Articolo
22 ago 2016

FOTO | Metro, dentro la stazione “Giovanni XXIII”: si accelera per completare i lavori

di Andrea Tartaglia

L'apertura del tratto Galatea-Stesicoro della metropolitana, prevista per Natale, rappresenta una grande scommessa per la Ferrovia Circumetnea: la comunione di intenti, però, è forte e si sta facendo di tutto per rispettare questa scadenza. Nel cantiere, attualmente, è impegnata circa una settantina di operai. Viale Africa è stato riaperto al traffico già lo scorso lunedì 8 agosto, subito dopo il completamento del tunnel pedonale tra il mezzanino della stazione e i nuovi accessi pedonali in corso di realizzazione sulla banchina est di viale Africa, quasi ad angolo con piazza Papa Giovanni XXIII e quindi a pochi passi dalla stazione centrale FS, che sarà così raggiungibile a piedi senza dover attraversare strada alcuna. Nelle prossime settimane il marciapiede all'imbocco di viale Africa, lato est (direzione piazza Galatea) sarà ampliato per meglio indirizzare i veicoli in carreggiata, visto che questa è stata un po' ristretta per consentire la realizzazione delle scale di accesso al sottopassaggio. A fianco del corpo principale della stazione, si lavora per completare il corpo interrato della sottostazione elettrica. La fase di realizzazione di quest’ultima ha di recente visto ultimato il getto del solaio di copertura. Si procederà nelle settimane a venire alla realizzazione della parte mancante, il cui ingombro risulta immediatamente adiacente alla parte finale della banchina di stazione.   Intanto, sottoterra si continua a lavorare alacremente. Al livello treni è stata già completata la posa del binario dispari; quello pari verrà collocato successivamente man mano che cesseranno le esigenze di passaggio di mezzi gommati di cantiere all'interno del tunnel. Contestualmente verranno approntate le misure tecniche necessarie al collegamento con la tratta di metropolitana in esercizio che attualmente prosegue da Galatea per il porto. Le banchine di attesa treni sono più larghe di quelle delle stazioni attuali. Sulle pareti verrà prossimamente posato il rivestimento in piastrelle esagonali ed all'imminente termine delle operazioni di passaggio cavi elettrici, di alimentazione e di emergenza, si provvederà alla chiusura con un controsoffitto modulare a coltello in grado di smorzare il disturbo acustico tra il piano ferrato e i sovrastanti ambienti commerciali e di servizio. Foto: Andrea Tartaglia Ti potrebbero interessare… Metropolitana di Catania | Scheda dell'opera Metropolitana, arrivata la TBM per la tratta Stesicoro-Palestro Metropolitana, Di Giambattista: «Le due tratte aperte a dicembre e a febbraio»

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 giu 2016

Metropolitana, chiude un tratto del viale Africa: la viabilità alternativa

di Roberto Lentini

A partire dal 13 giugno l’ultimo tratto di viale Africa, compreso tra via Archimede e piazza Papa Giovanni XXIII, sarà chiuso al traffico per consentire di realizzare il corridoio di collegamento tra il livello del mezzanino e gli accessi di viale Africa Lato est, nel tratto compreso tra l’Help Centre della Caritas e piazzale Rocco Chinnici. È stato studiato un piano del traffico alternativo, approntata dall’Ufficio traffico urbano, che prevede, per i veicoli provenienti da piazza Europa e diretti alla piazza Giovanni XXIII, un percorso che passa dal viale Africa a via D’Amico, viale Libertà, via Archimede, via Enrico De Nicola e corso Martiri della Libertà. Le vetture dirette verso piazza Europa dovranno invece percorrere il viale Libertà in direzione nord per un breve tratto, quindi svoltare su via Archimede in direzione est raggiungendo dunque il viale Africa nel tratto percorribile. Dal 13 giugno questi percorsi saranno indicati da una segnaletica temporanea e in tutta l’area ci saranno pattuglie della Polizia municipale per dirigere il traffico. La riapertura della prima carreggiata del viale Africa è prevista per il 23 luglio e la seconda per il 12 agosto. I lavori di realizzazione dei nuovi accessi alla stazione sotterranea risulteranno particolarmente utili per chi dovrà prendere la metro provenendo dalla Stazione Centrale FS (dove rimarrà comunque operativa l’altra fermata già esistente della diramazione metro), poiché non sarà necessario attraversare la strada ma basterà seguire il marciapiedi sulla destra all’uscita dalla stazione ferroviaria. Alla fine dei lavori la stazione Giovanni XXIII avrà quattro accessi: due nella nuova piazza, nel lotto compreso tra piazza Papa Giovanni XXIII e via Archimede, e due in viale viale Africa, lato est. Gli ascensori saranno tre: uno, nella parte centrale della piazza, sarà nel corpo di stazione emergente e collegherà la quota stradale con il mezzanino, mentre gli altri due ascensori collegheranno il mezzanino al piano del treno, uno per ogni direzione. La sistemazione definitiva della superficie della piazza, all'interno dell'attuale cantiere, avverrà in un secondo momento: la priorità è aprire la metropolitana all'esercizio. I lavori, per questa tratta, si dovrebbero concludere per fine agosto così da poter mettere la tratta in esercizio con i treni entro novembre, mentre per la tratta Nesima-Borgo la fine dei lavori è prevista per dicembre 2016 e la messa in esercizio per i primi mesi del 2017. Ti potrebbero interessare: FOTO | Come sarà piazza Giovanni XXIII con il completamento della stazione metropolitana FOTO | Metropolitana di Catania: ecco come sarà la Stazione Giovanni XXIII Metropolitana di Catania Cantieri metropolitana, si torna a lavoro: ecco il nuovo cronoprogramma

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti