Articolo
10 mag 2017

Viale Alcide De Gasperi, si confida nell’apertura nel 2018

di Roberto Lentini

Viale Alcide De Gasperi con il suo percorso e la naturale prosecuzione di via Barraco è destinata a rappresentare l'alternativa principale al lungomare, permettendone così la sua graduale trasformazione in zona a traffico limitato. L’arteria risulta molto importante per la viabilità catanese perché oltre a consentire di liberare dal traffico il lungomare di Catania, permetterebbe anche l’abbattimento del viadotto di Ognina che oggi separa l’omonimo Borgo dal mare, oltretutto proprio di fronte l’omonima chiesa storica, su un tratto di spiaggia che si affaccia sul porto del quartiere. Entro l'estate partiranno i lavori del secondo troncone, quello che da via del Rotolo arriva a viale Ulisse, grazie ad una nuova gara indetta dall’ex Ufficio Speciale per l’emergenza traffico e la sicurezza sismica che ha sbloccato i fondi per circa 1,5 milioni di euro per il completamento dell’opera. Gli interventi più cospicui riguarderanno la fornitura e la messa in opera delle travi sopra i piloni già esistenti nel tratto terminale nei pressi di viale Ulisse; la sistemazione della via Barraco che in più punti deve essere anche livellata; l’impianto di illuminazione e la fornitura e collocazione del guardrail in alcuni tratti. Grazie a questa accelerazione  della gara e dei lavori si pensa di poter inaugurare l'opera entro il 2018.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 apr 2017

FOTO | Stazioni ferroviarie di Ognina ed Europa ormai pronte, Fontanarossa finanziata; passi avanti per Acquicella e Bicocca

di Roberto Lentini

Come già annunciato in quest'articolo, il 14 maggio sarà messo in esercizio il nuovo binario della tratta ferroviaria Cannizzaro-Catania Centrale in affiancamento a quello esistente, e si procederà quindi all'attivazione di due nuove fermate per il servizio metropolitano: la lunghezza complessiva della nuova tratta realizzata è di circa 2,6 km derivante dal nuovo binario dispari, già attivo dal 2010, e dal binario pari realizzato ex novo al posto del precedente. Le prime, nuove fermate a entrare in funzione saranno Ognina e Europa, a servizio dell'omonimo quartiere e della zona di piazza Europa. Per la terza, nuova fermata intermedia di Picanello, invece, si dovrà attendere la fine dell'estate a causa di alcuni lavori di adeguamento previsti da recenti normative in materia di sicurezza. La stazione di Ognina è in superficie e sarà dotata di un sottopassaggio pedonale con accesso da via Fiume per collegare i due binari. La stazione è ormai completa mentre per il parcheggio da 120 posti auto, con ingresso da via De Caro attraverso il cavalcaferrovia di nuova realizzazione, bisognerà attendere ancora qualche mese. Anche la stazione Europa è ormai in una fase avanzata. È stata già completata la copertura in plexiglass per l'accesso da piazza Europa al binario pari mentre resta da completare la copertura per l'accesso al binario dispari. Con l’imminente apertura delle due nuove fermate di Ognina e Europa e di Picanello prevista per la fine dell'estate, la prima linea metropolitana urbana di RFI avrà quest’assetto, da nord verso sud: Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina Picanello Europa Stazione Centrale (scambia con la metropolitana). Nell'ambito dei lavori riguardanti l’area urbana e suburbana, rimane purtroppo ancora molto da fare, primo tra tutti l'eliminazione dell’attuale “collo di bottiglia” tra il bivio Zurria e la stazione di Acquicella che permetterebbe di inserire le stazioni di Acquicella e Bicocca nel tracciato del passante, in estensione alla tratta Stazione Centrale-Cannizzaro di prossima attivazione. Al momento non esiste un progetto validato da RFI, ma solo proposte che prevedono un nuovo doppio binario in tunnel dalla stazione fino all'area di via Concordia, passando per il Porto. Buone notizie invece per quanto riguarda la nuova fermata provvisoria di Fontanarossa. Il progetto definitivo è già pronto ed è stato inserito tra i progetti finanziati nel Def 2017. I lavori si dovrebbero concludere entro il 2020 e la fermata dovrebbe essere realizzata nei pressi della rotonda nei pressi della base aerea della Guardia Costiera, a totale carico della RFI, per un costo di circa cinque milioni di euro. La futura stazione di Fontanarossa sorgerà, invece, nelle.immediate vicinanze dell'attuale parcheggio scambiatore di Fontanarossa e si interconnetterà con la futura stazione "Santa Maria Goretti" della metropolitana. Le buone notizie continuano con l'approvazione da parte del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) del Piano Operativo FSC 2014-2020 che prevede il finanziamento di 235 milioni di Euro per l’interramento dei binari della ferrovia, nei pressi della stazione di Bicocca, propedeutici alla realizzazione della nuova pista dell'aeroporto. Il finanziamento prevede anche l'adeguamento funzionale dell’intero scalo di Bicocca che verrà integrato con l’interporto dove si accentreranno tutte le attività merci e manutentive del comprensorio. A fine estate dovrebbe inoltre partire il bando di gara per la realizzazione del viadotto ferroviario di Gornalunga che permetterà di soddisfare il previsto sviluppo della domanda di trasporto merci da/verso le aree industriali di Catania, Priolo ed Augusta, oltre che per lo sviluppo del servizio di tipo metropolitano nell'area urbana e suburbana della città di Catania. Con la ristrutturazione delle altre stazioni urbane già esistenti e la realizzazione della nuova fermata Fontanarossa il nuovo assetto sarà il seguente: Acireale Cannizzaro  Ognina Picanello Europa Stazione Centrale Acquicella Fontanarossa (apertura prevista per il 2020) Bicocca Passo Martino Lentini Un'importante  questione da risolvere, per la buona riuscita del servizio del passante ferroviario, è l’integrazione tariffaria dei servizi gestiti da AMT, Ferrovia Circumetnea-Metro e Trenitalia affinché i cittadini e i pendolari siano davvero incentivati ad utilizzare il trasporto pubblico. Al momento non è previsto nessun biglietto o abbonamento integrato tra AMT, FCE e Trenitalia, ma un biglietto cumulativo tra FCE e Trenitalia che con un unico titolo di viaggio, con il costo della somma dei due biglietti, permette di utilizzare i due servizi. Ti potrebbe interessare: Passante Ferroviario | Scheda dell'opera  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 apr 2017

Dopo la metro, ora tocca al passante ferroviario: le stazioni Ognina ed Europa aperte il 14 maggio

di Amedeo Paladino

Raggiunto l'obiettivo atteso da anni di raggiungere la periferia di Catania attraverso una linea metropolitana, a breve saranno realtà anche le nuove fermate urbane denominate Ognina, Picanello (sotterranea) ed Europa. Il nuovo doppio binario nella tratta Catania Ognina– Catania Centrale e le nuove stazioni fanno parte degli investimenti di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) sulla linea Messina-Catania: dopo anni di attesa il 14 maggio, come già anticipato da Mobilita Catania il mese scorso, segnerà un'ulteriore svolta per le infrastrutture di trasporto pubblico di Catania. La direttrice litoranea nord-sud della nostra città sarà costituita dalle stazioni di Ognina ed Europa, mentre per il completamento della fermata di Picanello bisognerà attendere la fine dell'estate. Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina Picanello (dopo l’estate 2017) Europa  Stazione Centrale Un grande passo in avanti sul fronte della mobilità sia in ambito urbano, che extraurbano, visto che il doppio binario permetterà dei collegamenti più rapidi sulla fascia jonica. Scendendo nel dettaglio, la stazione di Ognina è situata  in superficie alle spalle di piazza Mancini Battaglia, è dotata di marciapiedi della lunghezza di 125 metri, coperti da pensiline e collegati da un sottopasso pedonale con accesso da via Fiume e da un parcheggio, con ingresso da via De Caro attraverso il cavalcaferrovia di nuova realizzazione, per 120 posti auto; è allo studio anche un accesso pedonale da viale Ulisse, utilizzato finora per i mezzi di cantiere. La stazione Picanello, che come già detto aprirà solo a fine estate, si sviluppa sottoterra nel tratto a nord di via Guerrera e a sud di via Messina, ed è realizzata in sotterranea con due uscite, una su via Timoleone e l’altra su spazio a verde comunale, confinante con via Libertini, via Messina e con il parcheggio su via Guerrera. La stazione dista pochi minuti a piedi dal Borgo di San Giovanni Li Cuti, attraverso il collegamento agevolato della scalinata di viale Alcide De Gasperi, rimasta chiusa per anni e recentemente inaugurata. Infine la stazione Europa è accessibile dall'omonima piazza attraverso delle rampe coperte con cupole in  plexiglass. Fin qui gli aspetti inerenti l'infrastruttura; un capitolo a parte è invece il servizio che il passante ferroviario svolgerà. Consegnati i lavori sarà compito di Trenitalia e della Regione Siciliana dover approntare un servizio adeguato, la portata positiva dell'opera dipenderà infatti dalla tipologia dei treni che percorreranno la linea, dalla frequenza e dal numero di fermate: su questi aspetti non si hanno ancora certezze. Un’altra questione da risolvere per la buona riuscita del servizio è l’integrazione tariffaria dei servizi gestiti da AMT, Ferrovia Circumetnea-Metro e Trenitalia affinché i cittadini e i pendolari siano davvero incentivati ad utilizzare il trasporto pubblico. Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell’opera Stazione Cannizzaro, una grande potenzialità inespressa: abbiamo testato l’intermodalità con la metropolitana  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mar 2017

Il passante ferroviario aprirà parzialmente il 14 maggio: in forse la stazione Europa

di Roberto Lentini

Continuano, seppur lentamente, i lavori del passante ferroviario di Catania. Gli ultimi rumors danno l'apertura del binario pari per il 14 maggio 2017, contestualmente alla stazione Ognina, mentre è in forse la stazione Europa. L'apertura della stazione Picanello è invece rimandata a dopo l'estate. Avremo quindi un'apertura parziale del passante che dal 14 maggio dovrebbe essere costituita da tre stazioni: Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina (maggio 2017) Picanello (dopo l'estate 2017) Europa (in forse per maggio 2017) Stazione Centrale  La stazione di Cannizzaro è stata aperta il 13 dicembre 2015 ed è servita da Trenitalia con la fermata di numerosi treni regionali. Le stazioni di Acquicella e Bicocca al momento non faranno parte del percorso del passante ferroviario. Ecco in dettaglio la situazione delle stazioni Stazione Ognina È la stazione che in questo momento risulta più avanzata rispetto alle altre. E' stato già posizionato il piano ferrato e la linea dell'alimentazione. La stazione di Ognina è in superficie, è dotata di marciapiedi della lunghezza di 125 metri, coperti da pensiline e collegati da un sottopasso pedonale con accesso da via Fiume e da un parcheggio, con ingresso da via De Caro attraverso il cavalcaferrovia di nuova realizzazione, per 120 posti auto. In futuro l’accesso alla stazione sarà possibile anche dal viale Ulisse; da questa stazione sarà possibile raggiungere il borgo di Ognina e l'Agenzia delle Entrate che si trova a soli 5 minuti di strada a piedi.   Stazione Picanello La stazione di Picanello è ubicata nel tratto a nord di via Guerrera e a sud di via Messina, ed è realizzata in sotterranea con due uscite, una su via Timoleone e l’altra su spazio a verde comunale, confinante con via Libertini, via Messina e con il parcheggio su via Guerrera. Ha una lunghezza complessiva di circa 157 metri. Il collegamento della fermata con l’esterno sarà garantito da due blocchi di scale fisse e scale mobili. I lavori sono in fase molto avanzata: si deve realizzare solo un pozzo equilibratore che al momento è fermo a causa di alcuni danni ad un edificio vicino. La pavimentazione al piano binari è già pronta, mentre il mezzanino non risulta pavimentato. La stazione Picanello serve una porzione di città densamente abitata, inoltre, attraverso la nuova scalinata inaugurata di recente, sarà possibile raggiungere in 7 minuti a piedi, il borgo di San Giovanni Li Cuti Stazione Europa La stazione Europa, in superficie, è provvista di due marciapiedi lunghi 125 metri ciascuno, dotati di rampe coperte per il collegamento con la superiore Piazza Europa e di pensiline. In questi giorni si sta lavorando proprio alla copertura di queste rampe con cupole in  plexiglass. Inoltre è già pronto il basamento per il piano del ferro che verrà posizionato probabilmente nei prossimi giorni.   Ti potrebbero interessare: Passante Ferroviario di Catania | Scheda dell'opera FOTO | La linea metro del passante ferroviario prende forma: il punto sui lavori Stazione Cannizzaro, una grande potenzialità inespressa: abbiamo testato l’intermodalità con la metropolitana

Leggi tutto    Commenti 6
Articolo
20 feb 2017

Viale Alcide de Gasperi, un milione e mezzo per completarlo dopo 10 anni di stallo

di Roberto Lentini

Il completamento del viale Alcide de Gasperi potrebbe essere vicino: l’arteria, con il suo percorso e la naturale prosecuzione di via Barraco, è destinata a rappresentare l'alternativa principale al lungomare. I lavori del secondo troncone, quello che da via del Rotolo arriva a viale Ulisse, potrebbero partire entro l'estate grazie ad una nuova gara indetta dall'ex Ufficio Speciale per l'emergenza traffico e la sicurezza sismica che ha sbloccato i fondi per circa 1,5 milioni di euro per il completamento dell'opera. Gli interventi più cospicui riguarderanno la fornitura e la messa in opera delle travi sopra i piloni già esistenti nel tratto terminale nei pressi ei viale Ulisse; la sistemazione della via Barraco che in più punti deve essere anche livellata; l'impianto di illuminazione e la fornitura e collocazione del guardrail in alcuni tratti. I lavori per la sistemazione di viale Alcide De Gasperi, come si ricorderà, presero il via, dopo anni di immobilismo, nel 2001 tramite la Protezione Civile che vedeva nella nuova arteria una via di fuga in caso di sisma. Per dare attuazione al progetto fu nominato commissario straordinario per l’emergenza traffico il sindaco del tempo Umberto Scapagnini. Nel 2006 l'opera venne però bloccata per mancanza di fondi. La prima parte di via Alcide de Gasperi, quella che va da piazza Europa a via del Ponte, rimasta chiusa per anni nonostante fosse già pronta ed è stata finalmente consegnata alla città il 25 gennaio scorso. La parte che va da via del Ponte fino a via Guerrera verrà realizzata con i fondi del Patto per Catania con un finanziamento di circa 24 milioni di euro che serviranno in parte a coprire le spese di espropriazione. L’arteria risulta molto importante per la viabilità catanese perché oltre a consentire di liberare dal traffico il lungomare di Catania, permetterebbe anche l’abbattimento del viadotto di Ognina che oggi separa l’omonimo Borgo dal mare, oltretutto proprio di fronte la chiesa storica della borgata, su un tratto di spiaggia che si affaccia sul porto del quartiere. Per i dettagli sugli interventi da realizzare per il completamento dell'arteria vi invitiamo a leggere il nostro precedente articolo.   Ti potrebbero interessare… Waterfront e via Alcide De Gasperi: dal progetto del 2001 fino al finanziamento del Patto per Catania Viale Alcide De Gasperi, cosa manca al suo completamento Patto per Catania: le risorse per infrastrutture e opere

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 feb 2017

FOTO | Procede a buon ritmo la riqualificazione del porticciolo di Ognina

di Amedeo Paladino

I lavori di riqualificazione della passeggiata lungo il porto pescherecci di Ognina procedono a buon ritmo. Gli interventi sono iniziati gli ultimi giorni del mese di dicembre e a vedere i risultati fin qui raggiunti il cronoprogramma per la consegna dell'opera entro il 5 giugno, come da termine contrattuale, dovrebbe essere rispettata, con una spesa complessiva di poco meno di 200 mila euro. Il progetto nasce nel 2011 grazie all'impulso del  comitato dei festeggiamenti della madonna di Ognina e della stessa comunità ogninese, ed è stato redatto da Serena Baldanzini, ricevendo i finanziamenti dell'allora Presidente della Regione Raffaele Lombardo. Tra pochi mesi i cittadini potranno godere di un'area riqualificata a ridosso del mare, che rappresenterà un tassello per il miglioramento degli spazi pubblici della nostra città, aggiungendosi agli altri interventi attualmente in corso in piazza Giuseppe Sciuti, a pochi passi da piazza Carlo Alberto, e di una parte di piazza Giovanni XXIII dove sono in fase di completamento i lavori di costruzione degli accessi centrali alla stazione della metropolitana. Ti potrebbe interessare: Spazi pubblici | Al via la riqualificazione di piazza Giuseppe Sciuti, sarà ZTL FOTO | Piazza Papa Giovanni XXIII: prende forma il nuovo spazio urbano per cittadini e utenti della metropolitana

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 gen 2017

Spazi pubblici, il porticciolo di Ognina verso la riqualificazione

di Amedeo Paladino

L'anno appena trascorso si è chiuso con una buona notizia sul fronte della riqualificazione degli spazi pubblici: sono iniziati i lavori della passeggiata lungo il porto pescherecci di Ognina. Un progetto nato nel 2011 che solo oggi viene implementato. Venerdi scorso sono ufficialmente iniziati i lavori di riqualificazione della passeggiata del porto pescherecci-turistico di Ognina; un progetto nato nel 2011 grazie all'impulso del  comitato dei festeggiamenti della madonna di Ognina e della stessa comunità ogninese. Il progetto redatto Serena Baldanzini fu sottoposto all'allora Presidente della Regione Raffaele Lombardo e finanziato l'anno seguente. La riqualificazione inserita nel piano triennale delle opere pubbliche giunge ora alla sua implementazione: sarà realizzata un'area, delimitata da sedute, con aiuole e una pavimentazione artistica in basole di pietra lavica, un impianto di illuminazione e uno di irrigazione automatizzato. I lavori - il responsabile del procedimento è l'architetto Patrizia Centamore, il progettista e direttore dei lavori è il geometra Elio Maccarone - sono stati appaltati alla ditta Edil Aurora Strade srl di Favara. L'importo complessivo è di 198.000 euro mentre l'importo contrattuale, inclusi gli oneri di sicurezza è di 129.934 euro oltre Iva. L'opera, secondo contratto, dovrebbe essere consegnata entro il 5 giugno del 2017 come da termine contrattuale. Ti potrebbe interessare: Spazi pubblici | Al via la riqualificazione di piazza Giuseppe Sciuti, sarà ZTL

Leggi tutto    Commenti 0