Articolo
24 apr 2017

FOTO | Tra piazza Carlo Alberto e via Etnea uno spazio pubblico riqualificato

di Amedeo Paladino

Nel mese di settembre dello scorso anno sono cominciati i lavori di riqualificazione di Piazza Giuseppe Sciuti e del quadrilatero di strade, compreso tra le vie Gemellaro, Andrea Viglia, Buccheri: si tratta di un intervento che cambierà notevolmente il volto di un'area del centro storico a pochi passi da piazza Carlo Alberto e via Etnea e non distante da via Umberto e corso Sicilia. La prima tranche di lavori è stata portata a termine gli scorsi giorni: è stata creata una piazzetta pedonale  nello slargo lungo la via Giovanni Pacini, alla confluenza con la via Gemmellaro. Al centro è stata messa a dimora una grande palma washingtonia, posta all'interno di un'aiuola ornata da una siepe e circondata da panchine. Già completata anche la riqualificazione delle vie Buccheri, Andrea Viglia e il marciapiede lato ovest della via Al Carmine. Si proseguirà adesso fino alla via San Gaetano alle Grotte e naturalmente con la conclusione dei lavori sulla piazza Sciuti, destinata a diventare un autentico giardino. Nella giornata di sabato è stato effettuato un sopralluogo alla presenza del Sindaco del progettista, Ugo Mirone, insieme agli assessori ai Lavori pubblici Luigi Bosco e al Bilancio Salvatore Andò, il capo di Gabinetto Beppe Spampinato, il suo vice Gianluca Emmi, il vicecomandante dei Vigili Urbani Stefano Sorbino, il consulente del Sindaco Francesco Marano e il responsabile per gli interventi speciali Rosario Marino e il responsabile tecnico del cantiere, Antonio Vullo. A completamento dei lavori, previsto per l'autunno di quest'anno l'area diventerà una Zona a Traffico Limitato con arredi urbani e verde. Gli interventi sono in corso in piazza Sciuti dove è prevista la sistemazione di dissuasori in pietra chiara che impediranno l’accesso alle auto e la piazza sarà riportata tutta all'altezza degli attuali marciapiedi, nonché ripavimentata in basole di pietra lavica, creando così un unico piano privo di discontinuità. È inoltre prevista la risistemazione dell’impianto di smaltimento delle acque piovane e fognarie. Al centro della piazza nascerà un’ampia aiuola con prato all'inglese e grandi piante di ulivi, albero dei rosari, mirto crespo, arbusti ornamentali e siepi. Gli alberi saranno piantati in modo da garantire l’ombra in corrispondenza dei sedili, i quali saranno in ghisa e listelli di legno e costituiranno l’arredo della piazza. Sui marciapiedi a margine delle vie Al Carmine e Galvagna saranno piantati alberi di arancio amaro. In tutta l’area, che comprende le vie Gemmellaro, Al Carmine, Galvagna, Sciuto, Candio, Buccheri, Andrea Viglia e il vico Falcata, saranno sistemate panchine in ferro e ghisa e cestini metallici portarifiuti e sarà realizzato un nuovo impianto di illuminazione. Lo spazio pubblico è un luogo fisico in cui la fruizione è collettiva: è lo spazio della comunità e delle relazioni sociali. Gli interventi di riqualificazione degli spazi pubblici determinano un beneficio alla collettività, migliorando la qualità della vita; i vantaggi sono anche economici se vengono inquadrati in un processo virtuoso che determina la nascita nuove attività commerciali e artigianali. Il piano di interventi darà vita a un'area che darà continuità a Via Pacini, Piazza Carlo Alberto e a via Santa Filomena, quest'ultima, negli ultimi anni per iniziativa di alcuni imprenditori è diventata tappa obbligata per catanesi e turisti.

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
03 dic 2016

Piazza Carlo Alberto: la riqualificazione è possibile?

di Alessio Marchetti

La "Fera", com'è noto, è il caratteristico mercato popolare che si svolge tutti i giorni feriali in piazza Carlo Alberto, a Catania. Purtroppo, però, al suo termine lascia la piazza tra montagne di rifiuti che rendono questo caratteristico e centralissimo luogo poco fruibile, indecoroso e maleodorante per molte ore della giornata. L'idea che sta nascendo in rete in questi ultimi mesi è quella di spostare il mercato in un'area pochi metri più ad est, tra Piazza Grenoble (compresa) e lo slargo del pino, ossia presso le aree cerchiate in verde in quest'immagine:   Questo permetterebbe di riqualificare e pedonalizzare la piazza come propone la pagina Centro Storico pedonale fornendoci anche queste due immagini di come potrebbe essere dopo la riqualificazione: Se questo progetto venisse attuato, si creerebbe un fenomenale asse pedonale tra la ZTL di via Etnea e la via Santa Filomena. Inoltre, l'area libera permetterebbe un drastico miglioramento delle condizioni igienico sanitarie e di sicurezza della piazza, liberando le vie di fuga e permettendo l'accesso ai mezzi di emergenza. Cosa pensate di questa proposta che sta raccogliendo sempre più consensi? Intanto, questo fine settimana, l'ormai famoso caratteristico mercatino Pop Up Market si terrà proprio in questa Piazza, un evento sicuramente da non perdere per vedere Piazza Carlo Alberto in una veste inedita.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 set 2016

Al via la riqualificazione di piazza Giuseppe Sciuti: sarà ZTL

di Giovanni Sorrenti

In data 1 settembre, il sindaco Enzo Bianco ha consegnato i lavori di riqualificazione di Piazza Giuseppe Sciuti. Si tratta di un intervento che cambierà notevolmente l'assetto di un quartiere importante della città, a pochi passi da piazza Carlo Alberto. Il piano prevede la realizzazione di una Zona a Traffico Limitato e la riqualificazione con arredi urbani e verde al fine di dotare il centro storico di nuovi spazi vivibili. La piazza e le vie adiacenti verranno pedonalizzate e rese luogo di aggregazione a misura di bambini e anziani. L’intervento sarà portato a termine in due anni, per una spesa complessiva di un milione e duecentomila euro. Nel piano di riqualificazione è prevista la sistemazione di dissuasori in pietra chiara che impediranno l’accesso alle auto e la piazza sarà riportata tutta all’altezza degli attuali marciapiedi, nonché ripavimentata in basole di pietra lavica, creando così un unico piano privo di discontinuità. È inoltre prevista la risistemazione dell’impianto di smaltimento delle acque piovane e fognarie. Al centro della piazza nascerà un'ampia aiuola con prato all'inglese e grandi piante di ulivi, albero dei rosari, mirto crespo, arbusti ornamentali e siepi. Gli alberi saranno piantati in modo da garantire l’ombra in corrispondenza dei sedili, i quali saranno in ghisa e listelli di legno e costituiranno l’arredo della piazza. Sui marciapiedi a margine delle vie Al Carmine e Galvagna saranno piantati alberi di arancio amaro. Nello slargo lungo la via Giovanni Pacini, alla confluenza con la via Gemmellaro, sarà messa a dimora una palma all’interno di un’aiuola ornata da una siepe. L’intero impianto a verde sarà dotato di irrigazione automatizzata. In tutta l’area, che comprende le vie Gemmellaro, Al Carmine, Galvagna, Sciuto, Candio, Buccheri, Andrea Viglia e il vico Falcata, saranno sistemate panchine in ferro e ghisa e cestini metallici portarifiuti e sarà realizzato un nuovo impianto di illuminazione. Si tratta di un intervento non indifferente in quanto cambierà drasticamente il volto di una zona della città attualmente poco vivibile. Vetture private e degrado lasceranno spazio a un nuovo ambiente che darà continuità a Via Pacini, Piazza Carlo Alberto e Piazza Stesicoro. Il tutto, tra l'altro, in una prospettiva in cui la zona sarà servita dalla metropolitana e quindi sarà presente una alternativa concreta all'impiego di mezzi privati per giungere in un luogo che, già da tempo, sarebbe dovuto essere interdetto al traffico indiscriminato.

Leggi tutto    Commenti 1