Articolo
29 nov 2016

FOTO | La linea metro del passante ferroviario prende forma: il punto sui lavori

di Roberto Lentini

I lavori del passante ferroviario metropolitano di Catania procedono con grande spiegamento di uomini e mezzi, sia nel sottosuolo che in superficie. A metà 2017 la prima tranche sarà completata e Catania si doterà, così, di una seconda linea metropolitana. Noi di Mobilita Catania abbiamo visitato i cantieri: facciamo il punto sui lavori. Entro un mese dovrebbe essere consegnato il cavalcaferrovia che collega via Fiume con via De Caro. A marzo dovremmo vedere transitare i primi treni nel binario pari interessato da lavori di riqualificazione riguardanti l'armamento e i sistemi di sicurezza. A giugno dovrebbero invece entrare in esercizio le stazioni di Ognina, Picanello ed Europa che, insieme con le stazioni di Cannizzaro e Stazione Centrale, costituiranno la prima tratta della linea metropolitana. Successivamente verranno integrate le stazioni di Acquicella, Fontanarossa (da realizzare) e Bicocca. L'ampliamento della galleria pari, necessario per realizzare la stazione di Picanello, è ormai completo. Manca l'ultimo pozzo equilibratore che si trova in fase di ultimazione. Si sta inoltre completando lo scavo centrale per l'alloggiamento dei cavi elettrici, mentre le banchine laterali, lungo tutta la galleria, sono complete al 95%. Ecco, in dettaglio, la situazione delle tre nuove stazioni in corso di ultimazione: Stazione Ognina (sostituirà l'attuale fermata omonima) La stazione di Ognina è in superficie, è dotata di marciapiedi della lunghezza di 125 metri, coperti da pensiline e collegati da un sottopasso pedonale con accesso da via Fiume e da un parcheggio, con ingresso da via De Caro attraverso il cavalcaferrovia di nuova realizzazione, per 120 posti auto. In futuro l'accesso alla stazione sarà possibile anche dal viale Ulisse. La stazione è ormai pronta, manca solo il basamento e la posa dei binari che avverrà al termine dei lavori all'interno della galleria pari. Stazione Picanello La stazione di Picanello è ubicata nel tratto a nord di via Guerrera e a sud di via Messina, ed è realizzata in sotterranea con due uscite, una su via Timoleone e l’altra su spazio a verde comunale, confinante con via Libertini, via Messina e con il parcheggio su via Guerrera. Ha una lunghezza complessiva di circa 157 metri. Il collegamento della fermata con l’esterno sarà garantito da due blocchi di scale fisse e scale mobili. L’accesso ai diversamente abili sarà reso possibile da un ascensore su via Guerrera. Allo stato attuale la stazione è già completa al 95%. L'allargamento della galleria pari ha comportato ritardi nella consegna dei lavori per diverse lesioni ad edifici privati che ne hanno bloccato i lavori per lungo tempo. Stazione Europa La stazione Europa, in superficie, è provvista di due marciapiedi lunghi 125 metri ciascuno, completi di rampe coperte per il collegamento con la superiore Piazza Europa e di pensiline. La stazione è ormai completa al 95%. Manca solo la posa del basamento e dei binari che avverrà solo dopo il completamento della galleria pari. Con l’imminente apertura delle tre nuove stazioni citate la prima linea metropolitana urbana di RFI,  a giugno, avrà quest’assetto, da nord verso sud: Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina Picanello Europa Stazione Centrale I treni impiegati saranno i Minuetto, mentre le frequenze si attesteranno sui 15/30 minuti (a seconda della fascia oraria e dell’area di riferimento). Foto di copertina: Stazione Picanello Ti potrebbe interessare... Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell'opera  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
17 dic 2015

Passante Ferroviario, nel 2016 possibile completamento, l’avanzamento dei lavori

di Roberto Lentini

Procedono, seppur lentamente, i lavori del passante ferroviario,  tratta Ognina-Catania Centrale, dopo lo stop per i lavori di consolidamento della vecchia galleria, all’altezza di Ognina, che avrebbe causato lievi danni a un edificio privato della zona.  Attualmente sono in corso i lavori di adeguamento del binario della linea storica e il completamento delle tre nuove fermate. Il nuovo binario, dove attualmente passano i treni, è stato attivato nel 2010. I tempi di attivazione del doppio binario e delle tre nuove stazioni dovrebbero avvenire  entro il 2016 con un costo di 92 milioni di Euro. Abbiamo fatto una visita ai vari cantieri ed ecco cosa abbiamo visto: ad aprile doveva essere restituito l’ultimo tratto di viale Alcide De Gasperi (compresa la scalinata che conduce fino a San Giovanni Li Cuti) che era rimasto chiuso al traffico dall’ormai lontano 2006, anno d’inizio del cantiere, ma allo stato attuale rimane ancora chiuso.   STAZIONE EUROPA - Qui i lavori procedono molto lentamente e, a parte l'elettrificazione del secondo binario, non si notano altri progressi STAZIONE PICANELLO - Questa stazione, a differenza delle altre è sotterranea. Non si sono visti cambiamenti notevoli. La scala mobile di accesso è già montata e la pavimentazione all'interno  è stata già collocata. STAZIONE OGNINA - Questa è forse quella dove si è lavorato di più: è stata completata l'elettrificazione del secondo binario  mentre manca la posa del secondo binario. La rampa di collegamento tra la via De Caro  e la stazione in via Fiume rimane ancora chiusa. Nella via Fiume, nella zona oggi utilizzata dai mezzi di cantiere, sorgerà un futuro parcheggio che sarà di pertinenza alla fermata Ognina.  Con l'apertura della stazione Cannizzaro  avvenuta il 13 dicembre 2015 cominciano a delinearsi le opportunità di mobilità metropolitana che un’infrastruttura come il passante ferroviario può fornire.   Alla fine dei lavori avremo infatti una nuova tratta metropolitana composta inizialmente da cinque stazioni: Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina Picanello Europa Stazione C.le    Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell'opera “Prove” di passante urbano metropolitano a Catania. Le nuove corse da/per Cannizzaro

Leggi tutto    Commenti 0
Opere
30 apr 2015

Passante Ferroviario di Catania

di Roberto Lentini

Il passante ferroviario di Catania, ufficialmente definito Nodo Catania, è un'infrastruttura di tipo metropolitano in corso di realizzazione nel tratto urbano del capoluogo etneo compreso tra le stazioni di Cannizzaro  aperta il 13 dicembre 2015 (a nord) e di Bicocca (a sud). Nel più ampio raggio, fa parte della linea che si estenderà da Taormina (a nord) a Lentini (a sud), servendo anche i comuni di Acireale e di Acicastello. Pertanto, a interventi ultimati, l'intera linea disporrà di un raggio d'azione metropolitano (urbano e sub urbano) e comprensoriale. Il 18 giugno 2017 è avvenuta l'apertura tecnica delle due nuove fermate Ognina ed Europa di tipo metropolitano all’interno del tessuto urbano del capoluogo etneo, oltre che dei 5 chilometri di nuovo binario, in affiancamento a quello esistente, tra Catania Ognina e Catania Centrale: i lavori hanno richiesto un investimento complessivo di 100 milioni di euro. Il 24 luglio 2017 è avvenuta l'inaugurazione del raddoppio della linea ferroviaria Catania Centrale - Catania Ognina alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, dell'assessore delle Infrastrutture e della Mobilità della Regione Siciliana Luigi Bosco e del sindaco di Catania Enzo Bianco In una prima fase, presso le stazioni di Europa e Ognina, è prevista la fermata dei treni dell’area metropolitana di Catania con origine da Giarre/Riposto. Non si tratterà quindi di un vero servizio metropolitano: dovrà essere infatti la regione Siciliana a dover rivedere i termini del Contratto di Servizio con Trenitalia. Di seguito gli orari del servizio:     Nell'ambito dei lavori riguardanti l'area urbana e suburbana, le opere previste comprendono: L’interramento della linea ferroviaria tra Piazza Europa e il quartiere San Cristoforo, inclusa la stazione centrale (nel lungo termine); La realizzazione di tre nuove stazioni urbane comprese tra Cannizzaro e la stazione centrale (nel breve termine); . [La stazione Cannizzaro è aperta dal 13 dicembre 2015, a questo link tutti i dettagli] La realizzazione di almeno una nuova fermata urbana compresa tra la stazione centrale e Acquicella (nel lungo termine); Il trasferimento a Bicocca degli impianti ora ubicati presso Acquicella (nel medio termine); La ristrutturazione della stazione di Acquicella (nel breve termine); La riorganizzazione del polo manutentore e dello scalo merci di Bicocca (nel medio termine); La realizzazione della bretella di raccordo con la linea ferroviaria Palermo – Catania (nel breve termine); La realizzazione delle fermate di Fontanarossa, nei pressi della rotonda della guardia costiera (nel breve termine); La realizzazione di una stazione Fontanarossa/Santa Maria Goretti (dove sorge l'omonimo parcheggio scambiatore), di Acicastello e di Acireale centro (nel medio termine). Di queste opere, ad oggi sono state completate quelle relative alla costruzione delle nuove fermate urbane denominate Ognina, ed Europa, mentre per la stazione Picanello (sotterranea) l'apertura è prevista per settembre 2017 comprese tra la stazione di Cannizzaro e la Stazione Centrale. La fermata Ognina è stata realizzata nel tratto allo scoperto compreso fra lo sbocco della galleria ed il cavalcavia su viale Ulisse. E' dotata da marciapiedi della lunghezza di 125 metri, coperti da pensiline e collegati da un sottopasso pedonale e da un parcheggio con ingresso su via Fiume per 120 posti auto. La fermata di Picanello è ubicata nel tratto a nord di via Guerrera e a sud di via Messina, ed è realizzata in sotterranea con due uscite, una su via Timoleone e l’altra su spazio a verde comunale, confinante con via Libertini, via Messina e con il parcheggio su via Guerrera. Ha una lunghezza complessiva di circa 157 metri. Il collegamento della fermata con l’esterno sarà garantito da due blocchi di scale fisse e scale mobili. L’accesso ai diversamente abili sarà reso possibile da un ascensore su via Guerrera. Nel tratto antecedente l’imbocco della galleria lato Catania, si troverà la fermata Europa, provvista di due marciapiedi lunghi 125 metri ciascuno, completi di rampe coperte per il collegamento con la superiore Piazza Europa e di pensiline.   Scenario urbano e sub urbano  Con l'imminente apertura delle tre nuove fermate citate previste per maggio-giugno 2017, la prima linea metropolitana urbana di RFI avrà quest'assetto, da nord verso sud: Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina (aperta il 18 giugno 2017) Picanello Europa Stazione Centrale (Scambia con la metropolitana). Successivamente con la ristrutturazione delle altre stazioni urbane già esistenti e la realizzazione della nuova fermata Fontanarossa il nuovo asseto sarà il seguente: Acireale Cannizzaro  Ognina Picanello Europa Stazione Centrale Acquicella Fontanarossa (apertura prevista per il 2020) Bicocca Passo Martino Lentini (in grassetto le stazioni/fermate ubicate nell'area urbana di Catania) Interramento Stazione Centrale Il progetto di interramento della stazione di Catania centrale si inquadra nell'ambito di un ampio programma di interventi che prevede anche la ricollocazione del deposito locomotive di Trenitalia e lo scalo merci di Catania centrale, il raddoppio del tratto bivio  Zurria-Catania Acquicella, adeguamento funzionale dell'intero scalo di Bicocca che verrà integrato con l'interporto dove si accentreranno tutte le attività merci e manutentive del comprensorio, la realizzazione di una nuova fermata metropolitana in superficie con la funzione di servire l'aeroporto Fontanarossa di Catania. L'interramento della stazione centrale di Catania non ha obiettivi di tipo trasportistico ma di riqualificazione ambientale e urbanistico. L'intervento prevede la realizzazione di una stazione, composta da due binari di corsa con precedenze, marciapiedi di 400 m e di un binario per il collegamento con il porto posta in galleria artificiale al di sotto del sedime dell'attuale impianto e di altri due binari per la sosta dei treni. In tutto i binari saranno cinque. Nell'ambito dell'intervento è inclusa la realizzazione di una nuova stazione passante di Bicocca nella quale è previsto anche l'attestamento da parte dei convogli per il servizio di tipo metropolitano Tratta Bivio Zurria-Catania Acquicella Inizialmente, Rete Ferroviaria Italiana aveva progettato il raddoppio del binario in affiancamento a quello esistente lungo tutto l'attuale tracciato (linea viola nell'immagine in basso) e dunque che, dalla stazione centrale, da interrare a circa nove metri sotto l'attuale livello, verso l'aeroporto, i binari sarebbero riemersi attraverso una grande rampa in cemento per proseguire sugli Archi della Marina per poi interrarsi nuovamente all'altezza di piazza dell'Indirizzo e procedere passando sotto piazza Federico di Svevia intercettando un tratto delle antiche mura di Carlo V, cioè aree a forte densità archeologica e rendendo necessaria, per di più, la demolizione di diversi edifici settecenteschi e ottocenteschi. Un progetto contro il quale la città, in piena accordo tra tra abitanti e istituzioni locali, si è ribellata, chiedendo che Rete Ferroviaria Italiana attui il percorso alternativo proposto dall'ufficio del piano regolatore (linea nera): Il progetto secondo il quale il nuovo doppio binario corre in tunnel dalla stazione fino all'ara di via Concordia, passando per il Porto e, quindi, bucando le lave di San Cristoforo del 1669, pertanto in un'area a rischio ritrovamenti archeologici fortemente ridotto (sia per via del banco lavico del 1669 e, soprattutto, per seguire un tracciato fuori delle mura della città antica). Progetto sostenuto e caldeggiato dall'amministrazione comunale e che è stato recepito da RFI, dalla quale è atteso per ottobre 2015 il progetto preliminare. Con il completamento di tutte le opere previste, l'intera linea avrà quest'assetto, da nord verso sud: Taormina Alcantara Fiumefreddo Mascali Giarre Carruba Guardia Mangano Acireale centro Acireale Acicastello Cannizzaro Ognina Picanello Europa Stazione c.le FS Duomo/Porto Plebiscito/Ursino Acquicella Fontanarossa Bicocca Passo Martino Lentini Le fermate "Stazione Centrale FS" e "Fontanarossa" saranno in interconnessione con le stazioni della metropolitana di Catania rispettivamente "Giovanni XXIII" e "Santa Maria Goretti". In quest'ultimo caso, inoltre, si scambierà anche col già esistente parcheggio d'interscambio di Fontanarossa. Secondo le previsioni attuali, i treni impiegati saranno i Minuetto mentre le frequenze si attesteranno sui 15/30 minuti (a seconda della fascia oraria e dell'area di riferimento). Tempi previsti I lavori del Passante, nella tratta Cannizzaro-Stazione Centrale, sono stati completati e la messa in esercizio è avvenuta il 18 giugno 2017:  le nuove stazioni di Ognina,  di Picanello e di piazza Europa sono già ultimate mentre il completamento dell’intera tratta metropolitana e comprensoriale, i tecnici prevedono il 2027. ARTICOLO AGGIORNATO A GIUGNO 2017 Ti potrebbe interessare: FOTO | Dentro le nuove stazioni Ognina ed Europa La “rivoluzione su ferro” di Catania, dalla metro al passante ferroviario: opportunità, scenari e nodi irrisolti    

Leggi tutto    Commenti 0