25 mag 2015

Bike Sharing Porto-Playa, già sei mesi di ritardo sull’apertura prevista


A inizio dicembre dello scorso anno il commissario dell’Ente Portuale Cosimo Indaco annunciava: “Vorremmo fare un regalo ai catanesi: le biciclette elettriche entro Natale”. Ed effettivamente fecero la loro comparsa le stazioni di ricarica (qui l’articolo di MeridioNews datato 9 dicembre 2014).

Nonostante l’iniziativa in sé senza dubbio felice, le perplessità emerse furono tante: in primis quella di mettere in opera un servizio di bike sharing in un asse viario privo di piste o corsie ciclabili e in cui l’unico percorso sicuro che esiste, ovvero all’interno del Porto, è privo di continuità con la Playa e il resto della città.

Solo immaginare un turista o un semplice cittadino che, dopo aver preso una bici in Piazza Paolo Borsellino (ex Alcalà), si avventurava per via Domenico Tempio, raggiungeva la zona del Faro e lì arrivava alla pista ciclabile della Playa con tutti i rischi per la propria incolumità che questo comporta, metteva semplicemente i brividi.

Lazienda che si è occupata dell’installazione delle colonnine di ricaricaEcospazio di Trento, ha completato i lavori, ma di bici neanche l’ombra.

Oggi, dopo quasi 6 mesi dall’annuncio, è cambiato qualcosa? Lasciamo parlare le immagini.

 

Stazione bike sharing in Piazza Paolo Borsellino

 

Colonnine vuote

 

Se i motivi del mancato inizio del servizio sono da ricercare nell’intento di approntare, contestualmente, percorsi o servizi appannaggio della sicurezza dei ciclisti, il ritardo potrebbe anche essere accetto. Tuttavia mancano informazioni al riguardo e alla data inizialmente prevista, quella del Natale del 2014, certamente le criticità sarebbero state non poche.

In attesa di scoprire le ragioni del ritardo, le perplessità aumentano se si ricordano gli altri progetti di mobilità sostenibile abbandonati o snaturati, come le biciclette nelle scuole o, più recentemente, il progetto Pedibus.

 


autorità portualebike sharingcataniaciclabilitàmobilita cataniamobilità ciclisticamobilità sostenibileporto


Lascia un Commento

Ultimi commenti