Articolo
12 set 2017

AMT Catania, La Rosa ritorna presidente: “accordi con FCE e biglietto integrato”

di Amedeo Paladino

Puccio La Rosa, avvocato esperto di diritto civile, del lavoro e tributario, torna al vertice di AMT (Azienda Metropolitana Trasporti). Dopo l'approvazione delle modifiche allo Statuto societario imposte dalle nuove normative sulle Partecipate e l'addio di Carlo Lungaro, La Rosa viene nuovamente nominato presidente dopo essersi dimesso a gennaio di quest'anno per le polemiche per la presunta incompatibilità con l'incarico dovuta alla mancanza dei titoli necessari. Con lui rientra nel Cda l'imprenditrice Raffaella Mandarano, una laurea in ingegneria idraulica e un passato come presidente dell'Hi-Tech di Confindustria Catania. Rimane come terzo componente l'ingegnere Stefania Di Serio che era stata nominato nello scorso mese di marzo. In una nota il Comune di Catania ha commentato le nuove nomine: Nella precedente gestione sia La Rosa che Mandarano hanno dimostrato notevoli capacità manageriali, riconosciute sia dall'amministrazione sia dai lavoratori dell'azienda stessa; riorganizzando l'intero sistema e riuscendo a mettere in strada fino a 100 autobus al giorno, provvedendo all'apertura del parcheggio in piazza Borsellino, recuperando parte dei crediti vantati da anni nei confronti della Regione e ad ultimare le attività di completamento dell'autorimessa di San Giuseppe La Rena in cui la società Amt provvederà a trasferire i suoi uffici con un conseguente risparmio di spesa. Le medesime capacità ha dimostrato l'ingegnere Stefania Di Serio. La Rosa prende dunque il posto di Carlo Lungaro che ha guidato l'azienda in un momento di difficoltà con competenza e con spirito di servizio. Nei prossimi giorni, il sindaco Enzo Bianco, insieme al nuovo Cda e all'assessore alle Partecipate Salvo Andò, terrà una conferenza stampa durante la quale sarà annunciato il potenziamento del parco vetture e le strategie per accedere ad alcune importanti linee finanziarie. La Rosa dovrà fronteggiare i problemi atavici dell'azienda di trasporto pubblico che riguardano la situazione finanziaria e lo stesso servizio fornito agli utenti; l'avvocato intervistato da SudPress ha così commentato: “Mi auguro che i cittadini abbiano ancora un  po' di pazienza, lavoreremo per loro anche con accordi con la Circumetnea per l’interscambio con i mezzi della metropolitana e con la Regione per realizzare un biglietto unico integrato. Parlerò inoltre con le scuole per fare in modo di servire la popolazione scolastica al meglio.  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
02 set 2017

AMT Catania, in arrivo da Milano 15 bus di seconda mano

di Roberto Lentini

In arrivo 15 nuovi autobus di seconda mano provenienti dall'ATM di MIlano. Non si conosce per il momento il modello e cinque di questi dovrebbero arrivare già dalla prossima settimana mentre i rimanenti 10 autobus dovrebbero arrivare entro la fine di settembre. Gli autobus, che hanno un'età di circa 15 anni, dovrebbero mettere una pezza alla situazione distrastrosa dell'AMT che con un parco veicolare di circa 300 mezzi - (età media 14,5 anni - 1/3 della flotta età > 20 anni) riesce a far circolare circa 40 mezzi al giorno con il risultato di linee cancellate e lunghe attese alle fermate.  In attesa dei nuovi autobus che dovrebbero arrivare nel 2018, grazie ai fondi PON Metro, POC, PO-FESR, Decreto “Delrio”, occorre semplificare la rete, creare una intermodalità con la linea della metropolitana e del passante ferroviario, ridurre il numero di linee (da 50 a 35), eliminare le sovrapposizioni tra i percorsi e distanziare maggiormente le fermate (aumento della velocità commerciale). Le linee sono infatti troppe e tortuose, le frequenze, di conseguenza, scadenti e i passeggeri pochi (circa 15 milioni/anno). Solo il 20% delle linee sono competitive in termini di bilancio costi/ricavi (> 35%). Inoltre i ricavi da titoli di viaggio sono troppo bassi rispetto ai costi (circa il 20%), con un danno stimato di circa 4,8 milioni di Euro.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
10 ago 2017

Il nuovo statuto dell’AMT approvato dal Consiglio Comunale.

di Mobilita Catania

Il Consiglio Comunale, presieduto da Francesca Raciti, ha approvato il nuovo statuto dell'Azienda Municipale Trasporti  di Catania, adeguandolo ai sensi del D.LGS. 231/2001 e del D.LGS. 175/2016 secondo quanto disposto  dalla Riforma Madìa. Trentanove gli emendamenti presentati dai Consiglieri Comunali. Il nuovo statuto ha ottenuto 20 voti favorevoli su 25 consiglieri presenti. Cinque gli astenuti. Dodici gli emendamenti presentati, di questi 9 sono stati fatti propri dall'Amministrazione Comunale. A proporre gli emendamenti  sono stati i consiglieri Nicolò Notarbartolo, Michele Failla e Vincenzo Parisi primi firmatari a cui si sono aggiunti Daniele Bottino, Sebastiano Anastasi, Giuseppe Musumeci e Giovanni Marletta,  Sebastiano Anastasi, Manlio Messina,, Sebastiano Arcidiacono e Mario Crocitti. Lo statuto è stato reso più agile e più in linea ai bisogni di una grande collettività metropolitana. Il documento ha uno sguardo attento alla mobilità sostenibile  e ai bisogni della disabilità così come richiesto dal Consiglio e voluto dall'Amministrazione comunale che ha caldeggiato l'acquisto, previsto per il prossimo anno con i fondi Pon di nuovi veicoli con piattaforma mobile per la disabilità. Lo statuto, che sarà adesso uno strumento più consono al buon andamento di una società di trasporto urbano moderna e funzionale al suo rilancio, prevede anche le verifiche periodiche da parte dell'organismo del controllo analogo e la figura di un'Amministratore Unico o di  un Consiglio di Amministrazione. Per l'Amministrazione comunale erano presenti gli assessori Salvo Andò che ha relazionato sulla delibera da lui proposta,  Agatino Lombardo e Rosario D'Agata, un  ampio dibattito ha preceduto le votazioni, sono intervenuti tra gli altri i consiglieri Michele Failla, Sebastiano Arcidiacono, Manlio Messina, Nicolò Notarbartolo, Vincenzo Parisi, Sebastiano Anastasi e Antonino Vullo.

Leggi tutto    Commenti 0
Proposta
06 giu 2017

Una riforma del trasporto pubblico su gomma a Catania: puntare sul BRT e ridurre le linee

di etienne

Grande pecca della mobilità su gomma catanese è quella di fornire un servizio troppo dettagliato nonostante le possibilità ridotte. Infatti vi sono troppe fermate e troppe linee. Ciò confluisce in basse frequenze e poca utenza. L’Azienda Metropolitana Trasporti mette a disposizione dei cittadini catanesi ben più di cinquanta linee urbane, ma, dato la lunghezza delle stesse e la difficoltà a mandare in strada un numero sufficiente di mezzi, la loro frequenza è troppo bassa. Questo comporta sfiducia da parte dell’utenza e l’impossibilità, in caso di itinerario comprendente coincidenze, di ottenere tempi di percorrenza convenienti. Al momento la Metropolitana di FCE e il futuro Passante Ferroviario rappresentano solo un elemento di concorrenza per l’AMT stessa. La mia proposta  è mirata solo a riorganizzare in modo intelligente il trasporto basico del comune stesso con una giusta integrazione con la metropolitana e con il passante ferroviario e ha come fondamenti l’economia, la razionalità e la funzionalità ispirata ad altri modelli conosciute per la buona mobilità su gomma come Parigi. La mia proposta prevede Un numero ridotto di linee. Linee più corte ma con maggiore copertura territoriale e frequenza delle corse. Integrazione con la Metropolitana e con il Passante Ferroviario che possono completare la copertura territoriale e fornire dunque al cittadino un unico servizio completo invece di più sevizi ricchi di lacune. Avere una distanza media dalla fermata più vicina leggermente più elevata. Si prevede inoltre una gerarchia delle linee: Linee veloci: Sulla scia del BRT1 e L-EX, con le proprietà di: Avere precedenza nell’assegnazione dei mezzi in caso di scarsità di autobus in strada. Coprire distanze minori o uguali a quelle del BRT1. Portare avanti un grande scambio di utenza con Metropolitana e Passante Ferroviario. Frequenze in orario di punta non superiori a 10m. Circolari: In numero molto ridotto rispetto a quelle attuali ma: Con un percorso anche più lungo di alcune linee veloci ma focalizzate su una zona della città in modo da venire in aiuto alle linee veloci, alla Metropolitana e al Passante Ferroviario. Frequenze in orario di punta, in periodi di floridità economica, molto ragionevoli (10-15m). Aggiuntive: Non in strada in tutte le fasce orarie e ultime nell’assegnazione dei mezzi in caso di scarsità di autobus in strada. Sono proposte 8 linee veloci, 11 circolari e 4 aggiuntive.       Linee veloci: BRT1: Due Obelischi- Stesicoro BRT2A: Stesicoro-Teatro-Duomo BRT2B: Palestro-Duomo BRT3: Stazione-Sanzio BRT4: Stazione-Europa-Santa Maria di Gesù BRT5: Milo-Santa Maria di Gesù-Mario Rapisardi (Prima parte) L-EX: Stazione-Librino Alibus: Stazione-Centro-Aeroporto Cicolari: 1: Stazione-Lungomare-Cannizzaro 2: Sanzio-Borgo 3: Sanzio-Picanello 4: Due Obelischi-Barriera-Canalicchio 5: Nesima-Mario Rapisardi (Alto) 6: Librino-Pigno-Sangiorgio-Villaggio Dusmet 7: Acquicella-Palestro-Risorgimento-Mario Rapisardi (Seconda parte) 8: Acquicella-Palestro-San Cristoforo 9: Sanzio-Umberto-Africa-D’Annunzio-Sanzio 10: Santa Maria di Gesù-Palestro D: Lidi playa Aggiuntive: S2: Scuole A: Stazione-Zona Industriale-Bicocca U: Milo-Cittadella C: Circonvallazione. Concezione delle linee veloci: BRT1: Al pieno delle sue potenzialità, questa linea ha saputo dimostrare di sapere ben servire un’ampia utenza, sopprimerla sarebbe incoerente. Scambia con METROPOLITANA (Stesicoro, Borgo, Milo), BRT2A (Stesicoro), BRT4 (Roma), BRT5 (Lanza, Milo), Alibus. Frequenza ore di punta: 7m. Autobus in servizio ore di punta: 8. BRT2: La Metropolitana serve il centro in una maniera non del tutto efficiente. Il BRT2 è la risposta a questa domanda da parte dell’utenza. La divisione in due parti è ispirata al T3 di Parigi e rende possibile il facile raggiungimento del Duomo impiegandolo come punto di scambio con suddivisione in tre poli: Polo Est: A Est della pizza dove in via Vittorio Emanuele Secondo ferma situa il capolinea del BRT2A il quale prosegue fino a piazza Cutelli, circonda Piazza Teatro, si immette in via di San Giuliano e raggiunge la stazione Stesicoro da via Biondi o da via Etnea. Polo Ovest: A Ovest dove transita il BRT2B il quale da piazza Palestro dove sorgerà la stazione della Metropolitana, da via Vittorio Emanuele Secondo raggiunge il Duomo immettendosi in via Garibaldi da via Spadaro Grassi per poi tornare a piazza Palestro. Polo Sud: Piazza Alcalà da cui transitano L-EX, Alibus, A. Scambia con METROPOLITANA (Stesicoro, Palestro), BRT1 (Stesicoro), L-EX (via Vittorio Emanuele Secondo), Alibus(Via Vittorio Emanuele Secondo). Frequenza ore di punta: BRT2A 5-7m, BRT2B 5-10m. Autobus in servizio ore di punta: BRT2A 2, BRT2B 2-3. BRT3: Unica opera per la quale è fortemente consigliata la posa di cordoli per separare la corsia preferenziale dei mezzi pubblici dalle corsie di marcia. Il BRT3 rappresenta la seconda linea NORD-SUD per importanza dopo il BRT1. Il BRT3 lascia la Stazione Centrale immettendosi in viale della Libertà proseguendo per viale Vittorio Veneto  fino a svoltare in via Ravenna dopo aver cambiato senso di marcia alla rotatoria finale. Da via Vagliasindi raggiunge piazzale Sanzio che lascia ritornando alla Stazione Centrale da viale Vittorio Veneto. Scambia con METROPOLITANA (Giovanni XXIII, Italia), PASSANTE FERROVIARIO (Stazione Centrale), BRT4(Corso Italia), L-EX(Stazione Centrale), Alibus (Stazione Centrale). Frequenza ore di punta: Con cordoli 7m, senza cordoli 10m. Autobus in servizio ore di punta: 4-6. BRT4: Il BRT4 semplicemente serve buona parte dei viali, dove la mobilità per gli autobus non è drastica, facendo andirivieni da piazza Santa Maria di Gesù a piazza Europa. Scambia con METROPOLITANA (Italia), PASSANTE FERROVIARIO (Europa), BRT1(Roma), BRT3(Viale Vittorio Veneto), BRT5(Piazza Santa Maria di Gesù), Alibus (Corso Italia). Frequenza ore di punta: 7-10m. Autobus in servizio ore di punta: 4. BRT5: Il BRT5 viene in aiuto alla stazione Milo della Metropolitana e alla parte bassa del viale Mario Rapisardi. Lascia il parcheggio scambiatore e raggiunge via Beccaria, si immette nel viale Mario Rapisardi da via Fava per poi invertire marcia in piazza Due Giugno o più distante, giungere a piazza Santa Maria di Gesù e tornare al parcheggio per lo stesso percorso del BRT1. Il BRT5 sarebbe la linea più critica in quanto nelle ore di punta il traffico  renderebbe impossibile il suo transitare veloce. In ogni caso, verrebbe in aiuto l’alta frequenza delle corse. Scambia con METROPOLITANA (Milo), BRT4(Piazza Santa Maria di Gesù). Frequenza ore di punta: 10m. Autobus in servizio ore di punta: 4-6. L-EX: Linea ben concepita. Scambia con Scambia con METROPOLITANA (Giovanni XXIII, Librino), PASSANTE FERROVIARIO (Stazione Centrale), BRT2(Via Vittorio Emanuele Secondo), BRT3 (Stazione Centrale). Frequenza ore di punta: 10m Autobus in servizio ore di punta: 8. Alibus: Linea ben concepita. Scambia con METROPOLITANA (Giovanni XXIII, Aeroporto), PASSANTE FERROVIARIO (Stazione Centrale), BRT 1, BRT2 (Via Vittorio Emanuele Secondo), BRT3 (Stazione Centrale), BRT4(Corso Italia), L-EX (Stazione Centrale). Frequenza ore di punta: 25m. Autobus in servizio ore di punta: 4. Totale Autobus in servizio per linee veloci ore di punta: 36-40. Concezione circolari: 1: Stazione Centrale-Lungomare-Cannizzaro Supporta il Passante ferroviario lungo il lungomare e la zona di Cannizzaro. 2: Sanzio-Borgo Supporta la Metropolitana e buona parte delle linee veloci servendo la zona del borgo, di vulcania e della prima parte dei via Vincenzo Giuffrida. 3: Sanzio-Picanello Supporta il Passante Ferroviario e buona parte delle linee veloci servendo la zona di Picanello-Ognina. 4: Due Obelischi-Barriera-Canalicchio Supporta il BRT1 servendo la parte nord di Catania oltre la circonvallazione. 5: Nesima-Mario Rapisardi (Seconda parte) Supporta la Metropolitana e il BRT5 servendo Nesima e la parte finale di viale Mario Rapisardi, la quale è caratterizzata da un traffico poco agile. 6: Librino-Pigno-Sangiorgio-Villaggio Dusmet Supporta il Passante Ferroviario ancora da realizzare il L-EX. 7: Acquicella-Palestro-Risorgimento-Mario Rapisardi (Alto) Supporta la Metropolitana (Palestro), il Passante Ferroviario e il BRT2B, arrivando fino a toccare il viale Mario Rapisardi. 8: Acquicella-Palestro-San Cristoforo Supporta il Passante Ferroviario e il BRT2 servendo la zona storica di Catania. 9: Sanzio-Umberto-Africa-D’Annunzio-Sanzio Supporta la Metropolitana, e parte delle linee veloci servendo la parte di citta non proprio immediatamente sopra e sotto Corso Italia. 10: Santa Maria di Gesù-Palestro Supporta la Metropolitana e varie linee veloci, servendo la zona alle spalle della Villa Bellini. D: Lidi playa Linea importante per il periodo estivo. Concezione linee aggiuntive S2: Scuole Linea dimostratosi valida. A: Stazione-Zona Industriale-Bicocca Linea per il servizio dei lavoratori della zona industriale. U: Milo-Cittadella Navetta per supportare la Metropolitana e alcune linee veloci. C: Circonvallazione. Conclusioni Con meno di 40 mezzi impiegati per il servizio delle linee veloci e il restante sulle circolari e le aggiuntive il servizio su gomma diventa funzionale e in presenza di risorse si potrebbe pensare a un servizio che copra davvero l’area metropolitana e non comunale. Si auspica però uno studio di fattibilità e indagini di utenza prima di proseguire. Suggerimenti per buon servizio. Segnalare appropriatamente i poli di scambio, anche quelli intermodali. Numerazione più semplice. Seguire la gerarchia delle linee. Seguire la proposta alla lettera.

Leggi tutto    Commenti 1
Proposta
05 giu 2017

Navette rapide e frequenti per raggiungere le nuove stazioni della metropolitana di Catania

di giuseppenicotra

Con l’apertura delle nuova tratta della metropolitana Nesima–Stesicoro le esigenze di mobilità dei catanesi che risiedono nelle zone limitrofe alle stazioni di Nesima e San Nullo sono notevolmente cambiate in positivo; forte, infatti, è la richiesta di un trasporto veloce ed alternativo al mezzo privato. Tuttavia, a causa del posizionamento decentrato delle suddette stazioni, non è semplice per i numerosi abitanti dei due quartieri raggiungere a piedi le stesse, vuoi per la distanza, vuoi per la scarsa accessibilità causata dell’assenza di marciapiedi. Per ovviare a tali problemi ed incentivare l’utilizzo del mezzo pubblico si propone un sistema di trasporto che prevede 4 navette con percorso molto breve e dunque con frequenza molto bassa che possano trasportare i cittadini dai quartieri alle stazioni metro, nonché l’accorpamento di più linee di autobus in modo da poter mantenere almeno una linea di autobus a grande percorrenza lungo la direttrice quartieri/centro storico, alternativa alla metropolitana e ciò con frequenze migliorate rispetto al sistema attuale. Il tutto, mantenendo quasi invariato il numero di autobus attualmente utilizzati dall’AMT per il servizio giornaliero feriale. Vengono dunque soppresse o potenziate le vecchie linee con frequenza altissima quali 642 (100 minuti), 932 (100 minuti, che lascia il posto al nuovo 932 accorpato alle linee 522, 628R e 902, 628R (84 minuti), 702 (65 minuti), sostituite da navette con frequenza tra i 15 ed i 20 minuti, peraltro con minori problemi di traffico e dunque con orari più certi e più facilmente indicabili nelle tabelle di fermata. Per quanto concerne la necessaria integrazione tariffaria AMT/FCE, considerato che già esiste il biglietto integrato della validità di due ore al costo di € 1,20, la questione fondamentale riguarda gli abbonamenti, ad oggi separati. Attualmente l’abbonamento alla metro FCE ha il costo di € 12,00, mentre gli abbonamenti AMT hanno costi variabili in base alle fasce sociali. La proposta è quella di creare un abbonamento integrato ad hoc, al costo ipotetico, indicato a titolo esemplificativo, di € 16,00 (da suddividere tra le due società in proporzione alla quantità di trasporto offerto) con possibilità di poter utilizzare esclusivamente la combinazione navetta (identificata con la lettera M) / Metropolitana, con estensione alle linea 932, solo nel tratto compreso tra piazza Risorgimento e Monte Po ed alla linea 653 nel tratto compreso tra via Amm. Caracciolo ed il Parcheggio Nesima. Di notevole importanza strategica anche l’integrazione tariffaria tra Metro Fce e l’adiacente parcheggio scambiatore di Nesima, che offre la possibilità di ampio parcheggio video sorvegliato a tutti coloro che provenienti dalle zone dell’hinterland etneo, nonché dai quartieri limitrofi, desiderino lasciare l’auto alla porte della città per proseguire il loro viaggio velocemente e comodamente in metro. Di seguito il dettaglio delle modifiche alle linee AMT: LINEA 443 – STAZIONE CENTRALE – MONTE PO Stazione Centrale (METRO GIOVANNI XXIII), Viale Africa (METRO GALATEA), Piazza Europa, Corso Italia (METRO ITALIA), Piazza G. Verga, Viale XX Settembre, Piazza Trento, Viale XX Settembre, Viale R. Margherita, Piazza Roma, Viale R. Margherita, Piazza S.M. di Gesù, Viale M. Rapisardi, Piazza Marconi, Via Palermo, Monte Po, Piazza Mercato, Via L. Vigo, Via S. Raccuglia, Via G. Pitrè, Via S. Marino, manovra di volta, Via S. S. Marino, Via G. Pitrè, Via L. Vigo, Piazza Mercato, Via Palermo, Piazza Marconi, Viale M. Rapisardi, Piazza S. M. Di Gesù, Viale R. Margherita, Piazza Roma, Viale R. Margherita, Viale XX Settembre, Piazza Trento, Viale XX Settembre, Piazza G. Verga, Corso Italia (METRO ITALIA), Piazza Europa, Viale Africa (METRO GALATEA), Stazione Centrale (METRO GIOVANNI XXIII). N.6 vetture – Frequenza 18 minuti (stesso percorso, accorpamento linee 443 e 621) LINEA 653 – NESIMA EXPRESS – RAPISARDI – SAN DOMENICO - PIAZZA STESICORO Parcheggio Nesima (METRO NESIMA), Via M. Amari, Via S. Giacomo, Via C. Arezzo, Via Borgese, manovra di volta, Via Borgese, Via C. Arezzo, viabilità interna del parcheggio della piscina di Nesima, Via Taormina, Via F. Eredia, Viale F. Fontana, (manovra di volta), Viale F. Fontana, Viale L. Bolano (METRO NESIMA), Via F. Miceli, Via U. La Malfa, Via F. Paradiso, Via G. Ballo, Via V. Scannapieco, Via Cibele, Via V. Casagrandi, Via S. Martelli Castaldi, Viale M. Rapisardi, Piazza S.M. di Gesù, Via Androne,  Via S. Maddalena, Piazza S. Domenico, Via Cappuccini,  Piazza Stesicoro, Via Etnea, Viale R. Margherita, Piazza Roma, Viale R. Margherita, Piazza S. M. di Gesù, Viale M. Rapisardi,  Via S. Martelli Castaldi, Via V. Casagrandi, Via A. Merlino, Via Galermo (METRO CIBALI), Via V. Casagrandi, Via A. Merlino, Via G. Ballo, Via F. Paradiso, Via U. La Malfa, Via F. Miceli, Viale L. Bolano (METRO NESIMA), Via F. Eredia, Via Taormina, strada di collegamento per la piscina di Nesima, Via C. Arezzo, Via S. Giacomo, Via M. Amari, Parcheggio Nesima (METRO NESIMA). N. 4 vetture – Frequenza 20 minuti (rimodulazione linee 4-7, 621 e 702) LINEA 932 – PIAZZA DELLA REPUBBLICA – METRO NESIMA - MONTE PO Piazza della Repubblica, Corso Martiri della Libertà, Piazza Giovanni XXIII, Via VI Aprile, Piazza dei Martiri, Via Vittorio Emanuele, Piazza Duomo, Via Garibaldi, Via San Martino, Via Vittorio Emanuele, Piazza Risorgimento, Corso Indipendenza, Piazza Eroi d'Ungheria, Viale Mario Rapisardi, Via A. Pacinotti, Via San Pio X, Via F. Miceli, Viale L. Bolano (METRO NESIMA), Viale F. Fontana, Monte Po, Piazza Mercato, Via L. Vigo, Via S. Raccuglia, Via G. Pitrè, Via S. Marino, manovra di volta, Via S. S. Marino, Via G. Pitrè, Via L. Vigo, Piazza Mercato, Via Palermo, Viale F. Fontana, Viale L. Bolano (METRO NESIMA) , Via F. Miceli, Via San Pio X, Via A. Pacinotti, Viale M. Rapisardi, Corso Indipendenza, Via G. Di Gregorio, Via G. Sessa, Viale C. Fioravante, Corso Indipendenza, Piazza Risorgimento, Via Aurora, Via Giusti, Via G. Missori, Piazza Palestro, Via Garibaldi, Piazza Duomo, Via V. Emanuele, Via Porticello, Via Dusmet, Piazza dei Martiri, Via VI Aprile, Stazione Centrale, Corso Martiri della Libertà, Piazza della Repubblica. N. 5 vetture – Frequenza 20 minuti (stesso percorso, accorpamento linee 522, 628R, 902 e 932) NAVETTA M02 – METRO NESIMA – METRO SAN NULLO Parcheggio Nesima (METRO NESIMA), Via M. Amari, Via San Giacomo, Via S. Catania, Via Q. Cataudella, Viale B. Croce, Via S. Catania, Via Fiorita, Via San Nullo, Via A. Usodimare (METRO SAN NULLO), Via S. Catania, Via Fiorita, Via San Nullo, Via S. Catania, Viale B. Croce, Via Q. Cataudella, Via S. Catania, Via S. Giacomo, Via M. Amari, Parcheggio Nesima (METRO NESIMA). N.1 vettura – Frequenza 20 minuti (riduzione percorso linea 702) NAVETTA M21 – METRO NESIMA – RAPISARDI OVEST Parcheggio Nesima (METRO NESIMA), Via C. Florio, Via F. Miceli, Via U. La Malfa, Via A. Diaz, Viale M. Rapisardi, Via E. Barsanti, Via A. Volta, Via A. Pacinotti, Via S. Pio X, Via F. Miceli, Via C. Florio, Parcheggio Nesima (METRO NESIMA). N.1 vettura – Frequenza 15 minuti (riduzione percorso linee 621/642) NAVETTA M22 – METRO NESIMA – TRAPPETO SUD - LINERI Parcheggio Nesima (METRO NESIMA), Via M. Amari, Via S. Giacomo, Via C. Arezzo, Via Borgese, Via Ota, manovra di volta, Via Ota, Via Borgese, viabilità interna del parcheggio della piscina di Nesima, Via Taormina, Via F. Eredia, Viale F. Fontana, (manovra di volta), Viale F. Fontana, Viale L. Bolano (METRO NESIMA), rotonda Nesima, Viale L. Bolano (METRO NESIMA), Viale F. Fontana, Via Lineri, Via Gaudioso/Via Firenze, Via Modena, Via Taormina, strada di collegamento per la piscina di Nesima, Via Borgese, Via Ota, manovra di volta, Via Ota, Via Borgese, Via C. Arezzo, Via S. Giacomo, Via M. Amari, Parcheggio Nesima (METRO NESIMA). N.1 vettura – Frequenza 20 minuti (riduzione percorso linee 522/702) NAVETTA M42 – METRO NESIMA – METRO CIBALI - RAPISARDI Parcheggio Nesima (METRO NESIMA), Via C. Florio, Via F. Miceli, Via U. La Malfa, Via F. Paradiso, Via G. Ballo, Via V. Scannapieco, Via Cibele, Via V. Casagrandi, Via A. Merlino, Via Galermo (METRO CIBALI), Via V. Casagrandi, Via S. Martelli Castaldi, Viale M. Rapisardi, Via Nazario Sauro, Via D. Chiesa, Via Gen. Cantore, Via Partigiani d’Italia, Via Cormons, Via E. Giardino, Via A. Diaz, Via U. La Malfa, Via F. Miceli, Via C. Florio, Parcheggio Nesima (METRO NESIMA). N.1 vettura – Frequenza 20 minuti (riduzione percorso linea 642) MODIFICHE ALTRE LINEE: LINEA 740 - P.ZZA BORSA - LEUCATIA - BARRIERA P.zza Borsa - Via S. Euplio - Via D. Cimarosa - Via Androne - P.zza S. M. di Gesù - V.le M. Rapisardi - Via G. Lavaggi - Via C. Lombroso - Via Cifali - Via Chisari - Via Valdisavoia - Via Santa Sofia (METRO CIBALI) - Viale A. Doria - P.zza Gioeni - Via Del Bosco - Via Card. Nava - Via Leucatia - Via T. M. Manzella - Via Lojacono - Via S. Allende - L.go Barriera - Via Due Obelischi - Via Passo Gravina - Via Ingegnere - V.le A. Fleming - Via Milo - L.go Taormina - Via Consolazione - Via E. Ferri - Via C. Beccaria - Via Cifali - P.zza S. M. di Gesù - Via Androne - Via S. Maddalena - Via Cappuccini - P.zza Borsa N. 1 vettura – Frequenza 70 minuti (nuovo percorso in neretto per coprire le strade nelle quali non transita più linea 702, considerato che su viale Fleming transita la linea BRT1, molto più frequente) LINEA 733 – PIAZZA BORSA – SAN NULLO P.zza Borsa - Via S. Euplio - Via Litrico - Via Etnea - V.le R. Margherita - P.zza Roma - V.le R. Margherita - P.zza S. M. di Gesù – Via Cifali - P.zza Bonadies - Via Galermo (METRO CIBALI) - V.le F.lli Vivaldi - V.le A. Doria - (manovra di volta) - V.le A. Doria - V.le F.lli Vivaldi - V.le A. Usodimare - Via S. Nullo - Via Seb. Catania - Via Galermo - nuovo prolungamento V.le Tirreno - V.le Adriatico - V.le Tirreno - Via Galermo - Via Seb. Catania - Viale B. Croce - Via Q. Cataudella - Via S. Catania - Via Fiorita - Via S. Nullo - Via S. Paolo - Via V. Casagrandi (METRO CIBALI) - Via Cibele - P.zza Bonadies - Via Cantone - P.zza Spedini - Via G. Fava - Via Ferrante Aporti - Via C. Lombroso - Via Cifali - P.zza S. M. di Gesù - Via Androne - Via S. Maddalena - Via Cappuccini - P.zza Borsa N. 2 vetture – Frequenza 37 minuti (eliminato parte del percorso della zona di Cibali considerato il transito della più frequente linea 653, aggiunto in neretto il percorso nel quale non transita più la linea 702 verso il centro) LINEA 503  - P.ZZA BORSELLINO – AMM. CARACCIOLO - ANTICO CORSO – CIVITA Piazza Borsellino - Via Dusmet - Via C. Colombo - Via Plebiscito - Via V. Emanuele - Piazza Risorgimento, Viale Medaglie d'Oro - Via A. Saffi - Via Ammiraglio Caracciolo  - Via Montenero - Viale Medaglie d'Oro – Via Madonna delle Catene – Via Plebiscito - Via C. Forlanini - Via S. Citelli - Via Roccaromana - Via Lago di Nicito - Piazza S. M. Di Gesù - Via Androne - Via S. Maddalena - Via G. Clementi - Piazza Dante - Via Teatro Greco - Via Ospizio di Beneficenza - Via San Benedetto - Via Crociferi - Via Vitt. Emanuele - Via Spadaro Grassi - Via Garibaldi - Piazza Duomo - Via Vittorio Emanuele - Piazza San Placido - Via Porticello - Piazza Borsellino N. 1 vettura – Frequenza 60 minuti (nuovo percorso in neretto per coprire la parte nella quale non transita più linea 642) LINEA 628 – PARCHEGGIO NESIMA – PIAZZA EUROPA Parcheggio Nesima (METRO NESIMA), Viale L. Bolano, Viale A. Usodimare (METRO SAN NULLO), Viale F.lli Vivaldi, Viale A. Doria, Viale O. Da Pordenone, Viale M. Polo, V.le Ulisse, P.zza M. Battaglia, V.le A. Alagona, V.le R. di Lauria, P.zza Europa, V.le R. di Lauria, V.le A. Alagona - P.zza M. Battaglia, Via Messina, V.le Ulisse, Viale M. Polo, Viale O. da Pordenone, Viale A. Doria, Viale Fratelli Vivaldi, Viale A. Usodimare (METRO SAN NULLO), Viale L. Bolano, Via C. Florio, Parcheggio Nesima (METRO NESIMA) N. 1 vettura – Frequenza 70 minuti (eliminata vecchia circolare, in neretto percorso alternativo alla Metro con transito presso centri di interesse quali uffici Agenzia delle Entrate e lungomare) In alternativa da P.zza Europa – C.so Italia – Viale Vitt. Veneto (METRO ITALIA) – Viale M. Polo – manovra di volta e ripresa percorso su Viale M. Polo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mag 2017

G7, le disposizioni di viabilità e i divieti e le modifiche al trasporto pubblico in occasione della visita dei consorti dei premier

di Mobilita Catania

In occasione della visita dei consorti dei premier del G7 di venerdì prossimo, 26 maggio, una determina dell'Ufficio traffico urbano emessa su indicazione della Questura ha stabilito i divieti di sosta e di transito e le aree transennate. Le modifiche al trasporto pubblico. Divieti e viabilità I divieti, che saranno fatti rispettare dal Corpo di Polizia municipale, si protrarranno per poche ore e riguarderanno spesso soltanto dei brevi tratti delle strade elencate. Sarà comunque approntata un'apposita segnaletica e saranno presenti pattuglie di Vigili urbani. Il primo divieto di sosta si protrarrà dalle 8,30 e fino a quando la visita in quell'area non sarà conclusa, nelle vie Fragalà, Mancini, Santa Maria del Rosario, La Piana, Bicocca, Roccaforte, Merletta, Vittorio Emanuele, Garibaldi. Il secondo divieto di sosta prenderà il via alle 11 e durerà fino a quando non sarà necessario nelle piazze Dante, dei Miracoli, Santa Maria dell'Itria e Riccò e in tratti delle vie Quartarone, Teatro Greco, Biblioteca, Idria e Osservatorio; i veicoli parcheggiati nelle zone vietate potranno essere rimossi con carri attrezzi. Sarà inoltre vietato transitare, a partire dalle 13,45, per piazza Dante e lungo le vie Quartarone e Teatro Greco; la piazza Duomo e la piazza Dante saranno transennate. Le scuole e gli uffici pubblici del centro storico, a eccezione di Municipio, Palazzo dei Chierici e Benedettini, saranno regolarmente aperti. L'ufficio Protocollo generale domani si trasferirà nella sede dell'ufficio Notifiche di via S. Maria del Rosario 16-18. La disposizione, temporanea, è dovuta a motivi di sicurezza, indicati dalla Questura, e legati alla chiusura di Palazzo degli Elefanti in occasione del G7. L'ufficio nella sede temporanea sarà aperto al pubblico dalle 8.30 alle 13. Trasporto pubblico  AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) informa che, venerdì 26 maggio 2017 a seguito la chiusura a transito veicolare di Piazza Duomo e Piazza Università, dalle ore 10:00 alle ore 17:00, le circolari 503, 504, 830, 902 e 932 subiranno una variazione di percorso. Potete visualizzare i percorsi alternativi nel pdf allegato. La Ferrovia Circumetnea- Metropolitana di Catania effettuerà regolare servizio. Sais Autolinee informa che con decorrenza 25 maggio 2017, la fermata prevista di San Gregorio (sia in salita direzione Messina che in discesa in arrivo a Catania)  sarà momentaneamente soppressa per tutta la durata del G7 di Taormina. Trenitalia informa che su disposizione della prefettura di Messina, sabato dalle 4.30 alle 22.30, i treni non si fermeranno nelle stazioni Letojanni e Taormina-Giardini. Il provvedimento rientra fra le misure adottate per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica in occasione del G7 di Taormina. I viaggiatori dei treni Regionali potranno utilizzare, in alternativa, la stazione di Alcantara. Tutti i treni Intercity (722, 1955, 724, 1959, 35740, 35739, 721, 1956, 727) fermeranno invece a Santa Teresa Riva. Nelle due stazioni ci sarà personale del Gruppo Fs per l’assistenza ai viaggiatori.   Nell’ “Area di Sorveglianza ed Allarme”, costituita dallo specchio acqueo compreso tra il Main Palace Hotel di Roccalumera a nord e il Porto di Pozzillo di Acireale a sud, le unità in transito dovranno prestare particolare attenzione alle indicazioni che potranno essere loro fornite dalle unità navali delle forze di polizia e militari impegnate nel dispositivo di sicurezza, mantenendo ascolto continuo sul canale 16 vhf marino. Il porto e la rada di Giardini Naxos saranno interdetti alla navigazione, all'ormeggio ed all'ancoraggio di qualsiasi unità navale.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mag 2017

Lungomare Liberato: domani primo appuntamento di maggio

di Mobilita Catania

È fissato per questa domenica il primo appuntamento di maggio con il Lungomare Liberato. La grande isola pedonale tra le piazze Europa e Mancini Battaglia sarà nuovamente fruibile, dalle 10 alle 20. Per raggiungere il Lungomare sarà possibile parcheggiare l'auto gratuitamente nel piazzale Sanzio e da lì utilizzare le navette gratuite messe a disposizione dall'Amt. Nell'isola pedonale saranno presenti gli stand di numerose organizzazioni di solidarietà, a cominciare dalla Corri Catania, nell'imminenza della grande passeggiata di solidarietà. E ci saranno gruppi di Total Roller e Ruote Libere, anche perché in molte aree del Lungomare il tappeto d'asfalto è stato da poco sistemato e questo agevola soprattutto pattinatori e ciclisti. Inoltre, chi non possiede una propria bicicletta potrà noleggiarla, così come i risciò a pedali, in diversi punti dell'isola pedonale. Ci saranno inoltre, come sempre, i cinofili con i loro amici cani. Ci saranno diversi momenti d'attrazione, con numerosi artisti da strada, e l'Autobooks, la biblioteca ambulante del Comune sulla quale possibile è scambiare i libri: romanzi di autori italiani e stranieri, classici (edizioni non scolastiche), volumi per ragazzi e bambini saranno i benvenuti a bordo. Previsti anche, a partire dalle 11, alcuni momenti di spettacolo. Si esibiranno infatti Lidia Randis e Andrea Platania, dell'Istituto Musicale Vincenzo Bellini di Catania, che fanno parte della sezione dei primi violini dell'Orchestra Giovanile dell'Istituto (Ogib).

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti