Articolo
14 giu 2019

Abbonamenti agevolati Metro e Amt per il personale dell’Università di Catania: sottoscrizioni aperte fino al 30 giugno

di Amedeo Paladino

Nuova iniziativa dell’Università di Catania per la promozione della mobilità sostenibile, riducendo gli effetti negativi dell'uso eccessivo dei mezzi privati. Dopo l’attivazione di abbonamenti gratuiti annuali concessi a tutti gli studenti regolarmente iscritti per viaggiare liberamente sui bus urbani dell'Amt e sulle linee della metropolitana Fce, l’Ateneo propone l’acquisto di abbonamenti a prezzi agevolati a tutto il proprio personale docente e tecnico amministrativo. L'Università di Catania intende, infatti, stipulare una convenzione con la Ferrovia Circumetnea e l'Azienda metropolitana trasporti di Catania per fornire ai circa 2 mila dipendenti dell'Ateneo (docenti, personale tecnico-amministrativo e assegnisti di ricerca) un abbonamento annuale a costo agevolato per viaggiare sulle linee della metropolitana e sui bus urbani e per usufruire dei parcheggi dell'Amt (Sanzio, Due Obelischi, Nesima). Il costo dell'abbonamento è pari a 125 euro annui pagabili, in rate mensili da poco più di 10 euro, mediante trattenuta sullo stipendio. È possibile aderire all'iniziativa prenotando l’abbonamento tramite il sistema di sottoscrizione online, accessibile con le proprie credenziali Cineca, fino al prossimo 30 giugno. L’abbonamento può essere attivato dal primo mese utile, oppure a partire dal 1° gennaio 2020. Gli assegnisti di ricerca, se sprovvisti delle credenziali Cas, possono inviare una mail di adesione all’indirizzo webmaster@unict.it, indicando il proprio codice fiscale e la data di attivazione prescelta. L'Università di Catania informa, inoltre, che coloro che ha già espresso il proprio interesse, aderendo alla prima call nello scorso mese di novembre, non deve aderire nuovamente. Chi invece, per una qualunque ragione, non fosse più interessato alla proposta, deve scrivere a webmaster@unict.it, chiedendo la revoca dell’adesione o cancellarsi autonomamente accedendo nuovamente al sistema di prenotazione e cliccando sul pulsante cancellati. La convenzione, che mira anche a contribuire al miglioramento dei trasporti urbani per tutti i cittadini, verrà stipulata al raggiungimento di almeno 300 sottoscrizioni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 mag 2019

Bus turistici nel parcheggio AMT Fontanarossa: verso l’accoglimento la proposta della Terza Commissione Consiliare

di Mobilita Catania

Utilizzare il parcheggio scambiatore Fontanarossa per la sosta dei numerosi bus dei tour operator: è questa la proposta dalla Terza Commissione Consiliare Permanente “Mobilità e Trasporti” del Comune di Catania presieduta da consigliere Bartolo Curia nel corso di una seduta alla quale hanno partecipato l’assessore alla Mobilità Giuseppe Arcidiacono e il presidente dell’Azienda Metropolitana Trasporti, Giacomo Bellavia. L’intento è quello di non far transitare i bus turistici per le vie cittadine, eliminando congestione e sosta selvaggia in snodi stradali ritenuti di importanza fondamentale per il traffico veicolare: piazza Borsellino, via Cardinale Dusmet, via VI Aprile, Stazione Centrale, Viale Africa. L’assessore Arcidiacono, ha accolto positivamente  la proposta del Presidente Curia e della Commissione e si è impegnato  a portare avanti a nome dell’Amministrazione il progetto di un parcheggio scambiatore che accolga i numerosi bus dei tour operator che oggi  affollano la città. Anche il presidente dell’AMT Giacomo Bellavia ha giudicato favorevolmente l’iniziativa viste le potenzialità del parcheggio scambiatore e si è dichiarato d’accordo sulla possibilità di utilizzare  navette di collegamento per il centro città.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 mag 2019

Ast: aperto tavolo tecnico con Amt per favorire l’intermodalità; da lunedì due nuove linee per i paesi etnei

di Mobilita Catania

Si è svolto ieri, venerdì 17 maggio, un incontro tra il sindaco di Catania e della Città Metropolitana, Salvo Pogliese, e i vertici dell'Azienda Siciliana Trasporti e dell'Azienda Metropolitana Trasporti di Catania, per dare il via ad un tavolo tecnico teso alla razionalizzazione e alla integrazione dei vettori che svolgono servizi di trasporto interurbani con quelli urbani. In particolare, in occasione della presentazione di nuove linee di trasporto interurbano promosse da Ast, sono state definite alcune tappe che porteranno alla migliore integrazione dei servizi all'utenza. In prima battuta, i mezzi Ast effettueranno solo una fermata nei parcheggi scambiatori gestiti dal'Amt (Due Obelischi, Sanzio, Nesima), consentendo all'utenza pedemontana di accedere facilmente alla rete urbana di trasporto dei bus e in molti casi anche della metropolitana Fce, facendo, per ora, capolinea a Catania in piazza Papa Giovanni XXIII, per poi successivamente attestarsi presso i parcheggi scambiatori Amt che verranno utilizzati come "zone di scambio" dove poter fruire sia dei mezzi pubblici cittadini, sia della metropolitana. «Ringrazio il sindaco Pogliese per aver promosso il tavolo tecnico che sarà una sicura occasione per avviare una piena integrazione dei servizi di mobilità, e il presidente di Ast Tafuri per la disponibilità dimostrata – ha dichiatato il presidente dell'Amt Giacomo Bellavia - Fin da subito i parcheggi scambiatori di Amt sono a disposizione per fungere da nodi di interscambio, è necessario e urgente avviare un percorso di razionalizzazione della rete di trasporto regionale, allocando correttamente le risorse e i servizi tra operatori del trasporto urbano, che potranno operare nella città capoluogo e nei comuni della prima cintura, e operatori del trasporto interurbano, tra cui Ast e Fce. Inoltre, sarà necessario coinvolgere nell'esperimento del biglietto integrato, che già coinvolge Amt e Fce, anche Ast e Trenitalia, così da fornire al cittadino un servizio sempre più efficiente e funzionale. Sono sicuro che il tavolo tecnico tra le due aziende, già attivato, nonché il tavolo regionale sui servizi di trasporto per la provincia di Catania, la cui prossima riunione si terrà il prossimo 22 maggio a Palermo, saranno occasione per un proficuo sviluppo dei servizi di mobilità". Lanciati dall'Ast, intanto, nuovi collegamenti tra alcuni paesi etnei attraverso  le linee "Speedy Bus" e "Rapid Bus". Il primo collegherà Pedara, Tremestieri Etneo, Sant’Agata li Battiati con Catania; il secondo Trecastagni, San Giovanni la Punta e Sant’Agata li Battiati, naturalmente ancora con il capoluogo. L’attivazione delle linee è prevista per lunedì 20 maggio e, solo per quella data, tutte le corse della giornata delle due nuove linee saranno a titolo gratuito, ma nonostante l'imminenza del servizio, ancora non sono stati annunciati né orari né frequenze. I bus faranno, per ora, capolinea in piazza Papa Giovanni XXIII a Catania, nell'area centrale della piazza, ma in futuro, come detto, verranno designate altre aree da utilizzare come nodi di scambio dove poter scambiare, appunto, con altri vettori quali Amt e metropolitana. Il biglietto di ogni corsa avrà un costo massimo di 4,50 euro per le tratte più lunghe (come Pedara-Catania). I PERCORSI Rapid Bus: CATANIA: Piazza Papa Giovanni XXIII, Viale Libertà, Corso Italia, P.zza Giovanni Verga, P.zza Trento, Via Etnea, Via del Bosco SANT’AGATA LI BATTIATI: Via Umberto, Via Roma SAN GIOVANNI LA PUNTA: Via della Regione, Via Fisichelli TRECASTAGNI: Via Catania, Salita dei Saponari, Corso Sicilia, P.zza Sant'Alfio, Corso Italia, Corso Europa, Corso A. de Gasperi, Salita dei Saponari SAN GIOVANNI LA PUNTA: Via Fisichelli, Via della Regione SANT’AGATA LI BATTIATI: Via Roma, Via Umberto CATANIA: Via del Bosco, Via Passo Gravina, Via Etnea, P.zza Cavour, Via Monserrato, Via V. Giuffrida, Viale Vittorio Veneto, Viale Libertà, P.zza Papa Giovanni XXIII Speedy Bus: CATANIA: Piazza Papa Giovanni XXIII, Viale Libertà, Corso Italia, P.zza Giovanni Verga, P.zza Trento, Via Etnea, Via del Bosco SANT’AGATA LI BATTIATI: Via Umberto, Via Garibaldi TREMESTIERI ETNEO: Via Etnea PIANO TREMESTIERI: Via Etnea PEDARA: Via Pizzo Ferro, Corso Ara di Giove, Via della Resistenza, Via Mons. Pennisi, Via E. Patti, P.zza Don Diego, Via Etnea. PIANO TREMESTIERI: Via Etnea TREMESTIERI ETNEO: Via Etnea SANT’AGATA LI BATTIATI: Via Garibaldi, Via Umberto CATANIA: Via del Bosco, Via Passo Gravina, Via Etnea, P.zza Cavour, Via Monserrato, Via V. Giuffrida, V.le Vittorio Veneto, V.le Libertà, P.zza Papa Giovanni XXIII Si rimane in attesa di conoscere orari e frequenze delle nuove linee, le cui informazioni, ad oggi, non appaiono neanche all'interno del sito ufficiale dell'Ast.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 mag 2019

Via Cardinale Dusmet, da lunedì lavori per l’allargamento della carreggiata ingresso parcheggio AMT

di Mobilita Catania

Lunedì 13 maggio inizieranno i lavori di allargamento di via Cardinale Dusmet nel tratto corrispondente all'ingresso del parcheggio AMT "Borsellino", sito nell'omonima piazza, al fine di recuperare una nuova corsia per fare meglio defluire il traffico veicolare in transito verso il parcheggio e via Domenico Tempio. In quel punto, infatti, si creano frequentemente code di veicoli per via dell’insufficiente larghezza della carreggiata, limitrofa alla corsia di accesso all'area di sosta. I lavori di realizzazione dell'opera, che comporterà una lieve riduzione dell'area verde ivi presente, sono stati disposti dal sindaco Salvo Pogliese e saranno diretti dal capo di gabinetto Giuseppe Ferraro. A svolgerli saranno operatori del Comune e della Multiservizi, con doppi turni di lavoro, in modo da concluderli in tre giorni. Gli interventi saranno presidiati da agenti della Polizia Municipale, in modo da dirigere il traffico veicolare nel modo più spedito possibile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 mag 2019

Corri Catania 2019 | Come spostarsi in città: agevolazioni bus Amt e metropolitana aperta

di Andrea Tartaglia

Anche quest'anno è giunta alle porte l'ormai tradizionale camminata-corsa benefica cittadina denominata Corri Catania, che dalla sua prima edizione del 2009 raduna di anno in anno sempre più catanesi pronti a vivere una giornata in città decisamente diversa dalle altre e ben più salutare. Per le parecchie migliaia di cittadini che animeranno il centro di Catania (l'evento avrà inizio domenica 12 maggio alle ore 10 in piazza Università: qui tutte le informazioni), le aziende di trasporto pubblico dell'Amt (autobus) e della Fce (metropolitana) hanno predisposto servizi speciali per agevolare l'utenza in questa particolare occasione. L'Amt, infatti, consentirà l'utilizzo gratuito di alcune linee in partenza o in transito da parcheggi scambiatori e altre aree di sosta gestite dall'azienda, anche allo scopo di favorire la mobilità sostenibile. In questo modo, chi lascerà l'auto in uno dei quattro parcheggi di seguito elencati, pagando regolarmente la sosta, potrà avvalersi gratuitamente di alcune linee bus in partenza o in transito dagli stessi. Ecco l'elenco dei parcheggi e delle relative linee: • Autorimessa R1 (via Plebiscito): linea 504M; • Parcheggio scambiatore Due Obelischi: linea BRT1; • Parcheggio scambiatore Nesima: linea 621; • Parcheggio scambiatore Fontanarossa: linea Librino Express. Per quanto riguarda la metropolitana, invece, il servizio, solitamente sospeso nei giorni festivi, sarà invece attivo dalle 8 alle 21, orario dell'ultima corsa da Stesicoro. Si ricorda che il Comune di Catania, con un apposito provvedimento, dalle 8 alle 14 (o comunque sino a cessate esigenze) di domenica 12 maggio ha istituito il divieto di transito per tutti i veicoli, eccetto quelli degli addetti alla manifestazione, dei residenti diretti alle autorimesse, dei mezzi di soccorso in emergenza e delle Forze dell’Ordine, lungo il percorso della corsa-camminata: Piazza Università, via Etnea, via Umberto I, Piazza Ettore Majorana, piazza Jolanda, via Finocchiaro Aprile, via Monsignor Ventimiglia, via Giuseppe Verdi, piazza Carlo Alberto, via Giacomo Puccini, piazza Turi Ferro, via Coppola, via Michele Rapisardi, piazza Vincenzo Bellini, via Teatro Massimo, via Monsignor Ventimiglia, piazza Mario Cutelli, via Porta di Ferro, via del Vecchio Bastione, piazza Duca Di Genova, via Museo Biscari, piazza San Placido, via Vittorio Emanuele II, via Etnea, piazza Università. Inoltre, fino alle ore 14:00 (o sino a cessate esigenze), è istituito il divieto di sosta con rimozione coatta, per tutti i veicoli, in ambo i lati dei seguenti tratti viari: via S. Maria del Rosario, via La Piana, via Roccaforte, via Euplio Reina, via Merletta, via Collegiata, via Biscari, via Vasta, via Fragalà, via Mancini, via Coppola, via Ventimiglia (nei tratti: via F. Aprile – via G. Verdi e via Teatro Massimo – piazza Cutelli), piazza Jolanda (su tutta la piazza), via Finocchiaro Aprile (tratto piazza Jolanda – via Ventimiglia), piazza Carlo Alberto (su tutta la piazza), piazza Cutelli (lato Nord), via Porta di Ferro (lato Ovest), piazza Duca Di Genova (su tutta la piazza).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 apr 2019

Ospedale San Marco da oggi servito dal Librino Express AMT

di Mobilita Catania

Al via questa mattina il servizio di trasporto pubblico all’interno dell’ospedale San Marco di Catania, istituito grazie all’accordo tra l‘Azienda Metropolitana Trasporti di Catania e l’Azienda Policlinico Vittorio Emanuele, a cui appartiene il nuovo nosocomio. L’ospedale verrà servito dalla linea Librino Express, che è stata potenziata ed effettuerà un percorso all’interno della struttura ospedaliera, con frequenza di circa 10/15 minuti, nonché dalle circolari di quartiere 802 rossa e nera. La linea Librino Express è una linea veloce che collega la Stazione Centrale, il Porto, l'Asse dei Servizi. il Parcheggio Scambiatore  Fontanarossa e  Librino parte sud-est. Inoltre è previsto che l’Ospedale S. Marco fungerà da capolinea della nuova linea BRT di prossima istituzione, che congiungerà Librino al centro città. Presenti il sindaco Salvo Pogliese, l’assessore regionale alla salute Ruggero Razza, il direttore generale facente funzione dell’Azienda Policlinico Vittorio Emanuele, Giampiero Bonaccorsi, il presidente di AMT Giacomo Bellavia e i consiglieri di amministrazione di AMT Agata Parisi e Serena Spoto, nonchè il dirigente e gli operatori di esercizio dell'Azienda.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 apr 2019

1° maggio 2019: a Catania (quasi) tutti in macchina

di Andrea Tartaglia

L'1 maggio è la festa dei lavoratori e ai lavoratori viene concesso, come in occasione di ogni festività, di astenersi dall'impiego e poter godere quindi di una giornata di meritato riposo e svago. Nulla da eccepire. Se non fosse che ci sono servizi i quali, però, non possono conoscere sosta e senza alcun dubbio il primo che viene in mente è quello sanitario: immaginate di trovare un pronto soccorso chiuso per ferie. Sarebbe assurdo, no? E infatti i presidî sanitari saranno, come sempre, aperti. Ebbene, il servizio del trasporto pubblico, soprattutto in una grande città, seppur certo non equiparabile a quello sanitario, rimane un servizio fondamentale per la collettività. Ma a Catania, il 1° maggio, non ci sarà: né autobus né metropolitana (e per quest'ultima non è neanche una novità, visto che ancora si fa attendere l'apertura domenicale e negli altri giorni festivi). Sarebbe naturalmente stata accetta una riduzione del servizio, non si può certo pretendere che ci siano corse come in un qualsiasi giorno feriale (la domanda, oltretutto, è obiettivamente inferiore), ma questo è un caso limite in cui non ci sarà proprio alternativa: o a piedi o, per chi può, in macchina. Senza dimenticare le "vie di mezzo", naturalmente, come biciclette e motocicli. Per completezza di informazione, va detto che per raggiungere l'aeroporto di Fontanarossa ci sarà la possibilità di prendere l'autobus: saranno in servizio l'Alibus, seppur con frequenza ridotta a 30 minuti, e la navetta 524S che collega il parcheggio di Fontanarossa all'aerostazione. In più, essendoci alla Plaia l'evento del One Day Music Festival, una navetta speciale collegherà piazza Papa Giovanni XXIII (stazione centrale FS) all'area dei concerti in viale Presidente Kennedy, con bus ogni 15 minuti circa da mezzogiorno e sino alle 2 del mattino. Peccato, però, che non ci siano né bus né metro per arrivare in piazza Papa Giovanni XXIII: a piedi o in bici, dunque, per chi non viene da troppo lontano o col mezzo privato. Potrà allora essere una delle ultime occasioni per servirsi delle vetture rimaste del Car Sharing Enjoy, che tra un mese abbandonerà Catania. Troppo poco: una città che vuole essere una piccola metropoli europea, come Catania legittimamente ambisce a essere, non può lasciare appiedate centinaia di migliaia di persone, nel 2019. Il trasporto pubblico, oltre a essere per molti l'unica opzione di spostamento oltre una certa distanza, è anche una forma di mobilità sostenibile che dev'essere quindi supportata e incentivata. Vengono in mente anche le domeniche passate, con il porto preso d'assalto dai catanesi, ingorghi e auto parcheggiate ovunque in via Dusmet e la stazione metro del porto chiusa. Una fermata strategica che ha ragione di esistere non solo in funzione del porto, ma anche del quartiere della Civita e dei suoi diversi poli di attrazione, come la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università (sia la sede principale che le aule studio di via Dusmet), il Convitto Cutelli, il Teatro di Scenario Pubblico, il Teatro Massimo Bellini, Palazzo Platamone. La metropolitana, qui, anche con una frequenza minore rispetto a quella della linea principale, tornerebbe a essere molto utile se fosse aperta sempre e non soltanto in occasione di eventi o di approdi di grandi navi da crociera. A Catania qualcosa si è mosso, negli anni: che ci siano stati evidenti progressi nel trasporto pubblico, dal BRT alla metropolitana, è evidente: ma l'evoluzione appare ancora lenta e in una città da dove tanti, troppi fuggono via, ogni occasione buona per migliorare un servizio dev'essere colta e pure rapidamente. La parola d'ordine dev'essere sinergia: tra pubblica amministrazione e enti di trasporto pubblico. Catania ha il dovere di provarci e di riuscirci.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti