09 gen 2018

VIDEO | Il brindisi de La Traviata corre sui binari della metropolitana di Catania


Simpatica e apprezzata sorpresa, durante la scorsa mattinata di martedì 9 gennaio, per i passeggeri di una particolarmente fortunata corsa della metropolitana di Catania, una delle circa centocinquanta che ogni giorno (festivi esclusi, per il momento), sono compiute nel sottosuolo del capoluogo etneo, tra il quartiere periferico di Nesima e il centralissimo Corso Sicilia.

Quando il treno si apprestava a giungere al capolinea Stesicoro, infatti, dopo aver superato la stazione Galatea e passando per Giovanni XXIII, ecco che un uomo, all’apparenza un controllore della metro, ha intonato a gran voce le prime parole del celebre brindisi verdiano tratto da “La traviata”, Libiamo ne’ lieti calici. Ma la sorpresa non è finita qui: a seguire, prima un passeggero, poi un altro… in tanti hanno proseguito cantando l’intero brano con eccezionale bravura, tra lo stupore degli altri presenti.

Gli autori del divertente flashmob non erano, infatti, improvvisati cantanti: bensì nientepopodimeno che alcuni dei membri del Coro del Teatro Massimo “Vincenzo Bellini” di Catania, una delle istituzioni musicali più prestigiose d’Italia e vanto della città. Il veloce (in tutti i sensi) evento si è concluso in banchina, nella stazione Stesicoro, tra gli applausi degli avventori, non prima di un “bis” con il celebre “Va, pensiero” dal Nabucco.

Le parole di Salvo Fresta, tenore che ha partecipato all’iniziativa di buon grado: «Per me un’occasione di grande divertimento che di sicuro non si discosta dal fare arte. In questo caso la tradizione operistica italiana scende tra la gente mettendosi a stretto contatto anche con chi non frequenta il teatro. Una buona occasione per promuovere la nostra stagione e mettere in evidenza un’importante istituzione catanese come il Teatro Bellini. Attività del genere fanno bene alla città e ai cittadini!»

Gerry Lanzafame, anche lui tenore, non nasconde il proprio entusiasmo: «Penso che la musica sia il più grande patrimonio dell’umanità e per l’umanità. La musica mette in relazione, crea relazioni. Oggi è stata un’esperienza divertente grazie alla sinergia di due istituzioni molto differenti, entrambe fiore all’occhiello di questa città che non riesco a smettere di amare. In una grigia ed ordinaria giornata abbiamo regalato sorrisi a chi con sorpresa ci ha ascoltato. Mi sembra uno dei poteri più straordinari della musica. Eccezionale l’accoglienza di tutto il personale della metropolitana, come sempre perfettamente organizzata».

Ecco il video del flashmob lirico:

L’esibizione canora, comunque, non sarebbe stata fine a se stessa. Pare sia allo studio, infatti, un’originale convenzione tra l’Ente Lirico e la Metropolitana di Catania per proporre ai cittadini un abbonamento unico al Teatro Massimo e alla metropolitana, per di più a prezzi scontati.

Non è la prima volta che la metropolitana di Catania è teatro di flashmob in chiave musicale. Già durante le scorse festività natalizie il coro a cappella catanese Doulce Mémoire aveva intonato canti a tema in banchina e al piano mezzanino ovest della stazione Stesicoro, tra la sorpresa e i sorrisi di tanti utenti metropolitani. Siamo certi che non sarà neanche l’ultima volta.


Ti potrebbero interessare:

 


brindisicataniacorodoulce mémoireflashmobflashmob in metropolitanagiuseppe verdilibiamolibiamo ne' lieti calicimetrometropolitanametropolitana di cataniamobilita cataniamobilita.orgteatro massimoteatro massimo cataniateatro massimo vincenzo bellinitraviataverdi


Lascia un Commento