Articolo
31 ago 2019

Il documento dei “sogni” delle opere regionali in fase di attuazione a Catania

di Mobilita Catania

Ieri, l’assessore regionale Marco Falcone ha convocato, presso il palazzo della Regione di Catania, sindacati e associazioni per fare il punto della situazione degli investimenti che il governo Musumeci ha disposto e quelli previsti nei prossimi mesi. Si tratta di opere importanti per lo sviluppo dell'area metropolitana catanese che riguardano principalmente i lavori di RFI,  Anas e Circumetnea, riqualificazione urbana, investimenti sulla portualità e case popolari. Entro novembre dovrebbe partire anche il progetto di riqualificazione urbana in via Sabato Martelli Castaldi, con un investimento di sedici milioni di euro, che prevede la riqualificazione di 8000 metri quadrati di spazio verde con la realizzazione di 114 alloggi. Tra le opere elencate manca la superstrada Catania-Ragusa: «Su questa vicenda siamo in attesa che il governo nazionale ritorni in carica e dopo l’insediamento chiederemo che l’intervento venga realizzato, con il pubblico o con il privato a noi non interessa purché l’arteria stradale sia realizzata», ha spiegato l'assessore regionale Marco Falcone. Ecco nel dettaglio tutte le opere: RFI - Rete Ferroviaria Italiana Fermata FS Fontanarossa: € 5 Mln - lavori in corso, completamento previsto entro giugno 2020; Tunnel sopraelevato con tapis roulant dalla fermata di Fontanarossa all’aeroporto: € 12 Mln – in corso di progettazione – inizio lavori luglio 2020; Interramento stazione FS Bicocca: € 250 Mln – progettazione definitiva pronta entro dicembre 2019; Fermata FS Cappuccini di Acireale: € 5 Mln – progettazione in corso – inizio lavori novembre 2019; Ponte ferroviario tra Caltagirone e Niscemi: € 8 Mln – progetto già inviato al CTA in attesa di parere, gara - poi inizio lavori previsto per maggio 2020; Tratta ferroviaria Caltagirone/Niscemi: progettazione definitiva entro fine 2019; Protocollo d'intesa tra Regione Siciliana e RFI per la soppressione dei passaggi a livello e la realizzazione di viabilità alternativa: € 10 Mln (passaggi a livello di Scordia, Vizzini e Militello in Val di Catania). Circa la galleria di collegamento tra la nuova fermata FS di Fontanarossa e l'aeroporto, va rimarcata l'eventuale conseguenza negativa per la città di Catania qualora a questo intervento non segua quello previsto di una fermata ferroviaria presso il parcheggio scambiatore di Fontanarossa: qui l'articolo di approfondimento.   FCE - Ferrovia Circumetnea - Metropolitana di Catania Tratta metropolitana Nesima-Monte Po: impresa esecutrice CMC - conclusione dei lavori prevista entro giugno 2020; Tratta metropolitana Palestro-Stesicoro (solo galleria): lavori in corso da concludersi entro 18 mesi; Tratta metropolitana Monte Po - Misterbianco: impresa inizialmente affidataria dei lavori CMC poi sostituita con la seconda in ordine di graduatoria di gara che deve redigere il progetto esecutivo. Previsione di inizio lavori Maggio 2020; Tratta metropolitana Stesicoro-Aeroporto: € 400 Mln – deve essere aggiornato il quadro economico del progetto. Entro il mese di ottobre 2019 sarà emanato il Decreto di finanziamento e l’intervento andrà in gara; Tratta metropolitana Misterbianco-Belpasso: entro dicembre 2019 è prevista l’ultimazione del progetto definitivo completo del parere dell’Assessorato Territorio e Ambiente (in materia Urbanistica) e successivamente l’intervento andrà in gara.   ANAS - Ente Nazionale per le Strade Svincolo Tangenziale di Catania per Aeroporto di Fontanarossa: lavori in fase di cantierizzazione; Svincolo Tangenziale di Catania per Paternò: inizio lavori previsto a fine Ottobre 2019; Libertinia 2° tratto: € 120 Mln – è in corso la gara; Libertinia - Santa Maria di Licodia 3° tratto: completamento progetto definitivo entro dicembre 2019; Bronte - Adrano SS 284 “Occidentale Etnea”: € 66 Mln – gara fissata per il 30 Settembre 2019; Paternò - Adrano SS 284: completamento del progetto definitivo entro Dicembre 2019 RICHIESTE DI PROGETTAZIONI AD ANAS  SS 192 Catania – Enna: innalzamento livelli di sicurezza con adeguamento della SS 192 a sezione stradale TIPO C 1 (10,5 metri) SS 417 Catania – Gela: adeguamento dei primi 20 Km della SS 417 a sezione stradale TIPO B con raddoppio delle corsie di marcia SS 116 Randazzo/Capo D’Orlando (ammodernamento) – studio di fattibilità in gara – aggiudicazione e contratto di affidamento entro fine 2019 Progettazione della della terza corsia della Tangenziale di Catania   CAS - Consorzio Autostrade Siciliane A 18: interventi di pavimentazione del tratto Giarre (CT) - Tremestieri (ME) già in gara per € 19 Mln interventi su viadotto Tagliaborse 1,2, 3 e Fago interventi su galleria Guidomandri frana di Letojanni: gara aggiudicata – inizio lavori previsto ai primi di novembre 2019 messa in sicurezza di 14 cavalcavia galleria di Giardini Naxos: risoluzione del contratto con la ditta affidataria. Il riappalto dell’opera è previsto entro fine Ottobre 2019   IACP - Istituto Autonomo Case Popolari IACP Acireale: ristrutturazione di 60 alloggi a Giarre (CT) - € 8 Mln IACP Catania: realizzazione di 24 nuovi alloggi in C.so Indipendenza a Catania - € 6 Mln IACP Catania: ristrutturazione di 16 immobili a Fiumefreddo di Sicilia (CT) IACP Catania: ristrutturazione di 16 alloggi a Zafferana Etnea (CT)   HOUSING SOCIALE Catania, Via Sabato Martelli Castldi: 114 alloggi – riqualificazione - € 16 Mln Acireale, zona Tupparello: realizzazione 77 immobili – € 12 Mln   CONTRATTI DI QUARTIERE Caltagirone: € 15 Mln Valverde: € 11,8 Mln   PARCHEGGI DI INTERSCAMBIO Catania, finanziati tre parcheggi scambiatori per un tot. di € 23.355.000,00: SANZIO (€ 8,355 Mln), NARCISO (€ 5 Mln), ACI CASTELLO (10 Mln) Caltagirone, finanziati il parcheggio di interscambio Piazza Risorgimento - € 308.000 Misterbianco, finanziato il parcheggio di interscambio Area nord di Via Municipio su Via Madonna degli Ammalati - € 402.000 oltre alla quota del Comune di € 160.000,00 Acireale, finanziato il parcheggio scambiatore in area privata delle Ferrovie dello Stato - € 400.000   STRADE PROVINCIALI  SP 108 – € 4,1 Mln – appalto in gara – aggiudicazione il 13 settembre 2019 SP 37/I e II – € 1 Mln – in corso di finanziamento SP 37/I, innesto con SS 124 – €  2,4 Mln  - appalto in gara – aggiudicazione 20 settembre 2019 SP 74/II Ponte sul fiume Gornalunga – € 3,4 Mln in corso di finanziamento SP Bronte Stuara – € 4,9 Mln – appalto in gara – aggiudicazione fine sett. 2019 SP 131 – € 3,9 Mln - appalto in gara – aggiudicazione primi di ottobre 2019 SP 25/I – Ponte di Ramacca, € 1.3 Mln – fine dei lavori primi di ottobre 2019 SP 38/III – Mazzarrone – € 2,2 Mln a breve decr. di finanziamento SP 179 – Borgolupo/Mineo – € 7,5 Mln a breve decr. Finanziamento SP 69/II dalla SS 417 alla SS 385 – € 2,5 Mln - a breve il decreto di finanziamento SP 65 – Mirabella Imbaccari/Piazza Armerina a breve dec. di fin. SP 16 – Scordia/Lentini - € 800.000,00 - gara aggiudicata – inizio lavori sett. 2019 € 5 Mln - Accordo Quadro curato dal DRT per interventi di manutenzione su strade ex provinciali Riposto – realizzazione via di fuga, c.d. Mare-Neve, di collegamento da Trepunti a Torre Archirafi – in corso di finanziamento – gara entro fine novembre 2019 CITTADELLA GIUDIZIARIA finanziamento € 40 Mln Procedure acceleratorie: con il recente Atto integrativo alla Convenzione per la realizzazione della Cittadella Giudiziaria di Catania, si è stabilito che il DRT sia la stazione appaltante dell’opera. l’Ing. Capo del Genio Civile di Catania è il nuovo RUP. già pronto il progetto di demolizione – € 2 Mln – entro dicembre 2019 inizio lavori di demolizione e redazione progetto di ricostruzione – entro naggio 2020 gara per la ricostruzione   RIQULIFICAZIONE URBANA, CENTRI STORICI, EDIFICI DI CULTO, ETC. Bando del 2015 e graduatoria definitiva del 2017: collocate utilmente in graduatoria 36 progetti di cui 4 (per complessivi € 2,3 Mln) finanziati dal precedente governo, e 30 (per complessivi € 60 Mln) finanziati dal governo Musumeci. Degli ultimi due progetti rimasti da finanziare uno è in corso di imminente finanziamento e uno è in fase di istruttoria conclusive Bando del 2018 - graduatoria definitiva approvata con Decreto n. 1950 del 6.8.2019 (inizialmente previsti € 26 Mln è stato deliberato un incremento di ulteriori € 49 Mln per l’intero bando) –  € 11,3 MLN PER 10 PROGETTI DEI COMUNI DELLA EX PROVINCIA DI CATANIA)   ApQ “Aree Urbane” € 16 Mln – ristrutturazione dell'ex Ospedale Maurizio Ascoli Tomaselli da riconvertire ad uffici della Regione – in gara l'affidamento lavori entro maggio 2020 PORTO DI RIPOSTO interventi di mitigazione degli effetti dei marosi - € 1 Mln – lavori già consegnati con ultimazione prevista entro fine 2019 rifacimento dei pontili e relativi servizi - € 603.000 – a breve verrà emesso il decreto di finanziamento del progetto esecutivo UREGA  procedure acceleratorie: con Decreti Assessoriali n. 167-GAB del 2 maggio 2019 e n. 22- GAB del 3 luglio 2019 sono state adottate disposizioni che disciplinando l'organizzazione e il funzionamento degli UREGA, ne intensificano e semplificano l'attività, consentendo di ridurre i tempi per lo svolgimento delle procedure delle gare d'appalto   Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Catania Passante ferroviario di Catania Tapis Roulant Fermata FS - Aeroporto Fontanarossa: un'opportunità "pericolosa"? Ammodernamento Strada Statale 284 tra Adrano e Bronte: bando di gara da 66 milioni Nuova Cittadella Giudiziaria in viale Africa a Catania: un'opportunità da cogliere  

Leggi tutto    Commenti 1
Articolo
20 giu 2018

A18 Messina-Catania, frana di Letojanni: approvato il progetto per l’eliminazione e ripristino viabilità

di Mobilita Catania

Dopo il nulla osta del Ministero delle Infrastrutture dello scorso maggio, ulteriore passo avanti per la risoluzione della frana di Letojanni: la Conferenza dei Servizi indetta dal Provveditorato OO.PP. per la Sicilia e la Calabria ha approvato il progetto di ricostruzione dei luoghi con eliminazione della frana avvenuta a novembre 2016. La Conferenza si è fatta carico anche delle raccomandazioni del Sindaco di Letojanni per quanto riguarda l’area urbanistica a ridosso della stessa frana. Sulla base di tale ulteriore avanzamento delle procedure, entro la prima metà di luglio dovrebbe essere espresso il parere di verifica del Provveditorato alle OO.PP., a seguire le procedure degli atti di gara, quindi il cronoprogramma degli interventi operativi. Una tappa importante per potere ristabilire la viabilità nella intera Messina-Catania, eliminando l’ultima delle deviazioni rimaste dopo che è stata riaperta alla circolazione anche la Galleria Sant’Alessio, chiusa per oltre un anno per lavori di messa in sicurezza. La viabilità della A18 è stata una delle grandi questioni attenzionate dal Governatore della Regione Siciliana Musumeci fin dal suo insediamento chiedendo il massimo impegno per i lavori ed una loro sollecita conclusione. "Sono lieto di questa decisione" ha sottolineato l’Assessore Falcone, che ha seguito passo dopo passo tutta la fase di rilancio del CAS per uscire dalle criticità gestionali. Su questo obiettivo anche il Direttore Generale delle Autostrade e Trafori Cinelli che nel recentissimo incontro operativo al Ministero delle Infrastrutture – presenti l’intero team alla guida del Consorzio la Presidente Trombino con il Vice Presidente Siragusa ed il DG Santoro - ha condiviso il fitto e concreto piano dei lavori predisposto di recente dal CAS per eliminare le criticità di questi anni mettendo in sicurezza l’intera rete autostradale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 mag 2018

A18 Messina-Catania, passi avanti per la risoluzione della frana di Letojanni

di Mobilita Catania

Il Ministero delle Infrastrutture, con provvedimento n. 9194 del 2-5-2018 ha reso il “Nulla Osta” di competenza sul progetto relativo ai lavori di messa in sicurezza della tratta autostradale nei luoghi della frana di Letojanni redatto dalla struttura commissariale di Protezione civile regionale. Lo ha reso noto il Direttore Generale della Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali Vincenzo Cinelli al Direttore Generale del CAS Leonardo Santoro che lo aveva sollecitato in un recente incontro operativo svoltosi al Ministero finalizzato ad illustrare l’urgenza dell’adempimento per ristabilire la normale viabilità della tratta autostradale. Il Direttore Santoro, al fine di consentire la prosecuzione dell’iter approvativo, ha immediatamente trasmesso tali atti al Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per la Sicilia e la Calabria per l’acquisizione del parere del Comitato Tecnico Amministrativo e, contestualmente, richiedendo la riattivazione delle procedure della Conferenza dei Servizi. A seguito del recente incontro al Ministero, ha evidenziato il Direttore Generale del  CAS, è stata condivisa la necessità di imprimere una accelerazione alle procedure autorizzative volte a velocizzare il ripristino di una tratta autostradale strategica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 apr 2018

A18 Messina-Catania, verso un’estate senza restringimenti. Frana di Letojanni, nodo irrisolto

di Mobilita Catania

Sono stati avviati i lavori per eliminare i restringimenti di carreggiata, disposti nel tempo per varie esigenze di sicurezza viaria, nella tratta autostradale A18 Messina-Catania tra la Barriera Catania/S.Gregorio e lo Svincolo di Taormina, direzione Me (lato mare). Per tale obiettivo, finalizzato a rendere fruibile la tratta soprattutto in vista del periodo estivo in cui la circolazione è solitamente più sostenuta, saranno eseguiti, fino al prossimo 18 maggio, alcuni ripristini nella pavimentazione usurata nei punti in cui saranno rimossi i restringimenti. Per questa manutenzione, saranno utilizzate di volta in volta le corsie di emergenza, marcia o sorpasso, in corrispondenza dei cantieri, la viabilità rimane subordinata al limite di velocità di 60 km/h e divieto di sorpasso; la ditta esecutrice dei lavori è Costruzioni Generali Infrastrutture srl di Gravina di Catania. Un ulteriore passo in avanti per liberare la carreggiata dai restringimenti– ha sottolineato il DG ing. Leonardo Santoro – in modo che la circolazione possa procedere rimuovendo il numero dei tratti di carreggiata che presentano criticità alla sicurezza dei trasporti. Rimane, ovviamente, la deviazione per la frana di Letojanni con il doppio senso di circolazione per la quale– ha evidenziato il Direttore Santoro - alla luce dei rilievi posti dal MIT ho incontrato a Roma, nei giorni scorsi, i responsabili dell’emissione del necessario nulla osta ministeriale preventivo al riavvio dei lavori della Conferenza dei Servizi finalizzata al conseguimento delle autorizzazioni necessarie affinché la struttura commissariale di Protezione Civile, ente attuatore, possa avviare i necessari lavori di messa in sicurezza dell’intero areale.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 mag 2017

G7 di Taormina, chiusura dello spazio aereo e sospensioni fermate ferroviarie Letojanni e Taormina-Giardini

di Roberto Lentini

L’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), informa che in occasione del vertice dei Paesi del G7 che si svolgerà a Taormina dal 26 al 27 maggio 2017 e degli eventi ad esso correlati, su disposizione dell’Autorità di Pubblica Sicurezza sono stati emessi dei NOTAM (Notice to Airmen- avviso ai naviganti) di chiusura dello spazio aereo su Taormina e sulle aree circostanti. Dalle ore 10:00 locali del 25 maggio alle ore 12:00 locali del 28 maggio sono vietati tutti i voli, inclusi quelli con velivoli ultraleggeri e mezzi a pilotaggio remoto (cosiddetti droni), in un’area circolare avente un raggio di circa 10 Km (5 Nm - miglia nautiche) dal centro della città. Sono esclusi dal divieto i voli commerciali di linea e charter in arrivo e in partenza dagli aeroporti di Catania, Comiso e Reggio Calabria, i voli di Stato, quelli di emergenza e i voli sanitari; i voli VFR (Visual Flights Rules, voli a vista), sono vietati in un’area circolare di circa 65 Km (35 Nm) di raggio. Inoltre su disposizione della prefettura di Messina, sabato dalle 4.30 alle 22.30, i treni non si fermeranno nelle stazioni Letojanni e Taormina-Giardini. Il provvedimento rientra fra le misure adottate per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica in occasione del G7 di Taormina. I viaggiatori dei treni Regionali potranno utilizzare, in alternativa, la stazione di Alcantara. Tutti i treni Intercity (722, 1955, 724, 1959, 35740, 35739, 721, 1956, 727) fermeranno invece a Santa Teresa Riva. Nelle due stazioni ci sarà personale del Gruppo Fs per l’assistenza ai viaggiatori.

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti