14 giu 2021

Piazza Dante, rimosso il murales sul muro di cinta del Monastero dei Benedettini


«Restituiamo la storica piazza Dante, in buona parte pedonalizzata, alla sua originaria destinazione di luogo simbolo di Catania: tornerà meta di turisti, eliminando il parcheggio abusivo, arredandola con panchine e rimuovendo le scritte dai muri del monastero dei Benedettini. Una pagina edificante perché abbiamo messo insieme tante componenti, compresi i tifosi del Calcio Catania che in questa piazza da sempre hanno un punto di ritrovo, per un coerente rispetto delle regole nell’interesse della Città di Catania che spetta a ciascuno di noi».

Lo ha detto il sindaco Salvo Pogliese recatosi in piazza Dante, insieme all’assessore allo Sport Sergio Parisi, per assistere ai lavori di riqualificazione da parte degli operatori comunali e della Catania Multiservizi, disposti dall’Amministrazione Comunale per la rimozione di scritte e disegni realizzate parecchi anni addietro sui muri esterni del complesso monumentale del Monastero dei Benedettini.

All’iniziativa hanno presenziato una rappresentanza dei gruppi del tifo organizzato del Calcio Catania, la madre e il fratello di Fabrizio Lo Presti, il giovanissimo “ultrà” morto vent’anni addietro, per incidente stradale, durante una trasferta a L’Aquila per seguire una partita della squadra rossazzurra. Per ricordarne la memoria, al posto del murales si installerà una targa commemorativa.

Il sindaco Pogliese ha anche voluto ricordare la proficua collaborazione istituzionale con la soprintendente Donatella Aprile e il manager dell’azienda ospedaliera Policlinico, il quale ha autorizzato l’utilizzo della panchine del dismesso presidio ospedaliero Santo Bambino da riutilizzare in quest’area di piazza Dante.

Foto di copertina di Roberto Viglianisi


benedettinicataniafabriziofabrizio viveMonastero dei BenedettinimuralespedonalizzazionePiazza Danterestauro

Un commento per “Piazza Dante, rimosso il murales sul muro di cinta del Monastero dei Benedettini
  • Orazio 48
    15 giu 2021 alle 23:24

    Timidi tentativi di riprendere in mano una città per troppo tempo fuori controllo. Al di là del rispetto dovuto per la giovane vita spezzata a suo tempo prematuramente.


Lascia un Commento

Ultimi commenti