Articolo
07 mag 2015

Il “nuovo porto”: slitta l’inaugurazione della darsena commerciale.

di Roberto Lentini

A causa di tre bitte di ormeggio che non hanno superato il collaudo salta l’inaugurazione della nuova darsena prevista per il 1 maggio. Bitta è il termine nautico con cui si indica una bassa e robusta colonna, che si trova sulle banchine dei porti e sui ponti delle imbarcazioni, ed alla quale vengono legati o avvolti i cavi d'ormeggio delle navi. Quindi per ragioni di sicurezza si stanno rivedendo tutte  le bitte e nel momento in cui verranno completati questi controlli, verrà stabilita la data di inaugurazione della nuova darsena. “Dovevamo fare solo questo collaudo – afferma Indaco – purtroppo è andato male, ma questo dimostra che noi i collaudi li facciamo e che non apriamo senza garantire assoluta sicurezza”. Con il crollo del viadotto Himera l’apertura della darsena diventa indispensabile proprio per l’aumentato traffico commerciale tra Catania e Genova. Nella nuova Darsena si potranno infatti accogliere contemporaneamente 6 o 7 navi di cui 3 o 4 grandi traghetti e, con un fondale di circa 13 metri, potranno essere ospitate (uno dei pochi porti nel Mediterraneo) le navi crociera di grandi dimensioni con pescaggio di 11 metri Inoltre darà la possibilità di separare l'area commerciale dello scalo, incluso il transito dei tir, da quello crocieristico. Successivamente verranno riprogettate le attività del porto come bar e ristoranti, verrà realizzata una nuova pavimentazione, verrà abbattuto il muro di cinta tra Piazza Borsellino e l’inizio degli Archi per restituire il porto alla città e verrà pure riqualificata la passeggiata a mare sul molo di levante.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 mag 2015

Tra ingorghi e disagi procedono i lavori d’ampliamento di via Sgroppillo

di Roberto Lentini

Procedono i lavori di ampliamento della via Sgroppillo e a fine giugno si prevede che il tratto dalla rotonda di via Nizzeti fino al supermercato MD possa essere aperto al traffico. Attualmente si sta completando la posa della tubazione della fognatura e si sta lavorando pure nel rifacimento del vicino impianto della SIDRA. L’ampliamento sta creando numerosi disagi ai residenti e ai commercianti che stimano un calo dei fatturati. L’impresa che sta realizzando i lavori è la CNC di Ravenna, la stessa che realizzerà le nuove tratte della Metropolitana e alla fine la via Sgroppillo avrà un’ampiezza di 15 metri con quattro corsie, due per ogni senso di marcia, e parcheggi in linea o a spina di pesce. Il progetto non prevede  una corsia preferenziale per il trasporto pubblico: un'occasione persa proprio in un'arteria di collegamento di fondamentale importanza.

Leggi tutto    Commenti 0
Proposta
04 mag 2015

Via Passo Gravina: rallentare i veicoli.

di danielasgro

Noi abitanti, sopratutto quelli della zona del Fasano in corrispondenza con la corsia prefenziale del Brt, siamo in pericolo tutte le volte che dobbiamo entrare o uscire con la nostra auto dal cancello, perché gli automobilisti in transito da via Passo Gravina non rallentano per darci la possibilità di effettuare le nostre manovre! Perché non posizionare dissuasori sonori per far rallentare gli automobilisti?

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
04 mag 2015

FOTO | Metropolitana di Catania: ecco come sarà la Stazione Giovanni XXIII

di Roberto Lentini

La Stazione Giovanni XXIII della metropolitana, a differenza delle altre già esistenti, sarà su tre livelli. Anche il piano di accesso dalla quota stradale, infatti, sarà oggetto di interventi architettonici che restituiranno questo spazio pubblico all'aperto, compreso tra piazza Papa Giovanni XXIII, via Archimede e, in piccola parte, via D'Amico, ai cittadini e ai turisti. Il primo livello sarà alla quota stradale (quindi il corpo di stazione emergerà in superficie) e sarà caratterizzato da strutture metalliche articolate che costituiranno una sorta di velario della piazza; il secondo livello sarà sotterraneo e consisterà in un unico grande mezzanino comprendente anche alcuni spazi commerciali; infine, il terzo livello, come di consueto, comprenderà le banchine di accesso ai vagoni ferroviari. La stazione Giovanni XXIII avrà quattro accessi: due nella nuova piazza, nel lotto compreso tra piazza Papa Giovanni XXIII e via Archimede, e due in viale viale Africa, lato est. Gli ascensori saranno tre: uno, nella parte centrale della piazza, sarà nel corpo di stazione emergente e collegherà la quota stradale con il mezzanino, mentre gli altri due ascensori collegheranno il mezzanino al piano del treno, uno per ogni direzione. La stazione dispone già di una predisposizione di collegamento sotterraneo con la stazione centrale FS, ma l'effettiva realizzazione non è prevista né nei lavori della tratta Galatea-Giovanni XXIII e nemmeno in quelli della tratta Giovanni XXIII-Stesicoro. A fine giugno 2015 è previsto l'inizio dei lavori di ammodernamento tecnologico nella tratta in questione, appaltati per 22 milioni di euro con la durata di circa 200 giorni: quindi, per fine anno, dovrebbero essere completati. Successivamente, prima di essere aperta al pubblico, la stazione e la relativa tratta della metropolitana  saranno soggette a verifiche tecniche e collaudi: a meno di imprevisti, pertanto, la stazione potrà aprire i battenti nell'estate del 2016. Ecco le opere civili ancora da realizzare: - galleria artificiale di linea dalla progr. 879,44 alla progr. 899,44 (il diaframma è stato abbattuto ad aprile); - tunnel di collegamento con gli ingressi di viale Africa Est; - scale di accesso al mezzanino; - locale interrato per la sottostazione elettrica di trasformazione; - solettone per la formazione del piano di regolamento della piattaforma ferroviaria; - marciapiedi di linea; - opere civili di finitura della stazione Giovanni XXIII; - sistemazione della piazza sovrastante la stazione Giovanni XXIII; - armamento; - realizzazione della sovrastruttura ferroviaria dell’intera tratta, mediante piattaforma in c.a.p., rotaie 50 UNI ed elementi di ancoraggio tipo “PANDROL”.      

Leggi tutto    Commenti 2
Articolo
04 mag 2015

Parcheggio di interscambio Fontanarossa: apertura a giugno

di Roberto Lentini

Tra ritardi e rinvii, a giugno dovrebbe essere finalmente aperto il parcheggio Fontanarossa. I lavori sono ormai in una fase conclusiva: si stanno completando le corsie, l’illuminazione e i congegni elettronici per la gestione del parcheggio. Il parcheggio di interscambio tornerà finalmente alla sua destinazione originale; lo scorso ottobre, infatti, i piazzali erano stati utilizzati per la Fiera dei Morti. Il presidente dell'Amt, nei mesi successivi, era stato costretto a rinviare l'apertura inizialmente prevista per marzo in attesa del completamento dei lavori. Nelle previsioni dell'Azienda Metropolitana Trasporti il parcheggio intercetterà un grande bacino d'utenza nella zona sud di Catania, grazie alla vicinanza con la tangenziale;  inoltre vi transiterà l'AliBus e tutti gli altri autobus che servono la zona. Il parcheggio di interscambio funzionerà con le stesse modalità di quello dei "Due Obelischi": con un unico biglietto si potrà lasciare la macchina e prendere il bus.  Il parcheggio sarà servito da una nuova linea veloce che collegherà la zona sud di Catania con il centro città: il "Librino Express" che garantirà un collegamento più efficiente e frequente rispetto ad altre linee; questo servizio tuttavia non sarà dotato di corsie riservate come il BRT (Bus Rapid Transit), ma transiterà dal porto per raggiungere il centro, così come avviene per l’AliBus. Il parcheggio Fontanarossa ha una notevole importanza per la mobilità in quanto, oltre a raccogliere il traffico proveniente dal sud della città e scambiare con le linee bus, in futuro ospiterà una stazione del Passante Ferroviario (Fontanarossa) e una della metropolitana (Santa Maria Goretti). Quali treni vi giungeranno per primi? In entrambi i casi dovremo già essere negli anni '20.

Leggi tutto    Commenti 0
Opere
30 apr 2015

Passante Ferroviario di Catania

di Roberto Lentini

Il passante ferroviario di Catania, ufficialmente definito Nodo Catania, è un'infrastruttura di tipo metropolitano in corso di realizzazione nel tratto urbano del capoluogo etneo compreso tra le stazioni di Cannizzaro  aperta il 13 dicembre 2015 (a nord) e di Bicocca (a sud). Nel più ampio raggio, fa parte della linea che si estenderà da Taormina (a nord) a Lentini (a sud), servendo anche i comuni di Acireale e di Acicastello. Pertanto, a interventi ultimati, l'intera linea disporrà di un raggio d'azione metropolitano (urbano e sub urbano) e comprensoriale. Il 18 giugno 2017 è avvenuta l'apertura tecnica delle due nuove fermate Ognina ed Europa di tipo metropolitano all’interno del tessuto urbano del capoluogo etneo, oltre che dei 5 chilometri di nuovo binario, in affiancamento a quello esistente, tra Catania Ognina e Catania Centrale: i lavori hanno richiesto un investimento complessivo di 100 milioni di euro. Il 24 luglio 2017 è avvenuta l'inaugurazione del raddoppio della linea ferroviaria Catania Centrale - Catania Ognina alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, dell'assessore delle Infrastrutture e della Mobilità della Regione Siciliana Luigi Bosco e del sindaco di Catania Enzo Bianco In una prima fase, presso le stazioni di Europa e Ognina, è prevista la fermata dei treni dell’area metropolitana di Catania con origine da Giarre/Riposto. Non si tratterà quindi di un vero servizio metropolitano: dovrà essere infatti la regione Siciliana a dover rivedere i termini del Contratto di Servizio con Trenitalia. Di seguito gli orari del servizio:     Nell'ambito dei lavori riguardanti l'area urbana e suburbana, le opere previste comprendono: L’interramento della linea ferroviaria tra Piazza Europa e il quartiere San Cristoforo, inclusa la stazione centrale (nel lungo termine); La realizzazione di tre nuove stazioni urbane comprese tra Cannizzaro e la stazione centrale (nel breve termine); . [La stazione Cannizzaro è aperta dal 13 dicembre 2015, a questo link tutti i dettagli] La realizzazione di almeno una nuova fermata urbana compresa tra la stazione centrale e Acquicella (nel lungo termine); Il trasferimento a Bicocca degli impianti ora ubicati presso Acquicella (nel medio termine); La ristrutturazione della stazione di Acquicella (nel breve termine); La riorganizzazione del polo manutentore e dello scalo merci di Bicocca (nel medio termine); La realizzazione della bretella di raccordo con la linea ferroviaria Palermo – Catania (nel breve termine); La realizzazione delle fermate di Fontanarossa, nei pressi della rotonda della guardia costiera (nel breve termine); La realizzazione di una stazione Fontanarossa/Santa Maria Goretti (dove sorge l'omonimo parcheggio scambiatore), di Acicastello e di Acireale centro (nel medio termine). Di queste opere, ad oggi sono state completate quelle relative alla costruzione delle nuove fermate urbane denominate Ognina, ed Europa, mentre per la stazione Picanello (sotterranea) l'apertura è prevista per settembre 2017 comprese tra la stazione di Cannizzaro e la Stazione Centrale. La fermata Ognina è stata realizzata nel tratto allo scoperto compreso fra lo sbocco della galleria ed il cavalcavia su viale Ulisse. E' dotata da marciapiedi della lunghezza di 125 metri, coperti da pensiline e collegati da un sottopasso pedonale e da un parcheggio con ingresso su via Fiume per 120 posti auto. La fermata di Picanello è ubicata nel tratto a nord di via Guerrera e a sud di via Messina, ed è realizzata in sotterranea con due uscite, una su via Timoleone e l’altra su spazio a verde comunale, confinante con via Libertini, via Messina e con il parcheggio su via Guerrera. Ha una lunghezza complessiva di circa 157 metri. Il collegamento della fermata con l’esterno sarà garantito da due blocchi di scale fisse e scale mobili. L’accesso ai diversamente abili sarà reso possibile da un ascensore su via Guerrera. Nel tratto antecedente l’imbocco della galleria lato Catania, si troverà la fermata Europa, provvista di due marciapiedi lunghi 125 metri ciascuno, completi di rampe coperte per il collegamento con la superiore Piazza Europa e di pensiline.   Scenario urbano e sub urbano  Con l'imminente apertura delle tre nuove fermate citate previste per maggio-giugno 2017, la prima linea metropolitana urbana di RFI avrà quest'assetto, da nord verso sud: Cannizzaro (aperta il 13 dicembre 2015) Ognina (aperta il 18 giugno 2017) Picanello Europa Stazione Centrale (Scambia con la metropolitana). Successivamente con la ristrutturazione delle altre stazioni urbane già esistenti e la realizzazione della nuova fermata Fontanarossa il nuovo asseto sarà il seguente: Acireale Cannizzaro  Ognina Picanello Europa Stazione Centrale Acquicella Fontanarossa (apertura prevista per il 2020) Bicocca Passo Martino Lentini (in grassetto le stazioni/fermate ubicate nell'area urbana di Catania) Interramento Stazione Centrale Il progetto di interramento della stazione di Catania centrale si inquadra nell'ambito di un ampio programma di interventi che prevede anche la ricollocazione del deposito locomotive di Trenitalia e lo scalo merci di Catania centrale, il raddoppio del tratto bivio  Zurria-Catania Acquicella, adeguamento funzionale dell'intero scalo di Bicocca che verrà integrato con l'interporto dove si accentreranno tutte le attività merci e manutentive del comprensorio, la realizzazione di una nuova fermata metropolitana in superficie con la funzione di servire l'aeroporto Fontanarossa di Catania. L'interramento della stazione centrale di Catania non ha obiettivi di tipo trasportistico ma di riqualificazione ambientale e urbanistico. L'intervento prevede la realizzazione di una stazione, composta da due binari di corsa con precedenze, marciapiedi di 400 m e di un binario per il collegamento con il porto posta in galleria artificiale al di sotto del sedime dell'attuale impianto e di altri due binari per la sosta dei treni. In tutto i binari saranno cinque. Nell'ambito dell'intervento è inclusa la realizzazione di una nuova stazione passante di Bicocca nella quale è previsto anche l'attestamento da parte dei convogli per il servizio di tipo metropolitano Tratta Bivio Zurria-Catania Acquicella Inizialmente, Rete Ferroviaria Italiana aveva progettato il raddoppio del binario in affiancamento a quello esistente lungo tutto l'attuale tracciato (linea viola nell'immagine in basso) e dunque che, dalla stazione centrale, da interrare a circa nove metri sotto l'attuale livello, verso l'aeroporto, i binari sarebbero riemersi attraverso una grande rampa in cemento per proseguire sugli Archi della Marina per poi interrarsi nuovamente all'altezza di piazza dell'Indirizzo e procedere passando sotto piazza Federico di Svevia intercettando un tratto delle antiche mura di Carlo V, cioè aree a forte densità archeologica e rendendo necessaria, per di più, la demolizione di diversi edifici settecenteschi e ottocenteschi. Un progetto contro il quale la città, in piena accordo tra tra abitanti e istituzioni locali, si è ribellata, chiedendo che Rete Ferroviaria Italiana attui il percorso alternativo proposto dall'ufficio del piano regolatore (linea nera): Il progetto secondo il quale il nuovo doppio binario corre in tunnel dalla stazione fino all'ara di via Concordia, passando per il Porto e, quindi, bucando le lave di San Cristoforo del 1669, pertanto in un'area a rischio ritrovamenti archeologici fortemente ridotto (sia per via del banco lavico del 1669 e, soprattutto, per seguire un tracciato fuori delle mura della città antica). Progetto sostenuto e caldeggiato dall'amministrazione comunale e che è stato recepito da RFI, dalla quale è atteso per ottobre 2015 il progetto preliminare. Con il completamento di tutte le opere previste, l'intera linea avrà quest'assetto, da nord verso sud: Taormina Alcantara Fiumefreddo Mascali Giarre Carruba Guardia Mangano Acireale centro Acireale Acicastello Cannizzaro Ognina Picanello Europa Stazione c.le FS Duomo/Porto Plebiscito/Ursino Acquicella Fontanarossa Bicocca Passo Martino Lentini Le fermate "Stazione Centrale FS" e "Fontanarossa" saranno in interconnessione con le stazioni della metropolitana di Catania rispettivamente "Giovanni XXIII" e "Santa Maria Goretti". In quest'ultimo caso, inoltre, si scambierà anche col già esistente parcheggio d'interscambio di Fontanarossa. Secondo le previsioni attuali, i treni impiegati saranno i Minuetto mentre le frequenze si attesteranno sui 15/30 minuti (a seconda della fascia oraria e dell'area di riferimento). Tempi previsti I lavori del Passante, nella tratta Cannizzaro-Stazione Centrale, sono stati completati e la messa in esercizio è avvenuta il 18 giugno 2017:  le nuove stazioni di Ognina,  di Picanello e di piazza Europa sono già ultimate mentre il completamento dell’intera tratta metropolitana e comprensoriale, i tecnici prevedono il 2027. ARTICOLO AGGIORNATO A GIUGNO 2017 Ti potrebbe interessare: FOTO | Dentro le nuove stazioni Ognina ed Europa La “rivoluzione su ferro” di Catania, dalla metro al passante ferroviario: opportunità, scenari e nodi irrisolti    

Leggi tutto    Commenti 0

Ultimi commenti