmazione invernale 2019 di Ryanair da Catania. Ecco gli operativi di volo: CTA 19:35 → BUD 21:30 FR6279 -2-6- BUD 17:00 → CTA 19:10 FR6278 -2-6- Atterra all'Aeroporto Internazionale Budapest-Ferenc Liszt collocato a 16 km a est-sud est dal centro di Budapest. Dal 2007 un collegamento ferroviario dedicato collega la stazione Nyugati pályaudvar al terminal 1 dell'aeroporto. Il collegamento tra l'aeroporto e il centro di Budapest è assicurato da un pullman navetta, il bus 200E, che raggiunge il capolinea Kőbánya-Kispestdella linea M3 della metropolitana. È stata anche creata la navetta bus veloce 100E che dal terminal dell'aeroporto fa capolinea nella stazione centrale di Deak Ference. Per celebrare la nuova rotta da Catania, Ryanair ha lanciato una vendita di biglietti con tariffe disponibili a partire da soli €19,99, per viaggi ad aprile e maggio, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di venerdì (29 marzo), solo sul sito Ryanair.com. Chiara Ravara di Ryanair ha dichiarato: “Ryanair è lieta di annunciare una nuova rotta da Catania a Budapest, a partire dal mese di ottobre 2019, che opererà due volte alla settimana, come parte del nostro programma invernale 2019. I clienti di Catania potranno da ora prenotare voli a tariffe scontate per Budapest fino a marzo 2020. Per festeggiare, rilasceremo posti a partire da soli € 19,99, per viaggi ad aprile e maggio, che dovranno essere prenotati entro la mezzanotte di venerdì (29 marzo). Dal momento che queste incredibili tariffe andranno ad esaurirsi rapidamente, invitiamo clienti a collegarsi a www.ryanair.com per non perdersi l’occasione.”   COSA VEDERE A BUDAPEST Budapest è definita la “Parigi dell’Est“per molti tratti in comune con la capitale francese. E' il risultato di tre città: Buda, Pest e Óbuda, unite dal Ponte delle Catene e da altri sette ponti, Il quartiere di Buda è stato il primo nucleo della città di Budapest. Su questa collina e tra le mura del Castello vennero a rifugiarsi gli abitanti di Pest quando ormai gli attacchi dei mongoli divennero insostenibili. Se Buda è la parte antica e nobile di Budapest, Pest invece ne è il cuore moderno e innovativo. Irrequieta e disordinata, è il giusto contraltare alla tranquillità di Buda, tutta raccolta intorno al Castello.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 mar 2019

L’aeroporto di Catania Fontanarossa ritorna pienamente operativo a conclusione dei lavori

di Mobilita Catania

La società di gestione dell’aeroporto di Catania comunica che nella notte tra ieri (lunedì 19 marzo) e oggi si sono conclusi -con un giorno di anticipo- i lavori per la sistemazione di una parte della via di rullaggio dello scalo. Nel dettaglio, si è proceduto al rifacimento del “tappetino” di asfalto e della segnaletica dell’area di movimento in vista della stagione “Summer”, che inizierà il 31 marzo e che porterà un grande aumento dei voli sullo scalo catanese. Da stamattina, l’aeroporto di Catania è quindi tornato pienamente operativo. I lavori, resisi necessari per ragioni di sicurezza, sono andati avanti per 9 giorni. La somma stanziata è stata di 170.000 euro. Piena soddisfazione dell’AD Nico Torrisi, sia per la velocità con cui le opere sono state realizzate, che per la proficua collaborazione con l’aeroporto di Comiso e con le due autolinee che hanno provveduto al servizio straordinario di navette per i collegamenti con l’aeroporto ibleo: «Abbiamo dimostrato come sia possibile, con l’impegno di tutti e la collaborazione tra diversi enti, portare avanti lavori molto impegnativi in tempi record, minimizzando i disagi per i passeggeri. All’aeroporto di Catania si è lavorato notte e giorno riuscendo addirittura a concludere i lavori anzitempo: l’aeroporto di Comiso, da parte sua, ha operato egregiamente a pieno regime, sostenendo un traffico enorme, senza alcun problema e senza ritardi significativi. Inoltre, nonostante andasse oltre le nostre prerogative, siamo riusciti ad avviare un servizio di navette nel giro di un solo giorno, tra l’altro prefestivo, per agevolare i passeggeri nei loro spostamenti su Comiso dovuti al dirottamento dei voli della compagnia Ryanair. La totale sinergia con lo scalo ibleo testimonia peraltro la bontà del “sistema integrato” tra i due aeroporti, che ci auguriamo possa al più presto diventare la normalità. Ringrazio quindi il presidente di SOACO Silvio Meli, l’amministratore delegato Renato Serrano e il consigliere SAC Rosario Dibennardo, assieme a tutti i lavoratori di entrambi gli scali, agli enti di Stato che ci sono stati al fianco e alle società di handling per il grande impegno profuso in questi giorni». Nell’arco dei 9 giorni di lavori, i voli atterrati al “Pio La Torre” di Comiso sono stati 308 (42 dei quali originariamente già programmati sullo scalo ibleo) per un totale di 45546 passeggeri (7230 dei quali già programmati su Comiso). Ti potrebbero interessare: Aeroporto di Catania Fontanarossa | Storia e sviluppi futuri L’anno record dell’aeroporto di Catania: quinto scalo italiano, primo del Sud Il 2018 dell’aeroporto di Catania in cifre: statistiche e curiosità Aeroporto di Catania, primo passo verso il nuovo Terminal B: aggiudicati i lavori di demolizione e smaltimento FOTO | L’aeroporto di Catania si fa grande: apre il nuovo Terminal C Aeroporto di Catania, 95 milioni di investimenti per il più grande scalo del Sud Aeroporto di Fontanarossa, primo passo verso la riqualificazione del Terminal Morandi Fontanarossa record, estate strepitosa e quinto posto nazionale riconquistato

Leggi tutto    Commenti 0