09 mag 2020

Coronavirus | Riapre la metropolitana dopo due mesi di stop. Precauzioni e distanziamento sociale


Dopo ben due mesi di “storico” stop (dallo scorso 13 marzo) a causa della pandemia da Sars-CoV2 , lunedì 11 maggio la metropolitana di Catania riaprirà finalmente i battenti.
La più efficiente infrastruttura di trasporto pubblico in Sicilia tornerà dunque a offrire il suo prezioso servizio, seppur rivolgendosi a un’utenza ancora ridotta rispetto a quella tradizionale, giacché scuole e università sono chiuse e non tutte le attività commerciali sono riaperte. Nonostante ciò, l’importanza di garantire il servizio di trasporto pubblico ha prevalso sulle innegabili ripercussioni economiche negative: sanificare quotidianamente treni e stazioni, apporre nuova, apposita segnaletica ed effettuare controlli e monitoraggi continui, a fronte di una minore bigliettazione, rappresenta certamente un sforzo importante da parte della Ferrovia Circumetnea, ente che gestisce la metropolitana. Ma è giusto così: bisogna scoraggiare il più possibile l’uso dell’auto privata, per evitare congestione e inquinamento e salvaguardare la qualità dell’ambiente urbano, e offrire un valido supporto al servizio dei bus urbani dell’Amt, già in difficoltà a causa delle ridotte capacità dei mezzi a fronte di una domanda di trasporto ancora importante.

Non sarà, in ogni caso, un ritorno alla normalità: dovranno essere rispettate tutte le regole di contingentamento e distanziamento sociale imposte dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. La capacità di ogni convoglio, che normalmente è di 442 passeggeri, sarà limitata a poche decine di unità: solo 36 posti a sedere in tutto il treno (come mostra la foto in copertina, adesivi indicheranno dove non sarà consentito sedersi) a cui si aggiungeranno quasi altrettanti posti in piedi: 66 posti la capienza totale.

Per accedere sarà obbligatorio indossare mascherine, mentre l’impiego di guanti sarà raccomandato. I flussi di passeggeri saranno separati in entrata e in uscita, secondo un piano di utilizzo esclusivo di alcuni varchi e delle rampe di accesso alle stazioni, come da segnaletica in loco. In banchina, speciali indicazioni sul pavimento indicheranno all’utenza dove attendere il treno, per evitare assembramenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La frequenza sarà limitata a corse ogni 15 minuti in prima fascia oraria (sino alle 15:00) e ogni 20 minuti in quella pomeridiana, con orario di esercizio ridotto e rimodulato dalle 6:40 alle 21, orario dell’ultima corsa in partenza da Stesicoro. Qualora si rendesse necessario, in base all’affluenza, sarà possibile migliorare la frequenza in tempo reale, a fronte di un’eventuale domanda non soddisfatta dalla turnazione iniziale prevista.
Torna, infine, la chiusura nei giorni festivi.

Per tornare alle scene che erano divenute una piacevole consuetudine, cioè quella di una metro affollata e aperta tutti i giorni in orari più ampi e con migliori frequenze, bisognerà, con ogni probabilità, aspettare settembre e la riapertura di scuole e Università. Sperando che, nel frattempo, l’emergenza sanitaria possa stabilizzarsi nella fase di “convivenza” con il coronavirus sotto controllo, in attesa del vaccino.


Ti potrebbero interessare:

 


aperturacataniacircumetneacoronaviruscovid19distanziamento socialeemergenzafase 2fceferrovia circumetnealineametrometropolitananesimariaperturasars-cov-2servizioStesicorotrasporto


Lascia un Commento

Ultimi commenti