Articolo
07 set 2018

Un modello nuovo per cambiare Catania, la città delle auto

di Annamaria Pace

Solitamente ci viene raccomandata come più salubre una passeggiata in campagna, dove l'aria è pulita e le viste sono suggestive. Mentre camminare nelle città, specialmente nei quartieri periferici o industriali, è considerato meno alla moda. Ma se cammini a piedi avrai la fortuna di fare felici scoperte, oltre ad essere evidente che le città che incoraggiano il camminare sono meno inquinate, più belle e più interessanti. Una strada pedonale è una strada che probabilmente attirerà i bar e i caffè e altre cose che rendono una città degna di essere vissuta, cosa che non accadrà mai con una strada a doppia carreggiata destinata al traffico veicolare. Oggi più della metà della popolazione del pianeta vive nelle aree urbane e sempre più  persone migrano verso le proprie città, ciò genera sempre più problemi come la disuguaglianza sociale e le emissioni di carbonio. Si stima che il costo delle strade eccessivamente congestionate per l'economia della città è elevatissimo, nella città di New York ammonta a $ 20 miliardi all'anno, oltre al fatto che, con la crescita della quantità di auto, l'ambiente urbano diventa degradato per tutti. Così diventa necessaria una ri-progettazione fisica che trasformerà radicalmente le strade, dedicandole ai pedoni. L'idea ha due precedenti importanti: il woonerf olandese e il superblock di Barcellona. La strada condivisa o woonerf ha una superficie continua, evidenziata dalla segnalatica e da un pavimentazione uniforme, che spinge gli automobilisti a procedere ad una velocità, circa 9 km all'ora, uguale a quella dei pedoni che utilizzano lo stesso spazio. Barcellona sta portando avanti un esperimento radicale nel quale la griglia della città è trasformata in "superblocchi". Il progettista Salvador Rueda ha rilevato in una delle prime prove (implementate nel 2007) che il camminare e il ciclismo sono aumentati, mentre l'utilizzo delle auto è diminuito considerevolmente. Anche a New York, città con circa 8,538 milioni di abitanti, si intende riproporre per Manhattan uno schema simile in cui i veicoli avrebbero un traffico veicolare a senso unico, ad eccezione di alcune linee di autobus a due vie. Le strade secondarie sarebbero accessibili solo al traffico di quartiere e avrebbero un limite di velocità di 9 km all'ora. La congestione su queste strade verrebbe eliminata e il limite di bassa velocità ridurrebbe significativamente il rischio di collisioni per i pedoni. All'interno di questa configurazione di base, le mini-griglie funzionerebbero come piccoli quartieri di strade relativamente tranquille e sicure, circondate su quattro lati da strade trafficate.   Innanzitutto le corsie di parcheggio in strada verrebbero completamente rimosse in quanto le strade sono rivalutate come spazio pubblico, infatti dovrebbe sembrare chiaro  che sfruttare le strade come parcheggio dei veicoli non è il modo migliore di utilizzare una risorsa limitata quale è lo spazio pubblico. In secondo luogo tutte le arterie avrebbero delle piste ciclabili larghe tre metri, che nelle strade più larghe forniranno spazio per il traffico bidirezionale, mentre sulle strade più strette sarebbero unidirezionali con una larghezza ridotta della metà. Tutti gli elementi combinati, quali auto e bus corsie dedicate, piste ciclabili e spazi pedonali, occupano meno spazio rispetto ai lay-out esistenti. Così la città guadagnerebbe strade più larghe in cui lo spazio bonificato, potrebbe fornire nuovi servizi, come negozi pop-up, negozi per la vendita di cibo e di bevande, spazi di lavoro flessibili  oltre che  ospitare stazioni di ricarica, consegne o taxi. E se trasponessimo questo approccio su Catania? Per esempio intervenendo sull'isolato delimitato dall'ultimo tratto di viale Ionio, viale Africa e viale della Libertà accadrebbe che queste strade principali, che definiscono un'area di quartiere, sarebbero rimodulate a senso unico per il traffico veicolare (pubblico e privato) ad una sola corsia e che la sosta su strada sarebbe totalmente eliminata. Così i residenti beneficerebbero di un nuovo spazio pubblico aggiuntivo particolarmente flessibile. Se si estendesse questo modello su altre aree della città le scuole locali potrebbero avere uno spazio didattico all'aperto e usarlo anche per il coinvolgimento della comunità. Le strade possono diventare risorse reali per la città e i suoi abitanti. In futuro, dovrebbero funzionare come un'estensione della casa, della classe e del luogo di lavoro: un luogo con nuove opportunità di svago e scambio sociale, molte delle quali non sono ancora state concepite. Abbiamo solo bisogno di molta buona volontà affinché ciò accada. Link di riferimento: https://www.citylab.com/design/2018/08/rethinking-manhattans-grid/568486/ https://www.theguardian.com/commentisfree/2018/aug/21/urban-walking-save-humanity-understand-cities

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
07 ago 2017

Lavori stradali in viale Africa il 7 e l’8 agosto operati da ferrovia Circumetnea

di Mobilita Catania

Interventi stradali per l'eliminazione di avvallamenti saranno eseguiti oggi, lunedì 7, e domani, martedì 8 agosto, nella carreggiata est di viale Africa. I lavori si svolgeranno a cura della Ferrovia Circumetnea e avranno luogo in prossimità delle uscite est della metropolitana, per una lunghezza di circa 15 metri lineari, nella carreggiata in direzione di piazza Europa. Lo comunica il responsabile della Sezione Sottosuolo della direzione Polizia Municipale e Utu. Sui luoghi dell'intervento sarà installata, a cura dell'impresa che effettuerà i lavori, la segnaletica verticale che sarà via via aggiornata in base all'avanzamento dei lavori. Il Comando di Polizia Municipale ha disposto la presenza di pattuglie di Vigili Urbani al fine di limitare gli eventuali disagi alla viabilità, dovuti alla restrizione della carreggiata, pur in previsione di un traffico moderato, dato il periodo estivo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 lug 2017

Stazione metro Giovanni XXIII, completate le rifiniture degli accessi in viale Africa

di Andrea Tartaglia

La stazione Giovanni XXIII della metropolitana di Catania, in funzione dal 20 dicembre dell'anno passato e completamente aperta, in tutte le sue parti, dal 31 marzo scorso, deve ancora essere oggetto di alcuni minori lavori di completamento e rifinitura. In particolare, dovranno essere posizionati dei pannelli metallici traforati nelle pensiline curvilinee poste al di sopra dell'ingresso principale, dovranno essere collocate delle panchine in teak sulla piazza, deve essere chiuso in vetro il lato nord-est del volume di accesso principale, deve essere inserito un portale rosso sull'accesso di via Archimede, devono essere collocati dei copribulloni bianchi sulle piastre di acciaio delle strutture in superficie e dev'essere ultimata la pavimentazione in superficie attorno all'apertura dell'equilibratrice, tra via Archimede e via D'Amico, e nella propaggine ovest del cantiere, tra piazza Papa Giovanni XXIII e viale Libertà. Intanto sono stati completati gli accessi est, sulla banchina lato mare di viale Africa, con la collocazione dei pannelli traforati bianchi, con motivi floreali ispirati alla tradizione delle ceramiche siciliane, che fungono anche da ringhiera protettiva per chi percorre la banchina in superficie. Inoltre, l'amministrazione comunale ha provveduto a ripristinare lo spartitraffico che era stato in parte rimosso durante i lavori, in cui adesso rimane solo da collocare il verde. Ecco le foto: Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania | Scheda dell’opera Quale futuro per la metropolitana di Catania? Da Misterbianco a Fontanarossa entro il 2024 Metro, ecco dove saranno le stazioni della nuova tratta Stesicoro-Palestro Metro, tratta Misterbianco-Paternò: ecco dove sorgeranno le stazioni Viaggio nei cantieri metro | A breve completata la prima parte di galleria Nesima-Monte Po La linea metro a nord di Catania: il progetto di Pedemontana e il nodo irrisolto dell’hinterland di Catania  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 apr 2017

L’ex Palazzo delle Poste verso la riqualificazione: il progetto di recupero e trasformazione in Cittadella giudiziaria

di Roberto Lentini

Nel vecchio Palazzo delle Poste di viale Africa è iniziato un importante intervento di pulizia straordinaria, un primo passo operativo affinché l'immobile diventi il secondo Palazzo di Giustizia di Catania La svolta nella vicenda della ristrutturazione dell'ex Palazzo delle Poste si è avuta grazie al fatto che la Regione Siciliana ha recuperato quaranta milioni di Euro derivanti da risorse FAS 2000/2006 che saranno utilizzati per la sistemazione dell'immobile. La struttura di viale Africa è infatti stata acquisita dal comune di Catania, nel 1999, proprio con tale fine. Una volta consegnata al Ministero della Giustizia il Palazzo dovrebbe ospitare gli uffici della sezione Civile e del Lavoro della Corte d'Appello e del tribunale, gli uffici del giudice di pace, delle notifiche e della Polizia giudiziaria. Grazie a questa nuova sede si eviterà lo spreco di denaro dovuto alla frammentazione degli uffici giudiziari, suddivisi in ben 15 sedi per un costo totale pari a 2 milioni di euro pagati ogni anno per l’affitto delle sedi. Il progetto per il recupero e la trasformazione dell'immobile, parecchio degradato, è stato redatto dal Genio Civile e dal Provveditorato alle Opere Pubbliche su progetto dello studio "Gruppo Sindoni Associati" di Palermo. Ve ne mostriamo alcune immagini:

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2017

VIDEO | Una grossa buca si è aperta in viale Africa

di Mobilita Catania

Una grossa buca si è aperta in viale Africa all'altezza della stazione Giovanni XXIII della metropolitana. La causa è dovuta probabilmente ad una errata costipazione del terreno realizzato durante i lavori della metropolitana. In ogni caso non costituisce pericolo per chi utilizza il passaggio pedonale interrato visto che questo è stato realizzato con una solida gabbia in cemento armato. Il  tratto di strada al momento è chiuso al traffico veicolare. Sul posto sono presenti i vigili urbani e operai per gli interventi del caso. Si consiglia di evitare la zona di piazza Papa Giovanni XXIII a causa dei rallentamenti al traffico. Fonte video: Mobilità sostenibile Catania

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 ago 2016

FOTO | Metro, dentro la stazione “Giovanni XXIII”: si accelera per completare i lavori

di Andrea Tartaglia

L'apertura del tratto Galatea-Stesicoro della metropolitana, prevista per Natale, rappresenta una grande scommessa per la Ferrovia Circumetnea: la comunione di intenti, però, è forte e si sta facendo di tutto per rispettare questa scadenza. Nel cantiere, attualmente, è impegnata circa una settantina di operai. Viale Africa è stato riaperto al traffico già lo scorso lunedì 8 agosto, subito dopo il completamento del tunnel pedonale tra il mezzanino della stazione e i nuovi accessi pedonali in corso di realizzazione sulla banchina est di viale Africa, quasi ad angolo con piazza Papa Giovanni XXIII e quindi a pochi passi dalla stazione centrale FS, che sarà così raggiungibile a piedi senza dover attraversare strada alcuna. Nelle prossime settimane il marciapiede all'imbocco di viale Africa, lato est (direzione piazza Galatea) sarà ampliato per meglio indirizzare i veicoli in carreggiata, visto che questa è stata un po' ristretta per consentire la realizzazione delle scale di accesso al sottopassaggio. A fianco del corpo principale della stazione, si lavora per completare il corpo interrato della sottostazione elettrica. La fase di realizzazione di quest’ultima ha di recente visto ultimato il getto del solaio di copertura. Si procederà nelle settimane a venire alla realizzazione della parte mancante, il cui ingombro risulta immediatamente adiacente alla parte finale della banchina di stazione.   Intanto, sottoterra si continua a lavorare alacremente. Al livello treni è stata già completata la posa del binario dispari; quello pari verrà collocato successivamente man mano che cesseranno le esigenze di passaggio di mezzi gommati di cantiere all'interno del tunnel. Contestualmente verranno approntate le misure tecniche necessarie al collegamento con la tratta di metropolitana in esercizio che attualmente prosegue da Galatea per il porto. Le banchine di attesa treni sono più larghe di quelle delle stazioni attuali. Sulle pareti verrà prossimamente posato il rivestimento in piastrelle esagonali ed all'imminente termine delle operazioni di passaggio cavi elettrici, di alimentazione e di emergenza, si provvederà alla chiusura con un controsoffitto modulare a coltello in grado di smorzare il disturbo acustico tra il piano ferrato e i sovrastanti ambienti commerciali e di servizio. Foto: Andrea Tartaglia Ti potrebbero interessare… Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Metropolitana, arrivata la TBM per la tratta Stesicoro-Palestro Metropolitana, Di Giambattista: «Le due tratte aperte a dicembre e a febbraio»

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2016

Metropolitana, chiude un tratto del viale Africa: la viabilità alternativa

di Roberto Lentini

A partire dal 13 giugno l’ultimo tratto di viale Africa, compreso tra via Archimede e piazza Papa Giovanni XXIII, sarà chiuso al traffico per consentire di realizzare il corridoio di collegamento tra il livello del mezzanino e gli accessi di viale Africa Lato est, nel tratto compreso tra l’Help Centre della Caritas e piazzale Rocco Chinnici. È stato studiato un piano del traffico alternativo, approntata dall’Ufficio traffico urbano, che prevede, per i veicoli provenienti da piazza Europa e diretti alla piazza Giovanni XXIII, un percorso che passa dal viale Africa a via D’Amico, viale Libertà, via Archimede, via Enrico De Nicola e corso Martiri della Libertà. Le vetture dirette verso piazza Europa dovranno invece percorrere il viale Libertà in direzione nord per un breve tratto, quindi svoltare su via Archimede in direzione est raggiungendo dunque il viale Africa nel tratto percorribile. Dal 13 giugno questi percorsi saranno indicati da una segnaletica temporanea e in tutta l’area ci saranno pattuglie della Polizia municipale per dirigere il traffico. La riapertura della prima carreggiata del viale Africa è prevista per il 23 luglio e la seconda per il 12 agosto. I lavori di realizzazione dei nuovi accessi alla stazione sotterranea risulteranno particolarmente utili per chi dovrà prendere la metro provenendo dalla Stazione Centrale FS (dove rimarrà comunque operativa l’altra fermata già esistente della diramazione metro), poiché non sarà necessario attraversare la strada ma basterà seguire il marciapiedi sulla destra all’uscita dalla stazione ferroviaria. Alla fine dei lavori la stazione Giovanni XXIII avrà quattro accessi: due nella nuova piazza, nel lotto compreso tra piazza Papa Giovanni XXIII e via Archimede, e due in viale viale Africa, lato est. Gli ascensori saranno tre: uno, nella parte centrale della piazza, sarà nel corpo di stazione emergente e collegherà la quota stradale con il mezzanino, mentre gli altri due ascensori collegheranno il mezzanino al piano del treno, uno per ogni direzione. La sistemazione definitiva della superficie della piazza, all'interno dell'attuale cantiere, avverrà in un secondo momento: la priorità è aprire la metropolitana all'esercizio. I lavori, per questa tratta, si dovrebbero concludere per fine agosto così da poter mettere la tratta in esercizio con i treni entro novembre, mentre per la tratta Nesima-Borgo la fine dei lavori è prevista per dicembre 2016 e la messa in esercizio per i primi mesi del 2017. Ti potrebbero interessare: FOTO | Come sarà piazza Giovanni XXIII con il completamento della stazione metropolitana FOTO | Metropolitana di Catania: ecco come sarà la Stazione Giovanni XXIII Metropolitana di Catania Cantieri metropolitana, si torna a lavoro: ecco il nuovo cronoprogramma

Leggi tutto    Commenti 0