Articolo
19 gen 2017

VIDEO | Piazza Borsellino, la nuova area di sosta e il capolinea riqualificato

di Amedeo Paladino

L’area di sosta a pagamento di piazza Borsellino è entrata in funzione a dicembre: a disposizione 108 posti auto, i due accessi sotto gli Archi della Marina sono dotati di sbarre automatiche per permettere l’ingresso degli automobilisti. Il parcheggio è inoltre dotato di un sistema di videosorveglianza. Il costo del progetto è stato esiguo poiché facente parte di tre appalti preesistenti uno dei quali inerente ai lavori del parcheggio scambiatore Fontanarossa; la realizzazione del progetto ha consentito di procedere al riordino dell’area e all'eliminazione dei parcheggiatori abusivi che gestiscono la sosta. Le tariffe si differenziano tra sosta diurna (7/20) e notturna (20/7). In entrambi i casi la sosta sarà gratuita la prima mezz’ora; di giorno ogni ora di sosta costerà 50 centesimi, la sera si potrà anche optare per la tariffa unica di 2 euro per l’intero periodo notturno. Gli utenti per poter accedere devono ritirare il biglietto magnetico all'ingresso dell'area, il tagliando viene emesso solo se all'interno sono disponibili posti liberi, indicati nel tabellone luminoso. Le operazioni di pagamento della sosta si effettuano al termine della stessa, presso la cassa automatica posizionata sotto la pensilina dell'adiacente capolinea dei bus urbani AMT; dopo aver effettuato il pagamento gli utenti devono uscire dall'area di sosta entro 10 minuti, inserendo il biglietto nell'apposita bocchetta posizionata all'uscita. Nel video che noi di Mobilita Catania abbiamo realizzato vi mostriamo la nuova area di sosta e il capolinea AMTr iqualificato: Con l’apertura del parcheggio è stato inibito al transito ai veicoli motorizzati dalle 8 alle 21, l’ultimo tratto di via Dusmet, tra  la Porta Uzeda e il Giardino Pacini. Ti potrebbero interessare… Una nuova area pedonale tra la Villa Pacini e la Porta Uzeda; Via Dusmet chiusa al traffico, le ragioni del “sì”: pochi i rischi, tanti i vantaggi

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 nov 2016

AMT | Verifichiamo se il potenziamento annunciato è effettivo: la linea 2-5

di Amedeo Paladino

La scorsa settimana è diventato effettivo il potenziamento di alcune linee AMT (Azienda Metropolitana Trasporti), annunciato il 18 novembre durante la presentazione di 9 moderni autobus. Tra le linee oggetto di un miglioramento della frequenza, la circolare 2-5 denominata ora "Mercurio" poiché serve le vie del commercio e dello shopping| VIDEO La circolare 2-5 “Mercurio”, collega i parcheggi AMT “Sanzio” e “Borsellino” e si propone, attraverso l’impiego di sei autobus, con partenza ogni 10 minuti dal capolinea di largo Serafino Famà (viale R. Sanzio), di costituire una sorta di BRT del centro storico. I mezzi percorrono infatti corsie preferenziali, un circuito lungo le vie dello shopping cittadino (Corso Italia, V.le XX Settembre, Via Etnea, Via Umberto, Corso Sicilia, Via Beato Cardinale G. Benedetto Dusmet, etc) e dei mercati storici catanesi (Fiera di Piazza Carlo Alberto e Pescheria). Considerando l'importanza della linea 2-5 noi di Mobilita Catania abbiamo verificato se il potenziamento promesso sia effettivo. La scorsa settimana ci siamo recati presso il piazzale Serafino Famà, già Sanzio per verificare i tempi di attesa e testare le eventuali criticità del percorso. Ecco il video: La frequenza di passaggio è stata rispettata, ma sono emerse alcune criticità: la corsia preferenziale di viale Vittorio Veneto nel tratto compreso tra via Gabriele D'Annunzio e viale Raffaelo Sanzio è invasa da auto in sosta, una situazione atavica tollerata che rallenta il percorso delle vetture AMT, come già segnalato sul nostro portale. La sosta illegale fa emergere un ulteriore problema diffuso in tutta la città: le fermate dei mezzi pubblici sono inaccessibili poiché invase dai veicoli in infrazione, costringendo gli utenti a salire in vettura in mezzo alla carreggiata, un problema gravissimo per la sicurezza e un limite per un disabile, un anziano o un genitore con il passeggino. Nel video evidenziamo anche le gravi carenze del piazzale Sanzio: un'area di sosta che necessita di una radicale riqualificazione come avvenuto per piazza Borsellino, inaugurato proprio oggi.  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
28 nov 2016

Si inaugura la nuova area di sosta di piazza Borsellino, via Dusmet diventa pedonale

di Mobilita Catania

Oggi verrà inaugurato il nuovo capolinea Amt di Piazza Paolo Borsellino, già Alcalà, e il nuovo parcheggio ad esso annesso; contestualmente, e in via sperimentale, via Cardinale Dusmet verrà pedonalizzata nel tratto che si sviluppa lungo Villa Pacini.  L’area di sosta sarà a pagamento ed automatizzata e avrà a disposizione 128 posti auto: i due accessi sotto gli Archi della Marina sono dotati di sbarre automatiche per permettere l’ingresso degli automobilisti. Il parcheggio è inoltre dotato di un sistema di videosorveglianza. Il costo del progetto è stato esiguo poiché facente parte di tre appalti preesistenti uno dei quali inerente ai lavori del parcheggio scambiatore Fontanarossa; la realizzazione del progetto consente adesso di procedere al riordino dell’area e all'eliminazione dei parcheggiatori abusivi che gestiscono la sosta. Le tariffe si differenziano tra sosta diurna (7/20) e notturna (20/7). In entrambi i casi la sosta sarà gratuita la prima mezz’ora; di giorno ogni ora di sosta costerà 50 centesimi, la sera si potrà anche optare per la tariffa unica di 2 euro per l’intero periodo notturno. Come preannunciato nei mesi scorsi, con l'apertura del parcheggio sarà reso pedonale in via sperimentale, dalle 8 alle 21, l'ultimo tratto di via Dusmet, tra  la Porta Uzeda e il Giardino Pacini. L’anno scorso, questo portale ha dato spazio alla proposta di creazione di una nuova area pedonale che connettesse il Giardino Pacini a piazza Duomo: un'idea appoggiata da numerose associazioni e comitati di Catania. Ti potrebbero interessare... Una nuova area pedonale tra la Villa Pacini e la Porta Uzeda; Via Dusmet chiusa al traffico, le ragioni del “sì”: pochi i rischi, tanti i vantaggi  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 apr 2016

FOTO | Piazza Borsellino, procedono i lavori per l’area di sosta e il capolinea

di Amedeo Paladino

Il progetto di riqualificazione del capolinea AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) è in corso di realizzazione. Dopo circa 45 giorni dall'inizio dei lavori vi mostriamo la  situazione del cantiere. Nuovi stalli sosta e sbarre automatiche per eliminare gli abusivi. L’inizio dei lavori era atteso a novembre, ma la delimitazione del cantiere e i primi interventi sono cominciati a metà febbraio: stando al cronoprogramma di AMT il cantiere dovrebbe concludersi tra un mese e mezzo circa. Il progetto  prevede la razionalizzazione degli spazi dell’area di piazza Borsellino- già piazza Alcalà: il marciapiede antistante la rotonda verrà arretrato di cinque metri, ospitando il box AMT e la pensilina; lo spazio dedicato agli autobus urbani ed extraurbani rimarrà immutato. L'intervento di razionalizzazione degli spazi permetterà la creazione di un’area di sosta a pagamento automatizzata: nei due accessi sotto gli Archi della Marina verranno installate delle sbarre automatiche per permettere l’ingresso degli automobilisti. Gli altri stalli di via Jonica e via Lavandaie, attualmente gestiti da Sostare, saranno integrati all’area di sosta: la realizzazione del progetto garantirà l’aumento dell’offerta di sosta, si passerà infatti da 78 posti auto a 108; verrà inoltre installato un sistema di videosorveglianza e delle rastrelliere per le biciclette. In questi giorni Mobilita Catania si è recata presso il cantiere: i lavori sembrano rispettare i tempi attesi. Il vecchio asfalto è stato scarificato, gli spazi sono stati modificati e si sta già procedendo all'installazione della nuova pavimentazione dell'area che ospita la nuova pensilina. In ordine temporale gli ultimi interventi dovrebbero riguardare l'installazione degli impianti tecnologici, quali sbarre automatiche d'ingresso e di uscita e impianti di videosorveglianza. Ecco le foto dei lavori. Il costo del progetto è esiguo poiché facente parte di tre appalti preesistenti uno dei quali inerente ai lavori del parcheggio scambiatore Fontanarossa. La realizzazione del progetto porterà al riordino dell’area e all’eliminazione dei parcheggiatori abusivi che gestiscono la sosta; al momento non si conoscono i dettagli sulla tariffazione della sosta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 mar 2016

FOTO | Integrazione Città-Porto secondo il progetto ANCE

di Mobilita Catania

Il progetto articolato in tre fasi è una proposta di ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) per integrare l'area portuale e il centro storico di Catania. Il sindaco Bianco e il commissario dell'Autorità portuale hanno presentato la settimana scorsa un progetto di riqualificazione del molo foraneo, annunciando che l'integrazione completa si avvalerà del contributo degli ordini e dei costruttori associati all'ANCE. Di seguito riportiamo gli obiettivi e la descrizione del progetto degli architetti Giuseppe Messina e Pietro Calì e dell'ingegnere Sebastiano Amore. E’ ben noto che la città di Catania non ha mai valorizzato il suo contatto col mare, nonostante la sua posizione privilegiata su uno splendido tratto di costa. La città settecentesca, impostata sull’asse rivolto verso l’Etna, trovava il suo punto di contatto col mare solo attraverso il porto. La città dell’Ottocento si è spinta verso la costa, ma la presenza della ferrovia e dei connessi impianti produttivi ne hanno precluso l’affaccio sul mare. Il Novecento con l’asse dei viali è arrivato finalmente allo sbocco sull’acqua, ma la realizzazione dell’asse di percorrenza veloce sul margine della costa ha mortificato il rapporto col mare. Con queste premesse l’idea di aprire l’area del porto alla città, ed in particolare al suo nucleo antico, stabilendo finalmente un contatto diretto col mare può rappresentare un importante passo in avanti dello sviluppo urbano. Il progetto di integrazione tra la città ed il porto non si propone di entrare nel merito specifico del nuovo assetto dell’area portuale, ampiamente trattato nelle proposte di Piano Regolatore Portuale fino ad oggi dibattute, ma si concentra sui punti di contatto tra la città ed il porto alla luce del previsto spostamento della barriera doganale e della conseguente apertura delle aree di collegamento tra l’area demaniale e la città. Il progetto, voluto dall'ANCE Catania, costituisce una proposta di dialogo, uno spunto costruttivo, proponendo un programma attuabile per fasi successive, tre in tutto, per restituire ai cittadini la libertà di fruire di nuovi spazi aperti verso il mare. Assistants Arch. Marco Calì - Ing. Corrado Gioia Collaborators Ing. Angela Campione - Arch. Damiano Cutispoto - Arch. Maria Egle Guzzardi - Ing. Andrea Maugeri - Arch. Grazia Maugeri - Ing. Marco Vasta Questa proposta è stata presentata a giugno dell'anno scorso durante l'approvazione del bilancio consultivo 2014 ANCE, ed è stata anche illustrata all'assessore all'Urbanistica, alla Soprintendenza, all'Autorità portuale, all'Ordine degli Ingegneri e degli Architetti e al Dipartimento di Architettura e Ingegneria. Il progetto si articola in tre diverse fasi di attuazione corrispondenti alle aree in cui si divide l'area portuale: Villa Pacini-piazza Borsellino, via Dusmet-Civita e Passiatore-Molo di Levante. Il piano prevede l'estensione di uno spazio verde da villa Pacini a una grande piazza direttamente sul mare, il cui accesso inizialmente sarà garantito da un semaforo pedonale e in seguito attraverso una passerella aerea per bypassare via Dusmet; il progetto propone anche tre grandi vasche a ridosso degli archi della Marina, per richiamare la memoria del mare che un tempo li lambiva. La riconnessione con la Civita è da realizzarsi attraverso il cambio di marcia di via Dusmet, da sud verso nord a senso unico con l'allargamento dei marciapiedi. La passeggiata ciclo-pedonale del molo foraneo si dovrà ricucire con il Passiatore nella fase successiva all'interramento della linea ferroviaria, attraverso un ponte che supererà la quota dei binari della ferrovia circumetnea. Infatti lo step più a lungo termine è la trasformazione degli archi della Marina in passeggiata. Lo stesso sindaco Bianco la scorsa settimana durante la presentazione del progetto di riqualificazione del molo foraneo, ha annunciato che l'integrazione completa si avvalerà del contributo degli ordini e dei costruttori associati all'ANCE. La proposta che vi abbiamo illustrato potrebbe essere uno spunto per realizzare tutti i progressivi step che permetteranno a Catania di riappropriarsi del mare. Ti potrebbe interessare: FOTO | Restituire il porto alla città: il progetto

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 feb 2016

Piazza Borsellino, iniziati i lavori per l’area di sosta e il capolinea: via gli abusivi e più stalli

di Amedeo Paladino

Il progetto di riqualificazione del capolinea AMT (Azienda Metropolitana Trasporti) è in corso di realizzazione, da alcuni giorni via Jonica è transennata per l'inizio dei lavori che dovrebbero durare 3 mesi. Nuovi stalli sosta e sbarre automatiche per eliminare gli abusivi. L'inizio dei lavori era atteso a novembre, ma i primi interventi di delimitazione del cantiere sono cominciati la scorsa settimana: il progetto di AMT prevede la razionalizzazione degli spazi dell'area di piazza Borsellino- già piazza Alcalà. Nel corso di una seduta itinerante della commissione consiliare Lavori Pubblici, avvenuta lo scorso dicembre e documentata da MeridioNews,  il presidente AMT Lungaro e il responsabile dei lavori ingegnere Salvo Caprì avevano spiegato i dettagli del progetto. Gli interventi riguarderanno l'intera area: il marciapiede antistante la rotonda verrà arretrato di cinque metri, ospitando il box AMT e la pensilina; lo spazio dedicato agli autobus urbani ed extraurbani rimarrà immutato. Tuttavia questa razionalizzazione degli spazi permetterà la creazione di un'area di sosta a pagamento automatizzata: nei due accessi sotto gli Archi della Marina verranno installate delle sbarre automatiche per permettere l'ingresso degli automobilisti. Gli altri stalli di via Jonica e via Lavandaie, attualmente gestiti da Sostare, saranno integrati all'area di sosta: la realizzazione del progetto garantirà l'aumento dell'offerta di sosta, si passerà infatti da 78 posti auto a 108; verrà inoltre installato un sistema di videosorveglianza e delle rastrelliere per le biciclette. Il costo del progetto è esiguo poiché facente parte di tre appalti preesistenti uno dei quali inerente ai lavori del parcheggio scambiatore Fontanarossa. La realizzazione del progetto porterà al riordino dell'area e all'eliminazione dei parcheggiatori abusivi che gestiscono la sosta; al momento non si conoscono i dettagli sulla tariffazione della sosta.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 lug 2015

INFO | Navetta gratuita e sosta serale a pagamento in centro, parte il nuovo “MovidaBus”: ecco come funziona

di Amedeo Paladino

Facendo seguito a una delibera della Giunta Comunale del 7 luglio scorso, ritorna il MovidaBus, gratuito, e la sosta notturna a pagamento in alcune aree del centro storico. Il nuovo servizio è stato presentato dal vicesindaco Marco Consoli presso il Palazzo degli Elefanti; all'incontro erano presenti l'assessore alle Attività produttive, Angela Mazzola, l'assessore delegato alla Mobilità, Rosario D'Agata, il vicepresidente della Consulta Giovanile, Giulio Ciccia e i rappresentanti di AMT e Sostare. Il primo esperimento del dicembre scorso si era concluso dopo un mese dopo aver raccolto critiche trasversali: da una parte alcune associazioni di categoria dei commercianti, critici nei confronti dell'istituzione della sosta a pagamento serale, dall'altra i cittadini che non hanno gradito la scelta di  far partire la navetta messa a disposizione dall'AMT da piazza Carlo Alberto, infine gli attentati ai parcometri Sostare messi in atto probabilmente da chi si è sentito usurpato della gestione abusiva della sosta serale. Nei mesi seguenti le modalità del servizio sono state oggetto di concertazione tra i diversi attori sociali coinvolti, tra i quali i residenti e i gestori delle attività commerciali del centro storico: il risultato è l'istituzione a partire da sabato 1 agosto, del nuovo Movidabus, in vigore in via sperimentale fino al 29 ottobre. Le aree del centro storico nelle quali gli stalli saranno a pagamento sono state individuate dalla Società partecipata SoStare e la tariffa oraria sarà di 0,50 euro, vigente dalle 21 alle 3. Del tutto gratuita, invece, la sosta per chi lascerà l'auto nei parcheggi di piazzale Serafino Famà (tra viale Raffaello Sanzio e via Imperia), capolinea di partenza, e di piazza Giovanni Verga, da dove transiterà il bus. Le aree di sosta del piazzale Famà e di piazza Verga saranno sorvegliate dalla Polizia Municipale, mentre gli stalli blu in centro storico saranno controllati dagli addetti della Società Sostare. Per la prima settimana del servizio gli automobilisti che non pagheranno la sosta non saranno sanzionati, ma verranno solamente ammoniti trovando sul parabrezza un avviso di cortesia; i residenti e i domiciliati non saranno sottoposti a nessun pagamento per la sosta notturna, ma dovranno dotarsi di un pass rilasciato dalla Società Sostare. Inoltre, in accordo con Federtaxi, sono state predisposte delle corse a tariffe ridotte (10-15 euro) dalla città verso il centro storico e il viale J.F Kennedy (Lungomare Plaia). La navetta bus messa a disposizione dall'AMT sarà gratuita per tutti i cittadini dalle 21 alle 3  e al contrario della precedente esperienza non partirà da piazza Carlo Alberto, bensì ricalcherà il percorso della linea 2-5, con esclusione del transito da Piazza Borsellino, per cui i mezzi in servizio, giunti in Via Porticello, prenderanno la rotatoria nord di piazza Borsellino per reimmettersi direttamente in Via Cardinale Dusmet, da dove riprenderanno il normale percorso per Piazzale Famà. Nelle paline tradizionali ed elettroniche delle fermate in cui transiterà la navetta verranno apposti degli adesivi indicanti il transito del Movidabus. Nel mese di maggio scorso, in occasione de "La notte europea dei musei", era stata istituita una navetta bus che ricalcava anch'essa la linea 2-5, servizio che in quella occasione aveva riscontrato molti apprezzamenti da parte dei cittadini, come documentato in questo nostro articolo.

Leggi tutto    Commenti 2